Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
I Fenici  
I Fenici erano un popolo semita che parlava una lingua affine a quella degli arabi ed ebrei.  “ Fenici” è il nome attribui...
Questo popolo era stanziato dove  attualmente c’è il Libano; aveva  quindi uno sbocco sul mare in  un’ottima posizione del...
Il destino dei Fenici appare segnato da queste condizioni ambientali: la presenza del mare, unito alla grande disponibilit...
La decadenza di questo popolo è dovuta alla comparsa dei cosiddetti “popoli del mare” attorno al 1100 a.C. che si insediar...
Ricostruiamo quindi la storia riguardante ogni singola città
<ul><li>Ripetiamo che i Fenici non hanno mai basato il loro potere su uno stato unitario, ma su un territorio governato da...
Biblo :  Si trova nei pressi dell’attuale Beirut, ed era uno dei maggiori centri economici della fenicia.  Aveva un  impor...
<ul><li>Attorno al 2300-2200 a.C. anche Biblo, come molte città  della Fenicia, venne distrutta.  </li></ul><ul><li>  tem...
<ul><li>Sidone : </li></ul><ul><li>Era situata vicino ad un area portuale, riparata da un  </li></ul><ul><li>promontorio e...
Una parte della città di Sidone. Oggi l’acropoli della città fenicia conserva resti della seconda metà del II millennio a....
Tiro :  Le prime notizie certe risalgono circa al  I millennio a.C.  ed  ebbe inizio con la fine della potenza di Sidone. ...
Possiamo quindi dedurre che i Fenici erano un popolo di navigatori e di mercanti.
Il commercio <ul><li>Esportazione di: </li></ul><ul><li>Legname </li></ul><ul><li>Prodotti artigianali </li></ul><ul><li>(...
La porpora I fenici erano i più bravi nella tintura di stoffe ed erano famosi per il color porpora che veniva ricavato dal...
La navigazione I fenici costruivano navi resistenti e agili che avevano sia una vela quadrata sia i rematori. Erano di for...
Vasi allungati che venivano incastrati nei sassi Sassi sul fondo che mantenevano la stabilità della nave UNICA VELA QUADRA...
Nave fenicia
Dopo la caduta dei “popoli del mare” i fenici divennero la massima potenza commerciale del mediterraneo. L’ espansione com...
http://www.mediterranean-yachting.com/Storia-5.htm
L’alfabeto fenicio Le necessità pratiche di commercio spinsero i fenici, nel 1050 a.C., a cercare un sistema di scrittura ...
Alfabeto fenicio  Testo fenicio
La religione <ul><li>Ogni città fenicia ebbe le proprie divinità, </li></ul><ul><li>dai nomi diversi ma dalle caratteristi...
L’arte  <ul><li>Di questa grande civiltà restano ben poche tracce: il tempo e gli uomini hanno cancellato quelle che certa...
L’architettura <ul><li>A cominciare dall’architettura essa è caratterizzata principalmente dalla statuaria e dalle stele, ...
La società <ul><li>Delle città fenice si sa poco, in quanto come abbiamo detto prima, per la maggior parte, sono andate di...
Le città fenicie erano numerose, tutte vivevano separate tra loro.  Erano tutte difese molto bene: isolate dal mare e cont...
<ul><li>L’inizio dei fenici  </li></ul><ul><li>risale agli anni 1500 a.C. </li></ul><ul><li>850 a.C </li></ul><ul><li>iniz...
<ul><li>I creatori di questa Slide riguardante  </li></ul><ul><li>i Fenici: </li></ul><ul><li>Liverani Giorgia </li></ul><...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Presentazione Storia Dei Fenici[1]

9,086 views

Published on

  • Be the first to like this

Presentazione Storia Dei Fenici[1]

  1. 1. I Fenici  
  2. 2. I Fenici erano un popolo semita che parlava una lingua affine a quella degli arabi ed ebrei. “ Fenici” è il nome attribuito dai greci a questo popolo: “foinix” in greco significa “porpora”, e venivano chiamati così per la fiorente lavorazione della porpora rossa ricavata dai molluschi di mare che serviva per tingere di rosso cupo i tessuti come il lino. Essi chiamavano se stessi Cananei e Canaan il loro paese. Gli studiosi hanno potuto avere fonti dirette dei fenici basandosi sulle opere di scrittori come Omero. Erano una popolazione nata intorno 1500 a.C. e si presume che essa abbia dato origine a moltissime civiltà del Mediterraneo.
  3. 3. Questo popolo era stanziato dove attualmente c’è il Libano; aveva quindi uno sbocco sul mare in un’ottima posizione del Mediterraneo. Erano protetti dal mare ed erano ricchi di materie prime come il legno, la porpora, ecc. La terra di Canaan era ricca di insenature e di porti naturali, ma poco fertile essendo una stretta striscia chiusa tra il mare e le montagne.
  4. 4. Il destino dei Fenici appare segnato da queste condizioni ambientali: la presenza del mare, unito alla grande disponibilità di legname fornito dalle montagne particolarmente adatto alla costruzione di navi, spinse questo popolo alla navigazione e al commercio. Si distinsero anche nella pesca e nella lavorazione del vetro.
  5. 5. La decadenza di questo popolo è dovuta alla comparsa dei cosiddetti “popoli del mare” attorno al 1100 a.C. che si insediarono nelle sue terre, prendendo il controllo commerciale e bloccando così i traffici tra le popolazioni egiziane e mesopotamiche. Anche Sidone subì un’aggressione molto grave, ma riuscì a riprendersi.Tutte le città come Sidone,Biblo, Berito diventarono citta-stato. Ognuna era indipendente e governata da un proprio re. Dai documenti egiziani con cui commerciavano, possiamo capire che le città fenicie erano sempre in rivalità tra di loro.
  6. 6. Ricostruiamo quindi la storia riguardante ogni singola città
  7. 7. <ul><li>Ripetiamo che i Fenici non hanno mai basato il loro potere su uno stato unitario, ma su un territorio governato da città-stato quali: Biblo, Tiro e Sidone. Queste città erano indipendenti fra loro, spesso rivali, e quindi non avevano un potere tale da riuscire a difendere il territorio dagli attacchi nemici. </li></ul>
  8. 8. Biblo : Si trova nei pressi dell’attuale Beirut, ed era uno dei maggiori centri economici della fenicia. Aveva un importante porto dal quale esportava cedro, tessuti e filati pregiati per l’Egitto. Un altro materiale esportato era il papiro , dal quale i greci diedero il nome alla città (byblos). La città era servita da due porti ed era protetta da una possente cinta muraria al cui interno sorge un ampio quartiere di abitazione. Il legame con l'Egitto si fece più stretto nel II millennio AC quando, per lunghi periodi, fu sottoposta direttamente al controllo egizio, diventando un luogo privilegiato di scambi economici,politici e culturali.
  9. 9. <ul><li>Attorno al 2300-2200 a.C. anche Biblo, come molte città della Fenicia, venne distrutta. </li></ul><ul><li> tempio di Baalat </li></ul><ul><li>città di Biblo  </li></ul>
  10. 10. <ul><li>Sidone : </li></ul><ul><li>Era situata vicino ad un area portuale, riparata da un </li></ul><ul><li>promontorio ed era un importante centro mercantile. </li></ul><ul><li>Raggiunse il massimo della sua potenza tra il 1500 e </li></ul><ul><li>il 1100 a.C . approfittando del crollo della potenza </li></ul><ul><li>marittima cretese. Anche quando fu sotto il dominio </li></ul><ul><li>egiziano, Sidone riuscì comunque a conservare il </li></ul><ul><li>proprio re, una propria flotta e completa libertà di </li></ul><ul><li>commercio. La sua potenza fu così grande che anche </li></ul><ul><li>Omero nelle sue opere chiamava Sidonii tutti i Fenici. </li></ul><ul><li>Fondò numerose colonie in tutto il Mediterraneo </li></ul><ul><li>orientale, la sua potenza fu abbattuta da uno dei </li></ul><ul><li>popoli del mare, i Filistei che abitavano le coste della </li></ul><ul><li>Palestina. </li></ul>
  11. 11. Una parte della città di Sidone. Oggi l’acropoli della città fenicia conserva resti della seconda metà del II millennio a.C. e resti di costruzioni ellenistico-romane.
  12. 12. Tiro : Le prime notizie certe risalgono circa al I millennio a.C. ed ebbe inizio con la fine della potenza di Sidone. Per evitare rivalità nel mar Mediterraneo fondò molte colonie , arrivando fino al Mare del Nord e verso sud fino a Capo Verde. Aiutata dalla favorevole posizione geografica, prosperò grazie al commercio del vetro, del legno di cedro e soprattutto della porpora La potenza di Tiro fu abbattuta dagli Assiri, dai Babilonesi e in fine dai Persiani. Era circondata da una poderosa muraglia; comprendeva due porti: a nord il Sidonio e a sul l’egiziano.  
  13. 13. Possiamo quindi dedurre che i Fenici erano un popolo di navigatori e di mercanti.
  14. 14. Il commercio <ul><li>Esportazione di: </li></ul><ul><li>Legname </li></ul><ul><li>Prodotti artigianali </li></ul><ul><li>(Gioielli d’ oro, oggetti di bronzo, intagli d’avorio) </li></ul>Cedri Vasi
  15. 15. La porpora I fenici erano i più bravi nella tintura di stoffe ed erano famosi per il color porpora che veniva ricavato dalla lavorazione di un particolare mollusco che vive nei fondali del meditteraneo; la città di Tiro era la prima produttrice di capi color porpora. http://www.silab.it/storia/?pageurl=08-i-fenici-e-la-porpora Murice: particolare mollusco utilizzato per il color porpora
  16. 16. La navigazione I fenici costruivano navi resistenti e agili che avevano sia una vela quadrata sia i rematori. Erano di forma allungata e avevano una stiva molto spaziosa. Ad ogni approdo venivano riparate e cosparse di bitume per la tenuta stagna. Libro di storia
  17. 17. Vasi allungati che venivano incastrati nei sassi Sassi sul fondo che mantenevano la stabilità della nave UNICA VELA QUADRATA UTILE IN CASO DI VENTO FAVOREVOLE
  18. 18. Nave fenicia
  19. 19. Dopo la caduta dei “popoli del mare” i fenici divennero la massima potenza commerciale del mediterraneo. L’ espansione cominciò nel IX sec. E continuò nel VIII sec.. Le mete commerciali divennero pian piano sempre più lontane: dall’ Egitto al mar Egeo, a Malta, alla Sardegna, tutta la costa settentrionale dell’ africa fino ad oltre lo stretto di Gibilterra (Cadice, Tarsis). La più importante colonia fenicia è Cartagine che venne sconfitta dai Romani nel 146 a.C.. “ L’ Enciclopedia” di Repubblica
  20. 20. http://www.mediterranean-yachting.com/Storia-5.htm
  21. 21. L’alfabeto fenicio Le necessità pratiche di commercio spinsero i fenici, nel 1050 a.C., a cercare un sistema di scrittura semplice. Così elaborarono un “alfabeto” , formato da 22 suoni riproducibili dalle nostre corde vocali, trascritti con linee semplici e facili da ricordare. Esso era essenzialmente “consonantico”, cioè composto solamente da consonanti. Più tardi furono i Greci a inserire le vocali, e i Romani la perfezionarono scrivendolo in modo più facile. Questo alfabeto divenne uno dei maggiori sistemi di scrittura, diffuso dai più grossi commercianti fenici attraverso Europa e Medio Oriente.
  22. 22. Alfabeto fenicio Testo fenicio
  23. 23. La religione <ul><li>Ogni città fenicia ebbe le proprie divinità, </li></ul><ul><li>dai nomi diversi ma dalle caratteristiche simili. </li></ul><ul><li>Le divinità femminili più importanti furono: </li></ul><ul><li>ASTERTE, dea guerriera e della fertilità, </li></ul><ul><li>e TANIT, dea anch’essa della fertilità </li></ul><ul><li>ma anche dell’amore e del piacere, </li></ul><ul><li>ed era associata alla buona fortuna. </li></ul><ul><li>Viaggiando le religioni si sovrapposero </li></ul><ul><li>formandone una nuova. </li></ul><ul><li>Questo fenomeno venne chiamato </li></ul><ul><li>dagli studiosi “SINCRETISMO RELIGIOSO”. </li></ul><ul><li>L’approccio alla religione da parte dei </li></ul><ul><li>Fenici era più ritualistico che mitologico. </li></ul>
  24. 24. L’arte <ul><li>Di questa grande civiltà restano ben poche tracce: il tempo e gli uomini hanno cancellato quelle che certamente erano le grandiose città fenicie e così nulla a noi è arrivato dei loro palazzi e templi. Però negli ultimi anni nuove ricerche archeologiche hanno resto possibile il recupero di resti che ci hanno permesso di </li></ul><ul><li>ricostruire la struttura </li></ul><ul><li>architettonica e </li></ul><ul><li>urbanistica delle </li></ul><ul><li>città fenicie. </li></ul>
  25. 25. L’architettura <ul><li>A cominciare dall’architettura essa è caratterizzata principalmente dalla statuaria e dalle stele, in cui è presente l’impronta dell’arte egiziana. </li></ul><ul><li>Notevoli sono anche i sarcofagi e le figurine di terracotta, ma una tipica produzione fenicia sono le maschere, di una ricchezza davvero eccezionale: la loro utilizzazione era inanzitutto funeraria ed esse servivano ad allontanare, con la loro espressione di smorfia, o a conciliare, con il sorriso, gli spiriti maligni. </li></ul>
  26. 26. La società <ul><li>Delle città fenice si sa poco, in quanto come abbiamo detto prima, per la maggior parte, sono andate distrutte. È comunque possibile ricostruirne un modello: </li></ul><ul><li>a capo di tutti c’era un re che regnava incontrastato; </li></ul><ul><li>esisteva anche un’Assemblea del Popolo; </li></ul><ul><li>esisteva anche una casta sacerdotale, articolata su precisi simboli e riti; </li></ul><ul><li>la grande attività commerciale, inoltre, favoriva la presenza di una classe borghese che spesso aveva influenza sulla scena politica; </li></ul><ul><li>la ricchezza era data, non dalla proprietà terriera, ma dalle attività economiche; </li></ul>
  27. 27. Le città fenicie erano numerose, tutte vivevano separate tra loro. Erano tutte difese molto bene: isolate dal mare e contornate da possenti mura. Resti di mura
  28. 28. <ul><li>L’inizio dei fenici </li></ul><ul><li>risale agli anni 1500 a.C. </li></ul><ul><li>850 a.C </li></ul><ul><li>inizio decadenza 527 a.C </li></ul><ul><li>. Inizio delle sottomissioni dei Persiani </li></ul><ul><li>1050 a.C. </li></ul><ul><li>nasce l’alfabeto </li></ul><ul><li>146 a.C. </li></ul><ul><li>1100 a.C. Fine dei Fenici, arrivo dei “popoli del mare” diventati interamente </li></ul><ul><li>dominio romano </li></ul><ul><li>1200 a.C. </li></ul><ul><li>espansione nel Mediterraneo </li></ul>
  29. 29. <ul><li>I creatori di questa Slide riguardante </li></ul><ul><li>i Fenici: </li></ul><ul><li>Liverani Giorgia </li></ul><ul><li>Liverani Linda </li></ul><ul><li>Malpezzi Paolo </li></ul><ul><li>Morsiani Annalisa </li></ul>

×