Facce da Milan-IN

1,703 views

Published on

Milan-IN Faces: The Team of Pier Carlo Pozzati, 2007 year elections in Business Club Milan-IN

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Facce da Milan-IN

  1. 1. ROBERTO MASTROPASQUA… …Ti invita a fare Buon Networking <ul><li>Rafforzamento ed ampliamento degli strumenti di networking di MilanIN </li></ul><ul><li>Organizzazione e sviluppo delle idee proposte dai soci </li></ul><ul><li>Rafforzamento delle attività off-line </li></ul><ul><li>Maggior partecipazione dei soci </li></ul>Sarà mia cura raccogliere quelle che c'è di buono nel programma di ognuno ed adoperarmi per la sua realizzazione per intero. Cose molto pratiche come il luogo d'incontro per i Soci, lo sviluppo del Club, l'incremento delle opportunità di network reale e di business; così come delle cose più “alte” quali la trasparenza e la democrazia (anche se sul MilanIN sono parole un po' troppo abusate).
  2. 2. PAOLA DE VECCHI… … il Networking pulito <ul><li>MilanINcontri - Incontri periodici a tema </li></ul><ul><li>MilanINuniversità - Tesi di laurea in materie scientifiche, umanistiche, sociologiche </li></ul><ul><li>MilanINterni - restyling degli strumenti di groupware </li></ul>Credo che innanzi tutto sia importante condividere il concetto di MilanIN come di un’associazione senza fini di lucro, un social-network composto da business-man. In quest’ottica, MilanIN ha il compito di “facilitare” incontri, stimolare relazioni tra i soci, generare contatti. In ultima analisi, MilanIN ha l’obiettivo di supportare la generazione di valore
  3. 3. ANDREA BOARETTO… …Crede in Milan IN <ul><li>Supportare a livello manageriale la crescita consapevole mantenendo saldi lo spirito ed i valori fondanti, per rappresentare un centro rilevante nel panorama milanese, italiano e internazionale. </li></ul>Ho creduto molto fin da subito in MilanIn tanto che l'ho citato come caso di successo di social networking nel mio libro &quot;Marketing Reloaded&quot;, ancora quando il numero di soci era inferiore a mille. Non ho nessuna ambizione di potere e comunque vadano le elezioni continuerò nel mio piccolo a supportare il Club, a meno che non si perdano i valori fondanti e lo spirito di amicizia e di aiuto reciproco che ho apprezzato fin da subito.
  4. 4. LEONARDO BELLINI… … sta con le persone di Milanin <ul><li>Migliorare l' integrazione e la correlazione tra online e offline </li></ul><ul><li>Creazione ed esplorazione di nuovi canali, come la TV </li></ul><ul><li>Rivedere e razionalizzare il format degli incontri, creare occasioni più specifiche e mirate </li></ul><ul><li>Allargare le frontiere e favorire l'iscrizione e la partecipazione al Club di persone provenienti da altri paesi e culture </li></ul>Dalla lettera a Babbo Natale di Leo: …Ecco, a me piacerebbe continuare ad andare nella Casetta di Pier, Silvia, Andrey, Massimo, senza pensare che quel clima di entusiasmo e di passione, fatto di impegno e dedizione, si sia perso a causa di interessi da grandi che poco hanno a che fare con lo spirito iniziale. Spero che sotto l'albero mi farai trovare una casetta di legno, nuova fiammante, robusta e più solida di prima, con una targhetta sopra la porta, con sopra scritto MILAN In. Ciao, e attento con quella slitta e con quelle renne :-).
  5. 5. MASSIMO BREMBILLA… … The LinkedIn MAN <ul><li>Continuare ad essere &quot;utenti di linkedIN“ </li></ul><ul><li>Sviluppo Territoriale </li></ul><ul><li>Sviluppare meglio i Format </li></ul><ul><li>Migliorare le procedure </li></ul><ul><li>Creare Valore </li></ul>La più grande soddisfazione? è arrivata questa estate, ho avuto l'onore di preparare e concludere l'accordo tra MilanIN e LinkedIN , Massimo Brembilla-MilanIN e Liz O'Donnell-Director international @ LinkedIN. E LinkedIN ha creduto e crede in noi, nella nostra forza, nell'utilità dell'off-line in Italia, e ce lo sta dimostrando con più azioni.
  6. 6. SEAN CARLOS… …Accende il tuo Networking <ul><li>Valutare il Gradimento dei Soci </li></ul><ul><li>Migliorare il Sistema Informativo </li></ul>Quando penso alle serate di “presenta te stesso”, penso anche alla varietà di professioni ed esperienze che abbiamo potuto conoscere più da vicino. Penso inoltre all'accoglienza data alle donne in un paese che rimane fortemente maschilista; agli stranieri dell`est e dell'ovest. Un clima open nei fatti. Un ambiente predisposto al business networking. Oh, by the way, se avete resistito fino a qui, spero che abbiate colto il senso di mio intervento, e magari, desideriate votare anche per me, sabato 24 novembre .
  7. 7. ANDREY GOLUB… … ha stretto a tutti la mano <ul><li>Un Club 2.0, per non perdere le nostre Radici </li></ul><ul><li>Incarichi VERI a Milan IN </li></ul><ul><li>Milan IN come una META Rete </li></ul>Oggi una delle direzioni piu` interessanti per i lavoro di Ricerca e Sviluppo per questo progetto sono gli studi delle piattaforma di Social Middle-ware come quella di OpenSocial di Google o Facebook…Ho in mente anche un progetto di integrazione logica (non fisica!) con il progetto piu` fresco del mondo Web 2.0- Spock.com, che e` un &quot;Global Who's Who 2.0
  8. 8. SILVIA LENICH… …ci conosce tutti per nome <ul><li>Introduzione delle serate ‘esperienze a confronto ’ </li></ul><ul><li>Incremento degli eventi di tipo gratuito, sponsorizzati da partner esterni </li></ul><ul><li>Introduzione delle serate di libero networking </li></ul><ul><li>Incremento dell’offerta di eventi legati al mondo della Cultura </li></ul>Penso che l' Individuo (e le sue relazioni) è e debba essere al centro di tutto .Ed insieme a tante persone con lo stesso desiderio di creare qualcosa di nuovo che hanno collaborato a questo progetto ho contribuito a costruire quello che oggi è Milan IN.   Abbiamo lavorato tantissimo, perchè credevamo veramente in questo progetto, ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti.
  9. 9. ALESSANDRO MORELLI… …Accende Milan IN <ul><li>Rendere accessibile il mondo &quot;social&quot; di MilanIN, non solo on line (web) e offline (serate del lunedi') ma anche in modalita' &quot;mobile&quot;. </li></ul>Grazie ad un servizio accettato e utilizzato da tutti (il cellulare) e' possibile ottenere un vantaggio collettivo grazie alla recente liberalizzazione del settore, che sta portando e portera' sempre piu' benefici. Il benchmark per tale attivita' e' il mondo Inglese che beneificia di queste opportunita' da piu' di 10 anni. Con me Milan In sarà più Mobile!
  10. 10. PIERO REFOLO… … non ha perso un Presenta Te Stesso <ul><li>Crescita internazionale del Club </li></ul><ul><li>Espansione della sfera di influenza del club </li></ul><ul><li>Organizzatore e normare di più e meglio </li></ul>Ho conosciuto un gruppo di persone aperto, animate &quot;da un sano spirito del fare“ Vorrei che MilanIN continuasse a muoversi con lo stesso spirito, seppure tenendo presenti le legittime aspirazioni di crescita a cui il club ha dimostrato meritare di poter ambire.
  11. 11. LUCA ZAMBRELLI… …è in movimento per MilanIN … . CONSOLIDARE … . CRESCERE … . SPERIMENTARE Quando a 26 anni circa mi proposero di aprire una azienda a Milano la mia prima affermazione fu: &quot;...uhm, ma io a Milano non ci lavoro da almeno 3 anni! non conosco nessuno. Come posso pensare a prospects, budget, dipendenti, partner, sinergie... Milano è una città chiusa. Non sono il figlio di nessuno di importante, di famoso o a cui qualcuno deve un favore.&quot;. Avevo tanta energia. Tanta voglia di fare. Di dimostrare che potevo riuscire. Quando ho conosciuto MILANIN  mi sono detto &quot;... se fosse esistito sette anni fa, non avrei mai proferito quella affermazione.
  12. 12. Pier Carlo Pozzati… …guarda i soci negli occhi <ul><li>Lavorare </li></ul><ul><li>Per </li></ul><ul><li>Milan IN </li></ul>Amo Milan IN. Lo amo come fosse un figlio anche se so che non lo è. E’ un figlio voluto, pensato, cresciuto, scalpitante, pieno di energie. Un figlio che sta crescendo in fretta come tutti i figli… che presto diventerà adulto… Oggi è ancora adolescente…. METTITI LA SCIARPA MILAN IN…. Che fa freddo! E guardati dalle cattive compagnie! ;)

×