Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Smart Local Utility for Rural Project
Suggerimenti, Proposte, Prototipi, Conferme, Diffusione
per uno sviluppo locale che ...
Cosa è Slurp?
SLURP è la strategia di Sviluppo Locale che mette al centro le
persone e le loro comunità distribuite sul te...
Da dove nasce?
Nasce dalla volontà di aggregazione del Gruppo di Azione
Locale Le Macine, costituito nel 1998, con una lun...
Come lo realizziamo?
lo realizziamo partecipando al bando del PSR Basilicata
Sottomisura Misura 19.1
Avviso Pubblico per l...
Cosa chiede il bando?
In breve il bando richiede ai territori di ascoltarsi e capirsi per:
(1)
Presentare una Strategia
di...
Territorio di applicazione
Intero territorio regionale, eccetto comuni capoluogo, comuni
interamente costieri e territori ...
Territorio di applicazione
La	scelta	dell’area	
Aree	interne	selezionate
Territorio di applicazione
La	scelta	dell’area	
Classificazione	del	territorio
Territorio di applicazione
La	scelta	dell’area
Aree GAL 2007/2013
Matera
Irsina
Melfi
Pisticci
Tursi
Lauria
Tolve
Stigliano
Venosa
Potenza
Ferrandina
Bella
Tito
Tricaric...
Aree GAL 2014/2020
Matera
Irsina
Melfi
Pisticci
Tursi
Lauria
Tolve
Stigliano
Venosa
Potenza
Ferrandina
Bella
Tito
Tricaric...
Dati statistici pop. residente
Irsina
Stigliano
Ferrandina
Tricarico
Anzi
Aliano
Abriola
Calvello
Craco
Accettura
Salandra...
Dati statistici indice vecchiaia
Dati statistici occupati
480
725
447
386
516
240
269
288
635
315
120
217
2688
360
393
1586
1635
643
197
376
914
548
1651
1...
Dati statistici occupati agricoltura
99
184
48
102
61
35
50
63
122
16
49
79
218
79
122
147
240
92
59
86
105
146
280
278
27...
Dati statistici dipendenza non attivi
57.50%
60.97%
44.63%
74.39%
54.04%
49.83%
63.92%
64.27%
57.86%
55.66%
58.22%
64.82%
...
Dati statistici spopolamento
Temi Strategici
Al fine di garantire efficacia ed efficienza delle azioni proposte, il bando richiede
una necessaria armon...
Tema 1 - sistemi produttivi locali
Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali
(agro-alimentari, ...
Tema 2 - valorizzazione risorse naturali
La valorizzazione del trinomio
ambiente-territorio-paesaggio,
inteso quale princi...
Tema 3 - ...
Risultato dell’ascolto
e delle attitudini delle comunità
e del territorio
Soggetti beneficiari
Partenariati pubblico-privati
composti da almeno n. 6 partner, di cui almeno la metà privati,
con un ...
Condizioni di ammissibilità
Alla data di presentazione della SSL:
(1)
tutti i partner del Soggetto Proponente
devono risul...
Cronoprogramma
teniamoci in contatto ;)
www.lemacine.com
facebook.com/basilicataslurp
twitter.com/basilicataslurp
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Slurp: la proposta di strategia di sviluppo locale 2014/2020

3,223 views

Published on

IL soggetto aggregante "le Macine" presenta SLURP: la strategia di Sviluppo Locale che mette al centro le persone e le loro comunità distribuite sul territorio con le sue peculiarità,
valorizzandone i punti di forza e cercando delle vie per trasformare i punti di debolezza in reali opportunità.

SLURP, nel gergo dei fumetti è espressione di
gusto, bellezza, soddisfazione.

Nel nostro caso è anche un acronimo che racchiude la visione in cui vorremmo voi vi riconosceste e che individua uno strumento, una “utility” per tutta la comunità ed a cui tutta la comunità potrà attingere: Smart Local Utility for Rural Project.

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Slurp: la proposta di strategia di sviluppo locale 2014/2020

  1. 1. Smart Local Utility for Rural Project Suggerimenti, Proposte, Prototipi, Conferme, Diffusione per uno sviluppo locale che risponda alle esigenze delle persone, dei territori, delle aziende per costruire futuro. Soggetto Aggregante
  2. 2. Cosa è Slurp? SLURP è la strategia di Sviluppo Locale che mette al centro le persone e le loro comunità distribuite sul territorio con le sue peculiarità, valorizzandone i punti di forza e cercando delle vie per trasformare i punti di debolezza in reali opportunità. SLURP, nel gergo dei fumetti è espressione di gusto, bellezza, soddisfazione. Nel nostro caso è anche un acronimo che racchiude la visione in cui vorremmo voi vi riconosceste e che individua uno strumento, una “utility” per tutta la comunità ed a cui tutta la comunità potrà attingere: Smart Local Utility for Rural Project.
  3. 3. Da dove nasce? Nasce dalla volontà di aggregazione del Gruppo di Azione Locale Le Macine, costituito nel 1998, con una lunga esperienza nell’universo LEADER, avendo gestito: LEADER II (Comuni della Collina Materana, Medio Basento, Dolomiti Lucane, Albano di Lucania e Campomaggiore): percentuale di attuazione 97% LEADER+ (Comuni della Collina Materana, Medio Basento): percentuale di attuazione 102% ASSE 4 LEADER (Comuni della Collina Materana, Medio Basento): percentuale di attuazione 87% la più alta registrata nel territorio della Basilicata
  4. 4. Come lo realizziamo? lo realizziamo partecipando al bando del PSR Basilicata Sottomisura Misura 19.1 Avviso Pubblico per la Selezione delle Strategie di Sviluppo Locale di Tipo Partecipativo.
  5. 5. Cosa chiede il bando? In breve il bando richiede ai territori di ascoltarsi e capirsi per: (1) Presentare una Strategia di Sviluppo Locale (SSL) integrata e multisettoriale in cui lavorino gomito a gomito soggetti pubblici e privati; (2) Aggregarsi in Gruppi di Azione Locale (GAL); (3) Elaborare dei Piani di Azione che dettagliano operativamente le STrategie di SViluppo Locale
  6. 6. Territorio di applicazione Intero territorio regionale, eccetto comuni capoluogo, comuni interamente costieri e territori nei comuni parzialmente costieri non interessati dall’ASSE 4 LEADER del PSR Basilicata 2007-2013. Nel nostro caso abbiamo selezionato, sulla base di:
  7. 7. Territorio di applicazione La scelta dell’area Aree interne selezionate
  8. 8. Territorio di applicazione La scelta dell’area Classificazione del territorio
  9. 9. Territorio di applicazione La scelta dell’area
  10. 10. Aree GAL 2007/2013 Matera Irsina Melfi Pisticci Tursi Lauria Tolve Stigliano Venosa Potenza Ferrandina Bella Tito Tricarico Lavello Anzi Aliano Banzi Grottole Atella Senise Bernalda Forenza Abriola Pomarico Calvello Craco Montescaglioso Viggianello San Fele Brienza Filiano Moliterno Ruoti Lagonegro Genzano di Lucania Rivello Viggiano Picerno Muro Lucano Accettura Avigliano Miglionico Montemilone Salandra Policoro Latronico Acerenza Maratea Laurenzana Pignola Rotondella Montalbano Jonico Armento Marsico Nuovo Colobraro Noepoli Pietragalla Sant'Arcangelo Nova Siri Terranova di Pollino Carbone Calciano Roccanova Corleto Perticara Balvano San Mauro Forte Paterno Pescopagano Maschito Rotonda Castelsaraceno Spinoso Barile San Chirico Raparo Grassano Grumento Nova Cancellara Trecchina Rapolla Tramutola Oppido Lucano Trivigno Vietri di Potenza Teana Fardella Pietrapertosa Montemurro Scanzano Jonico Valsinni Sarconi Garaguso Rapone Chiaromonte Brindisi MontagnaAlbano di Lucania Guardia Perticara Episcopia Baragiano San Severino Lucano Palazzo San Gervasio Gorgoglione Nemoli Marsicovetere Ripacandida Vaglio Basilicata Castelgrande Sasso di Castalda Francavilla in Sinni Gallicchio Cersosimo Castelmezzano Missanello San Martino d'Agri Ruvo del Monte Oliveto Lucano San Giorgio Lucano Calvera Savoia di Lucania Castronuovo di Sant'Andrea Satriano di Lucania Rionero in Vulture Cirigliano Ginestra San Paolo Albanese San Costantino Albanese Castelluccio Superiore Tricarico Rionero in Vulture Castelluccio Inferiore San Chirico Nuovo Chiaromonte Sant'Angelo le Fratte Atella Campomaggiore Noepoli San Martino d'Agri Chiaromonte Fardella Chiaromonte Fardella GAL 2007/2013 aree no leader Akiris Basento Camastra Bradanica CSR Marmo Melandro Cittadella del Sapere Cosvel Le Macine Vulture Alto Bradano
  11. 11. Aree GAL 2014/2020 Matera Irsina Melfi Pisticci Tursi Lauria Tolve Stigliano Venosa Potenza Ferrandina Bella Tito Tricarico Lavello Anzi Aliano Banzi Grottole Atella Senise Bernalda Forenza Abriola Pomarico Calvello Craco Montescaglioso Viggianello San Fele Brienza Filiano Moliterno Ruoti Lagonegro Genzano di Lucania Rivello Viggiano Picerno Muro Lucano Accettura Avigliano Miglionico Montemilone Salandra Policoro Latronico Acerenza Maratea Laurenzana Pignola Rotondella Montalbano Jonico Armento Marsico Nuovo Colobraro Noepoli Pietragalla Sant'Arcangelo Nova Siri Terranova di Pollino Carbone Calciano Roccanova Corleto Perticara Balvano San Mauro Forte Paterno Pescopagano Maschito Rotonda Castelsaraceno Spinoso Barile San Chirico Raparo Grassano Grumento Nova Cancellara Trecchina Rapolla Tramutola Oppido Lucano Trivigno Vietri di Potenza Teana Fardella Pietrapertosa Montemurro Scanzano Jonico Valsinni Sarconi Garaguso Rapone Chiaromonte Brindisi MontagnaAlbano di Lucania Guardia Perticara Episcopia Baragiano San Severino Lucano Palazzo San Gervasio Gorgoglione Nemoli Marsicovetere Ripacandida Vaglio Basilicata Castelgrande Sasso di Castalda Francavilla in Sinni Gallicchio Cersosimo Castelmezzano Missanello San Martino d'Agri Ruvo del Monte Oliveto Lucano San Giorgio Lucano Calvera Savoia di Lucania Castronuovo di Sant'Andrea Satriano di Lucania Rionero in Vulture Cirigliano Ginestra San Paolo Albanese San Costantino Albanese Castelluccio Superiore Tricarico Rionero in Vulture Castelluccio Inferiore San Chirico Nuovo Chiaromonte Sant'Angelo le Fratte Atella Campomaggiore Noepoli San Martino d'Agri Chiaromonte Fardella Chiaromonte Fardella La Nostra Visione Territoriale
  12. 12. Dati statistici pop. residente Irsina Stigliano Ferrandina Tricarico Anzi Aliano Abriola Calvello Craco Accettura Salandra Laurenzana Calciano San Mauro Forte Pietrapertosa Grassano Garaguso Brindisi Montagna Trivigno Albano di Lucania Castelmezzano Tricarico Gorgoglione Oliveto Lucano Cirigliano Campomaggiore popolazione residente confini comunaligal 4 700 pop2001 pop2011 pop2016
  13. 13. Dati statistici indice vecchiaia
  14. 14. Dati statistici occupati 480 725 447 386 516 240 269 288 635 315 120 217 2688 360 393 1586 1635 643 197 376 914 548 1651 1824 206 487 635 502 485 485 319 249 303 616 271 124 217 2746 345 379 1649 1515 618 139 372 925 479 1564 1860 218 abriola accettura albanodilucania aliano anzi brindisidimontagna calciano calstelmezzano calvello campomaggiore cirigliano craco ferrandina garaguso gorgoglione grassano irsina laurenzana olivetolucano pietrapertosa salandra sanmauroforte stigliano tricarico trivigno OCCUPATI 2001 OCCUPATI 2011
  15. 15. Dati statistici occupati agricoltura 99 184 48 102 61 35 50 63 122 16 49 79 218 79 122 147 240 92 59 86 105 146 280 278 27 84 197 64 54 54 57 44 71 101 30 46 75 213 64 62 142 244 88 34 110 96 126 277 238 32 abriola accettura albanodilucania aliano anzi brindisidimontagna calciano calstelmezzano calvello campomaggiore cirigliano craco ferrandina garaguso gorgoglione grassano irsina laurenzana olivetolucano pietrapertosa salandra sanmauroforte stigliano tricarico trivigno OCCUPATI IN AGRICOLTURA 2001 OCCUPATI IN AGRICOLTURA 2011
  16. 16. Dati statistici dipendenza non attivi 57.50% 60.97% 44.63% 74.39% 54.04% 49.83% 63.92% 64.27% 57.86% 55.66% 58.22% 64.82% 52.40% 63.06% 59.77% 57.09% 62.04% 60.44% 82.18% 64.33% 52.42% 60.00% 55.00% 59.69% 59.15% 52.00% 52.00% 0.00% 10.00% 20.00% 30.00% 40.00% 50.00% 60.00% 70.00% 80.00% 90.00% abriola accettura albanodilucania aliano anzi brindisidimontagna calciano calstelmezzano calvello campomaggiore cirigliano craco ferrandina garaguso gorgoglione grassano irsina laurenzana olivetolucano pietrapertosa salandra sanmauroforte stigliano tricarico trivigno MEDIAPROVINCIADIPOTENZA MEDIAPROVINCIADIMATERA Indice di dipendenza totale dei presunti non attivi (id)
  17. 17. Dati statistici spopolamento
  18. 18. Temi Strategici Al fine di garantire efficacia ed efficienza delle azioni proposte, il bando richiede una necessaria armonizzazione e integrazione con gli “ITI Aree Interne” attivati dal PO FESR ai sensi dell’art. 36 del Reg. (UE) 1303/2013. A questo scopo, all’interno dei temi proposti dall’Accordo di Partenariato Italia, abbiamo selezionato, in linea con le caratteristiche naturali ed atropiche dell’area: Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro-alimentari, artigianali e manifatturieri, produzioni ittiche); Valorizzazione e gestione delle risorse ambientali e naturali; ... il terzo tema sarà il risultato delle politiche di ascolto sul territorio e avrà carattere trasversale e fortemente caratterizzante per tutta la strategia
  19. 19. Tema 1 - sistemi produttivi locali Sviluppo e innovazione delle filiere e dei sistemi produttivi locali (agro-alimentari, artigianali e manifatturieri, produzioni ittiche); Il valore aggiunto dato dalla scelta di questo tema è lo stimolo all’organizzazione basata su legami cooperativi in modo da consentire alcune innovazioni di processo e di prodotto. Così, l’ottimizzazione degli investimenti (economie dalla condivisione di macchinari e attrezzature) e l’aumento della redditività di tutti gli anelli della filiera, in particolare quando al prodotto finale viene riconosciuta una maggiore qualità (prodotto certificato, tipico-locale, biologico, ecc), trasparenza per il consumatore (in percorsi di tracciabilità) ed eco-sostenibilità (km 0) con rispetto per l’ambiente e le risorse naturali. In stretta connessione, si osservano ricadute interessanti per una promozione del territorio in un’ottica di turismo sostenibile che potrebbero alimentare investimenti per l’innovazione e lo sviluppo di filiere corte, valorizzazione dei prodotti locali.
  20. 20. Tema 2 - valorizzazione risorse naturali La valorizzazione del trinomio ambiente-territorio-paesaggio, inteso quale principale patrimonio disponibile, può avvenire solo attraverso l’attenzione a quattro elementi chiave: conoscenza, paesaggio, tecnologia e vivibilità che delineano un campo attorno al quale è possibile pensare il futuro della gestione dei beni naturali. La conservazione e la valorizzazione dei beni naturali assume una nuova centralità che richiede la ricerca di nuove condizioni di sviluppo basate sulla conoscenza.
  21. 21. Tema 3 - ... Risultato dell’ascolto e delle attitudini delle comunità e del territorio
  22. 22. Soggetti beneficiari Partenariati pubblico-privati composti da almeno n. 6 partner, di cui almeno la metà privati, con un Partner Capofila che presenta la domanda di aiuto per tutte le fasi della Sottomisura 19.1 I partenariati devono • essere espressione del territorio per il quale viene proposta la Strategia di tipo partecipativo; • presentare una sola Strategia e per un solo territorio, con partner che non partecipano ad altri Soggetti Proponenti; • avere il territorio ricadente nelle aree individuate per l’approccio; • contenere i territori dei Comuni che rientrano in un’Area Interna secondo la Strategia Nazionale Aree Interne (SNAI) interamente ricompresi nell’area per la quale propongono la Strategia di Sviluppo Locale (SSL); Per essere un’area in cui sarà attuato il Leader e i suoi finanziamenti, non è necessario aderire al partenariato ora, l’importante è che il territorio sia incluso.
  23. 23. Condizioni di ammissibilità Alla data di presentazione della SSL: (1) tutti i partner del Soggetto Proponente devono risultare affidabili; (2) nel caso dei GAL operanti nei precedenti periodi di programmazione, non avere in corso con la Regione Basilicata alcuna procedura di recupero di fondi a vario titolo da questa erogati.
  24. 24. Cronoprogramma
  25. 25. teniamoci in contatto ;) www.lemacine.com facebook.com/basilicataslurp twitter.com/basilicataslurp

×