Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Ripartire dal brand: il ruolo dell’identità di marca nelle strategie aziendali

356 views

Published on

Slide del webinar del 10/06/2020 di Meta Line in collaborazione con Carlotta Silvestrini di RBHQ.
Argomenti trattati:
- Perché il brand è un asset intangibile capace di generare valore progressivamente nel tempo
- L’importanza del brand come strumento di differenziazione
- L’impatto del brand nelle campagne di advertising
- Il ruolo del Brand nella metodologia Digital Marketing Design

Video del webinar: https://www.facebook.com/metaline.it/videos/2424338274507818/

Published in: Marketing
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Ripartire dal brand: il ruolo dell’identità di marca nelle strategie aziendali

  1. 1. ASSESSMENT AND DISCIPLINED GROWTH
  2. 2. Carlotta Silvestrini Managing Partner @RBHQ, Senior Rebranding Consultant LinkedIn: linkedin.com/in/carlottasilvestrini/ Facebook: carlottasilvestriniconsulting
  3. 3. Brand e Personal Branding
  4. 4. Compriamo per 3 motivi principali: 1. Avvicinare il piacere 2. Allontanare il dolore 3. Aumentare le nostre possibilità
  5. 5. Compriamo per 3 motivi principali: 1. Avvicinare il piacere 2. Allontanare il dolore 3. Aumentare le nostre possibilità
  6. 6. Ma perché proprio quel brand? Il cervello per sua natura è avverso allo sforzo, quindi dobbiamo dargli una motivazione in più per convincerlo a scegliere noi come opzione. O siamo l’unica disponibile, o siamo la migliore alternativa, o agiamo su leve forti come scarsità, fretta, aumento del valore percepito.
  7. 7. Herber A. Simon, in Models of Man (1981), propone il concetto di Razionalità Limitata, che permette di spiegare la discrepanza tra comportamento umano e teoria standard della decisione. Simon fa notare che il modello secondo cui l’individuo elabora tutta una serie di alternative, calcolandone vantaggi e utilità, non è verosimile. I vincoli cognitivi fanno si che il decisore, anziché calcolare la “migliore soluzione possibile”, il si accontenti di un esito “sufficientemente buono”.
  8. 8. Il cervello umano non è in grado di elaborare oltre le 6 opzioni. Paradosso della troppa scelta
  9. 9. «Non ho niente da mettermi»
  10. 10. Nell’esplorare le opzioni d’acquisto, i consumatori si trovano in uno stato di elevato coinvolgimento emozionale (panico, fretta, aspettative…) che li porta ad applicare apposite strategie cognitive nel tentativo di facilitare la scelta. > Ripetere una scelta in base a precedente soddisfazione, > Affidarsi a un brand conosciuto, > Chiedere consiglio, > Limitare altri consumatori, > Paragonare più opzioni, >… Alcune decisioni portano il consumatore a costruire strategie ad hoc per il proprio caso.
  11. 11. Il brand è un minimizzatore di rischio.
  12. 12. Anche il personal branding. .
  13. 13. Così come la specializzazione. .
  14. 14. E il percepito generato da recensioni e opinioni .
  15. 15. ASSESSMENT AND DISCIPLINED GROWTH

×