Gestione siccità e stress idrico vigneti

2,069 views

Published on

Published in: Investor Relations
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,069
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
23
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Gestione siccità e stress idrico vigneti

  1. 1. NE WS IN C AM P A GN ABOLLETTINO DEL 04 Settembre 2012 A CURA DI PER. AGR. CLAUDIO OLIBONI SICCITA’ E STRESS IDRICO NEI VIGNETI: QUALE PREVENZIONE E QUALI SOLUZIONI? Si è ripetuta, dopo il 2003, un’altra stagione calda, secca e siccitosa, mettendo a dura prova la produzione dei giovani vigneti. Lo stress idrico ha manifestato le sue conseguenze soprattutto negli impianti giovani, fino ai 10 – 15 anni di età, mentre le viti più vecchie hanno sopportato la carenza di acqua senza grosse difficoltà. Come noto, le piante vecchie sopportano la carenza idrica a causa dell’apparato radicale ben sviluppato, dovuto sia all’età sia al fatto che si trovano nel contesto di impianti con ridotta densità ad ettaro. Le piante di viti che si trovano nei vecchi impianti, con una densità quindi di 2300 -2500 – 2700 ceppi ad ettaro, hanno avuto modo di sviluppare un apparato radicale profondo ed espanso, anche a causa della ridotta competizione tra di loro. Le piante di vite che si trovano invece negli impianti realizzati di recente, hanno una densità più elevata, superiore ai 3300 ceppi per ettaro. Ciò comporta una maggiore competizione tra pianta e pianta ed uno sviluppo radicale più contenuto, con conseguente maggiore sensibilità delle piante nei confronti della carenza idrica. Ci sono naturalmente differenze tra terreno e terreno, nel senso che laddove è maggiore la presenza di sabbia e ghiaia, lo stress idrico si manifesta in modo più evidente rispetto ai terreni più pesanti e dove è maggiore la presenza di argilla. Un eccezionale stress idrico si è quindi manifestato anche quest’anno, a distanza di 9 anni dal “famoso” 2003, e le previsioni degli esperti di meteorologia indicano che la frequenza delle annate secche e siccitose aumenterà sempre più. Magari l’estate prossima sarà piovosa e fresca, ma la frequenza delle estati siccitose aumenterà, e questo non è un fenomeno a cui si sta assistendo solo in Italia o in Valpolicella, ma in tutto il mondo. Nelle aree agricole i periodi siccitosi si alternano sempre più ad alluvioni e nubifragi. Cosa fare quindi per fronteggiare le prossime stagioni in caso di prolungata siccità?
  2. 2. Siccità e stress idrico: le soluzioni.La prima soluzione è stata anticipata nell’introduzione, ed è rappresentata dal prolungamento dell’etàdelle viti, accompagnata dalla seconda soluzione, che consiste nel favorire il massimo sviluppodell’apparato radicale.È necessario aumentare l’età delle viti e conservare le vecchie piante il più possibile: in tutte le condizionia cui stiamo assistendo, sono le più resistenti allo stress idrico; quindi, prima di procedere all’estirpazionetotale di un vigneto, è importante valutare se questo intervento è davvero necessario.Esiste però un aspetto da non sottovalutare. Gli impianti dove vengono sostituite molte viti diventanonecessariamente disomogenei per l’età, pertanto possiamo trovare un livello di maturazione disforme, conpiante che portano uva matura e ben nutrita ed altre invece stressata dalla siccità. Il lavoro di selezione ecernita al momento della vendemmia diventa in questo caso ancor più attento e scrupoloso. Inoltre, primadi procedere al rimpiazzo delle fallanze, si dovrà pulire con cura il terreno che ospiterà le nuove piantine elasciarlo riposare per almeno un paio d’anni.Nei nuovi impianti, le viti dovranno avere un apparato radicale molto profondo e sviluppato, resistentialla siccità, e andranno scelti portinnesti con sviluppo radicale fittonante, quali il 41B e 140 Ruggeri(resistenti anche alla clorosi ferrica). Gli stessi nuovi impianti dovranno naturalmente essere realizzati conla densità minima prevista dal disciplinare di produzione (3300 ceppi ad ettaro) al fine di poterli iscrivereall’Albo, ma non è consigliato un ulteriore aumento del numero di piante per unità di superficie, salvonegli impianti a Guyot (dove, per ragioni produttive, si potranno raggiungere i 4000 ceppi ad ettaro). Laspinta ad eseguire impianti molto fitti, come erano stati suggeriti fino a poco tempo fa, nell’ottica dellagestione idrica va ridimensionata. Salvaguardare l’età delle viti e il buon sviluppo dell’apparato radicalerappresentano obiettivi primari.La terza soluzione viene dall’acqua e dalla possibilità di irrigazione.Negli ultimi anni, soprattutto nei vigneti ubicati in zone con terreni sciolti, si sono visti realizzare diversipozzi per l’approvvigionamento di acqua ed impianti di irrigazione, collegati ad essi oppure a depositi divasche rifornite da sorgenti, fontane, tettoie (in questo ultimo caso, trattasi di acqua piovana). Ebbene, stiamo ora parlando di acqua, una risorsa naturale che sta diventando sempre più rara.Se proviamo a ricordare quanto era l’approvvigionamento di acqua da parte di sorgenti e fontane, 50, 20,5 anni fa rispetto ad oggi, possiamo constatare che la sua disponibilità è andata gradualmente calandoovunque.E nei prossimi anni? Proviamo ad immaginare gli stessi punti di rifornimento d’acqua tra 5, 20, 50 anni, echiediamoci: “Avremo la stessa disponibilità di oggi?”.Credo che osservando quanto sta accadendo nel mondo e in Valpolicella, non ci possiamo certamenteaspettare che con il passare degli anni avremo la stessa disponibilità!Ciò che probabilmente si sta prospettando è che tra qualche anno l’acqua ad uso irriguo potrebbe nonessere più disponibile, o lo sarà in quantità assai ridotta.Acqua ed impianti di irrigazione per contrastare lo stress idrico sì, naturalmente, soprattutto nei terreni piùsciolti, ma consapevoli che la sua disponibilità verrà sempre a meno.L’acqua è un elemento fondamentale per l’attività fisiologica e biochimica della vite, ma bisogna tenerpresente che non deve rappresentare una tecnica colturale di forzatura (che si manifesta nel caso piùclassico con l’irrigazione a scorrimento) ; non è inoltre utile ai fini qualitativi quando viene adottata insituazioni di stress estreme ed infine deve essere impiegata in modo da ottimizzare la sua efficienza, inquanto si tratta di una risorsa limitata.Numerose ricerche in diverse aree viticole mondiali dimostrano che in un vigneto irrigato secondostrategie di un deficit idrico controllato, viene migliorato il rapporto quantità-qualità della produzione,oltre che l’equilibrio vegetativo e produttivo rispetto ad un vigneto genericamente stressato.
  3. 3. Ma quali sono, se ci sono, le conseguenze sulla qualità delle uve di uno stress idrico ? E come posso abbinarlo ad una corretta gestione dell’irrigazione? Vediamo le varie fasi. Dal germogliamento all’allegagione difficilmente si verificano situazioni di stress idrico, ma quando ciò avviene assistiamo alla presenza di gemme cieche, crescita dei germogli ridotta e disforme, scarso sviluppo fogliare. Dall’allegagione all’invaiatura, se lo stress è elevato assistiamo inizialmente all’aborto dei fiori e cascola degli acini, seguito da una riduzione del volume delle bacche , dovuto ad un passaggio di acqua dagli acini ai germogli con conseguenze spesso irreversibili. Altre conseguenze sono una riduzione degli antociani ed un aumento degli flavonoli (che determinano un gusto amaro nel vino). In caso di stress idrico moderato viene invece influenzato in modo positivo la componente polifenolica dell’uva. In questo periodo fenologico avviene l’induzione e la differenziazione delle gemme ibernanti, e tanto uno stress molto forte quanto un’eccessiva vigoria per eccesso di acqua, determineranno una riduzione della fertilità dei futuri germogli. Dall’invaiatura alla maturazione, gli acini diventano sempre più indipendenti dalla pianta, quindi più tolleranti nei confronti degli stress idrici. In questa fase, la riduzione dei volumi degli acini in conseguenza dello stress idrico è quindi meno importante rispetto alle prime fasi di crescita delle bacche. Un forte stress idrico in questo periodo comporta una riduzione della capacità foto sintetica delle foglie, un arresto dello sviluppo degli apici vegetativi, la caduta precoce delle foglie basali, la sovraesposizione dei grappoli alla luce e alle temperature, una maggiore sensibilità alle scottature. Se il forte stress idrico è poi accompagnato da una produzione elevata, verrà compromessa anche la lignificazione e l’accumulo delle sostanze di riserva nelle radici. Una elevata disponibilità di acqua in questa fase provoca d’altro canto una maggiore vigoria vegetativa, un ritardo della maturazione con riduzione della componente zuccherina e degli antociani, oltre che una maggiore acidità, un prolungamento dell’attività vegetativa, un’ insufficiente lignificazione e riduzione del germogliamento l’anno successivo. Dopo la vendemmia fino alla caduta delle foglie, un forte stress idrico riduce la crescita dell’apparato radicale, che dovrebbe invece essere, in questa fase, favorita. In condizioni metereologiche rappresentate da un naturale equilibrio nella distribuzione delle piogge, non ci sono quindi grandi problemi, ma in caso di una stagione molto siccitosa e calda, la disponibilità di acqua da irrigazione può quindi dare un importante contributo alla salvaguardia dell’efficienza vegeto- produttiva delle nostre viti ed alla qualità della produzione. Riepiloghiamo con una tabella le situazioni ideali nelle varie fasi fenologiche: FASE FENOLOGICA DELLA VITE LIVELLO DI STRESS IDRICO IDEALEGermogliamento - allegagione Assenza di stress idricoAllegazione – invaiatura Stress idrico lieveInvaiatura – raccolta Stress idrico da moderato a forteDalla raccolta alla caduta delle foglie Assenza di stress idricoCome si può vedere, la disponibilità di acqua nelle prime ed ultime fasi fenologiche della vite, èimportante anche per lo sviluppo dell’apparato radicale.Come valutare lo stress idrico di una vite in previsione di un intervento irriguo?Esistono diversi metodi, ed il migliore è la misurazione dell’evapotraspirazione, cioè la stima dell’acquache evapora dal suolo e che viene traspirata dalla pianta; la conoscenza di questo valore ci permette dideterminare il reale consumo di acqua ed il fabbisogno da parte della vite, ma l’applicazione pratica invigneto, soprattutto in un contesto ambientale disomogeneo come abbiamo in Valpolicella, è solo almomento teorica.Un sistema empirico ma efficace ed immediato, impiegabile soprattutto nella fase che va dall’allegagionealla invaiatura, consiste nella valutazione visiva nel vigneto. Se verifichiamo un arresto di sviluppo
  4. 4. vegetativo degli apici vegetativi, il disseccamento dei viticci, l’ingiallimento delle foglie basali e di quellepresenti sulle femminelle, seguito dal loro disseccamento, vuol dire che siamo in presenza di un fortestress idrico.Come intervenire ?Il migliore sistema di irrigazione, dopo anni di esperienze nelle diverse aree viticole mondiali, risultaessere la sub-irrigazione (sottoterra). Questo sistema garantisce un maggior risparmio di acqua rispettoall’irrigazione a goccia fuori suolo (nei terreni franco-sabbiosi si arriva fino ad un 25%), unmiglioramento dell’efficienza dell’uso dell’acqua a favore dell’uva rispetto al legno, un minore sviluppodelle erbe infestanti. Di contro, ci sono i maggiori costi di impianto, la possibilità di occlusione deigocciolatori, la difficoltà di intervenire in caso di perdite d’acqua dalle ali gocciolanti.Il secondo miglior sistema, ed il più pratico, oltre che maggiormente adottato nel nostro territorio, èquello a goccia, con la rete di distribuzione disposta direttamente sul suolo o sospesa a varie altezze.Quanta acqua distribuire ?La quantità di acqua da distribuire dipende molto dall’andamento stagionale e dalle caratteristiche delterreno dove è ubicato il vigneto; l’importante è evitare nel modo più assoluto che le Corvine arrivino adarrestare l’accumulo di antociani (la classica buccia color mattone) ed evitare la perdita di foglie tra ilgrappolo e l’apice vegetativo. Raggiunti questi sintomi, i danni sono molto gravi e spesso irreversibili perla qualità dell’uva. E’ importante che, una volta iniziata l’irrigazione, vadano apportati quantitativi dialmeno 15 -25 litri di acqua per pianta, per permettere alla stessa di penetrare in profondità ed allargare lospettro di distribuzione, contribuendo anche a regolare la temperatura del suolo. L’intervento andràripetuto alla successiva manifestazione di forte stress da parte della pianta.E gli altri sistemi di irrigazione ?L’irrigazione a scorrimento è sconsigliata per gli effetti negativi sullo sviluppo delle viti esposto sopra,per l’impiego di grandi quantità di acqua, per il dilavamento delle sostanze nutritive e per l’erosionesuperficiale del suolo.L’irrigazione a pioggia incontra il suo principale ostacolo nell’elevato consumo di acqua, oltre che dienergia e lavoro per la movimentazione delle tubature.L’irrigazione di emergenza con l’impiego di una botte trainata e l’acqua distribuita con l’uso di unagomma è notevolmente dispendioso dal punto di vista energetico per i ripetuti passaggi ed il rifornimentodell’acqua, ed ha inoltre lo svantaggio che la quantità somministrata rimane solitamente in superficie, nonraggiunge cioè gli strati più profondi del suolo come avviene invece dopo alcune ore di distribuzionedell’acqua goccia.Rischiamo quindi che l’acqua sia insufficiente per l’idratazione della pianta e che la stessa raggiunga unaelevata temperatura, trasmessa dal suolo circostante, con possibili danni all’apparato radicale superficiale.La quarta soluzione è rappresentata dalle lavorazioni superficiali sulla fila.Si tratta di intervenire con mezzi meccanici in grado di rompere lo strato superficiale del suolo, ripetendol’operazione più volte nel corso della stagione estiva.Le lavorazioni superficiali sulla fila hanno i seguenti effetti: 1. interrompono la perdita di acqua per risalita capillare nel terreno, con immediati ed evidenti vantaggi in termine di risparmio idrico. 2. puliscono il filare dalla presenza di essenze erbacee che potenzialmente potrebbero entrare in competizione con il vigneto. 3. svolgono una azione di “disturbo” nei confronti delle radici delle viti, che pertanto vengono stimolate a svilupparsi negli strati più profondi del terreno. 4. Favoriscono la capacità di invaso ed assorbimento dell’acqua piovana rispetto al terreno lasciato interamente inerbito o diserbato.
  5. 5. Di contro, la lavorazione superficiale ha i seguenti aspetti da considerare: 1. lungo il filare lavorato non abbiamo un importante accumulo di sostanza organica che possiamo invece verificare lungo i filari inerbiti e sfalciati. 2. nei periodi estivi, il movimento della terra può comportare una rottura dei capillizi radicali, che sono i più importanti per l’assorbimento dell’acqua, e causare pertanto un ulteriore effetto di stress per le piante. 3. le lavorazioni hanno un costo energetico derivante dalla movimentazione delle macchine, oltre che un costo di acquisto ed ammortamento delle attrezzature. Questo va valutato anche in relazione alle dimensioni aziendali, e nel caso degli appezzamenti di piccole dimensioni è opportuno coinvolgere i produttori in un acquisto collettivo dei mezzi meccanici necessari.Le lavorazioni di lavorazione superficiale del suolo consistono nella scalzatura seguita da rincalzatura,oppure dalla fresatura o dalla zappatura.La scalzatura seguita da rincalzatura va fatta in primavera (aprile – maggio) e ripetuta in estate (giugno –agosto); la fresatura o la zappatura vengono effettuate in primavera e ripetute durante l’estate in unnumero di interventi legato all’andamento stagionale.Queste tecniche sono state adottate da secoli in tutte le aree agricole più esposte alla siccità, compresa laValpolicella, perché funzionano bene ; nell’obiettivo di preservare la disponibilità idrica del suolo, dannobuoni risultati.Il mercato offre numerose proposte in merito a macchine e attrezzature, da valutare caso per caso in baseanche alle osservazioni ed esperienze personali. Allo stato attuale si trovano comunque molte macchine difacile utilizzo e buona efficacia, in conseguenza dell’evoluzione tecnologica dovuta al recente grandeinteresse verso questa tipologia di gestione del suolo.Le interfile, cioè lo spazio compreso tra un filare e l’altro, vanno invece nel nostro ambiente lasciateinerbite. Solo in alcuni terreni molto sciolti e ciottolosi si può prevedere una fresatura o estirpazionesuperficiale alterna delle interfile.L’inerbimento tra le interfile influisce non poco sui consumi idrici del suolo. Rappresenta infatti laquinta soluzione per contrastare il deficit idrico.
  6. 6. L’erba tra le interfile va tenuta alta quanto più possibile, effettuando il primo sfalcio a fioritura completa,quindi verso metà – fine giugno. Un secondo eventuale sfalcio andrà fatto prima della vendemmia.Dal punto di vista estetico, un vigneto con una crescita avanzata di erba potrà non piacere molto rispettoai ripetuti sfalci stile “campo da golf”, ma dal punto di vista funzionale, i vantaggi sono notevoli.A noi interessa ciò che offre dei risultati, ciò che funziona in merito ai nostri obiettivi, e non il soloaspetto estetico.Un sotto-vigneto sfalciato di frequente comporta l’apporto nel terreno di sostanza organica con bassocontenuto di lignina e quindi velocemente mineralizzabile.L’apporto di sostanza organica in questi casinon è elevato, mentre notevole è l’esposizione all’erosione ed alla dispersione idrica.Un sotto-vigneto sfalciato a fioritura completa comporta invece un’alta presenza di lignina, in grado dirallentare la decomposizione della sostanza organica, favorendone l’accumulo.L’accumulo di sostanza organica e di steli semilegnosi delle essenze erbose agisce come unapacciamatura organica, favorendo l’assorbimento dell’acqua piovana ed ostacolando successivamente lasua evaporazione.La superficie fogliare del cotico erboso è anch’essa naturalmente soggetta ad evapotraspirazione, mal’osservazione diretta in vigneto dimostra quanto questa sia inferiore rispetto ai tagli frequenti e rasi sulsuolo.L’inerbimento prolungato fino alla fase della fioritura delle essenze erbacee, svolge inoltre un altroimportante effetto collaterale: esso costituisce un ambiente favorevole alla proliferazione degli insettiutili, rappresentati soprattutto da Sirfidi, Coccinelle, Imenotteri parassitoidi e Crisope.Questi insetti contribuiscono in modo importante al controllo dei fitofagi, soprattutto delle larve dilepidotteri (Tignolette, tignole, eulia, ecc.), acari e tripidi.Le lavorazioni superficiali del suolo e la buona gestione delle interfile rappresentano quindi tecniche che,nell’obiettivo di contrastrare l’elevato stress idrico, funzionano, danno risultati apprezzabili, si avvicinanoal nostro obiettivo.Cosa invece in questo contesto non funziona? Il diserbo.Con il diserbo lungo i filari teniamo il “rubinetto” sempre aperto dal suolo verso l’atmosfera, in quantonon lavorando superficialmente il suolo viene favorita la continua risalita capillare dell’acqua, conconseguente esposizione delle viti al deficit idrico.Un ulteriore svantaggio è rappresentato dal fatto che le radici delle stesse viti si sviluppano negli stratipiù superficiali del suolo, e pertanto sono più esposte alle maggiori temperature estive ed alle immediatecarenze di acqua.Ai fini del risparmio idrico quindi il diserbo è una tecnica che non raggiunge l’obiettivo.
  7. 7. Che dire infine dell’inerbimento totale del vigneto?Rispetto ad una lavorazione superficiale, il consumo idrico è maggiore, come maggiore la competizionenei confronti della vite. Comunque, soprattutto nei vigneti vigorosi, molto produttivi e con buonadotazione idrica, l’inerbimento totale non procura problemi, ma offre vantaggi.Il principale “deterrente” è dato dallo sfalcio dell’erba tra una pianta e l’altra, che richiede un impegnativouso di decespugliatori o l’uso di macchine al momento non ancora ottimizzate per lo scopo.Un ostacolo nell’adozione di questa tecnica l’abbiamo quando dobbiamo rimpiazzare le fallanze neivigneti già produttivi. Le giovani piante dovranno avere a disposizione un terreno pulito dalle essenzeforaggere al fine di favorire la loro ottimale crescita, e la gestione di un vigneto interamente inerbito, conla contemporanea presenza di piante giovani e vecchie, non è semplice.
  8. 8. Dal punto di vista dei costi energetici, 2 passaggi annui per lo sfalcio degli interfilari, come indicato inprecedenza, rispetto ai 3 – 5 effettuati nella gestione del sotto-vigneto “stile campo da golf”,rappresentano una riduzione di almeno il 50%.Vi sono altre osservazioni da fare in merito alla gestione dell’inerbimento del sotto-vigneto ?Certamente : esiste un mondo ancora tutto da sviluppare.Si tratta dell’uso dei sovesci, cioè della semina di essenze foraggere che una volta cresciute andranno poiinterrate.Il sovescio rappresenta una tecnica agronomica molto valida in alcune situazioni quali : 1. presenza di strati di terreno riportati in superficie in seguito a sbancamenti, quindi senza sostanza organica e poveri di fauna e flora batterica. Questi terreni rimangono pressoché sterili per diversi anni, e quando vengono piantati i nuovi vigneti, assistiamo ad uno sviluppo stentato, con presenza di giallumi, internodi ravvicinati e scarsa produzione. La pratica del sovescio con leguminose riporta il livello di fertilità e vitalità del terreno in pochi anni, favorendo la successiva crescita dei nuovi impianti senza grandi problemi.2. presenza di terreni troppo fertili, con eccessiva presenza di sostanza organica non decomposta, oppure con dotazione di azoto elevata. In questi casi la vigorìa dei vigneti pregiudica la qualità della produzione ed ostacola la difesa fitosanitaria. La pratica del sovescio con graminacee aiuta in questo caso a riportare la fertilità a livelli ottimali per la coltivazione della vite.3. presenza di terreni molto compatti, asfittici, dove le viti soffrono di morìa per assenza di aria e ristagno d’acqua. In questo caso la rippatura meccanica può dare grandi risultati, ma anche pratica4.
  9. 9. 5. della semina e sovescio con crucifere che sviluppano radici profonde e grosse, in grado, alla loro morte di arieggiare in modo efficace il terreno.Ci sono poi tutte le varie situazioni intermedie, ma il tema del sovescio fa parte di un’altro appuntamento.Per ora, vi faccio gli auguri per un buon inizio di vendemmia !Negrar , 4 Settembre 2012 Il tecnico viticolo Per agr Claudio Oliboni

×