Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Check list covid 19

329 views

Published on

Una check list di autocontrollo per verificare l'adeguamento alla cosiddetta fase 2 del "locKdown" pe rCOVID-19 e garantire la continuità operativa delle imprese

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Check list covid 19

  1. 1. maurilio.savoldi@relinc.it check list di autoncontrollo misure di protezione - COVID 19 - fase 2 - ripresa attività
  2. 2. Misure gestionali e organiz.ve Sì No NA 1 È stato creato un “Team Pandemia”? Il “Team Pandemia” assolve funzioni direttive e di gestione dei processi in seno all’azienda. Il lavoro del team non comprende soltanto la gestione della crisi, ma inizia già in anticipo con la pianificazione, la preparazione e l’acquisto di materiale necessario in caso di pandemia influenzale, possibilmente sfruttando le basi per la pianificazione già esistenti. 2 Se è stato creato “Team Pandemia”, sono state incluse tutte le funzioni chiave? Per esempio - Direzione dell’azienda - Personale e Amministrazione - Salute, Sicurezza, Prevenzione Protezione e Gestione "Facility" - Produzione, Logistica ed Acquisti - Commerciale e Servizi Cliente -Eventuali altri funzioni specifiche prsenti 3 È stato predisposto un adeguato piano di comunicazione? I collaboratori devono essere informati: - sulla situazione attuale e sulle conseguenze della pandemia; - sulle misure concernenti i diritti del personale e sulla gestione delle assenze dovute a malattia, assistenza dei figli o cura di familiari; - sulle misure valide per il comportamento personale e le operazioni aziendali e sulle competenze e persone di riferimento all’interno e all’esterno dell’azienda; - sulla distribuzione del materiale di protezione, come mascherine o materiale igienico; I clienti e i fornitori di vanno informati sulla situazione e sui cambiamenti, per esempio per quel che riguarda gli ordini o le consegne. 4 Il personale è stato informato e/o formato sulle misure da adottare per limitare i rischi di contagio sul posto di lavoro? Se necessario, predisporre specifiche schede informative e/o attuare specifici percorsi di formazione e/o addestramento 5 A seguito dell’emergenza sanitaria COVID-19, i lavoratori, e chiunque entri in Azienda, è stato informato delle disposizioni delle Autorità (centrali, locali, di categoria)? Tenuto conto dell’eventuale eterogeneità linguista, l'informativa è stata: - Consegnata una copia cartacea a ciascun lavoratore - Inviato una mail a ciascun lavoratore - Tramite il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, Medico Competente, RSPP - Affiggendo tali indicazioni in diverse aree aziendale N. Indicazione Dscrizione ed Azione Verifica Note 1/4
  3. 3. Misure gestionali e organiz.ve Sì No NA N. Indicazione Dscrizione ed Azione Verifica Note 6 È stato comunicato a tutti l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria. Febbre oltre 37.5°(salvo diverse comunicazioni) 7 In azienda è presente una mappa dei processi o attività aziendali? Elencare e rappresentare in modo adeguato tutti i processi e/o attività svolte in azienda (attività chiave, di supporto, gestionali) 8 È stata realizzata la matrice ruoli/processi (o attività)? Si permette così di legare ogni ruolo (con i rispettivi incarichi) ad uno o più processi/attività 9 Per ogni processo/attività è stata elaborata una mappa dei rischi da contagio nei processi produttivi? Valutare le possibili opzioni: - processi interni - processi che coinvolgono i fornitori - processi che coinvolgono i clienti 10 È stata svolta un'analisi di rischio? L'analisi del rischio consente di individuare le criticità ridurre al minimo il rischio d’infezione sul posto di lavoro, ossia la trasmissione diretta da persona a persona (p. es. attraverso tosse o starnuti) o indiretta tramite il contatto con superfici contaminate; 11 È stato creato un piano di mitigazione di rischio? Così da ridurre al minimo il rischio d’infezione sul posto di lavoro e preservare il più possibile l’infrastruttura aziendale e garantire le sue funzioni chiave per un determinato periodo. 12 Il piano di mitigazione prevede il riesame dei flussi di lavoro? Per esempio, elaborando procedure di ingresso, transito e uscita di personale esterno, come cliento o fornitori, mediante modalità, percorsi e tempistiche predefinite, al fine di ridurre le occasioni di contatto con il personale in forza nei reparti/uffici 13 Il piano di mitigazione prevede il riesame dei layout? Così da garantire le disposizioni di distanziamento sociale (1 metro, salvo diverse indicazioni), coerente con l'utilizzi di DPI e che limiti il tutte le possibili condizioni di rischio. 14 Il piano di mitigazione prevede il definizione di nuovi "standard wok"? Così da garantire le disposizioni di distanziamento sociale (1 metro, salvo diverse indicazioni), coerente con l'utilizzi di DPI e che limiti il tutte le possibili condizioni di rischio. 15 Il piano di mitigazione prevede il riesame dei cicli di telelavoro/smartworking? Così da limitare l'accesso in azienda e mitigare il rischio di contagio. 2/4
  4. 4. Misure gestionali e organiz.ve Sì No NA N. Indicazione Dscrizione ed Azione Verifica Note 16 Se sono state attuate modalità di telelavoro, sono state verificati tutti i presupposti tecnci? Per esempio: - Numeri di accesso/ accesso remoto alla rete informatica dell’azienda - Telefono (rete fissa, mobile) - PC/laptop/notebook, smartphone/tablet - Licenze per software e capacità del server - Formazione, strumenti e strutture di cybersecurity 17 Se sono state attuate modalità di telelavoro, sono state verificati tutti i flussi di informazione necessari? Così da limitare le interruzionidel processo 18 È stata svolta un'analisi di priorità nei prodotti da produrre o dei processi da erogare? Occorre decidere per tempo a quali servizi, processi e funzioni si può semmai rinunciare temporaneamente 19 Se è stata svolta un'analisi di priorità nei prodotti da produrre o dei processi da erogare, il fabbisogno di risorse è coperto? È stato fatto un piano di approvvigionamento adeguato? Così da evitare ulteriori limitazioni alla produzione. Se i fornitori critici non dispongono di un piano di continuità opertiva o un piano pandemico, è opportuno incoraggiarli ad allestirne uno 20 Sono state istituite procedure operative per garantire le adeguate misure non farmacologiche? Così da garanture adegauatamente: - l'igiene delle mani e/o altre misure di igiene personale - l'allontanamento sociale - la disinfezione - le misure fisiche di protezione in caso di rischio elevato d’infezione 21 Il personale, prima dell’accesso al luogo di lavoro è sottoposto al controllo della temperatura corporea? Se tale temperatura è superiore ai 37,5°, al lavoratore non è consentito l’accesso ai luoghi di lavoro Deve essere predisposta una procedura che garantisca: - l'isolamento momentaneo - la fornitura di mascherina - di contattare nel più breve tempo possibile il proprio medico curante e seguire le sue indicazioni; 22 È stato calcolato il fabbisogno di DPI e altromateriale di prevenzione (p. es. disinfettante)? Calcolare la quantità necessaria, per tutto il periodo soggetto a retrizioni, di: - Disinfettanti per le mani - Mascherine igieniche - Guanti sanitari non sterili - Occhiali protettivi - Barriere / schermi di protezione - … 3/4
  5. 5. Misure gestionali e organiz.ve Sì No NA N. Indicazione Dscrizione ed Azione Verifica Note 23 Sono diponibili quantità sufficienti di DPI? È stato predisposto un piano di approvvigionamento? Si deve tenere conto del tempo massimo di utilizzo del DPI, della quantità utilizzata, ma anche dei tempi di consegna e della disponibilità del mercato 4/4
  6. 6. Piano d'azione Rif. N. Azione di miglioramento individuate Descrizione attività Personale coinvolto Responsabile Data Avvio Data Chiusura Status (%) 1/1
  7. 7. Scopo del seguente documento è fornire una lista di riscontro che permetta di valutare opportunamente, e su base volontaria, tutti gli aspetti utili a non trascurare gli elementi di prevenzione del contagio ma al tempo tesso garantire efficienza ed efficacia nell'esecuzione dei processi aziendali. Non sostituisce in alcun modo documenti e/o disposizioni delle autorità centrali o locali. Il documento si basa, oltre che sulla mia pluriennale esperienza nell'analisi di processi organizzativi, azioni di miglioramento, esecuzione di audit interni ed esterni, su: - ISO 22301 "Societal security -- Business continuity management systems - Requirements" - Ufficio federale della sanità pubblica "Piano pandemico - Manuale per la preparazione aziendale" Per info e approfondimenti: Maurilio Savoldi +39 389.2373447 +41(0)76.8121309 maurilio.savoldi@gmail.com

×