8b. La Library 2.0

598 views

Published on

Sapienza Università di Roma
Anno Accademico 2012 – 2013
Informatica per gli Archivi e le Biblioteche
Prof.ssa Linda Giuva

Prof. Maurizio Caminito
Lezione 8b

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

8b. La Library 2.0

  1. 1. La Library 2.0 Sapienza Università di Roma Anno Accademico 2012 – 2013Informatica per gli Archivi e le Biblioteche Prof.ssa Linda Giuva Prof. Maurizio Caminito LEZIONE 8b 1
  2. 2. LA BIBLIOTECA 2.0La Biblioteca 2.0 è una comunità virtuale centrata sull’utente. I servizi delle biblioteche sono organizzati con un flusso di informazioni in entrambe le direzioni: dalla biblioteca allutente e dallutente alla biblioteca Lutente diventa partecipe, co-creatore, costruttore e collaboratore. L’utente interagisce con le risorse e ne crea di nuove interangendo con gli altri utenti e con i bibliotecari. 2
  3. 3. Biblioteche e Web 2.0Alle biblioteche, lapproccio Web 2.0 offre lopportunità di:1) andare oltre lofferta di uninterfaccia web per navigare e fare ricerche nei propri cataloghi e iniziare ad usare tecnologie Web 2.0 per rendere le proprie informazioni bibliografiche accessibili ad altri servizi consumer2) a propria volta, “consumare” e ri-utilizzare informazioni rese disponibili attraverso le stesse tecnologie da altre biblioteche o da altri servizi bibliografici. 3
  4. 4. Biblioteche e Web 2.0: accessibilitàConsiderato che i potenziali servizi “consumer” delle informazioniprodotte da una biblioteca sono molti, la possibilità di rendere il ri-utilizzo delle informazioni il più semplice possibile è importante.
  5. 5. L’utente della BIBLIOTECA 2.0 L’utente può ad esempio:• arricchire con tag il catalogo della biblioteca• sottoscrivere feed RSS che gli notifichino per esempio gli arrivi dei nuovi testi in biblioteca• interagire nel blog della biblioteca• partecipare al wiki di biblioteca• interagire con il reference desk attraverso chat• partecipare a sessioni di skype• usufruire di servizi di condivisione di immagini• scaricare podcast sulle novità della biblioteca.
  6. 6. FolksonomiaNeologismo derivato dal termine folksonomy che descriveuna categorizzazione di informazioni generata dagli utentimediante lutilizzo di parole chiave (tag) scelte liberamente.Il termine è formato dall’unione di due parole, folk etassonomia; una folksonomia è, pertanto, una tassonomiacreata da chi la usa, in base a criteri individuali.Metodologia utilizzata da gruppi di persone che collaboranospontaneamente per organizzare in categorie le infodisponibili attraverso internet. 6
  7. 7. WIKISito Web (o collezione di documenti ipertestuali) che puòessere modificato dai suoi utilizzatori e i cui contenuti sonosviluppati in collaborazione da tutti coloro che vi hannoaccesso.La modifica dei contenuti è aperta e il testo può esseremodificato da tutti gli utenti (a volte soltanto se registrati,altre volte anche anonimi) procedendo per aggiunte ocambiando e cancellando ciò che hanno scritto gli autoriprecedenti.Ogni modifica è registrata in una cronologia che permette in caso dinecessità di riportare il testo alla versione precedente. 7
  8. 8. BIBLIOBAR: uno strumento per la Library 2.0Bibliobar è una toolbar per il browser Mozilla Firefox utile per avere semprea portata di mano le risorse indispensabili per le ricerche in Internet. Con unclick si accede direttamente alle pagine web della Biblioteca, al catalogoonline, alle riviste elettroniche e al database di risorse gratuite LINX.Dalla toolbar si può interrogare i cataloghi della Biblioteca selezionando leopzioni Cerca con Catalogo Bicocca, Cerca con Riviste elettroniche e Cercacon LINX presenti sul menu a tendina.http://www.biblio.unimib.it/go/Home/Home/Risorse-elettroniche/Bibliobar 8
  9. 9. Bibliobar: il catalogo nei siti più usati per le ricercheBibliobar attiva un collegamento diretto allOPAC attraverso lacomparsa di un piccolo pulsante con il logo UNIMIB allinternodi siti come Amazon, IBS, Barnes and Noble, Google, GoogleBooks etc. 9
  10. 10. Bibliobar è LibX• Bibliobar è la versione adattata da Bonaria Biancu e Salvatore Vassallo per la Biblioteca di Ateneo dellUniversità di Milano- Bicocca di LibX, toolbar originariamente sviluppata da Virginia Tech University Libraries e Virginia Tech Department of Computer Science, ed è rilasciata con licenza MPL.• N.B. Bibliobar può essere installata da chiunque, ma i cataloghi e le riviste alle quali fa riferimento sono quelli della Biblioteca dellUniversità di Milano-Bicocca. 10
  11. 11. LibX: un plugin per le biblioteche (www.libx.org) 11
  12. 12. WorldCat: un catalogo per la Library 2.0 - 11) Nella lista dei risultati è presente una solo occorrenza per ogni opera e all’interno della scheda compare il rimando alle altre edizioni collegate.2) Il servizio di geolocalizzazione permette di presentare immediatamente la lista di biblioteche dislocate nell’area da cui l’utente sta effettuando la ricerca che possiedono il libro.3) L’integrazione con i servizi delle librerie on line permette l’acquisto diretto del testo e la visualizzazione dei commenti provenienti dai loro siti o da readers di Google.
  13. 13. WorldCat: un catalogo per la Library 2.0 - 24) C’è la possibilità per l’utente di inserire la propria recensione. Nella pagina sono presenti anche i suggerimenti di lettura ricavati dalle opere prese in prestito dagli utenti che hanno letto il documento della scheda in oggetto e le bibliografie degli utenti in cui questo è contenuto5) Il catalogo propone testi di soggetti correlati, immagini delle copertine, link a pagine di informazioni aggiuntive relative agli autori derivanti dall’analisi dei dati estrapolati dal catalogo oltre che il rimando a pagine esterne.
  14. 14. La pagina di WorldCat • Possibilità di condividere la scheda attraverso numerosi social network • Bibliografie degli utenti che comprendono il testo • Sistema di localizzazione delle biblioteche 14
  15. 15. Esperti in Library 2.0 in 23 mossehttp://plcmcl2-things.blogspot.com/ 15

×