Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Il Profilo Integrato di cura: unapproccio attuale alla complessità del bambino/adolescente e della    famiglia in oncoemat...
PsiconcologiaAO OIRM – S.Anna
In ambito sanitario, il trattamento di un    problema di salute richiede quasi sempre il    coinvolgimento di più attori. ...
PROFILI E PERCORSI di curaCOSTITUISCONO POTENTI STRUMENTIPER IL MIGLIORAMENTO DELLAQUALITA’                         Psicon...
Il percorso diagnostico terapeutico            assistenziale (PDTA)PDTA: modelli che, sulla base di linee guida e inrelazi...
Il Profilo Integrato di Cura (PIC)Quando un PDTA descrive un processo relativo a unproblema di salute nella sua gestione s...
La costruzione di un percorso/profilo di cura- Definisce gli obiettivi, i ruoli e gli ambiti di intervento- Garantisce chi...
PDTA e PICPAZIENTE AL CENTRO                INTEGRAZIONE                                  MULTIPROFESSIONALE PRATICA BASAT...
In ambito pediatrico , la presenza di   Centri di Riferimento qualificati    (AIEOP) dislocati nelle varie       Regioni I...
Anche il lavoro Psiconcologico traegrandi vantaggi dall’organizzazione inrete e quindi anche dall’ integrazioneospedale–te...
PERCORSO Diagnostico Terapeutico Assistenziale              In PsiconcologiaSCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA COMPLESSITA’      ...
Raccolta informazioni pazienteNome:Cognome:Data:Datadinascita:____________________________________________________________...
AREA BIOLOGICA - Indicatori                                     S,No    Impatto sulla vita                                ...
AREA PSICOLOGICA/PSICHIATRICA – Indicatori                    Si/N     Impatto sulla vitabambino (B)/ adoles (A)/genitore(...
AREA SOCIALE – Indicatori                                     Si/N     Impatto sulla vita                                 ...
AREA ASSISTENZIALE – Indicatori          (M medico I        Si/N     Impatto sulla vitainfermiera)                        ...
CRITERI COMPLESSITA’ GLOBALE:                                              SI’            NO         Punteggio = 3 in alme...
Nelle righe sottostanti indicare eventuali specifiche e la data di attivazione del singolo intervento.NPI ________________...
Team di cura e altre figure assistenziali a supporto  Nelle righe sottostanti indicare quali operatori sono coinvolti e ri...
Scheda della presa in carico psicologica (compilazione a cura dello psicologo del team di cura)  Nelle righe sottostanti i...
L’adozione della scheda di complessitàconsente:-La promozione della comunicazioneinterdisciplinare- L’acquisizione di un l...
GRAZIE PER L’ATTENZIONE!
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Marina bertolotti parma_oct_2011-1

749 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Marina bertolotti parma_oct_2011-1

  1. 1. Il Profilo Integrato di cura: unapproccio attuale alla complessità del bambino/adolescente e della famiglia in oncoematologia pediatrica Parma, 7 ottobre 2011 Marina Bertolotti
  2. 2. PsiconcologiaAO OIRM – S.Anna
  3. 3. In ambito sanitario, il trattamento di un problema di salute richiede quasi sempre il coinvolgimento di più attori. Si creano perciò problematiche di:- VARIABILITA’- CONTINUITA’- INTEGRAZIONE Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  4. 4. PROFILI E PERCORSI di curaCOSTITUISCONO POTENTI STRUMENTIPER IL MIGLIORAMENTO DELLAQUALITA’ Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  5. 5. Il percorso diagnostico terapeutico assistenziale (PDTA)PDTA: modelli che, sulla base di linee guida e inrelazione alle risposte disponibili, consentonoun’analisi degli scostamenti tra la situazione attesa equella osservata in funzione del miglioramento dellaqualità. I PDTA rappresentano strumenti chepermettono di delineare, a un’Azienda sanitaria ,rispetto ad una patologia o a un problema clinico, ilmiglior percorso praticabile all’interno della propriaorganizzazione. Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  6. 6. Il Profilo Integrato di Cura (PIC)Quando un PDTA descrive un processo relativo a unproblema di salute nella sua gestione sia territorialesia ospedaliera ,è possibile parlare di PIC, percorsoorientato alla continuità, all’integrazione e allacompletezza della presa in carico. Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  7. 7. La costruzione di un percorso/profilo di cura- Definisce gli obiettivi, i ruoli e gli ambiti di intervento- Garantisce chiarezza delle informazioni al paziente -Chiarisce i compiti dei vari attori Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  8. 8. PDTA e PICPAZIENTE AL CENTRO INTEGRAZIONE MULTIPROFESSIONALE PRATICA BASATA MIGLIORAMENTO SU EBM/EBN/EBP CONTINUO Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  9. 9. In ambito pediatrico , la presenza di Centri di Riferimento qualificati (AIEOP) dislocati nelle varie Regioni Italiane ,rendeparticolarmente importante il lavoro in rete Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  10. 10. Anche il lavoro Psiconcologico traegrandi vantaggi dall’organizzazione inrete e quindi anche dall’ integrazioneospedale–territorio e i PICrappresentano sicuramente una grandeopportunità di ottimizzazione dellerisorse e miglioramento dell’assistenza Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  11. 11. PERCORSO Diagnostico Terapeutico Assistenziale In PsiconcologiaSCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA COMPLESSITA’ -paziente in età evolutiva-
  12. 12. Raccolta informazioni pazienteNome:Cognome:Data:Datadinascita:_______________________________________________________________________ _/ _ _/ ______________________________________ _/ _ _/ _ __ _/ _ _/ ______________________________________________________________________________________________________________________________________________Data Ia diagnosi:Diagnosi:Fase di cura:______________________________________________________________________
  13. 13. AREA BIOLOGICA - Indicatori S,No Impatto sulla vita N.V. A. Grave/invalidante deficit o mutamento corporeo (in 0. Nessuna atto/potenziale) disfunzione B. Dolore o sintomi non controllati ,nonostante terapia Karnofsky= di supporto adeguata 100 C. Importanti effetti collaterali della terapia (livello di 1. Disfunzione con tossicità inatteso) effetti funzionali lievi D. Rapida progressione di malattia, aspettativa di vita < 12 mesi Karnofsky 90-80 E. Importanti difficoltà nutrizionali 2. Disfunzione con effetti nella F. Lesioni Cerebrali Sintomatiche quotidianità Karnofsky 70-50 G. Comorbilità medica o genetica 3. Effetti permanenti H. Familiarità per neoplasia e invalidanti Karnofsky 40-10
  14. 14. AREA PSICOLOGICA/PSICHIATRICA – Indicatori Si/N Impatto sulla vitabambino (B)/ adoles (A)/genitore(G) NVA. Disturbo psichico e/o cognitivo in anamnesi o in atto 0. Nessun rischioB/A/GB. Persona già in carico ai Servizi di Salute Mentale oNPI (P, ancheA)***B/A/GC. Disturbi somatici non correlati alla patologia organica 1. Lieve rischiodi base o alla terapia B/A/ psicosociale: bisogno monitoraggio,D. Alterazioni del comportamento non correlate alla prevenzionepatologia organica di base o alla terapia terapia B/AE Stato di ansia/depressione/negazione eccessiva e 2. Medio rischioprotratta B/A/G psicosociale: bisogno intervento F Dipendenze/abuso di sostanze attuale o pregresso A/G(P, anche A)***G. Esplicita richiesta di aiuto da parte del paziente o dei 3. Alto rischiofamiliari psicosociale: bisognoH. Recenti lutti familiari o significativi B/A/G intervento immediato/ intensivo
  15. 15. AREA SOCIALE – Indicatori Si/N Impatto sulla vita NVA Famiglia ristretta o allargata B A G (A anche P)*** 0. Vulnerabilità sociale assenteB. Stato di gravidanza/ Puerperio A/G (A anche P)***C. Figli minori o presenza di fratelli minori A/B/G (A 1. Vulnerabilitàanche P)*** sociale lieve: bisogno di monitoraggio, prevenzioneD. Disabili psichici/ fisici in famiglia B/A/G (A anche 2 VulnerabilitàP)*** sociale rilevante: bisogno diE. Persona in carico al servizio sociale territoriale B/A/G intervento(A)F. Situazione abitativa critica (A) B/A/G 3. VulnerabilitàG. Provenienti da fuori Regione (A) sociale grave: bisogno di intervento immediato/intensivoH. Cittadino straniero senza tessera sanitaria o concodice CSTP (UE,extra UE, clandestino)(A)
  16. 16. AREA ASSISTENZIALE – Indicatori (M medico I Si/N Impatto sulla vitainfermiera) NVA. Comprensione delle comunicazioni ricevute B/A/G ( 0. Nessuna criticitàM,I,P)B. Scarsa aderenza alle cure B/A/G (M,I)C. Collaborazione familiare fragile o inesistente G (M,I) 1. Lieve criticità: bisognoD. Consapevolezza/aspettative inadeguate B/A/G (M,I) monitoraggio, prevenzioneE. Difficoltà di relazione con l’équipe curante B/A/G 2. Rilevante criticità:(M,I,P) bisogno di interventoF. Difficoltà nell’organizzazione dell’assistenza medico- 3. Grave criticità:infermieristica (M/I) bisogno di intervento immediato/ intensivo
  17. 17. CRITERI COMPLESSITA’ GLOBALE: SI’ NO Punteggio = 3 in almeno una delle tre aree psicologica/psichiatrica, sociale o A assistenziale B Punteggio ≥ 2 in almeno due delle quattro aree biologica, psicologica/psichiatrica, sociale o assistenziale Note:__________________________________________Firma del professionista che ha eseguito la valutazione
  18. 18. Nelle righe sottostanti indicare eventuali specifiche e la data di attivazione del singolo intervento.NPI ______________________________________________________________________________CSM _____________________________________________________________________________Ser.T ____________________________________________________________________________Servizi Sociali _____________________________________________________________________Scuola ____________________________________________________________________________Associazioni di Volontariato _________________________________________________________Altro ____________________________________________________________________________ Segnalazione Servizio Sociale Aziendale (SSA) SI’ NO
  19. 19. Team di cura e altre figure assistenziali a supporto Nelle righe sottostanti indicare quali operatori sono coinvolti e riportare nome e cognomePsicologo _______________________________________________________________________Psichiatra_______________________________________________________________________Assistente Sociale ________________________________________________________________Assistente Tutelare Protezione Famiglia______________________________________________Educatore ______________________________________________________________________Volontari ______________________________________________________________________Altro __________________________________________________________________________
  20. 20. Scheda della presa in carico psicologica (compilazione a cura dello psicologo del team di cura) Nelle righe sottostanti indicare eventuali specifiche e la data di attivazione del singolo intervento. A comunicazione diagnosi/recidiva_______________________________________________ B intervento su compliance/gestione sintomi_______________________________________ C supporto psicologico al paziente________________________________________________ D supporto psicologico alla famiglia ______________________________________________ E consulenza Progetto Protezione Famiglia (comunicazione con i minori)_______________ __________________________________________________________________________G psicoterapia breve___________________________________________________________ Sì No H supporto al lutto____________________________________________________________ individuale di gruppoI intervento di gruppo ________________________________________________________
  21. 21. L’adozione della scheda di complessitàconsente:-La promozione della comunicazioneinterdisciplinare- L’acquisizione di un linguaggio comune e di unavalutazione , anche quantitativa, del disagiocomplessivo e delle aree maggiormentecompromesse-Lo scambio di informazioni tra i vari Centri- L’acquisizione di dati psicosociali per eventualistudi Psiconcologia AO OIRM – S.Anna
  22. 22. GRAZIE PER L’ATTENZIONE!

×