Lista silvai bellini sindaco

779 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
779
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lista silvai bellini sindaco

  1. 1. Clik per sfogliare. Elezioni Comunali 15 e 16 maggio 2011 Lista “SILVIA BELLINI SINDACO”
  2. 2. <ul><li>POLITICA FISCALE E ECONOMICA </li></ul><ul><li>Premessa Nel corso di questi ultimi due anni la “Lista Bolognese Sindaco” si è battuta per risolvere i problemi del paese ed ha ottenuto significativi risultati, tra i quali, l’eliminazione dell’addizionale IRPEF. Di seguito sono elencati gli obiettivi principali che intendiamo perseguire. </li></ul><ul><li>Bilancio - Trasparenza e chiarezza dei bilanci di previsione e dei conti consuntivi; - Distribuire periodicamente ad ogni nucleo familiare una copia del bilancio comunale in forma semplificata in modo che i cittadini abbiano la possibilità di valutare le scelte operate dall’Amministrazione attraverso un’adeguata informazione. </li></ul><ul><li>Finanza - Vagliare con estrema attenzione le Leggi Regionali che permettano al Comune, tramite l’attuazione di progetti mirati, di accedere a specifici finanziamenti; Continuare ad applicare un rigoroso contenimento delle spese per le consulenze esterne; - Continuare a far uso, ove possibile e necessario, al “Project Financing”; - Valutare la possibilità di congelare per altri due anni le aliquote fiscali comunali; - Lotta all’evasione dei tributi locali. </li></ul>
  3. 3. <ul><li>SICUREZZA E ORDINE PUBBLICO </li></ul><ul><li>Premessa Il problema della sicurezza è molto sentito dai Sannazzaresi e la “Lista Silvia Bellini Sindaco” tiene in particolare a questo punto del programma. Il bisogno di sicurezza coincide in gran parte col concetto di libertà individuale: se il timore per la propria incolumità induce a chiudersi in casa, rinunciare a vivere, rinunciare a muoversi in paese significa che c’è qualcosa di sbagliato nel sistema. Oltre alle misure di prevenzione, controllo e repressione dei fenomeni legati alla microcriminalità sarà necessario organizzare manifestazioni culturali e sociali che favoriscano l’incontro e l’aggregazione dei cittadini. In tema di prevenzione, controllo e repressione ci impegneremo ad attuare le seguenti misure. </li></ul><ul><li>Polizia locale - Potenziare il servizio di Polizia Locale per garantire un servizio efficiente a tutela del cittadino, attivando ulteriori servizi di presidio statico e dinamico, sia in orario diurno che serale; - Incrementare l’organico al fine di aumentare il numero di agenti operativi sul territorio; - Valutare la possibilità di rafforzare, in ore notturne, i servizi di controllo attraverso l’utilizzo di personale alle dipendenze degli Istituti di Vigilanza Privata , con l’obiettivo di aumentare la tutela dei beni collettivi e dei cittadini rispetto al compimento di attività criminose; - Emanare un’ordinanza di divieto di consumo di alcolici e di bivacco nelle aree pubbliche; </li></ul><ul><li>Valutare la convenienza di rinnovare o meno la convenzione per il coordinamento delle forze a disposizione delle diverse amministrazioni comunali; - Applicare politiche di prevenzione attraverso interventi di miglioramento delle condizioni di sicurezza urbana realizzati con l’eliminazione delle aree degradate o pericolose ed il potenziamento dell’illuminazione pubblica -già in corso con la tecnologia a led- nelle zone più a rischio (parcheggi pubblici, aree di fruibilità dei mezzi pubblici, quartieri residenziali, frazioni); - Interrompere il commercio abusivo, attuato prevalentemente da cittadini extracomunitari; - Interrompere il fenomeno dell’accattonaggio; - Attivare colonnine SOS nei parchi collegate alla centrale operativa al fine di segnalare pericoli ed atti criminosi in tempo reale; - Realizzare corsi di educazione stradale nelle scuole al fine di creare una cultura della sicurezza stradale; - Organizzare un servizio di sorveglianza dell’Ufficio Postale nei giorni di pagamento delle pensioni. </li></ul>
  4. 4. <ul><li>Agente di Prossimità (c.d. Vigile di quartiere) - Istituire in seno al Comando della Polizia Locale il ruolo dell’Agente di Prossimità. Difatti, riteniamo che la presenza degli Agenti di Prossimità impiegati sul territorio possa determinare consuetudini e modalità di riferimento nuove, aumentando il rapporto fiduciario instaurato con la cittadinanza, attraverso un contatto più diretto e sollecito. L’obiettivo complessivo del servizio sarà quello di potenziare le attività di tutela reale della popolazione nei confronti di comportamenti criminosi o pregiudizievoli del vivere civile e capaci di cagionare disordine, fastidio e disturbo, nonché determinare un abbassamento dei livelli di qualità della vita in relazione alle legittime aspettative di sicurezza e serenità che ci sono comuni ed alle quali noi attribuiamo una evidente rilevanza nell’ambito del nostro programma amministrativo. A tale riguardo, intendiamo attivare forme di collaborazione partecipata tra cittadini ed istituzioni civiche dirette alla efficace risoluzione dei problemi, sfruttando compiutamente il potenziale della Polizia Locale in termini, prima che repressivi, di prevenzione e dissuasione dal compimento di azioni illecite, oltre che di educazione diretta sul territorio. </li></ul><ul><li>Carabinieri - Aumentare l’organico dei Carabinieri in vista della costruzione della nuova Caserma. </li></ul><ul><li>Clandestini e nomadi - Prevenire l’immigrazione irregolare/clandestina con frequenti controlli sui permessi di soggiorno, verifica della regolarità dei contratti di affitto e delle condizioni igienico-sanitarie degli alloggi in locazione e del numero di persone con regolare contratto di lavoro a seguito della richiesta di iscrizione e variazione anagrafica (Legge n. 94/2009); - Controllo costante circa il numero e la provenienza dei cittadini extracomunitari presenti sul nostro territorio; - Impedire il soggiorno, anche temporaneo, dei nomadi. </li></ul><ul><li>Piano di Emergenza Comunale La finalità del Piano di Emergenza Comunale è quella di fornire procedure operative valide per il superamento dei vari possibili scenari di rischio. Per informare la popolazione e gestire l’emergenza verranno installati display luminosi ( n. 3 ), sistemi di diffusione vocale (altoparlanti) e nuove telecamere (una decina). </li></ul><ul><li>Telecamere - Potenziare l’impianto di video-sorveglianza sia dal punto di vista quantitativo che da quello qualitativo (telecamere a raggi infrarossi per la visione notturna, zoom e memorie di registrazione più potenti …); - Costituire contratti di manutenzione dell’impianto di video-sorveglianza per garantire il loro buon funzionamento. </li></ul>
  5. 5. <ul><li>SERVIZI SOCIALI </li></ul><ul><li>Premessa La “Lista Silvia Bellini Sindaco” ispira tutta la sua attività sui valori della centralità della famiglia, quale insostituibile ammortizzatore sociale. Il piano comunale dei servizi sociali dovrà: attivare progetti di comunità e, quindi, impegnare tempo e risorse per ricostruire una stretta collaborazione con cooperative, associazioni e gruppi di volontariato; utilizzare al massimo tutte le opportunità legislative per elaborare progetti speciali ed ottenere finanziamenti; perseguire con costante attenzione l’obiettivo di raggiungere buoni livelli di qualità in tutti i servizi curando la formazione degli operatori, lavorando in équipe e introducendo criteri di valutazione da parte dell’amministrazione comunale. </li></ul><ul><li>Servizi sociali Mettere un MINIBUS a disposizione degli anziani, dei disabili e dei giovani. </li></ul><ul><ul><li>Anziani - Ampliare l’assistenza domiciliare agli anziani anche in stretto rapporto con l’ASL e con i gruppi di volontariato; </li></ul></ul><ul><ul><li>Potenziare le strutture per anziani e disabili; </li></ul></ul><ul><ul><li>Valutare la possibilità di una nuova sede a piano terra per il “Circolo pensionati”; </li></ul></ul><ul><ul><li>Valutare la possibilità di applicare sgravi fiscali a coloro che tengono in casa i propri anziani; </li></ul></ul><ul><ul><li>Coinvolgere il Centro Anziani nella vita attiva della città e nella gestione dei servizi sociali utili, ad esempio, valutando la possibilità di istituire la figura dei “nonni vigili”, già presente in diversi Comuni, in cui le persone di una certa età offrono la loro disponibilità per un servizio di vigilanza: molto utile sarebbe la presenza dei nonni negli spazi gioco dei bambini, dove possono svolgere un ruolo di controllo e di socializzazione. </li></ul></ul><ul><li>Disabili - Maggiore flessibilità al Centro Diurno Disabili: offerta di servizi per ricoveri notturni o del fine settimana temporanei in caso di necessità delle famiglie. </li></ul>
  6. 6. <ul><li>Giovani I giovani devono essere messi nelle condizioni di realizzarsi come soggetti attivi della comunità. Il Comune dovrà aiutarli fornendo adeguati strumenti quali: </li></ul><ul><ul><li>Luoghi di ritrovo (C.A.G., oratorio, centri sportivi); </li></ul></ul><ul><ul><li>Iniziative culturali; </li></ul></ul><ul><ul><li>Occasioni di divertimento responsabile, collaborando e sostenendo associazioni impegnate a migliorare la loro crescita (Consulta Giovanile). </li></ul></ul><ul><li>Sanità - Istituire uno sportello dedicato a fasce socialmente deboli per l’espletamento di pratiche burocratiche, quali ricoveri ospedalieri, visite specialistiche ecc..; </li></ul><ul><li>Servizi per gli anziani: proseguire il progetto per l’assistenza degli anziani (MAI SOLI), sulla base di altre esperienze di altre città italiane; </li></ul><ul><li>Servizi per l’infanzia: mantenere i servizi di asilo nido anche tramite convenzioni con i paesi vicini, per il suo utilizzo ed il miglioramento delle sue strutture; - Igiene pubblica: maggiore pulizia del territorio ed in particolare pulizia delle strade e disinfezione (batteri e microbi derivanti da sputi e residui organici); - Trasferire nuovi servizi ASL a Sannazzaro. </li></ul><ul><li>Associazionismo - Il fenomeno della spontanea organizzazione di più persone in gruppi per il raggiungimento di uno scopo comune è un fenomeno radicato in paese che ha conosciuto in passato uno sviluppo sempre crescente, ma che negli ultimi anni ha perso parte della propria spinta propulsiva. Si continuerà a lavorare per rendere le Associazioni più funzionali, capaci di dialogare fra loro ed indipendenti (non solo economicamente). </li></ul><ul><li>Protezione Civile - Collaborare alla campagna di adesione di nuovi volontari; - Migliorare la sede locale di Via San Francesco: </li></ul><ul><ul><li>Sostituire la copertura del garage esistente perché obsoleta e con perdite; </li></ul></ul><ul><ul><li>Costruire un nuovo GARAGE da affiancare a quello esistente; </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare una rete di divisione tra la sede della Protezione Civile e la zona aperta al pubblico del Campo Sportivo; </li></ul></ul><ul><ul><li>Intervenire sulla rete fognaria per convogliare le acque dei bagni della Protezione Civile e del Campo Sportivo; </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare pozzetti di raccolta delle acque meteoriche </li></ul></ul>
  7. 7. <ul><li>ISTRUZIONE, CULTURA E SPORT </li></ul><ul><li>A) ISTRUZIONE La “Lista Silvia Bellini Sindaco” ritiene che una buona Scuola rappresenti il pilastro di una futura buona Società. Vogliamo migliorare il rapporto tra Comune e Istituzione Scolastica: </li></ul><ul><ul><li>Assicurando standard di manutenzione, sicurezza e continuo adeguamento a livelli di eccellenza delle strutture scolastiche; </li></ul></ul><ul><ul><li>Compartecipando all’adeguamento delle attrezzature e dei materiali didattici e alla loro manutenzione; </li></ul></ul><ul><ul><li>Creando sinergie con le strutture scolastiche di competenza non comunale (IPSIA, scuola materna parrocchiale); </li></ul></ul><ul><ul><li>Stimolando e sostenendo l’attività della Consulta Scuola; </li></ul></ul><ul><ul><li>Promuovendo nelle Scuole elementari e medie interventi educativi per contrastare fenomeni di violenza, bullismo e pedofilia. </li></ul></ul><ul><li>Realizzare il nuovo POLO SCOLASTICO per far crescere i nostri figli in un ambiente sano, moderno e di totale aggregazione. Il nuovo centro diventerà come una piccola città comprendendo un asilo nido, una scuola dell’infanzia, una scuola primaria, una scuola secondaria di primo grado, una palestra, una biblioteca e un auditorium. In totale i locali riservati alle attività didattiche saranno destinati ad ospitare ca. 750 ragazzi: 150 tra i bambini del nido e della scuola dell’infanzia, 250 alla primaria e 300 alla secondaria di primo grado. </li></ul><ul><ul><li>La scuola dell'infanzia sorgerà su una radura soleggiata completamente circondata e protetta da un fitto bosco di alberi ombreggianti. </li></ul></ul><ul><ul><li>La scuola primaria , che sorgerà su una superficie di 3000 mq, sarà destinata ad ospitare le classi con aule di lezione e aule speciali. </li></ul></ul><ul><ul><li>La scuola secondaria di primo grado , che sorgerà su una superficie di circa 3500 mq., ospiterà oltre alle classi con aule di lezione anche aule speciali. </li></ul></ul><ul><ul><li>La mensa si svilupperà su una superficie di 400 mq. ed evocherà una pausa di evasione dell'apprendimento. I diversi edifici risulteranno collegati funzionalmente, ma anche simbolicamente, da una lunga parete-porticato che traccerà un grande arco da nord a sud dell'area andando a formare una quinta ed un confine allo spazio pubblico a est. </li></ul></ul>
  8. 8. Il progetto punta su una piena integrazione delle strutture con il paesaggio naturale circostante. Il parco , la piazza (articolata in aree pavimentate e in ampi specchi d'acqua), la palestra (che si svilupperà su una superficie complessiva di 600 mq), la biblioteca e l'auditorium rappresenteranno un collegamento tra la &quot;fabbrica“ scolastica e la città, che penetrerà nel Polo Scolastico per integrarsi e per usufruire in modo discreto dei servizi e degli spazi disponibili. L'impiantistica è studiata per garantire le migliori condizioni operative, sia dal punto di vista del benessere ambientale che sotto il profilo della sicurezza delle persone e dell'ambiente. Gli impianti idrici avranno una raccolta differenziata delle acque, volte alla massima economia della risorsa idrica. Per il riscaldamento, sarà privilegiato l'impiego di pannelli radianti a bassa temperatura, in particolare per asilo nido e scuola dell’infanzia dove i piccoli utenti spesso stanno a terra. Per la produzione del fluido caldo, saranno previsti pannelli solari, posti sulla copertura della palestra, per contribuire al riscaldamento e per la produzione di acqua calda sanitaria; con un impianto geotermico sarà garantito il riscaldamento dei locali. Pannelli solari fotovoltaici garantiranno parte del consumo elettrico. Il Polo Scolastico sarà dotato, in diversi locali, di ampie vetrate che presuppongono un uso intensivo della luce naturale. Questa soluzione progettuale consentirà un risparmio energetico, fino al 50% rispetto ad un impianto tradizionale. Nelle aree comuni si adotteranno scelte in grado di garantire, con diversi cromatismi luminosi, la riconoscibilità dei luoghi e il senso di appartenenza. Per il nido e la scuola dell’infanzia si applicherà un uso dell'illuminazione esclusivamente &quot;diffuso e occultato&quot; per evitare che i bambini piccoli, assumendo le posizioni più varie, possano essere abbagliati.
  9. 9. <ul><li>B) CULTURA Premessa La cultura è un patrimonio da promuovere per un arricchimento personale e comunitario. Lo scopo principale sarà quello di un’educazione al rispetto delle pluralità culturali presenti sul territorio nel rispetto delle tradizioni locali. </li></ul><ul><li>Cultura popolare e tradizionale </li></ul><ul><ul><li>Rivalutare il ruolo del Teatro Sociale istituendo “appuntamenti periodici a tema”; </li></ul></ul><ul><ul><li>Difendere usi, costumi, saggezza popolare e gastronomia locali; </li></ul></ul><ul><ul><li>Organizzare progetti di intervento e manifestazioni; </li></ul></ul><ul><ul><li>Incentivare l’attività del “Centro Sociale di Aggregazione” (C.A.G.) per motivare i giovani ad una maggiore partecipazione e promuovere l’integrazione con analoghe strutture cittadine (es. Oratorio); </li></ul></ul><ul><ul><li>In collaborazione con Regione Lombardia, Provincia di Pavia, Raffineria ENI e Scuola IPSIA, organizzare la prima Fiera dell’Energia, anche con riferimento alle energie rinnovabili; </li></ul></ul><ul><ul><li>In collaborazione con la Provincia di Pavia creare una nuova sede Espoter (Esposizione permanente sulle Energie e le tecniche di raffinazione); </li></ul></ul><ul><ul><li>Destinare la Chiesa San Pietro Apostolo a manifestazioni artistiche e culturali, predisponendo un adeguato parcheggio; </li></ul></ul><ul><ul><li>Organizzare concorsi di letteratura ed arte popolari. </li></ul></ul><ul><li>Beni artistici, archivi storici e biblioteche </li></ul><ul><ul><li>Beni artistici. Saremo impegnati nel recupero, salvaguardia e promozione dei nostri beni artistici per diffonderne la conoscenza e favorire un incremento turistico verso la nostra città. </li></ul></ul><ul><ul><li>Archivi storici. Trasformeremo gli archivi storici di Sannazzaro de’ B. in centro pulsante della cultura e della conoscenza dei Sannazzaresi e non solo. La tecnologia attuale consente di rendere fruibile ad un vastissimo pubblico la mole di informazioni sul nostro passato, ma l'accesso alle informazioni è attualmente difficoltoso per il cittadino. </li></ul></ul><ul><ul><li>Biblioteca civica. Anche la Biblioteca civica subirà una forte accelerazione verso il futuro sfruttando al meglio l'informatica. Trasformeremo la Biblioteca, da semplice luogo di consultazione e conservazione di opere letterarie, in centro di studio culturale e multimediale. </li></ul></ul>
  10. 10. <ul><li>L'approntamento di sale conferenze permetterà di realizzare incontri in cui dibattere i diversi temi culturali anche tramite teleconferenza; </li></ul><ul><li>Chiedere aiuti finanziari alla Regione Lombardia e alla Provincia di Pavia saranno richiesti nuovi volumi per incrementare il catalogo della biblioteca; </li></ul><ul><li>Creare uno spazio idoneo per i libri e volumi della Cultura locale; </li></ul><ul><li>Proseguire la presentazione di libri dei giovani autori con la formula dei “Caffè letterari “. </li></ul><ul><li>Informazione ed informatizzazione </li></ul><ul><ul><li>Migliorare il trimestrale “Eco di Sannazzaro” per renderlo ancora più interessante e vicino alle necessità di informazione ed educazione civica; dopo la nuova veste grafica, ancora nuovi contenuti (es.: dati qualità aria; dati qualità acqua; dati statistici della raccolta differenziata); </li></ul></ul><ul><ul><li>Agevolare la consultazione dei contenuti del sito comunale (da ampliare) e nel quale saranno reperibili informazioni di interesse per tutti i cittadini. L’informatizzazione diffusa permetterà una migliore e più rapida via comunicativa tra amministrazione e cittadino; </li></ul></ul><ul><ul><li>Internet WI-FI gratuita nei luoghi di ritrovo della comunità (ad es. in Piazza Aldo Palestro) per incentivare, tra l’altro, la socializzazione delle persone. </li></ul></ul>
  11. 11. <ul><li>C) SPORT Premessa Lo sport è un fenomeno culturale e sociale dalle notevoli proporzioni ed incidenze; lo sport deve essere affiancato alla cultura poiché esprime una manifestazione di comportamenti e di valori collegati ad una imprescindibile attività umana: quella motoria, caratterizzata dal gioco, dalla competizione e dalla regola. Fare sport significa anche arricchirsi di anticorpi necessari a combattere comportamenti di tipo distruttivo come varie forme di violenza o come i casi di droga e suicidio. Lo sport come palestra di vita è dunque particolarmente indicato per bambini, adolescenti e ragazzi; per gli adulti può essere occasione di confronto, socializzazione e partecipazione sociale. </li></ul><ul><li>Proposte </li></ul><ul><ul><li>Predisporre un supporto economico-gestionale alla società di calcio giovanile Alleanza Padus ed alle altre Società sportive sannazzaresi (sostenendo le squadre locali in proporzione a quanto investiranno in attività per i vivai giovanili); </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare un “percorso vita” (ad oggi, mai utilizzato e giacente da oltre 10 anni presso il deposito comunale), un bocciodromo ed un chiosco all’interno del Parco Allevi; </li></ul></ul><ul><ul><li>Stimolare la crescita dell’attività sportiva tra i giovani e i meno giovani (es. gruppi di cammino); </li></ul></ul><ul><ul><li>Favorire le manifestazioni sportive (ad es.: la recente “Festa dello Sport”); </li></ul></ul><ul><ul><li>Organizzare Giochi della Gioventù con tutte le discipline sportive; - Organizzare corsi di difesa personale. </li></ul></ul><ul><li>Centro Ricreativo Balneare (PISCINA ) </li></ul><ul><li>Da oltre un anno lavoriamo riservatamente per regalare ai Sannazzaresi un Centro Ricreativo Balneare . </li></ul><ul><ul><li>Dopo aver individuato l’area è stato realizzato il progetto preliminare (non a carico dei contribuenti); </li></ul></ul><ul><ul><li>Abbiamo lo strumento per finanziare l’opera; </li></ul></ul><ul><ul><li>Abbiamo previsto l’inizio dei lavori: ottobre 2012; </li></ul></ul><ul><li>Il Centro Ricreativo Balneare costituirà un impianto sportivo polivalente di rilevanza sovracomunale al servizio dei cittadini e delle organizzazioni che svolgono attività sportive: dilettantistica, formativa finalizzata all’avviamento allo sport di preadolescenti e adolescenti, motoria e didattica a favore di disabili ed anziani, motoria, ricreativa e sociale, motoria/sportiva per le scuole; agonistica di campionati, tornei, gare e manifestazioni ufficiali, organizzati dagli enti di promozione sportiva, dalla Federazione Italiana Nuoto e dalle altre Federazioni. Il Centro Ricreativo Balneare sarà centro Riabilitativo Professionale oltre che Sportivo. Il Centro Ricreativo Balneare sarà un centro di aggregazione per giovani e meno giovani grazie ai diversi servizi offerti all’utenza (bar, birreria, sala da ballo …). </li></ul>
  12. 12. <ul><li>AMBIENTE ED ECOLOGIA </li></ul><ul><li>Ecologia </li></ul><ul><ul><li>Divulgare puntualmente (su display, sui periodici locali e sul sito del Comune) i dati relativi all’analisi della qualità dell’aria e dell’acqua nonché a quelli della raccolta differenziata dei rifiuti; </li></ul></ul><ul><ul><li>Potenziare i sistemi di monitoraggio dell’aria; </li></ul></ul><ul><ul><li>Eseguire entro un anno dal termine dei lavori del nuovo impianto EST-ENI Slurry Technology un’indagine epidemiologica e una serie di campagne di misurazione delle emissioni della Raffineria. </li></ul></ul><ul><li>Ambiente </li></ul><ul><ul><li>Rifiuti Migliorare ed ampliare il servizio di raccolta differenziata dei rifiuti (con l’obiettivo di migliorare la corretta differenziazione) col fine, tra l’altro, di ridurne i costi; - Potenziare il depuratore comunale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Tutela ambientale Gli interventi principali in materia di tutela ambientale saranno: </li></ul></ul><ul><ul><li>Proteggere e conservare le zone verdi presenti all’interno dell’abitato, con specifica attenzione e sorveglianza delle aree dedicate all’infanzia; </li></ul></ul><ul><ul><li>Monitorare lo stato delle discariche di rifiuti autorizzate, per migliorare l’impatto con l’ambiente; </li></ul></ul><ul><ul><li>Lotta contro le discariche abusive; </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare strutture ricreative e sportive al servizio delle aree verdi (bar, bocciodromi, percorsi vita…); </li></ul></ul><ul><ul><li>Potenziare i parchi per creare polmoni verdi e corridoi di passaggio della fauna locale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Confermare il contratto di “Global Sercive” per la manutenzione del verde pubblico; </li></ul></ul><ul><ul><li>Pulire periodicamente le aiuole inserendo nel contratto di manutenzione del verde pubblico anche il servizio di raccolta degli escrementi dei cani; </li></ul></ul><ul><ul><li>Applicare sanzioni pecuniarie per chi sporca strade, parchi ed aiuole; </li></ul></ul><ul><ul><li>Migliorare le condizioni di pulizia della città (aumentare la frequenza della pulizia strade mediante spazzatrice di uno o due giorni alla settimana, disporre divieti di sosta in determinate strade nei giorni destinati alla pulizia, introdurre un numero verde gratuito per le segnalazioni dei cittadini). </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare una campagna di sensibilizzazione per l’ordine e la pulizia della città. </li></ul></ul>
  13. 13. <ul><li>LAVORI PUBBLICI </li></ul><ul><li>Premessa Nell’ambito dei lavori pubblici la nostra logica è quella di stare vicini ai bisogni concreti delle persone e della nostra economia produttiva e questo si può ottenere pensando sia alle grandi opere che a quelle più piccole. </li></ul><ul><li>Scuole </li></ul><ul><li>Sistemare a norma di legge le scuole di competenza comunale (medie, elementare e scuola materna) anche attraverso iniziative innovative; </li></ul><ul><li>Scuola media: rifacimento tetto palestra, suddivisione impianto termico e sostituzione serramenti; </li></ul><ul><li>Scuola elementare:sostituzione pavimenti atrio piano rialzato e primo nonché sostituzione recinzione; </li></ul><ul><li>Scuola materna: adeguamento edificio per C.P.I.; </li></ul><ul><li>Recuperare e valorizzare i giardini delle scuole di competenza comunale. Ove disponibili spazi verdi nelle scuole è nostra intenzione attrezzarli con uno spazio per favorire il gioco. </li></ul><ul><li>Arredo urbano </li></ul><ul><li>Eliminare le barriere architettoniche, non ancora rimosse dalle passate amministrazioni, per consentire ai disabili una mobilità più consona alle loro esigenze; </li></ul><ul><li>Sostituire le vecchie panchine. </li></ul><ul><li>Pubblica utilità </li></ul><ul><li>Adeguare e potenziare la rete idrica; </li></ul><ul><li>Organizzare una campagna di sensibilizzazione per un corretto utilizzo dell’acqua; </li></ul><ul><li>Ultimare la “Casetta dell’Acqua” in Piazza Mercato. </li></ul>
  14. 14. <ul><li>Cimitero </li></ul><ul><li>Un particolare riguardo va tenuto nei confronti del cimitero comunale, luogo in cui riposano le spoglie dei nostri cari defunti. Il nostro impegno sarà rivolto principalmente a: </li></ul><ul><li>Continuare l’azione legale nei confronti di chi ha causato danni al cimitero a seguito dei lavori di straordinaria manutenzione dello stesso; </li></ul><ul><li>Controllare e, se possibile, ridurre i costi dei servizi cimiteriali; </li></ul><ul><li>Rifare le pavimentazioni dei viali interni del cimitero per facilitare gli spostamenti di anziani e disabili; </li></ul><ul><li>Sistemare le cappelle, i porticati ed i colombari comunali oltre ad ampliare il cimitero. </li></ul><ul><li>Caserma dei Carabinieri </li></ul><ul><li>Ultimare la procedura per la realizzazione della nuova Caserma dei Carabinieri in Via San Francesco; </li></ul><ul><li>Valutare se alienare l’attuale Caserma dei Carabinieri. </li></ul><ul><li>Caserma dei Vigili del Fuoco </li></ul><ul><li>Valutare l’opportunità di realizzare una Caserma dei Vigili del Fuoco recuperando altri edifici di proprietà comunale (ad esempio, l’attuale Caserma dei Carabinieri). E’ incomprensibile che Sannazzaro debba dipendere dai presidi dei Vigili del Fuoco dei Comuni limitrofi (Voghera, Garlasco, Mede…). </li></ul><ul><li>Illuminazione pubblica </li></ul><ul><li>Completare il progetto di sostituzione dei rimanenti vecchi impianti di illuminazione pubblica con i LED in paese. </li></ul><ul><li>Potenziare l’illuminazione pubblica nelle frazioni. </li></ul><ul><li>Piazzola Ecologica </li></ul><ul><li>Ristrutturarla e adeguarla alla vigente normativa in materia. </li></ul>
  15. 15. <ul><li>Creare il Parco della Costa (recinzione e manutenzione periodica), da considerare uno dei maggiori polmoni verdi del territorio comunale. </li></ul><ul><li>Ristrutturare e migliore la manutenzione degli attuali impianti sportivi. </li></ul><ul><li>Riqualificare la “Passeggiata Ecologica di Via Contò”. </li></ul><ul><li>Viale Italia, Via Marconi, Viale Loreto e Via Gorana - Sostituire la pavimentazione in Viale Italia; sostituire la pavimentazione e le alberature in Via Marconi, Viale Loreto e Via Gorana. </li></ul><ul><li>Realizzare impianti fotovoltaici sui tetti degli edifici pubblici, tramite piani di finanziamento incentivanti, per la produzione di energia elettrica. </li></ul><ul><li>Realizzare un corridoio ecologico di connessione lungo la pista ciclabile tra Sannazzaro e Ferrera. </li></ul><ul><li>Valorizzare Parco Traversi (ricollocazione e mantenimento del verde oltre a spazi per nuovi servizi e per la socialità). </li></ul><ul><li>Riqualificare il Torrente Erbognetta in Piazzale Mainoli. </li></ul><ul><li>Riqualificare il Cavo “Quinto” tra Via Vigevano e Via Gorana. </li></ul><ul><li>Rifare il Parco Giochi in Via Gianola e rinnovare gli altri parchi giochi. </li></ul>
  16. 16. Riqualificare Parco Allevi allo scopo di migliorarne la vivibilità ed incentivarne l’uso da parte dei cittadini (in particolare, occorrerà valutare la possibilità di adeguare l’impianto idraulico in quanto lo stesso appare sottodimensionato). Riqualificare le frazioni (gas, depurazione delle acque, trasporti…). Eliminare l’amianto dagli edifici comunali Riqualificare Piazza Cesare Battisti senza stravolgerne l’aspetto: sistemazione prato, vialetti ed alberi (alcuni di essi dovranno essere sostituiti con altri di dimensioni inferiori): - Nuova illuminazione pubblica (non più luci fioche e non funzionanti); - In definitiva, la “Piazzetta” non sarà oggetto di continui interventi di recupero come è già successo in altre parti del paese (vedi Piazza Aldo Palestro) ma dovrà recuperare il ruolo di aggregazione e di incontro delle persone e dei nostri giovani. Aiuole - Completare il lavoro di riqualificazione delle aiuole mediante impianti di irrigazione, manti erbosi e fiori. Palazzo Pollone - Sistemare: portone, androne carraio, zoccolature interne ed esterne; – Adeguare il piano interrato con un impianto di deumidificazione per l’archivio. Porticati Pubblici di Piazza Mercato - Rifare la copertura del tetto a terrazza. Impianti gas - Ampliarli; - Adeguare la centrale di distribuzione; Riqualificazione delle tre rotatorie periferiche;
  17. 17. <ul><li>VIABILITA’ </li></ul><ul><li>Sistema viario </li></ul><ul><ul><li>Revisionare i criteri di viabilità, equilibrando le opportunità di circolazione di veicoli a motore e motocicli e biciclette, lasciando adeguati spazi al parcheggio e al sicuro transito pedonale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare, ove possibile, sistemi di rallentamento e dissuasori di velocità dislocati sulla rete viaria; </li></ul></ul><ul><ul><li>Migliorare la manutenzione del manto stradale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Revisionare ed arricchire la segnaletica orizzontale e quella verticale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Applicare con rigore le norme del Codice della Strada in termini di velocità, transiti vietati, sosta e fermata. </li></ul></ul><ul><li>Parcheggi </li></ul><ul><ul><li>Realizzare nuovi parcheggi. </li></ul></ul><ul><li>Piste ciclabili </li></ul><ul><ul><li>Riqualificare le piste ciclabili esistenti; </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare una pista ciclabile verso il Cimitero e la Cascina Balossina (lungo la costa di Sannazzaro, appena a sud del colatore Agognetta); </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare una pista ciclabile verso il Po (il percorso collegherebbe la frazione di Buscarella al Po). </li></ul></ul><ul><li>Linea ferroviaria F.S . </li></ul><ul><ul><li>Difendere il diritto per un servizio di trasporto pubblico efficiente. </li></ul></ul>
  18. 18. URBANISTICA Riqualificare in modo adeguato la peculiarità degli edifici esistenti, senza stravolgere il tessuto urbanistico. Le finalità di carattere generale saranno: Verificare l’attuazione delle norme edilizie esistenti allo scopo di creare vivibili e sereni spazi abitativi ai cittadini residenti, modulando lo sviluppo edilizio alla crescita effettiva della popolazione residente (NO ALLA CITTA’ DORMITORIO); - Evitare fenomeni di degrado quali il congestionamento di abitazioni in aree ristrette, come già purtroppo in parte verificatosi.   EDILIZIA PRIVATA Ristrutturazioni - Sensibilizzare ed incentivare i proprietari a recuperare gli edifici, nel rispetto architettonico e senza rinunciare ai servizi di struttura moderna, razionale ed efficiente. Nuovi insediamenti - Questi gli obiettivi principali: no alla costruzione di palazzi in stile “casermone” o “cubo” di cemento; piuttosto siamo favorevoli a costruzioni armoniose realizzate nel rispetto della tradizione architettonica della nostra zona. Incentivi - Sgravi fiscali per le giovani coppie e le fasce socialmente meno abbienti che vogliono rimanere a vivere nella nostra comunità. Assistenza - Coordinare gruppi privati per l’acquisto di impianti a basso impatto ambientale (fotovoltaico …) in modo da ottenere prezzi convenienti. Amianto - Incentivare l’asportazione dell’amianto dalle abitazioni private.
  19. 19. <ul><li>ATTIVITA’ PRODUTTIVE E COMMERCIO </li></ul><ul><ul><li>Predisporre un piano razionale per lo sviluppo artigianale e industriale, concordato con i Comuni vicinali, che eviti dispersione di risorse ( e inutili campanilismi ) e crei un Polo che permetta un facile insediamento di nuove aziende; </li></ul></ul><ul><ul><li>Promuovere nuovi insediamenti produttivi (mediante incentivi) dando particolare preferenza a quelli a elevato e innovativo contenuto tecnologico e a basso impatto ambientale (energie alternative, e industria elettronica e simili); </li></ul></ul><ul><ul><li>Incentivare le aziende locali ad assumere i residenti di Sannazzaro de’ B.; </li></ul></ul><ul><ul><li>Aumentare l’offerta commerciale alla cittadinanza, valutando diverse alternative di sviluppo sia in termini di piccoli esercizi commerciali che in termine di media distribuzione; </li></ul></ul><ul><ul><li>Partecipare ai nuovi bandi Regionali dei “Distretti del Commercio”; </li></ul></ul><ul><ul><li>Riedizione della “Notte Bianca”; </li></ul></ul><ul><ul><li>Riedizione di “Sannazzaro Chocolate“; </li></ul></ul><ul><ul><li>Organizzare serate musicali “Caffè concerto”. </li></ul></ul><ul><li>  </li></ul><ul><li>LAVORO </li></ul><ul><ul><li>Incentivare l’incontro tra domanda e offerta di lavoro tramite lo “sportello lavoro” presso la Biblioteca comunale: </li></ul></ul><ul><ul><li>Stipulare accordi con le Istituzioni preposte sia a livello provinciale che regionale per effettuare corsi di formazione professionale o di riqualificazione per disoccupati e/o extracomunitari residenti; </li></ul></ul><ul><ul><li>Prevedere incontri con gli imprenditori locali per meglio definire le figure professionali che necessitano. </li></ul></ul>
  20. 20. <ul><li>RAPPORTI CON IL GRUPPO ENI </li></ul><ul><ul><li>Collaborare per la realizzazione di un Progetto di Teleriscaldamento; </li></ul></ul><ul><ul><li>Stipulare convenzioni per l’erogazione di servizi per la comunità; </li></ul></ul><ul><ul><li>Definire accordi quadro con la Raffineria, volti ad avvicinare i neo-diplomati e neo-laureati di Sannazzaro De’ B. e dei paesi limitrofi all’ambiente del lavoro, coinvolgendo anche le maggiori Aziende locali, per arricchire la cultura scolastica dei giovani con specifici corsi di formazione professionale (comprendenti anche forme di affiancamento con i dipendenti) allo scopo di accrescere le loro opportunità di primo impiego nel mondo produttivo nazionale; </li></ul></ul><ul><ul><li>Realizzare le opere previste a seguito della sottoscrizione delle Convenzioni Comune / ENI. </li></ul></ul><ul><li>  </li></ul><ul><li>GEMELLAGGIO </li></ul><ul><li>Il gemellaggio può interessare i cittadini appartenenti a due o più Comuni. Si parla rispettivamente di gemellaggio”bilaterale” e “stellare”. </li></ul><ul><li>Il Patto di Gemellaggio costituisce una formale attestazione di reciprocità di relazioni privilegiate, per intensificare rapporti e scambi interculturali, sociali, politici, economici. </li></ul><ul><li>Il Patto di Amicizia costituisce, invece, un atto formale che prefigura una continuità di rapporti preparatori al Gemellaggio, oppure la definitività di relazioni con città con cui non è possibile o non opportuno procedere al Gemellaggio. </li></ul><ul><li>Il Parlamento Europeo ha ribadito che i gemellaggi sono “di importanza vitale per l'integrazione dei cittadini d'Europa”. Infatti, è stato costituito un Fondo per l'aiuto ai gemellaggi che, gestito dalla </li></ul><ul><li>Commissione Europea di Bruxelles, ha contribuito allo sviluppo quantitativo e qualitativo dei gemellaggi. </li></ul><ul><li>Quindi, grande attenzione verrà posta alla costituzione di nuovi gemellaggi in modo da tener conto dello sviluppo economico, scolastico, della gioventù, della cultura, ecc. </li></ul><ul><li>  </li></ul>
  21. 21. Per vedere realizzati tutti i punti fin qui descritti, vota la Lista “ Silvia Bellini Sindaco” scegli la vera realizzazione del programma non consegnare il paese a chi fa solo promesse senza poi mantenerle. Per un voto utile a Sannazzaro e a tutti i suoi cittadini il 15 e 16 maggio vota Silvia Bellini candidato Sindaco.
  22. 22. Sannazzaresi CREDIAMOCI Votate la lista “Silvia Bellini Sindaco” ed insieme attueremo questo sogno

×