Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Marta faellini 2011 2012-esercizio 4

410 views

Published on

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Marta faellini 2011 2012-esercizio 4

  1. 1. Marta Faellini Evoluzione sociale del Sudafrica 1
  2. 2. Marta Faellini Il Sudafrica La Repubblica del Sudafrica è uno Stato indipendente dellAfrica australe. È situato nella punta meridionale del continente africano e confina a nord con la Namibia, il Botswana e lo Zimbabwe, a nord-est con il Mozambico e lo Swaziland; comprende nei suoi confini il Lesotho. Si affaccia inoltre sulloceano Atlantico e su quello Indiano. Capo Agulhas, il punto più meridionale del continente africano, delimita il confine fra i due oceani. Dalla fine del regime di apartheid – vigente fino ai primi anni novanta – il Paese ha acquisito la denominazione informale di Rainbow Nation ("nazione arcobaleno", ovvero "abitato da persone di diversi colori"). Il Sudafrica è inoltre lunico Paese al mondo con tre capitali: Pretoria, sede del Governo, Città del Capo, dove si trova il Parlamento, e Bloemfontein, sede del potere giudiziario. Ai fini internazionali, tuttavia, è Pretoria a essere identificata come capitale in quanto sede della Presidenza. 2
  3. 3. Marta Faellini La sua popolazione Essendo il Sudafrica un paese fortemente Popolazione sudafricana: multietnico, al suo interno convivono, spesso con difficoltà, etnie bianche, nere, asiatiche e percentuali etnie presenti miste. La legge sudafricana riconosce formalmente quattro macro-categorie etniche: 80 neri, bianchi, "coloured" (gruppi etnici di 75.2 origine mista), e asiatici. 70 Nel 2008 il paese contava 43.786.115 abitanti, di 60 cui il 75,2% era costituito da neri, il 13,6% da bianchi, l’8,6% da etnie miste, dette coloured, 50 e il 2,6% da asiatici. I neri appartengono a 40 numerosi gruppi etnici bantu, tra cui gli zulu, gli xhosa, i sotho, i tswana, i venda, gli ndebele, i 30 tsonga, gli swazi e i pedi. Di questi, gli zulu sono il gruppo più numeroso e rappresentano 20 il 20% della popolazione globale. La maggior 13.86 parte dei bianchi discende dagli inglesi, dai 10 8.6 tedeschi e dagli olandesi, primi colonizzatori 2.6 europei conosciuti come afrikaner (o boeri) 0 Riga 1 Riga 2 Riga 3 Riga 4 che rappresentano circa il 60% della popolazione bianca. I coloured, che abitano soprattutto nelle province del Capo, sono di Da sinistra: neri, bianchi, etnie miste (coloured), asiatici razza mista, derivati principalmente da incroci tra neri e afrikaner. 3
  4. 4. Marta Faellini La sua storia: Dalla colonizzazione europea... Nel 1487, lesploratore portoghese Bartolomeo Diaz oltrepassò il Capo di Buona Speranza, aprendo la via marittima alle Indie. Furono però gli olandesi della Compagnia Olandese delle Indie Orientali i primi a creare un insediamento stabile in Sudafrica, nel 1652, fondando quella che sarebbe poi diventata Città del Capo. Questa fu il punto di partenza di un vasto processo di colonizzazione a cui presero parte europei di diverse origini (soprattutto olandesi, francesi ugonotti, bavaresi e scandinavi) che sciolti i legami con la Compagnia diedero vita a una comunità autonoma, e svilupparono una propria cultura e una propria lingua (lafrikaans). Noti come In seguito allavanzata di Napoleone Bonaparte in "boeri" (dallolandese per "contadino"), i coloni Europa e la successiva caduta dellOlanda, i si espansero verso est e verso nord. britannici occuparono la Colonia del Capo alla fine del XVIII secolo. I rapporti fra i boeri e le popolazioni indigene della zona del Capo (di etnia khoikhoi) furono Nella prima metà del XIX secolo i boeri, oppressi relativamente buoni; i khoikhoi, già nomadi, dal dominio britannico, diedero via a una non fecero che ritrarsi gradualmente di fronte grande migrazione verso nord alla ricerca di allespansione boera. Quando i boeri giunsero nuove terre, passata alla storia col nome di nei pressi dellodierna Port Elizabeth, però, Grande Trek. I voortrekker si stabilirono in essi entrarono in attrito con gli xhosa, che si varie zone del nord, fondando una serie di stavano espandendo in direzione opposta. Ne piccole repubbliche boere, in seguito unitesi derivarono una serie di conflitti noti con il 4 nello Stato Libero di Orange, nome di Guerre della Frontiera del Capo.
  5. 5. Marta Faellini ...alle due guerre mondiali nella Repubblica di Natalia e nella Repubblica internazionale, lUnione attraversò un periodo di del Transvaal, e nello Stellaland, che, forte crisi interna, con attriti sempre più insieme al Capo, costituirono lembrione violenti fra i nazionalisti boeri e la delle future province sudafricane. Le rappresentanza inglese. personalità più eminenti di questa fase furono Paul Kruger e Marthinus Wessel Nel 1931, con lapprovazione dello Statuto di Pretorius. Westminster da parte del parlamento britannico, il Sudafrica ottenne una parziale Lesistenza delle repubbliche era dostacolo autonomia. allespansione dellImpero Britannico, e la scoperta di diamanti e oro nel nordest del In occasione della Seconda guerra mondiale, i Sudafrica contribuirono ad alimentare contrasti mai sopiti fra britannici e boeri linteresse degli inglesi per la completa tornarono a emergere. Una parte dei boeri, annessione del paese. Fra la fine del XIX rappresentata da alcune correnti del Partito secolo e linizio del XX, inglesi e boeri si Nazionale come la Ossewabrandwag, scontrarono in una serie di sanguinosi simpatizzava infatti apertamente per la conflitti noti come guerre anglo-boere. Germania. Ciononostante, il paese prese parte al conflitto sul fronte Alleato. Il boero LUnione Sudafricana prese parte alla prima James Hertzog, che governava il paese dal guerra mondiale a fianco del Regno Unito. 1924 e pretendeva almeno la neutralità del Nel 1920 ottenne il mandato della Società paese, fu costretto a dimettersi. delle Nazioni per il controllo dellAfrica del Sud-Ovest (Namibia), strappata ai tedeschi. Nonostante laumento del suo prestigio 5
  6. 6. Marta Faellini Lapartheid... costretti a trasferirsi. In Sudafrica, mentre i neri e i meticci costituivano l80% circa della popolazione, i bianchi si dividevano in colonie di origine inglese ed afrikaner. Gli afrikaner, che costituivano la maggioranza della popolazione bianca di origine olandese, erano da sempre favorevoli ad una politica razzista; mentre i sudafricani di origine inglese, malgrado il sostanziale appoggio dellapartheid, erano più concilianti nei confronti dei connazionali neri. Nel 1931 Londra riconobbe di fatto Il termine "apartheid" è stato usato in senso l’indipendenza del Sudafrica, nell’ambito del politico per la prima volta nel 1917 dal primo Commonwealth, e la politica interna si spostò ministro sudafricano Jan Smuts, ma, solo dopo in senso sempre più marcatamente razzista. la vittoria del National Party alle elezioni del Durante la seconda guerra mondiale un 1948, lidea venne trasformata in un sistema gruppo di intellettuali afrikaner influenzati dal legislativo compiuto.I principali ideologi nazismo completò la teorizzazione del dellapartheid furono i primi ministri Daniel progetto dellapartheid. La filosofia François Malan, Johannes Gerhardus Strijdom dellapartheid affermava di voler dare ai vari e Hendrik Frensch Verwoerd. Lapartheid gruppi razziali la possibilità di condurre il aveva due manifestazioni: la separazione dei proprio sviluppo sociale in armonia con le bianchi dai neri nelle zone abitate da entrambi; proprie tradizioni. Più tardi venne creata listituzione dei bantustan, i territorisemi- unorganizzazione segreta per promuovere gli indipendenti in cui molti neri furono interessi degli afrikaner. Lapartheid prese definitivamente forma nel 1948. 6
  7. 7. Marta Faellini ...le principali leggi... Proibizione dei matrimoni interrazziali. Legge che proibiva rapporti sessuali con persona di razza diversa in quanto reato penalmente perseguibile. Population Registration Act: legge che imponeva ai cittadini di essere registrati in base alle loro caratteristiche razziali. Legge che permetteva di bandire ogni opposizione che venisse etichettata dal Governo come “comunista”. Legge che proibiva alle persone di diverse razze di entrare in alcune aree urbane Legge che proibiva a persone di colore diverso di utilizzare le stesse strutture pubbliche. Legge che prevedeva una serie di provvedimenti tutti tesi a rendere più difficile per i neri laccesso allistruzione. Legge che sanciva la discriminazione razziale in ambito lavorativo. Legge che istituiva i bantustan, ghetti per la popolazione nera, nominalmente indipendenti ma in realtà sottoposti al controllo del governo sudafricano. Legge che privava della cittadinanza sudafricana e dei diritti a essa connessi gli abitanti dei bantustan. Nel 1956 la politica di apartheid fu estesa a tutti i cittadini di colore compresi gli asiatici. 7
  8. 8. Marta Faellini La lotta contro lapartheid e Nelson Mandela In Sudafrica l’inasprimento della legislazione Tra il 1989 e il 1991, con la scarcerazione di razzista fu fortemente osteggiato da un Mandela si crearono le condizioni per movimento politico che raccolse consensi l’abolizione della legislazione dell’apartheid. In sempre maggiori tra le popolazioni un clima di pacificazione nazionale e di discriminate, l’African National Congress. collaborazione, sia pur difficile, tra tutte le Esso fu istituito all’inizio del Novecento, ma il forze politiche, Mandela venne poi eletto partito assunse il carattere di movimento di presidente della Repubblica nel 1994. massa a partire dal secondo dopoguerra, quando ne divenne leader Nelson Mandela che finì con l’assumere posizioni non violente, sulla base del modello ghandiano, dando vita a grandi manifestazioni, ad atti di disobbedienza civile e di resistenza passiva. La reazione del governo fu durissima. A Sharpeville nel 1960, a Soweto nel 1976 e nuovamente nel 1986, si ebbero vere e proprie stragi. Il Sudafrica dovette subire la dura opposizione dell’opinione pubblica internazionale, che si espresse anche con condanne da parte dell’organizzazione e dell’ONU, e con pressioni inglesi così forti che il governo africano decise l’uscita dal Commonwealth nel 1961 e la nascita della Repubblica Sudafricana. 8

×