PICCOLE IMPRESE E SOCIAL NETWORK:      BINOMIO AD ALTO POTENZIALE                 A CURA DI: GIULIANO PELLIZZARI
WHAT ‘R’ WE TALKING ABOUT?I social network sono tutti quei sistemi chepermettono di mantenersi in contatto con amici,compa...
UNA FRASE, UNA SPIEGAZIONE      Il Web è più uninnovazione sociale che      uninnovazione tecnica.                        ...
LE BASI SOCIOLOGICHE            La coscienza collettiva è linsieme            delle credenze e dei sentimenti            c...
SU QUALI PRINCIPI SI BASA• COMMUNITYAggregare le persone in base ai propri interessi, offrendoriconoscimento e senso di ap...
RILEVANZE DEI SOCIAL NETWORK• ASPETTO SOCIALE  – Creano nuovi legami nell’identificazione a gruppi di    appartenenza, nuo...
I SOCIAL E LE PICCOLE E MICRO AZIENDE         Prima di tutto domandiamoci:•   Perché devo essere on line?•   Perché devo u...
RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?     1.   Perché tutti i concorrenti diretti lo fanno     2. ...
RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?2. Perché devo usare un social media?   1.   Perché il mio si...
RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?2. Perché devo usare un social media?3. Da dove mi conviene i...
RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1.    Perché devo essere on line?2.    Perché devo usare un social media?3.    Da dove mi c...
RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1.    Perché devo essere on line?2.    Perché devo usare un social media?3.    Da dove mi c...
I SOCIAL E LE PICCOLE E MICRO AZIENDEDovremmo partire da un… …un Piano Marketing                 che identifichi:         ...
IL TARGET CLIENTE                                                                Età                                      ...
IL TONO RELAZIONALE•   Formale (oh, ma hai visto…)•   Informale (come è possibile notare…)•   Confidente (noi insieme poss...
CHE NOME – FRASE SCEGLIERE                  •   Coinvolgente                  •   Schietta                  •   Asettica  ...
ANALISI DEI COMPETITORS• Punti di forza e di debolezza di ogni concorrente• Gamma di prodotto - prezzo presentato o offert...
ULTIMI ELEMENTI1. Investimento in ore /uomo   1. In relazione agli obiettivi prestabiliti   2. In funzione degli investime...
LA RUOTA STRATEGICA DEL MARKETING
ALCUNE REGOLE CHIAVE PER L’USO1. Su internet non si scrive a matita ma con l’inchiostro.2. Verifica (rileggi) prima di pub...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Piccole imprese e social network: binomio ad alto potenziale

1,049 views

Published on

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,049
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
198
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Piccole imprese e social network: binomio ad alto potenziale

  1. 1. PICCOLE IMPRESE E SOCIAL NETWORK: BINOMIO AD ALTO POTENZIALE A CURA DI: GIULIANO PELLIZZARI
  2. 2. WHAT ‘R’ WE TALKING ABOUT?I social network sono tutti quei sistemi chepermettono di mantenersi in contatto con amici,compagni di scuola, colleghi di lavoro.In internet sono connessi più di un miliardo diindividui, provenienti da ogni parte del mondo, checercano continuamente di comunicare sia congente della vita reale sia con persone conosciutesolamente online.
  3. 3. UNA FRASE, UNA SPIEGAZIONE Il Web è più uninnovazione sociale che uninnovazione tecnica. Tim Berners-LeeInformatico britannico e co-inventore del World Wide Web con Robert Cailliau.
  4. 4. LE BASI SOCIOLOGICHE La coscienza collettiva è linsieme delle credenze e dei sentimenti comuni alla media dei membri di una società. Questo insieme ha una vita propria essa non esiste che attraverso i sentimenti e le credenze presenti nelle coscienze individuali. Ma evolve secondo leggi proprie. Émile Durkheim
  5. 5. SU QUALI PRINCIPI SI BASA• COMMUNITYAggregare le persone in base ai propri interessi, offrendoriconoscimento e senso di appartenenza.• RILEVANZATutti gli argomenti trattati nelle pagine e nei gruppi diappartenenza fungono da collante relazionale.• TECNOLOGIAPermette di creare un ponte virtuale per connettere lepersone e condividere la conoscenza.
  6. 6. RILEVANZE DEI SOCIAL NETWORK• ASPETTO SOCIALE – Creano nuovi legami nell’identificazione a gruppi di appartenenza, nuove relazioni indirette ma a bassa mediazione (rispetto le chat). Sono opportunità di protagonismo nella cultura dell’immagine.• ASPETTO PSICOLOGICO – Esplicano la necessità dell’uomo contemporaneo di relazionarsi esponendo emozioni e pensieri in forma mediata in tempi e modi autogestiti.• ASPETTO ECONOMICO – Permettono la diffusione di brand minori, la riconoscibilità dell’azienda nelle forme di mission e vision reali.
  7. 7. I SOCIAL E LE PICCOLE E MICRO AZIENDE Prima di tutto domandiamoci:• Perché devo essere on line?• Perché devo usare un social media?• Da dove mi conviene iniziare?• Rientra nelle mie corde?• Sono disposto a trovare il tempo per farlo?
  8. 8. RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line? 1. Perché tutti i concorrenti diretti lo fanno 2. Perché posso farmi vedere da nuovi clienti 3. Perché i clienti reali cercano fidelizzazione on line 4. Perché il passaparola on line è funzionale alle mie vendite 5. Perché vorrei un giorno vendere on line 6. Perché non mi conosce nessuno al di fuori dei clienti reali 7. Perché ho bisogno di brand awareness 8. Perché voglio espandere i miei canali di vendita o il mio mercato 9. Perché il mio target è on line.2. Perché devo usare un social media?3. Da dove mi conviene iniziare?4. Rientra nelle mie corde?5. Sono disposto a trovare il tempo per farlo?
  9. 9. RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?2. Perché devo usare un social media? 1. Perché il mio sito è una cattedrale nel deserto 2. Perché ho capito che si va in questa direzione 3. Perché le relazioni sono alla base della vendita anche in diretta 4. Perché trovare clienti è più facile se quando ti presenti ti conosco già: (si chiama branding.) 5. Perché ho bisogno di far conoscere un mio nuovo prodotto/servizio a basso costo3. Da dove mi conviene iniziare?4. Rientra nelle mie corde?5. Sono disposto a trovare il tempo per farlo?
  10. 10. RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?2. Perché devo usare un social media?3. Da dove mi conviene iniziare? 1. Scelgo i social in funzione di un piano di marketing. 2. Creo un profilo e mi metto in contatto con chi conosco. 3. Pubblico un alto numero di contenuti che attraggano l’attenzione. 4. Eseguo una piccola azione di adv per aumentare i followers. 5. Condivido solo cose che possano interessare. 6. Invito ad eventi (pochi) in azienda o fuori dedicati solo agli iscritti.4. Rientra nelle mie corde?5. Sono disposto a trovare il tempo per farlo?
  11. 11. RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?2. Perché devo usare un social media?3. Da dove mi conviene iniziare?4. Rientra nelle mie corde? 1. Sono una persona tecnologica per passione o per dovere? 2. Quanto voglio investire in azioni così intangibili? 3. Sono disposto ad esibire (mostrare) la mia faccia o il mio nome? 4. Sono disposto a dover gestire critiche potenziali da persone che non conosco e che non hanno mai lavorato con me di persona? 5. Sono pronto ad affrontare una nuova voce di investimento?5. Sono disposto a trovare il tempo per farlo?
  12. 12. RISPONDIAMO ALLE NOSTRE DOMANDE1. Perché devo essere on line?2. Perché devo usare un social media?3. Da dove mi conviene iniziare?4. Rientra nelle mie corde?5. Sono disposto a trovare il tempo per farlo? 1. Utilizzo le ore/lavoro per lo sviluppo e la gestione 2. Utilizzo almeno 2 ore al giorno per la gestione e l’aggiornamento 3. Dedico solo il mio tempo libero ovvero la sera dopocena… 4. Dedico il mio tempo commerciale anche all’attività on line. 5. Inizio a collaborare con chi possa aiutarmi nella gestione (possibilmente giovane e a basso costo).
  13. 13. I SOCIAL E LE PICCOLE E MICRO AZIENDEDovremmo partire da un… …un Piano Marketing che identifichi: • Target • Obiettivi • Strumenti di relazione • Tono relazionale • Che nome – frase scegliere • Analisi dei competitors • Investimento in ore /uomo • Timing di raggiungimento obiettivi • Costi investimento adv a supporto
  14. 14. IL TARGET CLIENTE Età Sesso Lingua parlata DEMOGRAFICA Posizione geografica SpostamentiChe tipo di relazione cercano Luoghi di villeggiaturaCosa li fidelizza PSICOGRAFICA SEGMENTAZIONE DI MERCATO GEOGRAFICAChe stile di vita desiderano Tipologia di siti frequentatiCome ragionano davanti agli stimoli Su quali social li trovoChe vantaggi cercano In quali orari leggono COMPORTAMENTALE In quali giornate leggono Che interessi hanno Che tipo di relazioni costruiscono Che stile di vita hanno (se finali) Che cosa li stimola
  15. 15. IL TONO RELAZIONALE• Formale (oh, ma hai visto…)• Informale (come è possibile notare…)• Confidente (noi insieme possiamo)• Deferente (tu sicuramente potrai)• Diretto (coinvolgente)• Indiretto (notiziario)
  16. 16. CHE NOME – FRASE SCEGLIERE • Coinvolgente • Schietta • Asettica • Violenta • Schiva
  17. 17. ANALISI DEI COMPETITORS• Punti di forza e di debolezza di ogni concorrente• Gamma di prodotto - prezzo presentato o offerto• Forma relazionale (ovvero come lui parla ai suoi followers)• Politiche di acquisizione e promozione (come lui recupera followers e come fa promozione per la propria azienda. «I bravi artisti copiano, i grandi artisti rubano».
  18. 18. ULTIMI ELEMENTI1. Investimento in ore /uomo 1. In relazione agli obiettivi prestabiliti 2. In funzione degli investimenti effettuati 3. In funzione dei canali di vendita2. Timing di raggiungimento obiettivi 1. Stabilire un gantt e relative priorità3. Costi investimento adv a supporto 1. Quanto on line 2. Quanto su carta 3. Quanto in relazioni ed eventi
  19. 19. LA RUOTA STRATEGICA DEL MARKETING
  20. 20. ALCUNE REGOLE CHIAVE PER L’USO1. Su internet non si scrive a matita ma con l’inchiostro.2. Verifica (rileggi) prima di pubblicare3. Se riprendi una notizia esterna commentala in modo adeguato.4. Se pubblichi filmati o slide verifica di non ledere i diritti altrui (musica, immagini ecc ecc).5. Più materiale originale pubblichi e più ti seguono.6. Più materiale locale pubblichi e più di seguono.

×