Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Assemblea assocarta 19_6_2013_paolo_culicchi [modalità compatibilità]

269 views

Published on

Presentation of the Italian pulp and paper Sector duting 2012 and first quarter of 2013 with reference to strategic issue like energy costs ETS raw materials cellulose and recycled paper

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Assemblea assocarta 19_6_2013_paolo_culicchi [modalità compatibilità]

  1. 1. Assemblea Ordinaria Roma, 19 giugno 2013 Paolo Culicchi Presidente Assocarta
  2. 2. L’anno che non ha cambiato la vita degli italiani PIL -2,4% Produzione Industriale –6,4% Investimenti fissi lordi -8% Domanda interna -3,9% Spesa delle famiglie -4,3% Tasso di disoccupazione oltre l’11%
  3. 3. E l’industria della carta? Produzione di 8,6 milioni di tonnellate (- 5% rispetto all’anno precedente); Fatturato 6,75 miliardi di euro (-7%); Stabilimenti: 186 nel 2007 160 nel 2012 Le situazioni di crisi che si sono evidenziate nel 2012 hanno determinato nuove perdite di capacità produttiva.
  4. 4. Le esportazioni 3,6 milioni = 42,3% della produzione
  5. 5. 400 milioni di tonnellate Produzione di carte e cartoni Mondo: 400milioni di tonnellate; Area CEPI 92 milioni di tonnellate (-1,6%). È la Cina, che cresce del 7% (106 milioni di ton)!
  6. 6. Fatturato 32,9 miliardi di euro (-7,9%); Export 9,1 miliardi di euro (-1,3%); In evoluzione il rapporto export su fatturato (27,6% rispetto al 25,8%): una conferma della progressiva apertura della filiera ai mercati internazionali Carta, Editoria, Stampa, e Trasformazione – La Filiera Caduta dei ricavi pubblicitari; Erosione del mercato dovuta ai nuovi media elettronici.
  7. 7. La fitta incertezza della crisi Espansione dei mercati emergenti (80% dell’aumento del PIL mondiale); Produzione industriale in calo per il nono trimestre consecutivo; Indicatori anticipatori che non delineano inversioni di tendenza; Redditi delle famiglie e occupazione calanti. Produzione cartaria: –1,8% (gennaio – aprile)
  8. 8. Consumo di carta da macero Italia 4,6 milioni di tonnellate (-8,1%); Raccolta pro-capite 50,6 kg/ab; Tasso di riciclo degli imballaggi 80%. La carta da macero 9 imballaggi su 10 sono recuperati e riciclati
  9. 9. L’ export di carta da macero 0 50 100 150 200 250 0 20 40 60 80 100 120 140 160 gen-07 mar-07 mag-07 lug-07 set-07 nov-07 gen-08 mar-08 mag-08 lug-08 set-08 nov-08 gen-09 mar-09 mag-09 lug-09 set-09 nov-09 gen-10 mar-10 mag-10 lug-10 set-10 nov-10 gen-11 mar-11 mag-11 lug-11 set-11 nov-11 gen-12 mar-12 mag-12 lug-12 set-12 nov-12 gen-13 mar-13 mag-13 ImportCinesedaEuropa(1.000tonn) prezziinEuropa(€/tonn) 1.02 qualità miste selezionate ‐ Import Cinese da Europa (1.000 tonn.) e prezzi nei  principali mercati europei (€/tonn) ‐ Fonti: PPI Europe, Dogane Cinesi IMPORT CINESE DA EUROPA (1.000 tonn) ITALIA (€ / tonn) FRANCIA (€ / tonn) GERMANIA (€ / tonn) UK (€ / tonn) Il 31 % del macero raccolto esce dai confini nazionali.
  10. 10. Costi energetici: tra il 20 e il 40% e oltre Rapporto costi energetici-fatturato dal 20 al 50%; Rapporto costi energia-valore aggiunto alla tedesca per una cartiera superiore al 100%; Consumo annuo di gas pari a circa 2,3 miliardi di mc; Consumo annuo di gas pari a circa 2,3 miliardi di mc. Più del 50% dell’energia elettrica è autoprodotta
  11. 11. Prezzi energia elettrica Consumo annuo di energia elettrica pari a oltre 6 TWh di cui più del 50% autoprodotto.
  12. 12. Prezzi gas naturale Situazione è insostenibile: la competitività dell’industria è seriamente a rischio.
  13. 13. Oneri di sistema – A3 I costi accessori pesano in bolletta più del costo dell’energia.
  14. 14. Interventi positivi Separazione proprietaria Snam rete gas; Avvio del mercato del bilanciamento; Potenziamento dello stoccaggio tramite allocazione stoccaggio all’industria: avvicinamento prezzi estate inverno.
  15. 15. Interventi da realizzare Aumentare la liquidità del mercato gas per mantenere prezzo italiano agganciato a quello europeo: mercato a termine, sbottigliamento Transitgas, agevolare lo scambio di gas all’interno dell’UE; Sviluppo GNL per cogliere opportunità si dovessero generare per sviluppo shale gas; Revisione generale delle regole dello stoccaggio (incluso 130) per affrontare problema sicurezza.
  16. 16. I punti aperti Positivo intervento per adozione art 39 per le imprese a forte consumo di energia occorre attuare rapidamente la misura; Prevedere un art. 39 per il gas: oggi gli oneri del sistema gas (furbetti del bilanciamento, reintegro ricavi Stogit ecc) sono applicati in maniera lineare su tutto il consumo di gas senza tenere conto dell’intensità e del volume.
  17. 17. I punti aperti Attuazione dell’art 39 per la revisione del sistema delle accise; Prevedere per l’autoproduzione lo stesso trattamento previsto dagli altri Paesi europei: mettere l’industria nelle condizioni di competere e non di svantaggio competitivo.
  18. 18. Emissions Trading Un modo “schizofrenico” in cui muovono le istituzioni comunitarie e nazionali, una politica economica e ambientale non coerente e frutto di approcci che incorporano obiettivi talvolta incompatibili. Da un lato la Commissione UE riconosce che il settore cartario è esposto al rischio di delocalizzazione (c.d. carbon leakage) e quindi meritevole di compensazioni (già riconosciute in altri paesi europei ma in Italia no); Allo stesso tempo propone di incrementare artificiosamente il costo della CO2 con il “backloading” di 900 milioni di tonnellate di CO2.
  19. 19. Fare di più, con meno I rifiuti di processo potrebbero costituire un’importante fonte di energia per il settore e per il Paese. Un piccolo recupero di efficienza che potrebbe ridare competitività al settore; Le cartiere sono un eco-sistema nella duplice accezione di economica ed ecologica
  20. 20. Versatile per eccellenza, la carta vede riunite in sé le qualità della rinnovabilità e della riciclabilità, che ne fanno un attore naturale nello sviluppo della "green economy" La carta c’è
  21. 21. Sciogliere i nodi competitivi lo sbottigliamento del Transitgas e l’agevolare il trasporto del gas all’interno dell’UE ; avviare delle infrastrutture GNL; dare attuazione all’art. 39 sulla parte oneri di sistema, tenendo ben presente che occorre tuttavia replicare lo stesso meccanismo anche nella parte gas. L’art 39 deve essere attuato anche nella parte in cui prevede una revisione delle accise per i settori energy intensive;
  22. 22. sul tema dell’autoproduzione parità trattamento alle imprese italiane per consentire loro di continuare a competere a livello europeo (pur condividendo le preoccupazioni avanzate dall’AEEG circa la non sostenibilità per il futuro del meccanismo degli oneri di sistema...); puntare sul riciclo di prossimità e introdurre un sistema di monitoraggio dell’export in linea con le direttive comunitarie; Sciogliere i nodi competitivi
  23. 23. dare attuazione alle disposizioni di legge che impongono il recupero energetico prioritario per i rifiuti che provengono dal riciclaggio; attivare anche in Italia misure di compensazione dei costi indiretti per il settore cartario, come previsto dalle recenti linee guida comunitarie. Respingere ulteriori iniziative in materia di “backloading”. Meglio ancora sarebbe superare il sistema Ets con un’iniziativa europea che spinga effettivamente gli investimenti e l’innovazione in tutta l’industria. Sciogliere i nodi competitivi

×