Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

La nuova UNI EN 689 sulle strategie di valutazione della conformità ai limiti di esposizione e la UNI/TS 11710 sulle cappe di laboratorio

73 views

Published on

Il 19 novembre 2018 UNI e UNICHIM (Associazione per l'Unificazione nel settore dell'Industria Chimica) hanno organizzato un incontro al fine di presentare la recente revisione della norma UNI EN 689:2018 a igienisti industriali, responsabili dei servizi di prevenzione e protezione, medici competenti, esperti di valutazione e gestione dei rischi negli ambienti di lavoro...
Marco Ortelli, titolare della Marco Ortelli srl, da sempre parte attiva sull'argomento, è stato tra i relatori della presentazione circa la norma UNI/TS 11 710 specifica sulla riduzione dell’esposizione agli agenti chimici mediante l’uso di cappe di laboratorio.

Published in: Health & Medicine
  • Login to see the comments

La nuova UNI EN 689 sulle strategie di valutazione della conformità ai limiti di esposizione e la UNI/TS 11710 sulle cappe di laboratorio

  1. 1. UNI 19 novembre 2018 Lucilla Strada Marco Ortelli Università degli Studi di Pavia Marco Ortelli Srl Dipartimento di Chimica marco@marcoortelli.it lucilla.strada@unipv.it Coordinatore GDL «Laboratori» UNICHIM Normativa sul rischio chimico e qualità dell’aria negli ambienti di lavoro Presentazione della norma UNI EN 689:2018 e della specifica tecnica TS sulle cappe di laboratorio UNI TS 11710:2018 UNI TS 11710:2018 Cappe per la manipolazione di sostanze chimiche. Valori limite per contenimento, velocità frontale e ricambi d'aria
  2. 2. IDONEITÀ dei dispositivi di sicurezza richiesta dagli articoli legislativi : • Costituzione della Repubblica italiana–artt.32,35,38,41 • Codice Civile-artt. 2050-2087 • Codice Penale-artt.437-451-590 • Regolamento 2016/425 Dispositivi di protezione individuale
  3. 3. IDONEITÀ dei dispositivi di sicurezza •D.Lgs. 81/08 in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro: • Art 64 Obblighi del datore di lavoro 1 Il datore di lavoro provvede affinché́: … omissis… e) gli impianti e i dispositivi di sicurezza, destinati alla prevenzione o all’eliminazione dei pericoli, vengano sottoposti a regolare manutenzione e al controllo del loro funzionamento.
  4. 4. • Art. 71. Obblighi del datore di lavoro 1) Il datore di lavoro mette a disposizione dei lavoratori attrezzature conformi ai requisiti di cui all’articolo precedente, idonee ai fini della salute e sicurezza e adeguate al lavoro da svolgere o adattate a tali scopi che devono essere utilizzate conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle direttive comunitarie. … omissis… 4)Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché́: a) le attrezzature di lavoro siano: 1) installate ed u6lizzate in conformità̀ alle istruzioni d’uso; 2) oggetto di idonea manutenzione al fine di garantire nel tempo la permanenza dei requisiti di sicurezza di cui all’articolo 70 e siano corredate, ove necessario, da apposite istruzioni d’uso e libretto di manutenzione; 3) assoggettate alle misure di aggiornamento dei requisiti minimi di sicurezza stabilite con specifico provvedimento regolamentare adottato in relazione alle prescrizioni di cui all’articolo 18, comma 1, lettera z); … omissis… IDONEITÀ dei dispositivi di sicurezza
  5. 5. 8) Fermo restando quanto disposto al comma 4, il datore di lavoro, secondo le indicazioni fornite dai fabbricanti ovvero, in assenza di queste, dalle pertinenti norme tecniche o dalle buone prassi o da linee guida, provvede affinché́: a) le attrezzature di lavoro la cui sicurezza dipende dalle condizioni di installazione siano sottoposte a un controllo iniziale (dopo l’installazione e prima della messa in esercizio) e ad un controllo dopo ogni montaggio in un nuovo cantiere o in una nuova località di impianto, al fine di assicurarne l’installazione corretta e il buon funzionamento; b) le attrezzature soggette a influssi che possono provocare deterioramenti suscettibili di dare origine a situazioni pericolose siano sottoposte: 1. ad interventi di controllo periodici, secondo frequenze stabilite in base alle indicazioni fornite dai fabbricanti, ovvero dalle norme di buona tecnica, o in assenza di queste ultime, desumibili dai codici di buona prassi; 2. ad interventi di controllo straordinari al fine di garantire il mantenimento di buone condizioni di sicurezza, ogni volta che intervengano eventi eccezionali che possano avere conseguenze pregiudizievoli per la sicurezza delle attrezzature di lavoro, quali riparazioni, trasformazioni, incidenti, fenomeni naturali o periodi prolungati di inattività; c) gli interventi di controllo di cui alle lettere a) e b) sono volti ad assicurare il buono stato di conservazione e l’efficienza a fini di sicurezza delle attrezzature di lavoro e devono essere effettuati da persona competente. …omissis… IDONEITÀ dei dispositivi di sicurezza
  6. 6. Titolo IX del D. Lgs. 81/2008: SOSTANZE PERICOLOSE Valutazione del rischio • … omissis… • i valori limite di esposizione professionale o i valori limite biologici • gli effetti delle misure preventive e protettive Principali misure generali per la protezione della salute e per la sicurezza: • dispositivi protezione collettiva • DPI • formazione ed informazione dei lavoratori
  7. 7. STANDARD dispositivi protezione collettiva EN 14175 • Part 1: Vocabulary • Part 2: Safety and performance requirements • Part 3: Type test methods • Part 4: On-site test methods • Part 5: Recommendations for installation and maintenance • Part 6: Variable air volume fume cupboards • Part 7: Fume cupboards for high heat and acidic load ANSI/ASHRAE Standard 110-2016
  8. 8. CRITERIO DI ACCETTABILIÀ , IDONEITÀ Specifica tecnica UNI TS Cappe di Laboratorio chimico - valori limite per: contenimento, velocità frontale e ricambi d'aria UNI TS 11710
  9. 9. CONFORMITA’ Determinazione IDONEITÀ Alla destinazione d’uso
  10. 10. FATTORE DI CONTENIMENTO = tracciante SF6 immesso l/min = portata aria aspirata dal fronte m3/h = concentrazione di SF6 rilevata all’esterno ppm
  11. 11. In pratica: TLV prodotto specifico manipolazione specifica
  12. 12. Misurata a 50cm Non inferiore a V ambiente Sonda multi-punto per la registrazione in contemporanea Utilizzata per le verifiche periodiche a garanzia del mantenimento delle prestazioni Velocità FRONTALE
  13. 13. ALTRE INDICAZIONI Differenza di pressione massima accettata Numero ricambi d’aria/ora del laboratorio
  14. 14. Documentazione a corredo • dichiarazione di conformità, riferita univocamente al bene in questione (S.N. o ID riferimento produttivo) o, in alternativa, certificato/dichiarazione di conformità delle singole posizioni, così come richiesto dalla UNI EN14175-4 • test report, come prescritto dalla UNI EN14175-3, par. 10 • modello e specifiche tecniche del regolatore di portata VAV, ove presente • test report del VAV come indicato nella UNI EN14175-6, p.ti 9.1 e 9.2, incluso il tempo di risposta dello stesso VAV. E' consigliabile che le certificazioni siano fornite da Ente terzo

×