Pdl vas regione liguria 2012

1,396 views

Published on

Disegno di legge Regione Liguria sulla disciplina della procedura di valutazione ambientale dei piani programma - 2012

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,396
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Pdl vas regione liguria 2012

  1. 1. Disposizioni in materia di valutazione ambientale strategicaCon il DDL in oggetto la Regione Liguria intende dare attuazione alle disposizioni statali in materiadi VAS (Valutazione Ambientale Strategica), contenute nella parte I (articoli da 1 a 3 sexies) e II(articoli da 4 a 18) del Dlgs 152/2006 e s.m. di recepimento della Direttiva della Comunità Europea2001/42/CE sulla VAS in vigore dal 21/7/2004.Come noto attualmente in Liguria vige una disciplina transitoria, introdotta in attesadell’emanazione di apposita normativa regionale, costituita dall’articolo 46 della l.r. 12 Aprile 2011n. 10 che ha sostituito l’originario articolo 46 della l.r. 28 Aprile 2008 n. 10 il quale, a sua volta, eragià stato modificato dall’articolo 5 della l.r. 1 Luglio 2008 n. 20.Detto articolo 46, nella sua attuale formulazione, stabilisce che fino all’emanazione della normativaregionale in materia di VAS, per i piani, i programmi e le loro varianti rientranti nel campo diapplicazione della VAS o della verifica di assoggettabilità a VAS come definito dall’articolo 6commi 2, 3 e 3 bis del Dlgs n. 152/2006 e s.m. ed il cui procedimento di formazione sia statoavviato prima della entrata in vigore della l.r. n. 10/2008, la procedura di VAS o di verifica diassoggettabilità è regolata dalle disposizioni statali del Dlgs 152 sopra richiamato. Per effetto dellaemanazione del ridetto articolo 46 è stata, quindi, sancita l’applicazione della procedura diVAS/verifica di assoggettabilità anche nei confronti dei piani e programmi il cui procedimento diformazione fosse stato avviato prima del 31-07-2007, data di entrata in vigore delle disposizionistatali sulla VAS come modificate dal Dlgs n. 4/2008 in sostituzione di quelle originarie del Dlgs n.152/2006.Ciò premesso, l’articolato proposto dal DDL in esame si prefigge di introdurre una disciplinaregionale organica ed esaustiva della complessa materia che, in attuazione della ridetta normativastatale ed in conformità alla sopra menzionata Direttiva Comunitaria, preveda l’integrazione dellaVAS nei procedimenti di formazione dei piani e programmi e disciplini le relative procedure inchiave di razionalizzazione, semplificazione e coordinamento dei procedimenti.E’ nota infatti l’esigenza di disporre di un quadro normativo che, nel rispetto dei principi sancitidalla normativa comunitaria e statale, definisca il modello metodologico procedurale per lavalutazione di piani e programmi nell’ambito del loro processo di formazione in modo da assicurareche le relative previsioni corrispondano ad obiettivi di sostenibilità ambientale.Il modello applicativo definito a livello comunitario e nazionale risulta calato necessariamente nellaspecifica disciplina della pianificazione regionale; ne deriva una definizione del campo diapplicazione in base alla quale gli strumenti attuativi dei piani territoriali e urbanistici sonoassimilati ai progetti.Nel Titolo I (articoli da 1 – 3) sono contenute le disposizioni di carattere generale.In particolare per quanto concerne l’articolo 2 sono state richiamate e riportate nell’allegato E alDDL le definizioni contenute nell’articolo 5 del D.lgs n. 152 che sono ritenute rilevanti ai fini delladisciplina di che trattasi.Nell’articolo 3 è stato stabilito il campo di applicazione della proceduta di VAS/verifica diassoggettabilità mutuandolo dall’articolo 6 del ridetto D.lgs n. 152 ed in coerenza con la Direttiva2001/42/CE. In tale articolo si è prevista, in particolare, una più puntuale definizione dei piani eprogrammi soggetti a verifica di assoggettabilità a VAS rispetto alle disposizioni di cui ai commi 3e 3bis del sopracitato articolo 6 in coerenza con gli orientamenti interpretativi nel frattempo emersia livello sia giurisprudenziale sia di prassi amministrativa.Nello specifico nel comma 1 sono state riprese le disposizioni di cui al comma 2 del ridetto articolo6 del Dlgs n. 152, con l’inserimento nella lettera b) del richiamo alla vigente normativa regionale inmateria di Tutela e Valorizzazione della Biodiversità (l.r. 10/7/2009 n. 28 e DGR n. 328/2006recanti criteri e indirizzi per l’applicazione della valutazione di incidenza). Infatti attraverso il
  2. 2. richiamo della normativa regionale in materia di valutazione di incidenza è possibile ricavare i casiin cui i piani e programmi sono soggetti a VAS in quanto contenenti previsioni di interventi ditrasformazione o comunque aventi incidenza sui Siti Rete Natura 2000.Nei commi 2 e 3 dell’articolo in esame - rispetto alla formulazione prevista nei commi 3 e 3 bis delcitato articolo 6 del Dlgs 152, che, in quanto generica ed indeterminata, potrebbe generarel’esperimento della procedura di verifica in ogni caso – sono state puntualmente definite lefattispecie di piani e programmi da assoggettare alla procedura di verifica prevista nel successivoarticolo 12, in quanto aventi potenziali effetti sull’ambiente.In particolare nel comma 2 è stato delineato in modo specifico il campo di applicazione dellaprocedura di verifica sopra menzionata con riferimento alle “previsioni di piani e programmi di cuial comma 1 aventi ad oggetto l’uso di piccole aree a livello locale e le modifiche minori deimedesimi piani e programmi”, attraverso l’individuazione nell’allegato A) alla presente legge deglielementi di natura sia ambientale, sia urbanistico-territoriale che assumono rilevanza in termini dipotenziali effetti sull’ambiente.Più specificamente si segnala che in base alle fattispecie individuate nel citato allegato A) risultanoda sottoporre a verifica di assoggettabilità le previsioni di piani e programmi e loro modificheriguardanti l’uso di piccole aree a livello locale o le modifiche minori che comportino:1) qualsiasi tipo di utilizzo avente ad oggetto aree inondabili e/o a suscettività al dissesto medio - alta, in aree umide o carsiche o in corridoi ecologici di cui alla Rete Ecologica Ligure;2) incremento del carico insediativo in condizioni di carenza di dotazione idropotabile e/o di potenzialità depurativa, attestata dal competente gestore del servizio;3) varianti al P.T.C.P., sub Assetto Insediativo delle indicazioni del livello locale, relative ai regimi normativi di Conservazione ed ai regimi normativi ANI-MA, IS-Ma saturo, IS-MA-CPA e IS-MA;4) incrementi del suolo urbanizzato superiori al 30% o incrementi della superficie impermeabilizzata superiori al 15% rispetto alla superficie attuale dell’ambito di riferimento, che determinino la riduzione del suolo occupato da attività agricole, o di zone di presidio ambientale o di zone boschive;5) nuove aree da urbanizzare, esterne ai centri abitati, aventi superfici superiori a 1 ettaro o comportanti realizzazione di superficie impermeabilizzata superiore a 5.000 metri quadrati, che determinino la riduzione del suolo occupato da attività agricole, o di zone di presidio ambientale o di zone boschive;6) un peggioramento del comparto aria, in quanto: a) per gli edifici residenziali o assimilabili alla residenza, non sia prevista la classe di consumo energetico “A”; b) per gli edifici destinati a funzioni produttive ivi compresi quelli ad uso commerciale, non sia prevista l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili pari ad almeno il 50% del fabbisogno proprio dell’attività produttiva e la classe di consumo energetico C; c) non sia garantito il rispetto degli standard di qualità dell’aria come definiti nella pianificazione regionale di settore.Il successivo comma 3 dell’articolo 3 disciplina le fattispecie di piani e programmi e loro modifichericadenti nel campo di applicazione del comma 3 bis dell’articolo 6 del Dlgs 152, prevedendol’assoggettamento alla verifica di assoggettabilità sopra richiamata anche dei piani e programmiche non siano ricompresi nel campo di applicazione della procedura di VAS di cui al comma 1 delpresente articolo e che “definiscono il quadro di riferimento per l’autorizzazione dei progetti”. Inparticolare nel ridetto comma 3 dell’articolo in esame si contempla la sottoposizione a verifica diassoggettabilità:
  3. 3. - nella relativa lettera a) dei “piani o programmi a carattere generale o settoriale estesi all’intero territorio di competenza”, e cioè, relativamente ai piani urbanistici comunali, dei piani che in quanto non recanti previsioni di opere soggette a VIA (ricomprese negli allegati II, III e IV del ridetto Dlgs n. 152/2006 e s.m.) o previsioni di interventi di trasformazione o comunque incidenti sui Siti Rete Natura 2000, non rientrano nel campo di applicazione della VAS: trattasi dell’ipotesi più ricorrente in rapporto alla realtà del territorio ligure caratterizzata prevalentemente dalla presenza di Comuni aventi una bassa densità di popolazione e territori di competenza di ridotta complessità;- nella relativa lettera b) dei “piani o programmi aventi possibili effetti sull’ambiente nei casi indicati nell’allegato A alla presente legge”, e cioè, per quanto riguarda i piani urbanistici e territoriali, a titolo esemplificativo, le varianti aventi ad oggetto il Piano Territoriale di Coordinamento Paesistico comportanti modifica ai regimi normativi di conservazione e di mantenimento ANI-MA, IS-Ma Saturo, IS-MA-CPA e IS-MA corrispondenti ai territori di maggior pregio paesistico e, come tali, meritevoli di tutela e salvaguardia..Il successivo comma 4 dell’articolo 3 disciplina i casi di piani e programmi esclusi sia dalla VAS,sia dalla verifica di assoggettabilità. Le fattispecie indicate nelle lettere da a) a d), sono mutuatedall’art. 6, comma 4, del D.Lgs. 152; riveste invece carattere specificativo la casistica prevista nellalettera e) recante l’esclusione dalle suddette procedure dei seguenti progetti di intervento che sianoconformi alle previsioni dei piani urbanistici comunali nonché a quelle dei piani territoriali di livelloregionale e provinciale:1) Progetti Urbanistici Operativi (PUO) in quanto, secondo la legislazione regionale in materia,sono costituiti da progetti urbanistici di dettaglio a contenuto planivolumetrico, equivalenti aprogetti definitivi, e, come tali, non rientrano nella nozione di “piano” prevista nell’articolo 6 delDlgs n. 152, fermo restando l’eventuale assoggettamento di tali progetti a VIA o a Verificascreening a norma della l.r. n. 38/1998 e s.m. (si veda in tal senso la Sentenza del Consiglio diStato, Sez. IV, n. 8113 del 19.11.2010, idem n. 7651/2009, che ha statuito “che la procedura diVAS è espressamente riservata alla valutazione ambientale di piani e programmi, restandoconseguentemente escluse le varianti riguardanti la realizzazione di singoli progetti, per i quali illegislatore ha predisposto il diverso strumento del procedimento di VIA”);2) i progetti urbanistico-edilizi, comunque denominati, quali Schemi di Organizzazione Urbanistica(S.O.U.) ed i progetti edilizi convenzionati.Infine nella lettera f) del ridetto comma 4 sono state inserite le speciali fattispecie di progetti diopere ed interventi rientranti nel campo di applicazione dell’articolo 6 commi 3 ter e 12 del Dlgs152/2006 e s.m.: trattasi di progetti comportanti varianti a piani urbanistici e/o territoriali e aprogrammi, ma non ricadenti nei casi soggetti a verifica di assoggettabilità a VAS in base al ridettoallegato A alla presente legge, e per i quali le citate disposizioni statali hanno sancito il principiodell’assorbimento della procedura di VAS nell’ambito della procedura di VIA a fronte del fatto chenel primo caso è già stata effettuata la VIA all’interno del procedimento di approvazione del PianoRegolatore Portuale, mentre nel secondo caso in ragione del fatto che i progetti sono sottoposti aVIA o a verifica-screening ai sensi della vigente normativa statale e regionale, per cui le valutazionidi sostenibilità ambientale delle scelte pianificatorie sono effettuate nell’ambito della procedura diVIA o di verifica screening.Nel Titolo II, Capo I (artt. da 4 a 7) sono contenute le disposizioni comuni sulle procedure di VASe di verifica di assoggettabilità a VAS.Nell’articolo 4 sono enunciati i principi generali che costituiscono la struttura portante della VAS:in primo luogo il principio che tali procedure di valutazione sono parte integrante del procedimentodi formazione dei piani e programmi, nel senso che le stesse devono essere effettuate durante la
  4. 4. fase di elaborazione dei medesimi e devono essere concluse prima o contestualmente alla loroapprovazione e, in secondo luogo, il principio di non duplicazione degli adempimenti procedurali,in forza del quale si è disposto che le forme di consultazione e pubblicità previsti nella presentelegge prevalgono sulle singole discipline di settore ove le stesse non contemplino tali adempimentio stabiliscano tempi di durata inferiore per la loro effettuazione (ci si riferisce, ad esempio, ai tempidelle fasi di pubblicità-partecipazione previsti nella l.r. n. 36/97 e s.m.).Nel comma 3 si prevede che la procedura di VAS assorbe anche quella di valutazione di incidenza,ove prevista secondo quanto specificato nel successivo articolo 14.Infine, nel comma 4 dell’art. 4, è stato ripreso il disposto dell’articolo 11, comma 5, del D.lgs n.152/2006 e s.m., che sancisce l’annullabilità per violazione di legge in caso di provvedimenti diapprovazione di piani o di programmi assunti senza la previa valutazione ambientale strategica o laverifica di assoggettabilità a VAS ovvero in difformità al provvedimento emanato dall’Autoritàcompetente.L’articolo 5 individua- nella Regione (comma 1) l’autorità competente sia per la VAS che per la verifica diassoggettabilità di piani e programmi per i quali sia previsto a vario titolo, ai sensi di leggel’approvazione, o l’espressione di assensi intese o pareri obbligatori da parte della stessa;- nella Provincia, (comma 2), in attesa della definizione di nuovi assetti istituzionali, l’autoritàcompetente per la VAS e verifica di assoggettabilità in tutti i casi diversi da quelli di cui al comma1 riservati alla Regione (ad es. per i piani urbanistici tutti le varianti riservate all’approvazione ocontrollo di legittimità della Provincia ai sensi della L.R. n. 36/1997 e s.m.).In ossequio al principio di terzietà, secondo cui l’autorità competente ad esprimere la valutazioneambientale strategica deve essere distinta da quella che procede alla formazione ed approvazionedel piano, la struttura regionale competente in materia ambientale è quella preposta alla cura degliadempimenti istruttori, le cui risultanze vengono sottoposte al parere dell’istituenda sezione per laVAS (art.11) del Comitato tecnico regionale per il territorio.Nell’articolo 6 vengono individuati i soggetti competenti in materia ambientale da consultare, cioèquei soggetti ai quali sono attribuite specifiche competenze in campo ambientale e che devonoassicurare la propria collaborazione all’autorità competente ed all’autorità procedente permigliorare la qualità ambientale degli strumenti da valutare. L’individuazione di tali soggetti deveessere ovviamente commisurata alle scelte contenute nel piano o programma ed alla portata degliimpatti ambientali ad esse conseguenti, e deve pertanto essere effettuata volta per volta tra isoggetti indicati nell’articolo stesso.Resta fermo che la Provincia nei procedimenti di VAS di sua competenza è tenuta a consultare laRegione in quanto soggetto competente in materia ambientale.Nell’articolo 7 è stabilito che nel caso di piani e programmi che possono avere effetti significativisul territorio di altri Stati il processo di pianificazione è interrotto per inviare gli atti al Ministerocompetente ai fini della dovuta informativa allo Stato interessato che può manifestare il suoeventuale interesse ad intervenire nel procedimento.Nel Capo II (articoli 8, 9 e 10 e 12) è delineata la procedura di VAS e di verifica diassoggettabilità a VAS.Nella fase di avvio del processo di elaborazione del piano o programma l’autorità proponente deveredigere il “rapporto ambientale”, quale documento integrante del piano o programma, nel qualesono descritti e valutati gli impatti significativi che l’attuazione del piano stesso potrebbe averesull’ambiente, nonché le ragionevoli alternative valutate in rapporto agli obiettivi di piano. Icontenuti del rapporto ambientale sono illustrati all’allegato C alla presente legge.
  5. 5. La portata ed il livello di dettaglio dei contenuti del rapporto ambientale sono definiti in una fase diconfronto collaborativo tra l’Autorità competente, l’Autorità procedente e gli altri soggetticompetenti in materia ambientale (principio della massima partecipazione), sulla base di un“rapporto preliminare”: tale fase di consultazione può essere assimilata allo “scoping” previsto perla procedura di VIA. I contenuti del rapporto preliminare sono specificati nell’allegato B allapresente legge.La legge regionale stabilisce anche i tempi delle fasi sopra descritte, e precisa che nel caso di Pianio programmi che interessino siti di Rete Natura 2000, per cui ai sensi della l.r. n.28/2009 ènecessaria la valutazione di incidenza, il rapporto preliminare ed il rapporto ambientale devonocontenere anche gli elementi necessari ai sensi del d.P.R. n.357/1997, elementi indicati nelle lineeguida già assunte dalla Regione (DGR n. 328/2006).Conclusa la fase di confronto sul rapporto preliminare e dopo l’adozione del piano o programmacomprensivo del rapporto ambientale, nella procedura della VAS è poi prevista una fase diconsultazione pubblica, intesa a permettere agli stessi soggetti, nonché al pubblico, di conoscere icontenuti dell’intero piano o programma e del rapporto ambientale, affinché possano formulareosservazioni.Successivamente a tale viene svolto l’esame istruttorio da parte della struttura competente e levalutazioni sono sottoposte al parere della sezione VAS del Comitato (di cui al successivo articolo11).La determinazione finale, motivata ed avente efficacia vincolante, viene assunta dalla Giuntaregionale e viene pubblicizzata tramite pubblicazione sul BURL e sui siti web delle autoritàcompetente e procedente.Sulla base di tale parere l’autorità procedente, sempre in collaborazione con quella competente,provvede alle necessarie modifiche del piano o programma prima della sua approvazione epubblicazione definitiva.Anche in questa fase viene assicurata al pubblico la più ampia informazione possibile tramite nuovapubblicazione dell’atto di approvazione, comprensivo della dichiarazione di sintesi con la qualevengono motivate le scelte compiute, con indicazione delle sedi nelle quali prendere visione deidocumenti nella loro completezza.L’articolo 11 istituisce la Sezione VAS nel Comitato Tecnico regionale per il territorio e nedefinisce la composizione e le competenze, rimandando, quanto al funzionamento, al dettato dellalegge regionale n.11/1999 e s.m..L’articolo 12 definisce la procedura per la Verifica di assoggettabilità da applicare nei casi di cuiall’art. 3, commi 2 e 3 ed avuto riguardo all’allegato A.La verifica è svolta dall’autorità competente, tramite una procedura che, analogamente a quellaprevista per la VAS, prevede la collaborazione con l’autorità procedente e con i soggetti competentiin materia ambientale. E’ sempre assicurato il coinvolgimento dei soggetti competenti in materiaambientale attraverso la loro consultazione e l’espressione del loro parere (comma 4).Per la pronuncia di verifica di assoggettabilità, nel comma 6 è stato previsto il termine di novantagiorni decorrente dalla conclusione della fase di consultazione di cui al comma 4, esplicitando chetale pronuncia ha efficacia vincolante e, nel caso di piani urbanistici, può contenere anche ledeterminazioni di natura urbanistico-territoriale dell’autorità competente. Infine, in coerenza con laprocedura di VAS, è stato esplicitato che l’autorità procedente, a fronte del provvedimento dipronuncia sulla verifica, è tenuta alla redazione conclusiva del piano o programma in conformità atale provvedimento ed all’approvazione definitiva del piano o programma.Nel caso in cui l’ambito interessato dal Piano o programma comprenda Siti Rete Natura 2000 ilrapporto preliminare deve contenere una relazione di incidenza ai sensi della normativa regionale inmateria che descriva le possibili ricadute del piano o programma sui siti stessi.
  6. 6. Nei casi di particolare complessità l’Autorità competente può avvalersi della Sezione VAS delComitato Tecnico regionale per il territorio.Il Capo III (articoli da 13 a 15) contiene disposizioni comuni ad entrambe le procedure ariferimento.L’articolo 13 prevede l’effettuazione di un adeguato monitoraggio (con oneri a carico dell’autoritàprocedente o del proponente) per rilevare gli impatti ambientali significativi derivantidall’attuazione del piano o programma al fine di adottare le eventuali misure correttive in caso diimpatti negativi: tale compito è assegnato all’autorità procedente, in accordo con l’autoritàcompetente. Anche nel caso del monitoraggio è assicurata la pubblicità degli esiti del monitoraggio.Gli esiti del monitoraggio condizionano i successivi aggiornamenti del piano e le eventualimodifiche.L’articolo 14 tratta i rapporti tra VAS e Valutazione di incidenza di cui al d.P.R. n.357/1997.Come già detto la Valutazione di incidenza, ove necessaria, è ricompresa nella Valutazionestrategica e contiene gli elementi previsti dalla normativa in materia.Nel comma 2 si prevede che siano comunque sottoposti a Valutazione di incidenza i piani che,sebbene non rientranti nel campo di applicazione della VAS, ai sensi del precedente articolo 3,comma 4, rientrino nel campo di applicazione del citato d.P.R. n.357/1997 (quali i piani digestione forestale).Nell’articolo 15 sono previste alcune opportune regole di semplificazione procedurale:a) per i progetti sottoposti sia a VAS sia a screening ai sensi della legge regionale sulla VIA;b) per i Comuni certificati o dotati di sistema di gestione ambientale;c) per i progetti previsti da piani o programmi già sottoposti a VAS.Il capo IV (articoli 16 e 17) contiene le disposizioni transitorie e finali.Nell’articolo 16 sono inserite alcune disposizioni transitorie e finali.Nel comma 1 ci si è dati carico di prevedere una norma rimediale nei confronti degli strumentiurbanistici attuativi (SUA) e dei progetti urbanistici operativi (PUO) che diano attuazione aprevisioni contenute in strumenti urbanistici generali (PRG e PdF) o in piani urbanistici comunali(PUC) i quali all’atto della loro approvazione non abbiano esperito la procedura di VAS o diverifica di assoggettabilità a VAS in quanto avviati prima dell’entrata in vigore delle disposizionisulla VAS (tale disciplina è stata introdotta a livello europeo dal 21/7/2004 e nell’ordinamentostatale soltanto dal 31/7/2007). Ciò a fronte della considerazione che l’articolo 5, comma 8, delD.L. n. 70/2011 come convertito dalla L. n. 106/2011, ha sancito che “lo strumento attuativo dipiani urbanistici già sottoposti a valutazione ambientale strategica non è sottoposto a valutazioneambientale strategica né a verifica di assoggettabilità qualora non comporti variante e lo strumentosovraordinato in sede di valutazione ambientale strategica definisca l’assetto localizzativo dellenuove previsioni e delle dotazioni territoriali, gli indici di edificabilità, gli usi ammessi e i contenutiplani-volumetrici, tipologici e costruttivi degli interventi, dettando i limiti e le condizioni disostenibilità ambientale delle trasformazioni previste…”.Pertanto nel ridetto comma 1 dell’articolo 16 è stata prevista la sottoposizione a verifica diassoggettabilità a VAS di cui all’articolo 12 della presente legge ove detti piani attuativi prevedanointerventi rientranti nei casi di cui all’articolo 3, comma 2, della presente legge, e cioè nellacasistica specificata nell’Allegato A) alla medesima legge in quanto aventi potenziali effettisull’ambiente, ferma restando l’esclusione comunque degli interventi che siano da assoggettare averifica-screening in quanto ricompresi nell’Allegato 3 della l.r. n. 38/1998 e s.m. e per i quali èsufficiente tale procedura a valutare la relativa sostenibilità ambientale.
  7. 7. Nel comma 2 è prevista la possibilità di aggiornamento dei contenuti degli allegati alla presentelegge mediante atto della Giunta regionale.Il comma 3 specifica che in via residuale si applica la normativa statale per quanto non disciplinatodalla presente legge regionale.L’articolo 17 apporta le necessarie modifiche alla legge regionale sulla Valutazione di impattoambientale, eliminando le disposizioni che prevedevano la valutazione di sostenibilità sui piani eprogrammi, in quanto sostituita ora dalla presente legge. Inoltre nel comma 3 sono stati modificatii tempi del procedimento di cui all’art. 10 della l.r. n. 38/1998 relativi al procedimento di verificascreening in attuazione di quanto stabilito dalla normativa statale del D.Lgs 152/2006, prevedendole necessarie forme di pubblicità ove non ancora previste.Infine si fa presente che la legge è completata dai seguenti allegati:Allegato A elenca i piani e programmi e loro modifiche per i quali è necessaria la verifica diassoggettabilità (in riferimento all’articolo 3, commi 2 e 3);Allegato B illustra quali debbano essere i contenuti del rapporto preliminare (riferimento articolo 8,comma 1 e articolo 12)Allegato C relativo ai contenuti che deve avere il rapporto ambientale (riferimento articolo 8,comma 2)Allegato D contenuto della dichiarazione di sintesi (art. 10, comma 5)Allegato E recante per esteso e per motivi di chiarezza legislativa le definizioni di cui all’articolo 2.
  8. 8. TITOLO IDisposizioni generaliArticolo1(Finalità)1. Al fine di garantire un elevato livello di protezione dell’ambiente e di promuoverne lo sviluppo sostenibile la Regione Liguria, nel rispetto della Direttiva 2001/42/CE del Parlamento europeo e del Consiglio del 27 giugno concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull’ambiente e del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale) e ss.mm.ii., individua l’autorità competente e detta disposizioni procedurali per la valutazione ambientale strategica (VAS) di piani e programmi la cui approvazione compete alla Regione e alla Provincia ed agli enti locali in attuazione dei principi generali di economicità e di semplificazione dei procedimenti amministrativi.Articolo 2(Definizioni)1. Ai fini della presente legge valgono le definizioni individuate nell’allegato E alla presente legge.Articolo 3(Ambito di applicazione)1. Sono soggetti a VAS i piani e i programmi e le loro modifiche, che abbiano un impatto significativo sull’ambiente e che: a) siano elaborati per la valutazione e gestione della qualità dellaria ambiente, per i settori dell’agricoltura, della foresta, della pesca, dell’energia, dell’industria, dei trasporti, della gestione dei rifiuti e delle acque, delle telecomunicazioni, del turismo, della pianificazione territoriale o della destinazione dei suoli, e al contempo definiscano il quadro di riferimento per lapprovazione, lautorizzazione, larea di localizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV del D.lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii.; b) siano assoggettati a valutazione dincidenza ai sensi dellarticolo 5 del decreto
  9. 9. del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997 n. 357 e ss.mm.ii. (“Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche”) e della vigente normativa regionale in materia, in considerazione degli impatti sulla conservazione dei siti designati come zone di protezione speciale per la conservazione degli uccelli selvatici e di quelli classificati come siti di importanza comunitaria per la protezione degli habitat naturali e della flora e della fauna selvatica.2. I piani ed i programmi di cui al comma 1 che hanno ad oggetto l’uso di piccole aree a livello locale e le modifiche minori dei piani e dei programmi di cui al comma 1 sono soggetti a procedura di verifica di assoggettabilità a VAS di cui all’articolo 12, nei casi indicati nell’allegato A alla presente legge in quanto aventi potenziali effetti sull’ambiente.3. Sono soggetti a procedura di verifica di assoggettabilità a VAS di cui all’articolo 12 anche i piani e i programmi, diversi da quelli di cui ai commi 1 e 2, che definiscono il quadro di riferimento per lautorizzazione di progetti, nonché le loro modifiche, nei seguenti casi: a) piani o programmi a carattere generale o settoriale estesi all’intero territorio di competenza; b) piani o programmi aventi potenziali effetti sull’ambiente nei casi indicati nell’allegato A alla presente legge.4. Sono comunque, esclusi da VAS e da procedura di verifica di assoggettabilità: a) i piani e i programmi finanziari o di bilancio; b) i piani di protezione civile in caso di pericolo per lincolumità pubblica; c) i progetti di piano stralcio per la tutela dal rischio idrogeologico ai sensi dell’art. 68 comma 1 del D.Lgs. n. 152/2006 ss.mm.ii. non contenenti previsioni di opere; d) i piani di gestione forestale o strumenti equivalenti, riferiti ad un ambito aziendale o sovraziendale di livello locale, redatti secondo i criteri della gestione forestale sostenibile e approvati dalle regioni o dagli organismi dalle stesse individuati;
  10. 10. e) i seguenti progetti di intervento che siano in conforme attuazione di piani o programmi: 1) progetti urbanistici operativi di piani urbanistici comunali già sottoposti a valutazione ambientale strategica o a verifica di assoggettabilità a VAS; 2) progetti urbanistico-edilizi comunque denominati; f) progetti di opere e interventi che comportino varianti a piani e programmi che rientrino nelle previsioni dell’articolo 6, commi 3 ter e 12 del d.lgs. 152/2006 ss.mm.ii.Titolo II – Procedura della VAS e di verifica diassoggettabilitàCapo I – Disposizioni comuniArticolo 4(Principi generali)1. La VAS e la verifica di assoggettabilità costituiscono parte integrante del procedimento di formazione dei piani e programmi, si attivano durante la fase di elaborazione degli stessi e sono concluse anteriormente o contestualmente alla loro approvazione.2. Le procedure di formazione dei piani e programmi da assoggettare a VAS sono quelle previste dalle singole discipline di settore, integrate secondo le disposizioni di cui alla presente legge. Al fine di evitare duplicazioni gli adempimenti di consultazione e di pubblicità della VAS prevalgono su quelli previsti dalle rispettive discipline di settore ove di durata inferiore.3. La procedura di VAS comprende quella di valutazione d’incidenza secondo quanto previsto dall’articolo 14.4. I provvedimenti di approvazione di piani o di programmi assunti senza la previa valutazione ambientale strategica o la verifica di assoggettabilità a VAS ovvero in difformità al provvedimento dell’Autorità competente sono annullabili per violazione di legge ai sensi dell’articolo 11, comma 5, del D.Lgs n. 152/2006 e ss.mm.ii..
  11. 11. Articolo 5(Autorità competenti)1. La Regione è l’autorità competente per la VAS e per la Verifica di assoggettabilità di piani e programmi di cui all’articolo 3 in relazione ai quali, dalle discipline di settore, sia prevista l’approvazione o l’espressione di assensi, intese o pareri obbligatori da parte della Regione.2. La Provincia è l’autorità competente per la VAS e per la Verifica di assoggettabilità in tutti gli altri casi di piani e programmi non rientranti nel comma 1.3. La Giunta regionale, per l’esercizio delle competenze di cui al comma 1, si avvale delle proprie strutture competenti in materia ambientale e della sezione del Comitato di cui all’articolo 11.Articolo 6(Soggetti da consultare)1. L’autorità competente, in accordo con l’autorità procedente, individua i soggetti competenti in materia ambientale e gli enti territorialmente interessati, ove necessario anche interregionali e transfrontalieri, da consultare in ragione dell’ambito territoriale interessato dal piano o programma, delle scelte contenute nello stesso e degli impatti ambientali dovuti allattuazione dei progetti ivi previsti, fra Regione, Arpal, Asl, Enti gestori aree protette e dei siti rete natura 2000, Direzione regionale del Ministero per i beni e le attività culturali, Province, Comuni, Autorità di bacino, Autorità portuali ed Autorità competenti delle Regioni confinanti.2. L’Autorità competente ha facoltà di consultare ogni altro soggetto pubblico o privato i cui apporti possano essere rilevanti nei singoli procedimenti.3. La Giunta regionale può integrare l’elenco di cui al comma 1 o modificarlo per renderlo conforme a sopravvenute modifiche normative.Articolo 7(Consultazioni transfrontaliere)1. Nel caso di piani e programmi la cui attuazione possa determinare effetti significativi sul territorio di un altro Stato o qualora un altro Stato lo richieda l’autorità procedente o il proponente, tramite la Regione, informa il Ministero dellambiente e della tutela del
  12. 12. territorio e del mare, che provvede ai sensi dell’articolo 32 del D.lgs. 152/2006 e ss.mm.ii. Capo II – Procedura di VAS e di Verifica diassoggettabilità a VASArticolo 8(Rapporto preliminare e rapporto ambientale)1. Con riferimento ai piani e programmi di cui all’articolo 3, comma 1 l’autorità procedente o il proponente redige, in sede di avvio del processo di elaborazione del piano o programma, il rapporto preliminare propedeutico alla stesura del rapporto ambientale, in conformità alle indicazioni di cui all’allegato B alla presente legge. Il rapporto preliminare costituisce elaborato tecnico istruttorio che deve essere trasmesso previa determinazione dell’organo esecutivo dell’autorità procedente.2. L’autorità competente, l’autorità procedente e gli altri soggetti competenti in materia ambientale di cui all’articolo 6, definiscono la portata ed il livello di dettaglio dei contenuti del rapporto ambientale sulla base del rapporto preliminare di cui al comma1 attraverso una fase preliminare di confronto. A tal fine l’autorità competente, d’intesa con l’autorità procedente, convoca apposita Conferenza istruttoria ai sensi degli articoli 14 e seguenti della legge 7 agosto 1990, n. 241 e s.m. e i. “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi“. Tale fase si conclude entro il termine di novanta giorni dal ricevimento del rapporto preliminare da parte dell’autorità competente attraverso la redazione di apposito verbale sottoscritto dagli enti partecipanti.3. Il rapporto ambientale, comprensivo della sintesi non tecnica, è redatto secondo le indicazioni di cui all’allegato C della presente legge e fa parte integrante del piano o programma.4. Nel caso di piani o programmi che interessino siti della Rete Natura 2000 di cui alla legge regionale 10 luglio 2009, n.28 “Disposizioni in materia di tutela e valorizzazione della
  13. 13. biodiversità” il rapporto preliminare ed il rapporto ambientale contengono anche gli elementi indicati nei criteri e nelle linee guida definiti dalla Regione in materia di valutazione di incidenza.Articolo 9(Avvio della procedura di VAS e fase diconsultazione pubblica)1. L’autorità procedente ovvero il proponente trasmette all’autorità competente la proposta di piano o di programma adottato, comprensiva del rapporto ambientale, e contestualmente pubblica sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria un avviso contenente il titolo della proposta di piano o programma, il proponente, l’autorità procedente, l’indicazione delle sedi ove è possibile prendere visione del piano o programma e del rapporto ambientale comprensivo della sintesi non tecnica.2. L’autorità procedente e l’autorità competente provvedono contestualmente a mettere a disposizione del pubblico presso i propri uffici la documentazione relativa alla proposta di piano o programma ed a pubblicare sui rispettivi siti web la sintesi non tecnica ed il rapporto ambientale di cui al comma 1.3. L’autorità procedente, o il proponente, prima della pubblicazione di cui al comma 1 trasmette la documentazione di cui al comma 2 ai soggetti competenti in materia ambientale ed ai soggetti territorialmente interessati da consultare a norma dell’articolo 6, nonché al Ministero dell’Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare nel caso di consultazioni transfrontaliere.4. Entro il termine di sessanta giorni dalla pubblicazione dell’avviso di cui al comma 1 chiunque può presentare osservazioni all’autorità procedente e all’autorità competente. Entro tale termine i soggetti competenti in materia ambientale e gli enti territoriali interessati sono tenuti ad esprimere parere sulla proposta oggetto di consultazione. Nel caso di consultazioni transfrontaliere il termine resta sospeso fino alla comunicazione dell’interesse dello Stato coinvolto alla partecipazione al procedimento di VAS da parte del Ministero dell’Ambiente, ai sensi
  14. 14. dell’articolo 32 del D.lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii..Articolo 10(Valutazione ambientale strategica)1. La Regione, conclusa la fase di consultazione di cui all’articolo 9, esaminati la proposta di piano o programma, il rapporto ambientale comprensivo della la sintesi non tecnica nonchè le osservazioni ed i pareri acquisiti ai sensi del comma 4 dell’articolo 9 elabora le valutazioni finalizzate all’emissione del parere regionale, anche tramite apposita Conferenza di servizi istruttoria ai sensi degli articoli 14 e seguenti della L. 241/1990, e le sottopone al Comitato VAS di cui al successivo articolo 11.2. La Giunta regionale, nel termine di 90 giorni decorrenti dall’avvenuta conclusione della fase di consultazione di cui all’articolo 9, acquisito il parere del Comitato VAS, esprime il proprio motivato pronunciamento avente efficacia vincolante, comprensivo della valutazione sulla adeguatezza del piano di monitoraggio, e lo trasmette, all’autorità procedente.3. Il provvedimento è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione nonchè sul sito Web dell’autorità procedente e dell’autorità competente.4. L’autorità procedente o il proponente, in collaborazione con l’autorità competente, provvede in conformità al provvedimento di cui al comma 2 alla redazione conclusiva del piano o programma per la sua approvazione definitiva.5. L’atto definitivo di approvazione del piano o programma è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria con l’indicazione della sede ove si può prendere visione dello stesso e degli atti concernenti il procedimento. Tale pubblicazione, anche sui siti web delle autorità interessate, comprende: a) il piano o programma approvato; b) il provvedimento motivato espresso dall’autorità competente; c) una dichiarazione di sintesi in cui si illustra in che modo le considerazioni ambientali sono state integrate nel piano o programma e come si è tenuto conto del rapporto ambientale e degli esiti delle consultazioni,
  15. 15. nonché le ragioni per le quali è stato scelto il piano o il programma adottato, alla luce delle alternative possibili che erano state individuate, secondo lo schema di cui all’allegato D; d) le misure adottate in merito al monitoraggio; e) le eventuali misure correttive da adottare in caso di impatti negativi.Articolo 11(Istituzione della sezione VAS nel ComitatoTecnico Regionale per il territorio)1. E’ istituita la sezione per la VAS del Comitato Tecnico Regionale per il territorio regolato dalla legge regionale 6 aprile 1999, n. 11 e s.m. (“Riordino degli organi tecnici collegiali operanti in materia di territorio”).2. La sezione è composta da: a) il Direttore del Dipartimento competente in materia di ambiente con funzioni di Presidente o suo delegato; b) il Dirigente della struttura regionale competente in materia di valutazione di impatto ambientale, con funzioni di Vice- presidente, o suo delegato; c) il Direttore del Dipartimento competente in materia di pianificazione territoriale, urbanistica e paesistica o un suo delegato, e il Direttore competente nella materia del piano o programma soggetto a VAS o loro delegati; d) sei dirigenti delle strutture regionali aventi competenza giuridica in materia ambientale, di biodiversità, di assetto del territorio, di tutela del paesaggio, di agricoltura, di gestione delle risorse idriche; e) cinque esperti tra persone di elevato livello scientifico e provata esperienza nelle seguenti discipline: pianificazione e processi di valutazione ambientale, ingegneria ambientale, biodiversità, mobilità ed infrastrutture, sociologia.3. La sezione esprime parere obbligatorio sui piani ed i programmi assoggettati a VAS e svolge compiti di supporto nei casi di richiesta da parte dell’Autorità competente. La sezione può essere convocata insieme alla sezione per la pianificazione territoriale e urbanistica per l’esame di piani urbanistici o territoriali
  16. 16. soggetti a VAS o a verifica di assoggettabilità che richiedono una valutazione congiunta. La segreteria della sezione VAS ha sede presso il Dipartimento competente in materia di ambiente. Il funzionamento della Sezione è disciplinato dalla legge regionale n. 11/1999 e s.m. nonché da apposito regolamento recante le modalità operative e le disposizioni per lo svolgimento delle sedute.Articolo 12(Verifica di assoggettabilità)1. Con riferimento ai piani e programmi di cui all’articolo 3, commi 2 e 3, adottati dai competenti organi secondo le rispettive discipline di settore, l’autorità competente procede alla verifica di assoggettabilità alla VAS al fine di accertare se il piano o programma possa avere impatti significativi sull’ambiente.2. Ai fini di cui al comma 1 l’autorità procedente o il proponente trasmette all’autorità competente, su supporto informatico e/o cartaceo, un rapporto preliminare comprendente una descrizione del piano o programma, nonché i dati necessari alla verifica degli impatti significativi sull’ambiente derivanti dall’attuazione del piano o programma.3. I contenuti del rapporto preliminare prima dell’adozione del piano o programma di cui al comma 2 possono essere definiti attraverso una fase di consultazione ai sensi dei commi 1, 2 e 3 dell’articolo 8.4. L’autorità competente, in collaborazione con l’autorità procedente o il proponente, sulla base delle scelte contenute nel piano o nel programma e degli impatti ambientali ad esse conseguenti, individua i soggetti competenti in materia di ambiente da consultare. Il rapporto preliminare e la proposta di piano sono messi a disposizione dei soggetti da consultare, allo scopo di acquisirne i pareri entro il termine di trenta giorni.5. Nel caso di piani o programmi di cui al comma 1 che possano comportare ricadute sui siti della Rete Natura 2000 di cui alla l.r. n.28/2009 il rapporto preliminare contiene anche gli elementi indicati nei criteri e nelle linee guida
  17. 17. assunti dalla Regione in materia di valutazione di incidenza.6. L’autorità competente adotta, entro novanta giorni dallo scadere del termine di cui al comma 4, il motivato provvedimento di verifica avente efficacia vincolante, assoggettando o escludendo il piano o programma dalla valutazione e dettando le eventuali prescrizioni, tenuto conto dei pareri pervenuti. Il provvedimento di verifica contiene anche l’accertamento rispetto alla necessità della valutazione di incidenza. Nel caso di piani urbanistici, il provvedimento può contenere anche le determinazioni di natura urbanistico- territoriale dell’Autorità competente di cui all’articolo 5.7. Il provvedimento di cui al comma 6, obbligatorio e vincolante, è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione nonché sul sito web dell’autorità procedente e dell’autorità competente.8. L’Autorità procedente, in collaborazione con l’Autorità competente, procede alla redazione conclusiva del piano o programma in conformità al provvedimento di cui al comma 6 ed alla sua approvazione definitiva.Capo III – Disposizioni comuni e di raccordoArticolo 13(Monitoraggio)1. La rilevazione degli impatti significativi dell’attuazione del piano sull’ambiente è effettuato tramite adeguato monitoraggio che verifica anche il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità prefissati, al fine di adottare le opportune misure correttive in caso di impatti negativi.2. L’autorità procedente o il proponente, individua le risorse necessarie per la realizzazione del monitoraggio di cui al comma 1, ed avvalendosi dell’Agenzia regionale per l’ambiente ligure (A.R.P.A.L.) effettua tale monitoraggio con oneri a proprio carico.3. Qualora il monitoraggio individui impatti negativi imprevisti l’autorità procedente o il proponente adotta le opportune misure correttive, in accordo con l’autorità competente.
  18. 18. 4. I dati del monitoraggio nonché le eventuali misure correttive sono pubblicate sui siti web dell’autorità competente, dell’autorità procedente nonché dell’A.R.P.A.L.5. Gli esiti del monitoraggio sono condizione di procedibilità delle modifiche e degli aggiornamenti di Piani o Programmi sottoposti alle procedure di VAS e di verifica di assoggettabilità di cui alla presente leggeArticolo 14(Rapporti tra VAS e Valutazione di Incidenza)1. L’autorità competente esprime il parere motivato di VAS comprensivo della valutazione di incidenza. A tal fine il rapporto ambientale di cui all’articolo 8 contiene anche gli elementi indicati nei criteri e nelle linee guida assunti dalla Regione in materia di valutazione di incidenza, ai sensi del D.P.R. n.357/1997.2. I piani di gestione forestale o strumenti equivalenti esclusi dal campo di applicazione della VAS e della verifica di assoggettabilità ai sensi dell’articolo 3, comma 4 lettera d), che rientrino nel campo di applicazione dell’articolo 5 del DPR n. 357/1997, sono sottoposti a valutazione di incidenza secondo i criteri e le linee guida assunti in merito dalla Giunta Regionale.Articolo 15(Rapporti tra VAS e VIA e disposizioni disemplificazione)1. Nel caso di piani o programmi o loro modifiche soggetti a VAS o a verifica di assoggettabilità che comportino altresì l’approvazione di progetti assoggettati a verifica screening di cui all’articolo 10 della legge regionale 30 dicembre 1998, n.38 (Disciplina della valutazione di impatto ambientale), la procedura di verifica screening può essere effettuata nell’ambito della procedura di VAS. L’atto conclusivo del procedimento può prevedere prescrizioni nel caso di esclusione del progetto dal procedimento di VIA, ovvero individuare i contenuti da sviluppare nell’ambito dello Studio di impatto ambientale (SIA) qualora sia necessario l’assoggettamento a VIA.
  19. 19. 2. Nel caso di Comuni certificati o dotati di Sistema di Gestione Ambientale (SGA) il Rapporto Ambientale ed il Rapporto Preliminare possono utilizzare i contenuti della documentazione del sistema di gestione, rendendo altresì conto di come gli obiettivi del sistema di gestione sono integrati nel piano o programma oggetto di valutazione.3. Nel caso di progetti previsti da piani o programmi già sottoposti a VAS, nella redazione del SIA possono essere utilizzate le informazioni e le analisi contenute nel rapporto ambientale o nel rapporto preliminare, se attuali e pertinenti.Capo IV – Disposizioni transitorieArticolo 16(Disposizioni transitorie e finali) 1. Sono sottoposti a verifica di assoggettabilità a VAS nei casi di cui all’articolo 3, comma 2, gli strumenti urbanistici attuativi nonché i progetti urbanistici operativi in attuazione di strumenti e piani urbanistici comunali che non siano stati assoggettati a VAS o a verifica di assoggettabilità a VAS, con esclusione degli interventi che siano soggetti a verifica-screening di cui all’allegato 3 della legge regionale 30 dicembre 1998 n. 38 e s.m. (Disciplina della valutazione di impatto ambientale). 2. Gli allegati alla presente legge possono essere aggiornati con atto della Giunta regionale a seguito di sopravvenute modificazioni normative. 3. La Giunta regionale può stabilire criteri e linee guida per definire ulteriori modalità procedurali necessarie alla applicazione della presente legge. 4. Per tutto quanto non disciplinato dalla presente legge, si richiamano le disposizioni del D.lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii.. 5. Alla costituzione della Sezione VAS del Comitato si provvede entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge con decreto del Presidente della Giunta regionale.
  20. 20. Articolo 17(Abrogazione di norme e modifiche alla legge regionale30 dicembre 1998, n.38)1. Sono abrogati gli articoli 3, 4, 5 e 8 della legge regionale 30 dicembre 1998, n. 38 (Disciplina della valutazione di impatto ambientale).2. All’articolo 10 della l.r. n.38/1998 dopo il comma 1 è aggiunto il seguente: “1 bis. Dell’avvenuta trasmissione della richiesta di cui al comma 1 è dato avviso a cura del proponente sul Bollettino Ufficiale della Regione. Dell’avvio del procedimento è data notizia mediante inserimento nel sito informatico della Regione nonché dei comuni interessati, con indicazione del proponente, dell’oggetto, della localizzazione, e la relativa documentazione progettuale e ambientale è messa a disposizione per la consultazione on line. In ogni caso copia integrale degli atti è depositata presso i comuni ove il progetto è localizzato. Entro quarantacinque giorni dalla comunicazione di avvio del procedimento di cui sopra chiunque abbia interesse può far pervenire le proprie osservazioni. Al comma 2 dell’art.10 della l.r. n.38/1998 le parole “entro sessanta giorni” sono sostituite dalle parole “entro novanta giorni”.3. Il comma 5 dell’articolo 10 della l.r. n.38/1998 è così sostituito: “5. L’esito della procedura, comprese le motivazioni, è pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Liguria, nonché nel sito informatico della Regione”.4. Dopo l’articolo 13 della l.r. n.38/1998 è aggiunto il seguente articolo:“Articolo 13 bis(Impatti ambientali interregionali) 1. Nel caso di progetti sottoposti alla procedura di VIA che risultino localizzati anche sul territorio di regioni confinanti l’autorità competente effettua la procedura di VIA ed esprime il parere di compatibilità ambientale d’intesa con le regioni interessate, qualora tali progetti non siano di competenza dello Stato, ai sensi dell’art. 71 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed
  21. 21. agli enti locali, in attuazione del capo I della legge 15 marzo 1997, n. 59). 2. Nel caso di progetti sottoposti alla procedura di VIA che possano avere impatti rilevanti sull’ambiente di regioni confinanti, l’autorità competente è tenuta a darne informazione e ad acquisire i pareri di tali Regioni, nonché degli enti locali interessati.”ALLEGATO APiani e programmi e modifiche di piani e programmi soggetti a procedura di verifica diassoggettabilità di cui all’articolo 12Richiedono l’espletamento della procedura di verifica di assoggettabilità di cui all’articolo 12, inquanto aventi potenziali effetti sull’ambiente, i piani e i programmi e le modifiche di piani eprogrammi di cui al comma 2 e 3, lettera b) dell’articolo 3 che prevedano:7) qualsiasi tipo di utilizzo avente ad oggetto aree inondabili e/o a suscettività al dissesto medio - alta, utilizzo che non sia preordinato alla messa in sicurezza del territorio, aree umide o carsiche o elementi di connessione ecologica di cui alla Rete Ecologica Ligure;8) incremento del carico insediativo in condizioni di carenza di dotazione idropotabile e/o di potenzialità depurativa, attestata dal competente gestore del servizio;9) varianti al P.T.C.P., sub Assetto Insediativo delle indicazioni del livello locale, relative ai regimi normativi di Conservazione ed ai regimi normativi ANI-MA, IS-Ma saturo, IS-MA- CPA e IS-MA, che siano preordinate alla realizzazione di nuovi insediamenti o alla trasformazione di quelli esistenti;10) incrementi del suolo urbanizzato superiori al 30% o incrementi della superficie impermeabilizzata superiori al 15% rispetto alla superficie attuale dell’ambito di riferimento, che determinino la riduzione del suolo occupato da attività agricole, o di zone di presidio ambientale o di zone boschive;11) nuove aree da urbanizzare, esterne ai centri abitati, per usi diversi da quelli industriali o artigianali, aventi superfici superiori a 1 ettaro o comportanti realizzazione di superficie impermeabilizzata superiore a 5.000 metri quadrati, che determinino la riduzione del suolo occupato da attività agricole, o di zone di presidio ambientale o di zone boschive;12) nuove aree da urbanizzare, esterne ai centri abitati, per usi industriali o artigianali aventi superficie superiore a 3 ha o comportanti realizzazione di superficie impermeabilizzata superiore a 15.000 mq che determinino la riduzione del suolo occupato da attività agricole, o di zone di presidio ambientale o di zone boschive;13) la realizzazione di strade extraurbane e secondarie e relative gallerie con lunghezza superiore a 5 km o urbane con lunghezza superiore a 3 km;14) un peggioramento del comparto aria in quanto: a) per gli edifici residenziali o assimilabili alla residenza, non sia prevista la classe di consumo energetico “A”; b) per gli edifici destinati a funzioni produttive ivi compresi quelli ad uso commerciale, non sia prevista l’installazione di impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili pari ad almeno il 50% del fabbisogno proprio dell’attività produttiva e la classe di consumo energetico C;
  22. 22. c) non sia garantito il rispetto degli standard di qualità dell’aria come definiti nella pianificazione regionale di settore
  23. 23. ALLEGATO B CONTENUTI DEL RAPPORTO PRELIMINAREA) PER LO SVOLGIMENTO DELLA FASE DI CONSULTAZIONE/SCOPING AI SENSI DELL’ARTICOLO 8Nel caso della fase di consultazione/scoping, il Rapporto Preliminare – RP è associato ad unoschema di piano o programma – PP, che sulla base degli elementi di indirizzo formulatidall’Amministrazione procedente per la redazione dello stesso piano o programma, né illustri icontenuti generali. Obiettivo del RP è quello di permettere di valutare il grado di completezza edaggiornamento delle informazioni ambientali, definire fonti/mezzi per ulteriori approfondimenti, estabilire le condizioni alla trasformazione del territorio necessarie ad assicurare la sostenibilità delPP.1. DESCRIZIONE DELLO SCHEMA DI PP, con indicazione della normativa e dell’iter approvativo di riferimento, dei principali obiettivi che si pone e delle linee di sviluppo essenziali2. CARATTERISTICHE DEL PP, tenendo conto in particolare dei seguenti elementi: - in quale misura stabilisce il quadro di riferimento per progetti ed altre attività, sia per quanto riguarda l’ubicazione, la natura, le dimensioni, le condizioni operative, sia attraverso la ripartizione delle risorse - in quale misura influenza altri PP inclusi quelli gerarchicamente ordinati e quelli settoriali - in quale misura è influenzato da piani territoriali e/o settoriali sovraordinati e da vincoli derivanti da normative vigenti - l’interazione con progetti approvati o in corso di approvazione pertinenti livelli territoriali sovraordinati - pertinenza al raggiungimento di obiettivi di miglioramento ambientale fissati da PP settoriali e/o sovraordinati, nonché coerenza con gli obiettivi sanciti a livello internazionale e nazionale nel quadro delle politiche di sviluppo sostenibile3. FUNZIONALITÀ DEL PP, in termini di (quando pertinenti ai contenuti del PP): - efficienza infrastrutturale - efficienza energetica - risparmio idrico ed efficienza depurativa - riduzione dei carichi ambientali4. PROGETTAZIONE DEL PROCESSO PARTECIPATIVO, allo scopo di definirne obiettivi e linee di sviluppo, e se è già stato in parte svolto, ILLUSTRAZIONE DEGLI ESITI e di come se ne è tenuto conto nell’attività di redazione dello schema di PP5. CARATTERISTICHE DEGLI IMPATTI E DELLE AREE CHE POSSONO ESSERE INTERESSATE, anche se limitrofe all’ambito di diretta pertinenza del PP, tenendo conto in particolare dei seguenti elementi: - natura trasfrontaliera/interregionale degli impatti e conseguente necessità di coinvolgere soggetti transfrontalieri/interregionali - valore e vulnerabilità delle aree che potrebbero essere interessate a causa: • delle speciali caratteristiche naturali o del patrimonio culturale, in relazione alla presenza di aree protette, siti Rete Natura 2000 – SIC e ZPS, emergenze storico architettoniche e/o aree vincolate ai fini paesistici; • della presenza di situazioni di compromissione delle aree in relazione a attività pregresse; • del superamento dei livelli di qualità ambientale o dei valori limite dell’utilizzo intensivo del suolo;
  24. 24. - entità, probabilità, durata, frequenza e reversibilità degli impatti; nel caso di SIC e ZPS l’entità ed estensione degli impatti deve essere determinata, allo scopo di chiarire la compatibilità con gli obiettivi di conservazione dei siti della Rete Natura 2000 ed eventualmente escludere la necessità di valutazione di incidenza - carattere cumulativo degli impatti. e di qualsiasi altro aspetto pertinente al raggiungimento degli obiettivi di miglioramento ambientale propri del PP.6. MONITORAGGIO: schema semplificato che individui alcuni indicatori, coerenti con i principali obiettivi ambientali del PP, e proponga modalità di revisione a seguito degli esiti del monitoraggio stesso.Nel caso di PP di enti certificati ISO 14001 e/o registrati EMAS, devono essere utilizzati glielementi conoscitivi acquisiti e le linee programmatiche e gli obiettivi definiti con il Sistema diGestione Ambientale, integrandoli nei contenuti di PP ed avvalendosene per la redazione delRapporto preliminare.B) PER LO SVOLGIMENTO DELLA VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA’ AI SENSI DELL’ART. 12Nel caso della verifica di assoggettabilità, il Rapporto Preliminare – RP è associato al piano oprogramma per il quale è formalizzato l’avvio del procedimento di adozione/approvazione da partedell’autorità procedente. Obiettivo del RP è quello di permettere all’autorità competente di valutarese il piano o programma – PP, fatta comunque eccezione per quelli che non rientrano nell’AllegatoA, possa avere impatti significativi sull’ambiente, ed assumere quindi una decisione in meritoall’esclusione o all’assoggettamento a VAS.0. CAMPO DI APPLICAZIONE DELLA NORMA: occorre attestare la pertinenza delprocedimento che si attiva attraverso la dimostrazione della non sussistenza delle condizioni cheimplicano necessariamente lo svolgimento della VAS ai sensi dell’art. 3 comma 1 della presentelegge.1. CARATTERISTICHE DEL PIANODescrizione del piano e delle informazioni e dei dati necessari alla verifica degli impattisignificativi sull’ambiente1.1 Ambito programmatico e contenuti del PianoDescrizione sintetica del rapporto con altri PP, del processo di formazione e delle previsioni deldocumento di piano e in particolare: • Quadro programmatico/normativo di riferimento tenendo conto di: - in quale misura il PP stabilisce il quadro di riferimento per progetti ed altre attività, sia per quanto riguarda l’ubicazione, la natura, le dimensioni, le condizioni operative, sia attraverso la ripartizione delle risorse - in quale misura influenza altri PP inclusi quelli gerarchicamente ordinati e quelli settoriali - in quale misura è influenzato da piani territoriali e/o settoriali sovraordinati e da vincoli derivanti da normative vigenti • Quadro degli obiettivi di sostenibilità ambientale del PP, definiti sulla base della pertinenza del PP stesso al raggiungimento di obiettivi di miglioramento ambientale fissati da PP settoriali e/o sovraordinati, nonché coerenza con gli obiettivi sanciti a livello internazionale e nazionale nel quadro delle politiche di sviluppo sostenibile • Quadro delle trasformazioni in atto o in fase di attuazione o di approvazione
  25. 25. • Percorso di formazione della proposta di PP, compresa la descrizione di eventuali momenti di partecipazione/consultazione pubblica avvenuti prima dell’adozione del progetto preliminare di piano (sondaggi, informazione, consultazione, forum, etc.);• Descrizione sintetica degli obiettivi, dello schema, della struttura e del massimo dimensionamento previsto dal PP, tenendo conto delle alternative e della giustificazione delle scelte adottate.1.2 Accertamento delle criticità ambientali e del territorioDefinizione dello stato, delle tendenze e criticità delle componenti ambientali e antropichepertinenti il PP, a riscontro dei contenuti del quadro conoscitivo di riferimento del PP stesso, e inparticolare: • Rappresentazione sintetica del quadro conoscitivo delle componenti ambientali e antropiche pertinenti il PP, attraverso la valutazione dello stato, delle tendenze evolutive e dei relativi fattori di pressione, ed evidenziando fonti, enti preposti all’elaborazione dei dati acquisiti, eventuali carenze informative • Descrizione delle criticità, potenzialità e opportunità accertate e della loro rilevanza rispetto alle strategie di governo del territorio e delle risorse • Nel caso di PP che prefigurano scelte localizzative, elaborazione di una carta sintetica dei vincoli/tutele/rischi/opportunità presenti sul territorio di pertinenza.1.3 Obiettivi di sostenibilità ambientale e territorialeDescrizione delle modalità con cui i risultati del percorso di formazione, delle valutazioni sullostato dell’ambiente e degli indirizzi stabiliti dalla normativa e dai PP che interessano l’area el’ambito di pertinenza del PP sono stati tradotti in obiettivi di sostenibilità: • Descrizione degli obiettivi di sostenibilità ambientale e territoriali adottati, della loro pertinenza all’attuazione del piano e della coerenza rispetto al quadro conoscitivo e al percorso decisionale di formazione del PP; • Verifica di coerenza esterna tra obiettivi di sostenibilità del piano e obiettivi desunti dalla normativa e altri PP sovraordinati; • Verifica di coerenza interna tra obiettivi di sostenibilità e obiettivi di piano. • Funzionalità del PP, in termini di (quando pertinenti ai contenuti del PP) efficienza infrastrutturale, efficienza energetica, risparmio idrico ed efficienza depurativa, riduzione dei carichi ambientali.Nel caso di PP di enti certificati ISO 14001 e/o registrati EMAS, è opportuno che siano utilizzati glielementi conoscitivi acquisiti e le linee programmatiche e gli obiettivi definiti con il Sistema diGestione Ambientale, integrandoli nei contenuti di PP ed avvalendosene per la redazione delRapporto Preliminare.2. CARATTERISTICHE DEGLI IMPATTIValutazione degli effetti derivanti dall’attuazione degli interventi previsti dal PP, ed individuazionedelle eventuali alternative, compensazioni e mitigazioni, tenendo conto della reversibilità, delcarattere cumulativo, della natura transfrontaliera degli impatti, dei rischi per la salute umana e perl’ambiente in caso di incidenti, del valore e della vulnerabilità delle aree interessate. La valutazionedovrà rispondere almeno ai contenuti minimi sotto elencati.2.1 Valutazione effetti cumulativi e individuazione delle misure di mitigazione e compensazioneValutazione degli effetti complessivi che il massimo dimensionamento previsto dal PP genera sullecomponenti ambientali, territoriali e sulle infrastrutture ecologiche pertinenti il PP. Per ciascunacomponente ambientale si deve provvedere all’analisi/valutazione dello stato, dell’impattopotenziale e delle relative misure di sostenibilità, intendendo per misure di sostenibilità le risposteche il PP fa proprie per il perseguimento degli obiettivi di sostenibilità adottati.
  26. 26. 2.2 Valutazione della coerenza localizzativa e individuazione delle misure di mitigazioneNel caso di previsioni di PP localizzate e/o localizzabili, definizione della coerenza localizzativa,attraverso l’analisi della sovrapposizione tra la struttura del PP e la sintesi dei livelli conoscitiviindividuati per la carta dei vincoli/tutele/rischi/opportunità territoriali.3. SCHEMA DI PIANO DI MONITORAGGIO - OPZIONALEDescrizione delle misure previste in merito al monitoraggio degli impatti ambientali derivantidall’attuazione del Piano, comprendenti un set di indicatori minimo, le modalità di raccolta e digestione dei dati, i soggetti competenti e responsabili e le risorse necessarie.
  27. 27. ALLEGATO C CONTENUTI DEL RAPPORTO AMBIENTALEIllustrazione dei contenuti, degli obiettivi principali del piano o programma e del rapporto con altripertinenti piani o programmiDESCRIZIONE DELLO SCHEMA DI PP, con indicazione della normativa e dell’iter approvativodi riferimento, dei principali obiettivi che si pone e delle linee di sviluppo essenziali. Interazionecon progetti approvati o in corso di approvazione pertinenti livelli territoriali sovraordinatiDESCRIZIONE DEI PRINCIPALI OBIETTIVI (OBIETTIVI GENERALI) che si pone e dellelinee di sviluppo essenziali, e verifica di coerenza con gli obiettivi di sostenibilità e di protezione emiglioramento ambientale individuati a livello comunitario, nazionale, regionale, locale(COERENZA ESTERNA).DESCRIZIONE DEL PROCESSO PARTECIPATIVO attivato allo scopo di definire obiettivi estrategie, dei suoi esiti e di come se ne è tenuto conto nella costruzione del PP, nell’individuazionedegli obiettivi specifici e delle linee di sviluppo del PP.ASPETTI PERTINENTI DELLO STATO ATTUALE DELLAMBIENTE - Inquadramentoterritoriale, socio economico e demografico, e quadro di analisi attraverso l’individuazione diinformazioni territoriali di base e la definizione dello stato quali-quantitativo dei varicomparti/risorse:- aria e fattori climatici- acque superficiali, sotterranee e ciclo idrico integrato- suolo e sottosuolo- aspetti agro-vegetazionali (con attenzione particolare per i territori con produzioni agricole di particolare qualità e tipicità, di cui all’art. 21 del D. Lgs. 18 maggio 2001, n. 228)- biodiversità (con attenzione particolare alle zone designate ai sensi delle direttive 79/409/CEE e 92/43/CEE e alle relative aree di collegamento ecologico –funzionali)- paesaggio e patrimonio culturale, architettonico e archeologico- inquinanti fisici: rumore, radiazioni ionizzanti e non ionizzanti- energia- rifiuti- salute umanaIndicazione delle eventuali difficoltà incontrate nella raccolta delle informazioni richieste.DEFINIZIONE DI OBIETTIVI SPECIFICI E DEI RELATIVI TARGET QUALI-QUANTITATIVI (indicatori)- dalla constatazione di criticità esistenti nel quadro di analisi iniziale, in rapporto agli obiettivi di sostenibilità ed ambientali generali- dalla manifestazione di esigenze/istanze particolari da parte dei portatori di interesse (cittadini, associazioni, categorie, etc.)- dall’implementazione del SGA, nel caso di enti certificati.DESCRIZIONE DELL’OPZIONE “ZERO”, ovvero dello scenario di riferimento costituito dallostato attuale delle risorse e dalla loro possibile evoluzione in assenza di PP. L’analisi deveconsentire di evidenziare ulteriori criticità/potenzialità di natura dinamica, in rapporto agli
  28. 28. adempimenti di norma, di piano di settore e/o sovraordinati, ed agli obiettivi generali, arrivando adefinire ulteriori obiettivi specifici. Uso di indicatori.SINTESI DELLE ALTERNATIVE DI PP individuate per il raggiungimento degli obiettivi posti,valutazione comparativa delle prestazioni comprensiva della descrizione di come è stata effettuatala valutazione stessa e di come si è giunti alla scelta dell’assetto finale di PP. Uso di indicatori.VERIFICA DI COERENZA fra le azioni/previsioni costituenti il PP, il quadro di analisi iniziale(coerenza INTERNA) e gli obiettivi specifici. Funzionalità del PP in termini di (quando pertinenti)efficienza infrastrutturale, efficienza energetica, risparmio idrico ed efficienza depurativa, riduzionedei carichi ambientali. Uso di indicatori.INDIVIDUAZIONE DEI POSSIBILI EFFETTI SIGNIFICATIVI SULLAMBIENTE derivantidall’attuazione del PP nel suo complesso (massimo dimensionamento previsto) e per singoleprevisioni. In relazione all’assetto di PP scelto, stima delle conseguenze derivanti dalle previsionisullo stato quali-quantitativo delle risorse, definito nel quadro di analisi iniziale, comprendendo leinterrelazioni fra i vari elementi. In caso di previsioni localizzate e/o localizzabili, verifica dellacoerenza delle stesse con il quadro vincolistico, pianificatorio e conoscitivo delineato. Devono essereconsiderati tutti gli impatti significativi, compresi quelli secondari, cumulativi, sinergici, a breve,medio e lungo termine, permanenti e temporanei, positivi e negativi. A fronte di impatti significativi,individuazione di idonee misure mitigative e compensative, da formulare quale parte costitutiva delquadro normativo del PP. Nel caso di interessamento di elementi della Rete Natura 2000 deve esserericonoscibile lo Studio di Incidenza ai sensi del DPR 357/97 e ss.mm.ii. e norme regionali inmateria.DESCRIZIONE DELLE MISURE PREVISTE IN MERITO AL MONITORAGGIO e controllodegli impatti ambientali significativi derivanti dall’attuazione del PP proposto. Devono essereindividuate le responsabilità per l’attuazione del monitoraggio, avvalendosi di ARPAL, e garantitala sussistenza nell’ambito del quadro economico del PP delle risorse necessarie per la suarealizzazione e gestione.Devono inoltre essere definite le modalità con cui si prevede di adottare le misure correttive sul PPche risultassero necessarie, e delle forme di comunicazione al pubblico sia degli esiti delmonitoraggio che delle misure correttive assunte.SINTESI NON TECNICA delle informazioni di cui ai punti precedenti.
  29. 29. ALLEGATO D CONTENUTI DELLA DICHIARAZIONE DI SINTESILa dichiarazione di sintesi è il documento attraverso il quale l’autorità procedente, nel momento diinformazione della decisione, illustra in che modo le considerazioni ambientali sono state integratenel piano o programma e di come si è tenuto conto del rapporto ambientale e degli esiti delleconsultazioni, nonché le ragioni per le quali è stato scelto il piano o il programma adottato, alla lucedelle alternative possibili. È fondamentale per ripercorrere il processo decisionale e renderlotrasparente ed efficace.Le informazioni da fornire, in modo schematico e facilmente leggibile, sono le seguenti:1. Consultazione: descrizione della procedura di valutazione effettuata, dei soggetti competenti coinvolti, dei pareri e dei relativi tempi, indicando per le due fasi di scoping e di valutazione: - numero e date degli incontri effettuati - contributi forniti nell’ambito dello scoping dai soggetti competenti in materia ambientale - pareri richiesti ed evidenza di quelli pervenuti, con sintesi dei contenuti e di come se ne è tenuto conto nella formulazione del parere motivato2. Fase pubblica: - indicazione del processo partecipativo attivato per la formazione del piano, con evidenza dei portatori di interessi coinvolti, delle modalità, e di come si è tenuto conto nella redazione del piano/programma dei suoi esiti - indicazione delle osservazioni pervenute nel corso della fase pubblica del procedimento di VAS, da parte di chi, e di come se ne è tenuto conto nella redazione del parere motivato3. Alternative: descrizione delle eventuali alternative considerate, anche in termini di stadi evolutivi del piano o programma, e sintetica illustrazione delle ragioni della scelta finale, attraverso la sintesi degli effetti ambientali attribuibili ad ognuna4. Integrazione delle considerazioni ambientali nel piano o programma: devono essere indicati, per i vari comparti ambientali e i relativi obiettivi di tutela, gli obiettivi e le azioni di piano che su di essi producono effetti, e le eventuali misure di mitigazione/compensazione. Il richiamo deve essere puntuale ai singoli obiettivi, azioni, norme di attuazione del piano o programma5. Adeguamento agli esiti della valutazione ambientale: descrizione del modo in cui si è tenuto conto del Parere Motivato e delle eventuali Prescrizioni in esso contenute, attraverso l’indicazione puntuale delle parti di piano o programma variate, con evidenza del raffronto prima-dopo e argomentazione della modifica effettuata (rispetto ad altre possibili).
  30. 30. ALLEGATO E Definizioni di cui all’articolo 5 del DLgs. N. 152/2006 e s.m. richiamatenell’articolo 2 della presente legge a) valutazione ambientale di piani e programmi, nel seguito valutazione ambientale strategica,di seguito VAS: il processo che comprende, secondo le disposizioni di cui al titolo II della secondaparte del presente decreto, lo svolgimento di una verifica di assoggettabilità, lelaborazione delrapporto ambientale, lo svolgimento di consultazioni, la valutazione del piano o del programma, delrapporto e degli esiti delle consultazioni, lespressione di un parere motivato, linformazione sulladecisione ed il monitoraggio; e) piani e programmi: gli atti e provvedimenti di pianificazione e di programmazione comunquedenominati, compresi quelli cofinanziati dalla Comunità europea, nonché le loro modifiche: f) rapporto ambientale: il documento del piano o del programma redatto in conformità alleprevisioni di cui allarticolo 13; l) modifica: la variazione di un piano, programma, impianto o progetto approvato, compresi, nelcaso degli impianti e dei progetti, le variazioni delle loro caratteristiche o del loro funzionamento,ovvero un loro potenziamento, che possano produrre effetti sullambiente; m) verifica di assoggettabilità: la verifica attivata allo scopo di valutare, ove previsto, seprogetti possono avere un impatto significativo e negativo sullambiente e devono essere sottopostialla fase di valutazione secondo le disposizioni del presente decreto; m-bis) verifica di assoggettabilità di un piano o programma: la verifica attivata allo scopo divalutare, ove previsto, se piani, programmi ovvero le loro modifiche, possano aver effettisignificativi sullambiente e devono essere sottoposti alla fase di valutazione secondo le disposizionidel presente decreto considerato il diverso livello di sensibilità ambientale delle aree interessate; m-ter) parere motivato: il provvedimento obbligatorio con eventuali osservazioni e condizioniche conclude la fase di valutazione di VAS, espresso dallautorità competente sulla basedellistruttoria svolta e degli esiti delle consultazioni; n) provvedimento di verifica: il provvedimento obbligatorio e vincolante dellautoritàcompetente che conclude la verifica di assoggettabilità; p) autorità competente: la pubblica amministrazione cui compete ladozione del provvedimentodi verifica di assoggettabilità, lelaborazione del parere motivato, nel caso di valutazione di piani eprogrammi, e ladozione dei provvedimenti conclusivi in materia di VIA, nel caso di progetti ovveroil rilascio dellautorizzazione integrata ambientale, nel caso di impianti; q) autorità procedente: la pubblica amministrazione che elabora il piano, programma soggettoalle disposizioni del presente decreto, ovvero nel caso in cui il soggetto che predispone il piano,programma sia un diverso soggetto pubblico o privato, la pubblica amministrazione che recepisce,adotta o approva il piano, programma; r) proponente: il soggetto pubblico o privato che elabora il piano, programma o progettosoggetto alle disposizioni del presente decreto; s) soggetti competenti in materia ambientale: le pubbliche amministrazioni e gli enti pubbliciche, per le loro specifiche competenze o responsabilità in campo ambientale, possono essereinteressate agli impatti sullambiente dovuti allattuazione dei piani, programmi o progetti; t) consultazione: linsieme delle forme di informazione e partecipazione, anche diretta, delleamministrazioni, del pubblico e del pubblico interessato nella raccolta dei dati e nella valutazionedei piani, programmi e progetti; u) pubblico: una o più persone fisiche o giuridiche nonché, ai sensi della legislazione vigente, leassociazioni, le organizzazioni o i gruppi di tali persone;
  31. 31. v) pubblico interessato: il pubblico che subisce o può subire gli effetti delle proceduredecisionali in materia ambientale o che ha un interesse in tali procedure; ai fini della presentedefinizione le organizzazioni non governative che promuovono la protezione dellambiente e chesoddisfano i requisiti previsti dalla normativa statale vigente, nonché le organizzazioni sindacalimaggiormente rappresentative, sono considerate come aventi interesse

×