Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Deroga dicembre 2017

66 views

Published on

DEROGA AUTORIZZAZIONE IMPIANTO RIFIUTI IN LOCALITA' CERRI DI FOLLO- LA SPEZIA

Published in: Environment
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Deroga dicembre 2017

  1. 1. PROVINCIA DELLA SPEZIA Settore: SETTORE AMMINISTRATIVO Proponente: RIFIUTI DETERMINAZIONE N. 1993 DEL 19/12/2017 Oggetto: DEROGA TEMPORANEA AUTORIZZAZIONE ALLA SOCIETA’ FERDEGHINI AGOSTINO S.R.L. PER LA GESTIONE DELL’IMPIANTO DI MESSA IN RISERVA CON SELEZIONE, CERNITA, RECUPERO E STOCCAGGIO DI RIFIUTI, UBICATO IN LOCALITA’ CERRI DEL COMUNE DI FOLLO (SP). ART. 208 DEL D.LGS. N.152/2006 E SS.MM.II. E ART. 34 DELLA L.R. N.18/1999. Visto il D.Lgs. n.267 del 18/08/2000; Visti gli articoli 4 comma 2 e 70 comma 6 del D.Lgs. n.165 del 30/03/2001; Vista la Legge Regionale n.18 del 21/06/1999; Visto il D.Lgs n.152 del 03/04/2006 e successive modifiche ed integrazioni; Vista la Legge Regionale n.30 del 31/10/2006; Premesso che: la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Ambiente n.70 prot. n.36354 del 18/06/2008 ha rinnovato l’autorizzazione alla società Ferdeghini Agostino & C. S.a.s. alla gestione dell’impianto di messa in riserva con selezione, cernita, recupero e stoccaggio di rifiuti pericolosi e non, ubicato in località Cerri del Comune di Follo per una potenzialità massima annua di 30.000 tonnellate ed una potenzialità media giornaliera di 100 tonnellate ed ha autorizzato lo stoccaggio presso l’impianto di ulteriori tipologie di rifiuti; la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Ambiente n.41 prot. n.17615 del 26/03/2009 ha modificato la Determinazione Dirigenziale n.70 del 18/06/2008 e ha autorizzato lo stoccaggio presso l’impianto di ulteriori tipologie di rifiuti; la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Ambiente n.157 prot. n.58026 del 06/10/2010 ha volturato in capo alla società Ferdeghini Agostino S.r.l. le Determinazioni Dirigenziali n.70 del 18/06/2008 e n.41 del 26/03/2009; 1 di 5
  2. 2. la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Ambiente n. 99 prot. n.35503 del 21/06/2012 ha modificato l’autorizzazione alla gestione dell’impianto di messa in riserva con selezione, cernita, recupero e stoccaggio di rifiuti, ubicato in località Cerri del Comune di Follo e ha autorizzato il conferimento e la lavorazione presso l’impianto, oltre che dei rifiuti già autorizzati con Determinazioni Dirigenziali n.70/2008 e n.41/2009, dei rifiuti identificati con codice CER 160103 “pneumatici fuori uso”, nonché lo stoccaggio di rifiuti identificati con codice CER 160601* “batterie al piombo”; la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Ambiente n. 216 prot. n. 18545 del 09/04/2014 ha modificato l’autorizzazione alla gestione dell’impianto di messa in riserva con selezione, cernita, recupero e stoccaggio di rifiuti, ubicato in località Cerri del Comune di Follo e ha autorizzato il conferimento e la lavorazione presso l’impianto, tra gli altri, di rifiuti identificati con codici CER 170504 “terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce 170503”, CER 170508 “pietrisco per massicciate ferroviarie, diverso da quello di cui alla voce 170507”, CER 170904 “rifiuti misti dell’attività di costruzione e demolizione, diversi da quelli di cui alle voci 170901, 170902 e 170903” e CER 200303 “residui della pulizia stradale” prescrivendo che detti rifiuti non debbano contenere sostanze inquinanti oltre i valori di CSC di Tabella 1 colonna B dell’Allegato 5 al Titolo V della Parte Quarta del D.Lgs. n.152/2006. la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Ambiente n. 476 prot. n. 30996 del 23/07/2015 ha modificato l’autorizzazione alla gestione dell’impianto di messa in riserva con selezione, cernita, recupero e stoccaggio di rifiuti, ubicato in località Cerri del Comune di Follo autorizzando, ai sensi dell’art.208 del D.Lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii., l’installazione del nuovo lay – out di lavorazione così come illustrato e corrispondente alla planimetria (allegata alla istanza) P_011357_008_0001_Assieme, subordinando l’autorizzazione al rispetto di tutte le prescrizioni riportate nelle Determinazioni Dirigenziali n.70 del 18/06/2008, n.41 del 26/03/2009, n.99 del 21/06/2012 e n. 216 del 09/04/2014. la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Amministrativo n. 92 prot. n. 1678 del 19/01/2016 ha disposto di modificare l’autorizzazione rilasciata alla società Ferdeghini Agostino S.r.l., con Determinazioni Dirigenziali n.70 del 18/06/2008, n.41 del 26/03/2009, n.157 del 06/10/2010, n.99 del 21/06/2012, n. 216 del 09/04/2014 e di autorizzare, ai sensi dell’art.208 del D.Lgs. n.152/2006 e ss.mm.ii., la gestione secondo il lay–out di lavorazione corrispondente alla planimetria P_011357_008_0001_Assieme agli atti dello scrivente ufficio come precisato con la nota pec prot. 33110 del 11/08/2015, subordinando l’autorizzazione al rispetto di tutte le prescrizioni riportate nelle Determinazioni Dirigenziali n.70 del 18/06/2008, n.41 del 26/03/2009, n.99 del 21/06/2012, n. 216 del 09/04/2014 e n. 476 del 23/07/2015 la Provincia della Spezia, con Determinazione Dirigenziale del Settore Amministrativo n. 2003 prot. n. 30034 del 21/10/2016 ha modificato in modo non sostanziale l’autorizzazione rilasciata alla società Ferdeghini Agostino S.r.l. sostituendo la planimetria P_011357_008_0001_Assieme descrivente le superfici dell’impianto con l’allegato 1 all’ istanza di modifica presentata (prot. 30028 del 21/10/2016), denominato tav. U, subordinando l’autorizzazione all’utilizzo del capannone di proprietà STAR SERVICE SRL al rispetto di tutte le prescrizioni riportate nelle 2 di 5
  3. 3. Determinazioni Dirigenziali n.70 del 18/06/2008, n.41 del 26/03/2009, n.157 del 06/10/2010, n.99 del 21/06/2012, n. 216 del 09/04/2014 e n. 476 del 23/07/2015 , da ultimo ricomprese nella Determinazione Dirigenziale n. 92 del 19/01/2016, Rilevato che in data 11 dicembre 2017, in seguito alle forti precipitazioni, il fiume Magra ha causato un’esondazione che ha interessato in modo particolare il territorio del Comune di Ameglia e pertanto il Sindaco ha emesso l’ordinanza n° 36 del 12/12/2017 disponendo l’allestimento di un’area in loc. “La Ferrara” idonea allo stoccaggio temporaneo dei rifiuti ingombranti interessati dall’alluvione; Preso atto della necessità del Comune di Ameglia di provvedere ad allontanare nel modo più rapido ed idoneo i suddetti rifiuti, come evidenziato dalla nota prot. 20016 del 14/12/2017 con cui il Responsabile Area Lavori Pubblici, Ambiente, Difesa del Suolo – Arch. Nicoletta Giangarè, ha chiesto al servizio pubblico, ACAM Ambiente S.p.A., di attivarsi e della conseguente intenzione di ACAM Ambiente S.p.A. di avvalersi dell’azienda in oggetto come comunicato con la nota prot 784/AU/2017 del 14/12/207 a firma del Responsabile Tecnico Area Impianti, Ing. Giulio Maggi; Vista l’istanza prot. 32897 del 19/12/2017 presentata dalla sig.ra Patrizia Caparrini, in qualità di neo-Amministratore Unico della società Ferdeghini Agostino S.r.l. come da documentazione presentata ed agli atti dello scrivente ufficio, con la quale si richiede “ la deroga temporanea alla esecuzione delle attività di scarico, prima cernita e selezione e le eventuali operazioni meccaniche di riduzione volumetrica (triturazione) all’esterno di rifiuti ingombranti alluvionati CER 20.03.07” rispetto a quanto disposto con le citate Det. Dir. n 92/2016 e precedenti, Considerata l’eccezionalità dell’evento e la necessità, anche di carattere igienico-sanitario, di provvedere alla corretta gestione dei rifiuti alluvionali prodotti nelle aree esondate del Comune di Ameglia, Rilevato pertanto che la richiesta della società Ferdeghini Agostino S.r.l. possa essere accolta, in quanto servizio di pubblica utilità, subordinatamente alle condizioni tecnico-operative più oltre descritte DISPONE 1. Di autorizzare la società Ferdeghini Agostino S.r.l., in deroga a quanto disposto da ultimo con la Determinazione Dirigenziale del Settore Amministrativo n° 2003/2016, per la gestione dell’impianto di messa in riserva con selezione, cernita, recupero e stoccaggio di rifiuti pericolosi e non, ubicato in località Cerri del Comune di Follo alla esecuzione delle attività di scarico, prima cernita e selezione e le eventuali operazioni meccaniche di riduzione volumetrica (triturazione), alle seguenti condizioni: - la deroga al trattamento dei rifiuti riguarda esclusivamente i rifiuti classificati con codice CER 20 03 07 (rifiuti ingombranti); 3 di 5
  4. 4. - detti rifiuti potranno provenire esclusivamente dal Comune di Ameglia che, preventivamente ad ogni carico, dovrà riconoscerne la provenienza e certificare il peso in partenza degli stessi; - una volta giunti presso l’impianto della società Ferdeghini Agostino S.r.l., ubicato in località Cerri del Comune di Follo, detti rifiuti dovranno essere pesati e registrati e copia dei documenti di pesatura (in partenza ed in arrivo), di trasporto (prima e quarta copia del FIR) e registrazione (Registro di C/S) dovrà essere immediatamente inviata allo scrivente Settore al seguente indirizzo di posta elettronica certificata tutelaambiente.provincia.laspezia@legalmail.it ; - i suddetti rifiuti potranno essere oggetto di cernita e selezione esclusivamente nell’area delimitata da barriere tipo New Jersey o geo-blocchi, ma comunque di altezza non inferiore a metri 2, come da planimetria denominata Tav. U “DESCRIZIONE PLANIMETRIA CON UBICAZIONE STOCCAGGI” datata 12/12/2017 a firma dei tecnici Dott. Maurizio Pennucci ed Ing. Riccardo Riccardi che deve comunque integralmente insistere su platea di cemento sottoposta a gestione delle acque di piazzale; - dovranno essere minimizzate e per quanto possibile condotte in area coperta le eventuali operazioni meccaniche di riduzione volumetrica (triturazione) ed i rifiuti suscettibili di rilasciare polveri dovranno essere adeguatamente umidificati per evitare emissioni in atmosfera; - le operazioni di scarico, selezione ed eventuale triturazione potranno essere condotte solo nella fascia oraria tra le ore 8 e le ore 18; - dovrà essere trasmessa una relazione settimanale attestante i quantitativi lavorati e le tipologie di rifiuti derivanti dalla cernita/separazione, con particolare riferimento alla suddivisione di eventuali rifiuti pericolosi e RAEE. Il documento dovrà essere inviato anche ad ARPAL, ASL n° 5 e Comune di Follo; - dovranno essere rispettate tutte le prescrizioni riportate nelle Determinazioni Dirigenziali n.70 del 18/06/2008, n.41 del 26/03/2009, n.99 del 21/06/2012, n. 216 del 09/04/2014 n. 476 del 23/07/2015, n° 92 del 19/01/2016 e n° 2003 del 21/10/2016 non in contrasto con quanto disposto dal presente atto; 2. Di confermare in € 236.188,00 (euro duecentotrentaseimila centoottantotto/00) l’importo della garanzia finanziaria (cauzione, fideiussione bancaria, fideiussione assicurativa) che la società Ferdeghini Agostino S.r.l. dovrà mantenere a favore dell’Amministrazione Provinciale. 3. Di stabilire che la presente Determinazione ha validità sino alla conferimento esclusivamente da parte di ACAM Ambiente S.p.A. di 500 metri cubi, stimabili in circa 400 tonnellate di rifiuti classificati CER 20 03 07 (rifiuti ingombranti) provenienti esclusivamente dal sito di stoccaggio provvisorio identificato dall’ordinanza n° 36 del 12/12/2017 emessa dal Sindaco del Comune di Ameglia o, qualora tale quantitativo non fosse già stato raggiunto, sino al 31/01/2018 . 4 di 5
  5. 5. 4. Di dare mandato alla Polizia Municipale del Comune di Follo di verificare la corretta esecuzione delle procedure in deroga oggetto del presente atto; 5. Di consegnare copia del presente atto alla sig.ra Patrizia Caparrini in qualità di Amministratore Unico della società Ferdeghini Agostino S.r.l., e di darne comunicazione ai Sindaci del Comune di Follo e di Ameglia, al Dipartimento Provinciale ARPAL della Spezia, alla S.C. Igiene e Sanità Pubblica della A.S.L. n. 5 della Spezia ed alla Regione Liguria. INFORMA  La presente Determinazione viene posta in pubblicazione nell’Albo Pretorio on-line per rimanervi 15 giorni consecutivi e nella sezione “Amministrazione Trasparente Informazioni ambientali” ai sensi dell’art. 40 D.Lgs 33/2013;  Contro il presente provvedimento è possibile promuovere ricorso innanzi al Tribunale Amministrativo Regionale entro 60 giorni dalla data di conoscenza del provvedimento medesimo o ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni. Letto, confermato e sottoscritto anche ai sensi dell’art. 49 comma 1 del D.Lgs. 267/2000 con contestuale espressione del relativo parere favorevole sotto il profilo della regolarità tecnica. Il Dirigente Dott. Marco Casarino 5 di 5

×