Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

E-Commerce, Moda, PMI. L'eterna promessa.

468 views

Published on

Resistenze e scenari possibili dell'e-commerce B2B e B2C in Italia, con un occhio particolare alla moda.

Published in: Internet
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

E-Commerce, Moda, PMI. L'eterna promessa.

  1. 1. E-COMMERCE, PMI e MODA L’eterna promessa MB - manticasolution.com
  2. 2. Le PMI in Italia • L’Italia è il Paese europeo con più alto numero di PMI (4 milioni) • Le PMI rappresentano più del 99% delle aziende italiane e producono circa il 70% del fatturato. • In particolare, il 95% delle imprese ha meno di 10 addetti e impiega il 47% dell’occupazione totale. (Fonte Istat) manticasolution.com
  3. 3. Le PMI e l’ ICT • In Italia, solo il 22% delle piccole ed il 42% delle medie imprese presenta in organico una figura preposta alla gestione dell’ICT. • Circa il 70% delle PMI è presente online con il proprio sito Internet (aumento rispetto al 2013). • Si tratta in molti casi di siti vetrina in cui vengono riportati: il catalogo prodotti ed il listino prezzi, l’informativa sulla privacy, i contatti per l’assistenza post vendita. (Fonte Google/Doxa) PMI e Information Technology MB - manticasolution.com
  4. 4. PMI, B2B e B2C • Ancora poco utilizzati invece, sono i servizi dedicati alla personalizzazione dei prodotti, alla tracciabilità degli ordini online e alla gestione del rapporto con clienti e fornitori (B2B). (Fonte Google/Doxa) • Solo il 4% delle aziende italiane si avvale del commercio elettronico come canale addizionale di vendita o di acquisto (B2C). (Fonte NetComm) • Nell’ultimo anno l’e-commerce italiano è cresciuto dell’ 8%. Nel mondo del 22%. (Fonte Casaleggio Associati) MB - manticasolution.com PMI, B2B e B2C
  5. 5. • Esiste una relazione diretta e positiva tra digitalizzazione, internazionalizzazione ed esportazione nelle PMI italiane • La percentuale di piccole imprese digitalizzate che intrattengono relazioni con l’estero è quattro volte superiore alla percentuale di aziende non digitalizzate • La percentuale di medie imprese digitalizzate che hanno relazioni con l’estero cresce più del 50% rispetto a quelle non digitalizzate. (Fonte Google/Doxa) MB - manticasolution.com PMI, B2B e B2CPMI, B2B e B2C
  6. 6. E’ chiaro che le aziende non sfruttano in pieno le opportunità offerte da internet e ICT in generale, quindi gli italiani sono un popolo che apprezza poco l’ high tech e non passa molto tempo online. Siamo proprio sicuri che sia così? MB - manticasolution.com PMI, B2B e B2CLa tecnologia e gli italiani
  7. 7. FB • Gli italiani invece sono fra le popolazioni che trascorrono più tempo online a livello mondiale • In Italia ci sono più 26 milioni di utenti attivi su Facebook (fonti vincos.it e wired.it) • L’utilizzo del mezzo internet per finalità ludiche è molto più diffusa che per migliorare le attività lavorative esistenti e cogliere nuove opportunità di business MB - manticasolution.com Social Italy
  8. 8. Resistenze • Nonostante un massiccio utlizzo di smartphone e tablet fuori dall’ambito lavorativo, quando si parla di e-commerce le PMI mostrano un approccio diffidente, anche (ma non solo) per la paura di frodi e raggiri. • Inoltre la piccola impresa italiana è quasi sempre poco strutturata: raramente all'interno dell'azienda esiste una politica commerciale e di marketing, perché non ha risorse da dedicarvi. MB - manticasolution.com Sullo smartphone si, in azienda no • Culturalmente spesso manca la capacità di rapportarsi con i nuovi strumenti digitali • Per molte realtà è difficile dare una corretta valutazione ai costi da sostenere rispetto alle reali esigenze dell’azienda (Fonte NetComm)
  9. 9. Resistenze 1 - Tutto quello che si trova nel mondo alla tua nascita è dato per scontato. 2 - Tutto quello che viene inventato tra la tua nascita e i tuoi trent’anni è incredibilmente eccitante e creativo e se hai fortuna puoi costruirci sopra la tua carriera. 3 - Tutto quello che viene inventato dopo i tuoi trent’anni è un’offesa all’ordine naturale delle cose, è l’inizio della fine della civiltà e solo dopo essere stato in circolazione per almeno dieci anni torna a essere abbastanza normale. (Le tre leggi fondamentali della “Percezione del Progresso” – Douglas Adams) MB - manticasolution.com Resistenze e percezione del progesso Le resistenze in azienda possono venire da figure con forti influenze sulla proprietà, spesso con potere decisionale ed amministrativo.
  10. 10. Resistenze • L'e-Commerce quindi viene percepito come un problema in più da risolvere invece di un'opportunità di crescita. • Per lo stesso motivo non vengono considerati esso altri strumenti informatici per lo sviluppo del business come CRM e Business Intelligence, ma ci si limita alla digitalizzione dell’indispensabile (ovvero il gestionale). MB - manticasolution.com E-Commerce? Meglio di no!
  11. 11. • Nel 2014/2015 il mercato e-commerce nel mondo è cresciuto del 22%. • Nel 2014 in Italia il fatturato dell’ e- commerce è stato di 24,2 miliardi di euro, + 8% rispetto all’anno precedente. • Il settore con più alta crescita è quello dei centri commerciali on line (es. Amazon e Ebay) che ha visto aumentare del 55% il proprio fatturato, seguito dalla moda (+30%). (Fonte Casaleggio Associati) MB - manticasolution.com Il progesso non aspetta nessuno
  12. 12. I settori “Made in Italy”cresciuti maggiormente nel 2014: •Moda 30% •Editoria 15% •Tempo libero 15% I margini di crescita più interessanti sono segnati dai centri commerciali online, come Amazon ed Ebay, che hanno aumentato del 55% le proprie vendite. (Fonte Casaleggio Associati) MB - manticasolution.com Il “Made In Italy” che cresce di più online
  13. 13. • Nessario cambiare l'approccio, perché se l'impresa non valuta investimenti nel digitale e nell'e-business può rischiare di perdere quote di mercato anche nei canali tradizionali e consolidati. • La digitalizzazione dell’esitente, come nel passaggio di fine anni ‘70/inizio anni ’80 che vide l’introduzione di software gestionali al posto degli archivi cartacei, oggi non basta più. • Internet è decisivo anche per gli acquisti fatti offline, perché molti prima si informano online, confrontano prezzi e offerte e magari concludono il loro acquisto in un punto di vendita fisico. Attenzione! Adesso il processo avviene anche al contrario. • Si tratta del concetto di multicanalità, per cui internet non sostituisce i canali di vendita tradizionali, ma rappresenta un’ulteriore opportunità di business. MB - manticasolution.com A change would do you good
  14. 14. MB - manticasolution.com Cosa fare e non fare / 1 • Sito istituzionale: partire da una grafica responsive, adattabile per tutti i dispositivi con contenuti e immagine aziendale mirata. Diffidare dall’ “amico che sa fare i siti”, a meno che non sia un professionista: il sito oggi è la prima vetrina sul mondo per una qualsiasi azienda o attività e non può essere realizzato da chi non ha chiare le best pratictes del mondo online. • Presenza sui social costante: le attività di vendita online e offline possono essere influenzate dalla presenza e soprattutto dal tipo di comunicazione svolta su questi canali. Anche qui, vale quanto detto sopra: la facilità d’accesso non significa che tutti siano bravi a fare marketing attraverso i social. Esistono corsi di ottimi professionisti che insegnano a capire come avere una buona presenza sui social formando il personale interno: è necessario avere strategia e non scoraggiarsi se all’inizio si ha la sensazione di essere come da soli.
  15. 15. • Non correre dietro le mode se non si è pronti o non si è valutata a fondo la presenza online del proprio prodotto e il relativo bacino d’utenza: in assenza di un sito professionale e di una buona strategia sui social, un eventuale e-commerce sarebbe una cattedrale nel deserto. • Essere coscienti della propria dimensione: se si è un negozio o un’attività locale, il sito e i social sono necessari (magari con l’investimento di budget in campagne sul territorio) ma per la vendita online perché fare un sito di e- commerce? Sarebbe forse il caso di approcciare alla vendita online valutando un’affiliazione a Marketplace come Amazon o Google (che non è da escludere neppure per le aziende). • Un modulo di e-commerce proposto a basso costo su qualche buon CMS non dà la garanzia di essere visibili e vendere online: prima è necessario avere chiare le caratteristiche del prodotto che si vuol mostrare online e svolgere un’analisi della concorrenza. MB - manticasolution.com Cosa fare e non fare / 2
  16. 16. • Product is the imperator: l’azienda/attività deve essere sicura del proprio prodotto. L’online smaschera subito la bassa qualità, perchè il consumatore internet è molto esigente, abituato a svolgere paragoni su prezzi e servizi e sa riconoscere ad esempio una buona organizzazione logistica (cioè spedizioni e resi veloci) e un customer care professionale. • Se il prodotto è valido, l’online diventa un canale in grado di dare risultati importanti, in termini di vendita e di informazioni che gli utenti possono dare all’azienda con i loro acquisti, commenti e interazioni. MB - manticasolution.com B2C: Product is the imperator
  17. 17. • Per un’azienda produttrice, le opportunità di avere online il proprio catalogo di prodotti è unica per essere visibili nei confronti di potenziali compratori. Ad esempio, nei paesi in cui l’utilizzo di internet è un fenomeno di massa, la qualità del Made in Italy viene ricercata molto online, oltre alle fiere di settore. • Inserire foto e descrizioni complete anche di prototipi. • Devono essere strumenti dalla grafica accattivante e responsive anche se utilizzati dalla rete vendita. MB - manticasolution.com B2B: rafforzare la rete vendita
  18. 18. • Uno dei vantaggi di un approccio di vendita web oriented è quello di avere un dato già strutturato rispetto (ad esempio) alla telefonata o al fax. • Questo permette di “inserire tutto in un grande contenitore” ed avere la possibilità di fare statistica, incrociando i dati delle vendite online con altri dati aziendali e addirittura open data. MB - manticasolution.com BI: l’importanza delle statistiche • Con i moderni di sistemi di business intelligence si può sapere in tempo reale quasi tutto, con un semplice click. • Questo può dare un vantaggio competitivo altissimo per chi prende decisioni in azienda, soprattutto di carattere commerciale e sul prodotto, specie nel fashion.
  19. 19. MB - manticasolution.com La sindrome da eterna promessa Siamo tutti certi che prima o poi la svolta digitale per le aziende dovrà avvenire. Ecco che si presenta la sindrome da eterna promessa che porta alla solita domanda: Si, ok, ma quanto dovremo aspettare per arrivare alla maturazione?
  20. 20. MB - manticasolution.com Una risposta per la moda • Forse non dovremo aspettare molto in realtà, visto che si prospetta un +30% per il settore moda nel 2015, fra retailer esteri che entreranno nel mercato italiano, e-commerce aziendali sempre più frequenti e posizionamento dei prodotti delle aziende italiane sui marketplace. (Fonte Casaleggio Associati) • Se penso al mio campo di battaglia quotidiano, non posso negare che alcune cose dall'anno scorso siano cambiate in meglio: quando ci proponiamo alle aziende incontriamo ancora vari Fred Flinstone o arcigni difensori dell'ancien regime, ma in generale nelle PMI si percepisce una maggior preparazione sui temi digitali.
  21. 21. MB - manticasolution.com Le nuove professioni del web • Stanno nascendo nuovi lavori orientati ai social media e all’online, come ad esempio i fotografi per e-commerce o addetti alle vendite B2B e B2C. • Dotatevi di figure professionali, il lavoro su Facebook non deve essere fatto a tempo perso! • I mezzi vanno utilizzati: non vanno messi l’ perché “fa figo” o magari si trovano formule ragionevoli di investimento.
  22. 22. MB - manticasolution.com Perché io no? Provateci, per voi e per le nuove generazioni di nativi digitali che potrebbero non ritrovare nel mondo del lavoro la stessa facilità di accesso alla tecnologia che hanno a portata di mano tutti i giorni.
  23. 23. GRAZIE! MB - manticasolution.com
  24. 24. MB - manticasolution.com Webografia • http://www.websulcampo.it/2015/04/ingranaggi-possibili-ecommerce-moda.html • https://www.casaleggio.it/e-commerce/ • http://www.ecommerceforum.it/ita/ecommerceforum2015/ • http://www.agendadigitale.eu/ecommerce/1280_liscia-netcomm-come-avvicinare-le- aziende-italiane-all-e-commerce.htm • http://www.engage.it/aziende/istat-98-delle-aziende-almeno-10-dipendenti-accesso- internet/26504#.VNR1y9KG-uQ • http://www.doxa.it/news/internet-export-il-ruolo-del-digital-nellinternazionalizzane-delle- pmi-italiane/ • www.vincos.it • http://www.wired.it/internet/social-network/2014/02/17/lo-scenario-social-digital-e- mobile-europa-e-italia/ • http://sloanreview.mit.edu/article/competing-in-the-age-of-omnichannel-retailing/ • http://www.slideshare.net/pondga/il-marketing-online-di-base-per-piccoli-commercianti- locali • http://www.wwworkers.it/news/cosi-mappiamo-le-nuove-professioni-del-web
  25. 25. MB - manticasolution.com Su di me MARCO BIANCALANI  Imprenditore La mia azienda “dot-com”, Mantica Srl, ha sede a Bologna, città in cui ho studiato. Attiva dal 2009, ha come prodotto di punta FASHION DESK, applicativo per il Fashion rivolto allo sviluppo del business via web, premiato nel 2013 da IBM,Unicredit e Resto del Carlino come migliore idea per il rilancio dell’economia sul territorio.  Sviluppatore Web Ho iniziato facendo piccoli siti aziendali: oggi sono Front- End Developer di e-commerce e dirigo gruppi di programmatori. Sono ossessionato dalla compatibilità e dall’usabilità dei prodotti online.  Blogger La mia esperienza di ogni giorno sul campo la racconto nel mio blog. FASHION DESK by MANTICA www.fashiondesk.it BLOG www.websulcampo.it TWITTER www.twitter.com/marcobianca LINKEDIN it.linkedin.com/pub/marco-biancalani/a/10b/b9a/en FACEBOOK www.facebook.com/mbiancalani

×