Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Il viaggio e il suo racconto. Intervista ad Armando Finodi

350 views

Published on

Travelling in literature. Different ways of travelling (Marco Polo vs Cristoforo Colombo), different visions about travellers (Homero's vision of Ulysses vs Dante's vision), different approach to travelling (Romance vs Rationalism). A talk with Armando Finodi, expert of travel literature

Published in: Travel
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Il viaggio e il suo racconto. Intervista ad Armando Finodi

  1. 1.  IL  VIAGGIO  E  IL  SUO  RACCONTO   INTERVISTA  AD  ARMANDO  FINODI   Di  Marco  Bertagni,  Cris1ano  Tancredi,  Giulia  Massimiani    
  2. 2.   Armando,  come  nasce  questa  tua   passione  per  i  viaggi  e  per  la   leDeratura  di  viaggio?    La   mia   famiglia   ha   origini   contadine.   Per   un   agricoltore   il   mondo   finisce   con   lo   steccato   del   proprio   terreno.   Forse   anche  per  questo  il  viaggio  mi  ha  sempre  affascinato,  perché   rappresentava   la   più   completa   alterità   alla   mia   cultura   di   partenza.  E  come  mi  diceva  un  amico,  il  poeta  e  storico  Carlo   Bordini,  si  finisce  sempre  per  studiare  l'argomento  con  cui  si   ha  un  conto  aperto.  Per  me  questo  conto  aperto  era  ed  è  il   viaggio.   Con   gli   anni,   poi,   mi   sono   ritrovato   a   leggere   e   ad   amare  dei  libri  di  viaggio  che  in  verità  erano  dei  saggi  di  storia   culturale,   dal   Milione   di   Marco   Polo   ai   grandi   viaggiatori   seKecenteschi  come  Goethe  e  A.  von  Humboldt,  fino  a  Bruce   Chatwin  o  Claudio  Magris.    
  3. 3. Goethe,  von  Humboldt,  Chatwin  e  Magris     ! ! !! ! ! !
  4. 4. Non  tuF  i  grandi  viaggiatori  della  storia  hanno  avuto  lo   stesso   approccio   con   il   “nuovo”.   Ci   parli   del   diverso   modo   di   relazionarsi   con   le   popolazioni   indigene   di   Marco  Polo  e  Cristoforo  Colombo?   È  vero.  In  ogni  viaggiatore  si  combinano  in  forma  diversa  la   cultura  di  partenza  e  l'esperienza  del  viaggio.  In  Marco  Polo   prevale  l'esperienza  del  viaggio,  che  senza  difficoltà  contesta   la   cultura   di   partenza:   e   così,   quando   Marco   vede   che   l'amianto   è   un   minerale   resistente   al   fuoco,   non   esita   a   contestare  che  si  traT,  come  credeva  prima  di  par1re,  della   pelle  della  salamandra.  In  Cristoforo  Colombo,  invece,  accade   il  contrario:  la  cultura  di  partenza  prevale  sull'esperienza  del   viaggio,  perché  anche  nel  Nuovo  Mondo  crede  di  trovarsi  nel   Catai  di  Marco  Polo  e  interpreta  tuKo  ciò  che  vede  sulla  base   di  quello  che  si  aspeKa  di  vedere  e  di  conoscere.  Ad  iniziare   dai   nomi   dei   luoghi:   Marco   riporta   i   nomi   dei   territori   aKraversa1,  Cristoforo  il  più  delle  volte  li  rinomina.    
  5. 5. Marco  Polo  vs.  Cristoforo  Colombo   ! ! !
  6. 6.   Il  viaggio  vive  in  simbiosi  mutualisOca  con  la  geografia,  se  ne  serve,  ma  a  sua   volta  contribuisce  ad  accrescere  il  sapere  geografico.  InfiniO  sono  i  modi  di   descrivere   il   mondo,   ma   forse   la   classificazione   più   neDa   è   quella   tra   viaggiatori   razionalisO   e   romanOci.   Qual   è   il   tuo   parere   su   queste   due   diverse  “visioni  del  mondo”?     Il  viaggiatore  disegna  e  racconta  il  suo  viaggio  con  la  sua  cultura  e  con   la  sua  personale  predisposizione,  e  anche  da  queste  visioni  plurime  si  è   alimentata  la  geografia.  In  età  moderna  una  nuova  cultura  del  viaggio   nasce  tra  SeKe  e  OKocento,  quando  si  confrontano  due  diversi  modi  di   viaggiare   e   percepire   il   paesaggio.   Per   il   viaggiatore   razionalista   il   viaggio   è   sopraKuKo   conoscenza   del   mondo:   un   paesaggio   si   valuta   per  la  sua  fer1lità  e  il  suo  ordine,  e  il  racconto  del  viaggio  mira  alla   massima  oggeTvità.  Il  viaggiatore  roman1co  vuole  compiere  anche  un   viaggio   interiore   nelle   pieghe   della   sua   soggeTvità,   e   ama   di   più   i   paesaggi  solitari  o  burrascosi,  in  cui  la  grande  natura  ricopre  i  segni   delle  civiltà  umane.  In  fondo  queste  due  impostazioni  sono  presen1   ancora  oggi,  spesso  entrambe  nello  stesso  viaggiatore,  a  seconda  delle   mete,   degli   i1nerari,   del   momento   in   cui   si   intraprende   un   viaggio.   Quel   grande   fervore   culturale   dell'Europa   tra   Illuminismo   e   Roman1cismo   è   ancora   aKuale,   emana   vibrazioni   profonde   che   giungono  fino  alla  civiltà  contemporanea.    
  7. 7.   Il  viaggio  può  essere  reale  o  immaginario  o  a  metà  tra  i  due.  L’Odissea  e  La   Divina  Commedia  sono  forse  nella  storia  della  leDeratura  le  due  opere  “di   viaggio”  più  importanO.  Ci  parli  della  figura  di  Ulisse  nella  concezione   omerica  e  in  quella  dantesca?     Nella   tradizione   leKeraria   occidentale   Ulisse   è   il   viaggiatore   per   eccellenza.   La   leKeratura   è   la   nostra   ombra   e   ci   influenza   nell'interpretare   la   realtà.   Non   a   caso   tan1   altri   viaggiatori   si   sono   sen11   sulle   tracce   di   Ulisse:   in   Sicilia   Goethe   pensa   di   scrivere   un   dramma   ispirato   all'Odissea,   nel   mare   in   tempesta   tra   Danimarca   e   Svezia  il  cor1giano  e  accademico  Francesco  AlgaroT  si  lascia  andare  a   sugges1oni  dell'Ulisse  dantesco.  E  gli  esempi  potrebbero  con1nuare.   Ma  un  mito  è  l'insieme  delle  sue  varian1,  e  Ulisse  ne  ha  almeno  due:   l'Ulisse  omerico,  Odisseo,  considera  il  viaggio  una  sventura  sulla  roKa   del  ritorno  a  Itaca,  dove  secondo  la  profezia  di  Tiresia  egli  morirà  in   vecchiaia,   mentre   l'Ulisse   dantesco   riparte   da   Itaca   per   conoscere   ancora,   per   avventurarsi   oltre   le   Colonne   d'Ercole   e   i   confini   del   mondo   conosciuto,   ed   è   qui,   lontanissimo   da   casa,   che   troverà   la   morte.  Il  primo  ama  il  ritorno  tra  le  mura  della  sua  iden1tà,  il  secondo   la  ripartenza  in  nome  della  conoscenza.    
  8. 8. L’Ulisse  omerico  vs.  quello  dantesco   !
  9. 9. Come  visto  il  viaggio  può  assumere  molte  forme,  essere  metaforico  o  reale.  Tra  quelli  reali  non   è  necessario  andare  in  luoghi  esoOci  per  accrescere  la  conoscenza  del  mondo  e  di  se  stessi.  Può   essere  un  viaggio  decisivo  anche  un’escursione  a  5  km  da  casa  propria  o  una…  gita  al  faro!  Tu   hai  descriDo  un  interessante  percorso  storico-­‐culturale  in  Italia  (Dalle  locande  di  posta  alle   strade  ferrate  nello  Stato  ponOficio)  così  come  il  fotografo  Marco  Scataglini  ha  realizzato  e   documentato  il  vecchio  camminamento  dei  confini  dello  Stato  PonOficio.  Quali  sono  per  te,   prescindendo  dalle  coordinate  geografiche,  gli  elemenO,  più  importanO  da  prendere  in   considerazione  e  l’approccio  personale  da  avere  per  rendere  un  viaggio  un’esperienza  unica?   Il   viaggio,   il   movimento,   il   cambiamento   sono   le   metafore   più   profonde   della   nostra   vita.   La   vita   è   un   viaggio,   come   pure   l'educazione  e  la  conoscenza,  l'amicizia  o  l'amore.  E  la  morte,  anche,  è   un   trapasso.   Quell'insegnamento   di   Carlo   Bordini   mi   pare   ancora   illuminante:   studiare   l'argomento   con   cui   si   ha   un   conto   aperto   è   l'inizio  di  un  viaggio.  Non  sapremo  dove  ci  porterà  e  solo  viaggiando   scopriremo  se  amiamo  il  ritorno  alle  origini  o  i  con1nui  cambi  di  scena,   se  vogliamo  descrivere  o  sognare.  Gli  i1nerari  possibili  sono  mol1,  ma   non   tan1   quanto   i   modi   per   percorrerli.   Ogni   viaggio   può   essere   un'esperienza   unica   e   per   questo   universale.   Non   è   una   contraddizione:  Montaigne  alla  fine  del  Cinquecento  scriveva  che  ogni   uomo   e   ogni   donna   portano   in   sé   la   forma   intera   dell'umana   condizione.   Non   a   caso   Montaigne   fu   in   viaggio   in   Italia,   e   anche   viaggiando  scoprì  in  quali  valori  credeva  davvero.    
  10. 10. Marco  Bertagni,  Armando  Finodi,  Cris1ano   Tancredi,  Giulia  Massimiani    
  11. 11. Studioso   di   le-eratura   di   viaggio,   è   Do-ore   di   ricerca   in   Storia   moderna   e   contemporanea   e   Cultore  della  materia  in  Geografia.  Ha  pubblicato   ricerche   sulle   guide   postali   e   sul   viaggiatore   se-ecentesco  Francesco  AlgaroA.  Nella  Casa  delle   culture   contadine   “Casolare   311”   di   Formello   organizza  la  rassegna  di  incontri  e  di  spe-acoli  “In   viaggio   nella   Campagna   romana”.   Su   indicazione   del  Prof.  Gino  De  Vecchis,  Lene  un  corso  sul  tema   “Il   viaggio   e   il   suo   racconto”   alla   Sapienza   Università  di  Roma.    ARMANDO  FINODI  

×