E Learning Per Tutti

1,835 views

Published on

Accessibility of the e-learning

Published in: Business, Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,835
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
25
Actions
Shares
0
Downloads
35
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • E Learning Per Tutti

    1. 1. E-learning per tutti metodologia di sviluppo e implementazione per piattaforme accessibili Università degli Studi di Roma RomaTRE Anno Accademico 2002-2003 Relatore: prof. Paolo Atzeni Relatore esterno: ing. Daniela D’Aloisi Candidato: Raffaele Nicolussi
    2. 2. Indice <ul><li>La problematica </li></ul><ul><li>Cos’è l’e-learning </li></ul><ul><li>Il concetto di accessibilità </li></ul><ul><li>L’accessibilità dell’e-learning </li></ul><ul><li>Il Campus Accessibile </li></ul><ul><li>Test e collaborazioni </li></ul><ul><li>Conclusioni </li></ul>
    3. 3. La problematica <ul><li>il WWW offre opportunità: </li></ul><ul><ul><li>lavorative, formative, di socializzazione, … </li></ul></ul><ul><li>non è vero per tutti </li></ul><ul><ul><li>disabili, tecnologie arretrate, immigrati, anziani, terzo mondo, … </li></ul></ul><ul><li>l’e-learning offre la grande opportunità di una formazione continua </li></ul><ul><ul><li>possibilità preclusa a chi non riesca a fruire completamente del web </li></ul></ul>
    4. 4. Cos’è l’e-learning: vantaggi <ul><li>forma di apprendimento che utilizza una rete per la trasmissione, l'interazione, o l'agevolazione della didattica </li></ul><ul><li>vantaggi: </li></ul><ul><ul><li>economica, flessibile, efficace, facilmente aggiornabile, uniforme, facilmente monitorabile e valutabile, requisiti tecnici minimi </li></ul></ul><ul><li>possibili svantaggi: </li></ul><ul><ul><li>difficoltà di accesso, isolamento del discente, scarsa interazione, basso livello di apprendimento, brutta copia dell’insegnamento frontale via web </li></ul></ul>
    5. 5. Cos’è l’e-learning: architettura <ul><li>una piattaforma di e-learning può essere realizzata attraverso molte delle tecnologie web disponibili </li></ul><ul><ul><li>JSP, PhP, ASP, Java, linguaggi proprietari,… </li></ul></ul><ul><ul><li>Oracle, MySQL, … </li></ul></ul><ul><li>è composta da: </li></ul><ul><ul><li>L earning M anagement S ystem ( LMS ) </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>pianificazione e coordinamento della formazione, gestione dei percorsi formativi, valutazione dei test,… </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>C ontent M anagement S ystem ( CMS ) </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>gestione e organizzazione dei contenuti, … </li></ul></ul></ul>
    6. 6. Accessibilità: cos’è? <ul><li>sviluppare universalmente ( Design For All ) permettendo la fruizione dei contenuti per tutti, senza discriminazione su: </li></ul><ul><ul><li>tecnologia, software o hardware: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>versioni del sistema operativo, browser, … </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>connessione utilizzata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>apparecchio a disposizione (WebTV, Cellulare, PDA, PC, ...) </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>capacità fisiche e cognitive di tutti gli utenti </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>disabilità visiva </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>disabilità motoria </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>disabilità cognitiva </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>disabilità uditiva, … </li></ul></ul></ul>
    7. 7. Accessibilità dell’e-learning
    8. 8. Strutturazione del lavoro <ul><li>fase metodologica </li></ul><ul><ul><li>studio e confronto delle caratteristiche tra le principali piattaforme esistenti, commerciali e Open Source </li></ul></ul><ul><ul><li>individuazione di linee guida “ platform independent ” per l’accessibilità dei sistemi di formazione </li></ul></ul><ul><ul><li>specializzazione delle linee guida per le più diffuse implementazioni </li></ul></ul><ul><li>fase implementativa e di testing </li></ul><ul><ul><li>applicazione a un caso pratico: il Campus Accessibile (C@) </li></ul></ul><ul><ul><li>testing con utenti disabili e attraverso sistemi automatici </li></ul></ul><ul><ul><li>“ tune-up” basato sul feedback degli utenti </li></ul></ul>
    9. 9. Fase 1: Metodologia <ul><li>un sistema di web-learning viene reso accessibile: </li></ul><ul><ul><li>attraverso l’applicazione di una specializzazione delle linee guida per l’accessibilità del WEB </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>adattamento di linee guida pre-esistenti, WCAG </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>attraverso l’applicazione di linee guida appositamente pensate per il web-learning </li></ul></ul><ul><ul><li>due i livelli di intervento necessari: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>astratto: generalizzazione indipendente dall’implementazione </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>concreto: basato sulla specifica implementazione </li></ul></ul></ul>
    10. 10. Fase 1: Metodologia & <ul><li>piattaforma di fruizione </li></ul><ul><ul><li>accesso </li></ul></ul><ul><ul><li>iscrizione </li></ul></ul><ul><ul><li>consultazione </li></ul></ul><ul><ul><li>ricerca, … </li></ul></ul><ul><li>corsi </li></ul><ul><ul><li>contenuti </li></ul></ul><ul><ul><li>formattazione </li></ul></ul><ul><ul><li>layout, … </li></ul></ul><ul><li>questionari </li></ul><ul><ul><li>formulazione </li></ul></ul><ul><ul><li>uso </li></ul></ul><ul><ul><li>feedback,… </li></ul></ul><ul><li>strumenti di comunicazione </li></ul><ul><li>immagini </li></ul><ul><ul><li>descrizione alternativa, … </li></ul></ul><ul><li>collegamenti </li></ul><ul><ul><li>commenti, … </li></ul></ul><ul><li>tabelle </li></ul><ul><ul><li>sommari, </li></ul></ul><ul><ul><li>descrizione delle colonne, … </li></ul></ul><ul><li>contenuti Multimediali </li></ul><ul><ul><li>audio </li></ul></ul><ul><ul><li>video, … </li></ul></ul><ul><li>testo </li></ul><ul><ul><li>dimensione </li></ul></ul><ul><ul><li>colori </li></ul></ul><ul><ul><li>chiarezza </li></ul></ul>Specifica di linee guida appositamente pensate per il web-learning Adattamento delle linee guida esistenti
    11. 11. Fase 1: l’esempio dei questionari <ul><li>elementi critici: </li></ul><ul><ul><li>linguaggio: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>testi espressi in modo semplice </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>visivo: </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>colori contrastanti </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>testo ridimensionabile </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>immagini legate alla domanda aventi una descrizione alternativa, … </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>feedback </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>ben segnalato attraverso vari canali sensoriali </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>tasti di comando e invio </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>facilmente individuabili, aventi una grandezza adeguata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>opportunamente etichettati attraverso descrizioni alternative </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>usabilità </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>scorciatoie, indicatori della posizione, … </li></ul></ul></ul><ul><li>ognuna di queste caratteristiche è conseguita diversamente in base alla tecnologia usata: </li></ul><ul><ul><li>java, HTML, flash, … </li></ul></ul>
    12. 12. Fase 2: Campus Accessibile <ul><li>le linee guida sono state testante sulla piattaforma di e-learning DOCENT prodotta dalla SIEMENS ® </li></ul><ul><ul><li>sviluppata in JSP su database Oracle </li></ul></ul><ul><li>le fasi di questo lavoro sono state: </li></ul><ul><ul><li>studio dell’architettura della piattaforma proprietaria </li></ul></ul><ul><ul><li>individuazione degli elementi di inaccessibilità </li></ul></ul><ul><ul><li>applicazione delle modifiche necessarie al codice </li></ul></ul><ul><ul><li>testing e tune-up </li></ul></ul>
    13. 13. Campus Accessibile: aree di intervento <ul><li>tre le aree principali di intervento </li></ul><ul><ul><li>questionari </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>ridefinizione del layout dei questionari </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>accessibilità dei questionari </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>pagine </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>validazione dei CSS e dell’HTML </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>applicazione della metodologia sviluppata </li></ul></ul></ul><ul><ul><ul><li>aggiunta di elementi di usabilità </li></ul></ul></ul><ul><ul><li>piattaforma </li></ul></ul><ul><ul><ul><li>accessibilità delle schermate di accesso, consultazione, ricerca, iscrizione, ecc. </li></ul></ul></ul><ul><li>definizione di un template senza né frame né tabelle che controlli tutta la grafica del Campus </li></ul>
    14. 14. Campus Accessibile: pagina dei questionari <ul><li>le pagine dei test, generate dinamicamente dalla piattaforma Docent, presentavano vari fattori di inaccessibilità </li></ul><ul><li>l’applicazione della metodologia ha consentito la loro eliminazione </li></ul><ul><ul><li>CSS , per l’accessibilità dei testi </li></ul></ul><ul><ul><li>Hn , AccessKey e Tabindex , per la navigabilità delle pagine </li></ul></ul><ul><ul><li>Title , per l’individuazione dei campi di editazione </li></ul></ul><ul><ul><li>ALT , per il commento alternativo alle immagini </li></ul></ul><ul><ul><li>… </li></ul></ul>
    15. 15. Campus Accessibile: pagina dei test Hn: dei titoli ben organizzati consentono al non vedente di passare facilmente di paragrafo in paragrafo sfruttando gli shortcut del suo screenreader Posizione: segnalare costantemente la posizione all’interno del corso è essenziale per non causare un cyber smarrimento Title: usando l’attributo title per gli oggetti dei moduli il disabile è in grado di sapere a cosa questi si riferiscano CSS: controllare tutto il layout attraverso i fogli di stile consente di ottenere una grafica ridimensionabile e adattabile al browser
    16. 16. Campus Accessibile: altre aree di intervento ALT: le descrizioni ALTernate per le immagini consentono al disabile di conoscere il contenuto di un oggetto che non può vedere AccessKey: assegnando ai link gli AccessKey è possibile richiamare immediatamente un collegamento di cui si conosca la chiave TabIndex: è importante pianificare la corretta sequenza di link che il tasto TAB permette di scorrere Ridimensionamento dinamico: i CSS permettono un adattamento automatico ma anche regolabile dall’utente Title: questi tag consentono di descrivere nel dettaglio la pagina di destinazione dove il browser verrà reindirizzato cliccandoci sopra
    17. 17. Campus Accessibile: i corsi <ul><li>si è scelto di sviluppare corsi aventi un impatto significativo per il mondo della disabilità </li></ul><ul><ul><li>corso di JAWS </li></ul></ul><ul><ul><li>corso di ECDL </li></ul></ul><ul><li>il corso di JAWS permette ai non vedenti, o ai normodotati interessati all’aspetto, di apprendere i rudimenti di JAWS </li></ul><ul><li>il corso di ECDL introduce le nozioni per il conseguimento della patente europea del computer </li></ul>
    18. 18. Campus Accessibile: i corsi
    19. 19. Campus Accessibile: la grafica <ul><li>la grafica scelta è semplice e significativa </li></ul><ul><li>l’uso di una scritta in braille come banner del Campus @ccessibile serve a ricordare, attraverso la sua difficile lettura da parte di chi non conosca tale linguaggio, come i disabili si vengano a trovare, tutti i giorni, di fronte a problemi di “accessibilità” analoghi </li></ul>
    20. 20. Test <ul><li>il Campus è stato sottoposto a diversi test </li></ul><ul><ul><li>manuale: applicando le verifiche previste dalla metodologia </li></ul></ul><ul><ul><li>automatica: con i validatori del W3C (CSS e HTML) e Torquemada </li></ul></ul><ul><ul><li>umana: chiedendo ad un team di disabili di provare il Campus </li></ul></ul>
    21. 21. Test con gli utenti <ul><li>ad un gruppo di utenti disabili è stato chiesto di provare il Campus </li></ul><ul><li>sono stati definiti dei compiti da portare a termine (iscrizione ad un corso, fruizione, questionari, ecc…) e, al termine di questi, è stata chiesta una valutazione dell’usabilità e accessibilità </li></ul><ul><li>tutti i test (manuali, automatici e umani) hanno consentito di raffinare ulteriormente la metodologia </li></ul>
    22. 22. Collaborazioni <ul><li>Il campus é stato presentato alla settima edizione del Forum della Formazione 2003 della SOMEDIA ( Gruppo Editoriale l'Espresso ) su invito di ITALDATA, perché costituisce un avanzamento rispetto alla versione corrente di Docent </li></ul>
    23. 23. Conclusioni <ul><li>i contenuti web devono essere accessibili per </li></ul><ul><ul><li>estendere il bacino di utenza </li></ul></ul><ul><ul><li>offrire una occasione di crescita economica e culturale </li></ul></ul><ul><li>è stata recentemente approvata una legge che, anche se non perfetta, velocizzerà il processo di adattamento dei siti di pubblica utilità e pubblica amministrazione </li></ul><ul><li>l’impegno continua per ottenere un sistema sempre più orientato all’utente </li></ul>
    24. 24. Fin

    ×