Sviluppo sostenibile e sviluppo di impresa turistica: un binomio possibile?

555 views

Published on

Presentazione di Stefania Ghergo, Presidente Confindustria Macerata sezione Turismo, durante il convegno Nuove Forme di Turismo, il 27 ottobre a Visso.
E' possibile e soprattutto conveniente per una impresa trasformarsi in impresa sostenibile? Che cosa significa? Perché dovrebbe farlo? E che cosa si potrebbe fare? Esempi pratici per le imprese turistiche

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
555
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sviluppo sostenibile e sviluppo di impresa turistica: un binomio possibile?

  1. 1. Sviluppo sostenibile e sviluppo di impresa: un binomio possibile?Stefania Ghergo - Nuove forme di turismo - Visso 27 ottobre 2012
  2. 2. Il punto di vista dellimprenditore Protezione ambientale Responsabilità sociale Prosperità economica
  3. 3. Il turismo genera benefici economici? Quali?I turisti spendono il loro denaro in una grande varietà di beni e servizi e quindi per trasporti, alloggi, divertimenti, musei, vitto e altri: entrate che se non ci fosse il turismo non ci sarebbero + Il turismo diversifica gli investimenti e genera effetti indiretti sulleconomia: nuovi posti di lavoro, servizi alle imprese, forniture = POSITIVO
  4. 4. Il turismo sostenibile genera benefici economici? Quali? Offre una migliore esperienza di viaggio al turista (autenticità, sapori, colori etc.) +Una location sostenibile dura nel tempo e permette agli operatori di avere una visione di lungo periodo = POSITIVO
  5. 5. Il turismo sostenibile è POSITIVO per leconomia!Stabilite le alte potenzialità dellaffare “turismo sostenibile” il vero imprenditore pianifica il suo INVESTIMENTO Fase 1: investimento in consapevolezza   Fase 2: investimento in strategia  Fase 3: investimento in prodotto  Fase 4: investimento in formazione e coinvolgimento  Fase 5: investimento in comunicazione e marketing
  6. 6. FASE 1: LA SCELTAE la fase più importante in cui limprenditore si fa la domanda essenziale e aumenta il suo grado di consapevolezza:Perché voglio investire sulla sostenibilità turistica della mia impresa? Risposta sbagliata: perchè voglio seguire un trend; il turismo sostenibile va di moda quindi oggi posso vendere di più o a un prezzo più alto e generare più guadagno
  7. 7. FASE 1: LA SCELTAPerché voglio investire sulla sostenibilità turistica della mia impresa? Risposta esatta: perchè giova a me, alla mia comunità e ai miei clienti. Un turismo sostenibile garantisce una lunga vita allazienda grazie alla prosperità dellambiente e della comunità garantendo un alto livello dei servizi e della soddisfazione del cliente, nel presente, ma soprattutto nel futuro.
  8. 8. FASE 2: LA STRATEGIA Siamo pronti per...Creare la nostra politica sostenibile dimpresa che andrà a definire e comunicare in modo chiaro gli obiettivi prefissati, sia aziendali che alivello ambientale, socio culturale ed economico.
  9. 9. FASE 3: LAZIONE Lo facciamo...  Valutando gli impatti  Ponendoci degli obiettivi Facendo dei cambiamenti  Monitorando i risultati
  10. 10. INDIVIDUARE IL TARGET COMUNICARE IL NOSTRO PROGETTOSFRUTTANDO NUOVE POSSIBILITA
  11. 11. BASTA POCO... CALCOLO EMISSIONE CO2 OBIETTIVO RIDUZIONE CO2 Carsharing, utilizzo autobus, biciclette,trasporto pubblico, acquisto prodotti locali km0
  12. 12. BASTA POCO... MISURAZIONE IMPATTO RIFIUTI OBIETTIVO RIDUZIONE RIFIUTIEvitare confezioni usa e getta, o merci con imballaggio, scegliere la “spina”, ridurre cartaceo, stampa fronte- retro, riciclare/donare, usare prodotti km0, batterie ricaricabili, erogatore per bagno schiuma e sapone, riutilizzo asciugamani e cambio lenzuola, riutilizzo cartucce, materiali riciclati, compostaggio e differenziata
  13. 13. BASTA POCO... MISURAZIONE CONSUMO ACQUA OBIETTIVO RIDUZIONE CONSUMO ACQUARompigetto e riduttori flusso, doppio scarico, riutilizzo acque grigie, impianti efficienti,
  14. 14. BASTA POCO... MISURAZIONE LIVELLO CONSUMI ENERGETICI OBIETTIVO RIDUZIONE CONSUMI ENERGETICICambiare lampadine, spegnere le luci e apparecchi elettrici, pareti chiare, manutenzione e efficienza apparecchi di riscaldamento e condizionamento
  15. 15. BASTA POCO... EFFETTI SULLA BIODIVERSITA OBIETTIVO LIMITARE IMPATTOSponsorizzare progetti di conservazione e valorizzazione locale, proteggere e risanare il proprio terreno, ridurre inquinamento diretto (motori auto) e rumori ambientali
  16. 16. BASTA POCO... SOSTENIBILITA SOCIO-CULTURALE (FEEDBACK) OBIETTIVO LIMITARE IMPATTO SOCIO-CULTURALEOrganizzare riunioni con rappresentanti locali, cercare di lavorare su progetti comuni, conoscere, rispettare e tramandare tradizioni del luogo, promuovere attività locali, consumare prodotti locali, assumere personale locale, assumere secondo principi di assoluta trasparenza
  17. 17. BASTA POCO... ANALIZZARE ACQUISTI OBIETTIVO INCENTIVARE ACQUISTI RESPONSABILIProdotti verdi eco-compatibili, individuare servizi a livello locale, valutare fornitori (distanza, imballaggio, consumi, tossicità, energie rinnovabili)
  18. 18. FASE 4: condivisioneRENDERE PARTECIPI ATTIVI NEL PROGETTO I DIPENDENTI tramite formazione adeguata GLI OSPITI tramite informazione adeguataI FORNITORI tramite selezione e informazione
  19. 19. FASE 5: comunicazione e marketing INDIVIDUARE IL TARGET COMUNICARE IL NOSTRO PROGETTO UTILIZZANDO LA NOSTRA CREATIVITA SFRUTTANDO NUOVE POSSIBILITA
  20. 20. FASE 5: comunicazione e marketing INDIVIDUARE IL TARGET COMUNICARE IL NOSTRO PROGETTO SFRUTTANDO NUOVE POSSIBILITA
  21. 21. ATTENZIONE!!!SOSTENIBILITAun passo alla volta altrimenti...
  22. 22. ATTENZIONE!!!
  23. 23. GRAZIE !Stefania Ghergo – stefania.ghergo@ghr.it

×