Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
FACOLTÀ TEOLOGICA DI SICILIA
Teologia ecumenica e
teologie nell’ecumene
quarta lezione

Prof. Antonino PILERI BRUNO

A.A 2...
Quarta lezione
 Origine del movimento ecumenico
 Fede e Costituzione

 Vita e Azione
 Consiglio ecumenico delle chiese
Quarta lezione
 Origine del movimento ecumenico
 Fede e Costituzione: Assemblea costituente di Losanna 1927;
Conferenza ...
Nascita delle conferenze ecumeniche

Come data di inizio di tale movimento si assume generalmente la

Conferenza Missionar...
Movimento “Fede e Costituzione”

Il missionario americano Charles Brent (1862-1929), vescovo
della chiesa episcopale nelle...
Nel 1910 era stata la chiesa anglicana a porre, come condizione per la
sua partecipazione ad Edimburgo, che non si discute...
Assemblea costituente di Losanna 1927
La prima conferenza di Fede e Costituzione (Faith and Order) si svolse a
Losanna nel...
Conferenza di Edimburgo 1937

Una seconda conferenza dello stesso movimento venne tenuta dieci anni
dopo, nel 1937, ad Edi...
Movimento Vita e Azione (Life and Work)

Il movimento Vita e Azione (Life and Work), il cui principale
animatore

fu

l'ar...
Dopo la guerra erano restati risentimenti profondi, che dividevano i

rappresentanti delle chiese, anche sul problema dell...
Conferenza di Stoccolma 1925
Nonostante tutte le difficoltà, la prima grande assemblea mondiale di
questo movimento potè r...
Conferenza di Oxford 1937
La grande crisi economica del 1929, l'affermarsi dei totalitarismi, le
minacce di guerra ormai i...
Bilancio complessivo
L'eredità lasciata da queste grandi conferenze internazionali a tutto il
movimento ecumenico è propri...
Fondazione del Consiglio ecumenico delle chiese

La risposta agli avvenimenti della prima guerra mondiale fu la
fondazione...
“Fede e Costituzione” e “Cristianesimo pratico” riconobbero che i
problemi affrontati erano in sostanza strettamente inter...
Le Assemblee Generali dal 1948 al 1983
Amsterdam 1948
Tema: “Disordine del mondo e disegno di Dio”. Vi presero parte 161 c...
Nel 1948 si pone in questione quale sia il rapporto del C.E.C con le chiese
che lo compongono. L’assemblea di Amsterdam ri...
Nel 1948 si pone in questione quale sia il rapporto del C.E.C con le chiese
che lo compongono. L’assemblea di Amsterdam ri...
Evaston 1954
Non vi furono progressi particolari. la maggioranza degli ortodossi come la

chiesa cattolica se ne stette in...
New Delhi 1961
Il motto fu “Gesù Cristo-Luce del mondo”.
Le chiese partecipanti sono 197, i delegati sono 577. Partecipa a...
Uppsala 1968
Aveva come motto “Ecco, io faccio nuove tutte le cose”.
I delegati erano 704, le chiese aderenti 235. Le chie...
Nairobi 1975
Per la prima volta un assemblea generale del C.E.C si svolge in terra
d’Africa. Tema: “Gesù Cristo libera e u...
Vancouver 1983
Il tema “Gesù cristo la vita del mondo”. I delegati furono 817, le chiese
aderenti 301. I partecipanti nord...
L’identità del Consiglio ecumenico delle
Chiese
Il carattere ecclesiale
Nella sua fase di strutturazione si ripeté continu...
Con la dichiarazione di Toronto fu dichiarato che il C.E.C non è una

chiesa, né una superchiesa, né la Una Sancta profess...
Le Strutture
Possono essere membri del C.E.C solo le chiese, non le persone singole, le
associazioni o i movimenti.
L’acce...
Il rapporto del Consiglio ecumenico delle chiese
con la chiesa cattolica
Fino al Concilio Vaticano II l’atteggiamento di R...
Grazie!

Prof. Antonino Pileri Bruno
www.luxecclesiaeorientalis.org

Prossima lezione 17 marzo 2014
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Teologia ecumenica e teologie nell'ecumene lezione 4

2,270 views

Published on

Consiglio Ecumenico delle Chiese. Descrizione, storia e struttura.

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Teologia ecumenica e teologie nell'ecumene lezione 4

  1. 1. FACOLTÀ TEOLOGICA DI SICILIA Teologia ecumenica e teologie nell’ecumene quarta lezione Prof. Antonino PILERI BRUNO A.A 2012-2013
  2. 2. Quarta lezione  Origine del movimento ecumenico  Fede e Costituzione  Vita e Azione  Consiglio ecumenico delle chiese
  3. 3. Quarta lezione  Origine del movimento ecumenico  Fede e Costituzione: Assemblea costituente di Losanna 1927; Conferenza di Edimburgo 1937  Vita e Azione: Conferenza di Stoccolma 1925; Conferenza di Oxford 1937  Consiglio ecumenico delle chiese: Assemblee generali dal 1948 al 1983
  4. 4. Nascita delle conferenze ecumeniche Come data di inizio di tale movimento si assume generalmente la Conferenza Missionaria Internazionale di Edimburgo (1910), da qui nasce la storia del movimento ecumenico. L’assemblea era numerosa, per 10 giorni si riunirono 1335 delegati. La composizione non era equilibrata dal punto di vista confessionale; non erano presenti né cattolici, né ortodossi. La chiesa anglicana partecipò solo quando fu assicurato che non si sarebbero discusse questioni dogmatiche.
  5. 5. Movimento “Fede e Costituzione” Il missionario americano Charles Brent (1862-1929), vescovo della chiesa episcopale nelle Filippine, appartenente alla comunione anglicana, rimase scosso dall’avvenimento di Edimburgo. Brent propose una conferenza composta da rappresentanti di tutte le comunità cristiane del mondo intero, che confessassero Cristo come Signore e Salvatore, con il fine di esaminare le questioni che rientrano nell’ambito della fede e della struttura della chiesa di Cristo.
  6. 6. Nel 1910 era stata la chiesa anglicana a porre, come condizione per la sua partecipazione ad Edimburgo, che non si discutesse di fede e struttura della chiesa. Dieci anni dopo era la stessa Conferenza di Lamberth a discutere il problema dell’episcopato storico. La chiesa di Roma respinse l’invito a collaborare a Fede e Costituzione; non vi parteciparono nemmeno le chiese evangeliche tedesche, le chiese ortodosse vi presero parte.
  7. 7. Assemblea costituente di Losanna 1927 La prima conferenza di Fede e Costituzione (Faith and Order) si svolse a Losanna nell'agosto 1927, con lo scopo dichiarato di confrontare fra loro le dottrine delle diverse chiese, al fine di evidenziare ciò che le univa e ciò che le divideva, e specialmente di enucleare i “punti fondamentali” in comune. La conferenza affrontò questi temi: 1- la vocazione all’unità; 2- il messaggio delle chiese al mondo: il Vangelo; 3- la natura della chiesa; 4- la comune confessione della fede; 5- il mistero della chiesa; 6- i sacramenti; 7- l’unità della chiesa e il rapporto delle chiese con essa. Una conclusione fondamentale fu il riconoscimento che la fede in Cristo ci unisce e che esiste un'unica chiesa di Cristo: una, santa, universale e apostolica, la cui unità deve comunque essere resa anche visibile.
  8. 8. Conferenza di Edimburgo 1937 Una seconda conferenza dello stesso movimento venne tenuta dieci anni dopo, nel 1937, ad Edimburgo. Vi vennero affrontati i temi della grazia, della chiesa, della relazione fra Scrittura e Tradizione, fra Parola di Dio e tradizioni cristiane, della comunione dei santi, dei sacramenti e ministeri, dell'unità della chiesa nella vita e nel culto. Mentre veniva riaffermato il primato della grazia e l'assoluta libertà di Dio, si richiamò anche la piena responsabilità dell'uomo. Questa assemblea si prefigge il fine di “ricercare scientificamente ciò che divide e ciò che unisce. L’elemento che unisce va approfondito, quello che divide va superato”.
  9. 9. Movimento Vita e Azione (Life and Work) Il movimento Vita e Azione (Life and Work), il cui principale animatore fu l'arcivescovo luterano di Uppsala, Nathan Söderblom (1866-1931), si prefisse di contribuire all'unificazione del mondo cristiano promuovendo la collaborazione fra le chiese nel campo dell'azione sociale, continuando così la linea del “cristianesimo sociale”. Söderblom aveva svolto un grande ruolo a favore della pace in occasione della prima guerra mondiale, in un momento nel quale i cristiani e teologi delle diverse chiese si erano lasciati accecare da esaltazioni nazionalistiche e bellicistiche.
  10. 10. Dopo la guerra erano restati risentimenti profondi, che dividevano i rappresentanti delle chiese, anche sul problema della responsabilità della guerra stessa. Söderblom propose, alla “Lega mondiale per un’attività di amicizia delle chiese”, un piano per la costituzione di un “Consiglio ecumenico”. Le trattative procedettero stentatamente ma fu possibile tuttavia costituire un movimento che si denominò “Cristianesimo pratico” (Life and word: Vita e azione).
  11. 11. Conferenza di Stoccolma 1925 Nonostante tutte le difficoltà, la prima grande assemblea mondiale di questo movimento potè riunirsi a Stoccolma nel 1925. Il motto fu: “l’azione unisce”. Nelle commissioni si discussero i seguenti temi: 1- il dovere della chiesa verso il mondo alla luce del piano di Dio; 2- la chiesa ed i problemi economici; 3- la chiesa e la questione sociale; 4- la chiesa e le relazioni internazionali; 5- la chiesa e l’educazione; 6- metodi di collaborazione. L’idea che caratterizzò la conferenza di Stoccolma fu che “la dottrina divide, il servizio unisce”.
  12. 12. Conferenza di Oxford 1937 La grande crisi economica del 1929, l'affermarsi dei totalitarismi, le minacce di guerra ormai incombenti sull'umanità, contribuirono a cambiare il clima della seconda grande assemblea, che venne tenuta a Oxford nel 1937. Dall'ottimismo e dalla speranza si era passati alla paura e all'incertezza. L'assemblea di Oxford non si sottrasse al dovere di affrontare i problemi posti dall'esistenza di stati assoluti e totalitari, e dichiarò inconciliabili con il vangelo il nazionalismo ed il razzismo. A questa assemblea, alla quale erano assenti, come già a Stoccolma, i cattolici, mancarono anche gli ortodossi.
  13. 13. Bilancio complessivo L'eredità lasciata da queste grandi conferenze internazionali a tutto il movimento ecumenico è proprio quella dell'affermazione della dignità di ogni persona, oggetto dell'amore di Dio, e della necessaria solidarietà di tutto il genere umano. I due movimenti Fede e Costituzione e Vita e Azione, pur seguendo due linee indipendenti, ebbero sempre coscienza, che la linea perseguita dall’uno doveva essere integrata da quella perseguita dall'altro. La collaborazione nel servizio comune al mondo esigeva una più seria riflessione sulle basi dottrinali comuni, e viceversa la riflessione teologica rimandava ad una testimonianza e ad un servizio comuni.
  14. 14. Fondazione del Consiglio ecumenico delle chiese La risposta agli avvenimenti della prima guerra mondiale fu la fondazione della “Lega delle nazioni” con sede a Ginevra, costituita come strumento per promuovere l’unità tra gi uomini. Fu soprattutto il patriarcato di Costantinopoli ad appoggiare questo progetto. In una enciclica del 1920 il patriarca rivolse un appello a tutte le chiese cristiane, perché si istituisse una lega tra le chiese, sull’esempio della Lega delle nazioni.
  15. 15. “Fede e Costituzione” e “Cristianesimo pratico” riconobbero che i problemi affrontati erano in sostanza strettamente interdipendenti. Molti delegati operavano in entrambi i movimenti. Nel 1937 decisero di unirsi per costituire insieme il “Consiglio ecumenico delle chiese”. I due movimenti nominarono un comitato comune che, nel 1938 a Utrecht, elaborò lo statuto del “Consiglio ecumenico delle chiese”. Ginevra venne scelta come sede.
  16. 16. Le Assemblee Generali dal 1948 al 1983 Amsterdam 1948 Tema: “Disordine del mondo e disegno di Dio”. Vi presero parte 161 chiese di 44 paesi. I delegati erano 502. Era assente la chiesa cattolica, come pure la chiesa ortodossa russa, mentre vi prendeva parte la chiesa di Grecia e il patriarcato ecumenico di Costantinopoli. Il clima socio-politico è la guerra fredda, il conflitto in Corea e il riarmo. Il tema venne trattato in IV sezioni: 1- la chiesa nel piano di Dio; 2- il piano di Dio e la testimonianza della Chiesa; 3- la chiesa di fronte al disordine della società; 4- la chiesa ed il disordine internazionale.
  17. 17. Nel 1948 si pone in questione quale sia il rapporto del C.E.C con le chiese che lo compongono. L’assemblea di Amsterdam rispose affermando che: “Il Cosiglio ecumenico delle chiese è un’associazione fraterna di chiese, che riconoscono Nostro Signore Gesù Cristo come Dio e Salvatore”.
  18. 18. Nel 1948 si pone in questione quale sia il rapporto del C.E.C con le chiese che lo compongono. L’assemblea di Amsterdam rispose affermando che: “Il Cosiglio ecumenico delle chiese è un’associazione fraterna di chiese, che riconoscono Nostro Signore Gesù Cristo come Dio e Salvatore”. La risposta della Chiesa cattolica nei confronti del movimento ecumenico fu l’istruzione Eccleisiae catholica (20 dicembre 1949). In essa il movimento ecumenico è definito “frutto dello Spirito Santo” ed il lavoro per la riunificazione viene definito come “dovere della Chiesa”.
  19. 19. Evaston 1954 Non vi furono progressi particolari. la maggioranza degli ortodossi come la chiesa cattolica se ne stette in disparte. Il tema fu “Gesù Cristo speranza del mondo”. Le chiese partecipanti furono 161; i delegati 502. Il clima socio politico era la guerra fredda, il conflitto in Corea e il riarmo. Questa Assemblea sottolineava l’importanza dell’evangelizzazione: “senza il vangelo il mondo è privo di senso, ma senza il mondo il vangelo è privo di realtà. (…) L’evangelizzazione è il luogo in cui la chiesa scopre se stessa nella sua vera profondità e apertura all’esterno. (…) Spesso le nostre parole sono state impotenti perché non sono state tradotte in opere di carità , compassione e identificazione (service, compassion, identification)”.
  20. 20. New Delhi 1961 Il motto fu “Gesù Cristo-Luce del mondo”. Le chiese partecipanti sono 197, i delegati sono 577. Partecipa anche il patriarca di Mosca. Insieme ad Amsterdam è la più importante assemblea generale. A New Delhi sono accolte nel C.E.C, la chiesa ortodossa russa e una serie di altre chiese d’oriente. La confessione cristologica si amplia in quella trinitaria: “Il C.E.C è una associazione fraterna d chiese che confessano il Signore Gesù Cristo come Dio e Salvatore secondo le Scritture e si sforzano di rispondere insieme alla loro comune vocazione per la gloria del solo Dio, Padre, Figlio e Spirito santo ”. Da questo momento in poi per aderire al C.E.C bisogna accettare la sostanza dei dogmi trinitari e cristologici.
  21. 21. Uppsala 1968 Aveva come motto “Ecco, io faccio nuove tutte le cose”. I delegati erano 704, le chiese aderenti 235. Le chiese ortodosse formavano il gruppo confessionale numericamente più consistente. La chiesa cattolica aveva inviato 14 osservatori. Si creò una forte polemica tra orizzontalisti e verticisti. “Quello che capita agli uomini in una parte del mondo riguarda tutti. (…) Diventiamo ogni giorno più coscienti del fatto che l’ordine economico attuale esercita una violenza permanente su numerose persone, in modo diretto o indiretto. Se non reagiamo, noi partecipiamo a questa violenza”.
  22. 22. Nairobi 1975 Per la prima volta un assemblea generale del C.E.C si svolge in terra d’Africa. Tema: “Gesù Cristo libera e unisce”. I delegati erano 676, le chiese aderenti erano 285, la chiesa cattolica era rappresentata da 17 osservatori. Temi fondamentali furono: il superamento dei contrasti razziali, la discriminazione della donna, il rilievo dato ai diritti umani. A Nairobi venne modificato lo statuto del C.E.C con la precisazione del fine dell’unità. Si avvia in questo periodo il discorso che Fede e Costituzione formalizzerà nel 1982 a Lima.
  23. 23. Vancouver 1983 Il tema “Gesù cristo la vita del mondo”. I delegati furono 817, le chiese aderenti 301. I partecipanti nordamericani ed europei, sia dell’Est che dell’Ovest, davano la massima importanza al disarmo, mentre i delegati del Terzo Mondo ponevano il problema della giustizia al di sopra di quello della pace. L’avvenimento dominante di Vancouver non furono i documenti approvati, ma la celebrazione comune della cena svolta per la prima volta in un assemblea generale. La celebrazione si svolse sotto la presidenza del primate anglicano. Gli ortodossi ed i cattolici vi presero parte con la preghiera, ma non si accostarono alla comunione. Durante l’Assemblea si organizza una veglia per il 50° di Hiroshima e Nagasaki.
  24. 24. L’identità del Consiglio ecumenico delle Chiese Il carattere ecclesiale Nella sua fase di strutturazione si ripeté continuamente che il C.E.C è un consiglio di chiese e non una chiesa. Soderblom nel 1919 ne avrebbe delimitato i compiti in questi termini: “Questo Consiglio ecumenico delle chiese non dovrebbe essere dotato di un potere esteriore, bensì otterrebbe sempre maggiore influsso a misura che fosse capace di intervenire con un’autorità spirituale. Esso non dovrebbe parlare ex cathedra, bensì cristiana”. dalle profondità della coscienza
  25. 25. Con la dichiarazione di Toronto fu dichiarato che il C.E.C non è una chiesa, né una superchiesa, né la Una Sancta professata nel Credo.
  26. 26. Le Strutture Possono essere membri del C.E.C solo le chiese, non le persone singole, le associazioni o i movimenti. L’accettazione avviene tramite l’assemblea generale, se almeno i due terzi delle chiese-membri sono d’accordo. La suprema istanza del C.E.C è l’assemblea generale, che si riunisce ogni sette anni. L’assemblea generale elegge il presidente e il comitato centrale. Il comitato si riunisce una volta l’anno.
  27. 27. Il rapporto del Consiglio ecumenico delle chiese con la chiesa cattolica Fino al Concilio Vaticano II l’atteggiamento di Roma verso il C.E.C è stato poco amichevole. Questa situazione muta dopo la pubblicazione dell’Unitatis Redintegratio e con l’attività del Segretariato per l’Unità dei cristiani. Durante l’assemblea di Uppsalla la comunanza di rapporti si stabilì nel modo più intenso. Un rappresentante del Vaticano, p. Tucci, affermò che le difficoltà di natura ecclesiologica per un ingresso di Roma nel C.E.C non parevano costituire un ostacolo insormontabile. Esistono dei documenti di convergenza (cf. Battesimo, Eucaristia, Ministero –B.E.M), ma la Chiesa cattolica non è inserita istituzionalmente nel C.E.C.
  28. 28. Grazie! Prof. Antonino Pileri Bruno www.luxecclesiaeorientalis.org Prossima lezione 17 marzo 2014

×