Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Templatedocpremiosalute2017 170801122119

244 views

Published on

La lettura a voce alt(r)a

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Templatedocpremiosalute2017 170801122119

  1. 1. Premio Innovazione S@lute 2017 Documentazione di progetto della soluzione: LA LETTURA A VOCE ALT(R)A – l'Emozione della Memoria “IN RETE” INDICE Descrizione progetto LA LETTURA A VOCE ALT(R)A – l'Emozione della Memoria “IN RETE” Sintesi del progetto IL PROGETTO LA LETTURA A VOCE ALT(R)A Il progetto LETTURA A VOCE ALT(R)A nasce con il preciso obiettivo di coinvolgere gli utenti dei Centri Anziani in una condivisione di letture che va a sollecitare spazi individuali importanti e vitali:  la memoria  il ricordo  gli studi svolti  gli interessi culturali  le origini con il supporto incondizionato di
  2. 2. Inoltre, di fronte alla possibilità di leggere SENZA GIUDIZIO ALTRUI, ma solo per la gioia della condivisione, la persona anziana può sperimentare una condizione di “ruolo pubblico e utile” a cui, in questa nostra società, molto spesso non accede e che gli viene frequentemente negato (se non come soggetto “fruitore” di qualcosa). Le letture saranno proposte dalle “guide” culturali, oppure scelte a piacere dagli utenti dei due centri. Gli incontri saranno svolti con una cadenza settimanale con la durata di sei mesi e saranno “MONITORATI” attraverso un BLOG e una pagina SOCIAL. Al termine dei sei mesi verrà organizzato un incontro CORALE, dove le letture verranno offerte al pubblico in una sorta di TEATRO DI VOCI ALT(R)E e da cui verrà prodotto un dvd. Il progetto prevede anche la creazione di una WEB RADIO con rubriche condotte dagli anziani che, in questo modo, diventano parte attiva nell'intervistare e interagire con giovani e adulti. Accanto ai Centri Anziani e quindi “in rete” sarà presente una sede delle Biblioteche di Roma (la sede di Nelson Mandela di via La Spezia 21, geograficamente la più vicina ai due Centri interessati) che metterà a disposizione un prestito periodico al Gruppo di Lettura, secondo il percorso bibliografico definito d'accordo con il coordinatore del Progetto. In questo modo si creerà un canale di contatto tra realtà vitali socialmente e culturalmente (Centro Anziani – Biblioteche). Descrizione del team e delle proprie risorse e competenze; Il Centro Sociale Anziani dell’Esquilino (iscrizione ANCeSCAO prot. 278/2017 del 10/01/2017) è stato uno dei primi Centri aperti in Roma. Situato in zona Centro ha un’estensione di circa 500 mq comprensivi di spazio esterno. La sua posizione e l’ampiezza dei locali hanno dato modo di svolgere numerose attività e di essere un servizio di eccellenza nel quartiere. Negli ultimi anni in particolare si è avuto cura di incrementare sia le attività sportive non agonistiche, sia le attività culturali. Il che ha comportato un continuo incremento degli iscritti, che attualmente sono quasi 700 e di attrarre anche persone più giovani. Ha sperimentato nel 2017 l'attività di laboratorio poetico, riscuotendo un'ottima e crescente affluenza. RAFFAELE MASCIANGELO con il supporto incondizionato di
  3. 3. Componente del Comitato di gestione, eletto il 9 giugno 2017. Pensionato, in passato con attività di docente universitario c/o La Sapienza. Nato a Roma il 29/12/1943 Ha iniziato in gioventù ad occuparsi di letture e scene teatrali presso il Sacro Cuore dei Salesiani in Roma. Dal 2011 al 2015 ha frequentato il laboratorio teatrale diretto da Caterina Venturini. Nel 2014 ha recitato al Teatro Vascello di Roma ne La casa di Bernarda Alba, su modifica di Caterina Venturini. Nel 2015 con la regia di Maurizia Grossi ha recitato Al sorgere della luna, presso il teatro Testaccio. Nel 2015 con il socio Gabriele Fiasco (Centro Esquilino) ha presentato (presso il Centro Esquilino che presso il Centro Colonna) Vita e opere del Belli, Trilussa, Pascarella e poeti minori. Nel 2017 ha partecipato al gruppo di lettura I POETI SALVERANNO IL MONDO all’interno del Progetto Pagine Viaggianti 2.0, finanziato con il Bando regionale IO LEGGO. CENTRO LUNA RADIOSA L’associazione, denominata Associazione Luna Radiosa e del Centro Sociale Anziani Castro Pretorio Sallustiano, costituita il 02 aprile 2007 e registrata all’Agenzia delle Entrate – Ufficio di Roma I - in pari data e costituita in forma APS (l.383/200) svolge la propria attività a favore dei Soci nel numero di 400, con iniziative di carattere culturale, informativo e ricreativo. Nel corso della sua attività , l’Associazione ha realizzato corsi di alfabetizzazione informatica con Mondo Digitale e con la Chiesa Valdese, a favore dei propri Soci. Autofinanzia da circa sei anni un laboratorio di Ceramica producendo “pezzi” di particolare pregio, con la riproduzione di tutti i Fregi dei RIONI DI ROMA. Ha prodotto tre ceramiche con gli stemmi della Repubblica Italiana che sono stati direttamente consegnati al Presidente Mattarella ricevendone una particolare nota di apprezzamento. Tra le tante attività autofinanzia Corsi di Ginnastica dolce, ballo, e gite con programmi culturali di conoscenza storica del Territorio. con il supporto incondizionato di
  4. 4. Dal 2015 ha formato un Gruppo di Canto Corale . GRAZIA CARDILLO CARDILLO GRAZIA, nata a Messina il 8 gennaio 1941 , iscritta al Centro dal 06 dicembre 2006, è stata eletta componente del Comitato di Gestione nel 2009. Ha ricoperto incarichi organizzativi all’interno dell’Associazione collaborando alla crescita della stessa ed alla buona riuscita degli Eventi organizzati. Dal 2014 ha ricoperto l’incarico di Vice Presidente e da maggio 2017, in occasione del Rinnovo degli organi collegiali del Centro Anziani e dell’Associazione, è stata eletta Presidente con un ampio consenso ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI – MUNICIPIO I Adesione con lettera prot. n. 128384 del 21 luglio 2017 (vedi allegato) per “Promozione e diffusione del Progetto attraverso i propri canali informativi (sito, portale, newsletter) per dare la massima diffusione alle iniziative realizzate e ai risultati raggiunti”. PRESIDENZA DELLE BIBLIOTECHE DI ROMA Adesione con lettera prot. n. 5959 del 28 luglio 2017 (vedi allegato) per “Disponibilità a collaborare alla realizzazione del Progetto condividendone gli obiettivi ed in particolare a garantire il coinvolgimento della Biblioteca Nelson Mandela, che parteciperà effettuando un prestito periodico al gruppo CENTRO ANZIANI secondo un percorso bibliografico di volta in volta concordato con il coordinatore del Progetto”. Descrizione dei bisogni che si intende soddisfare; Nei Centri Anziani molto spesso le attività prevalentemente frequentate sono di tipo ludico e di intrattenimento: il ballo e il gioco delle carte. Questo per una concomitanza di fattori: la frequente e scarsa considerazione dell'anziano come PERSONA ATTIVA e la difficoltà nell'individuare aree di interesse in soggetti di età avanzata. con il supporto incondizionato di
  5. 5. Invece l'anziano, proprio per la sua appartenenza ad un tempo passato, in cui LETTURA, SCRITTURA E MEMORIA erano elementi strettamente connessi tra loro, gli studi scolastici avevano un peso e uno spessore elevato nella formazione individuale e vi era una totale assenza di stimoli e interferenze multimediali, digitali e tecnologiche, appartiene ad una fascia della popolazione che ha assorbito e memorizzato molte più informazioni culturali di quanto si possa immaginare. Inoltre lo strumento della trasmissione di tradizioni e storie con il metodo esclusivo dell'ORALITA' era il modo quasi esclusivo di tramandare informazioni e culture. Tutto questo rappresenta un patrimonio PREZIOSO nel soggetto anziano, e quasi sempre non considerato. Invece LA LETTURA A VOCE ALT(R)A intende valorizzare proprio questo patrimonio di esperienze e informazioni esistenziali. Inoltre l'anziano, mettendo a disposizione il suo bagaglio culturale, può vivere l'esperienza della CONDIVISIONE, superando in questo modo l'isolamento quasi biologico che spesso vive, pur frequentando i Centri per Anziani. Non ultimo: nel progetto LA LETTURA A VOCE ALT(R)A l'anziano è invitato a ricercare testi che possono evidenziare le personali passioni, i ricordi, i trascorsi famigliari, i vissuti. Inoltre la LETTURA A VOCE ALT(R)A , senza attingere a spazi e settori sanitari, stimola però la persona anziana a sollecitare e usare il linguaggio, la memorizzazione, l'ascolto, la ricerca dei testi, la lettura. Tutto questo porta vantaggi anche a livello fisico-esperienziale. Descrizione dei destinatari della misura; 3.2 Destinatari dell’iniziativa Il progetto LA LETTURA A VOCE ALT(R)A è stato ideato per un'utenza anziana e destinato ai Centri Anziani. Questo per alcune caratteristiche precipue dell'utenza, legate agli spazi dei Centri Anziani:  una caratteristica di identità territoriale e di quartiere  una fascia d'età in maggioranza 70-85 anni  attività generalmente limitate per questioni organizzative  desiderio di altre attività ma assenza di iniziative “diverse”  un bagaglio culturale legato ai classici  un serbatoio ricordi generazionali con il supporto incondizionato di
  6. 6.  desiderio di collettività e comunità ma difficoltà a legare, nonostante la convivenza dello stesso luogo. Nonostante questo aspetto e destinazione, il progetto LA LETTURA A VOCE ALT(R)A potrebbe (e sarebbe auspicabile) essere esportato anche in comunità e collettività frequentate da anziani:  case di riposo  centri estivi o centri di vacanza proprio per dare il valore fondamentale e quasi quotidiano della lettura, della memoria e della condivisione. Al termine dei dodici (12) incontri per ogni Centro, vi sarà un incontro finale dove gli utenti che ne facciano richiesta possono offrire ad un pubblico eterogeneo (coetanei ma anche studenti, bambini, adulti di età media) la loro LETTURA ALT(R)A. Il tutto andrà a costituire un video in dvd inserito su YouTube. Un ulteriore e successivo passo è la realizzazione di una web radio in cui gli utenti possano condurre una trasmissione di LETTURA A VOCE ALT(R)A insieme agli studenti degli istituti del Municipio di appartenenza. Descrizione della tecnologia adottata; Aspetti innovativi del progetto Un primo aspetto innovativo del progetto (pur semplice nel suo contenuto essenziale) sta nel risultato. 1. Unendo la ricchezza del patrimonio culturale passato appartenente agli anziani, all'ascolto “offerto” ad altre generazioni più avvezze alla multimedialità e alla tecnologia, si offre una visione trasversale e integrale di unione tra GENERAZIONI e MEMORIE, dove l'anziano NON E' ESCLUSO ma anzi, diventa parte integrante e connessione indispensabile. 2. Il metodo usato permette al coordinatore di approcciare con delicatezza e rispetto al patrimonio culturale e personale dell'anziano. Valorizzando ciò che l'anziano ha vissuto e considerandolo un serbatoio INDISPENSABILE per la formazione delle altre generazioni, si pone l'accento sull'importanza della MEMORIA non solo come “assorbimento di dati”, ma anche come BAGAGLIO STORICO E CULTURALE individuale e di utilità collettiva. con il supporto incondizionato di
  7. 7. 3. Non saranno solo testi classici letterari ad essere proposti. Gli anziani infatti verranno stimolati nel proporre brani appartenenti a tradizioni personali e famigliari: filastrocche, poesie, canzoni d'epoca, stralci di opere teatrali, proprio per valorizzare appieno la tradizione popolare. Indicazione dei valori economici in gioco (costi, risparmi ipotizzati, investimenti necessari); ACQUISTO DI ATTREZZATURE (*) Descrizione Somma(€) VIDEOPROIETTORE 300 2 SCHERMI PER PROIEZIONI 200 IMPIANTO AUDIO + ASTA 250 2 MICROFONI 200 TABLET PER WEB RADIO 200 2 COPPIE CUFFIE 100 2 MICROFONI RADIO 100 1 MIXER PER WEB RADIO 300 DOMINIO WEB PER BLOG 100 PROGRAMMA DI REGIA 250 Totale 2000 ACQUISTO DI MATERIALI DI CONSUMO (utilizzati specificatamente per il progetto) Descrizione Somma(€) CANCELLERIA VARIA 500 con il supporto incondizionato di
  8. 8. CARTUCCE STAMPANTE 200 FOGLI EXTRA STRONG 150 BLOCCHI NOTES 100 2 LAVAGNE MAGNETICHE 50 2 SET PUNTINE LAVAGNE MAGNETICHE 50 TESTI PER INTRODUZIONE ALLA POESIA 150 Totale 1200 con il supporto incondizionato di
  9. 9. VOCI DI COSTO IMPORTO TOTALE PREVISTO SPESE PER VIAGGI, VITTO E ALLOGGIO (Il totale non deve essere superiore al 10% del costo complessivo della proposta progettuale) Descrizione Somma(€) TRASPORTI 400 RIMBORSO SPESE TRASFERTE 200 ALLOGGIO 95,5 Totale 695,5 CONSULENZE ( i costi non devono superare il 30% del costo complessivo della proposta progettuale) Descrizione Somma(€) CONSULENZA MONICA MAGGI 2086,5 Totale 2086,5 Descrizione Somma(€) TOTALE COSTI DIRETTI DEL PROGETTO (1+2+3+4+5) € 6.482,00 6. COSTI GENERALI (riconosciuti in maniera forfettaria in una quota pari al 7% del totale dei costi diretti) € 453,74 COSTO TOTALE DEL PROGETTO € 6.935,74
  10. 10. Tempi di progetto. Gli incontri saranno svolti con una cadenza settimanale con la durata di sei mesi e saranno “MONITORATI” attraverso un BLOG e una pagina SOCIAL. Al termine dei sei mesi verrà organizzato un incontro CORALE, dove le letture verranno offerte al pubblico in una sorta di TEATRO DI VOCI ALT(R)E e da cui verrà prodotto un dvd. Il progetto prevede anche la creazione di una WEB RADIO con rubriche condotte dagli anziani che, in questo modo, diventano parte attiva nell'intervistare e interagire con giovani e adulti. Accanto ai Centri Anziani e quindi “in rete” sarà presente una sede delle Biblioteche di Roma (la sede di Nelson Mandela di via La Spezia 21, geograficamente la più vicina ai due Centri interessati) che metterà a disposizione un prestito periodico al Gruppo di Lettura, secondo il percorso bibliografico definito d'accordo con il coordinatore del Progetto. In questo modo si creerà un canale di contatto tra realtà vitali socialmente e culturalmente (Centro Anziani – Biblioteche).

×