Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
L’UTILIZZO DEL ”PELVIC TRAINER“, DEL MODELLO ANIMALE EDEI SIMULATORI NELL’APPRENDIMENTO DELLA LAPAROSCOPIA                ...
Le difficoltà nella laparoscopia sono dovute a :- Visione bidimensionale.- Diversa postura e posizione del chirurgo.- Coor...
Passaggio da una visione 3D diretta del campooperatorio ad una visione 2D attraverso il monitorpresente sulla colonna lapa...
Adattamento all’effetto fulcro dovuto all’utilizzo distrumenti lunghi.Tali strumenti portano ad una gestione diversa deitr...
Diversa è la postura e posizione del chirurgo chenon guarda direttamente il campo operatorio, ma ilmonitor sulla colonna l...
In laparoscopia si eseguono gesti e manovre innaturali eche nella vita quotidiana riproduciamo raramente.Ritenete utile pr...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
L’obiettivo del training con i simulatori èquello di poter acquisire le abilità e leconoscenze necessarie per eseguire con...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
Progressione tecnico didatticaEsercizi di abilità :atti a sviluppare la sensibilità delle manisullo strumento, velocizzare...
Progressione tecnico didatticaEsercizi di precisione :Atti a rendere più precisi i movimenti congli strumenti lunghi e più...
Progressione tecnico didatticaEsercizi complessi :esercizi di abilità e precisione armonizzatiinsieme , atti a rendere più...
Modello animale:  Simulatore: Pelvic trainer:
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento                                  ...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
CARDBOARD BOX TRAINER    (lo scatolone di cartone)
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia ...
L’operatore che si esercita può tenere un occhio bendato in modo daavere una visione bidimensionale necessaria per simular...
Tra gli svantaggi il più rilevante è la diversa postura che vienefatta assumere e apprendere all’allievo rispetto alla pos...
Si può usare una scatola chiusa non trasparente    collegata ad una colonna laparoscopica
BOX TRAINERIl box trainer tradizionale utilizza i reali strumenti chirurgici e lacolonna laparoscopica con una configurazi...
Il box-trainer è il sistema ottimale per apprenderela manualità nell’utilizzo degli strumenti e pereseguire esercizi della...
SIMULATORI A REALTA’ VIRTUALEI simulatori a realtà virtuale sono lo sviluppo più recente nelletecniche di training in chir...
SIMULATORI A REALTA’ VIRTUALEI software sono stati sviluppati per replicare delle abilità critichenecessarie e in alcuni c...
SIMULATORI A REALTA’ VIRTUALEIl limite più evidente e forse quello più importante è la mancanzanei simulatori della sensaz...
Y. Munz, B.D. Kumar, K. Moortly, S. Bann, A. Darzi. Laparoscopic virtual reality and box trainers is one superior to the o...
La percezione della forza necessaria e la sensazione tattileproveniente dallo strumento utilizzato è molto importantie nei...
Simulatori come il ProMis permettono inoltre l’utilizzo della “RealtàAumentata” che è una particolare estensione della rea...
Questa tipologia di simulazione permette di integrare leinformazioni visive del modello reale, permette divisualizzare una...
Come dovrebbe essere un allenatore ideale?-1) Mantenere tutte le caratteristiche diun Box Trainer ( coordinamento video-oc...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento                                  ...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori                 nell’apprendimento della laparoscopi...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori                 nell’apprendimento della laparoscopi...
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia ...
Criticità nella:Progressione tecnico didattica
Robot
L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori               nell’apprendimento della laparoscopia
…… ad una ridotta visione del campo operatorio   (affiatamento con il secondo operatore).
Lorenzo repetto bologna suni 2011
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Lorenzo repetto bologna suni 2011

826 views

Published on

L'utilizzo del "Pelvic Trainer", del modello animale e dei simulatori nell'apprendimento della laparoscopia.

Published in: Health & Medicine
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Lorenzo repetto bologna suni 2011

  1. 1. L’UTILIZZO DEL ”PELVIC TRAINER“, DEL MODELLO ANIMALE EDEI SIMULATORI NELL’APPRENDIMENTO DELLA LAPAROSCOPIA Lorenzo Repetto S.S.C.V.D ”Laparoscopia in Chirurgia ed in Urologia“ A.U.O. S.Giovanni Battista di Torino (Molinette)
  2. 2. Le difficoltà nella laparoscopia sono dovute a :- Visione bidimensionale.- Diversa postura e posizione del chirurgo.- Coordinamento video-occhio-mano.- Adattamento all’effetto fulcro dovuto all’utilizzodi strumenti lunghi.- Adattamento ad una ridotta visione del campooperatorio.
  3. 3. Passaggio da una visione 3D diretta del campooperatorio ad una visione 2D attraverso il monitorpresente sulla colonna laparoscopica.Diversa percezione della profondità e dellerelazioni spaziali.Una anatomia topografica di non abitualepercezione.
  4. 4. Adattamento all’effetto fulcro dovuto all’utilizzo distrumenti lunghi.Tali strumenti portano ad una gestione diversa deitremori e condizionano una percezione tattileridotta e minori gradi di libertà.
  5. 5. Diversa è la postura e posizione del chirurgo chenon guarda direttamente il campo operatorio, ma ilmonitor sulla colonna laparoscopica.Coordinamento video-occhio-manoAdattamento ad una ridotta visione del campooperatorio .
  6. 6. In laparoscopia si eseguono gesti e manovre innaturali eche nella vita quotidiana riproduciamo raramente.Ritenete utile prepararvi con ”pelvic trainer” o con ”simulatori“ alfine di acquisire le abilità e le conoscenze necessarie per eseguirecompletamente le procedure di chirurgia mininvasiva prima diapplicarle sui pazienti?
  7. 7. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  8. 8. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  9. 9. L’obiettivo del training con i simulatori èquello di poter acquisire le abilità e leconoscenze necessarie per eseguire conprecisione e sicurezza le procedure dichirurgia mininvasiva prima diapplicarle sui pazienti.
  10. 10. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  11. 11. Progressione tecnico didatticaEsercizi di abilità :atti a sviluppare la sensibilità delle manisullo strumento, velocizzare gli atti stessie ridurre i tremori dell’effetto fulcro
  12. 12. Progressione tecnico didatticaEsercizi di precisione :Atti a rendere più precisi i movimenti congli strumenti lunghi e più sicure le variefasi laparoscopiche
  13. 13. Progressione tecnico didatticaEsercizi complessi :esercizi di abilità e precisione armonizzatiinsieme , atti a rendere più veloci e sicurele manovre laparoscopiche
  14. 14. Modello animale: Simulatore: Pelvic trainer:
  15. 15. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  16. 16. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  17. 17. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  18. 18. CARDBOARD BOX TRAINER (lo scatolone di cartone)
  19. 19. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia E’ costituito da una scatola di cartone che presenta una fessura rettangolare sulla parete superiore per permette una visualizzazione diretta del campo di lavoro. Vengono utilizzati strumenti chirurgici standard introdotti nei trocar inseriti attraverso il cartone Il vantaggio di questa tecnica è sicuramente il costo quasi azzerato, costituito esclusivamente dagli strumenti chirurgici e dagli oggetti utilizzati per i diversi task, e la possibilità di essere riprodotta ed utilizzata in qualsiasi ambiente.
  20. 20. L’operatore che si esercita può tenere un occhio bendato in modo daavere una visione bidimensionale necessaria per simulare la visioneche si ha tramite la telecamera durante una laparoscopia .
  21. 21. Tra gli svantaggi il più rilevante è la diversa postura che vienefatta assumere e apprendere all’allievo rispetto alla posturache il chirurgo assume in sala operatoria dove non guardadirettamente il campo operatorio ma il monitor presentesulla colonna laparoscopica. Non vi è un apprendimento della coordinazione video-occhio-mano e non vi è l’adattamento ad una ridotta visionedel campo operatorio.
  22. 22. Si può usare una scatola chiusa non trasparente collegata ad una colonna laparoscopica
  23. 23. BOX TRAINERIl box trainer tradizionale utilizza i reali strumenti chirurgici e lacolonna laparoscopica con una configurazione minima composta da:video, fonte luce, telecamera, ottica e fibra ottica.Viene utilizzata una scatola, normalmente di plastica, di dimensionisimili a quelle della cavità addominale di un uomo adulto che presentadelle fessure fisse sulla superficie anteriore attraverso le quali vengonoinseriti i trocar
  24. 24. Il box-trainer è il sistema ottimale per apprenderela manualità nell’utilizzo degli strumenti e pereseguire esercizi della progressione tecnico-didatticaIl costo della colonna laparoscopica è significativoTutto ciò ne limita l’uso in specifici luoghi sottosupervisione di responsabili.
  25. 25. SIMULATORI A REALTA’ VIRTUALEI simulatori a realtà virtuale sono lo sviluppo più recente nelletecniche di training in chirurgia mininvasiva.Questi simulatori sono costituiti solitamente da un PC dove vi ècaricato il software e da strumenti costituiti da due manici con deisensori applicati alla parte distale che utilizzano un sistema dirilevamento con 5 gradi di libertà.L’immagine sul monitor è una rappresentazione virtuale generatadal computer
  26. 26. SIMULATORI A REALTA’ VIRTUALEI software sono stati sviluppati per replicare delle abilità critichenecessarie e in alcuni casi sono in grado di replicare intereprocedureI vantaggi dei simulatori a RV è la possibilità di registrare diversitipi di parametri durante l’esecuzione di un esercizio inclusol’entità di danneggiamento del tessuto, movimenti eccessivi deglistrumenti, il tempo impiegato, e se l’esercizio è stato o menosuperato. .
  27. 27. SIMULATORI A REALTA’ VIRTUALEIl limite più evidente e forse quello più importante è la mancanzanei simulatori della sensazione e della sensibilità tattile da partedello strumento utilizzato
  28. 28. Y. Munz, B.D. Kumar, K. Moortly, S. Bann, A. Darzi. Laparoscopic virtual reality and box trainers is one superior to the other?. Surgical E Confronto Giudicò buona o molto buona Box trainer Realtà virtuale Sensazione tattile 83.4% 62,2% La resistenza ed i movimenti l’88.9% 67,8% degli strumenti Esercizi di sutura (…… e realistico) 53,3% O,oo% Y. Munz, B.D. Kumar, K. Moortly, S. Bann, A. Darzi. Laparoscopic virtual reality and box trainers is one superior to the other?. Surgical Endoscopy (2004); 18:485-494. Sanne M.B.I. Botden, Sonja N. Buzink et al. Augmented versus Virtual Reality Laparoscopic Simulation: What is the Difference? World Jurnal of Surgery (2007); 31:764-772.
  29. 29. La percezione della forza necessaria e la sensazione tattileproveniente dallo strumento utilizzato è molto importantie neisimulatori per laparoscopia e questo incrementa l’efficacia del box-trainer rispetto ai RVStrumenti come il ProMis Augmented Reality Simulator cercano diintegrare i vantaggi dei box-trainer e dei simulatori a RV
  30. 30. Simulatori come il ProMis permettono inoltre l’utilizzo della “RealtàAumentata” che è una particolare estensione della realtàvirtuale, consiste nel sovrapporre alla realtà percepita dal soggettouna realtà virtuale generata dal computer. La percezione del mondodell’utilizzatore viene “aumentata” da oggetti virtuali che fornisconoinformazioni supplementari sull’ambiente reale.Le immagini viste direttamente dal chirurgo attraverso unatelecamera vengono integrate con immagini TC e RM ottenute dalpaziente in precedenza.
  31. 31. Questa tipologia di simulazione permette di integrare leinformazioni visive del modello reale, permette divisualizzare una guida e permette il verificarsi delsanguinamento e la sua interruzione utilizzando i realistrumenti.Strumenti del genere sembrerebbero un’ottima soluzione alproblema del training in laparoscopia ma presentano uncosto notevolmente superiore al box trainer .
  32. 32. Come dovrebbe essere un allenatore ideale?-1) Mantenere tutte le caratteristiche diun Box Trainer ( coordinamento video-occhio-mano)-2) Essere veramente economico-3) Possibilmente essere portatile
  33. 33. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia Al posto osto dell’ottica collegata ad una colonna si utilizza un ottica collegata alla web- cam di un computer
  34. 34. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopiaPiù economico ancora se si utilizza direttamente e solo la web cam
  35. 35. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  36. 36. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  37. 37. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopiaIl chirurgo non guarda direttamente il campo operatorio ma l’immagine èriflessa da due specchi .Viene in questo modo sviluppato il coordinamento video-occhio-mano
  38. 38. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia www.medicalink.it info@medicalink.it
  39. 39. Criticità nella:Progressione tecnico didattica
  40. 40. Robot
  41. 41. L’utilizzo del “pelvic trainer”, del modello animale e dei simulatori nell’apprendimento della laparoscopia
  42. 42. …… ad una ridotta visione del campo operatorio (affiatamento con il secondo operatore).

×