Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Editoria Digitale – Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” (SISSA), Trieste 2014

1,146 views

Published on

Published in: Education

Editoria Digitale – Master in Comunicazione della Scienza “Franco Prattico” (SISSA), Trieste 2014

  1. 1. Editoria Digitale (2014) Letizia Sechi
  2. 2. • Qualcosa è cambiato • Uno sguardo al mercato Menu del giorno • Come cambia l’autore • Come cambia l’editore • Come cambia il prodotto • Casi da osservare Antipasti Primi piatti Secondi piatti
  3. 3. Qualcosa è cambiato
  4. 4. Qualcosa è cambiato Derrick De Kerckhove
  5. 5. Qualcosa è cambiato L’editoria fa parte di un sistema culturale che sta cambiando con rapidità straordinaria. Gli individui sono in grado di adattarsi ai cambiamenti più velocemente rispetto ai sistemi complessi, come l’industria. Cambiamento di paradigmi Cambiamento di valori
  6. 6. Paradigmi e valori derivati Scarsità Abbondanza Costi Elevati • Produzione • Accesso al mercato • Distribuzione • Stoccaggio Costi Tendenti allo Zero Il digitale abbassa drasticamente i costi che rendevano necessari investimenti importanti per accedere al mercato. Valori derivati • Qualità • Selezione • Gatekeeping • Pertinenza • Discoverability • Filtri, curation • Matchmaking
  7. 7. Il cambiamento del mercato Autore Agente Editore Distributore Libreria Lettore La filiera Manifattura di prodotti Servizi per scrittori-lettori
  8. 8. Il cambiamento del mercato Bisogna riuscire a monetizzare la scoperta di cose nuove, la facilità di farle trovare e la costruzione di un'esperienza di consumo appagante e diversa. «Il digitale, per come la vedo io», continua, «è il luogo della scoperta e del sampling, quindi non necessariamente un luogo per guadagni significativi. I compensi per chi crea contenuti (e per chi lavora per produrli e distribuirli) saranno nei prodotti fisici e nelle esperienze create intorno a questi prodotti (che siano sincrone, asincrone, in presenza, a distanza)». Il denaro non va più verso i contenuti Richard Nash, Non c’è più denaro per chi vende i contenuti La Stampa, 14 marzo 2011
  9. 9. Qualcosa è cambiato Attention Span
  10. 10. Qualcosa è cambiato Altre narrazioni «Se i videogiochi che esistono oggi ci fossero stati nel 1979 non avrei mai letto un libro, credo; non avrei considerato scrivere come un intrattenimento di un qualche valore [...]» My Futuristic Past,Toby Litt, Granta
  11. 11. Le storie sono segnali chiari che emergono dal rumore di fondo. «Il nostro cervello riconosce dei modelli tanto nel suono e nelle forme della natura quanto nelle informazioni.Attraverso le storie diamo un senso al mondo per condividerlo con gli altri.» «Se le storie hanno un carattere universale, il modo di raccontarle cambia a seconda della tecnologia che si ha a disposizione.» Immersi nelle storie, Frank Rose Qualcosa è cambiatoQualcosa è cambiato
  12. 12. Esistono solo ragnatele di idee «Oggi che le idee possono fare a meno delle pagine rilegate, viene fuori che le opere in forma lunga non sono mai state abbastanza lunghe. Liberate nella distesa sconfinata delle differenze umane interconnesse, le idee si diramano senza fine. Non esistono idee isolate, né ci sono mai state; esistono solo ragnatele di idee.» La stanza intelligente, David Weinberger Qualcosa è cambiatoQualcosa è cambiato
  13. 13. La quantità di informazioni e stimoli in cui viviamo immersi richiede nuove competenze. Costruire la cornice intorno ai frammenti, lo schema attraverso cui siamo in grado di comprendere il mondo e prendere decisioni, oggi, richiede una nuova alfabetizzazione. Dalla frammentazione alla comprensione Qualcosa è cambiatoQualcosa è cambiato
  14. 14. Non credo che la chiave per guadagnare concentrazione sia ricostruire un ambiente più simile al mondo della carta che abbiamo conosciuto, in cui le interferenze e gli stimoli erano minori e favorivano un certo tipo di concentrazione nella lettura. È più probabile che cambi il modo di leggere: l’abilità nello scorrere i testi sarà sempre più efficace e ci permetterà di selezionare meglio quelli su cui spendere una lettura più approfondita, gestendo contemporaneamente gli stimoli che ci circondano, che non tenderanno a diminuire, ma ad aumentare. L’evoluzione della lettura Qualcosa è cambiatoQualcosa è cambiato
  15. 15. Serve una pausa?
  16. 16. Uno sguardo ai numeri
  17. 17. Uno sguardo ai numeri Panoramica (2013) • Lettori: -6,1% • Mercato: -4,7% • Titoli pubblicati: -4,1% (+43% in ebook) • Copie vendute: -2,3% • Prezzo: -5,1% (carta) -20,8% (ebook) AIE, L’editoria italiana in cifre (ottobre 2014)
  18. 18. Uno sguardo ai numeri In digitale • Mercato digitale: 3% (+55,9% sul 2012) • Vendite librerie online: 12% • Case editrici “attive in rete”: 58,9% • Case editrici solo digitali: tra il 4 e il 5% L’offerta di ebook copre il 12% dei titoli in commercio Ebook + offerta editoriale digitale: 8% del mercato
  19. 19. Cambiamenti
  20. 20. Come cambia l’autore
  21. 21. Come cambia l’autore
  22. 22. Come cambia l’autore In Italia: qualche numero 7,6% della produzione complessiva di titoli in commercio Il 42,4% dei titoli non è classificabile per genere per assenza dei metadati necessari
  23. 23. Come cambia l’editore Competenze tecnologiche
  24. 24. Come cambia l’editore Nuovi interlocutori
  25. 25. Come cambia l’editore Il marketing Conoscenza degli algoritmi • Categorie: nessun libro è per tutti. • Parole chiave: non quelle che sceglieresti tu, ma quelle che userebbero gli altri per descrivere il tuo libro. • Differenze: conosci le regole di ogni ambiente.
  26. 26. Come cambia l’editore La nascita di nuove piattaforme tecnologiche per la pubblicità permette di raggiungere i consumatori in tempo reale, proponendo annunci rilevanti e mirati attraverso gli ambienti sociali in cui i consumatori spendono una larga parte del loro tempo. Il marketing
  27. 27. Come cambia l’editore Intersezioni
  28. 28. Come cambia l’editore Intersezioni
  29. 29. Serve una pausa?
  30. 30. Come cambia il prodotto «A book is always a dialogue with other readers and other books.» Tim O’Reilly
  31. 31. Come cambia il prodotto Un libro è in primo luogo uno strumento di comunicazione: il suo valore sta nelle connessioni che è in grado di stabilire e nella possibilità di moltiplicarle. Tra i compiti dell’editore c’è anche quello di mantenere una fitta rete di connessioni intorno al libro, in modo che il contenuto raggiunga i destinatari più appropriati e si diffonda in maniera virtuosa. Il libro vale per il sistema di relazioni che è in grado di innescare
  32. 32. Come cambia il prodotto Consuetudini
  33. 33. Come cambia il prodotto Consuetudini
  34. 34. Come cambia il prodotto Consuetudini
  35. 35. Come cambia il prodotto Formati Standard IDPF dal 2007 • Aperto • Fluido • Lineare • Basato su XML Ottobre 2011: ePub 3
  36. 36. Come cambia il prodotto Dispositivi
  37. 37. Come cambia il prodotto Ecosistemi
  38. 38. Come cambia il prodotto Personalizzazione
  39. 39. Come cambia il prodotto Condivisione
  40. 40. Come incontriamo i libri Dove parliamo di libri? Le conversazioni sui libri diventano tanto più rilevanti quanto più entrano i crisi i media tradizionali. L’opinione dei pari diventa sempre più importante e ridisegna gli ambienti in cui decidiamo di comprare un libro.
  41. 41. Come incontriamo i libri Dove parliamo di libri?
  42. 42. Idee William Joyce, The Fantastic Flying Books of Morris Lessmore
  43. 43. Idee Tim Wright, The Haunter, Experiment in located Literature (Thomas Hardy Poetry)
  44. 44. Idee The Orchestra,Touch Press The Elements,Touch Press
  45. 45. Idee Oliver Jeffers, The Heart and the Bottle, Harper Collins
  46. 46. Idee T. S. Eliot, TheWaste Land,Touch Press
  47. 47. Idee «Rough Cuts is a service from Safari Books Online that gives you early access to content on cutting-edge technologies – before it's published. It lets you literally read the book as it is being written.»
  48. 48. Mercato di servizi
  49. 49. Guardando avanti «I talked so much about our ideals, our goal to create more value than we capture, to change the world by spreading the knowledge of innovators, that I forgot to make sure everyone understood that we were still a business.» Tim O’Reilly, How I failed
  50. 50. Guardando avanti «There’s not a single business model, and there's not a single type of electronic content. There are really a lot of opportunities and a lot of options and we just have to discover all of them.» Tim O'Reilly
  51. 51. Letizia Sechi sechi.let@gmail.com

×