Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Firenze Neuroscienze Speciale COVID-19

Consigli pratici per superare stress: Ansia legata alla nuova coronavirus - fronteggiare l'incertezza, i timori e lo stress.
Ci sono molte cose che puoi fare per gestire la tua ansia.

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Firenze Neuroscienze Speciale COVID-19

  1. 1. Ci sono molte cose che puoi fare per gestire la tua ansia Ansia legata al nuovo coronavirus fronteggiare l’incertezza, i timori e lo stress Consigli pratici per superare lo stress “Chiamalo psicologico, chiamalo sentimenti o emozioni. Ma questa è tanto una crisi sociale quanto una crisi sanitaria “ -Andrew Cuomo, Governatore dello stato di New York
  2. 2. Le Terapie di Neuromodulazione Migliorano la plasticità del cervello Rinforzano il sistema immunitario Riducono lo stress Migliorano il sonno L’Istituto di Neuroscienze è uno dei pochi centri attrezzati con tutte queste terapie, ed il nostro ambulatorio è aperto, malgrado le difficol- tà ma con ogni prudenza, offrendo la nostra esperienza pluriennale nelle Terapie di Neuromodulazione quali: TMS, tDCS, Foto-Bio-Mo- dulazione e Light Therapy, utilizzabili anche a distanza! Stimolazione Magnetica Transcranica Ripetitiva (rTMS) Stimolazione Theta Burst (TBS) Stimolazione Magnetica Transcranica Profonda (Deep TMS) Stimolazione Elettrica Transcranica a Corrente Diretta Continua (tDCS) Foto-Bio-Modulazione Light Therapy Rinforzare il tuo sistema immunitario con le Terapie di Neuromodulazione! La riduzione dello stress e il miglioramento del sonno: due passi importanti per rafforzare il no- stro sistema immunitario - New York Times 2
  3. 3. Non tutti sanno che.... Il virus non è un organismo vivente, ma una molecola (frammento di RNA+) acellulare con caratteristiche di parassita obbligato, coperto da uno strato protettivo di una capside proteica e di lipidi (grassi) che, se assorbito dalle cellule della mucosa oculare, nasale o della bocca, modifica il loro codice genetico (mutazione) e li converte in cellule di moltiplicatori e aggressori. La trasmissione accertata avverrebbe attraverso piccole gocce re- spiratorie e oro-fecale. Il virus NON può passare attraverso la pelle sana. Poiché il virus non è un organismo vivente autonomo come i bat- teri, non viene ucciso, ma decade da solo. Quindi non servono i battericidi. Il virus è molto fragile; l’unica cosa che lo protegge è un sottile strato proteico ed esterno di grasso. Ecco perché qualsiasi sapo- ne o detergente è il miglior rimedio, perché la schiuma del sapone rompe il grasso (ecco perché devi strofinare così tanto: per almeno 20 secondi o più, e fare molta schiuma). Dissolvendo lo strato di grasso, la molecola proteica si disperde e si scompone da sola. I nemici del virus: Temperatura superiore ai 70° gradi; Umidità bassa; L’alcol superiore al 65% ; Miscela con 1 parte di candeggina e 5 parti di aqua; L’acqua ossigenata pura; La luce UV Ambienti deumidificati, asciutti, caldi e luminosi lo degraderanno più rapidamente. Tieni anche le UNGHIE CORTE in modo che il virus non si nasconda lì. NON scuotere MAI abiti, lenzuola o indumenti usati. Quando si stabilisce su una superficie porosa si disintegra da solo. Ma se lo scuoti o usi uno spolverino, le molecole del virus si sospen- dono nell’aria per un massimo di 3 ore. Il virus si disintegra in: • 3 ore (tessuto e poroso) • 4 ore (rame e il legno) • 24 ore (cartone) • 42 ore (metallo) • 72 ore (plastica) 3
  4. 4. Rinunciare al nostro desiderio di certezze e di controllo è più facile a dirsi che a farsi. Se ti senti sprofondare nella negatività o nel panico, concentrati sul momento presente. Così puoi fermare la spirale negativa e consentire al tuo cervello di razionalizzare a tornare in linea. Non lasciare che il coronavirus domini ogni conversazione. È importante prendere delle pause dai pensieri stressanti e semplicemente godersi la reciproca compagnia, ridere, condividere racconti e le cose che succedono nella nostra vita. Le emozioni sono contagiose: scegli con giudizio a chi ti rivolgi Tutti abbiamo bisogno di rassicurazioni, consigli o una voce amica durante questo periodo difficile. Ma fai attenzione a chi rivolgerti. Il coronavirus non è l’unico ad essere contagioso: lo sono anche le emozioni! Evita di parlare del virus con persone che tendono ad essere negative o tendono a rinforzare o amplificare le tue paure. Circondati di persone riflessive e che sanno as- coltare. Come bloccare la spirale degli “e se…?” 4
  5. 5. Rimani informato – ma senza sopraffare Il controllo costante di notizie e social media incrementa l’ansia piuttosto che ridurla. Riduci il tempo in cui usufruisci dei media ad uno specifico orario del giorno (ad esempio solo per 30 minuti dopo le 18.00) oppure evitali compleatamente se ti senti sopraffatto. Fai attenzione a ciò che condividi – verifichi le informazioni pri- ma di condividere per evitare la diffusione di fake news. Attien- iti a fonti attendibili – come l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS). Focalizzati sulle cose che puoi controllare Focalizzarci su domande a cui nessuno può rispondere (ad esempio quanto durerà la pandemia?) e circostanze al di fuori del nostro controllo, non ci porterà da nessuna parte e ci farà soltanto sentire esausti, ansiosi e sopraffatti. Prova a spostare l’attenzione su cose che puoi controllare. Ad esempio, puoi concentrarti a organizzare la settimana: sp- ese, compiti dei tuoi figli, cercare i programmi di attività fisica o culturali sul web. Pianifica quello che puoi Ci troviamo in una situazione totalmente diversa da quella in qui siamo abituati; siamo un pò come Robinson Crusoe. Quello che ha aiutato Robinson Crusoe a sopravvivere è la sua proattività. Concentrati sulle soluzioni anziché sulle difficoltà, così manterrai una visione più positiva. Scrivi sull’agenda il piano della settimana e della giornata. Rimani connesso anche se fisicamente isolato La distanza sociale è stata identificata come una forma effi- cace di riduzione della diffusione del virus. Ma gli esseri umani sono animali sociali e la solitudine può peggiorare l’ansia. Ecco perché è importante rimanere connes- si con gli altri e ottenere supporto quando ne abbiamo bisogno. Con amici e famiglia, prova a organizzare appuntamenti tele- fonici o messaggi regolari. Le videochiamate sono risorse utili. Il contatto faccia a faccia è come una “vitamina” per la salute mentale e riduce il rischio di depressione mentre aiuta a ridurre ansia e stress. 5
  6. 6. La prescrizione di un ansiolitico non è una cosa banale, è necessaria la competenza di uno specialista che conosca gli effetti delle medicine non solo a livello comportamentale ma anche immunitario. Ansiolitico per dormire? Ci sono differenze tra una benzodiazepina ed un altra, tra un ansiolitico ed un altro sulla risposta immunitaria. Non sono tutti uguali: qualcuno aiuta, qualcuno NUOCE. Dipende dalla molecola e anche dai sintomi. Sempre più italiani ricorrono ai farmaci per dormire "Report AIFA (Agenzia italiana del farmaco) Gli italiani stressati e soli: in un anno +8% uso di an- siolitici" "La Nazione 13 Marzo 2020 Coronavirus, boom di richieste di ansiolitici in farma- cia" DORMIRE fa bene SE AVVIENE NATURALMENTE (e rinforza il istema immunitario) Attenzione! Indurre il sonno con farmaci, può fare bene ma può fare molto male perchè altera la risposta immunitaria. 6
  7. 7. Aiutare gli altri ti farà sentire meglio “Restiamo distanti oggi per abbracciarci più forte domani!” è importante ricordarci che siamo tutti nella stessa situa- zione. Aiutare gli altri non solo fa bene alla comunità ma ci permette anche di migliorare la nostra salute mentale ed il nostro benessere. Ci aiuta anche a riprendere un senso di controllo sulla nostra vita. Segui le linee guida per pre- venire la diffusione del virus – stare a casa, lavare spesso le mani ed evitare i contatti con gli altri può salvare la vita alle fasce di popolazione più vul- nerabili ed evitare di sovracca- ricare il sistema sanitario. Raggiungi chi ha bisogno di sup- porto – ad esempio se i tuoi vi- cini sono anziani o disabili, puoi fare la spesa per loro o andare in farmacia e lasciare poi le cose da- vanti alla porta in modo da evi- tare il contatto. Oppure possono aversoltantobisognodiunavoce amica o di una telefonata. Sii un’influenza positiva: se familiari o amici sono nel panico, prova ad aiutarli for- nendo una diversa prospet- tiva sulla situazione. Essere positivi è confortante può far sentire meglio anche te. Sii gentile con gli altri – una malattia infettiva non è col- legata a particolari gruppi etnici per cui opponiti agli stereotipi negativi che pos- sono solo incrementare il pregiudizio. 7
  8. 8. Sii buono con te stesso. Sii clemente con te stesso se ti senti più ansioso o depresso del solito. Non sei il solo a combattere contro questi problemi. Mantieni la tua routine. Il più possibile anche se sei chiuso in casa, cerca di attenerti ai tuoi regolari ritmi nel sonno, alimentazione o lavo- ro. Questo può aiutarti a mantenere un senso di normalità. Prenditi del tempo per le attività che ti piacciono. Leggi un buon libro, guarda un film, gioca o dai sfogo alla creatività. Non importa cosa fai, basta che tenere alla larga le preoccupazioni. Trova il modo di fare attività fisica. Ci sono tante attività online che puoi fare anche senza attrezzi. Impara cose nuove. Come ad esempio utilizzare strumenti come Skype o altre piattaforme per rimanere in contatto con chi ami. Prenditi cura del corpo e dello spirito 8
  9. 9. Metti in atto tecniche di rilassamento Quando gli eventi stressanti mettono a dura prova il nostro sistema nervo- so, alcune pratiche come la respira- zione profonda, la meditazione o lo yoga possono riportarlo in equilibrio. La cosa migliore è essere costanti, quindi prova a praticarli anche per poco tempo ma tutti i giorni. Semplice ma efficace per ridurre l’ansia: MINDFULNESS Mindfulness Gruppo Online info@istitutodineuroscienze.it Sposta l’attenzione sul tuo re- spiro e sul corpo. Focalizza tutta l’attenzione sul “qui ed ora”: sui suoni e gli odori intorno a te e su quello che sen- ti all’interno del tuo corpo. Continua a respirare lentamen- te, riportando la mente verso il corpo ed il respiro ogni volta che si allontana – finché non ti sentirai più calmo. 9
  10. 10. Visite a distanza con il Prof. Stefano Pallanti Utilizzato già da più di 1500 pazienti da tutta l’Italia e dall’estero info@istitutodineuroscienze.it

×