OFFICINA LE MAT LAB 2 Alessio di Giulio Comunità locale e leve

545 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
545
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
5
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

OFFICINA LE MAT LAB 2 Alessio di Giulio Comunità locale e leve

  1. 1. Alessio di GiulioILEX Italian Landscape Exploration Centro Cultura del Paesaggio “Torre del Cornone” Fontecchio (AQ)
  2. 2. Caratteri che connotanouna comunità locale• I confini geografico-amministrativi• La qualità/quantità di relazioni fra soggetti diversi• La partecipazione (senso, sentimento di esser parte) in essa possibile La comunità locale costituisce il palcoscenico dove gli attori/cittadini rappresentano la loro vita quotidiana (Goffman) e dove costruiscono dialoghi volti a costruire mondi possibili e condivisi (Amerio, 2000; Ghiglione, 1986; Habermas, 1981) La comunità è ciò che le persone pensano che essa sia (Gusfield, 1975): il senso di comunità è una proprietà relazionale tra attori diversi ( Donati P. 1996), che ne definiscono le connotazioni
  3. 3. Caratteri che connotanouna comunità localeUna comunità locale non è uninalterabile insieme di esseriumani che la storia ci haconsegnato ma un complessosistema di relazioni fra i suoimembri e fra di esse ed ilterritorio che va costruito econfermato giorno per giorno.
  4. 4. Tendenzeglobali del turismo Approccio non commericale Ospiti di un vecchio pastore incontrato per caso durante un temporale Contenuti Legame poveri e con il locale, supreficiali la storia e le tradizioni Villaggi turistici Approccio estivi ed fortemente invernali commerciale da Bernard Cova 2003
  5. 5. Una nicchiadi mercatoin espansioneProgettare e fornire prodotti eservizi che soddisfino ladomanda, espressa dai residentinelle aree metropolitane, diesperienze di vita reale e dicontatto diretto con i paesaggiumani e naturali delle realtà locali
  6. 6. ..Sono i nostri padri che hannosaputo conservare il paesaggio! (non i parchi)
  7. 7. La percezione del valore della propria identità e del proprio territorio
  8. 8. Duedomande chiave Qual è il paesaggio “giusto” ? Giusto per chi ?
  9. 9. La percezione del valore del luogo in cui si vive
  10. 10. Promotore di Non è Superman/Superwoman ma…sviluppo locale • E motivatoe deam maker • Sa ascoltare per collegare • Sa guardarsi attorno il locale • Sa concretizzare col globale • Sa proporre soluzioni quando è opportuno • Conosce il mondo esterno e i nuovi mercati • E’ un “dream maker” per le nuove tribù • È intraprendente e motivante • Sa fare advocacy – "difensore civico" contro rassegnazione ed inerzia • E’ localmente accettato e stimato. È visto come “interno-esterno” • Sa trattare con le autorità • Sa comunicare a livello locale e globale • Sa come e dove fare la promozione soprattutto via internet • Sa far lavorare assieme la gente e mediare i conflitti
  11. 11. Le “leve” della partecipazione nelle aree ruraliLeve Categoria coinvolta Modalità di azione (esempi)Leve economiche mirate Pastori, boscaioli, agricoltori, Incentivi per forme di raccoglitori allevamento utili a tenere i pascoli sommitali aperti o per la piantagione di siepi cedue; promozione dei prodotti di cultivar locali; coinvolgimento dei taglialegna nella gestione forestale FSC, eccProprietà Pastori, boscaioli, agricoltori, Concessione di diritti duso raccoglitori esclusivi (funghi, tartufi, frutti di bosco, erbe..) su porzioni di terre comuni a fronte di impegni per la sua gestione sostenibileLeve educative e motivazionali Studenti, docenti, giovani, Corsi per la conoscenza del residenti periodici e turisti territorio e delle tecniche tradizionali condotte da anziani, da professionisti locali eccPassione Appassionati di ambiente, Promozione di programmi di storia, territorio, locali, turisti o osservazione, studio e ricerca di studenti di vicine università campoRiconoscimento sociale Cittadini generici con Volontariato per la pulizia dei professioni non direttamente sentieri, per la gestione di afferenti alla biodiversità micro-oasi, per la raccolta di rifiuti abbandonati eccSicurezza Volontari della protezione Prevenzione degli incendi civile ed altri cittadini attraverso la gestione dei boschiLeve alimentari Agricoltori ed orticultori Si continuano a coltivare cultivar locali non perché abbiano uninteresse economico reale ma perché apprezzate per ricette famigliari tradizionali
  12. 12. Capacità Capacità di carico ecologica di carico massimo livello di turismo oltre sociale il quale si generano gravi danniambientale per l’ambiente naturale turistica Capacità di carico sociale massimo livello di turismo oltre il quale la struttura sociale subisce gravi danni Capacità di carico turistica massimo livello di turismo oltre il quale la soddisfazione dei turisti è minata dal sovraffollamento

×