Gli integratori

633 views

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
633
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
258
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • {}
  • Gli integratori

    1. 1. Gli integratori naturali e sintetici
    2. 2. I micronutrienti:   Sali minerali Vitamine
    3. 3. Sali minerali    Non forniscono apporto calorico Sono essenziali per l’adeguata trasmissione degli impulsi nervosi , la regolazione dei liquidi corporei , la formazione di ossa e denti Tranne che per target specifici sono contenuti in modo adeguato in una alimentazione corretta e non necessitano di integrazione sintetica
    4. 4. Sali minerali Sali minerali Funzione fabbisogno Dove si trova Calcio È parte dei processi costitutivi di denti e ossa, aiuta la coagulazione sanguigna e la funzionalità cardiaca 1200 mg al giorno per chi è ancora in crescita, 1000 mg per gli adulti cloro Facilita i processi digestivi formando, insieme al sodio, l’acido cloridrixo 750 mg al giorno Latte, carne, frutti di mare, uova ferro Combatte anemia e disturbi visivi 18 mg al giorno nelle femmine, 10 mg al giorno nei maschi Carni, legumi Fluoro Contribuisce alla crescita dei denti Circa 3-4 mg al giorno Verdure, frutti di mare, riso fosforo Partecipa alla ricostruzione delle proteine, interviene nel mantenere in salute ossa e denti Circa 1000.1200mg al giorno Pesce, uova, cereali integrali, carni Magnesio Contribuisce alle difese immunitarie, alla crescita delle ossa, alla termoregolazione Circa 300-350 mg al giorno Verdure a foglia, legumi, cereali , latte Potassio Partecipa al mantenimento dell’equilibrio idrico e alla sintesi delle proteine, combatte la sensazione di stanchezza Circa 2 gr. al giorno Carne, cereali, frutta, e verdura Sodio Mantiene l’equilibrio idrico, interviene nel lavoro muscolare e nel buon funzionamento del Sistema <nervoso Circa 4-5 gr al giorno sale da cucina, prodotti conservati , dado da brodo, ketchup, salsa di senape e soia Latte, formaggi, yogurt, agrumi, verdure verdi, pesce
    5. 5. Vitamine:   Sono bioregolatori essenziali di tutti i fondamentali processi dell’organismo Un sufficiente apporto vitaminico può essere garantito dall’assunzione di frutta e ortaggi freschi
    6. 6. Capita spesso che gli atleti tendano ad utilizzare sostanze e farmaci in eccesso e senza un reale bisogno. Tale pratica o abitudine si basa sulla convinzione sbagliata che utilizzare un farmaco indicato per una particolare patologia prima che essa si manifesti rivesta un ruolo preventivo. In questo modo, invece, l’organismo è esposto alla comparsa di effetti collaterali senza alcun beneficio col risultato di una probabile grave compromissione della salute.
    7. 7. Un esempio che vale per tutti: gli antinfiammatori, diffusissimi nella pratica comune di automedicazione, dovrebbero essere usati nello sportivo solo in caso di reale necessità in quanto l’abuso o l’uso improprio può provocare lesioni all’apparato digerente, ai reni, al fegato, deficit di coagulazione ed alterazioni circolatorie.
    8. 8. Un altro aspetto censurabile è l’uso improprio (off-label) dei farmaci. Cosa significa ? Significa utilizzare un farmaco nato per curare una determinata patologia con la presunzione che possa risultare utile nel miglioramento della prestazione in soggetti sani. (es.: farmaci epatoprotettori, antidepressivi, Sali minerali e vitamine, ferro, etc.) antidepressivo cardioprotettore
    9. 9. E i famosi INTEGRATORI ? Sono realmente utili ? Fanno bene o fanno male alla salute ? E’ senza dubbio un tema di grande attualità
    10. 10. Innanzitutto il concetto di “INTEGRAZIONE” presuppone una dieta carente o inadeguata, tanto da richiedere una supplementazione a base di sostanze che compensino il deficit nutrizionale. “Mai come in questi ultimi decenni, nei Paesi industrializzati, vi è stata abbondanza di cibo; un cibo iperproteico ed ipercalorico che spesso è alla base dell’obesità che si sta diffondendo in modo pauroso e preoccupante. Perchè allora la necessità di integratori alimentari ?”. S. Garattini, Negri News, 2003 Chi assume integratori dunque ritiene scontato, in assenza di riscontro medico che attesti delle carenze, che la propria alimentazione non sia sufficiente alle richieste dell’organismo.
    11. 11. Fare attività fisica = salute
    12. 12. Prevalenza dell’obesità e del sovrappeso nei bambini e bambine di 10 aa. Malta Malta Italy Italy USA USA Chile Chile Australia Australia Germany Germany Venezuela Venezuela Japan Japan Singapore Singapore France France UK UK Hungary Hungary Slovakia Slovakia Sweden Sweden Hong Kong Hong Kong Brazil Brazil Netherlands Netherlands 40 40 Overweight girls Overweight girls Obese girls Obese girls Overweight boys Overweight boys Obese boys Obese boys 30 30 20 20 10 10 0 0 % % 10 10 20 20 30 30 40 40
    13. 13. Da quanto detto si deduce che la pratica dell’uso di integratori è soprattutto una moda e che un’alimentazione incentrata sul consumo di carboidrati, frutta e verdura contiene una quantità più che soddisfacente di nutrienti.
    14. 14. Quando si parla di integratori a cosa ci si riferisce? Fondamentalmente alle seguenti categorie: ERGOGENICI (integratori che “dovrebbero” produrre energia) tra cui gli integratori proteici (a base di proteine del latte, dell’uovo, etc.); creatina. PER IL RECUPERO Aminoacidi ramificati, carnitina, Sali minerali.
    15. 15.    Dopo uno sforzo fisico arriva la stanchezza Il nostro organismo ha bisogno anche di AAR La verità MA PERCHE’ COMPRARLI IN FARMACIA? •2,4 grammi di AAR presenti in una bustina di “prodotto” si trovano anche in: •30 gr di parmigiano (0.3€) •50 gr di carne o di pesce (0.5€) •1 uovo (0.1€) •170 gr di pane (0.3€) •120 gr piselli (0.2€) Circa 1 euro a dose
    16. 16. SLA (o malattia di Lou Gehrig) GRAVISSIMA MALATTIA DEL SISTEMA NERVOSO PERIFERICO CHE PRENDE IL NOME DAL GIOCATORE DI BASEBALL AMERICANO PER PRIMO COLPITO NEGLI ANNI ’60. Nell’arco di 2 anni provoca la perdita della trasmissione dell’impulso motorio con conseguente atrofia dei muscoli e paralisi generalizzata fino al blocco respiratorio e quindi al decesso. Questa malattia che nella popolazione generale ha una incidenza molto bassa, nella categoria dei calciatori assume una rilevanza epidemiologica notevole (30 volte più frequente).

    ×