Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Coopup 2016 - evento conclusivo

384 views

Published on

Gaspare Caliri [Kilowatt] racconta il percorso CoopUP Bologna, primo esperimento di incubazione di community d’imprese: un'incubazione di ecosistema (tribù), pensata non per accelerare la singola idea, ma per avviare il nucleo di un ecosistema produttivo, creativo, sociale.

CoopUPBo è il percorso di incubazione per idee, cooperative e persone promosso da Confcooperative Bologna in collaborazione con Kilowatt, Irecoop e Emil Banca.

Published in: Business
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Coopup 2016 - evento conclusivo

  1. 1. 2016
  2. 2. Cos’è CoopUP Bologna CoopUP Bologna è il primo esperimento di incubazione di community d’imprese: noi la chiamiamo incubazione di ecosistema (la nostra tribù), pensata non per accelerare la singola idea, ma per avviare il nucleo di un ecosistema produttivo, creativo, sociale. CoopUP Bologna è un percorso di formazione, networking e incubazione per idee, persone e cooperative promosso da Confcooperative Bologna, con il supporto di Irecoop Emilia-Romagna, Kilowatt e Emil Banca Credito Cooperativo.
  3. 3. Qualche numero di quest’anno 41 idee di impresa hanno risposto alla call 23 hanno portato a termine il percorso 13 sono soggetti già esistenti che si sono messi in gioco Gruppo Facebook aperto: 344 membri iscritti [+160 dall’edizione 2015-16] Gruppo Facebook chiuso, riservato ai soli partecipanti: 72 membri Gli ambiti: turismo, cultura, educazione, piattaforme e servizi, nuovo artigianato
  4. 4. Rispetto alla prima edizione... Le application sono aumentate del 400% Ancora di più del primo anno abbiamo insistito molto sulla prototipazione e sulla validazione dell’idea imprenditoriale. Quest’anno la community è stata ancora più protagonista: è stato il primo compimento di un approccio che unisce incubazione e community organizing. Un elemento tra tutti: sono emerse alcune figure che ci hanno aiutato ad alimentare e guidare la community.
  5. 5. Un nuovo modello di incubazione L’esperienza di CoopUp si colloca, a nostro parere, in uno spazio ancora non molto presidiato da altre forme di incubazione, ma molto più coerente con il modello cooperativo: lo spazio della collaborazione di ecosistema, della community. Abbiamo quindi lavorato per creare dinamiche collaborative, riconducibili a un modello che abbiamo definito “tribale”. L’obiettivo dell’edizione 2016 è stato di ampliare il network e la community costruiti già nella prima edizione, offrendo alle startup non solo il valore della nostra conoscenze e degli strumenti di business, ma una community di utenti, di tester, di relazioni dove attivare nuove opportunità di scambio e confronto, in ottica di crescita comune.
  6. 6. “Un modello collaborativo, non competitivo”
  7. 7. “Un’alternativa alla retorica della sharing economy”
  8. 8. “Un approccio che non spaventa”
  9. 9. “Strumenti per capire non come scalare ma creare lavoro”
  10. 10. Un primo rilancio al mondo cooperativo La nostra community è cresciuta, si è alimentata di nuove startup, nuove idee, nuove energie. Lavorare in ottica di ecosistema significa creare delle relazioni di sostegno, mutualità e innovazione tra le startup ma anche con gli altri anelli della catena di produzione del valore. Vorremmo che a questa community partecipasse tutto il mondo e il movimento cooperativo, ancitutto con le sue aziende. Vorremmo che CoopUP fosse percepito come un percorso di incubazione, di collaborazione ma anche di innovazione (aperta) per tutti.
  11. 11. Un secondo rilancio a medio termine Se la prima cosa che ci piacerebbe si sottolineasse di questo percorso non è solo il numero di coop aperte, ma la quantità e la qualità delle collaborazioni attivate, questo non si può leggere a breve termine, ma almeno in ottica biennale o triennale. Un primo strumento che abbiamo messo in atto è il board di CoopUP Bologna: un gruppo di persone che vengono dai percorsi precedenti, dal mondo associativo, dalla rete di imprese: un luogo relazionale dove mantenere attivo un allineamento continuo sugli obiettivi del progetto.
  12. 12. Grazie! Gaspare Caliri gaspare@kilowatt.bo.it Nicoletta Tranquillo nicoletta@kilowatt.bo.it

×