Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Upcoming SlideShare
Etica
Next
Download to read offline and view in fullscreen.

0

Share

Download to read offline

Gestione etica d'impresa

Download to read offline

Regolamentazione , sostenibilità e analisi di mercato del settore energetico .
--> Enel, Hera , Gdf Suez

Related Books

Free with a 30 day trial from Scribd

See all

Related Audiobooks

Free with a 30 day trial from Scribd

See all
  • Be the first to like this

Gestione etica d'impresa

  1. 1. GRUPPO  3   Coderoni  Filippo   Farina  Alessandra   Fileni  Jessica   Pizzuti  Elisa   Simeone  Greta   PROGETTO  DI  GESTIONE  ETICA  D’IMPRESA  a.a.2014/2015  
  2. 2. Il settore dell'energia è strategico per qualsiasi paese ed è un elemento essenziale dell'economia produttiva dato che conferisce dinamismo a molteplici settori proprio per la sua richiesta di forti investimenti. Attualmente sta attraversando cambiamenti importanti, sia per ragioni derivanti dall'ambito di regolamentazione, sia per la situazione di liberalizzazione e concorrenza crescente.
  3. 3. L’Unione   europea   dispone   dei   poteri   e   degli   strumenti   necessari   per   attuare  una  politica  energetica  che  punta  a:     ü  garantire  l’approvvigionamento  energetico;   ü  assicurarsi  che  i  prezzi  energetici  non  frenino  la  propria  competitività;   ü  proteggere   l’ambiente   e   in   particolare   lottare   contro   i   cambiamenti   climatici;   ü  favorire  i  consumatori;   ü  migliorare  le  reti  energetiche.   UNA  STRATEGIA  EUROPEA  PER   L’ENERGIA   I   paesi   dell’UE   sono   liberi   di   sviluppare   le   fonti   energetiche   di   loro   scelta.  Devono  tuttavia  tener  conto  degli  obiettivi  europei  riguardanti   le  fonti  rinnovabili.  
  4. 4. COMPETITIVITÀ:   ridurre   significativamente   il   gap   di   costo   dell’energia   per   i   consumatori   e   le   imprese,   con   un   graduale   allineamento  ai  prezzi  europei   S I C U R E Z Z A :   r a ff o r z a r e   l a   n o s t r a   s i c u r e z z a   d i   approvvigionamento,   soprattutto   nel   settore   gas,   e   ridurre   la   dipendenza  dall’estero   CRESCITA:  favorire  la  crescita  economica  sostenibile  attraverso   lo  sviluppo  del  settore  energetico   AMBIENTE:  assumere  un  ruolo  guida  nella  “Roadmap  2050”  di   decarbonizzazione  europea  e    superare  gli  obiettivi  ambientali   definiti  dal  “Pacchetto  20-­‐20-­‐20”     GLI  OBIETTIVI  PRINCIPALI  DI   POLITICA  ENERGETICA  NAZIONALE   per  il  2020  
  5. 5. UN’ANALISI  STORICA   • Le  attività  di  produzione,   t r a s m i s s i o n e ,   distribuzione   e   vendita   erano  libere   • F r a m m e n t a z i o n e   mercato     Prima  del  1962   • È  istituito  l’ENEL   •   Nazionalizzazione  di    circa   1250   aziende   operanti   nel   settore   elettrico   e   passate   in  gestione  all’ENEL   • Tariffa  unica     Legge  6  Dicembre   1962,  n.1643   • G l o b a l i z z a z i o n e   dell’economia   • Riduzione   dell’autonomia   degli   Stati   nelle   politiche   comunitarie   • Aspetti   ambientali   e   sviluppo  sostenibile   Verso  gli  anni  ‘90   • Sancisce  la  fine  del   monopolio  di  ENEL                   (cd.  Privatizzazione   “fredda”)   Decreto  Amato   Legge  358/92  
  6. 6. v  Il  Decreto  n.  79  del  16  marzo  1999  (cd.  Decreto  Bersani)    Il  Decreto  ha  definito  la  struttura  del  libero  mercato.    Per  contrastare  la  presenza  dominante  di  ENEL,  il  settore   elettrico  deve  essere  disaggregato  orizzontalmente  e  verticalmente:       LA  LIBERALIZZAZIONE  (1/3)    
  7. 7. *  La  liberalizzazione  del  mercato  dell'energia  elettrica  per  i  clienti  domestici  ha   comportato  l'introduzione  di  nuove  forme  di  tutela  del  consumatore:   •  Informazione  e  trasparenza   •  Prezzi   •  Bollette      OBIETTIVO:  mettere  il  cliente  in  condizioni  di  poter  scegliere  in  modo   conveniente  e  consapevole  tra  le  diverse  offerte  in  concorrenza  tra  loro.                 LA  LIBERALIZZAZIONE  (2/3)   Codice  di   Condotta   Commerciale   Regole   comportamentali   di  correttezza  e   trasparenza  che  i   venditori  devono   applicare   Strumenti    
  8. 8. LA  LIBERALIZZAZIONE  (3/3)   Svantaggi   Ø Difficoltà  a  reggere  la   concorrenza  per  le  PMI   Ø Dispersione  eccessiva  della   liquidità   Ø Interdipendenza  tra  i  prezzi     Vantaggi   Ø Riduzione  impatto   ambientale   Ø Maggiori  flussi  di  liquidità   Ø Maggiore  concorrenza   Ø Minori  vincoli  burocratici      
  9. 9.             ...in tale contesto il tema della Corporate Social Responsibility sta acquistando sempre più rilievo…
  10. 10.     La   Corporate   Social   Responsibility   è   entrata   formalmente   nell'agenda   dell'Unione   Europea   a   partire   dal   Consiglio   Europeo  di  Lisbona  del  marzo  2000,  dove  è  stata  considerata   come  uno  degli  strumenti  strategici  per  realizzare  una  società   più   competitiva   e   socialmente   coesa   e   per   modernizzare   e   rafforzare  il  modello  sociale  europeo.     CORPORATE  SOCIAL   RESPONSIBILITY   Nel  Libro  Verde  della  Commissione  Europea,  del  2001,  la  CSR  è  definita  come:   "L'integrazione  volontaria  delle  preoccupazioni  sociali  e  ambientali  delle  imprese   nelle  loro  operazioni  commerciali  e  nei  rapporti  con  le  parti  interessate".  
  11. 11. RESPONSABILITA’  FILANTROPICA   (rendere  l’impresa  un  buon   cittadino)   RESPONSABILITA’  ETICA             (obbligo  a  fare  ciò  che  è  giusto  ed   equo)             RESPONSABILITA’  LEGALE     (rispetto  delle  leggi)   RESPONSABILITA’  ECONOMICA   (generare  profitto)   PIRAMIDE  DI  CARROLL   CLASSIFICAZIONE  DELLE  RELAZIONI  TRA  IMPRESA  E  SOCIETÀ  
  12. 12. “TRIPLE  BOTTOM  LINE”   Con  il  termine  “Triple  bottom  line”  (TBL)  ,  coniato   da   John   Elkington,   si   indica   una   metodologia   di   approccio   integrato   che   rendiconta   le   prestazioni   aziendali  sotto  tre  profili.       Le   imprese   sviluppano   investimenti   sostenibili   e   decisioni   societarie   partendo   dalla   base   (bottom)   perseguendo  simultaneamente  i  tre  obiettivi   (triple  line),  che  sono:     ü   prosperità  economica     ü   qualità  ambientale     ü   equità  sociale  
  13. 13. Impatto  della  CSR  sul  mercato…   Facendo  seguito  all’approccio  TRIPLE  BOTTOM,  risulta  che  un’organizzazione  non  viene   valutata   solamente   dai   propri   risultati   economici,   ma   anche   dal   contributo   fornito   alla   qualità   dell'ambiente   in   cui   opera   e   al   sistema   sociale   con   cui   interagisce.   Quindi,   la   responsabilità  sociale  si  traduce  in  una  forma  di  governance  allargata,  secondo  la  quale  chi   prende  decisioni  strategiche  ha  dei  doveri  sia  verso  gli  azionisti  sia  nei  confronti  di  tutti  gli   stakeholder  dell’ambiente  in  cui  viene  ad  operare  l’azienda.         La  responsabilità  sociale  di  un’organizzazione  non  deve  essere  quindi  pensata  come  un   costo,   ma   come   un   elemento   di   governance   in   grado   di   condizionare   positivamente   la   performance   aziendale,   aumentandone   la   competitività,   migliorando   le   prospettive   di   sviluppo  e  riducendo  il  “rischio”  di  impresa.  In  poche  parole  una  governance  responsabile   e  sostenibile  deve  portare  al  consenso  e  alla  fiducia  delle  diverse  categorie  di  stakeholder   e  nel  contempo  deve  accrescere  la  reputazione  dell’organizzazione.     In  questo  approccio  strategico,  l’organizzazione  è  tenuta  a  coinvolgere  i  propri  pubblici  di   riferimento  –  gli  stakeholder  –  e  a  mettersi  in  relazione  con  tutti  coloro  che  possono  avere   a  che  vedere  con  l’organizzazione  stessa.  
  14. 14. In  questi  termini,  il  legame  tra  responsabilità  sociale  e  comunicazione  è  indissolubile.  La   comunicazione  assume  infatti  un  ruolo  significativo:  da  un  lato  risulta  essere  l’espressione   visibile   dei   comportamenti   eticamente   responsabili,   e   dall’altro   è   indispensabile   per   coinvolgere  in  maniera  attiva  i  diversi  portatori  di  interesse  aziendali.         La   comunicazione   dovrà   essere   di   tipo  interattivo.   Il   dialogo   con   gli   stakeholder   risulta   imprescindibile  per  il  rafforzamento  della  reputazione  dell’impresa,  e  proprio  i  portatori  di   interesse   baseranno   il   loro   giudizio   sulla   corrispondenza   tra   principi,   politiche,   eventi   annunciati   e   comportamenti   adottati.   La   comunicazione   socio   ambientale   dovrà   quindi   basarsi  su  contenuti  che  vadano  al  di  là  di  semplici  azioni  messe  in  atto  per  trarre  benefici   economici,   ma   dovrà   illustrare   i   reali   impegni   che   l’azienda   ha   realizzato   (o   intende   realizzare)   per   raggiungere   effettivi   obiettivi   di   trasparenza   economica,   gestione   consapevole  delle  risorse  naturali  e  delle  politiche  sociali  in  grado  di  integrare  la  realtà   aziendale  con  i  propri  dipendenti  e  con  coloro  che  svolgono  un  ruolo  diretto  o  indiretto   nella  vita  dell’azienda.   …  e  ruolo  della  comunicazione  
  15. 15. Oggi  in  Italia  un  cliente  elettrico  su  quattro  è  sul  mercato  libero.       Il   mercato   retail   dell’energia   elettrica   italiano   presenta   un   elevato   indice   di   liberalizzazione  che  ci  pone  al  primo  posto  tra  i  mercati  di  più  recente  apertura. L’assetto   del   mercato   della   vendita   al   dettaglio   di   Energia   elettrica   risente   della   concentrazione  del  settore  dell’attività  di  distribuzione,  in  cui  la  società  Enel  S.p.A.  è   storicamente   l’operatore   di   maggiori   dimensioni.   La   richiamata   scelta   legislativa   relativa   al   servizio   di   maggior   tutela   ha   di   fatto   comportato   l’instaurarsi   di   una   maggiore  quota  di  mercato  in  capo  alla  società  di  vendita  del  gruppo  Enel  dedicata   esclusivamente  all’erogazione  del  servizio  di  maggior  tutela,  Enel  S.p.A.,  che  è  infatti   l’operatore  di  maggiori  dimensioni,  con  una  quota  di  mercato  complessiva,  in  termini   di  punti  di  prelievo,  pari  al  68,7%  e,  in  termini  di  volumi,  pari  al  47,4%. L’attuale  assetto  di  mercato  è  fortemente  influenzato  dalla  configurazione  storica   del   settore   del   Gas   naturale   che,   diversamente   dall’energia   elettrica,   non   è   stato   caratterizzato   dalla   presenza   di   una   impresa   distributrice   di   dimensioni   molto   elevate,   quanto   piuttosto   da   numerose   imprese   distributrici   di   dimensioni   ridotte   operanti  a  livello  locale.  Ciò  ha  comportato  che  l’assetto  della  distribuzione  venisse   trasposto   al   segmento   della   vendita,   favorendo   il   crearsi   di   numerose   società   di   dimensioni  ridotte,  di  cui  quasi  nessuna  con  una  dimensione  nazionale  rilevante,  ma   tutte  con  un  vantaggio  a  livello  locale  in  ragione  della  presenza  storica  sul  territorio   del  distributore  loro  integrato.   ANALISI  DI  MERCATO  
  16. 16. 8,6 3,19 3,2 GasElettricità Miliardi di m3 295,5 9,43 2,3 TWh (TeraWatt ora) ANALISI  DI  MERCATO  /2  
  17. 17.     AZIENDE  A  CONFRONTO       Nelle  seguenti  due  slide  metteremo  a  confronto  tre  importanti  società  del  settore   energetico,  partecipanti  al  tavolo    “Energia”    dell’evento  “Cose  da  non  credere”.     Le  tre  aziende  selezionate  sono:       ü  Programma  Valorizzazione  del   Capitale  Umano  2009     ü  Premio  Etica  e  Impresa  2010   ü  Premio  European  CSR  Award  2009   ü  Premio  European  Solar  Price  2014       ü  Premio  “CEEP  CSR  LABEL”  2010   ü  Premio  CSR  Online  2012  e  2011   ü  Premio  Areté  2012     ü  Premio  CSR  2014  
  18. 18. VALORI             Ø  Vision  –  Mission           Ø  Rispetto,   attenzione   alle   persone,   rigore   etico,   orientamento   ai   risultati   responsabilità   sociale.     Ø  Generare   e   distribuire   valore   nel   mercato   i n t e r n a z i o n a l e   dell'energia;   Ø  Operare  al  servizio  delle   comunità,   nel   rispetto   dell'ambiente   e   della   sicurezza  delle  persone.         Ø  Integrità,   trasparenza,   r e s p o n s a b i l i t à   personale  e  coerenza.       Ø  Essere   la   migliore   multiutility   italiana   per   i   s u o i   c l i e n t i ,   i   l a v o r a t o r i   e   g l i   azionisti,     attraverso   l'ulteriore   sviluppo   di   un  originale  modello  di   impresa   capace   di     innovazione   e   di   forte   r a d i c a m e n t o   t e r r i t o r i a l e ,   n e l   rispetto  dell'ambiente.     Ø  Esigenza,   coesione,   impegno,  audacia.     Ø  Crescere   in   modo   r e s p o n s a b i l e   p e r   affrontare   le   grandi   sfide   energetiche   e   ambientali:   rispondere   a i   f a b b i s o g n i   energetici,  garantire  la   s i c u r e z z a   d e g l i   approvvigionamenti,   l o t t a r e   c o n t r o   i   cambiamenti   climatici   e   ottimizzare   l’utilizzo   delle  risorse.   VALORI,  CSR,  COMUNICAZIONE,  LEADERSHIP      
  19. 19. ENEL   HERA   GDF  SUEZ   STRATEGIA  DI  CSR     Ø  Codice  condo)a   Ø  Ambiente   Ø  GRI,   Global   Compact   ,   ISO  14001,  SA  8000     Ø  Enel   Green   Power,   strategie  di  riduzione  dei   consumi   energeCci,   Piano   di   Gruppo   per   la   Biodiversità   Ø  S A   8 0 0 0 ,   G l o b a l   Compact,  ISO  14001     Ø  Sistema  di  GesCone  dei   RifiuC  (SGR)     Ø  SA  8000,  ISO  14001       Ø  Regolamento  EMAS   BRAND  E   COMUNICAZIONE       Ø  Dialogo     Ø  S o c i a l   m e d i a ,   a p p l i c a z i o n i   p e r   Smartphone   e   Tablet,   webpage,  riviste.   Ø  S o c i a l   m e d i a ,   a p p l i c a z i o n i   p e r   Smartphone   e   Tablet,   webpage.   Ø  S o c i a l   m e d i a ,   a p p l i c a z i o n i   p e r   Smartphone   e   Tablet,   webpage.   STRATEGIE  DI   LEADERSHIP     Ø  Persone     Ø  Guidare  il  cambiamento   Ø  Avere   padronanza   dei   contenuC   Ø  Assumersi  responsabilità   Ø  O)enere  risultaC   Ø  G e s C o n e   d e l l a                   complessità   Ø  O r i e n t a m e n t o   all’eccellenza   Ø  Focus  sul  servizio     Ø  Leadership  esemplare     Ø  V a l o r i z z a r e   l e     competenze   Ø  Maggiore   condivisione   e   comunicazione   di   obieSvi,   percorsi   e   strategie   Ø  Promozione   della   “job   rotaCon”  
  20. 20. RIFLESSIONI  E  CONCLUSIONI  /  1   L’idea   di   un   settore   energetico   vicino   al   consumatore   sta   progressivamente   prendendo   forma,   considerando   anche   il   fatto   che   la   regolamentazione   e   gli   standard   prodotti   negli   anni   sono   di   forte   impatto   nella   governance   delle   aziende.   Lo   sviluppo   e   l’innovazione   delle   imprese   deve   considerare   la   responsabilità  sociale  come  un  intrinseca  modalità  per  giungere  alla  soddisfazione  di  tutti  gli  stakeholder.       Le   imprese   che   adottano   comportamenti   socialmente   responsabili   nei   confronti   di   tutti   i   portatori   di   interesse   creano   valore   e   gettano   le   basi   per   un   successo   aziendale   duraturo   e   sostenibile.   La   responsabilità   sociale   di   impresa   assicura   alle   organizzazione   il   bilanciamento   degli   aspetti   economici,   ambientali  e  sociali  derivanti  dalle  proprie  scelte.     La   sfida   della   sostenibilità   quindi   ha   raggiunto   un   carattere   strategico,   tanto   da   coinvolgere   in   modo   sempre  più  diretto  tutte  le  imprese  e  le  organizzazioni,  divenendo  quindi  un  fattore  critico  di  successo,  e   di  particolare  importanza  nella  definizione  di  Corporate  Strategy.       La  validità  di  questa  strategia  è  dimostrata  dal  fatto  che  le  imprese  presenti  sul  mercato  da  molti  anni   godono   della   reputazione   di   grande   attenzione   all’etica   negli   affari,   alla   responsabilità   sociale   e   alla   sostenibilità.     Riguardo   all’analisi   svolta   in   questo   lavoro,   si   è   ritenuto   opportuno   congiungerla   con   l’esperienza   dell’evento  «Cose  da  non  credere»  svoltosi  lo  scorso  21  Maggio  a  Roma,  presso  Villa  Miani,  organizzato   dall’Unione  Nazionale  Consumatori.    
  21. 21. RIFLESSIONI  E  CONCLUSIONI  /  2   L’evento  ha  dato  la  possibilità  agli  studenti  di  vedere  da  vicino  come  le  aziende  presenti  interpretano  i   bisogni  dei  consumatori  in  termini  di  percezione,  attese  e  reclami.  I  tavoli  tematici  (  Energia,  Web,  Food,   Salute&Benessere  )  hanno  visto  la  partecipazione  degli  studenti  nel  ruolo  di  consumatori  e  hanno  ricevuto   alcune  domande  dagli  stessi.  Alla  fine  dell’evento  c’è  stata  una  relazione  da  parte  del  moderatore  di  ogni   tavolo  sui  principali  temi  affrontati.     A  tal  riguardo,  il  tavolo  energia  ha  analizzato  come  le  innovazioni  tecnologiche  e  gestionali  impattano  sul   servizio   erogato   e   sulla   conseguente   soddisfazione   del   consumatore   in   termini   generali.   Le   aziende   si   sono  confrontate  e  ne  è  scaturito  che  le  tre  principali  relazioni  su  cui  focalizzarsi  nel  prossimo  futuro,  al   fine  di  migliorare  il  rapporto  tra  aziende  e  consumatori,  sono:   Ø  Rapporto  tra  innovazione  e  servizio  erogato  (  in  termini  di  capacità  di  essere  performante  )   Ø  Rapporto  tra  innovazione  e  consumatori  (  intesa  come  capacità  di  soddisfare  i  bisogni  sociali  )   Ø  Rapporto   tra   aziende   innovatrici   e   associazioni   di   settore   (   scambio   di   informazioni,   feedback   e   complementarietà  nel  lavoro  )     Infine,   possiamo   dire   che   l’energia,   paragonata   ad   altri,   è   un   settore   che   si   sta   avvicinando   molto   alle   esigenze  del  consumatore  in  termini  di  servizi  offerti,  trasparenza  e  affidabilità  del  servizio.  Le  aziende,   nonostante  la  rivoluzione  della  liberalizzazione,  attualmente  possono  dirsi  relativamente  soddisfatte  ma   esistono  ancora  piccole  zone  d’ombra  da  migliorare  per  rendere  il  servizio  completamente  idoneo  per  la   soddisfazione  dei  consumatori.  

Regolamentazione , sostenibilità e analisi di mercato del settore energetico . --> Enel, Hera , Gdf Suez

Views

Total views

732

On Slideshare

0

From embeds

0

Number of embeds

23

Actions

Downloads

6

Shares

0

Comments

0

Likes

0

×