Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Smart Spending: oltre i tagli. Highlights Presentazione Libreria Guida Salerno 23 gennaio 2015

666 views

Published on

The highlights of the presentation of the book that tries to draw a new approach to managing the process of spending review in Italy
Salerno 23 gennaio 2015

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Smart Spending: oltre i tagli. Highlights Presentazione Libreria Guida Salerno 23 gennaio 2015

  1. 1. Ivo Allegro e Roberto Formato Salerno 23/01/2015 – Libreria GUIDA Highlights
  2. 2. Il perché di questo libro: da dove siamo partiti 2
  3. 3. 1 constatazione, 1 domanda e 1 considerazione • Constatazione: – Il settore pubblico italiano è attualmente un freno allo sviluppo perché drena risorse ingenti e incide in negativo sulle performance dei processi economici pregiudicando la competitività e l’attrattività nazionale • Domanda – Non possiamo più permetterci lo stato sociale o non possiamo più permetterci questo stato sociale? • Considerazione – La spending review non è un sinonimo forbito dietro cui si cela un deciso arretramento del nostro welfare (state ) ma è un processo di medio-lungo termine che rappresenta una formidabile occasione per ripensare il nostro settore pubblico 3
  4. 4. La situazione italiana 4
  5. 5. I principali problemi del settore pubblico in Italia 1. Il primato della norma e della cultura giuridica 1. Malgrado l’indubbia ipertrofia normativa sopravvive ancora una cultura che vede nell’emanazione delle norme la cura dei nostri mali. 2. Questa sorta di approccio terapeutico di tipo “omeopatico” non è affatto scevro da inefficienze: 1. L’assenza di preliminari valutazioni di impatto economico, sociale e organizzativo e la mancanza di attenzione verso i meccanismi organizzativi di adeguamento dei sistemi interessati dalle norme, genera elusioni della norma stessa, adeguamenti formali o evasioni diffuse. 2. Ciò determina che, anche a fronte di un sistema regolatorio con standard di riferimento che sulla carta sono estremamente alti, così come i profili sanzionatori, se ne riscontri una diffusa disapplicazione determinando: 1. l’aumento del potere discrezionale del settore pubblico, ovvero della “deriva” di poterne contrattare l’applicazione; 2. la generazione di situazioni di evasione/elusione pervasiva e indifferenza per il rispetto delle norme. 5
  6. 6. I principali problemi del settore pubblico in Italia 6 Regole non rispettate/ sbagliate Regole non rispettate/ sbagliate Condoni > Irrigidimento delle norme Condoni > Irrigidimento delle norme Evasione/ Elusione diviene al norma Evasione/ Elusione diviene al norma La società è indifferente alle regole La società è indifferente alle regole Un paese di furbi non è furbo Un paese di furbi non è furbo L’eccesso normativo crea l’arbitrio ⇒ "Le leggi sono moltissime quando lo stato è corrottissimo« (Tacito) Adattato dagli autori da Abravanel A. e D’Agnese L. (2012) Italia, cresci o esci. Garzanti
  7. 7. I principali problemi del settore pubblico in Italia 2. Ufficio complicazioni affari semplici – La burocrazia frenante è legata all’ipertrofia bulimica del settore pubblico – Funzioni inutili trovano legittimazione processando procedure inutili – Al settore pubblico è stato assegnato un acritico “primato” in quanto espressione “alta e pura” dell’interesse collettivo che ha limitato l’attenzione al tema della valutazione e misurazione delle sue performance. – nel perseguire la sua funzione sociale troppo spesso invece di coltivare una tecnocrazia ad elevata qualificazione ha attratto schiere di “win for life”, anche nel settore dirigenziale, i quali ne condizionano fortemente le prestazioni 2. L’irrilevanza del fattore tempo – per il settore pubblico i tempi hanno carattere ordinatorio. – tale circostanza, congiunta a quella che la responsabilità per gli atti amministrativi è connessa allo loro emanazione e non alla loro omissione, genera un sistema che incentiva chiaramente l’inazione … – … lo spiazzamento degli investimenti è una conseguenza ovvia 7
  8. 8. I principali problemi del settore pubblico in Italia 4. Monopolio delle informazioni – Gli apparati pubblici hanno un rilevante potere per: • la presenza di norme complesse e fortemente autoreferenziali, accoppiate alla proliferazione di relazioni spesso patologiche con le rappresentanze sindacali ed il potere politico • i tecnicismi, spesso finalizzati a se stessi o, sovente, alla difesa delle informazioni, che vengono rese facilmente inintelligibili ai “non iniziati” attraverso l’utilizzo di tecnicismi in fase di rappresentazione (ad esempio contabile) – Senza informazioni trasparenti l’interesse pubblico diviene un bene assolutamente sacrificabile • Si può realizzare così, una rilevante inversione “mezzi – fini” che rende possibile l’opportunismo e l’assunzione di decisioni pubbliche autoreferenziali e controproducenti – Il mantenimento di metodologie decisionali e di fissazioni degli obiettivi antiquate, fondate sul buon senso della politica è un corollario non marginale nello sviluppo di performance sub-ottimali 8
  9. 9. Alcuni dati 9
  10. 10. 10 Indicatori: • Accountability • Stabilità politica • Efficacia del governo • Qualità della regolazione • Qualità della giustizia • Livello di corruzione
  11. 11. 11 European Quality of Government Index • Il tema della capacity building del settore pubblico deve essere assolutamente centrale nell’agenda politica delle regioni italiane dell’obiettivo convergenza • Senza la decisa crescita delle peroformance della PA lo sviluppo del Sud, e quindi del paese, rimane oltremodo complesso
  12. 12. Il modello logico 12
  13. 13. Il piano dell’opera 13
  14. 14. Il piano dell’opera 14
  15. 15. Il piano dell’opera 15
  16. 16. Una strada obbligata… ma non scontata 16 Tagliare gli investimenti… Ridurre i servizi…. Aumentare la tassazione… oppure Aumentare efficienza (ed efficacia)? La risposta è solo apparentemente scontata Nella pratica tutti i tentativi di cambiamento si scontrano con la c.d. “PATH DEPENDANCY” (resistenza al cambiamento)
  17. 17. Grazie per la vostra attenzione 17 www.smartspending.it Ivo Allegro - ivoallegro@smartspending.it Roberto Formato - robertoformato@smartspending.it Viale Giulio Cesare, 2 00192 - Roma, tel: 06.97626721 via G. Porzio - CDN Isola G7 80143 – Napoli tel: 081.5980811 e-mail: info@iniziativa.cc web site: www.iniziativa.cc

×