Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Prospettive per l’economia slovacca, settori e banche nel 2010

1,405 views

Published on

Published in: Business, Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Prospettive per l’economia slovacca, settori e banche nel 2010

  1. 1. 24 febbraio 2010 Elena Kohútiková VÚB , a.s. Prospettive per l ’economia slovacca , settori e banche nel 2010
  2. 2. Programma <ul><li>Situazione macroeconomica </li></ul><ul><li>Tendenze nei settori chiave dell’economia </li></ul><ul><li>Prospettiva per il settore bancario </li></ul>
  3. 3. La ripresa è iniziata … <ul><li>La fiducia nell’economia dell’eurozona si è risanata a livelli precedenti al crollo della Lehman </li></ul><ul><li>In Slovacchia la fiducia nell’economia segue le tendenze dell’eurozona con un ritardo di uno o due mesi </li></ul><ul><li>La crescita del PIL seguirà l’andamento della fiducia con un ritardo di 3-6 mesi, il che sta ad indicare un ritorno a una crescita positiva del 2-3% nel 2010 </li></ul>Slovacchia : PIL vs. fiducia nell’economia L’umore in Slovacchia vs. l ’ U ME Fonte : Eurostat Fonte : Ufficio Statistiche Slovacco, V Ú B 65 70 75 80 85 90 95 100 105 110 1Q98 1Q99 1Q00 1Q01 1Q02 1Q03 1Q04 1Q05 1Q06 1Q07 1Q08 1Q09 1Q10 -25% -20% -15% -10% -5% 0% 5% 10% 15% Indice umore economia (6 mesi in anticipo ) Crescita PIL (% a/a)
  4. 4. … l ’economia sfrutta gli effetti della ripresa globale <ul><li>L’economia slovacca è la più aperta in quest’area geografica . Tra i paesi V4 la recessione globale l’ha investita relativamente di più </li></ul><ul><li>Man mano che l’economia mondiale si rimette in sesto , l’economia slovacca ne trarrà relativamente i maggiori benefici </li></ul>Produzione industriale nei paesi V4 ( ind ice 2005=100, i dati includono le correzioni delle variazioni stagionali ) PIL e apertura * dell’economia Fonte : Eurostat, V Ú B Fonte : Eurostat, V ÚB *export+import / PIL ( nel 2008) -3 pts -6 pts -7 pts -11 pts 80 % 1 5 0% 16 0% 170%
  5. 5. Confronto delle stime <ul><li>Nel 2010 ci si attende in generale un ritorno a una crescita del 2-3% </li></ul><ul><li>Nominalmente, l ’economia produrrebbe un PIL vicino ai volumi del 2008 </li></ul>Stime della crescita reale del PIL (%) 2009 2010f 2009 2010f V ÚB / ISP -4,7 2,4 -4,0 1,0 NBS / BCE -4,7 3,1 -4,0 0,5 Min. fin. / CE -4,7 2,8 -4,0 0,7 Consensus * -4,7 2,1 -4,0 1,2 IMF -4,7 3,7 -4,0 0,3 * Inchiesta della Banca centrale slovacca (NBS) per la Slovacchia; inchiesta di Bloomberg per l ’ Euroz o n a Slov acchia Euroz o na
  6. 6. Il problema chiave è la crescente disoccupazione ... <ul><li>Nel 2009 la disoccupazione è cresciuta del 50% rispetto al 2008 (335.000 vs. 220 . 000 ) </li></ul><ul><li>Il tasso di disoccupazione è cresciuto al livello massimo in 5 anni ( 12.7% vs. 8.4% del l’anno prima ) </li></ul><ul><li>Nel 2009 nel settore privato sono scomparsi 148.000 posti di lavoro. Le perdite più gravi sono state registrate nel settore dell’industria (83 .000 , 16%), commercio all’ingrosso (37.000, 27%), ristorazione (8 .000 , 21%) ed edilizia (6 .000 , 3%). </li></ul>Disoccupazione: reale e attesa Tasso di disoccupazione registrato (%) Fonte : Ufficio Statistico Slovacco, Eurostat, V Ú B
  7. 7. … che fa affondare la richiesta dei consumatori <ul><li>La crescente disoccupazione influisce negativamente sul consumo delle famiglie </li></ul><ul><li>È vero che a livello nominale i salari sono cresciuti del 3,5% rispetto all’anno precedente , ma questo aumento è stato statisticamente dovuto al licenziamento soprattutto di quelle persone che guadagnavano salari inferiori alla media . Nel 2010 le aspettative per un aumento dei salari si aggirano attorno al 4% </li></ul>Fonte : Ufficio Statistico Slovacco, V Ú B Reddito disponibile delle famiglie e consumo (% rispetto al medesimo periodo dell ’anno precedente ) Timore per l’occupazione vs. fiducia del consumatore
  8. 8. Un ulteriore rischio potenziale per l’economia è il peggioramento della posizione fiscale … <ul><li>In base al budget il d eficit delle finanze pubbliche dovrebbe abbassarsi dello 0.8% di punto PIL </li></ul><ul><li>Le attese degli osservatori indipendenti circa l’adempimento di questo piano sono però scettiche; per esempio, anche a causa della riduzione dell’imposta sugli oli mineral i originariamente non prevista , che il governo ha adottato dopo lo sciopero degli autotrasportatori che protestavano per il pedaggio ( questa misura costerà al budget statale circa €100 ml n o 0.1-0.2% del PIL su ricavi da imposte ridotti ) </li></ul>Si ritiene che nominalmente il debito pubblico nel 2010 sarà superiore del 50% rispetto al 2008 Fonte: Ministero delle Finanze slovacco D eficit delle finanze pubbliche (% PIL )
  9. 9. … che può far salire i costi relativi ai prestiti ed eventualmente anche il carico fiscale <ul><li>A tutt’oggi il peggioramento della posizione fiscale non ha avuto un’influenza importante sui tassi di interesse del debito di stato slovacco , poiché tale debito continua ad essere relativamente basso rispetto ai paesi confinanti o ai paesi dell’eurozona </li></ul><ul><li>Queste condizioni e la percezione da parte degli investitori possono però peggiorare col tempo , per esempio in relazione ai problemi fiscali della Grecia o di altri paesi dell’eurozona. </li></ul>Nella zona V4 la Slovacchia ha prestiti con i tassi più bassi (spread – obbligazioni a 10 anni rispetto ai bund tedeschi , punti base ) Debito pubblico nell’ U ME e V3 (% PIL , 2008) Fonte : Bloomberg, V Ú B Fonte : M in. finanze slovacco , V Ú B
  10. 10. Quadro generale degli indicatori economici
  11. 11. Quadro generale delle stime dei tassi di interesse
  12. 12. Programma <ul><li>Situazione macroeconomica </li></ul><ul><li>Tendenze nei settori chiave dell’economia </li></ul><ul><li>Prospettiva per il settore bancario </li></ul>
  13. 13. L ’industria è stato il primo settore ad essere stato colpito dalla recessione globale … <ul><li>La dinamica delle esportazioni ha subito drastici peggioramenti </li></ul><ul><li>I metalli , le automobili e i prodotti di raffineria sono stati i più colpiti </li></ul>Fonte: Ufficio Statistico Slovacco, V Ú B % cambiamento rispetto allo stesso periodo lo scorso anno I-X 2009 2008 Percentuale su esportazione globale ( % ) Macchinari , dispositivi elettrici , audio-video -12 2 35,7 Aut omobili , mezzi di trasporto, navi -32 3 20,8 Metalli basilari -39 4 11,5 Prodotti minerali -33 22 5,2 Plastica, pelle -23 4 4,9 Prodotto chimici -27 -2 2,9 Tessile -16 -6 2,8 Alimentari, bevande, tabacchi -11 -1 1,8 Calzature, abbigliamento -5 17 1,6 Strumenti ottici , dispositivi sanitari -23 -8 0,9 Metalli preziosi, bigiotteria, monete -18 111 0,3
  14. 14. … non appena il ciclo globale torna a girare nel verso giusto, l ’industria è il primo settore anche nella ripresa <ul><li>Dal mese di novembr e la produzione industriale è iniziata a cresce re su base interannuale </li></ul><ul><li>Le ricerche congiunturali suggeriscono un proseguimento della ripresa anche nel 1Q 2010 </li></ul>Fonte: Ufficio Statistico Slovacco, V Ú B
  15. 15. L’industria è riuscita a compensare già per la metà della produzione persa a causa della crisi Ind ic e di produzione industriale (2005=100, i dati includono la correzione delle variazioni stagionali ) Fonte : Eurostat, V Ú B
  16. 16. Al di fuori dell ’industria però la ripresa avviene molto gradualmente e a volte non si verifica … <ul><li>L’industria è un settore che mostra una crescita interannuale positiva </li></ul><ul><li>L’edilizia registra un calo della produzione del 18%, il commercio al minuto del 10% e il commercio all’ingrosso di più del 20% </li></ul><ul><li>A fine anno il settore trasporto è leggermente migliorato; i dati in rosso a due cifre sono passati a una sola cifra; tuttavia all’inizio dell’anno ci si attende un ulteriore peggioramento, specie in conseguenza della legge sul pedaggio </li></ul>Fonte: Ufficio Statistico Slovacco, V Ú B
  17. 17. Edilizia <ul><li>L’anno scorso il settore dell’edilizia si è inizialmente retto a livelli relativamente positivi grazie ai progetti già in corso </li></ul><ul><li>I nuovi ordini sono stati però congelat i , specie nel ramo residenziale; vale a dire che questo settore sarà interessato dalla recessione proprio nel 2010 </li></ul>Ind ice della produzione edilizia (2005=100, i dati includono la correzione delle variazioni stagionali ) Fonte : Eurostat, V Ú B
  18. 18. Commercio <ul><li>All ’inizio del 2009 il commercio al minuto è stato interessato da una diminuzione della domanda dei consumatori e in particolare anche dall’indebolimento delle valute dei paesi confinanti rispetto all’ eur o , con conseguenti stimoli per i cittadini a fare acquisti in Ungheria, Polonia o Repubblica Ceca </li></ul><ul><li>Il commercio all’ingrosso ha subito perdite simil i a quelle dell’industria . Tuttavia, a differenza dell’industria non mostra nessun segno di miglioramento </li></ul>Fonte : Eurostat, V Ú B Profitti del commercio all’ingrosso e al minuto ( ind ice , 2005=100)
  19. 19. Altri servizi <ul><li>L ’ IT e le comunicazioni figurano tra i settori che sono stati toccati solo minimamente dalla crisi </li></ul><ul><li>Dall’altro lato , alberghi e ristoranti hanno subito un calo delle entrate ai livelli più bassi dal 2005 </li></ul>Entrate degli altri servizi ( ind ice , 2005=100) Fonte : Eurostat, V Ú B
  20. 20. Programma <ul><li>Situazione macroeconomica </li></ul><ul><li>Tendenze nei settori chiave dell’economia </li></ul><ul><li>Prospettiva per il settore bancario </li></ul>
  21. 21. Le banche attraversano una fase di ristrutturazione <ul><li>Le entrate del settore si sono ridotte del 1 4% </li></ul><ul><li>I costi sono stati diminuiti del 7% </li></ul><ul><li>Il guadagno operativo è sceso del 22% </li></ul><ul><li>Il profitto netto , dopo gli a ccantonamenti relativi ai mutui “ cattivi ” , è sceso ancora di più, del 45%! </li></ul>Fonte: Banca c entrale s lovacca, V Ú B
  22. 22. L ’adozione dell’euro ha rappresentato un ulteriore fattore che ha influito sui redditi del settore bancario <ul><li>Riduzione del reddito netto delle banche dalle operazioni spot FX di 240 milioni di euro rispetto alla media dei tre anni precedenti = sostegno al settore imprenditoriale che ha risparmiato sull’ hedg ing del rischio legato al cambio </li></ul>- €2 40 mn - 7 7 % Fonte: Banca centrale slovacca , VÚB
  23. 23. Dal punto di vista dei depositi , le banche hanno perso volumi rilevanti dalle società non finanziarie <ul><li>La riduzione di più di un terzo dei profitti delle imprese (- 35% nei primi tre trimestri del 2009 rispetto al 2008 ) ha avuto come conseguenza la relativa diminuzione dei loro depositi nelle banche pari al 15% </li></ul>Zdroj: NBS, SUSR , C NB, V U B Fonte: Banca centrale slovacca, Ufficio Statistico Slovacco, Banca centrale ceca, V ÚB
  24. 24. Per quanto riguarda i crediti le banche hanno rallentato, ma non così tanto come a volte si dice <ul><li>Lo status dei mutui alle aziende in Slovacchia ha avuto riduzioni molto più lievi rispetto per esempio alla Repubblica Ceca ( benché la qualità del portafoglio di credito da noi peggiora relativamente di più ) </li></ul>Fonte : Banca centrale slovacca , Banca centrale ceca, VÚB Sviluppo dei mutui alle famiglie 100 110 120 130 140 150 160 170 180 I.07 VII.07 I.08 VII.08 I.09 VII.09 January 2007 = 100 SR ČR Sviluppo dei mutui alle società non finanziarie 95 100 105 110 115 120 125 130 135 140 145 I.07 VII.07 I.08 VII.08 I.09 VII.09 January 2007 = 100 SR ČR Sviluppo dei mutui non andati a buon fine 80 90 100 110 120 130 140 150 160 170 180 190 200 210 220 230 240 I.07 VII.07 I.08 VII.08 I.09 VII.09 January 2007 = 100 SR CR
  25. 25. Cosa dobbiamo aspettarci : un proseguimento (globale) della ristrutturazione del settore in cui la crisi è sorta <ul><li>Modello bancario più semplice e più trasparente </li></ul><ul><ul><li>Ritorno ai prodotti e servizi bancari classici </li></ul></ul><ul><ul><li>Dalle banche specializzate si ritorna a quelle universali </li></ul></ul><ul><ul><li>Accento più marcato sulla gestione dei rischi e sulla qualità degli attivi </li></ul></ul><ul><li>Irrigidimento dei regolamenti e dei controlli </li></ul><ul><ul><li>Prezzo da pagare per l’aiuto statale al settore in tempo di crisi </li></ul></ul><ul><ul><li>Aumento della proporzionalità di capitale </li></ul></ul><ul><li>Gli azionisti hanno meno voglia di rischiare </li></ul><ul><ul><li>Si preferiscono introiti più stabili anche se più bassi </li></ul></ul><ul><ul><li>Allineamento degli obiettivi degli azionisti con gli obiettivi degli altri gruppi di interesse , incluso il governo e il pubblico in quanto tale </li></ul></ul>
  26. 26. Ci attende un cambiamento della qualità <ul><li>Cambiamento dell’atteggiamento delle imprese verso le banche : </li></ul><ul><ul><li>dal mercato dei debitori al mercato dei creditori , temporaneamente o per sempre ? </li></ul></ul><ul><li>Cambiamento dell’atteggiamento delle imprese verso le imprese </li></ul><ul><ul><li>riduzione dell’ottimismo </li></ul></ul><ul><li>Cambiamento dell’atteggiamento delle banche verso se stesse </li></ul><ul><ul><li>è indispensabile una ristrutturazione </li></ul></ul>
  27. 27. Maggiore enfasi sulla qualità degli attivi non significa che è cambiato l’approccio alla valutazione del rischio presso le banche . Sono cambiati solo i valori delle variabili . <ul><li>Il settore e la sua sensibilità al calo dell’economia </li></ul><ul><li>Proporzione di risorse proprie </li></ul><ul><li>Visione a lungo termine del cliente , resistenza agli scenari di stress </li></ul><ul><li>Storia del rapporto con il cliente </li></ul>
  28. 28. La sensibilità dei singoli settori verso il ciclo economico affronta il suo primo test Fonte: Banca centrale slovacca
  29. 29. L’appetito del settore bancario verso nuovi rischi è ovviamente più debole <ul><li>La crisi e la conseguente recessione economica hanno modificato l’ordine delle priorità strategiche delle banche . Il margine di profitto è stato sostituito dalla liquidità, dal capitale e dalla qualità del portafoglio creditizio . </li></ul><ul><li>Viene data la precedenza alle dimensioni qualitative ... </li></ul><ul><ul><li>enfasi sul consolidamento e approfondimento del rapporto col cliente </li></ul></ul><ul><ul><li>ristrutturazione = nuovo elemento </li></ul></ul><ul><ul><li>non c’è più la crescita al solo fine di crescere </li></ul></ul><ul><li>... e viene data la precedenza ai c lienti con una storia rispetto a quelli senza storia </li></ul><ul><ul><li>le piccole e medie imprese sono il pilastro della crescita a lungo termine </li></ul></ul><ul><li>Approccio attivo delle banche in direzione di una mitigazione della diminuzione della crescita economica </li></ul>
  30. 30. Osservazioni conclusive ... <ul><li>Le banche non vogliono essere “prestatori di ombrelli” solo quando fa bel tempo </li></ul><ul><li>Vogliamo fornire mutui anche quando piove, ma è assolutamente necessario che sia garantita la restituzione . </li></ul><ul><li>La comunicazione con la banca è estremamente importante </li></ul><ul><li>La sincerità e l’onestà sono cresciute nel prezzo ! </li></ul>
  31. 31. Grazie per l’attenzione !

×