Ministero della Giustizia   Dipartimento Giustizia Minorile                                                               ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Milano, S...
Prefazione    Questo documento presenta il risultato di un lavoro realizzato dal    Minotauro, in collaborazione con l’Ist...
-   Con    quali obiettivi specifici può       essere       realizzata   la   valutazione         psicosociale: screening,...
Questo documento, che presenta in modo sintetico l’esito delle diverseazioni del progetto, può essere utile per gli operat...
Indice      Document Development Gruop                                VII      1. Introduzione                            ...
Document development group                                   Alfio Maggiolini                                 Alessandra C...
Istituto Centrale di Formazione                                               Cira Stefanelli                             ...
1. Introduzione                                                                                          Italian Network f...
Valutare per decidere - The assessment of young          1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services    -   può...
1. Introduzione                                                                                             Italian Networ...
Valutare per decidere - The assessment of young      1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services    caratterizz...
1. Introduzione                                                                                           Italian Network ...
Valutare per decidere - The assessment of young      1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services    quanto rigu...
1. Introduzione                                                                                        Italian Network for...
Valutare per decidere - The assessment of young      1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services    valutazione...
1. Introduzione                                                                                          Italian Network f...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Diversi s...
1. Introduzione                                                                                        Italian Network for...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     decisiona...
2. Il Sistema penale minorile italiano                                                                                    ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     inoltre d...
2. Il Sistema penale minorile italiano                                                                                    ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     procedime...
2. Il Sistema penale minorile italiano                                                                                    ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     fatto non...
2. Il Sistema penale minorile italiano                                                                                    ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     adattare ...
3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa                                                                      ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     In questa...
3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa                                                                      ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     misurazio...
3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa                                                                      ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     In alcuni...
4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile                                                            ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     con il mi...
4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile                                                            ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     (5%). Un ...
4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile                                                            ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Per quant...
4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile                                                            ...
Valutare per decidere - The assessment of young     1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services34              ...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young           1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services         r...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Gli psico...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Tabella 1...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Tabella 3...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Tra gli p...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     nonostant...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     possa ess...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young        1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     L’accert...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare per decidere - The assessment of young       1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services     Altri tes...
5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile                                                           ...
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian

3,602 views

Published on

Questo documento presenta il risultato di un lavoro realizzato dal Minotauro, in collaborazione con l’Istituto Centrale della Formazione del Dipartimento Italiano della Giustizia Minorile e con il Centro per la Giustizia Minorile della Lombardia.

Obiettivo centrale del progetto era di costituire un momento di confronto tra gli operatori, psicologi, assistenti sociali, educatori, che in Italia lavorano nei Servizi della giustizia minorile. Questo confronto si propone come premessa per uno scambio tra pratiche europee in merito alla valutazione dei minori in ingresso nel circuito penale.

In particolare il progetto intendeva favorire il confronto tra gli psicologi della Giustizia Minorile, cercando di individuare obiettivi e metodi specifici del loro intervento.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,602
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1,877
Actions
Shares
0
Downloads
37
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Valutare Per Decidere - The Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services - Italian

  1. 1. Ministero della Giustizia Dipartimento Giustizia Minorile Istituto Centrale Centro per la Giustizia Minorile di Formazione per la Lombardia - Milano del Personale Valutare per decidereThe Assessment of Young Offenders within the Juvenile Justice Services Italian Network for Young Offenders’ Assessment and Treatment INYOAT Progetto finanziato dall’Unione Europea su decisione del Consiglio del 12 febbraio 2007. “Prevenzione e lotta contro la criminalità”; parte del programma sulla sicurezza e la tutela delle libertà, GU L 58 del 24.2.2007 I
  2. 2. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Milano, Settembre 2010II
  3. 3. Prefazione Questo documento presenta il risultato di un lavoro realizzato dal Minotauro, in collaborazione con l’Istituto Centrale della Formazione del Dipartimento Italiano della Giustizia Minorile e con il Centro per la Giustizia Minorile della Lombardia. Obiettivo centrale del progetto era di costituire un momento di confronto tra gli operatori, psicologi, assistenti sociali, educatori, che in Italia lavorano nei Servizi della giustizia minorile. Questo confronto si propone come premessa per uno scambio tra pratiche europee in merito alla valutazione dei minori in ingresso nel circuito penale. In particolare il progetto intendeva favorire il confronto tra gli psicologi della Giustizia Minorile, cercando di individuare obiettivi e metodi specifici del loro intervento. Le domande che il progetto si poneva sono state:- In che modo una valutazione psicosociale può essere utile per la presa di decisione della magistratura? III
  4. 4. - Con quali obiettivi specifici può essere realizzata la valutazione psicosociale: screening, diagnosi, valutazione dell’imputabilità, valutazione della pericolosità sociale, valutazione del rischio di recidiva? Per rispondere a queste domande il progetto ha realizzato: - Un confronto nella letteratura sul tema della valutazione psicosociale in diversi sistemi penali minorili europei. - Una ricerca, realizzata attraverso interviste individuali, sugli psicologi che in Italia lavorano nei Servizi della giustizia minorile. - Incontri nazionali tra dirigenti dei Servizi della giustizia minorile o referenti istituzionali. - Un’analisi delle relazioni che i Servizi italiani inviano alla magistratura come aiuto per la conoscenza del minore e come base per la decisione della misura penale da adottare. - Incontri tra gli psicologi italiani dei servizi della giustizia minorile, per favorire un confronto sui modelli, i metodi, gli strumenti utilizzati. - Un seminario internazionale rivolto a Dirigenti e referenti istituzionali dei Servizi della giustizia minorile italiani sul tema dell’assessment. - La costituzione di una rete degli psicologi italiani dei servizi della giustizia minorile attraverso un gruppo mail, per scambio di informazioni e di strumenti. Gli esiti del progetto sono illustrati da questo documento. Un volume sull’assessment dei minori antisociali è in corso di pubblicazione in italiano.IV
  5. 5. Questo documento, che presenta in modo sintetico l’esito delle diverseazioni del progetto, può essere utile per gli operatori psicosociali chelavorano con i minori nei Servizi della giustizia minorile e per i magistratiche prendono decisioni sulla base delle valutazioni espresse dai servizi. V
  6. 6. Indice Document Development Gruop VII 1. Introduzione 1 2. Il sistema penale minorile italiano 13 3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa 21 4. Attività di valutazione nei servizi della giustizia minorile 27 5. L’intervento psicologico nei servizi della giustizia Minorile 35 6. La valutazione del comportamento antisociale in una prospettiva evolutiva 71 7. Conclusioni e prospettive 161 Bibliografia 167VI
  7. 7. Document development group Alfio Maggiolini Alessandra Ciceri Cristina Colli Mauro Di Lorenzo Giovanna Kluzer Carlo Trionfi Cristina Saottini Veronica Scuffi Virginia Suigo Il Minotauro è una cooperativa sociale composta da psicologi, ricercatori e formatori. E’ stato fondato nel 1984. Presiede l’Istituto Gustavo Pietropolli Charmet. Il Minotauro opera nell’area della prevenzione e del trattamento del disagio psicologico, sociale ed evolutivo; gli interventi che promuove riguardano attività di consultazione e psicoterapia, gestione di servizi psicosocioducativi, interventi di prevenzione, ricerca, formazione e analisi istituzionale. L’approccio teorico e le esperienze pratiche dell’Istituto sono state presentate in numerosi volumi editi a stampa (www.minotauro.it). VII
  8. 8. Istituto Centrale di Formazione Cira Stefanelli Maria Grazia Castorina Bruno Costa Elvira Narducci, Giuseppe Mandalari Antonella Zanfei L’Istituto Centrale di Formazione (ICF) ha la finalità di programmare, progettare, realizzare e valutare le attività formative rivolte a tutto il personale appartenente alla qualifiche dirigenziali, alle qualifiche funzionali e al comparto sicurezza in servizio presso l’amministrazione della Giustizia Minorile. Centro per la giustizia minorile della Lombardia Flavia Croce I Centri per la Giustizia Minorile (CGM) sono organi del decentramento amministrativo che possono avere competenza sul territorio di più regioni e in questi casi fanno riferimento a più Corti dappello. Esercitano funzioni di programmazione tecnica ed economica, controllo e verifica nei confronti dei Servizi minorili da essi dipendenti quali gli Uffici di Servizio Sociale per i Minorenni, gli Istituti penali per i minorenni, i Centri di Prima Accoglienza, le Comunità.VIII
  9. 9. 1. Introduzione Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Mentre in passato prevaleva un diffuso pessimismo sulle possibilità di intervento con i minori che commettono reati e sull’efficacia dell’intervento penale, oggi i risultati di ricerche metanalitiche dimostrano che è possibile un intervento che riduca il rischio di recidiva, che è possibile un trattamento per il disturbo antisociale di personalità e, contrariamente a quanto si pensava, è anche possibile ottenere un cambiamento di tratti psicopatici di personalità, con interventi sufficientemente intensivi e prolungati (McGuire, 1995; Salekin, 2010; Andrews, Bonta, 1998). L’intervento precoce con i minori che sono denunciati può avere un importante valore preventivo sullo sviluppo della carriera delinquenziale. Per questo scopo è importante una corretta valutazione del comportamento deviante, del minore e del suo contesto di sviluppo, per poter effettuare un intervento efficace nel ridurre il rischio di recidiva. La valutazione psicosociale dei minori che entrano nel circuito penale può essere:- orientata prevalentemente a cercare di individuare i problemi psicologici dei minori e l’eventuale presenza di psicopatologia, in una prospettiva di cura; 1
  10. 10. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services - può essere allargata al contesto famigliare e sociale e non solo al minore, per valutarne i fattori di rischio e protezione; - può essere particolarmente attenta alla valutazione del rischio di recidiva; - può essere orientata a rispondere a specifiche domande della magistratura, come la maturità/immaturità o la pericolosità sociale. L’attenzione privilegiata a uno o a più di questi aspetti può dipendere dal tipo di reato, dalle caratteristiche del minore, da quelle del sistema penale, dalla fase processuale, oltre che dal modello teorico e dagli orientamenti metodologici degli operatori che effettuano la valutazione. L’andamento dei reati minorili mostra che l’età e il genere (adolescenza maschile) sono tra i fattori di rischio del comportamento trasgressivo. In una prospettiva evolutiva i reati minorili possono essere espressione sia della tendenza trasgressiva degli adolescenti, fisiologica, sia di disturbi del comportamento e della personalità antisociale o di altre psicopatologie. Possono anche essere, tuttavia, la manifestazione di una difficoltà del contesto, la famiglia o la scuola innanzitutto, a riconoscere i bisogni evolutivi dell’adolescente. Un approccio di psicopatologia evolutiva (Cicchetti, Cohen, 1995; Achenbach, 2001; Rutter, 1988) porta a dare una grande importanza al2 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  11. 11. 1. Introduzione Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment contesto, superando l’idea che un adolescente “abbia” un disturbo, per cui il comportamento antisociale è interpretato piuttosto come l’effetto di un’interazione negativa tra bisogni evolutivi e risposte dell’ambiente, in una prospettiva in cui sono centrali le rappresentazioni del soggetto dei propri bisogni e delle risposte dell’altro. Un comportamento delinquenziale può essere il risultato di diversi percorsi di sviluppo e nello stesso tempo è suscettibile ad ogni momento di possibili evoluzioni differenti. Poiché uno degli scopi importanti, anche se non il solo, dell’intervento penale è di ridurre i rischi di recidiva, è indispensabile chiedersi quali caratteristiche del minore e del suo contesto di vita consentano la formulazione di una prognosi più favorevole e su quale sia il rapporto tra obiettivi psicologici di responsabilizzazione e sviluppo da una parte, e obiettivi più strettamente comportamentali. Solo una maggiore capacità di valutazione consente di evitare un tipo d’intervento che si limiti a proporre un’unica risposta, indifferenziata, per tutti gli utenti dei Servizi della giustizia minorile. Anche se ai diversi reati possono essere correlati differenti psicopatologie, in genere nella maggior parte dei casi ci si trova di fronte ad un disturbo della condotta o a un disturbo antisociale di personalità (DSM-IVR, 2000). Nei Servizi della giustizia minorile, tuttavia, la diagnosi di disturbo della condotta o di disturbo antisociale proposta nel DSM-IVR (descritto come 3
  12. 12. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services caratterizzato soprattutto da una persistente inosservanza e violazione dei diritti degli altri, che si manifesta nell’infanzia o nella prima adolescenza, e continua nell’età adulta), si rivela insufficientemente discriminante. Un’osservazione sistematica è particolarmente utile per raccogliere dati in modo comunicabile e costituisce la premessa fondamentale per la realizzazione di ricerche sull’efficacia dell’intervento del sistema dei Servizi della giustizia minorile. L’intervento dei Servizi, in effetti, non ha solo lo scopo di sanzionare il comportamento e di limitarne le conseguenze negative per la società, ma si propone anche obiettivi di cambiamento dell’adolescente e di conseguenza costituisce una forma di trattamento. Attraverso il lavoro psicosociale, che trova applicazione non solo nella detenzione, ma soprattutto con misure alternative, si realizzano diversi tipi d’interventi, che implicano un trattamento del minore e del suo contesto di vita, attraverso una presa in carico e l’offerta di un supporto psicologico, sociale o educativo. La complessità dell’intervento rende difficile una valutazione dei risultati. L’efficacia dell’intervento penale è spesso misurata in base al criterio della riduzione delle recidive, un punto di vista necessario, ma non sufficiente,4 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  13. 13. 1. Introduzione Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment perché evidentemente gli adolescenti possono ben smettere di commettere reati, pur restando antisociali o sviluppando un comportamento asociale, più che antisociale, con marginalità, uso di sostanze, ecc. In parte, la scarsa attenzione alla verifica dell’intervento è anche dovuta al diffuso pessimismo sui risultati che caratterizza sia l’intervento penale, sia la psicoterapia dei disturbi antisociali. Anche se si riconosce che il comportamento antisociale è persistente, oggi si tende sempre più a ritenere che sia comunque modificabile. La sua trasformazione, d’altra parte, avviene spesso spontaneamente, poiché anche nei casi più difficili la metà dei ragazzi che commettono reati non persiste nel comportamento antisociale, riuscendo ad acquisire un positivo ruolo sociale, attraverso la capacità di lavorare e di vivere una relazione di coppia. Poiché nel determinare questo cambiamento è spesso importante il contesto, sia familiare sia sociale, in cui il comportamento è inserito, ci si può legittimamente chiedere in che modo anche l’intervento istituzionale del sistema penale possa costituire un fattore protettivo e non di rischio per l’evoluzione successiva. In effetti è stato riconosciuto il rischio di un effetto iatrogeno della detenzione e in generale del trattamento penale (McGuire, 1995). Un possibile obiettivo nei Servizi della giustizia minorile è di adottare una logica che, pensando all’intervento come ad un trattamento, arrivi a verificare l’efficacia dell’intervento stesso, sia in termini di recidiva, sia per 5
  14. 14. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services quanto riguarda l’evoluzione degli adolescenti presi in carico anche da un punto di vista psicosociale. In questa prospettiva è fondamentale una raccolta e analisi di dati che consenta di differenziare le caratteristiche dei minori sottoposti a procedimenti penali, in modo da poter proporre un intervento che sia effettivamente commisurato alle loro caratteristiche e per questo efficace, riducendo la probabilità che l’intervento sia effettuato prevalentemente sulla base delle esigenze istituzionali, più che su quelle del minore. La valutazione dei minori tra obiettivi penali e sanitari Nella valutazione dei minori in ingresso nel circuito penale è importante da una parte l’individuazione del rischio di recidiva, come criterio per orientare gli interventi istituzionali, dall’altra una valutazione delle problematiche psicologiche e sociali che possono essere alla base del loro coinvolgimento nel circuito penale. Le probabilità che un adolescente che entra nel circuito penale possa commettere un nuovo reato sono in genere elevate. E’ difficile avere dati attendibili e comparabili sulle percentuali di recidiva, per la diversità dei campioni, per età, per gravità, per i tempi presi in considerazione nel follow6 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  15. 15. 1. Introduzione Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment up e per i criteri utilizzati (nuova denuncia, nuovo arresto, nuova condanna). In generale si stima, comunque, che le percentuali di recidiva negli adolescenti che commettono reati in modo non occasionale siano particolarmente elevate, almeno fino ai due terzi circa nei tre anni successivi al primo reato. Nei delinquenti “cronici” (intorno al 5% di chi commette reati) le percentuali di recidive nei cinque anni successivi sono del 77% tra i 15-20 anni, del 50% tra 20-25 anni e del 35% tra i 25-30 anni, con una media di 4,6 reati, per chi commette più di un reato (Rutter, Giller, Hagell, 1998). I risultati di uno studio condotto in 15 Stati degli Stati Uniti riportano che più dell’80% di giovani detenuti di età compresa tra i 14 e i 17 anni a tre anni dal rilascio è stato nuovamente arrestato (Langan, Levin, 2002). In uno studio condotto in Gran Bretagna l’88% dei ragazzi fra i 14 e i 16 anni ha commesso un nuovo reato entro due anni dalla data del rilascio (Hagell, 2002). Un altro studio riporta che a distanza di un anno il 49,2% dei giovani è stato nuovamente arrestato, il 70,8% a due anni di distanza e il 76,7% a tre anni (Mc Guire et al., 1995). Vermeiren, De Clippele, Deboutte (2000) riportano una percentuale di recidiva del 46,2% ad un follow-up di otto mesi. E’ stata condotta una ricerca su un campione di 103 minori maschi (italiani, nomadi e stranieri) sottoposti a procedimenti penali nei Servizi della giustizia minorile di Milano, attraverso la predisposizione di una scheda di 7
  16. 16. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services valutazione del rischio di recidiva nella fase di ingresso nei Servizi (Centro di prima accoglienza, Ufficio di servizio sociale per i minorenni, Istituto penale minorile) (Maggiolini, Ciceri, Macchi, Marchesi, Pisa, 2009). I risultati di questa ricerca indicano che un minore su due (54,1%) ha un rischio alto di recidiva; uno su quattro (25,1%) un rischio medio e uno su cinque (20,8%) basso. A due anni di distanza dalla presa in carico il 32% dei minori ha avuto un altro procedimento penale; nessun minore valutato a basso e medio rischio aveva avuto una recidiva; nei minori valutati all’ingresso con un alto indice di rischio la percentuale era del 44%, in prevalenza nomadi o minori italiani con rilevanti problemi psicopatologici. Questa ricerca mostra che la valutazione del rischio di recidiva, appare sufficientemente predittiva. Le decisioni della magistratura nella fase di ingresso dei minori nel circuito penale, inoltre, appaiono sostanzialmente coerenti con il livello di rischio di recidiva. La verifica sui gruppi più a rischio, a due anni di distanza, porta a considerare con particolare attenzione le necessità di intervento nei confronti dei nomadi e dei minori italiani che si trovano in contesti famigliari difficili e che sviluppano disturbi psicopatologici gravi. Un dato significativo che emerge dalla ricerca è che il rischio di8 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  17. 17. 1. Introduzione Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment recidiva appare molto correlato a fattori di rischio di contesto (culturale e famigliare). Un’altra area importante di valutazione è relativa ai bisogni e ai problemi psicopatologici che possono essere alla base dei reati. Il comportamento antisociale può essere espressione di un disturbo della condotta (disturbo antisociale di personalità) o di altre patologie psichiche più o meno gravi. Tutte queste esprimono comunque sempre anche difficoltà di adattamento, nel rapporto fra bisogni adolescenziali, compiti evolutivi specifici della fase di età, contesto familiare e sociale di crescita. Nel quadro di un progressivo riconoscimento dell’importanza dei fattori psicologici alla base della delinquenza, negli ultimi anni sono state condotte diverse ricerche sul rapporto tra psicopatologia e delinquenza minorile, non solo per individuarne i precursori infantili e i fattori di rischio, ma anche per distinguere diverse tipologie di adolescenti antisociali e per individuare la prevalenza dei disturbi psicologici tra i minori che entrano nel circuito penale (Dazzi, Madeddu, 2009; Grisso, Schwartz, 2000; Loeber, Farrington, Stouthamer- Loeber, Van Kammen, 1998; Vreugdenihl, Doreleijers, Wermeiren, Wouters, Van Den Brink, 2004; Wasserman, McReynolds, Lucas, Fisher, Santos, 2002; Wasserman, Ko, McReynolds, 2004). 9
  18. 18. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Diversi studi hanno confermato che i giovani che entrano nel circuito penale, in particolare i detenuti, hanno una possibilità di tre o cinque volte superiore alla popolazione generale di sviluppare un disturbo mentale (Teplin, Abram, McClelland, Dulcan, Mericle, 2002; Wasserman, McReynolds, Lucas, Fisher, Santos, 2002; Vermerein, 2003; Boesky, 2002). Il disturbo della condotta, in particolare, è la diagnosi più comune negli adolescenti delinquenti, accanto a quello oppositivo provocatorio (Moffit et al., 2003; Boesky, 2002). Anche gli adolescenti che abusano di sostanze corrono un rischio maggiore di incorrere in un comportamento criminale (Moffit et al., 2000). Una ricerca su un campione di 66 minori (maschi, età media 16.3 anni; 35% italiani, 65% stranieri o nomadi), in ingresso nel circuito penale nel 2005 presso i Servizi della giustizia minorile di Milano (detenuti, residenti in comunità alloggio o in carico presso l’Ufficio di servizio sociale per minorenni) è stata condotta attraverso un questionario autosomministrato, la Youth Self Report, e un questionario compilato dagli operatori, la Teacher Report Form (Achenbach, 2001). La valutazione da parte degli operatori rileva problemi internalizzanti nel 72% degli adolescenti e una stessa percentuale di esternalizzanti. I risultati del questionario autosomministrato10 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  19. 19. 1. Introduzione Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment indicano che il 38% degli adolescenti ha problemi esternalizzanti e il 29% internalizzanti. Il confronto tra i disturbi psicopatologici valutati dagli operatori e un indice di rischio di recidiva mostra che il 91,2% degli adolescenti con un alto indice di rischio ha un livello clinicamente significativo di problemi di rilevanza psicopatologica. Questa ricerca conferma che i disturbi sono diffusi tra i minori che entrano nel circuito penale. Il fatto che il disagio psicopatologico sia soprattutto presente tra i minori che sono a rischio di recidiva, porta a ritenere che l’intervento psicologico possa essere utile nel ridurre le recidive. L’attenzione ai bisogni e alle problematiche che sono alla base dei reati è un fattore centrale e discriminante dell’efficacia dell’intervento nei servizi della giustizia minorile (Dowden, Andrews, 1999) e gli interventi in cui il trattamento educativo e sociale è integrato con quello psicologico sono i più efficaci nel ridurre le recidive (McGuire, 2004). Una corretta valutazione psicologica all’ingresso nel sistema penale può essere utile per orientare l’intervento dei Servizi (Vermerein et al., 2003). Obiettivo della fase di valutazione non è tanto la formulazione di una diagnosi psicopatologica, quanto la costruzione di un progetto educativo sul minore, fortemente radicato nella conoscenza della sua personalità e delle sue dinamiche di funzionamento psichico, che sostenga la funzione 11
  20. 20. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services decisionale del Giudice. Il progetto ha come scopo principale quello di sostenere la ripresa del percorso di crescita e di promuovere l’acquisizione di una nuova identità soggettiva e sociale. La valutazione psicosociale è anche un primo momento atto a favorire la capacità del minore di rappresentarsi come persona dotata di emozioni, di desideri e di intenzioni, nonché momento in cui egli può esprimere il proprio punto di vista sul reato e manifestarne il significato soggettivo.12 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  21. 21. 2. Il Sistema penale minorile italiano Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Il Tribunale per i minorenni In Italia l’intervento con i minori dai 14 ai 18 anni che commettono reati è competenza del Tribunale per i Minorenni, che è stato istituito nel 1934, con la Legge Minorile n° 1404. Il funzionamento attuale dell’intervento penale minorile è basato sulle “Disposizioni sul processo penale minorile” del D.P.R n° 448 del 1988, che costituiscono un modello innovativo ed un punto d’arrivo in un lungo percorso legislativo, che tiene conto delle direttive internazionali, in particolare le “Regole Minime di Pechino” adottate dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Risoluzione 40/33 del 29 novembre 1985. Il Codice di procedura penale minorile italiano prevede provvedimenti che consentono la rapida chiusura del processo, la riduzione di risposte limitative della libertà personale e più in generale la riduzione del danno che l’impatto con la giustizia può produrre sul piano educativo. Il Codice indica 13
  22. 22. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services inoltre diversi percorsi di uscita dal circuito penale, che valorizzano interventi di aiuto e sostegno, attuabili attraverso l’azione diretta con il ragazzo, la sua famiglia, il suo contesto allargato di relazioni, il suo ambiente, ed attraverso l’azione indiretta, attraverso il coinvolgimento delle risorse presenti nel contesto di sviluppo. Una misura importante è la messa alla prova, che consiste nella sospensione del processo e nell’affidamento del minore ai Servizi della giustizia minorile che, anche in collaborazione con i Servizi sociali del territorio, svolgono attività di osservazione, sostegno e controllo. La misura è applicabile per tutte le tipologie di reato e non soltanto in caso di primo reato, ha durata massima di tre anni e deve essere necessariamente condivisa dal minore e concordata con lui. La decisione del giudice si fonda sugli elementi acquisiti attraverso un’indagine sulla personalità del minore e sui problemi e le risorse del suo contesto ambientale. Anche al di là della messa alla prova, la risposta penale alla delinquenza minorile è tesa a promuovere la coscienza del minore rispetto al significato del reato e l’assunzione di responsabilità rispetto ai propri comportamenti e14 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  23. 23. 2. Il Sistema penale minorile italiano Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment tende ad assumere un’ottica progettuale, che privilegi l’aspetto del recupero sociale alla finalità retributiva della pena. Per raggiungere questi obiettivi è fondamentale l’intervento dei Servizi della giustizia minorile. I Servizi della giustizia minorile I Servizi della giustizia minorile sono: 1. Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni 2. Istituto Penale per i Minorenni 3. Centro di Prima Accoglienza 4. Comunità educativa. L’Ufficio di Servizio Sociale per i Minorenni si attiva nel momento in cui, a seguito di denuncia, un minore entra nel circuito penale e lo accompagna in tutto il suo percorso penale. Avvia l’intervento per il minore in stato di arresto e di fermo, segue il progetto di intervento in misura cautelare non detentiva, gestisce la misura della sospensione del processo e della messa alla prova e complessivamente segue tutte le misure alternative e sostitutive. Svolge altresì compiti di assistenza in ogni stato e grado del 15
  24. 24. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services procedimento, e predispone la raccolta di informazioni utili per l’accertamento della personalità su richiesta del magistrato. Il Centro di Prima Accoglienza è una struttura filtro che ospita i minori arrestati e fermati, per un massimo di 96 ore in attesa dell’udienza di convalida. Tale servizio si differenzia dal carcere, proprio per limitare l’impatto che potrebbe avere sul minore, e si connota come un edificio di più ridotte dimensioni, in cui gli operatori minorili accolgono il minore ed effettuano un’osservazione preliminare. L’Istituto Penale per i Minorenni è lo spazio preposto all’esecuzione della misura cautelare detentiva e della pena e ha una organizzazione funzionale ad un’azione educativa integrata con gli altri Servizi della giustizia minorile e del territorio. Gli Istituti Penali per i Minorenni ospitano minorenni o ultradiciottenni (fino agli anni 21, nel caso in cui il reato a cui è riferita la misura sia stato commesso prima del compimento della maggiore età) in custodia cautelare o in esecuzione di pena detentiva. Il D.P.R. 448/88, introducendo il principio della residualità della detenzione per i minorenni, opera, di fatto, rispetto al passato, una decentralizzazione del carcere nel sistema penale minorile.16 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  25. 25. 2. Il Sistema penale minorile italiano Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Le Comunità educative sono servizi di supporto all’intervento in area penale esterna, possono essere gestite dalla Giustizia minorile, anche se attualmente prevale la formula del convenzionamento con il privato sociale. In Italia il ricorso ai collocamenti in comunità socio-educative, sia in ambito di misura cautelare, sia progettuale, rappresenta un ambito importante dell’intervento penale. Laccertamento della personalità Uno dei perni attorno a cui ruota la giustizia minorile è l’attenzione costante alla personalità dell’adolescente autore di reato; di conseguenza le decisioni del giudice e gli interventi, di qualsiasi forma essi siano, devono essere sensibili ai bisogni, alle condizioni ed alle risorse relative alla personalità del ragazzo. In relazione a questi obiettivi, quindi, l’intero iter processuale del minore è accompagnato da varie forme e modalità di accertamenti di personalità. Come cita l’art. 9 del D.P.R. n.448/1988: “Il PM e il Giudice acquisiscono elementi circa le condizioni e le risorse personali, familiari, sociali ed ambientali del minorenne al fine di accertarne l’imputabilità ed il grado di responsabilità, valutare la rilevanza sociale del 17
  26. 26. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services fatto nonché disporre le adeguate misure penali ed adottare gli eventuali provvedimenti civili”. E’ bene sottolineare che la legge ha posto l’esigenza della valutazione della personalità non tanto e non solo per decidere se il minore è in grado di affrontare il processo, quanto perché il processo stesso si dimensioni, si adegui e si renda accessibile al soggetto in età evolutiva e quindi rispetti il percorso di crescita ed acquisizione di un’identità adulta. La responsabilizzazione Il Codice di procedura penale D.P.R n. 448 non considera tanto l’autore di reato come oggetto di sanzioni o in quanto minore come soggetto debole da tutelare, ma soprattutto come un interlocutore, che può dialogare con l’adulto magistrato e prendere decisioni sul proprio futuro penale. Oltre all’importanza di salvaguardare le esigenze educative del minore, il codice favorisce in questo modo l’attivazione di un processo di responsabilizzazione. L’accertamento della verità e la sanzione finiscono per essere secondarie all’obiettivo del recupero del minore attraverso lo sviluppo di capacità di impegno e riparazione.18 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  27. 27. 2. Il Sistema penale minorile italiano Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Il processo penale minorile ha un valore educativo, non solo come rispetto delle esigenze evolutive del minore, ma anche come capacità dello stesso processo penale di svolgere una funzione di ripresa evolutiva. Le numerose figure (psicologo, educatore, assistente sociale, giudice, avvocato), che entrano in relazione con lui durante l’iter processuale devono perseguire un obiettivo di ripresa dello sviluppo. Non solo il processo non deve interrompere i processi evolutivi in atto, ma è anche un’occasione per attivare relazioni educative o per riprendere percorsi formativi interrotti: tale obiettivo è perseguito sia all’interno del processo, in quanto coinvolge, ove possibile, i genitori, sia all’esterno come progetto di recupero del minore attraverso l’inserimento nel territorio, attraverso la scuola o il lavoro. In questa prospettiva il processo penale per i minori deve adeguarsi alla personalità del minore, ai suoi bisogni evolutivi e al suo livello di maturità. L’accertamento sulla personalità, che è operato da assistenti sociali, educatori e psicologi, non ha tanto l’obiettivo di formulare una diagnosi, né di verificare se il minore è in grado di affrontare il processo, quanto di 19
  28. 28. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services adattare il processo ai bisogni e alle capacità del minore, al suo livello di sviluppo e maturità.20 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  29. 29. 3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Negli ultimi anni le politiche penali nell’ambito della giustizia minorile sono passate attraverso tendenze divergenti nei diversi Paesi della Comunità Europea. Da un lato, è emersa la tendenza ad una maggiore repressione dei comportamenti penalmente rilevanti, dall’altro vi è stata una notevole apertura alla cosiddetta “giustizia riparativa” ed infine si è verificata una de- giurisdizionalizzazione della criminalità minorile (Padovani, Ciappi, 2010). Osserviamo che in molti paesi europei è in corso un inasprimento delle politiche penali minorili, che si accompagnano al dibattito sull’abbassamento dell’età imputabile; tale inasprimento è dovuto in primo luogo alla crisi del modello riabilitativo, soprattutto nei paesi di lingua anglofona, accompagnato al riemergere di istanze di difesa sociale e di controllo. Il pessimismo nei confronti del modello welfaristico, di stampo riabilitativo, ha fatto sì che si spostasse l’attenzione dall’autore di reato allo studio delle caratteristiche del reato e della vittima, con obiettivi primari di sicurezza sociale. 21
  30. 30. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services In questa tendenza si inserisce l’affermarsi di un modello di penalità alternativo a quello tradizionale, basato sulla risposta penale e sulla punizione come risposta alla trasgressione: il modello della giustizia riparativa. In tale modello assurge a ruolo primario l’aspetto riparativo della giustizia penale, quello cioè volto alla risoluzione del conflitto venutosi a creare a seguito della commissione del reato e alla riparazione del danno conseguente, prescindendo dal controllo del comportamento e della retribuzione, perseguito attraverso la punizione. Sempre all’interno del modello riparativo si osserva con frequenza il ricorso alla pratica della mediazione (ad esempio la Victim Offender Mediation), nella quale è riportata sulla scena anche la vittima del reato, in una vicenda da cui, nonostante sicuramente la riguardi direttamente, veniva tradizionalmente esclusa. Per quanto concerne la questione della de-giurisdizionalizzazione, in paesi come la Gran Bretagna, l’Olanda, il Belgio e la Germania le nuove politiche criminali sono caratterizzate da misure amministrative (di diversion, restorative justice, youth panel conferencing) caratterizzate da un forte intervento dell’autorità locale, con il corrispondente ridimensionamento del ruolo della magistratura ad un controllo formale di decisioni sostanziali22 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  31. 31. 3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment adottate a livello degli organi amministrativi. In Gran Bretagna, ad esempio, la risposta penale appare enormemente diversificata, con l’obiettivo di evitare per quanto possibile il coinvolgimento in prima istanza del giovane autore di reato nel sistema penale. A tale proposito la polizia ha a disposizione una serie di opzioni alternative al rinvio a giudizio: ciò è reso possibile dallo strumento della diversion. In modo simile in Germania un’importante eccezione al principio di legalità è costituita dal potere discrezionale del pubblico ministero di richiedere, in alternativa al rinvio a giudizio, l’archiviazione del caso in concomitanza con l’adozione di misure educative; lo scopo di tale pratica è, analogamente all’esempio della Gran Bretagna, quello di evitare un inopportuno coinvolgimento del minore nel sistema penale e, sopratutto, di privilegiare la riabilitazione e l’integrazione dell’autore di reato nella società civile, rispondendo ad un principio di opportunità sostenuto dalle ricerche empiriche sulla riduzione della recidiva. Un filone comune a tali politiche criminali individua l’adozione di parametri di rischio (risk management) e di indicatori probabilistici (prevenzione attuariale) posti alla base della presa di decisione sulle misure da adottare, e si inserisce nel panorama più ampio della maggiore enfasi posta sulla 23
  32. 32. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services misurazione dell’efficacia delle politiche di prevenzione della criminalità (la cosiddetta “what works” policy). I programmi di intervento oggi, a livello europeo, non possono prescindere da una valutazione dell’efficacia nell’ottica della riduzione delle recidive. I cambiamenti intercorsi a livello di politiche penali hanno dunque portato al declino della filosofia trattamentale, risocializzativa, in favore di obiettivi più legati alla gestione del rischio ed al contenimento del soggetto in un’ottica preventiva. Questi orientamenti si riflettono anche a livello delle metodologie della valutazione del minore. Se infatti in tutta Europa è diffusa la richiesta ai servizi di accertamento della personalità, maturità e circostanze familiari e/o personali del giovane delinquente, le procedure e le metodologie più innovative tendono ad essere rigorose, standardizzate (vedi “Asset”, lo strumento adottato presso i servizi della Giustizia minorile in Gran Bretagna per la valutazione del rischio di recidiva; o BARO, analogo strumento per la valutazione adottato in Olanda e Svizzera), basate su modelli predittivi di tipo attuariale. In Italia, nel confronto con altri Paesi europei, la funzione riabilitativa del sistema penale mantiene tuttavia una grande centralità e questa filosofia di24 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  33. 33. 3. Tendenze recenti nelle politiche penali in Europa Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment intervento è tradizionalmente meno attenta alla questione della valutazione dell’efficacia. Il sistema italiano appare meno snello e l’iter giuridico è poco differenziato in funzione della gravità del reato, così come del livello di rischio, allo stesso modo della risposta penale. In realtà, pochissimi Paesi in Europa si sono dotati, come Stati Uniti e Inghilterra, di specifiche linee-guida per la valutazione del minore sottoposto a procedimento penale, e viene dunque a mancare una formalizzazione delle prassi in questo ambito. Si viene a creare dunque una sorta di iato tra la normativa, che stabilisce ad esempio in che momento processuale ed in quali casi possa essere richiesta una valutazione, o quali siano i servizi e gli operatori deputati ad effettuarla, e la metodologia impiegata nella prassi quotidiana. Per quanto riguarda le questioni di competenza, si rileva che, a livello normativo, in alcuni Paesi, come la Croazia, i servizi territoriali assumono un ruolo preminente, mentre in altri, come il Belgio, il Portogallo, la Spagna, sono i servizi penali specificatamente deputati alla valutazione. In realtà, nella maggior parte dei Paesi Europei, tende a verificarsi una netta distinzione tra la competenza minorile civile e quella penale: l’Italia rappresenta un’eccezione in tal senso, con il giudice minorile competente in materia sia civile che penale. 25
  34. 34. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services In alcuni Paesi, come la Grecia, la richiesta di valutazione sul minore autore di reato tende ad essere orientata ad aspetti sanitari-psichiatrici, oppure finalizzata all’individuazione di problematiche legate all’assunzione di sostanze stupefacenti. L’accertamento di personalità può rappresentare una prassi (ad esempio in Olanda, Slovenia, così come in Italia) oppure essere richiesta solo nei casi più gravi. In particolare, in Germania, la valutazione di personalità del minore prevede da parte del giudice il coinvolgimento diretto degli insegnanti o dei tutor- datori di lavoro, nel caso il minore stia svolgendo un tirocinio lavorativo, ad eccezione dei casi in cui vi sia il fondato rischio che il giovane possa perdere il lavoro a causa della valutazione. In definitiva, la mancanza di linee guida condivise a livello europeo sull’assessment dei minori sottoposti a procedura penale, genera una pluralità di prassi difficilmente confrontabili.26 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  35. 35. 4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment L’Istituto Centrale di Formazione del Dipartimento Giustizia Minorile ha indagato il modo in cui i Servizi Minorili in Italia producono le conoscenze necessarie all’accertamento della personalità del minorenne. L’accertamento della personalità è un nucleo centrale del lavoro dei Servizi, un momento cruciale dell’interazione con la magistratura, e le relazioni prodotte dai Servizi minorili testimoniano nella pratica quotidiana presupposti e metodologie di lavoro, in cui si integrano conoscenze psicologiche, sociali e educative. Le relazioni non sono solo l’espressione delle conoscenze che i servizi raccolgono sulla situazione del minore e sul suo contesto, ma anche di quanto i servizi ritengono utile comunicare alla Magistratura. Tra comprensione e comunicazione vi può essere, infatti, uno scarto significativo, giustificato dall’idea di ciò che da una parte è utile comunicare alla magistratura, senza d’altra parte sconfinare nel terreno di una valutazione dei fatti (il reato), di competenza esclusiva della magistratura, e senza nemmeno rischiare di minare la relazione di fiducia 27
  36. 36. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services con il minore e la sua famiglia, un presupposto indispensabile per garantire l’efficacia dell’intervento. Sono state analizzate relazioni prodotte dai Servizi della giustizia minorile italiani, sia redatte nella fase iniziale della presa in carico, sia in fasi di valutazione avanzate del percorso penale del minore. Il campione è stato costruito in modo che fosse il più possibile rappresentativo delle diverse realtà regionali, nord, centro e sud, e dei diversi Servizi (CPA, USSM, IPM). Sono state raccolte 168 relazioni così distribuite: Servizi: 29 CPA di Roma e Sassari; 75 USSM di Bolzano, Napoli, Roma, Lecce e Torino; 56 IPM di Milano, Catania e Catanzaro. Sesso: 85% maschi. Età: 14-16 anni 9,4%, 16-18 40%, 18-21 12,5%. Nazionalità: italiani 68,8%; gli stranieri provengono in particolare da Romania 8,8% e Marocco 5%. Reati: 37,5% contro il patrimonio, 20,6% contro la persona, 16,9% spaccio e 4,4% altri reati.28 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  37. 37. 4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Le relazioni sono il frutto della collaborazione di più ruoli professionali (assistente sociale, psicologo, educatore) nel 50% dei casi. Quando sono scritte da un solo operatore nella maggior parte dei casi si stratta dell’assistente sociale (33%) e dell’educatore (17%), non dallo psicologo. Le relazioni sono state analizzate sia nella forma della stesura (inizio, contenuto centrale e conclusioni) sia nelle principali aree di contenuto (descrizione del minore, il reato, la famiglia, il contesto, l’intervento, il progetto). Le relazioni, che nella grande maggioranza dei casi sono di due-quattro pagine di lunghezza, iniziano per lo più con il riferimento al reato come capo di imputazione (88%). Lo svolgimento della relazione fa riferimento al minore e ai suoi atteggiamenti e comportamenti e le conclusioni possono contenere sia considerazioni di carattere generale, senza indicazioni specifiche alla magistratura (46%), sia indicazioni (24,4%), sia un progetto articolato (17%). Le informazioni sono costruite attraverso il colloquio con il minore e l’osservazione del suo comportamento nella relazione con i servizi, con la famiglia (54%). Quasi assenti sono i riferimenti a test o griglie codificate 29
  38. 38. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services (5%). Un fonte importante di informazione è costituita da altri servizi del territorio (89%) o da comunità residenziali (24,4%) e scuole (18,2%). Nella descrizione del minore sono frequenti le informazioni sulla famiglia, la scuola o gli impegni lavorativi, e sul modo in cui si rapporta all’intervento della giustizia. In poco meno della metà (46%) delle relazioni vi sono espliciti riferimenti al livello di maturità e a tratti stabili di comportamenti e atteggiamenti (personalità). Nello stesso ordine di frequenza vi sono dati sulla storia evolutiva, con una particolare attenzione agli eventi della vita del minore. Meno frequenti sono invece le notizie sulle relazioni con i pari (38%), gli interessi nel tempo libero (30%), le relazioni sentimentali e sessuali (15%). Diagnosi esplicite di psicopatologia sono presenti solo nel 13% dei casi. Lo stile delle relazioni per la maggior parte dei contenuti è di riportare dati e informazioni, senza una valutazione o un’elaborazione esplicita da parte degli operatori, come a voler sottolineare una dimensione di oggettività dell’informazione. Solo quando si fa riferimento ad atteggiamenti del minore nei confronti degli operatori stessi e dell’intevento dei servizi è più frequente che vi sia una maggiore esplicitazione delle valutazioni da parte dell’equipe, attraverso commenti espliciti.30 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  39. 39. 4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment I riferimenti al reato come capo di imputazione costituiscono normalmente l’avvio della relazione. Nel corso della narrazione, tuttavia, non sono frequenti i commenti sul senso soggettivo del reato o una valutazione di fattori di rischio che possano dare indicazioni sul rischio di recidiva, presenti nel 32% dei casi, con scarsi richiami a precedenti nella carriera delinquenziale, così come sono scarsi i commenti sulla pericolosità sociale. Nel 67% dei casi c’è un riferimento esplicito al rapporto tra il reato e il riconoscimento dell’imputazione da parte del minore. Scarsi sono le informazioni sulla comprensione delle conseguenze sociali del reato, come i danni alla vittima, o sulla percezione di gravità o la capacità di capire il senso del procedimento penale. I riferimenti alle condizioni e alle relazioni famigliari sono frequenti nelle relazioni (90%), che descrivono normalmente i componenti del nucleo famigliare e le condizioni socioeconomiche della famiglia, anche se sono scarsi i riferimenti al territorio di provenienza e alla dimensione multiculturale nel caso di minori stranieri. Nella metà dei casi sono espliciti i riferimenti agli stili educativi e all’atteggiamento nei confronti dell’intervento della giustizia, ma queste informazioni sono per lo più presentate in modo non commentato. 31
  40. 40. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Per quanto riguarda l’intervento, nell’83% dei casi vi sono riferimenti agli interventi dei servizi, passati o attuali. Frequenti sono le notizie sulle reazioni e le posizioni del minore nei confronti del procedimento penale, anche se nelle situazioni in cui è presentato un progetto di intervento gli obiettivi sono normalmente poco esplicitati. In sintesi, è evidente una certa cautela nelle relazioni a fornire informazioni e interpretazioni utili ai fini della delineazione delle caratteristiche personali del minore, probabilmente anche in funzione di non intaccare il diritto di difesa. L’attenzione a fornire informazioni senza esprimere valutazioni o giudizi po’ anche essere l’espressione di un orientamento implicito volto a valorizzare le richieste di trattamento, nella prospettiva di garantire innanzitutto l’alleanza di lavoro con il minore, premessa fondamentale per il trattamento che può seguire la fase di valutazione. L’area del reato che costituisce, con ogni evidenza, la “ragione sociale”dell’intervento dei servizi. All’interno delle relazioni c’è un’attenzione a non fornire interpretazioni o sottolineature sul reato e sul suo significato sociale e personale; risulta, quindi, una dimensione poco utilizzata dagli32 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  41. 41. 4. Attività di valutazione nei servizidella giustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment operatori. Ciò origina probabilmente da una cultura di servizio volta alla tutela da possibili stigmatizzazioni del minore e strumentalizzazioni degli operatori. Tuttavia, su questo aspetto, la ricerca sembra indicare l’utilità di una riflessione ampia, che riesca a proporre l’utilizzo metodologico di questa dimensione, un “fatto, un evento da esplorare, valorizzando una lettura psicosociopedagogica ed evitando, invece, il rischio di sovrapposizioni con una valutazione giuridica. L’analisi effettuata porta a porre una serie di quesiti sul modo in cui i Servizi si rappresentano la domanda della magistratura, in cui costruiscono la risposta, sul rapporto tra informazioni e valutazioni, sull’uso di strumenti e sulla possibile integrazione tra sapere sociale, educativo e psicologico nella conoscenza del minore nella sua relazione con il suo contesto di sviluppo. 33
  42. 42. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services34 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  43. 43. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment All’interno del nuovo processo penale minorile, il ruolo dello psicologo non ha una definizione e una collocazione precisa. Ne è però indirettamente sottolineata l’importanza, accanto ad altre figure professionali, per l’osservazione e valutazione della personalità richiesta dal giudice, intesa sia in termini di risorse e limiti personali sia in termini di risorse ambientali, familiari e sociali. Per quanto concerne le attuali funzioni dello psicologo, si possono individuare due grandi sfere d’azione (obiettivi giuridico/istituzionali): - Attività di valutazione, in fase processuale, ai fini dell’imputabilità, della pericolosità sociale e delle esigenze conoscitive; - Attività di supporto sia in sede processuale, sia in fase di esecuzione della pena. Non si cerca, in sostanza, di rispondere semplicemente al quesito: quali sono le condizioni, le risorse personali, familiari, sociali e ambientali del minore in termini generali, bensì quali sono tali condizioni e risorse in 35
  44. 44. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services rapporto alle possibilità reali di risposta in ambito processuale. La legge sembra chiedere, quindi, per quali condizioni di personalità possono essere dannose, pregiudiziali, utilizzabili quali condizioni processuali; quali misure, collocazioni, prescrizioni, sentenze, possono meglio adattarsi e funzionare per quali minori;quali livelli di contenimento, detenzione e controllo adottare per quali minori a rischio di fuga e di recidiva grave, etc. Il legislatore, quindi, richiede allo psicologo che si operi attivamente sia nella direzione delle condizioni e delle risorse del minore sia nella direzione delle condizioni e delle risorse esistenti ed attivali nel processo. In questo senso le dimensioni e le carenze del minore vanno intesi non come “dati” ma direttamente come domande, sfide e rischi per il giudice e i servizi. Gli obiettivi specifici dell’accertamento da un punto di vista psicologico possono essere: - Screening dei fattori di rischio, come i rischi di comportamenti autolesivi. - Diagnosi clinica, sulla base di valutazioni categoriali (DSM-IV-TR) o dimensionali (come avviene attraverso una valutazione dei diversi aspetti della personalità). - Valutazione dei bisogni del minore attraverso un bilancio evolutivo, nel quadro di una psicologia o psicopatologia evolutiva.36 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  45. 45. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment - Accertamento della maturità e della pericolosità. La pratica del lavoro psicologico nei Servizi della giustizia minorile Dal gennaio 2009 gli psicologi dei Servizi della giustizia minorile sono passati dalle dipendenze del Dipartimento della Giustizia a quello delle Aziende Ospedaliere locali, un cambiamento che ha importanti ripercussioni sulla definizione del ruolo e delle specifiche funzioni da svolgere. Questo cambiamento istituzionale assegna, infatti, ad istituzioni sanitarie la competenza dell’intervento psicologico, lasciando invece alle dipendenze del Dipartimento della giustizia minorile assistenti sociali e educatori, oltre agli agenti di polizia penitenziaria. Ci si può chiedere se questo passaggio porti gli psicologi a privilegiare gli obiettivi diagnostici all’interno del processo di valutazione, in quanto più coerenti con un compito sanitario di intervento, lasciando ad altri operatori il compito di orientarsi ad altri aspetti della valutazione, evolutivi e ambientali. Il passaggio porta ad interrogarsi sugli obiettivi specifici dell’intervento psicologico e in particolare dell’attività di valutazione. 37
  46. 46. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Gli psicologi in Italia operano su base locale regionale e non vi sono al momento linee guida specifiche che traducano in indicazioni operative gli orientamenti del Codice di procedura penale minorile. Gli psicologi che operano nella Giustizia minorile in Italia hanno diverse formazioni teorico-cliniche, differenti collocazioni istituzionali (CPA, USSM, IPM) e diversi possibili rapporti di collaborazione (consulenti, dipendenti). Una ricerca sugli psicologi dei Servizi della giustizia minorile Obiettivi Per avere indicazioni sul modo in cui nella pratica è interpretato il ruolo dello psicologo è stata condotta una ricerca tra gli psicologi che operano nei Servizi della giustizia minorile. Descrivere il modo in cui interpretano il loro ruolo professionale nell’ambito dei Servizi della giustizia minorile, con quali obiettivi, metodi, strumenti e livelli di soddisfazione e insoddisfazione, è una premessa importante per un confronto con il modo in cui le stesse funzioni sono esercitate all’interno del sistema penale di altri Paesi europei. L’indagine è stata condotta attraverso interviste semistrutturate a un campione di psicologi, dipendenti e consulenti, che lavorano nei diversi38 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  47. 47. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Servizi (IPM, USSM, CPA) al Nord, Centro e Sud d’Italia nei Servizi della Giustizia Minorile in Italia. L’intervista ha indagato obiettivi, metodi e strumenti utilizzati nel lavoro psicologico, le rappresentazioni del compito e del ruolo professionale, nella specifica collocazione istituzionale e nella relazione sia con gli utenti sia con gli altri operatori. L’obiettivo era di verificare, al di là del dettato legislativo, in che modo concretamente si svolge il lavoro psicologico all’interno dei diversi Servizi, con quali specifici orientamento e con quali soddisfazioni o difficoltà. Metodo Sono stati intervistati 30 psicologi che lavorano all’interno dei diversi Servizi della Giustizia Minorile in Italia, sia in Centri di Prima Accoglienza, in Istituti Penali Minorili e in Uffici di Servizio Sociale Minorenni. Anche se il campionamento non è stato casuale, è comunque distribuito per esperienza di lavoro, aree geografiche, tipo di Servizio, tipo di rapporto di collaborazione (dipendenti e consulenti). Nell’anno 2008 nei Servizi della giustizia minorile erano impiegati 43 psicologi di ruolo (32 a contatto con l’utenza e 11 svolgevano mansioni formative o avevano altri incarichi istituzionali) e 68 psicologi consulenti 39
  48. 48. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Tabella 1. Campione Psicologi 30 (23 F, 7 M) Età 16 (<45 anni) 14 (>45 anni) Qualifica professionale 9 Psicologi (di cui 3 con specializzazione in criminologia) 21 Psicoterapeuti Tipo di contratto 14 dipendenti 16 consulenti Servizio 15 (IPM) 14 (USSM) 1 (CPA, ma psicologi dell’USSM e IPM lavorano anche in CPA) Area geografica 14 (Nord: Milano, Torino, Genova, Venezia, Treviso) 6 (Centro: Bologna, Firenze, Roma) 6 (Sud: Teramo, Napoli, Bari, Catanzaro) 4 (Isole: Cagliari, Sassari, Catania) Anni di esperienza professionale 18 (<10) nel Servizio 12 (>10) Ore settimanali di lavoro nel 16 (<20) Servizio 14 (>20) La prima parte dell’intervista è stata orientata alla raccolta di informazioni sul ruolo professionale (dati anagrafici, qualifica professionale, tipo di contratto, ore mensili di lavoro, tipo di Servizio in cui si opera). La seconda parte ha indagato sulla funzione e sul ruolo ricoperto dallo psicologo all’interno del Servizio e in modo specifico l’attività di valutazione della personalità, dei bisogni e delle risorse del minore (le aree prese in40 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  49. 49. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment considerazione, il modello teorico di riferimento, gli strumenti utilizzati, il tipo di utenza e le problematiche riscontrate, la percezione dell’efficacia del proprio intervento), con una particolare attenzione allo specifico Servizio (rapporto con gli altri operatori, tipo di collaborazione e livello di integrazione, eventuali conflitti). Le attività Gli psicologi suddividono il loro tempo lavorativo in tre aree principali di intervento: - Il lavoro di osservazione e valutazione della personalità del minore e di sostegno psicologico durante l’iter penale. - Il lavoro sul contesto, i colloqui con i genitori e gli incontri di rete con i Servizi del territorio o con gli educatori delle Comunità, - Gli incontri d’equipe e la stesura di relazioni. Nell’intervista è stato chiesto di stimare in modo approssimativo la percentuale di tempo dedicata alle diverse aree di attività. Questa stima, seppure approssimativa, consente di prefigurare la distribuzione del lavoro. Non emergono sostanziali differenze tra i servizi, se non per il maggior tempo dedicato all’USSM al lavoro con i genitori. 41
  50. 50. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Tabella 3. Tempo dedicato alle diverse attività (stima approssimativa) Attività Valutazione della personalità e 60% sostegno psicologico del minore) Incontri d’equipe, stesura 30% relazioni Colloqui con i genitori e lavoro 10% di rete La quasi totalità degli psicologi considera la valutazione della personalità del minore l’attività principale all’interno del lavoro. Accanto a questa attività è riconosciuta come importante anche quella di sostegno psicologico al minore durante l’iter penale, ma il supporto psicologico e la psicoterapia non sono normalmente considerati l’attività principale. Tutti gli psicologi considerano il lavoro d’equipe e la rielaborazione dell’esito dei colloqui, con la stesura delle relazioni, come molto importante, tanto da dedicarvi una buona percentuale del tempo lavorativo complessivo. Il lavoro d’equipe è inteso come confronto con gli altri operatori di diverse professionalità per favorire la condivisione delle conoscenze sul ragazzo ai fini della costruzione di una valutazione condivisa e di un eventuale progetto.42 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  51. 51. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Poco frequente è la partecipazione alle udienze, con un rapporto generalmente indiretto, quindi, dello psicologo con la Magistratura, mediato dalle relazioni e da altri operatori. Nell’area dell’intervento sul contesto di sviluppo dagli intervistati sono state nominate come attività importanti il lavoro con i genitori e gli interventi di rete con i Servizi del territorio, soprattutto i Sert, le Uonpia e gli incontri con gli operatori delle Comunità. Gli incontri con i genitori hanno una prevalente funzione conoscitiva, innanzitutto con lo scopo di raccogliere informazioni sul minore e in secondo luogo di valutare la risorse del contesto, più che di presa in carico dei genitori con funzioni di supporto psicologico. Gli psicologi che lavorano in USSM svolgono in modo più frequente anche interventi sul contesto (lavoro con i genitori e lavoro di rete), mentre quelli che lavorano in IPM e CPA suddividono maggiormente il tempo lavorativo tra l’attività clinica e i lavoro di equipe. Il lavoro clinico con il minore, in particolare di valutazione, per quanto costituisca l’attività principale degli psicologi, rappresenta quindi complessivamente poco più della metà del lavoro svolto all’interno del Servizio. 43
  52. 52. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Tra gli psicologi intervistati solo un terzo ritiene che questa suddivisione del tempo di lavoro sia adeguata e soddisfacente. La maggior parte ritiene che sarebbe auspicabile incrementare il lavoro clinico diretto con il ragazzo ed in particolare l’attività di supporto psicologico (“Servirebbe più tempo per stare con il ragazzo, sostenerlo durante tutto il percorso”), senza che tuttavia questo incremento vada a scapito del lavoro di equipe e dell’intervento con i genitori, ritenuti comunque importanti. Il problema principale, quindi, sembra essere costituito dalla mancanza di tempo, per le ridotte risorse di personale e per il monte ore complessivo insufficiente. In questo quadro di carenza anche certi adempimenti burocratici vengono svolti con fastidio, anche perché sottraggono tempo al lavoro clinico diretto (“Gli adempimenti burocratici sono una seccatura, tolgono tempo al lavoro con il ragazzo”). Il compito primario Generalmente gli psicologi pensano che il lavoro clinico, inteso sia come valutazione della personalità sia come supporto psicologico del minore, debba rappresentare l’attività principale che sono tenuti a svolgere all’interno dei Servizi, il loro compito primario. Questo compito è44 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  53. 53. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment generalmente inteso come integrato nel lavoro del Servizio, come è confermato tra l’altro il tempo utilizzato per attività di incontro tra operatori e di raccordo con il contesto. Per una parte degli intervistati lo psicologo può avere addirittura una funzione di raccordo all’interno dell’equipe, in quanto il suo contributo può favorire l’integrazione tra i diversi punti di vista dei diversi ruoli professionali (“Lo psicologo è un collante per l’equipe”), in quanto fornisce una chiave di lettura diversa da quella sociale o educativa ai fini della valutazione del minore e della costruzione di un progetto. Vi sono differenze nella descrizione della funzione dello psicologo per tipo di Servizio. In CPA l’intervento psicologico è più orientato al processo valutativo; in IPM appare più importante l’accompagnamento del minore durante la detenzione in vista del supporto alla condizione di restrizione della libertà e della costruzione di un progetto, mentre in USSM il lavoro di valutazione e sostegno è interpretato in un’ottica di trattamento del minore, soprattutto in direzione di una progressiva motivazione al progetto di messa alla prova. La quasi totalità degli psicologi intervistati ritiene che vi possa essere un’integrazione tra gli obiettivi del lavoro psicologico e quelli istituzionali, 45
  54. 54. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services nonostante siano numerose le difficoltà riscontrate nel conciliare i due obiettivi. La mancanza di motivazione a ricevere un aiuto da parte dei minori è un ostacolo anche ad un lavoro integrato, poiché interferisce con la costruzione di una relazione di fiducia come base per l’intervento. Alle difficoltà ad impostare un’alleanza di lavoro con il minore, si uniscono problemi di integrazione tra gli obiettivi dell’intervento psicologico e quelli del sistema penale, che si manifesta anche nella diversità dei linguaggi utilizzati. L’obiettivo di fornire alla Magistratura elementi per un giudizio sul minore può richiedere un lavoro di valutazione molto approfondito, che fornisca una risposta esaustiva e definitiva sulla personalità del ragazzo, sui suoi bisogni evolutivi e sulle sue risorse, sulla psicopatologia, sul livello di maturità e sulla possibilità di reiterazione del reato, sulla sua disponibilità ad un intervento e quindi sul tipo di misura/progetto da attivare per quel ragazzo. L’obiettivo dell’intervento psicologico potrebbe limitarsi a fornire informazioni e indicazioni sui bisogni e le risorse del minore, come elementi della valutazione della sua personalità, con indicazioni generiche sul tipo di progetto sostenibile, che possano aiutare il Giudice a decidere.46 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  55. 55. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Lo psicologo potrebbe anche spingersi a definire in modo preciso la diagnosi clinica, o il livello di rischio o il progetto di intervento. Un problema specifico è costituito dalla difficoltà a conciliare i tempi dell’intervento psicologico con quelli giuridici. L’idea prevalente è che i tempi del cambiamento sia evolutivo sia psicoterapeutico siano più lunghi di quelli dei procedimenti penali, pure non brevi. Solo in qualche caso si sottolinea che la lentezza dei tempi della giustizia può interferire con le esigenze evolutive del minore, rallentandone la realizzazione. Un problema non secondario del lavoro psicologico è costituito dalla generale carenza di risorse, di personale e di ore, che non consente di svolgere valutazioni in modo sufficientemente ampio, prolungato e approfondito. In alcuni casi vi sono esplicite richieste di approfondimento da parte della Magistratura, sia in termini diagnostici sia più propriamente peritali, sia come richiesta di una presa in carico psicoterapeutica, fino alla formulazione di indicazioni anche abbastanza specifiche, che tuttavia si scontrano con la carenza reale di risorse. Una questione che emerge sullo sfondo, anche se non sempre in modo ben delineato, è quanto da una parte lo psicologo o l’equipe degli operatori 47
  56. 56. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services possa essere precisa nella definizione della valutazione, in termini diagnostici o di indicazione di progetto, e quanto dall’altra parte la Magistratura possa essere prescrittiva sulle modalità tecniche di intervento (somministrazione o meno di test, frequenza delle sedute o altro), con un rischio di reciproco sconfinamento. Altre difficoltà nell’integrazione tra gli obiettivi del lavoro psicologico e quelli penali sono prodotte dal prevalere delle esigenze istituzionali di sicurezza, che possono portare a sottolineare funzioni di controllo e al prolungarsi di misure cautelari per ragioni processuali che possono essere poco sintoniche con gli obiettivi di autonomizzazione individuale. D’altra parte, gli psicologi sono consapevoli che il fatto che il loro intervento si svolga in un contesto di obbligatorietà, al di là di alcuni vincoli che comporta, in realtà è di grande aiuto, costituendo un quadro, un setting, per l’intervento, che è indispensabile per una riflessione sul significato del reato e più in generale perché il minore sia più consapevole di sé e del senso del suo coinvolgimento nel sistema penale. Complessivamente su questi temi non emergono differenze significative di opinioni tra gli psicologi che lavorano in IPM, CPA o in USSM. Gli intervistati48 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  57. 57. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment sembrano concordare, quindi in linea di massima, sulla compatibilità tra intervento psicologico ed esigenze istituzionali, pur con la sottolineatura della carenza di tempo e di una certa difficoltà di raccordo con il “linguaggio” e le esigenze della Magistratura. Modello teorico di riferimento Gli psicologi che lavorano all’interno dei Servizi della giustizia minorile hanno modelli teorici di riferimento diversi. Dalle interviste emerge una pluralità di approcci che possono essere raggruppati in quattro aree, in cui l’orientamento psicodinamico sembra prevalente, ma con una buona rappresentanza di orientamenti sistemici e cognitivo-comportamentali: Tabella 4. Modelli teorici di riferimento Psicodinamico 13 Cognitivo-Comportamentale 7 Sistemico-Relazionale 6 Altro 4 E’ importante notare che al di là dell’approccio metodologico generale, solo una parte degli psicologi fa riferimento ad una formazione specifica in psicologia giuridica o criminologia, così come ad una formazione in psicologia dello sviluppo. 49
  58. 58. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services L’accertamento della personalità Gli psicologi riconoscono l’importanza sia di una valutazione complessiva della personalità del minore sia di aspetti specifici, più legati al contesto penale. E’ importante per esempio accanto ad un’osservazione delle risorse personali del ragazzo (affettive, cognitive e relazionali), la valutazione specifica dell’impulsività e dell’aggressività, accanto al modo in cui il minore è disponibile all’elaborazione del reato, le sue capacità progettuali o il livello di rischio psicopatologico. Mentre le aree di valutazione che concernono in modo più specifico il contesto penale sono più sensibili al contesto dell’intervento (IPM, USSM, CPA), la valutazione complessiva della personalità è un compito più comunemente condiviso. Tabella 5. Aree della personalità valutate Aspetti cognitivi (risorse intellettive, deficit intellettivi, capacità autoriflessive) Sviluppo affettivo Area dell’identità sociale50 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  59. 59. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Rischio psicopatologico Contesto famigliare e sociale Controllo dell’impulsività/aggressività Rischio di agiti auto ed etero aggressivi Elaborazione del reato Capacità di adattamento al regime detentivo e al procedimento penale Capacità di progettare il futuro, motivazione al progetto Disponibilità alla relazione psicologica 9. Strumenti Gli psicologi usano come strumento principale il colloquio clinico, al quale circa due terzi degli intervistati affianca l’uso di test. I test più utilizzati sono indicati nella tabella VI. Tabella 6. Test utilizzati Interviste semistrutturate (SCID II) Questionari (YSR e TRF di Achenbach, MMPI) Test cognitivi (WAIS, WISC, Matrici di Raven) Test grafici (Disegno della famiglia, figura umana) Test proiettivi (Rorschach, TAT, Blacky Pictures) 51
  60. 60. Valutare per decidere - The assessment of young 1 dicembre 2010 offenders in juvenile justice services Altri test utilizzati sono i test grafici, il Questionario sul disimpegno morale, OSQR (un questionario sul Sé), l’MRO (Modello delle relazioni d’oggetto), il TMA (test multidimensionale sull’autostima), l’MQR (che rileva indici di ansia, fobia, depressione e isteria), il FACS, l’SCL 90. Dalle interviste emerge che il materiale testistico è molto diversificato sia rispetto alla tipologia dei Servizi sia rispetto alla loro localizzazione, come se vi fosse una cultura locale di uso del materiale, a parte alcuni test più utilizzati come il test di Rorschach tra i proiettivi. Non sembra di poter riscontrare una diretta corrispondenza tra il modello teorico di riferimento dichiarato e l’utilizzo di specifici test. Molti psicologi utilizzano, indipendentemente dall’approccio teorico, diversi tipi di test (sia proiettivi sia cognitivi) anche se i test proiettivi (in particolare il Rorschach) sono utilizzati soprattutto da coloro che hanno un approccio psicodinamico. Collaborazione con altri operatori Le figure professionali con le quali gli psicologi lavorano prevalentemente sono gli assistenti sociali e gli educatori. Emergono comunque delle differenze rispetto alle tipologie di Servizio.52 Prevention and Fight Against Crime 2007 With financial support from the Prevention of and Fight Against Crime Programme European Commission – Directorate-General Justice, Freedom And Security
  61. 61. 5. L’intervento psicologico nei servizi dellagiustizia minorile Italian Network for Young Offenders Assessment and Treatment Se, infatti, in USSM gli psicologi individuano nell’assistente sociale la figura professionale con la quale collaborano maggiormente, seppure possono entrare in contatto con figure educative, in IPM e CPA è l’educatore (insieme comunque all’assistente sociale che viene considerata una figura importante) la principale figura professionale con la quale gli psicologi lavorano. In realtà, le figure con le quali gli psicologi entrano in contatto sono molteplici, non solo gli agenti, ma anche i mediatori culturali, gli insegnanti e altri operatori di diversa professionalità dei servizi territoriali. La quasi totalità del campione intervistato è soddisfatta della collaborazione tra operatori di diversa professionalità, per quanto non esente da difficoltà di comunicazione, linguaggio, competenze e obiettivi diversi, competizione tra i ruoli. Più in generale gli psicologi lamentano uno scarso riconoscimento di ruolo, un eccesso di discrezionalità nella segnalazione, ma soprattutto una ridotta disponibilità di tempo e risorse adeguate. Le opinioni degli psicologi intervistati si suddividono equamente sia rispetto al tipo di problematica riportata sia alla tipologia del Servizio di appartenenza. 53

×