Alfio Maggiolini - Psicoterapia della Crisi Evolutiva

905 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
905
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
194
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Alfio Maggiolini - Psicoterapia della Crisi Evolutiva

  1. 1. PSICOTERAPIADELLA CRISI EVOLUTIVAAlfio Maggiolini
  2. 2. 2La psicoterapia cambia• La psicoterapia ha più di cento anni.• E’ una pratica, più che una scienza, culturalmentesensibile.• Cambiano i problemi.• Cambia la domanda di aiuto.• E’ necessario, quindi, che cambi la risposta.
  3. 3. 3Psicoterapia psicoanalitica, oggi• Proliferare di modelli di psicoterapia e dipsicoterapia psicoanalitica (non una, ma moltepsicoanalisi).• Nella pratica nessuno psicoterapeuta lavora inaccordo con i principi di una sola teoria e tecnica.• Due approcci dominanti:- mentalizzazione - simbolizzazione;- relazionale - intersoggettivo.
  4. 4. 4Come si cambia?Due modi di favorire il cambiamento:• L’insight (mentalizzazione o simbolizzazione):comprendere il comportamento interpersonale intermini soggettivi e emotivi, di intenzioni; verbalizzareil non detto.• Un’esperienza positiva di relazione, in una buonaalleanza terapeutica, che modifica gli schemirelazionali interiorizzati dall’infanzia (esperienzaemotiva correttiva).
  5. 5. 5Questioni aperte• Riferimento alla mentalizzazione troppo generico.• Sopravvalutazione della realtà della soddisfazione deibisogni affettivi nella relazione terapeutica.• Individualismo nella relazione terapeuta-paziente:scarsa attenzione alle condizioni sociali.• Problemi definiti come sintomi o modi di essere(personalità), più che come impossibilità di fare fronte aqualcosa (il problema come lo vive il paziente).• Scarso rapporto tra processo terapeutico e risultati.• Rischio di durata del trattamento correlata al metodo.
  6. 6. 6La psicoterapia in pratica, oggi• Focalizzata sui problemi.• Intervento sul contesto (genitori).• Breve, per necessità economiche.• La psicoterapia non “una volta per tutte”.• Setting diversi.• Non psicoterapie adatte per tutti i pazienti, di tutte leetà e per tutti i tipi di problemi.• Integrazione di diversi modelli teorici e tecnici.• Integrazione interprofessionale.
  7. 7. 7Crisi nel ciclo di vita• Quale teoria può giustificare la psicoterapiaattuale?• Adolescenza come paradigma del cambiamentonon lineare, metamorfosi.• Estensione a diversi punti di svolta (turning point)nel ciclo di vita.• Crisi come rottura e come opportunità.
  8. 8. 8Psicopatologia evolutivae psicoterapia evolutiva• Relazione tra psicopatologia e blocco evolutivo(psicopatologia evolutiva).• E tra cambiamento evolutivo e psicoterapeutico(psicoterapia evolutiva).• Psicopatologia come crisi (breakdown) della capacitàdel paziente e/o del suo ambiente di modificare i modidi affrontare i problemi posti dalla fase dello sviluppo.• Psicoterapia orientata alla comprensione e alsuperamento della crisi (decisione) per riattivare lepotenzialità di cambiamento.
  9. 9. 9Una storia non raccontata• La crisi evolutiva è necessità di cambiare eimpossibilità di cambiare.• La patologia è l’impossibilità di aprirsi al nuovo, diuscire dalla ripetizione di schemi.• La psicoterapia della crisi è un aiuto a superare questicrocevia.• La crisi è un storia senza trasformazione.• La psicoterapia è un processo di ri-simbolizzazione ori-narrazione (non solo verbalizzazione, matrasformazione narrativa).
  10. 10. 10Cambiamento evolutivo, terapeutico enarrativo• Diverse metafore del cambiamento: guarigione,conversione, crescita, apprendimento.• La psicoterapia dell’adolescenza è una trasformazionedell’idea di sé.• L’inconscio è un compito non realizzato, una storiabloccata.• La “cura di parole” trova una nuova storia, introducendonuovi punti di vista che modificano il senso.• Non recupero di ricordi, ma riaprirsi al futuro, affrontarenuovi compiti e cambiamenti di ruolo.
  11. 11. 11Psicopatologia e problemi evolutivi• La prospettiva evolutiva non è per problemi lievi.• E’ una diversa dimensione: schizofrenia, disturboantisociale di personalità, disturbo del comportamentoalimentare, abuso di sostanze, fobie, depressioni hannoun’importante dimensione evolutiva.Evolutivo significa:• Relazione tra disturbi e problemi fase specifici.• Attenzione al punto di vista del soggetto, al contesto.• Il disturbo non è una malattia, dentro la persona, ma unmodo disfunzionale e dannoso di affrontare un problema.
  12. 12. 12Confronto fra tre paradigmiMedico-psichiatrico: Tecnica, sintomi, protocollo,importanza della diagnosi differenziale. Problemi comemalattie.Relazionale: Diagnosi durante il trattamento, valutazionedi trattabilità, sintonizzazione invece che protocollo, qui eora, comprensione emotiva e mentalizzazione. Problemicome modi di essere e di entrare in relazione.Evolutivo: Bilancio evolutivo, compiti bloccati, posizionedel soggetto nel contesto (nel suo valore simbolico),trasformazione nel modo di affrontare problemi attualidella vita.
  13. 13. 13La teoria: l’inconscio è la regola• L’inconscio è strutturato come un insieme di ruoli affettivi(struttura elementare della parentela).• E’ un sistema di relazioni organizzato in funzione di uncompito che viene perseguito in base a valori (ideali) diversiper ogni ruolo.• Ogni ruolo (madre, padre, figlio, maschio, femmina,dominante/dominato, nemico, estraneo) ha un proprio sistemamotivazionale, un ideale, un insieme di valori, un codiceaffettivo.• In Freud la struttura dei ruoli affettivi era l’Edipo, ma cipossono essere altri miti (modi in cui si strutturano i ruoliaffettivi) più o meno patologici.
  14. 14. 14La teoria: ruoli e struttura del soggetto• La struttura affettiva della parentela è alla base di:- Relazioni interpersonali primarie.- Processi di simbolizzazione metaforica nelle relazioni.- Sistemi di valori (dipendenza, accudimento,combattività…).• La personalità (struttura) è un modo stabile di relazione tra iruoli che produce uno stile individuale nella regolazione tradiverse istanze: desideri, senso del limite e del dovere,aspirazioni, potenzialità o inadeguatezze (Io, Es, Superio eideale dell’Io).• Le modalità (volere, potere, dovere, sapere) risultato di unadinamica di valori affettivi.
  15. 15. 15La narrazione“Sento ancora io stesso un’impressione curiosa per il fattoche le storie cliniche che scrivo si leggono come novelle eche esse sono, per così dire, prive dell’impronta rigorosadella scientificità. Devo consolarmi pensando che di questorisultato si deve evidentemente rendere responsabile più lanatura dell’oggetto che le mie preferenze” (Freud, OSF 1, p.313).• La psicoterapia trova soluzioni a storie che non hanno viad’uscita, come un sogno che non si risolve, e che perquesto non può che ripetersi.• La ri-narrazione è l’elaborazione del mito individuale piùche della storia, non riguarda la verità, ma il senso.
  16. 16. 16Due interpretazioni• Per Fornari il codice ha due significati: traduzione (es.linguistico) e prescrizione (es. della strada).• Due tipi di interpretazione:1. Interpretazione descrittiva: ricerca di senso soggettivo(simbolizzazione affettiva).2. Interpretazione trasformativa: una nuova prospettiva suiproblemi, un nuovo codice o sistema di valori(risimbolizzazione, mutativa).• La trasformazione del senso è nella relazione interna aisignificati, non tanto nell’adeguamento alla realtà esterna(verità) o alla realtà interna (sincerità o autenticità).
  17. 17. 17Risimbolizzazione• La psicopatologia è ripetizione che impedisce lo sviluppo.• La ripetizione è dovuta a confusione o rigidità tra ruoli evalori.• Rigidità: impossibilità di vedere aspetti positivi didipendenza o indipendenza, di eccitamento o rilassamento,ecc.• Confusione: dipendenza come sottomissione, autonomiacome isolamento, amore come possesso, autostima comeonnipotenza ecc..• La flessibilità nella simbolizzazione (democrazia degliaffetti) consente una equilibrata regolazione.
  18. 18. 18L’inconscio pensa e parla• L’inconscio può essere una qualità (non-conscio,esperienza non verbalizzata), un contenuto (un impulso) oun sistema di simbolizzazione (un modo di pensare).• Nella prospettiva dei codici è un insieme strutturato di ruolie di valori, che simbolizzano, giudicano e regolano lerelazioni.• L’interpretazione individua la simbolizzazione affettiva eprova a trasformarla, introducendo una nuova prospettiva.• Questa trasformazione può passare dalla parola(verbalizzazione) o da esperienze (azioni simboliche), nonnecessariamente consapevoli (il sogno trasforma al di fuoridella coscienza).
  19. 19. 19In sintesiMentalizzazione RelazioneSimbolizzazione IntersoggettivaPensiero AzioneInterpretaz - Metafore Esperienza relazionaleRuoli e compitiDecisioneRisimbolizzazione - Trasformazione narrativa creativa
  20. 20. 20Quale psicoterapia psicoanalitica per lacrisi evolutiva• Problemi non definiti solo in base alla patologia o allapersonalità, ma alla situazione: adozione, preadolescenza,rapporto con il corpo, malattia fisica, la scuola, internet, ecc.• Interventi sul contesto e sul soggetto.• Tiene conto della dimensione sociale dei problemi.• Aperta a collaborazioni interprofessionali.• Organizzare il futuro attraverso la comprensione del bloccoattuale.• Cambiamento come espressione di una rinarrazione cheporta a nuove decisioni.

×