Bimbirimbò ottobre 2011

906 views

Published on

A pag 8 l'articolo "Celia che? Celiachia" di Elena Sironi

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
906
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Bimbirimbò ottobre 2011

  1. 1. Conservare lo spiritodell’infanzia dentro di séper tutta la vita vuol dire conservare la curiosità di conoscere il piacere di capire la voglia di comunicare. Bruno Munari Un nuovo magazine per le famiglie! Informazioni utili e concrete alla portata di genitori e figli.
  2. 2. SommarioEDITORIALEIl perchè di BimbirimbòUn free press dedicato all’infanzia. 5 Se mi capovolgi potr aiUn nuovo strumento pensato per facilitare il ménage colorare e impararedell’azienda famiglia grazie ad informazioni utili e divertendoti!concrete, alla portata di genitori e bambini.WEEKEND & VACANZE SALUTE & ALIMENTAZIONEParco Giardino Sigurtà: un paradiso botanico adue passi dal lago di Garda. 6 8 Celia che? CeliachiaUn’oasi naturalistica a due passi dal lago di Parliamo di Celiachia. Questo mondo visto dall’As-Garda, vicinissima a Mantova e Verona: che sia sociazione Italiana Celiachia Lombardia Onlus. 10primavera, estate o autunno chi visita il Parco Pedagogia clinica:Giardino Sigurtà rimane affascinato dai suoi un nuovo approccio all’educazionescorci pittoreschi, dai panorami indimenticabi- Una disciplina per il benessere psicofisico eli e dalle varietà floreali. sociorelazionale della persona.MI PRESENTO GREEN & CO.La cooperativa sociale Minerva, dieci anni diqualità educativa 12 14 A lezione di sostenibilità con gli eco-arredi Palm DesignUna realtà che opera nel settore socio- Un progetto di riutilizzo del prodottoassistenziale ed educativo per minori pallet per gli eco-arredi di design.ispirandosi ai principi della cooperazione.ASSOCIAZIONI & SOLIDARIETà SPECIALE “IL MONDO DI PIPPI”Amici.net: la tua AssociazioneUn gruppo di genitori al servizio 17 19 L’appuntamento annuale creato per far giocare e divertire bimbi, ragazzidelle famiglie. e non solo…
  3. 3. il perchè di bambini. Un vademecum per la gestione quotidiana di problemi grandi e piccoli, ma anche una guida pratica BimBirimBò per mettere a fuoco temi legati alla salute e all’ali- mentazione, al gioco e al tempo libero, alla scuola e alla lettura, all’ambiente e alla solidarietà.Magazine n. 0 - Ottobre 2011 L’idea della rivista nasce dal desiderio di mettere in circolo, attraverso i canali mediatici, i contenuti e le esperienze emersi con il “Mondo di Pippi”, la mani- festazione dedicata all’infanzia e alla famiglia che lo scorso anno ha riunito a Gonzaga oltre 12mila perso- ne. L’obiettivo è quello di proseguire il dialogo con i genitori, i bambini, gli specialisti e gli addetti ai lavori che hanno preso parte alla manifestazione, per met- tere a disposizione un’informazione di servizio utile, autorevole e amichevole. Il magazine è pensato inDIRETTORE RESPONSABILE PER LA VOSTRA PUBBLICITà ogni dettaglio, dai contenuti, organizzati in rubrichePaola Alberti Esprit s.r.l. che alternano contributi specialistici a servizi gior-DIRETTORE EDITORIALEMargherita Vizio Tel. 0535.611.295 esprit@espritsrl.com T re risvegli, tre colazioni, tre “consegne” a scuola. Poi, tre pranzi, tre compiti, tre opzioni a rota- zione tra momenti di gioco, sport, compleanni, visite nalistici, alla veste grafica, studiata per una lettura piacevole. mediche o riunioni scolastiche. Infine, tre docce, tre E per i bambini?REDAZIONE E CONTRIBUTI cene, tre racconti più coccole della buonanotte. In Basta girarlo a testa in giù, e Bimbirimbò diventa unAlice Cavallini mezzo, la vita mia e di mio marito, vale a dire scam- giornalino con giochi, favole, fumetti e quiz per nu-Lisa Remondi “Bimbirimbò numero zero: una nuova avventura è poli di tempo rubacchiati ai tre turni domestici che trire menti fresche, sempre a caccia di nuovi stimoli. scandiscono in maniera imperiosa le nostre esistenze.PROGETTO GRAFICO E IMPAGINAZIONE incominciata.” Buon divertimento Sono una mamma di tre bambine che fa anche la gior- Buona lettura e...Studio Grafico KINA snc (www.kina.it) La maggior parte dei contenuti di questa uscita sono nalista, e so bene quanto può essere utile un’infor- mazione mirata e facilmente reperibile nel gioco diSTAMPA legati alla seconda edizione del Mondo di Pippi. incastri di un’intensa vita familiare. Paola AlbertiArti grafiche U. SonciniGuastalla (Reggio Emilia) L’obiettivo futuro è quello di essere sempre più vicini alle Per questo penso che l’incontro con l’editrice di Bim- Direttore Bimbirimbò birimbò non sia stato casuale, perché tra anime simili esigenze dei bambini e delle famiglie. ci si riconosce. Bimbirimbò è il free press dedicatoEDITOREEsprit s.r.l. all’infanzia, un nuovo strumento pensato per facili-Via I° Gennaio 1948, 7 tare il ménage dell’ ”azienda famiglia” grazie ad in-41037 - Mirandola (MO) BIMBIRIMBò è un progetto Esprit srl - Mirandola MO formazioni utili e concrete, alla portata di genitori e EDITORIALE 5
  4. 4. pArcO GiArdiNO SiGUrTà: UN pArAdiSO BOTANicO A dUe pASSi dAl lAGO di GArdA Per informazioni sui percorsi e le tariffe contattare l’Ufficio Visite Guidate e Didattica - tel: 045/6371033 int. 2, fax: 045/6370959 - guide@sigurta.it U n’oasi naturalistica a due passi dal lago di Garda, vicinissima a Mantova e Verona: che sia primave- ra, estate o autunno chi visita il Parco Giardino Sigur- didattica e presenta un’area pic–nic al coperto, per i più piccoli e per le famiglie. La mission del Parco Giardino Sigurtà è ispirata ai ver- Per la stagione 2012, l’Ufficio Visite Guidate e Didat- tica è lieto di presentare i nuovi percorsi, frutto della collaborazione con i Musei Civici di Verona e con le glioso mondo delle api e dei fiori. - Noi e il Parco per i ragazzi delle scuole secondarie. Due sono le proposte nella Fattoria Didattica: Cono- tà rimane affascinato dai suoi scorci pittoreschi, dai si del Messaggio della Fratellanza del filosofo Seneca, motonavi della Naviandes di Mantova. sciamo gli animali, qua la zampa! e Quando gli animali panorami indimenticabili e dalle varietà floreali. riprodotti su una stele posizionata all’interno del Par- Città, Giardini e Labirinti è un percorso che si svolgerà ci fanno ridere. Grazie alle diverse attrazioni naturali il Parco offre co stesso: “La terra è un solo paese, siamo onde del- tra gli Scavi Scaligeri di Verona e il Parco, per cono- Dalla collaborazione tra il Parco Giardino Sigurtà e la possibilità di passare una giornata piacevole e di- lo stesso mare, foglie dello stesso albero, fiori dello scere il labirinto di una città romana e il labirinto di la Fondazione Brescia Musei, nascono tre itinerari: vertente, a contatto con la natura, passeggiando o stesso giardino”. I valori che caratterizzano le attività siepi. Altra novità è il percorso Fotografi in erba, per C’era una volta il giardino, Con l’occhio del pittore e percorrendo i viali a bordo di comode golf cart! La del Parco sono infatti: scoprire il lavoro del fotoreporter e metterlo in pra- Segni e colori nel paesaggio. nuova attrazione della stagione 2011 è il Labirinto: i - la promozione della cultura della condivisione: tica al Giardino! Piccoli naturalisti crescono porterà i visitatori del Giardino possono infatti addentrarsi in delle emozioni suscitate dal paesaggio, del sentimen- bambini tra il Museo di Storia Naturale al mattino e il Per scoprire tutti i percorsi nei mesi di ottobre e no- un coinvolgente percorso di siepi alte e fitte, al centro to di appartenenza ad una comunità che unisce e pa- Parco nel pomeriggio, tra i segreti di una collezione vembre, il Parco Sigurtà propone agli insegnanti wor- del quale sorge una torre e arrivarci sarà una vera e rifica tutti gli uomini al cospetto della Natura; botanica e le meraviglie del Giardino. kshop gratuiti per presentare le offerte didattiche per propria ricompensa della soluzione, poiché dall’alto - l’educazione all’ambiente e al contatto diretto con Tanti altri percorsi ancora qui al Parco! l’anno scolastico 2011-2012. si potranno ammirare le geometrie del percorso stes- la Natura; - Il Parco incantato dello scoiattolo Tà per le scuole Gli incontri, riservati ai docenti della scuola d’infan- so e le altre attrazioni naturali del Giardino. Un’al- - la sensibilizzazione dell’individuo al confronto con dell’infanzia. zia, primaria e secondaria di primo e secondo grado, tra grande attrattiva è la Fattoria Didattica: l’antica il prossimo e con la Natura come fonte di arricchimen- - Il Parco ci racconta per conoscere la storia del Giardino. prevedono anche un piacevole tour guidato del Giar- fattoria del Parco è stata trasformata in area ludico- to interiore. - Siamo tutti giardinieri, Caccia all’albero, il Meravi- dino.WEEKEND & VACANZE 6 7
  5. 5. celiA ché? L’incontro con i bambini è quello che più ci ha coinvol- to, entusiasmato ed emozionato in alcuni casi. L’ener- celiAchiA gia e le potenzialità dei bambini sono spesso sorpren- denti così come la loro capacità di rispettare, capire ed accettare senza pregiudizi le diversità altrui. Per individuare strategie e strumenti idonei a comunicare in maniera efficace e accattivante in base alla fascia di età si è focalizzata la ricerca di collaborazioni nel mondo della psicologia e pedagogia. L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano con il L’Associazione Italiana Celiachia Lombardia Onlus si racconta centro studi MEAN ci ha aiutato nell’elaborazione del- e ci introduce nel mondo della celiachia. le prime due “fiabe terapeutiche” pensate per 1°,2° Elena Sironi, Responsabile Alimentazione Fuori Casa e elementare e 3°,4°,5°. Una psicologa – Rosa Rita For- Scuole AIC Lombardia Onlus mica – ci ha supportato nella realizzazione della fiaba per i bambini dell’infanzia dal nome La vecchia Igea e gli amici del bosco. Due arte terapeuti – Fiorenzo e Stefania – animano burattini di animali, orchi e maghi L a celiachia è una intolleranza permanente al glu- conta 11.500 iscritti e arriva capillarmente in tutte le come pilota nell’anno scolastico 2007-2008 e da allora nello spettacolo teatrale inscenato per raccontare la tine, una sostanza proteica presente nel grano, province lombarde in ognuna delle quali c’è un pro- prosegue, con qualche piccolo ritocco, mantenendo storia di Ciccio il riccio, il protagonista de La vecchia segale, orzo, avena, farro, triticale, spelta, ka- prio referente. Le finalità fondanti di AIC sono: inalterata la propria capacità di informare, coinvolge- Igea. Una cooperativa di psicologi e pedagogisti – Spa- mut, che si stima abbia nel nostro Paese un’incidenza - Facilitare le diagnosi mediante la maggiore cono- re ed attrarre grandi e piccini. zio Giovani – entra nelle classi primarie e intrattiene di 1 celiaco ogni 100 nati, quindi circa 600.000 celiaci scenza della malattia presso la classe medica, le isti- Diviso in due sezioni, una per l’infanzia (denominata gli alunni con le attività sulla celiachia. Un cocktail di cui diagnosticati poco più di 100.000. tuzioni, i media e la popolazione. Baby) ed una per le primarie, in fuga dal Glutine pre- di esperienze e risorse messe al servizio dei piccoli La celiachia è una malattia genetica, si nasce, quindi, - Migliorare la qualità di vita del celiaco. vede due momenti formativi: celiaci e delle loro famiglie. AIC Lombardia Onlus ha predisposti anche se le manifestazioni possono insor- I progetti e le attività promosse a tale scopo sono - il primo rivolto ai dirigenti, al corpo docenti, a tutto voluto trasformare questo materiale prezioso in due gere a qualsiasi età. numerosi e alcune di esse di vera eccellenza, basti il personale operante nella scuola aperto anche a ge- kit, così che restassero alle scuole e ai bambini stessi. L’unica terapia ad oggi possibile è la dieta senza glu- pensare al progetto Alimentazione Fuori Casa, che ha nitori e cittadini; I kit dal nome “Le storie di Nova Celi” e “La vecchia tine, da seguire con rigore per tutto il resto della pro- dato vita ad un network in Italia di più di 2.000 strut- - il secondo dedicato ai bambini della classe in cui è Igea” sono composti da un libro fiabe corredato da pria vita, in quanto di celiachia non si guarisce. ture informate in grado di offrire un servizio idoneo presente il bambino celiaco. sezioni di giochi; 1 DVD o 1 CD a seconda del kit; 1 A tutela e al servizio del celiaco nasce nel 1979 a Mi- al celiaco. Il progetto, però, che da più da vicino ri- L’incontro con gli adulti è tenuto da professionisti AIC dispensa per l’adulto. lano da un gruppo di genitori l’Associazione Italiana guarda i bambini è IN FUGA DAL GLUTINE. Rivolto alle Lombardia Onlus, per spiegare cosa è la celiachia, cosa Celiachia (AIC), che cresce negli anni e nel 1999 si scuole dell’infanzia e primarie ha lo scopo di sensibi- comporta essere celiaci: seguire una dieta, ma sulla Per approfondimenti e ulteriori informazioni su AIC struttura in Federazione di 19 Regioni socie con un lizzare i bambini verso la celiachia attraverso giochi base di quali scelte alimentari e cosa vuol dire conta- Lombardia Onlus e sul progetto In fuga dal Glutine, totale di circa 65.000 soci. e spettacoli, il tutto calibrato a seconda della fascia minazione, altro aspetto importante nella gestione di consultare il nostro sito www.aiclombardia.it, scrive- AIC Lombardia Onlus è una socia, ha sede in Milano, di età. Questo progetto viene lanciato in Lombardia una corretta alimentazione per l’intollerante. re a segreteria@aiclombardia.it, Tel/Fax 02/867820.SALUTE & ALIMENTAZIONE 8 9
  6. 6. pedAGOGiA cliNicA: drando il disagio che la persona avvisa e indagandolo a trecentosessanta gradi; di fronte ad un problema di UN NUOVO ApprOcciO scrittura, ad esempio, non si limita a verificare solo le abilità della letto-scrittura, ma va ad osservare All’edUcAZiONe l’espressività motoria, la sfera affettivo-relazionale, la personalità, la componente cognitiva. Il problema viene letto da molteplici punti di vista, in quanto, i fattori che vanno ad inficiare gli appren- dimenti spesso sono di varia natura e strettamente correlati tra di loro. Durante la fase diagnostica, di raccolta di tutte le informazioni utili per capire il problema, lo specia- lista si avvale anche del confronto con le insegnan- Dott.ssa Giorgia Scacchetti ti: il Pedagogista Clinico esce dallo studio e va nelle scuole a conoscere il punto di vista dei docenti, che confrontato con il racconto dei genitori e gli elementi osservati in studio, contribuisce a chiarire il quadro I l 16 ottobre 2010 a Mirandola si inaugura il Centro a quelle fornite da questi enti, ma al contrario vuol saper coniugare conoscenze, fatti ed esigenze, da cui della situazione. Pedagogico Clinico, una struttura professionale nuo- affiancarsi con spirito di dialogo e confronto in un ipotizzare e ordinare modalità e strumenti adatti per L’intervento educativo che opera il Pedagogista Clini- va nel suo genere che propone, nel territorio posto continuo scambio informativo e progettuale, offrendo iniziare e far seguire un’attività di aiuto alla perso- co, ha quindi un carattere olistico, cioè indaga il di- tra il basso mantovano e il modenese, nuovi impor- ulteriori servizi educativi e ri-educativi a favore della na. Un intervento pedagogico clinico, suffragato da sagio della persona senza lasciare nulla al caso o alle tanti strumenti di aiuto alla persona, ponendosi come persona intesa in tutte le sue fasi evolutive. scambi interattivi, simpatetici, da un sostenuto cli- coincidenze, ma procedendo con dinamiche e meto- obiettivo primario il dialogo e la collaborazione con Il bambino, il ragazzo, l’adulto, l’anziano, il singolo, ma di serenità, dalla chiarezza della libertà dal soli- dologie proprie, brevettate, che rispondono all’asso- i servizi di assistenza alla comunità già esistenti sul il gruppo o la coppia, in situazione di bisogno, trovano do equilibrio, da una grande capacità di dare, che in luto criterio della scientificità. territorio, operanti specifici interventi nelle situazioni in questa nuova figura professionale input evolutivi; situazioni di scambio produce armonia e coerenza nei L’intervento pedagogico clinico, è un intervento edu- di disagio. un professionista consapevole che la complessità del- costrutti educativi. cativo o rieducativo, che vede la persona coinvolta Il Centro Pedagogico Clinico va quindi a porsi al fianco la persona e, conseguentemente, dei potenziali disagi Questo specialista, si occupa dell’educazione della in una relazione di fiducia e di condivisione; tale in- di quei servizi quali la Neuropsichiatria infantile del da essa sofferti, richiede spesso la creazione di nuovi persona, intesa come unità psicofisica, cioè, di fronte tervento è desunto da una diagnosi precedentemente Distretto Socio Sanitario locale, già punto di riferimen- equilibri e la sinergia di molteplici professionalità. al disagio della persona, il Pedagogista Clinico, non si stilata. Il Pedagogista Clinico utilizza metodologie e to per le famiglie presentanti necessità di interventi All’interno della struttura opera il Pedagogista Clini- limita solo all’indagine del disagio stesso, ma procede tecniche in continuo aggiornamento proprio per ri- specifici, non dimenticando sicuramente l’importan- co, uno specialista che con solide basi teoriche ed una alla lettura di tutte le informazioni che lo conducono spondere in maniera precisa alle esigenze educative te collaborazione con i servizi educativi scolastici del formazione pratica, ha sviluppato un modo di essere e ad una conoscenza approfondita del soggetto in ogni della persona in continua evoluzione. territorio: quali la scuola primaria e secondaria. di operare con sicurezza, nonché una genuina e aper- sua componente: fisica e psichica, senza trascurare la Si intende qui puntualizzare il fatto che il Centro, ta modalità di comunicare con gli altri. dimensione emotiva, affettiva e relazionale. www.pedagogisticlinicimantova.it non vuol certamente sostituire le proprie prestazioni Compito peculiare del Pedagogista Clinico è quello di Questo professionista procede la sua diagnosi, inqua-SALUTE & ALIMENTAZIONE 10 11
  7. 7. lA cOOperATiVA SOciAle miNerVA, dieci ANNi di QUAliTà edUcATiVA C ooperativa Sociale “Minerva” nasce nel 1999 di assistenza domiciliare educatica, attività di pre e collaborazione con il Consorzio Quarantacinque, co- dalle radici dell’omonima Associazione di vo- post-scuola. ordina e cura l’organizzazione delle proprie attivi- lontariato. Si ispira ai principi su cui si fonda la La Cooperativa opera nel settore socio-assistenziale tà, promuovendo il consolidamento e lo sviluppo del Cooperazione, perseguendo l’interesse generale della ed educativo per minori, e si caratterizza per: elasti- proprio patrimonio tecnico e professionale, al fine di comunità nella promozione dei valori umani tramite cità e dinamicità verso le nuove esigenze di un merca- potere garantire ai propri partner (Enti, Istituzioni, l’integrazione sociale dei cittadini e le attività socio- to in continuo divenire, apertura all’innovazione, for- Associazioni e società sportive) garanzia di qualità e educative-assistenziali per minori. Minerva è iscritta mazione continua dei propri operatori, orientamento serietà nelle operazioni. alla “Lega delle Cooperative” e aderisce da quattro alla continuità aziendale, ricerca dell’equilibrio e del Il nostro metodo di lavoro pone al centro l’esigenze anni al Consorzio di Cooperative “Quarantacinque” di potenziamento delle risorse, crescita occupazionale. del committente (singolo, Ente Pubblico o privato che Reggio Emilia, che opera sia a carattere territoriale, La Cooperativa Sociale Minerva opera in Lombardia sia) e, alla base, la capacità relazionale tra operatori. che nazionale. Nel Mese di Febbraio 2011 la Coope- (nella provincia di Mantova), in Emilia Romagna (nella All’interno della nostra équipe, sono presenti figure rativa Sociale Minerva ha ottenuto la Certificazione provincia di Reggio Emilia) e nel basso veronese; col- professionali diverse ed altamente qualificate, che del Sistema Qualità in conformità alla normativa UNI labora con 20 enti pubblici per la gestione di servizi insieme riescono a costruire una visione d’insieme EN ISO 9001/2000 per la progettazione ed erogazione socio-educativi-assistenziali per minori, ed ha la ge- completa sulle problematiche educative e sull’orga- di servizi di: Asilo Nido-Micronido, Ludoteche, cen- stione completa di 3 strutture per la prima infanzia, nizzazione dei servizi educativi. tri di aggregazione giovanile, centri ricreativi diurni mentre nel settore adolescenza le strutture in gestio- Vantiamo professionisti quali: pedagogisti, psicologi, estivi (CRED), servizi di tempo integrato scolastico, ne complete sono 2 (Spazio Giovani, Ludoteca). educatori professionali, atelieristi. assistenza educativa ad personam per minori, servizio La Cooperativa Sociale Minerva, singolarmente ed inMI PRESENTO 12 13
  8. 8. A leZiONe di SOSTeNiBiliTà responsabili delle proprie scelte di acquisto, in grado di scegliere e riconoscere un prodotto nato da mecca- cON Gli ecO-Arredi nismi corretti, responsabili e trasparenti, valutando non solo le materie prime, ma anche i parametri am- pAlm deSiGN bientali etici e sociali con cui vengono realizzati, in- cludendo nella valutazione anche il packaging e pallet in cui sono contenuti e trasportati, perché anch’essi sono parte integrante del prodotto e incidono sulla salute e sulla qualità della vita, esprimendo valori al pari del prodotto contenuto. Ma come risvegliare questa consapevolezza ecologica nel consumatore? Sicuramente l’educazione ambien- tale è la base per formare la consapevolezza ambien- tale del singolo, ma oltre a questo è necessario che le imprese facciano “parlare” in modo trasparente i loro prodotti, spiegando ai consumatori come sono stati realizzati in tutte le fasi della filiera anche attraverso “ ... Giocare è una cosa seria, i bambini di oggi l’uso di simboli e segni. sono gli adulti di domani. Aiutiamoli a cresce- re liberi da stereotipi, a sviluppare tutti i sensi. Ne sono un esempio gli eco-arredi Palm Design, eco- Aiutandoli a diventare più sensibili e attenti. Un bam- progettati e realizzati per declinare l’uso responsabile bino creativo è un bambino felice.” Bruno Munari e legale della materia prima legno nella quotidianità, Il rapporto tra l’uomo e la campagna è notevolmente rispettando i principi del design sistemico, secondo cambiato negli ultimi decenni. Oggi il contatto con la cui in natura nulla è sprecato, poiché ciò che è ou- vita agreste alla scoperta degli animali, dei materiali tput per un sistema, diventa input per un altro. Gli naturali e della manualità è sempre meno frequente eco-arredi Palm Design infatti, hanno origine proprio soprattutto per i bambini. Quella odierna è un’epoca dagli scarti della produzione dei Greenpallet sani, si- segnata da ritmi frenetici, trasformazioni tecnologi- stemici, etici della Palm SpA di Viadana (Mn), i pallet che e forte urbanizzazione, e questo allontana irrever- realizzati secondo criteri di sostenibilità ambientale, sibilmente la campagna dalla nostra vita quotidiana, sociale ed economica, impiegando legno proveniente per questo è necessario risvegliare la consapevolezza da foreste certificate FSC o PEFC gestite in modo le- ecologica e la responsabilità del consumo negli adulti gale e sostenibile, con garanzia di tracciabilità, carat- e trasmetterla ai bambini per favorire lo sviluppo di teristica che assume un significato ancora più impor- un pensiero critico nelle future generazioni, educare tante se consideriamo che il 2011 è stato riconosciuto i giovani ad essere consumatori attivi, co-produttori dall’ONU come anno internazionale delle foreste perGREEN & CO. 14 15
  9. 9. le persone. Tutti gli eco-arredi hanno una forte va- lenza ambientale perché sono realizzati impiegando Amici.NeT: energia rinnovabile lungo il processo produttivo, pen- sando già in fase di eco-progettazione agli impatti che lA TUA ASSOciAZiONe avranno lungo l’intero ciclo di vita (LCA) e monitoran- do le emissioni di CO2 tramite lo strumento Carbon Footprint di filiera, che ha permesso al sistema Palm una riduzione delle emissioni di CO2 del 23% dal 2010 al 2007. La riprogettazione nel riutilizzo del prodotto pallet secondo i principi dell’eco-design sistemico diventa così una prospettiva rivoluzionaria e innovativa, che intende coinvolgere sempre più consumatori al tema della sostenibilità, incentivare l’autocostruzione e la riscoperta della manualità per realizzare i propri eco-arredi dando vita a nuove idee di quotidianità so- C stenibile che avvicinano chi produce e chi consuma Chi è Palm SpA? ostituita per volontà di un gruppo di genitori di In occasione della Sagra di Gonzaga, Amici.net ha or- in modo responsabile. Ecco che il Greenpallet sano, Palm SpA si pone sul mercato nazionale con un ap- Gonzaga, vuole rispondere ad alcune esigenze/ ganizzato la seconda edizione di “Piccoli... e Grandi sistemico, etico diventa simbolo di una mobilità so- proccio innovativo sia nella fase di progettazione che necessità delle famiglie: servizio doposcuo- Madonnari in Sagra”: all’opera dei madonnari si è ag- stenibile e viene inserito in un nuovo concept abitati- di realizzazione di pallet ecosostenibili (Greenpallet la per le medie, incontri formativi/informativi per i giunto un corso rivolto ai ragazzi delle scuole medie vo che comunica benessere ed evoca spazi mentali in sano, sistemico, etico) e sistemi d’arredo e d’allesti- genitori, momenti di gioco e di crescita per bambini per farli avvicinare all’arte della pittura. La nostra armonia con la natura. mento a ridotto impatto ambientale (Linea Palm De- ed adolescenti, aggregazione giovanile. Si avverte la missione più importante resta il doposcuola per i ra- sign) in legno certificato FSC/PEFC. Nelle sue strate- necessità di creare maggiore coesione tra i genitori. gazzi delle medie, momento di studio ed attività varie Tutti gli eco-arredi Palm Design sono importanti stru- gie applica criteri di sostenibilità sociale, ambientale Tanti sono stati gli appuntamenti organizzati dalla no- per incontrare le esigenze delle famiglie in difficoltà. menti formativi per grandi e piccini, perché attraver- ed economica al fine di valorizzare persone, qualità stra Associazione, a partire da “Carnevalando 2011”, Perché aderire all’Associazione: per continuare a so simboli e segni esprimono i loro valori di sostenibili- dei prodotti, del territorio e dell’ambiente, per pro- dopo ben 17 anni è ritornato il Carnevale a Gonzaga. garantire servizi para-scolastici a favore delle fami- tà. Un esempio per tutti è l’ortopallet, nato dall’idea muovere filiere sostenibili. Ad Aprile in Sala Civica sono stati organizzati incontri glie in difficoltà; garantire attività ricreative rivolte di esprimere la necessità di imparare dalla natura e di formativi per i genitori su tematiche d’attualità qua- soprattutto alla fascia di età dai 6 anni ai 18 anni; in- focalizzare l’attenzione sull’educazione ambientale Per Informazioni: li disagio giovanile, dipendenza da gioco e rapporto contri culturali, formativi e divertimento soprattutto sia nelle scuole, sia con i cittadini responsabili che Palm SpA Via Gerbolina 7, 46019 Viadana (MN) genitori-figli. In collaborazione con il Comune, ab- per i nostri adolescenti. vogliono provare l’emozione di usare chiodi e martel- www.greenpallet.it - www.palmdesign.it biamo contribuito alla ripresa del progetto Piedibus Sede in Via E. de Nicola, 10 Gonzaga lo per costruirsi il proprio orto di casa con la sicurezza Tel. 0375.785855 - Fax 0375.8202222, rivolto ai bambini delle scuole elementari; consiste Tel. 0376/528904 - Fax 0376/529637 di coltivare cibi sani e puliti ed essere parte di una e-mail: t.barzoni@palm.it - s.mortini@palm.it nell’accompagnare gli alunni nei percorsi casa-scuola Email: info@associazioneamici.net filiera tracciabile e certificata. per renderli più consapevoli del vivere sano e civile. Sito: www.associazioneamici.netGREEN & CO. 16 ASSOCIAZIONI & SOLIDARIETà 17
  10. 10. SPECIALE “IL MONDO DI PIPPI” l’appuntamento per bimbi, ragazzi e famiglie 14* - 15 - 16 ottobre 2011 22 - 23 ottobre 2011 Fiera Millenaria Gonzaga (Mn) Dopo l’enorme successo registrato nella prima edizione del 2010, ben 12.000 visitatori in 3 giorni….riapre i battenti “Il Mondo di Pippi”, l’appuntamento annuale creato per far giocare e divertire bimbi, ragazzi e non solo… Un mondo di divertimento, creatività, fantasia, interazione, sport, spettacoli di animazione, tanto gioco, socializzazione, laboratori educativi e didattici, convegni per professionisti e dibattiti informativi rivolti ai genitori saranno alcuni degli ingredienti della seconda edizione di * Apertura riservata alle scuole “Il Mondo di Pippi” che aprirà le porte dal 14 al 23 Ottobre 2011…avete capito bene….quest’anno si raddoppia, due saranno i fine settimana!18
  11. 11. PLANIMETRIA GENERALE PLANIMETRIA GENERALE 22. Area Goparc Bar e Ristorante 23. Giochi giganti Nursery 24. Tutti giù per terra 25. Picchia picchia e Puzzle HALL giganti Info Point 26. Tosi Brandi (Dolci e dolcetti) 1. Area laboratorio Associazione 27. Punto informativo Collegio Nazionale Pedagogisti Clinici. IP.AS.VI 2. Area laboratorio Arte in Gioco 28. Cocco Baby (abbigliamento) 3. Associazione Nazionale 29. Area laboratorio Legacoop Carabinieri- nucleo Lombardia Volontariato e Protezione 30. Area Avventura Monte Baldo Civile 31. Percorso tricicli 4. Percorso stradale Peg Perego 32. Quercetti 5. Vasca del mais PAD. 2 6. Area gioco Mani in pasta 9. Gli Animali della Fattoria. 7. Vasca del mais per i più Fattorie Didattiche e Consorzio piccoli Agrituristico Mantovano PAD.1 10. Area laboratorio Parco 12. Area Sport Decathlon Giardino Sigurtà 13. Area laboratorio falegnameria 11. Area laboratorio e Gelateria 14. Franco Cosimo Panini Chantilly Editore PAD. 3 15. Giocando da Daniela 8. LEGO® (giocattoli) PAD. 4 16. Gonzagarredi 33. Gonfiabili 17. Lagril (articoli per bambino) PAD. 5 18. Area laboratorio I Ragazzi Arena Spettacoli del Circostrass GALLERIA 19. Salteroni 34. I Giochi del Dolce Tarlo 20. Piccoli pittori 21. Le tendeSPECIALE “IL MONDO DI PIPPI” 20 21
  12. 12. PROGRAMMA DEGLI SPETTACOLI e “Circocirca” per l e scuol “I tre porcellini” “Giulio Coniglio e gli amici per sempre” “Pierino e il lupo” Venerdì 14 ottobre ore 14.15 Domenica 16 ottobre ore 17.00 Sabato 22 ottobre ore 16.00 Domenica 23 ottobre ore 17.00 A cura di I Ragazzi del Circostrass A cura di Teatrino dell’Erba Matta A cura di Franco Cosimo Panini A cura di Fondazione AIDA Anche i clown invecchiano e decidono di ritirarsi dalla La scuola è finita e finalmente i tre porcellini amici si La prima parte dell’animazione si svolge nella Biblio- Tre attori pasticcioni mettono in scena, o per meglio pista, ma vicino a loro c’è sempre qualcuno pronto a godono le meritate vacanze estive in campagna lontani teca della luna Giovanna, dove l’Oca Caterina porta i dire cercano di farlo, la ben nota favola musicale “Pie- spiarli, che vuole imparare…dunque ricominciare… dai libri scolastici. I tre amici sono “LALLO” un porcel- suoi amici che si stanno annoiando perché è una gior- rino e il lupo” di Sergej Prokofev. Già dal nome compli- Questo spettacolo nasce dal desiderio che la tradizione lini che suona la chitarra e canta canzoni di protesta. nata piovosa. I due personaggi si divertono così tanto cato i primi problemi, perché i tre non hanno proprio del Piccolo Circo, nato proprio nelle nostre terre, non “GIGGI” cinghiale da discoteca divoratore di patatine a scegliere i libri che non riescono più a smettere di studiato e sono costretti a improvvisare ed inventare venga dimenticata ma possa essere tramandata ai più fritte con ketchup e maionese. Infine c’è “IL TITTI”, leggere! idee strampalate, cercando la complicità del pubblico, piccoli con lo stesso sapore genuino d’altri tempi. maiale dal cervello fino: organizzato e tecnologico Nella seconda scena, Giulio Coniglio ha il suo primo per orientarsi fra gatti, papere, lupi, corni e clarinetti. È uno spettacolo senza parole dove il linguaggio pre- amante dei calcoli al computer, del cellulare. Ahimè la appuntamento con la bella lepre Gelsomina ed è emo- Prokofev ha scritto la sua fiaba musicale con un preciso dominante è quello del corpo; l’obiettivo principale è lieta vacanza è interrotta da una terribile notizia ap- zionatissimo… scopo educativo: far conoscere ai bambini (e aggiun- quello di fare emozionare in un’antologia emotiva di parsa sulla prima pagina della “GAZZETTA DEL PORCI- Nella terza scena si festeggia il compleanno di Giulio gerei anche ai grandi) i principali strumenti dell’or- altri tempi attraverso gags e numeri scoppiettanti. LE”: il famoso lupo della steppa “STANISLAO STANISLA- Coniglio, i suoi amici gli organizzano una magnifica fe- chestra, il loro suono, il loro carattere espressivo; per SKY” è fuggito dallo zoo e cerca qualcosa da mettere sta a sorpresa e tutti i bambini sono invitati!!! questo ha associato ad ogni strumento un personaggio “Giulio Coniglio e la scatola dei ricordi” sotto i denti. Si deve subito correre al riparo ed i tre e un particolare motivo musicale. amici si avviano a costruire dei rifugi per potersi difen- Sabato 15 ottobre ore 16.00 dere da possibili attacchi. Sarà meglio usare la paglia, A cura di Franco Cosimo Panini Editore il legno o i mattoni? Sta calando la sera e Giulio Coniglio esce dalla casa-quercia per prendere il bucato steso fuori al sole. Giulio è molto emozionato perchè fra pochi minuti arriveranno i suoi amici per fare un divertentissimo pigiama party. Ma che disdetta, il pigiama è ancora bagnato! Allora, per ingannare il tempo, Giulio apre un vecchio baule e trova degli oggetti che gli ricordano bellissimi momenti passati con i suoi amici...SPECIALE “IL MONDO DI PIPPI” 22 23
  13. 13. PROGRAMMA DEI LABORATORI Laboratori di costruzione di giochi con materiale di re- AREA LABORATORIO CONSORzIO AGRITURISTICO AREE LABORATORIO A LIBERO ACCESSO cupero che si alterneranno nelle giornate della manife- MANTOvANO E FATTORIE DIDATTIChE (fruibili per tutto il periodo di apertura della manifestazione) stazione; laboratori ideati e gestiti dalla Cooperativa Sociale Minerva. “Nascosto nel guscio, ma non è un pulcino” AREA LABORATORIO ASSOCIAzIONE NAzIONALE AREA LABORATORIO PARCO GIARDINO SIGURTà (solo venerdì) PEDAGOGISTI CLINICI “Bibliobus” (solo sabato 15 ottobre) Attività con l’utilizzo di vari tipi di frutta secca, dal “I soffi magici” (solo venerdì) Lettura Animata gestita dalla Cooperativa Charta. riconoscimento delle foglie essiccate al gioco della - Laboratori a numero chiuso, iscrizioni presso lo stand Costruzione di giocattoli semplici con carta velina e “scatola magica” dove in un tempo stabilito i bambini o al numero 338.4473576 cannucce. “Azzurro, Rosa, Giallo” devono individuare noci, nocciole e mandorle e abbi- (solo sabato 22 ottobre nel pomeriggio) narle all’albero corrispondente. “Come se fosse vero” Animazione guidata a cura di Cooperativa Partinverse. “Burattini di carta” Prima pittori, poi fotografi e ora statue…giocando ci I bambini vengono guidati da due operatori attraverso “Una, tante mele” (solo venerdì) Costruzione di burattini con carta e materiali semplici. si avventura in una continua scoperta di noi stessi e esperienze di sperimentazione della propria identità di Attività educativa alimentare che permette ai bambi- degli altri in un processo di crescita e miglioramento genere: giochi cooperativi, attività di travestimento, pro- ni, partendo dall’osservazione di tante varietà di mele individuale e di gruppo. (“Il gioco insegna a muoversi, poste di scambi di ruoli in attività ludico didattiche, rap- e mele cotogne, di compiere esperienze di tipo tattile AREA LABORATORIO GELATERIA ChANTILLy a immaginare e a pensare” Laeng). presentazioni alternative della propria identità di genere. e olfattivo. “Personaggi in cerca d’autore” “Annusa, crea e degusta il cioccolato” Magiche sensazioni attraverso il profumo del ciocco- “zucche e zucconi” (solo venerdì) Tanti mondi da scoprire, sognare e inventare attraver- lato. La trasformazione del cioccolato, dalle fave di AREA LABORATORIO PALM S.P.A. Laboratorio con l’utilizzo di zucche alimentari ed or- so lo spirito ludico, le parole, i pensieri, i linguaggi cacao al cioccolatino più goloso. Creazione di una o namentali: individuazione del peso reale di una zucca espressivi e le produzioni simboliche dei bambini. più ganache per formare dei tartufi e delle praline. “Da Legno nasce Legno” senza strumenti di misurazione…attività di manipola- I bambini, nelle loro singolarità, potranno mettere in Degustazione finale. “Laboratorio rinascimentale di falegnameria” per edu- zione: quante zucche da una zucca? gioco le loro storie, le loro metafore, per avventurarsi care i bambini sulla concreta possibilità di generare Come utilizzare i semi? in un uso creativo dei simboli con la possibilità di spe- un’economia ispirata ai cicli naturali e capace di limi- rimentare soluzioni ingegnose che permettano di dare AREA LABORATORIO LEGACOOP tare la produzione dei rifiuti; i bambini potranno re- “La molitura dei cereali” diverse interpretazioni delle situazioni di gioco. alizzare manualmente dei mini-orto-pallet, cassettine Osservazione dei cereali in spiga, dei diversi tipi di fa- AREA LABORATORIO I RAGAZZI DEL CIRCOSTRASS “Strumenti rumormusicali” - “I giochi di una volta” in legno certificato FSC o PEFC atte a contenere fiori o rina…con un piccolo mulino manuale, proviamo insie- “Macchinine e camioncini” - “Bilboquet” - “Trot- piantine; mentre lo staff tecnico appronterà appositi me a macinare i chicchi per ottenere la farina. “Circo Scolastico” tole” - “Pazzi Pupazzi” (Questi ultimi tre laboratori stampi per rendere agevole e sicura la realizzazione, lo Elementi di equilibrismo, acrobazia a terra, giocoleria… sono attivi solo venerdì) staff didattico coinvolgerà i bambini spiegando loro il “Dal chicco al pane” truccabimbi e tanti momenti di animazione guidata. ruolo multifunzionale dell’albero e della filiera bosco- Facciamo il pane insieme…impariamo a ri- legno-consumatore responsabile. spettare i tempi della lievitazione e cuociamo SeGUe A IN A pAG 26SPECIALE “IL MONDO DI PIPPI” 24 25
  14. 14. PROGRAMMA DEI LABORATORI quanto abbiamo prodotto con le nostre mani, panini e opatia nel rispetto del mondo vegetale; laboratorio AREE A LIBERO ACCESSO focacce. naturalistico per scoprire le proprietà delle piante of- (fruibili per tutto il periodo di apertura della ficinali e realizzare “profuma ambienti” (attività pre- manifestazione) “I giochi poveri” ceduta da una lettura animata sul Mondo degli Gnomi). Attraverso la manipolazione di materie semplici…con Padiglione LEGO®: spazio gestito e organizzato fantasia e creatività realizziamo un giocattolo. “Piccoli Alchimisti” dall’Associazione di Promozione Sociale “Sleghiamo Sin da piccoli la salute e il benessere passano anche la Fantasia” e dall’Associazione ItLUG (Italian LEGO “Gente di piume” per il corpo. Impariamo a prendercene cura realizzan- Users Group) con il supporto tecnico di LEGO® Italia Osservazione delle piume degli animali di bassa corte e do sali da bagno con fragranze personalizzate da oli Percorso Stradale Peg Perego imparare a riconoscerle. essenziali con proprietà benefiche; il laboratorio è pre- Karting Parc: circuito di 400 mq con go kart sicuri e ceduto da un Gioco sensoriale per conoscere le piante performanti, realizzato da Goparc “Arte con i semi” dalle proprietà benefiche. Gli Animali della Fattoria Nursery Azur: area attrezzata per i bimbi sotto i due CURTATONE (MN) Realizzazione di composizioni artistiche con l’utilizzo di semi, cereali ed elementi naturali. Momenti di animazione: anni di età “La danza delle Farfalle” Area Avventura Monte Baldo “La costruzione di spaventapasseri” “Magie con palloncini” Area Decathlon: campo da golf e area sport Via Leopoldo Pilla Con l’utilizzo di rametti e piccoli elementi naturali, “Angolo delle danze e giochi Bans”. Area gioco Quercetti costruiamo insieme gli spaventapasseri. Area giochi in legno “Il Dolce Tarlo” C.C. Quattroventi MOSTRA COLLATERALE Tante aree di gioco libero: i gonfiabili, i trattorini, le mani in pasta, la grande Tel. 0376.348301 AREA LABORATORIO ARTE IN GIOCO vasca del mais e giochi di società giganti. ORARI NEGOZIO: “Le Splendide Damine” Da Lunedì a Domenica dalle 9 alle 20 SS62 Strad “I gioielli di Matilde” (solo venerdì) A cura della Collezione del Giocattolo Storico di Can- DOMENICA SEMPRE APERTI A22 a Ma Ma ntova IL CINEMA na Costruzione di gioielli, ciondoli e corone con intrecci neto sull’Oglio (Mn) SS236 di fili di rame e materiale di recupero con la finalità di SP23 SP81 Ta n ge nz iale USCITA NAG O No MANTOVA LEG rd SS10 Una delle novità di quest’anno è il cinema! NORD sviluppare la manualità fine, approfondire le tecniche del collage e del riciclaggio creativo e sensibilizzare al CONvEGNO Divertiti con le fantastiche avventure di animazione di CREMONA SS10 Via Leop oldo Pila SP28 SS420 MANTOVA Cars2 e Toy Story3! V Via recupero dei materiali di scarto. Ost SS62 iglia lia “Scuola e Fattoria: una rete per l’educazione” SP29 In collaborazione con Esternonotte. SS482 a Parm ma Ta Ro Via nge Via nz ia le “Piccoli Erboristi” Venerdì 21 ottobre ore 09.30 MA SS420 FE RR AR R A A22 a PA Cis Gli Gnomi conoscono l’arte della fitoterapia e dell’ome- Sala Convegni Fiera Millenaria di Gonzaga Via SS413 SS62 Organizzato da Consorzio Agrituristico MantovanoSPECIALE “IL MONDO DI PIPPI” 26 27 Pub_Istituzionale_CURTATONE 85x170mm.indd 1 01/08/11 09:03
  15. 15. VI CHE... GRAzIE... GRAZIE all’Associazione Nazionale Pedagogisti Clinici per la realizzazione dei laboratori legati al gioco e al movimento; GRAZIE alle Funivie del Monte Baldo e i relativi partners per la realizzazione del percorso montagna; LO SAPE GRAZIE a I Ragazzi del Circostrass per i laboratori e i momen- GRAZIE a “Il Dolce Tarlo” per averci fatto giocare con i giochi ti ludici legati all’arte circense; in legno della tradizione; GRAZIE al Parco Giardino Sigurtà per i laboratori di costruzio- GRAZIE a Quercetti per la realizzazione della fantastica area Kottabos o Còttabo... ne giocattoli con materiali semplici; gioco chiodini & co. Kottabos o còttabo (greco antico: κότταβος) era un gioco ampiamente diffuso nel mondo greco antico, uno degli intrattenimenti ludici e meno intellettuali dei simposi. GRAZIE a PALM S.p.A. per la realizzazione del laboratorio di GRAZIE alle Aziende Panini S.p.A. e Virgilio che hanno offerto falegnameria e la realizzazione di alcuni spazi della manife- gli omaggi ai visitatori. Lo scopo del gioco consisteva nel colpire un bersaglio, un piatto o un vaso, con il vino rimasto sul fondo della cop- stazione; pa. Generalmente il premio che spettava al vincitore era una mela, dei dolci, una coppa o il bacio della persona GRAZIE ad Amici.net, “LO STAFF”, che rende possibile la ge- amata, cui era dedicato il lancio. GRAZIE alla Gelateria Chantilly per il laboratorio di ciocco- stione di tutte la aree della manifestazione; lateria; GRAZIE al Mc Donald’s di Curtatone, che ha contribuito a GRAZIE alla Cooperativa Minerva, capofila nella realizzazione pubblicizzare la manifestazione; dello spazio laboratori e animazioni di Legacoop, con il sup- Il proverbio “sano come un pesce” in origine stava a significare come in natura sopravvive sem- porto di Cooperativa Charta, Cooperativa Partinverse, Teatro GRAZIE Al Fashion District Mantova per la preziosa collabo- pre il soggetto più forte e quindi più sano. Oggi significa, per i prodotti di acquacoltura, pesce sano e garantito Magro, Pantacon, Zerobeat; razione; grazie a controlli effettuati durante tutto il ciclo produttivo, dall’avannotto al prodotto finito. GRAZIE al Consorzio Agrituristico Mantovano e alle Fattorie GRAZIE a tutte le insegnanti e agli alunni che hanno deciso di Didattiche per la realizzazione di diversi laboratori sul tema condividere con noi una giornata di divertimento imparando della natura, del gioco e per l’Angolo degli Animali; nei nostri laboratori; GRAZIE all’Associazione Arte in Gioco che ha realizzato labo- GRAZIE a tutte le scuole che hanno permesso la realizzazione La parola radar si legge anche al contrario? ratori manuali con materiali di recupero, letture animate e del Concorso “Crea il tuo gioco”; Questa particolare forma lessicale in grammatica si chiama Palindromo, spettacolare la lingua italiana quando se diverse animazioni; ne conoscono certi piccoli segreti. Il palindromo [dal greco pálin (indietro) e drómos (corsa) col significato “che GRAZIE a tutti i Commercianti, le Aziende, gli Espositori che corre all’indietro”] consiste nel trovare una parola che sia leggibile sia da sinistra verso destra che da destra GRAZIE all’Associazione ItLUG, all’Associazione Sleghiamo la con la loro adesione, hanno creduto e investito in questa ma- Fantasia e a LEGO® Italia per l’area costruzioni LEGO®; nifestazione; verso sinistra e che mantenga lo stesso significato in entrambi i sensi di lettura. Il palindromo è parente stretto del bifronte. GRAZIE a Decathlon di Mantova per l’allestimento dell’Area GRAZIE a tutti coloro che non abbiamo qui citato tra i ringra- Sportiva; ziamenti, i tempi grafici e di stampa si devono concludere molto in anticipo rispetto alla manifestazione, pertanto alcu- GRAZIE a GoParc per l’Area Karting Parc; ni soggetti possono essere subentrati tardivamente rispetto a tale tempistica. GRAZIE a Peg Perego per la realizzazione del percorso stra- dale; E…INFINE….GRAZIE AI SORRISI DEI BAMBINI DIVERTITI E GRA- GRAZIE a Azur per la realizzazione dell’Area Nursery; ZIE A VOI GENITORI CHE DECIDETE DI TRASCORRERE CON I VO- STRI BIMBI UNA GIORNATA NEL FANTASTICO MONDO DI PIPPI!!! GRAZIE a Franco Cosimo Panini per la realizzazione degli spettacoli di Giulio Coniglio;SPECIALE “IL MONDO DI PIPPI” 28 29

×