Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Welfare su scala comunitaria: apprendimenti dalle sperimentazioni in atto: Welfare in Azione - Milano Sei L'altro

330 views

Published on

Esperienza presentata da Milano Sei L'altro in occasione del XV Workshop sull'Impresa Sociale 2017 - Riva del Garda

SESSIONE PARALLELA di Giovedì 14 settembre 2017 | ore 14

A cura di Francesco Gabbi | CBS Community Building Solutions

Intervengono:

Monica Villa, Fondazione Cariplo | Programma “Welfare in Azione”
Filippo Manfredi, Fondazione Caritro | Programma “Welfare a Km Zero”
Valentina Mazzullo, Fondazione Italiana Accenture | Competition “Welfare che Impresa!”
Francesca Savi, Spazio Aperto Servizi – Milano | Progetto “Milano Sei l’Altro”
Paolo Putti, Consorzio Agorà – Genova | Progetto “Maniman”

Case del quartiere, social street, community hub: in molti, ormai da tempo, hanno iniziato a riflettere su esperienze di sviluppo locale che abbiano come tratto distintivo quello di andare oltre i perimetri del welfare tradizionale, lavorando sulle relazioni anziché sulle prestazioni. A legittimare queste iniziative sono seguiti importanti programmi di fondazioni di origine bancaria – Fondazione Cariplo in primis, ma anche Fondazione Cariparma, Fondazione Caritro ecc. – che stanno contribuendo ad aumentare sempre più la massa critica dei progetti che si occupano di welfare di comunità. Nella sessione si presenteranno alcune di queste esperienze alla ricerca di apprendimenti in termini di modalità di finanziamento e co-finanziamento, figure professionali emergenti per governare questi processi, modalità di progettazione.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Welfare su scala comunitaria: apprendimenti dalle sperimentazioni in atto: Welfare in Azione - Milano Sei L'altro

  1. 1. L’esperienza di Milano Sei l’Altro: Tra sperimentazioni e apprendimenti
  2. 2. 2 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Il progetto Progetto di welfare comunitario di durata triennale finanziato da Fondazione Cariplo per rispondere al crescente bisogno di equilibrio tra vita e lavoro a causa della gestione dei carichi di cura nella città di Milano. Il progetto è sostenuto da una rete di attori, profit e non profit, impegnati nella sua realizzazione: Poste Italiane S.p.A, Adecco Italia S.p.A, Humana Italia S.p.A., Vodafone Italia Spa, Altavia Italia Srl, Fondazione ACRA, Fondazione Sodalitas, Social Seed Srl, Fondazione Ernesto Pellegrini Onlus, 1° Quartiere Operaio Umanitaria, U.I.L.D.M. sezione di Milano, CCL Consorzio Cooperative Lavoratori, TimeRepublik SA, FolkFunding Srl, AICCON
  3. 3. 3 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Gli obiettivi  Rispondere al problema della conciliazione vita-lavoro-famiglia attraverso la creazione di soluzioni innovative (collaborative, inclusive e integrate)  Sperimentare nuovi processi di co-progettazione e co-creazione di servizi integrati tra aziende e organizzazioni del territorio  Definire un modello scalabile e replicabile in distinti contesti
  4. 4. 4 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Le premesse Un mix tra alcuni ingredienti fondamentali:  L’intuizione e volontà di Fondazione Cariplo di promuovere, sostenere percorsi di trasformazione del welfare in chiave comunitaria  l’esperienza su territorio delle organizzazioni promotrici del progetto  il rapporto, inedito e sperimentale, di una Fondazione di ricerca, con le aziende  la partecipazione dell’ente pubblico come soggetto di facilitazione dei processi  l’impegno di aziende e soggetti territoriali a co progettate, co produrre e prototipare nuovi servizi  l’approccio teorico e metodologico della co produzione
  5. 5. 5 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Il modello
  6. 6. 6 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Come? Processi di dialogo e confronto tra i distinti attori in grado di «creare senso» intorno a obiettivi sociali comuni. Strumenti in grado di riconoscere e valorizzare le risorse «sommerse» e ricomporle in risposta a bisogni specifici Figure professionali capaci di gestire le fasi di innesco, avviamento, sviluppo e gestione di forme di collaborazione multi-stakeholder e che intervengano nel coordinamento dei processi di co-progettazione e implementazione dei servizi. Attraverso:
  7. 7. 7 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Gli apprendimenti • necessità della definizione di un processo chiaro, rigoroso, ripetibile e sostenibile • necessità di definizione del target di riferimento, senza il timore dell’esclusione • necessità di partire da comunità conosciute e da presidi territoriali (luoghi fisici) connessi a queste comunità • necessità di individuare e rendere visibili specifiche aree di intervento, attraverso la sovrapposizione del livello di analisi del business a quello dell’analisi territoriale. La costruzione di una “mappa integrata” costruita a partire dalla Mappa dei Bisogni e dai risultati dell’analisi aziendale • necessità di riconoscere la figura del manager di comunità • necessità di integrare approcci, modelli, linguaggi
  8. 8. 8 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Il processo
  9. 9. 9 TITOLO PRESENTAZIONE Fase 0. Analisi preliminare Definizione obiettivi e target di riferimento; Analisi del contesto territoriale (approfondimento della letteratura, emersione bisogni primari e secondari); Confronto multi-stakeholder sui temi e sull’approccio adottato (innovazione del processo, complementarietà delle risorse, governance condivisa).
  10. 10. 10 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Fase 1. Analisi degli stakehoder Comunità: realizzazione di 70 interviste a distinti attori sociali, con conseguente definizione di una «Mappa dei Bisogni» del territorio; Aziende: analisi dei documenti online e offline di sostenibilità (Report di sostenibilità) e di business (Relazioni finanziarie); realizzazione di interviste a manager e funzioni aziendali chiave; definizione di «Focus Areas», aree e temi prioritari di intervento per l’azienda. Approfondire ed integrare parallelamente il contesto territoriale e aziendale al fine di identificare le aree di intervento più strategiche.
  11. 11. 11 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Fase 2. Opportunità e scenari Incrocio dei risultati delle analisi sul business e sul territorio e costruzione di scenari progettuali integrati; Avvio di Milano Sei l’Altro Labs: workshop multi-stakeholder volti alla ridefinizione degli scenari progettuali attraverso i) confronto sul tema; ii) definizione delle possibili idee progettuali; iii) individuazione delle risorse attivabili.
  12. 12. 12 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA Fasi 3 e 4. Co-design e prototipazione Costituzione di «design teams» composti da rappresentanti di organizzazioni partner (coordinatori) e designer; Organizzazione di un incontro condiviso per dare inizio alla co-progettazione di nuovi servizi. Attivazione di una serie di sperimentazioni locali; Realizzazione di attività di monitoraggio e valutazione degli impatti.
  13. 13. 13 WIS 2017 – 14/15 SETTEMBRE – RIVA DEL GARDA La mappa

×