Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Welfare su scala comunitaria: apprendimenti dalle sperimentazioni in atto: Progetto Mani Man - Consorzio agorà

343 views

Published on

Esperienza presentata da Consorzio Agorà in occasione del Workshop sull'Impresa Sociale 2017 - Riva del Garda

SESSIONE PARALLELA di Giovedì 14 settembre 2017 | ore 14

A cura di Francesco Gabbi | CBS Community Building Solutions

Intervengono:

Monica Villa, Fondazione Cariplo | Programma “Welfare in Azione”
Filippo Manfredi, Fondazione Caritro | Programma “Welfare a Km Zero”
Valentina Mazzullo, Fondazione Italiana Accenture | Competition “Welfare che Impresa!”
Francesca Savi, Spazio Aperto Servizi – Milano | Progetto “Milano Sei l’Altro”
Paolo Putti, Consorzio Agorà – Genova | Progetto “Maniman”


Case del quartiere, social street, community hub: in molti, ormai da tempo, hanno iniziato a riflettere su esperienze di sviluppo locale che abbiano come tratto distintivo quello di andare oltre i perimetri del welfare tradizionale, lavorando sulle relazioni anziché sulle prestazioni. A legittimare queste iniziative sono seguiti importanti programmi di fondazioni di origine bancaria – Fondazione Cariplo in primis, ma anche Fondazione Cariparma, Fondazione Caritro ecc. – che stanno contribuendo ad aumentare sempre più la massa critica dei progetti che si occupano di welfare di comunità. Nella sessione si presenteranno alcune di queste esperienze alla ricerca di apprendimenti in termini di modalità di finanziamento e co-finanziamento, figure professionali emergenti per governare questi processi, modalità di progettazione.

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Welfare su scala comunitaria: apprendimenti dalle sperimentazioni in atto: Progetto Mani Man - Consorzio agorà

  1. 1. Portiere Sociale di Via Il Portiere di Comunità. PERCHE’?
  2. 2. Portiere Sociale di Via -Analisi dei bisogni sul campo. -Opportunità -Condizioni iniziali
  3. 3. Portiere di Comunità
  4. 4. Portiere Sociale di Via DOVE?
  5. 5. COME Portiere Sociale di Via COME? Un gabbiotto da edicola, presenza 6 gg la settimana di 2 operatori, molta promozione, grande penetrazione informativa, massima affidabilità.
  6. 6. Portiere Sociale di Via -Una serie di servizi per i singoli nuclei -Alcune funzioni per il condominio -Alcune funzioni di quartiere -Alcune funzioni per i negozi di vicinato.
  7. 7. Portiere Sociale di Via Partner: -Municipio VIII Medio Levante A.T.S. - ANACI -AMIU -Consorzio Sociale Agorà
  8. 8. PORTIERE di Comunità SI MA………E POI? ✓ Ricerca fondi ✓ Automantenimento del progetto ✓ Essere interessanti per le istituzioni che vogliano rispondere ai bisogni
  9. 9.  una serie di servizi per singoli nuclei es:  Impegni quotidiani come ricevimento posta, pagamento bollette, monitoraggio anziani o supporto alla memoria degli stessi, ritiro ricette,  Impegni occasionali :supporto compilazione bollettini, piccole manutenzioni domestiche.  Impegni con scadenze fisse: monitoraggio appartamenti e uffici in caso di assenze prolungate, Cura di piante o piccoli animali domestici in situazioni di necessità : vacanze del nucleo o degenze ospedaliere temporanee.  Alcune funzioni possibili di condominio:  la pulizia scale, la piccola manutenzione degli spazi comuni,  il monitoraggio delle manutenzioni ordinarie e straordinarie.  Monitoraggio da imbonitori e truffatori a domicilio.(oltre alla normale monitoraggio visivo del portiere l’anziano potrà telefonare al portiere e richiedergli delucidazioni o l’intervento in supporto).  Fase iniziale di tutoraggio e successiva di Supporto nella realizzazione porta a porta della raccolta differenziata, con supporto nell’esecuzione della separazione, nella gestione dei prodotti separati ai condomini ed in alcuni casi al conferimento ai contenitori dei rifiuti separati nel caso non ci fossero punti di raccolta vicini.
  10. 10. Alcune funzioni di quartiere: monitoraggio degli stabili e della via negli orari di assenza della popolazione; cura di spazi comuni: aiuole, pulizia vie private, pedibus con i bimbi nelle ore di accompagnamento a scuola e ritiro. Cura delle comunicazioni fra esercizi di vicinato e abitanti ( raccolta e consegna di ordini, comunicazione di offerte, di feste, di eventi.) Monitoraggio informale della libera aggregazione dei minori negli spai pubblici assieme ai negozi di vicinato. Eventuale realizzazione di un piccolo bollettino o giornalino di quartiere per informare tutti compresi anziani o allettati della vita della comunità. Cura delle comunicazioni con l’amministrazione locale e con i servizi di zona. Promozione e facilitazione alla raccolta differenziata intergenerazionale : sostenendo gi anziani nelle fasi di start up, le famiglie nella costruzione di buone prassi che mettano insieme tempi di vita e corretta gestione e, con l’aiuto degli educatori di strada di zona, promuovere un intervento di peer education sui minori per promuovere il recupero della materia. Alcune funzioni per i negozi di vicinato : Ricevimento corrieri in orari chiusura negozi. Pulizie negozi. Pulizia secondarie delle vie Consegna a domicilio Comunicazione in entrata ed uscita con i condomini Monitoraggio negozi nell’orario di chiusura.
  11. 11. Portiere Sociale di Via DOVE Quartiere Foce - spirito di comunità ancora forte – es. negozi di vicinato: meno presente la grande e media distribuzione - è presente una fascia di popolazione più stanziale - presenza ceto medio: ok per sperimentazione - interesse amministrazione locale - morfologia territorio e tipologie di stabili consentono buon rapporto efficienza/ efficacia dell’intervento
  12. 12. Portiere Sociale di Via FOTI FINANZIAMENTO Partner rete: Amiu prmozione e comunicazione 4000 euro Municipio VIII Struttura ed utenze 6000 euro Capofila Consorzio Agorà personale circa 8000 Compagnia di San Paolo 40000 euro bando intrecci

×