ESN TURSI

360 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
360
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

ESN TURSI

  1. 1. Comune di Rignano Sull’Arno (Firenze – Italia) Dott. Angelo Raffaele Tursi EUROSOCIALNETWORK GESTIONE ASSOCIATA DEI SERVIZI Dalla Società della Salute all’Unione dei Comuni
  2. 2. La Toscana viene vista spesso dalle altre Regioni Italiane come un modello da imitare, ma l’ambizione dei suoi governanti non è quella di essere un modello da portare ad esempio. Piuttosto, l’ambizione è quella di sperimentare nuovi sistemi di governo e di gestione dei servizi e del territorio. L’obiettivo non è essere i migliori, ma fare del nostro meglio, consolidando le esperienze efficaci e superando o facendo evolvere quanto non in linea con i nostri obiettivi e le nostre aspettative. Quindi non un modello da esportare, ma semmai un metodo di lavoro da sottoporre a confronto e verifica continua nella nostra realtà . E’ con questo spirito che siamo qui, mettendo a vostra disposizione un modo di lavorare, il nostro modo di lavorare, ed al tempo stesso siamo qui con l’umiltà di ascoltare ed arricchirci con le vostre esperienze. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  3. 3. GESTIONE DELLE RISORSE ECONOMICHE PER LA REALIZZAZIONE DEI SERVIZI SOCIO-SANITARI I 60 milioni di abitanti dell’Italia, sono distribuiti in circa 8.000 Comuni a cui sono delegati le gestioni dei servizi sociali. Si tratta di Comuni prevalentemente sotto i 10,000 abitanti con poche risorse umane ed economiche decisamente non adeguate alle necessità dei servizi dei cittadini. Ma quali sono gli Standard di qualità dei servizi che vogliamo offrire ai cittadini in difficoltà per ragioni sanitarie o sociali? Le leggi Regionali in Italia definiscono gli standard con precisione. Ma per noi amministratori locali, e politici è necessario avere a disposizione un parametro più chiaramente percepito dalla Popolazione. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  4. 4. Il nostro punto di vista è semplice: la qualità di vita di un disabile, di un anziano, di qualunque persona in difficoltà, ed in qualunque contesto esso sia assistito (Istituto, famiglia, ecc.), deve essere elevata alla stessa qualità di vita della comunità sociale in cui vive. O comunque abbiamo il dovere di avvicinarci il più possibile a questo obiettivo. Faccio un esempio esagerato ma che spero semplifichi il concetto. Se abitassimo in una regione Sub Sahariana, in Africa ed offrissimo a tutti i bambini disabili un bicchiere di latte, una ciotola di riso ed un litro d’acqua e questo tutti i giorni, faremmo un lavoro eccezionale ed encomiabile, ma in un contesto europeo se offrissimo ai nostri disabili lo stesso servizio, cioè solo il cibo essenziale alla sua sopravvivenza fisica, probabilmente saremmo arrestati per aver commesso maltrattamenti. Quindi, individuata la soglia di qualità di vita media sociale, dobbiamo adeguare i nostri obiettivi di servizio ottimale, a quel livello. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  5. 5. Purtroppo per varie ragioni, contemporanee e storiche (debito pubblico nazionale, crisi economica internazionale), i nostri piccoli comuni, da soli, non erano e non sono in grado di offrire i servizi di livello ottimale ed in alcuni casi il servizio non poteva essere erogato. Esempio - Se in un Comune di mille abitanti, magari in montagna, dove c’è una bella qualità di vita e le persone sono più longeve, ci fossero 10 ultra-novantenni non autosufficienti. Questo comune non potrebbe, per ragioni economiche e amministrative, offrire alcun servizio. Troppo piccolo. Ma se questo Comune si associa con altri e raggiunge la soglia di almeno 100.000 abitanti, la spesa del servizio verrebbe spalmata su una platea più ampia di cittadini, rendendo possibile l’obiettivo che ci siamo posti e che prima era impossibile realizzare. Partendo da questo semplice principio è nata in Toscana la sperimentazione della Società della Salute (S.d.S). Ente che consorzia alcuni Comuni e l’Azienda che gestisce i Servizi Sanitari Locali (ASL). Come ogni sperimentazione, alcuni aspetti hanno funzionato, altri meno. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  6. 6. Sulla scia degli aspetti positivi della sperimentazione delle S.d.S sono nate e stanno sviluppandosi Le Unioni dei Comuni. Con lo stesso obiettivo, razionalizzare la spesa pubblica e migliorare i servizi al cittadino sia per qualità che per quantità. I Comuni stanno organizzando, progressivamente, in forma associata, altri aspetti della vita comunitaria: come i trasporti, l’agricoltura, la programmazione economica, la gestione dei servizi propriamente amministrativi, Invece le difficoltà che attualmente hanno le nostre S.d.S che sono essenzialmente di carattere gestionale e giuridico, sarebbero superate da questa nuova forma di gestione comunitaria che è l’Unione dei Comuni, che inglobano in un unico sistema gestionale oltre al resto anche i servizi sociali. E’ Una ipotesi che stiamo elaborando ma realistica. Quindi passare dalla S.d.S all’ Unione dei Comuni è la naturale evoluzione di un approccio metodologico, di ricerca continua di nuove e più avanzate soluzioni. EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  7. 7. <ul><li>I benefici sono molteplici: </li></ul><ul><li>Maggiore economia di scala ; </li></ul><ul><li>Maggiore autorevolezza nella contrattazione con le amministrazioni sovraccomunali (Provincia, Regione); </li></ul><ul><li>Razionalizzazione della spesa pubblica; </li></ul><ul><li>Nuovi servizi ove prima non potevano essere garantiti; </li></ul><ul><li>Ripartizione dei costi su una platea più ampia di cittadini per la realizzazione delle infrastrutture, delle strutture di servizio e dell’edilizia per il sociale; </li></ul><ul><li>Omogeneizzazione della qualità dei servizi tra comuni confinanti; </li></ul><ul><li>Minori sprechi ; </li></ul><ul><li>Ogni singolo Comune conserva la sua identità storica e culturale. I comuni collaborano ma non si sciolgono </li></ul><ul><li>Siamo partiti da una sperimentazione di una forma di gestione associata </li></ul><ul><li>solo dei servizi Socio-Sanitari (S.d.S.) </li></ul><ul><li>ad un’altra più evoluta e più articolata </li></ul><ul><li>che comprende altri settori ed altri aspetti della vita comunitaria l’Unione dei Comuni. </li></ul><ul><li>Quindi tornando all’origine della nostra riflessione non siamo interessati a creare un modello ma realizzare un metodo di sperimentazione in continuo divenire </li></ul>EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  8. 8. Comune di Rignano Sull’Arno Firenze - Italia Dott. Angelo Raffaele Tursi [email_address] EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  9. 9. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  10. 10. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  11. 11. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  12. 12. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  13. 13. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  14. 14. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  15. 15. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  16. 16. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  17. 17. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  18. 18. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  19. 19. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO
  20. 20. CONTENUTI: EUROSOCIALNETWORK TITOLO

×