Tommaso Galli - Iab Forum 2007 - Ascolto Attivo

666 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
666
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
2
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Tommaso Galli - Iab Forum 2007 - Ascolto Attivo

  1. 1. “ Ascolto Attivo” Dal monitoraggio della reputazione al Search Marketing
  2. 2. RIVOLUZIONE PROCESSI DECISIONALI POSSIBILITA’ DI INTERVENTO Monitorare, Misurare e Controllare il flusso di contenuti generati dagli utenti
  3. 3. Reputation Management Definizione Parametri - Crawling Ascolto Definizione di una strategia sulla base del livello di rischio Intervento Filtro - Analisi del livello di rischio Analisi
  4. 4. Reputation Management Definizione Parametri - Crawling Ascolto Definizione di una strategia sulla base del livello di rischio Intervento Filtro - Analisi del livello di rischio Analisi SEARCH MARKETING
  5. 5. Il danno provocato da una cattiva reputazione è direttamente proporzionale al numero di voci OFFLINE Esistono i motori di ricerca, una sola citazione può essere molto dannosa ONLINE
  6. 6. POSITIVA Opportunità: possibilità di intervento diretto sulla citazione o globale NEUTRA Campanello di allarme, possibili oscillazioni: monitorare l’andamento della citazione nel tempo, se possibile intervenire NEGATIVA Attacco alla reputazione: valutare, intervenire
  7. 7. L’intervento può avere due tipi di approccio Si apre un dialogo diretto con l’utente, utilizzando lo stesso canale di comunicazione La comunicazione con l’utente è istituzionale, serve a prevenire e correggere
  8. 8. DIRETTO <ul><li>Intervento Diretto Ufficiale </li></ul><ul><li>PR Online (Ghost Writing) </li></ul>Il piano di comunicazione deve essere “etico” e ragionato Gli interventi pianificati devono avvenire sullo stesso media utilizzato dall’utente
  9. 9. INDIRETTO <ul><li>E’ Obbligatorio! </li></ul><ul><li>Prevenire </li></ul><ul><li>Comunicare </li></ul><ul><li>Correggere </li></ul><ul><li>Limitare </li></ul>
  10. 10. INDIRETTO <ul><li>E’ Obbligatorio! </li></ul><ul><li>Prevenire </li></ul><ul><li>Comunicare </li></ul><ul><li>Correggere </li></ul><ul><li>Limitare </li></ul>PERCHE’?
  11. 11. Rabbia Gratitudine Informazioni W
  12. 12. Casualità Curiosità Informazioni R
  13. 13. Mancanza di Informazioni R W
  14. 14. La mancanza di informazioni è una delle principali cause a favorire la nascita di commenti da parte degli utenti
  15. 15. L’utente definisce i suoi bisogni sulla base di elementi non completamente rilevabili attraverso un’analisi preliminare Campo Semantico
  16. 16. Espansione del campo semantico, sulla base dei “bisogni utente” e quindi: <ul><li>Limitare la nascita di nuove citazioni </li></ul><ul><li>Incrementare il posizionamento su “kw che genera problemi” + “brand” </li></ul>Intervento Indiretto
  17. 17. Un’azione di Reputation Management ha 3 fasi: <ul><li>Osservare e monitorare TUTTE le Citazioni </li></ul><ul><li>Assegnare un grado di rischio ad ogni citazioni in base a “visibilità”, “viralizzazione” e “ricettività” </li></ul><ul><li>Essere orientata all’azione. Per ogni citazione valutare rischi e benefici di un intervento </li></ul>VEDO SENTO PARLO
  18. 21. Grazie [email_address]

×