Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Social media marketing: idee e strumenti per contenuti efficaci sui social media

4,313 views

Published on

Social media marketing: idee, strategie e strumenti per contenuti efficaci sui social media (con più di 100 risorse free e tools gratuiti)

Published in: Social Media

Social media marketing: idee e strumenti per contenuti efficaci sui social media

  1. 1. SOCIAL MEDIA MARKETING Milano, 31/05/2016 UNIVERSITÀ DI MILANO-BICOCCA #SmmAtUnimib Idee e strumenti per contenuti efficaci sui social media
  2. 2. Questa presentazione è stata preparata in occasione del corso "SOCIAL MEDIA MARKETING: IDEE E STRUMENTI PER CONTENUTI EFFICACI SUI SOCIAL MEDIA" realizzato il 31/05/16 presso l'Università Degli Studi Bicocca NOTA
  3. 3. Mail: giovannidb@imparafacile.it Sito: www.imparafacile.it Twitter (@imparafacile): https://twitter.com/imparafacile Facebook: https://www.facebook.com/isola.imparafacile Linkedin: http://it.linkedin.com/in/giovannidallabona Slideshare: http://www.slideshare.net/Imparafacile MI TROVI ANCHE QUI: Giovanni Dalla Bona Consulente e formatore. Mi occupo di Social Media Marketing e lavoro con aziende, enti pubblici, enti di formazione e liberi professionisti. CHI SONO
  4. 4. COSA STA CAMBIANDO NEL MARKETING DIGITALE?
  5. 5. INBOUND MARKETING Inbound marketing focuses on earning, not buying, a person's attention, which is done through social media and engaging content, such as blogs, podcasts and white papers. This content is interesting, informative and adds value, creating a positive connection in the eyes of the consumer, thus making him more likely to engage your brand and buy the product. http://mashable.com/2011/10/30/inbound-outbound-marketing/
  6. 6. Perché definire una strategia? 1) Ti permette di essere coerente, mantenere la direzione e concentrarti sugli obiettivi 2) Ti permette di coinvolgere le persone interessate 3) Ti permette di gestire meglio le risorse 4) Limita le operazioni “perditempo” e i duplicati 5) Ti permette di monitorare, attuare azioni di miglioramento ed essere aggiornato
  7. 7. 7 domande fondamentali 1) In cosa sono unico? Conosci te stesso e i tuoi clienti. 2) Quali sono i miei obiettivi? Definisci degli obiettivi misurabili. 3) Quale Social Media mi serve? Sperimenta. 4) Come integro i Social Media nel mio web marketing? Programma. 5) Di cosa parlo? Content is King! 6) Quali risorse ho? Fai bene i conti. 7) E i risultati, dove li vedo? Monitora.
  8. 8. 1) La domanda più difficile … … in cosa siamo unici?
  9. 9.  CHI O COSA SONO? (Da non confondere con «cosa faccio»)  COSA FACCIO? (Da non confondere con «chi o cosa sono»)  CHI SONO I MIEI CLIENTI? (Non necessariamente su web)  QUALE PROBLEMA RISOLVO AI MIEI CLIENTI?  COSA CERCANO NEI MIEI CANALI I POSSIBILI CLIENTI?  QUAL È IL MERCATO DI RIFERIMENTO?  CHI SONO I MIEI CONCORRENTI? ANALISI DI BASE 10
  10. 10. Il caso OneLogin
  11. 11. #ILookLikeAnEngineerhttps://www.linkedin.com/pulse/i-look-like-engineer-isis-wenger
  12. 12. DISTINGUITI GRAFICAMEN TE
  13. 13. Sommario Il "chi siamo", i valori di cui siamo portatori, lo stile che ci contraddistingue passa, nei social, anche attraverso le scelte grafiche. In particolare: • Paletta di colori originale • Le font • Le immagini (tipo ed effetti) • Modelli “visual” che si ripetono • Loghi
  14. 14. Suggerimento 1: Una paletta di colori originale
  15. 15. Paletton: palette perfette http://paletton.com/
  16. 16. La mia paletta per Unimib AB0232
  17. 17. Altri tools per palette http://www.colorhunter.com/ COLOR HUNTER Crea palette di colori rilevandole dalle foto https://coolors.co/ COOLORS Crea Palette di colori in modo casuale, premendo la barra spaziatrice della tastiera.
  18. 18. BRAND COLORS http://brandcolors.net/ Elenca i brand più famosi, riportando per ciascuno la paletta dei colori del logo
  19. 19. Suggerimento 2: il logo • Il logo è il segno distintivo di un’azienda, un'attività o anche un progetto • Un buon logo dovrebbe essere:  Semplice (pochi tratti ben caratterizzati)  Versatile (per essere usato in occasioni diverse)  Appropriato (legato a ciò che fa l'azienda)  Riducibile (riconoscibile anche se piccolo)
  20. 20. Buoni esempi
  21. 21. Da ripensare… ??
  22. 22. Strumenti per creare loghi http://www.logogenie.net/ http://www.logogarden.com/ https://www.logaster.com/create/logo/
  23. 23. Suggerimento 3: le font DaFont: http://www.dafont.com/it/ FontSpace: http://www.fontspace.com/ FontsBytes: http://fontsbytes.com/ FontSquirrel: http://www.fontsquirrel.com/
  24. 24. Suggerimento 4. template e modelli riconoscibili
  25. 25. Power Point Power Point offre moltissime funzioni grafiche e, soprattutto, la possibilità di esportare i file in molti formati diversi. È perfetto anche per creare locandine o citazioni NOTA: Chi usa Google Drive, può usare lo strumento “presentazioni” che è il corrispettivo di Power Point
  26. 26. "Ti vendo il mio prodotto" "Qual è il tuo problema?" NO SI
  27. 27. NOME E COGNOME Titolo professionale Azienda Dettagli su ruolo/mansione Informazioni demografiche • Età • Genere • Salario (personale o famigliare) • Luogo di residenza • Istruzione • Famiglia Obiettivi e sfide • Obiettivo • Come posso aiutarlo a ottenere il suo obiettivo • Sfida • Come posso aiutarlo a vincere la sua sfida Valori/paure • Principali valori • Principali obiezioni in fase di acquisto Messaggio di Marketing Presentazione in 1 minuto Altre informazioni • Hobby • Libri/arte/musica/film • Dove si informano (blog, giornali, programmi televisivi) BUYER PERSONA NON SEMPLICE SEGMENTAZIONE
  28. 28. Modello di Buyer persona all'interno della suite di strumenti Xtensio URL: https://xtensio.com Suite Xtensio
  29. 29. 10 comandamenti del marketing 3.0 (secondo P. Kotler) • Trattare i clienti con amore e i competitor con rispetto. • Essere pronti alla trasformazione e al cambiamento. • Rendere i valori chiari e supportarli. • Focalizzarsi sul segmento che può dare i maggiori benefici. • Praticare prezzi onesti per far comprendere la propria qualità. • Aiutare i potenziali clienti a raggiungere l’azienda e i suoi prodotti. • Guardare ai clienti come clienti per la vita. • Vedere ciascun business come un servizio. perché ogni prodotto è legato a un servizio. • Migliorare il proprio processo di business ogni giorno. • Considerare diversi aspetti e informazioni -non solo quelli finanziari- prima di prendere una decisione. http://www.insidemarketing.it/p-kotler-10-comandamenti-del-marketing-3-0/
  30. 30. Stili e brand confronto
  31. 31. Stili e brand confronto
  32. 32. Puntare su valori ed emozioni si può (si deve?) https://www.youtube.com/watch?v=Qmu0URJT3BE
  33. 33. Vision, mission, obiettivi: schema 37 VISION (il futuro) MISSION (il presente) OBIETTIVI a lungo termine OBIETTIVI A breve termine
  34. 34. DUE VISION FAMOSE NIKE Portare ispirazione e innovazione a tutti gli atleti del mondo. "Se hai un corpo, allora sei un atleta“ IKEA Soluzioni convenienti per vivere meglio
  35. 35. NON ESISTE VENTO FAVOREVOLE PER IL MARINAIO CHE NON SA DOVE ANDARE - Seneca DOVE VOGLIO ANDARE?
  36. 36. Un obiettivo senza un piano è solo un desiderio. -Antoine de Saint-Exupéry
  37. 37. Do you «like»? https://www.youtube.com/watch?v=Dp BbOY2amnE https://www.youtube.com/watch?v=2_ M0SDk3ZaM
  38. 38. Il percorso: da sconosciuto a promoter
  39. 39. Il metodo SMART è un modo semplice per valutare la qualità di un obiettivo. Riflettendo su alcuni aspetti fondamentali, possiamo capire se i nostri obiettivi hanno possibilità o meno di essere raggiunti. Metodo SMART
  40. 40. Metodo SMART  Specific (specifico): gli obiettivi devono rappresentare un qualcosa di definito e tangibile.  Measurable (misurabile): l’obiettivo deve essere esprimibile numericamente.  Achievable (attuabile): gli obiettivi devono essere coerenti e compatibili con contesto e risorse. Serve a capire quali azioni possono concretizzare il mio obiettivo.  Realistic (realistico): individuare i margini di realizzazione di un progetto richiede capacità e intuito, considerando ad esempio fattori interni, risorse, settore, congiunture o fattori esterni.  Time-related (in funzione del tempo): ogni obiettivo deve indicare anche i tempi di realizzazione.
  41. 41. 1. Brand Awareness and reinforcement • Brand Awareness (rendere il marchio noto e riconoscibile) • Brand Image/reputation (associare il marchio ad elementi positivi) • Raggiungere o dimostrare il proprio «status» di esperto • Creare traffico da e per i diversi canali • Promuoversi in un’area più ampia (dalla provincia, alla regione, all’estero) • Dare forza al lancio di un nuovo servizio/prodotto • Ricerca di patrocini a sostegno di iniziative speciali • Ottenere l’attenzione dei media
  42. 42. Branded.me: Reputazione on line https://branded.me/
  43. 43. 2. Lead conversion and nurturing • Essere/rimanere in contatto con prospect (chi non è cliente ma potrebbe diventarlo) • Indirizzare i prospect verso strumenti dedicati alla Lead Generation (ad esempio landing page e il Collect Leads di Slideshare) • Fidelizzare i contatti (leads) • Trasformare i contatti in clienti • Attivare iniziative di svago o divertimento • Creare una comunità di appassionati attorno al tuo prodotto/servizio
  44. 44. Contatti di Linkedin Apri il tuo account Linkedin e clicca su: La mia rete > Collegamenti Sulla destra hai l’icona della rotellina dentata che ti permette di scaricare la lista dei contatti con la relativa mail. Importante: Queste persone non ti hanno dato il permesso di ricevere mail. Se vuoi che si iscrivano, glielo devi chiedere espressamente e devono darti l’autorizzazione
  45. 45. Si tratta di un servizio a pagamento, ma che può essere molto utile su un contenuto rilevante Come fare: 1. Crea un account su Slideshare.com 2. Carica un contenuto 3. Clicca sul pulsante «Collect Leads» 4. Decidi le caratteristiche del form e la sua posizione 5. Promuovi quel contenuto per attirare leads https://www.slideshare.net/lead-generation Collect Leads di Slideshare
  46. 46. 3. Customer service • Assistenza e comunicazione pre e post vendita • Ricavare idee dal confronto con clienti/fornitori/concorrenti • Formazione/informazione per i propri clienti • Velocizzare la comunicazione con prospect e clienti
  47. 47. 4. Condividere conoscenza • Ricerche di mercato (prodotti, clienti, competitor) • Aggiornare la propria professionalità • Fare aggiornamento per i propri dipendenti/collaboratori • Velocizzare la comunicazione in un gruppo di lavoro • Collaborare on line • Networking: creazione di nuove relazioni lavorative
  48. 48. QUAL È IL SOCIAL MEDIA GIUSTO PER VENDERE BIKINI?
  49. 49. Le reazioni su Linkedin… https://www.linkedin.com/pulse/appropriate- linkedin-candice-galek
  50. 50. Criteri legati al business  I miei obiettivi: branding? Fidelizzazione? Customer care?  Dove si trova il mio target  Come posso declinare gli argomenti propri del mio business: testi, immagini, video?  Risorse a disposizione: tempo, persone, strumenti, soldi  Le mie competenze nella creazione di contenuti: so scrivere in italiano corretto? So creare video? So modificare le foto? So avviare e registrare una web conference?  Gli strumenti che ho disposizione (fotocamera? Video camera? Smartphone? Tablet?
  51. 51. Criteri legati ai social media  Quale tipo di pubblico ha  A quale tipo di contenuto è destinato  Il tipo di contatto (ad una o a due vie?)  La possibilità di fare pubblicità a pagamento  La separazione fra profili personali e spazi/pagine aziendali
  52. 52. Qualche dato…
  53. 53. Facebook
  54. 54. Facebook: panoramica • Contatto: a due vie • Pubblicazione: stato • Organizzazione: liste e gruppi • Condivisione: condividi • Citazione: attraverso il nome • Approvazione: mi piace • Engagement: amicizia (ma con possibilità di seguire) • Messaggi privati: sì • Focus: famiglia/amici • Presenza delle aziende: pagina aziendale • Pubblicità a pagamento: sì • Viralità attraverso: mi piace/commenti
  55. 55. Facebook: fatevi una pagina • Un utente può avere solo un profilo, ma può avere molte pagine (utile se l’azienda è attiva in diversi settori) • Il profilo non può avere più di 5000 amici, la pagina può avere infiniti fan • La pagina integra un sistema statistico che ti permette di verificare i risultati delle tue attività social • Con l’uso delle App puoi integrare la pagina con altre funzionalità (connessioni ad altri social media, creazione di concorsi, ecc.)
  56. 56. NOTA: nome account • (punto 4.4): “non usare il proprio diario personale principalmente per ottenere profitti commerciali, ma usare piuttosto una Pagina una Pagina Facebook a tale scopo;” • (punto 4.8): “non condividere la propria password (o, nel caso degli sviluppatori, la chiave segreta) né consentire ad altre persone di persone di accedere al proprio account o di eseguire qualsiasi qualsiasi altra azione che potrebbe mettere a rischio la la sicurezza dell'account;” Per approfondimenti: https://www.facebook.com/terms.php
  57. 57. Nuovi strumenti su FB https://instantarticles.fb.com/ https://canvas.facebook.com/ INSTANT ARTICLES Permette a tutti di pubblicare dei veri e propri articoli, come fosse un blog personale. FACEBOOK CANVAS È uno strumento per creare contenuti con un mix di immagini, video e testo. Ottimo per chi desidera fare storytelling.
  58. 58. Esistono molti servizi esterni, come woobox, per aggiungere funzionalità alle pagine Facebook APP DI TERZI https://woobox.com/
  59. 59. LikeAlyzer http://likealyzer.com/
  60. 60. Twitter
  61. 61. Twitter: panoramica • Contatto: a una via • Pubblicazione: tweet • Organizzazione: liste • Condivisione: retweet • Citazione: nome account (es. @imparafacile) • Approvazione: aggiungi ai preferiti (talvolta si dice «stelllinare») • Engagement: segui • Messaggi privati: sì • Focus: news • Presenza delle aziende: profile page • Pubblicità a pagamento: sì • Viralità attraverso: retweet, risposte, citazioni,
  62. 62. TWITTER • L’inizio è il momento più difficile: pochi follower e tanta voglia di farsi ascoltare. Resisti. • Cura la foto e la bio. Spiega bene chi sei; ricorda il link al sito e sii coerente con il tipo di contenuti che pubblichi • Cura i contenuti, alla fine sono sempre quelli che fanno la differenza. • Bilancia il numero di follower e di following • Evita: spam, continue autocelebrazioni, troppi o troppo pochi tweet • Limita i tweet automatici e interagisci con gli altri • Usa le liste per aggregare i contatti e visualizzare contenuti dei contatti che ritieni più interessanti • Non confondere profilo aziendale e profilo personale • Usa e segui gli # (Hashtag) • Usa le decine di tools disponibili per gestire al meglio Twitter
  63. 63. TweetJukebox https://www.tweetjukebox.com/
  64. 64. RoundTeam https://roundteam.freshdesk.com/
  65. 65. Linkedin
  66. 66. Linkedin: panoramica • Contatto: a due vie • Pubblicazione: condivisione (possiamo chiamarlo post) • Organizzazione: gruppi • Condivisione: condividi • Citazione: nome e cognome • Approvazione: consiglia • Engagement: contatti • Messaggi privati: sì • Focus: cv/business • Presenza delle aziende: pagina aziendale • Pubblicità a pagamento: sì • Viralità attraverso: consiglia/condividi
  67. 67. Linkedin: suggerimenti • Cura il profilo : una foto seria (non seriosa) e niente nickname • Cura la headline: deve dichiarare la tua professionalità • Dichiara il settore lavorativo in cui lavori tu o la tua azienda • Personalizza l’URL del tuo profilo • Descrivi i lavori fatti e quelli che fai in modo che siano coerenti con la headline • Cura i contenuti degli status: solo professionali • Le raccomandazioni e gli endorsment devono essere convincenti • Usa al meglio la possibilità di caricare contenuti visuali (slideshare, youtube ecc) • Scegli con cura le persone e i gruppi con cui connetterti
  68. 68. Linkedin per aziende • Crea una pagina aziendale • Nella gestione della pagina fai riferimento ad una strategia di comunicazione integrata con gli altri social media • Linkedin è rilevante per Google: approfittane usando le giuste keywords • Usa Linkedin per le tue offerte di lavoro oppure cerca direttamente i profili giusti
  69. 69. Crea una pagina aziendale e tienila aggiornata • La pagina aziendale di Linkedin permette agli altri di trovarti non solo in base al nome, ma soprattutto in base al settore. La pagina aziendale ha una sezione che ti permette di elencare e descrivere in modo puntuale i tuoi prodotti/servizi
  70. 70. Usa i gruppi per condivedere conoscenza • I gruppi di Linkedin sono uno dei modi più efficaci per entrare in contatto con realtà simili alla nostra. Entrare in un gruppo permette di imparare dagli altri o di dimostrare la nostra competenza
  71. 71. Usa “Pulse” per pubblicare e per tenerti aggiornato “Pulse” è lo strumento di Linkedin per la pubblicazione di articoli. Scrivi i tuoi per dimostrare le tue competenze, oppure leggi quelli degli altri per tenerti aggiornato su argomenti che ti interessano. Nota: se non è attivo nel tuo account, imposta la lingua inglese per Attivarlo.
  72. 72. Sfrutta le potenzialità di Sales Navigator (premium)
  73. 73. Google Plus
  74. 74. È FORTEMENTE INTEGRATO con gli altri prodotti Google (Search, Local, Maps, Drive,Youtube, Mail, Apps, etc.) PERMETTE DI SEGUIRE CHIVUOI (connessione a 1 via) e quindi la qualità dei contenuti è migliore Cosa caratterizza Google+
  75. 75. Ciò che scrivi su Facebook rimane dentro facebook, visto dagli amici e, in alcuni casi, dagli amici degli amici. Se scrivi una cosa su Google+ questa entra a far parte dei contenuti pubblici, che si possono cercare e trovare con il motore di ricerca, come i contenuti di qualsiasi sito o blog Il +1 contribuisce ad aumentare il ranking e la popolarità dei contenuti I contenuti sono pubblici
  76. 76. Hangout: pochi clic e sei in videoconferenza con qualsiasi tuo contatto Places: localizza il tuo business e fatti trovare da chi usa google map, inserendo immagini, recensioni e informazioni Eventi: organizza, pubblica e coinvolgi con pochi clic i tuoi contatti ALTRE INTEGRAZIONI
  77. 77. Pinterest http://www.pinterest.com/
  78. 78. Flickr
  79. 79. Youtube
  80. 80. Il caso https://www.youtube.com/channel/UCsG762mTexhrM15BcsC69PQ
  81. 81. Slideshare
  82. 82. Flaticon http://www.flaticon.com/
  83. 83. Instagram
  84. 84. Hashtagify http://hashtagify.me/
  85. 85. Il caso: B&B Pizzicato http://i.instagram.com/pizzicatoecobeb/
  86. 86. @CandyAnatomy Uno studente 27enne di medicina dell’università di Glasgow ha iniziato a ridisegnare le tavole dei suoi libri di anatomia usando le caramelle: mentine, gommose, zuccherini e caramelle alla frutta. Ha messo le foto su Instagram (http://websta.me/n/candya natomy )
  87. 87. Vine
  88. 88. Snapchat
  89. 89. COME INTEGRO I SOCIAL MEDIA CON IL MIO SITO?
  90. 90. Contenuti di altri Contenuto Personale Conversazioni Flusso dei contenuti Contenuto Proprio Newsletter Social media Sito SOCIAL MEDIA Flusso dei contenuti
  91. 91. Serve un blog (ma cos’è?) HP Chi siamo Prodotti Servizi Blog La storia Il team Contatti Categoria 1 Categoria 2 Categoria 3 Servizio 1 Servizio 2 Servizio 3 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 ecc. ecc. ecc.
  92. 92. Anatomia di un post TITOLO (breve, efficace) Paragrafi brevi, max 3 o 4 frasi SOTTOTITOLI (Facilitano la lettura) SOTTOTITOLI (Facilitano la lettura) Pulsanti per condivisione social CTA (Call to Action) Link a risorse utili Archivio post Categori e Tag Post più letti o relativi al tema Stream social Introduzione (schema a piramide) Sottotitoli per spezzare il ritmo SEO: ogni parte deve tenere conto delle parole per i motori di ricerca Far conoscere i propri canali social Articoli relativi e commenti
  93. 93. Medium: l'essenziale https://medium.com/
  94. 94. Tumblr: il visuale https://www.tumblr.com/
  95. 95. Strikingly: il moderno https://www.strikingly.com/
  96. 96. Wordpress: il famoso https://wordpress.com/
  97. 97. Nei social: dall’immagine al testo IMMAGINE • Ferma l’attenzione TITOLO • Cattura l’interesse INTRODUZIONE • Mi convince ad approfondire CONTENUTO • Mi è utile (argomenta, diverte, dà istruzioni, ecc.)
  98. 98. Immagine intestazione: da 1200 x 626 • Diverse sperimentazioni hanno identificato nel formato 1200 x 626 quello più flessibile per essere visualizzato bene nella maggior parte dei social media
  99. 99. Immagine intestazione con titolo Perché: • Il testo nell’immagine si legge prima • È fondamentale per chi usa Pinterest per salvare i preferiti
  100. 100. Inserisci immagini nel tuo post Le persone amano condividere. Se inserisci immagini o infografiche nel tuo post, le persone potranno usare facilmente social media dedicati, come Pinterest, o altri generalisti, come Facebook, per condividerle
  101. 101. Titolo: max 65/70 caratteri NOTA: I TITOLI LUNGHI SONO PIÙ FATICOSI DA LEGGERE E SONO TAGLIATI NELLE ANTEPRIMA DI GOOGLE E DI FACEBOOK NO SÌ
  102. 102. Titolo: usa il doppio titolo
  103. 103. Titolo: dai del “tu” al tuo lettore IL “TU” COINVOLGE DIRETTAMENTE IL LETTORE CON L’IMPRESSIONE DI UNA CONVERSAZIONE PERSONALE
  104. 104. Titolo: usa aggettivi che colpiscano L’ELEMENTO EMOTIVO FA SEMPRE LA DIFFERENZA
  105. 105. Titolo: usa espressioni negative LE PAROLE CON SIGNIFICATO NEGATIVO FANNO LEVA SULLE NOSTRE INSICUREZZE
  106. 106. Titolo: usa i numeri  I numeri forniscono concretezza e ordine  Più alto è il numero, più aumenta la possibilità che il post sia letto  Usa le cifre al posto delle parole
  107. 107. Title maker (il più standard) http://www.hubspot.com/blog-topic-generator#/
  108. 108. Title maker (il più fantasioso) http://www.portent.com/tools/title-maker
  109. 109. Un esempio "fantasioso"
  110. 110. Title maker (il più ricco) http://tweakyourbiz.com/tools/title-generator/index.php
  111. 111. Analizzatore di titoli http://coschedule.com/headline-analyzer#
  112. 112. La lunghezza del contenuto? Dipende… Tema dibattuto, ma come sempre dipende da molti fattori, come ad esempio:  Argomento  Obiettivo  Target  La capacità di scrivere
  113. 113. Il caso: Enrico Sola http://www.enrico-sola.com Premiato anche da Treccani per la qualità dei suoi contenuti, Enrico Sola scrive normalmente post che superano di gran lunga il numero consigliato di caratteri
  114. 114. Qualche indicazione di base  1500-2.500 sono i post più letti su argomenti “leggeri”  Nel caso di guide, procedure, elenchi di tools sono premiati i post anche molto lunghi  Anche la capacità di fare storytelling incide sulla leggibilità (e condivisione)  Valuta la possibilità di suddividere un post lungo in diversi post più corti
  115. 115. 1 – Create contenuti interessanti: Google è sempre più bravo a indicizzarli (anche se non SEO) 2 – Dedicate ogni pagina ad una sola keyword 3 – Usate i tools adeguati per trovare keyword 5 – Inserite variazioni e sinonimi delle vostre parole chiave 6 – La keyword deve essere nel permalink 7 – Curate: titoli, sottotitoli e description 8 – Linkate le pagine del sito tra di loro 10 – Anche nomi delle immagini e "tag alt" devono contenere la keyword Regole base di SEO
  116. 116. Meta description È una descrizione breve del contenuto della pagina. Viene rilevato e presentato dai motori di ricerca e da alcuni social media Nota: Non è importante per il posizionamento, ma per per anticipare il contenuto ai lettori
  117. 117. SEOceros https://seoceros.com/it/
  118. 118. DI COSA PARLO NEI MIEI CANALI “SOCIAL”?
  119. 119. Perché puntare sul contenuto? • Ti aiuta ad ottenere i tuoi obiettivi “social” • Dimostri la tua competenza • Ottieni più visitatori nel sito e nei canali social • Perché i buoni contenuti sono condivisi • Crei maggiore interesse e coinvolgimento • Migliori il posizionamento nei motori di ricerca • La gente è stanca di pubblicità, vuole contenuti
  120. 120. Contenuti selezionati o no?
  121. 121. I criteri usati da Treccani http://www.premiotreccani.it/
  122. 122. Epic Fail
  123. 123. • Vero • Utile • Stimolante • Necessario • Corretto
  124. 124. Utile per chi?
  125. 125. Le fasi (in breve) 1) Trovare un argomento 2) Scegliere quale forma dare all'argomento 3) Scegliere quale formato usare per pubblicare l'argomento
  126. 126. Esempi Argomento Forma Formato Dati statistici popolazione Tabella di testo Grafico (linee o torta) Pagina web (html) Immagine (jpeg) Consigli di cucina Blog post Intervista Pagina web (html) Video Podcast audio Presentazione PPT
  127. 127. SOCIAL MEDIA MARKETING STRUTTURA/AREA Milano, 31/05/16 UNIVERSITÀ DI MILANO-BICOCCA Trovare argomenti per non rimanere mai senza nulla da dire
  128. 128. Mappe mentali
  129. 129. Bolle di interesse TEMA BASE Interesse 1 Interesse 2 Interesse 3 Interesse 4
  130. 130. Mind42 http://mind42.com/ Tutto il bello delle mappe mentali
  131. 131. https://twitter.com/search-home https://www.google.it/alerts https://app.buzzsumo.com/top-content Trending topics http://www.rightrelevance.com/
  132. 132. Google Trends http://www.google.it/trends/?hl=it
  133. 133. Fatti delle domande sul lavoro che fai • Quale problema posso risolvere ai miei clienti? • Quali capacità deve avere una persona per entrare nel mio settore? • Quali storie di successo posso raccontare? • Quali strumenti sono utili o devono essere usati nel mio lavoro? • Dove, quando e come si può fare al meglio il mio lavoro? • Ci sono cambiamenti in atto nel mio tipo di lavoro?
  134. 134. 10, 100, 1000 IDEE
  135. 135. 1. Scrivi un post (cominciamo facile) È l’operazione apparentemente più facile: scegli il tema e lo sviluppi. Ma scrivere non è facile, quindi fai attenzione ad alcuni particolari:  La scelta del titolo  La cura nell’esposizione  La correttezza della lingua
  136. 136. 2. Domanda/risposta Usare lo schema domanda/risposta, come se fosse un’intervista, aiuta a mettere ordine nelle cose da dire.  Ogni domanda funge da sottotitolo  Aiuta a mettersi dalla parte del lettore  La lettura risulta meno noiosa
  137. 137. 3. Recensioni ed opinioni Usa la tua competenza per recensire e dare consigli. Lo puoi fare:  Su prodotti legati al tuo ambito lavorativo  Su servizi legati al tuo ambito lavorativo  Su persone ed esperti  Su attività, eventi, manifestazioni
  138. 138. 4. Citazioni Le citazioni per la loro brevità hanno una forte capacità di attirare l’attenzione – Suggerimento 1: non esistono solo le citazioni famose. Seleziona citazioni da articoli, libri, conferenze, amici o anche solo frasi sentite casualmente – Suggerimento 2: oltre ai siti dedicati, puoi trovare ispirazione su account Twitter, board di Pinterest, pagine facebook. Impara ad essere curioso e attento.
  139. 139. Adobe Spark https://spark.adobe.com/
  140. 140. ESEMPIO: CITAZIONI DA UN CONVEGNO http://www.slideshare.net/AdelieStudios/inbound14-key-quotes-from-the- keynotes Da un convegno sull’ INBOUND MARKETING a Boston
  141. 141. 5. Racconta storie La tua azienda e la tua professione possono diventare fonte ricchissima di storie: la nascita di un’idea, la sviluppo di un progetto, il successo di un prodotto, un importante evento aziendale ecc. – Suggerimento: approfondisci le tecniche di storytelling (http://writtent.com/blog/15- storytelling-techniques-writing-better- brand-story/)
  142. 142. Tools per lo storytelling https://prezi.com/ https://storify.com/ http://www.dipity.com/
  143. 143. Tools per video animazioni https://www.powtoon.com https://goanimate.com/
  144. 144. Esempi di video animazione Il party libraio di Cetta: http://goanimate.com/videos/0-kw5zrEA5c8 GOANIMATE Gli auguri di Ecole: https://www.youtube.com/watch?v=q1QmJPjX3Do La presentazione di EffettoDomino: https://www.youtube.com/watch?v=8SBaoGKACKY PowToon Bel tutorial di FataInformatica: https://www.youtube.com/watch?v=Wku93RUALqc
  145. 145. 6. Vocabolario Se il tuo ambito ha un lessico oppure degli strumenti particolari, approfitta per spiegare il significato dei termini meno diffusi. • Un Social Media Manager può spiegare il significato di “Sentiment Analysis” • Un cuoco può spiegare la differenza fra una “casseruola” e una “pesciera”
  146. 146. 7. Crea liste Crea liste di risorse interessanti: – Siti web, post, infografiche su argomenti specifici – Libri e riviste utili – Contenuti di Slideshare, Scribd, Youtube – Persone da seguire su Facebook, Twitter o altri social – Strumenti, risorse, attrezzi da avere – Il meglio della settimana (o del mese o dell’anno) – Citazioni
  147. 147. Listly http://list.ly/
  148. 148. 8. Il “Guest post” Ospitare un post scritto da qualcun altro ha il vantaggio di variare i contenuti, di stringere o rinnovare collaborazioni, di dare visibilità (cosa sempre gradita) a qualcuno a cui siamo legati professionalmente. Ad esempio:  un esperto dell’argomento  un dipendente, responsabile di qualche settore aziendale  un cliente o un fornitore
  149. 149. 9. Traduci articoli stranieri Se conosci bene una o più lingue straniere, puoi partire da articoli scritti in una lingua straniera per farne:  Traduzioni  Riassunti o elaborazioni con modifiche personali  Un articolo che sia un mix di diversi articoli
  150. 150. 10. Commenti a ricerche e statistiche Ogni settore professionale ha le sue ricerche e le sue statistiche. Divulgale commentandole. – Suggerimento: Spesso le ricerche sono presentate come infografiche. Molte le trovi qui: • http://infographicjournal.com/ • http://smallbiztrends.com/infographics • http://dailyinfographic.com/ • http://www.coolinfographics.com/ • http://infographicaday.com/ • http://www.pinterest.com
  151. 151. 11. Crea un sondaggio Sia il sito che i canali social si prestano bene alla distribuzione di sondaggi i cui risultati possono essere commentati e diventare un contenuto interessante. – Esistono molti strumenti free per la creazione di questionari e sondaggi, come: • http://www.typeform.com • http://www.survio.com/it/
  152. 152. Lo strumento "Modulo" di Google Drive È facile da usare, per creare questionari con diversi tipi di domande. Inoltre può essere facilmente condiviso o incorporato nelle pagine web Per usarlo è necessario avere un account Google e usare Google Drive
  153. 153. 11b un esempio Il sondaggio non deve necessariamente essere articolato, a volte può bastare un’immagine e far scegliere fra A e B, per attivare l’interesse (Caso: Original Marines su Facebook)
  154. 154. 12. Quiz e questionari Più o meno giocosi, i quiz fanno leva sulla voglia delle persone di mettersi alla prova. Possono essere usati come concorso, come semplice gioco, oppure come strumento formativo. Ecco alcuni strumenti che possono aiutarti: • https://www.pollcaster.com/ • https://survio.com/ • https://it.surveymonkey.com/
  155. 155. Oneqstn http://www.oneqstn.com/
  156. 156. Pollcaster https://www.pollcaster.com/
  157. 157. Survio http://www.survio.com/it/
  158. 158. Il caso Elephant Pants https://www.theelephantpants.com/ https://quiz.tryinteract.com/#/theelephanpants/1 Il quiz Il brand
  159. 159. Il formato Podcast http://socialmediascrum.com/2015/05/siamo-tutti-brand-intervista-a-paola- devescovi.html NOTA: è una buona idea accompagnare il podcast con una serie di informazioni che ne facilitino l’ascolto
  160. 160. Audacity Software totalmente gratuito e open source per la registrazione, modifica e creazione di file audio http://www.audacityteam.org/
  161. 161. 13. Usa il cellulare per cogliere l’attimo Gli smartphone sono ricchi di applicazioni che possono esserti utili:  Usa lo strumento note per salvare le idee che ti vengono nei momenti più disparati  Fai un’intervista con il registratore  Se vedi qualcosa di interessante fotografalo o riprendilo  Usa le App per la modifica delle foto e l’aggiunta di testi MA SOPRATTUTTO: DIVERTITI!
  162. 162. 14. Screenshot Mantieni alta l'attenzione e quando navigando su internet trovi qualcosa di interessante, catturalo e condividilo:  Un post o un commento interessante  Una pubblicità che ti ha colpito  Il frame di un video
  163. 163. Strumento cattura È già presente fra le applicazioni diWindows e, dopo la cattura, permette: • di aggiungere all'immagine semplici elementi grafici • di salvare in formato jpeg, png e gif
  164. 164. Tiny Take Software Freemium, ma potente anche nella versione free. Permette: • di catturare schermo intero, finestre o parti dello schermo • Catturare video • Aggiungere forme annotazioni ed effetti alle immagini • Salvare in formato jpeg, png, gif e bmp • Salvare on line, nello spazio diTinyTake, per poi condividerla
  165. 165. Snaggy http://snag.gy/ Prendi lo screenshot, oppure carica un’immagine, aggiungi commenti e condividila subito su web
  166. 166. Altre idee  Fornisci suggerimenti su prodotti e servizi che offri  Proponi delle case history positive e negative  Raccogli la rassegna stampa delle tue attività  Offri qualcosa di gratuito  Riproponi contenuti “sempre verdi”  Cita te stesso  Cogli l’occasione di un aggiornamento  Trasforma il formato
  167. 167. Varia la forma dei contenuti  Citazione  Articolo/post  Immagine  Intervista  Confronto  Statistica  Infografica  Guida/tutorial/istruzione  Quiz
  168. 168. Varia il formato dei contenuti  Post nel sito o sui social media  Documento pdf  EBook  Presentazione (Power Point o Prezi)  Immagine  Immagine con testo  Slideshow  Infografica  Grafico  Audio  Video
  169. 169. Aisee GIF Converter http://www.aiseesoft.com/video-to-gif/
  170. 170. ImgFlip https://imgflip.com/images-to-gif
  171. 171. Giphy http://giphy.com/create/gifmaker
  172. 172. Visage: per creare grafici https://visage.co/
  173. 173. Visme http://www.visme.co/ Crea slide, infografiche e grafici
  174. 174. Strumenti free per creare infografiche https://infogr.am/ http://piktochart.com/v3/ https://venngage.com/
  175. 175. Show box: presentazioni video https://showbox.com/
  176. 176. Animoto: presentazioni video https://animoto.com/
  177. 177. Beacon http://beacon.by/ Converte gli articoli del blog in un pdf oppure in un web book consultabile on line
  178. 178. QUALI RISORSE HO?
  179. 179. Zapier https://zapier.com/
  180. 180. IFTTT: If This Than That https://ifttt.com/
  181. 181. Siti con foto free  http://librestock.com/  https://visualhunt.com/  http://pixabay.com/it/  http://picjumbo.com/  http://morguefile.com/  http://www.pexels.com/  http://foter.com/  http://www.gratisography.com/  http://www.resplashed.com/
  182. 182. Siti con texture e sfondi free  http://cgtextures.com/  http://www.texturelovers.com/  http://texturez.com/  http://www.bittbox.com/gallery?filter=text ures  http://mayang.com/textures/index.htm
  183. 183. Siti con font Free  http://www.dafont.com/it/  http://www.fontspace.com/  http://fontsbytes.com/  http://www.fontsquirrel.com/  http://www.1001freefonts.com/  https://www.theleagueofmoveabletype.com/  https://www.searchfreefonts.com/
  184. 184. Siti in cui trovare/creare icone e file vettoriali • http://www.flaticon.com/ • http://flattyshadow.com/ • https://materialdesignicons.com/ • https://iconsflow.com/ • http://it.freepik.com/
  185. 185. PicMonkey http://www.picmonkey.com/
  186. 186. Canva https://www.canva.com/
  187. 187. BeFunky https://www.befunky.com/
  188. 188. Adobe Spark https://spark.adobe.com/
  189. 189. Pixlr https://pixlr.com/
  190. 190. GRAVIT https://www.gravit.io/
  191. 191. Pablo: il “citazioniere” di Buffer https://buffer.com/pablo
  192. 192. Pixteller http://www.pixteller.com/ Crea in vari formati:  Immagini con citazioni  Cover di Facebook eTwitter  Biglietti di auguri Mette disposizione  Editor di testo  Uso di immagini proprie  Galleria di icone
  193. 193. FotoJet http://www.fotojet.com/ Ha il suo punto di forza nella creazione di fantastici collage, con più di 500 template a disposizione
  194. 194. Feedly http://feedly.com/ Il giornale con i tuoi blog
  195. 195. Mav social è utile per cominciare:  Programmi i post su 50 canali  Ha una gallery fotografica interna  Sistema interno di statistiche Buffer e Hootsuite sono i due strumenti professionali più utilizzati per la pubblicazione di contenuti sui social media.  Uso di bookmarklet/estensioni  Programmazione avanzata dei post  Nella versione free il numero di canali è limitato a 3  Sistema interno di statistiche  Integrazione con altri siti e applicazioni Condividere con Mavsocial, Buffer e Hootsuite
  196. 196. Evernote https://evernote.com/intl/it/ Salva e organizza contenuti di ogni tipo
  197. 197. Toggle https://toggl.com Traccia il tempo dedicato alle diverse attività e fornisce report periodici
  198. 198. Trello https://trello.com/ Il perfetto organizer per i tuoi progetti
  199. 199. E I RISULTATI? DOVE LI VEDO?
  200. 200. Metriche di base  Vendite  Interazioni sui social  Traffico  Conversioni  Rank SEO  Time on site  Feedback di chi ti segue  Crescita dei follower
  201. 201. 7 domande fondamentali Siamo partiti con 7 domande, che adesso riprendiamo per vedere se siamo riusciti a dare loro delle risposte 1)In cosa sono unico? Conosci te stesso e i tuoi clienti. 2) Quali sono i miei obiettivi? Definisci degli obiettivi misurabili. 3) Quale Social Media mi serve? Sperimenta. 4) Come integro i Social Media nel mio web marketing? Programma. 5) Di cosa parlo? Content is King! 6) Quali risorse ho? Fai bene i conti. 7) E i risultati, dove li vedo? Monitora.
  202. 202. Mail: giovannidb@imparafacile.it Sito: www.imparafacile.it Twitter (@imparafacile): https://twitter.com/imparafacile Facebook: https://www.facebook.com/isola.imparafacile Linkedin: http://it.linkedin.com/in/giovannidallabona Slideshare: http://www.slideshare.net/Imparafacile MI TROVI ANCHE QUI: Non abbiate fretta di fare tutto e subito. Sperimentate, giocate, adattate al vostro stile, siate curiosi di trovare altri metodi e altri strumenti. Soprattutto DIVERTITEVI! GRAZIE! Per: consulenza – Formazione - Collaborazione

×