Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Una Storia, Mille Storie

284 views

Published on

Parte di un articolo pubblicato sulla rivista MEDIA KEY n°343 Aprile 2015

Hanno sbagliato qualche informazione sul mio conto ma, fa sempre piacere essere preso a modello per nuove e possibili figure lavorative.

Published in: Career
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Una Storia, Mille Storie

  1. 1. III MAIIRIZIII HIMISINII 21-: t‘ lijftlfl LITII Rffl, iVlf_f_E Ilfrlfllm, ssrvrrrunu APHILEZUE5 meuiatxev CROSS MEDIA PROJECT MANAGER: IINA NIIIIIIA PRIIEESSIIINE L’Italia non e ancora davvero pronta peril Transmedia Storytelling anche perché si e detto che mancano ancora le professionalita in gra- do di ‘vedere’ ampiamerrte nei vari settori dei media e connetterli. I professionisti sono ancora pochi, certo, ma Ci sono. Uno di questi e Claudio Gentile, nome Che Ci ricorda i gloriosi mondiali del1982, in realta un ragazzo Che fa una professione tipicamente modema: il Cross Media Project Manager, 0 Cross Media Hunter. Gentile ci spie- gala sua ricetta, semplice, eppure fondarnentale, per un Transmedia Storytelling efficace. “Una Cosa importantissima e Coinvolgere ed emozionare il pubblico”, spiega Gentile. ”Senza un Coinvolgimento, un’emozione, una storia Che prenda di pancia difficilmente i1pub— bliCo lo seguira spostandosi da un medium all’altro”. ”Un’altra re- gola e raccontare il Convenzionale in modo non Convenzionale” ag- giunge Gentile, Che fa l’esempio di un video, girato con lo stile della app per smartphone Dump Ways To Die (un giochino Con dei per- sonaggi animati) Con tutte le morti strane viste nella serie ll trrmo di spade. Anche questo e Transmedia Storytelling: raccontare la storia principale Con mezzi e storie alternativi, a volte generati dal pubbli— Co stesso e non dalla produzione. "Questo ci fa vedere quanto i social network riescono a create una for- ma narrativa e ricreare i diversi attori di una storia”, spiega Gentile. ”Il primo mondo transmediale e stato quello di Matrix, Che pero ha un problema specifico, quello di dare la possibilita all’utente di fruire di tutti i contenuti su tutte le piattaforme” e um altro esempio del Tran- smedia Hunter. ”Mutrix esce nel 1999, poi escono i cartoni animati e anche il videogioco. Qui c'e Yinghippo: personaggi fondamentali per il secondo film, Matrix Reloaded, sono all’interno del videogioco. Chi non ha giocato ha perso qualcosa, e Cosi il film non ha avuto il suc- cesso del primo”. La narrazione su media diversi da anche un altro vantaggio: e possibile sperimentare prirna di lanciare su larga soala la bonta della nostra storia, possiarno Crearla con il media pin semplice Che abbiamo a portata di , {.‘5 ‘I’ 4 A I SOPRA, STAR WARS , » EUNESEMFIO DI i. - . TRANSMEDIA fly. -- STORYTELLING ‘ I DELLA PRIMA ORA. A LATO, CLAUDIO GENTILE CROSSMEDIA _, ~. v ~ PROJECT MANAGER - _ v , o CROSSMEDIA ; =‘ 1 - HUNTER. ,, mano e investire meno budget possibile, Come una / -‘C‘bhe1‘l€ su YouTu- be, IL’ in questo modo lastare il lerrono in merilo alla nostra audience. "Co. ~a‘I si creano dell»: community partccipative, Che sono da coirwolgert-. in modo da avere input sempro Inaggiori", spiega Gentile. "In qu es to modo abbiamu la po: ~‘ibilit£I di lanciare una Campagna di crowdftrndiirg: so nusciarno a coiiwolgure un pubblico inlen. -‘ssalo, questo sarh in grado di finanziare il nostro pl’Ugt. ‘lIO. l-I ptussibile C| ’(‘al’£‘ lUm1£‘ (Ii narrazione

×