AZZERARE I RIFIUTI
E VIVERE FELICI E CONTENTI
Federico Valerio
Chimico Ambientale
Comitato Scientifico LIP Rifiuti Zero
Ze...
• Porsi l’obiettivo di azzerare la produzione di rifiuti, non è
una utopia di pochi ambientalisti fondamentalisti
• Rifiut...
Dove dovevamo e dobbiamo arrivare
Ce lo dice l’Europa!
• Entro il 2011
ridurre del 60% la produzione annua pro-capite
di R...
Dove dovevamo e dobbiamo arrivare
Ce lo dice l’Europa!
• Alla fine del 2012
65% raccolta differenziata
• Entro il 2013
ogn...
Dove dobbiamo arrivare
Ce lo dice l’Europa!
Entro il 2020
la crescita economica
si deve dissociare
dalla crescita dei rifi...
Una società che, per crescere, deve consumare
sempre di più è destinata a produrre sempre più
rifiuti
Zero Waste 2013
NUOVI OBIETTIVI
E NUOVI LINGUAGGI
Il modello di sviluppo
che dura nel tempo
non produce rifiuti
Alla fine della prima vita...
Obiettivi della
Legge Iniziativa Popolare
Entro il 2020
•Riduzione del 20% della produzione di
rifiuti
•91% Raccolta diffe...
Obiettivi da raggiungere
2013 2020
Discarica e
recupero energia 65 % 5 %
Zero Waste 2013
MISSIONE IMPOSSIBILE?
Zero Waste 2013
Negli scarti urbani
i materiali riciclabili
(imballaggi-organico compostabile)
rappresentano
l’ 83-89%
dell’intera produzi...
UNA FAMIGLIA MOTIVATA
E
BEN INFORMATA
SEPARA L’ 82% DEI SUOI MPC
Progetto “Cittadini In rete per il riciclo. Italia Nostra...
Missione già compiuta
• Con il passaggio al Porta a Porta
la Raccolta Differenziata supera facilmente
il 60%
• Con la Tari...
Che fare dei MPC
che non si riciclano, non si compostano e
non si riusano?
Si sottopongono a
Trattamenti Meccanico Biologi...
Impianto TMB
Zero Waste 2013
Schema del Trattamento
Meccanico-Biologico con Recupero di Materia
Zero Waste 2013
Flussi di materia in una
Bio-cella
Ingresso
MPC+O2
Aria esausta
MPC biostabilizzato
Zero Waste 2013
Inuscita da TMB che ha trattatofrazioniorganiche
differenziatee residuo non differenziato
Zero Waste 2013
Compost Plastich...
Quello che esce da un TMB
• Ferro, alluminio, vetro, inerti sono già oggi
recuperabili come materie seconde
• Scarti cellu...
Le nuove miniere urbane
Zero Waste 2013
URBAN MINING
• In una miniera d’oro,
da una tonnellata di rocce si ricavano
• 5 grammi d’oro
• Da una tonnellata di cellul...
Da buoni liguri
non sottovalutiamo il fatto che
La “rumenta” riciclata
(bene)
vale (in euro e in salute)
molto di più
di q...
Un chilo di tappi riciclati
vale
31 centesimi
(contributo Consorzio Nazionale Imballaggi)
Zero Waste 2013
Un chilo di lattine (alluminio) riciclate
vale
42 centesimi
(contributo Consorzio Nazionale Imballaggi)
Zero Waste 2013
Un chilo di carbone
vale 7 centesimi
Zero Waste 2013
Materiali Post Consumo
che valgono più del carbone
e poco meno del petrolio,
non possono essere considerati “rifiuti”
di c...
Nella gestione dei Materiali Post Consumo
quale sistema garantisce
il
maggiore recupero energetico
e il
minore impatto amb...
Vantaggi del Riciclo
I materiali riciclati annualmente
da due famiglie tipo
(una tonnellata, 1000 chili)
fanno risparmiare...
Molto meglio (3 volte) di un
“termovalorizzatore” che, incenerendo una
tonnellata di rifiuti,
fa risparmiare solo:
•1.039 ...
30
Emissioni gas serra
kg CO2 eq/tonnellata MPC
•Riciclo e compostaggio - 461
•TMB e stoccaggio - 403
•Incenerimento tal q...
FRAZIONE ORGANICABIODEGRADABILE
• E che ne facciamo dei nostri scarti organici
(frazione umida) pari al 30% dei nostri
sca...
E IL RECUPERO ENERGETICO?
Dalla frazione organica, con la
digestione anaerobica che
produce anche:
BIOGAS
BIOMETANO
Zero W...
Tutte i materiali vegetali e animali,
con trattamenti la digestione anaerobica
producono una miscela gassosa
con una eleva...
• E’ un processo naturale, vecchio un miliardo di
anni, all’origine del gas naturale (metano) che
usiamo quotidianamente e...
Digestore anaerobico, centrale a biogas
con diretto spandimento del digestato
nei terreni agricoli
35
17.000 ton/anno di i...
Digestoredi scarti d’industrie alimentari (Findus) per
la produzione di biometano immessoin retee usato
per autotrasporto
...
37
Ingresso
scarti
biodegradabili
Uscita biogas
grezzo
Uscita digestato
Uscita effluenti
liquidi
BIODIGESTORE:schema
• Gli “scarti” di questa attività microbica sono:
• una miscela di gas (biogas), in
prevalenza anidride carbonica e metano...
DIGESTATO ESSICCATO
BIOGAS
• Il biogas è il prodotto dell’attività metabolica di
microorganismi che, in assenza di ossigeno,
utilizzano biomas...
Bilancio di massa di un
Digestore anaerobico
a “Rifiuti (quasi) Zero”
41
Gargazzone (BZ)
42
Bilancio annuale impianto Biogas
• In ingresso
• 12.000 ton scarti umidi biodegradabili
• 2.500 ton Cippato di legno
• ...
Digestato compostato
con cippato di legno
Da Biogas a BIOMETANO
• RAFFINAZIONE
• Si riduce la concentrazione di componenti problematici per il
trasporto nella rete ...
COMPOSIZIONE (% IN VOLUME)
GAS NATURALE E BIOMETANO
Componente Gas
naturale
Biometano
Metano (CH4) > 81 > 96
Gas inerti
(C...
DISTRIBUTORE DI BIOMETANO
(Svizzera)
46
Distributori di biometano
per automezzi pesanti
(Germania, Francia)
47
NUMERO D’IMPIANTI CHE PRODUCONO
BIOMETANO
150 in Europa
0 in Italia
Rete distribuzione gas naturale
Rete dei gasdotti nazionali e regionali
IL BIOMETANO E’ DANNOSO
PER LA SALUTE?
TANTO QUANTO IL GAS NATURALE
Fattori di emissione
Quantità di inquinanti emessi,
a parità di energia prodotta
(elettricità + calore)
Unità di misura de...
Fattori di emissioni di impianti cogenerazionedanesi
(< 25 MWe)
alimentati con metano, biogas, rifiuti urbani, carbone*
Un...
Conclusioni
La priorità data a
RIDUZIONE, RICICLO, RECUPERO
dalle normative europee e nazionali e
dalla Legge di Iniziativ...
Grazie per l’attenzione
E per saperne di più:
http://federico-valerio.blogspot.com
55
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Zerowaste savona 2013

1,032 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,032
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
524
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Zerowaste savona 2013

  1. 1. AZZERARE I RIFIUTI E VIVERE FELICI E CONTENTI Federico Valerio Chimico Ambientale Comitato Scientifico LIP Rifiuti Zero Zero Waste 2013
  2. 2. • Porsi l’obiettivo di azzerare la produzione di rifiuti, non è una utopia di pochi ambientalisti fondamentalisti • Rifiuti Zero è la strategia vincente di tutti gli ecosistemi naturali, sin da quando la”Vita” ha colonizzato il Pianeta • Rifiuti Zero significa mettersi in gradi di produrre ed usare beni e servizi, in modo tale che non si producano scarti pericolosi, non riutilizzabili ne riciclabili • Ridurre la produzione di rifiuti e riscoprire il Riuso e il Riciclo è una scelta che la Unione Europea ha fatto da tempo • . Zero Waste 2013
  3. 3. Dove dovevamo e dobbiamo arrivare Ce lo dice l’Europa! • Entro il 2011 ridurre del 60% la produzione annua pro-capite di Rifiuti Urbani Biodegradabili (da 290 a 115 kg) • Entro il 2018 la produzione procapite di RUB deve scendere a 81 kg • Entro il 2016 solo il 35% dei rifiuti urbani biodegradabili può essere conferito in discarica Zero Waste 2013
  4. 4. Dove dovevamo e dobbiamo arrivare Ce lo dice l’Europa! • Alla fine del 2012 65% raccolta differenziata • Entro il 2013 ogni Paese deve avere un Piano Nazionale di Riduzione della produzione di rifiuti • Entro il 2016 raccogliere il 45% rifiuti elettronici elettrici (RAEE) il 65% entro il 2019 Zero Waste 2013
  5. 5. Dove dobbiamo arrivare Ce lo dice l’Europa! Entro il 2020 la crescita economica si deve dissociare dalla crescita dei rifiuti Zero Waste 2013
  6. 6. Una società che, per crescere, deve consumare sempre di più è destinata a produrre sempre più rifiuti Zero Waste 2013
  7. 7. NUOVI OBIETTIVI E NUOVI LINGUAGGI Il modello di sviluppo che dura nel tempo non produce rifiuti Alla fine della prima vita utile i Materiali Post Consumo sono recuperati ed inseriti in nuovi cicli produttivi Zero Waste 2013
  8. 8. Obiettivi della Legge Iniziativa Popolare Entro il 2020 •Riduzione del 20% della produzione di rifiuti •91% Raccolta differenziata •85% avviato al riciclo e compostaggio •5% riuso Zero Waste 2013
  9. 9. Obiettivi da raggiungere 2013 2020 Discarica e recupero energia 65 % 5 % Zero Waste 2013
  10. 10. MISSIONE IMPOSSIBILE? Zero Waste 2013
  11. 11. Negli scarti urbani i materiali riciclabili (imballaggi-organico compostabile) rappresentano l’ 83-89% dell’intera produzione (Genova 2009) Zero Waste 2013
  12. 12. UNA FAMIGLIA MOTIVATA E BEN INFORMATA SEPARA L’ 82% DEI SUOI MPC Progetto “Cittadini In rete per il riciclo. Italia Nostra, 2006 Zero Waste 2013
  13. 13. Missione già compiuta • Con il passaggio al Porta a Porta la Raccolta Differenziata supera facilmente il 60% • Con la Tariffazione puntuale (chi differenzia paga meno TARES) la RD supera il 70% Zero Waste 2013
  14. 14. Che fare dei MPC che non si riciclano, non si compostano e non si riusano? Si sottopongono a Trattamenti Meccanico Biologici (TMB): • Separazione meccanica delle frazioni non biodegradabile • Compostaggio della frazione organica residuale Zero Waste 2013
  15. 15. Impianto TMB Zero Waste 2013
  16. 16. Schema del Trattamento Meccanico-Biologico con Recupero di Materia Zero Waste 2013
  17. 17. Flussi di materia in una Bio-cella Ingresso MPC+O2 Aria esausta MPC biostabilizzato Zero Waste 2013
  18. 18. Inuscita da TMB che ha trattatofrazioniorganiche differenziatee residuo non differenziato Zero Waste 2013 Compost Plastiche miste
  19. 19. Quello che esce da un TMB • Ferro, alluminio, vetro, inerti sono già oggi recuperabili come materie seconde • Scarti cellulosici, plastiche miste sono recuperabili, rispettivamente per la produzione di bio-etanolo ed olio diesel per autotrazione, con tecniche allo studio, prossime alla commercializzazione. Zero Waste 2013
  20. 20. Le nuove miniere urbane Zero Waste 2013
  21. 21. URBAN MINING • In una miniera d’oro, da una tonnellata di rocce si ricavano • 5 grammi d’oro • Da una tonnellata di cellulari • 150 grammi d’oro • 100 chili di rame • 3 chili di argento Zero Waste 2013
  22. 22. Da buoni liguri non sottovalutiamo il fatto che La “rumenta” riciclata (bene) vale (in euro e in salute) molto di più di quella gassificata o incenerita Zero Waste 2013
  23. 23. Un chilo di tappi riciclati vale 31 centesimi (contributo Consorzio Nazionale Imballaggi) Zero Waste 2013
  24. 24. Un chilo di lattine (alluminio) riciclate vale 42 centesimi (contributo Consorzio Nazionale Imballaggi) Zero Waste 2013
  25. 25. Un chilo di carbone vale 7 centesimi Zero Waste 2013
  26. 26. Materiali Post Consumo che valgono più del carbone e poco meno del petrolio, non possono essere considerati “rifiuti” di cui disfarsi, per di più pagando per il loro smaltimento Zero Waste 2013
  27. 27. Nella gestione dei Materiali Post Consumo quale sistema garantisce il maggiore recupero energetico e il minore impatto ambientale? Zero Waste 2013 Impatti ambientali a confronto Riciclaggio vs Incenerimento
  28. 28. Vantaggi del Riciclo I materiali riciclati annualmente da due famiglie tipo (una tonnellata, 1000 chili) fanno risparmiare: •3.140 chilowattore di energia • 183 chili di inquinanti (1,4 DCB eq) Fonte: Politecnico di Milano, 2007 28
  29. 29. Molto meglio (3 volte) di un “termovalorizzatore” che, incenerendo una tonnellata di rifiuti, fa risparmiare solo: •1.039 chilowattore • 65 chili di inquinanti (1,4 DCB eq) Fonte: Politecnico di Milano, 2007 29
  30. 30. 30 Emissioni gas serra kg CO2 eq/tonnellata MPC •Riciclo e compostaggio - 461 •TMB e stoccaggio - 403 •Incenerimento tal quale e produzione elettricità -10 Fonte: AEA Technology-Environment “Waste Management Option and Climate Change” . UE 2001
  31. 31. FRAZIONE ORGANICABIODEGRADABILE • E che ne facciamo dei nostri scarti organici (frazione umida) pari al 30% dei nostri scarti? • Si riimmettono nei cicli naturali del carbonio organico con il • COMPOSTAGGIO • DIGESTIONE ANAEROBICA Zero Waste 2013
  32. 32. E IL RECUPERO ENERGETICO? Dalla frazione organica, con la digestione anaerobica che produce anche: BIOGAS BIOMETANO Zero Waste 2013
  33. 33. Tutte i materiali vegetali e animali, con trattamenti la digestione anaerobica producono una miscela gassosa con una elevata concentrazione ( 50%) di metano, denominato BIOGAS e uno scarto fangoso chiamato DIGESTATO
  34. 34. • E’ un processo naturale, vecchio un miliardo di anni, all’origine del gas naturale (metano) che usiamo quotidianamente e che continua ancora oggi nei terreni acquitrinosi, nei sedimenti lacustri, nell’apparato digestivo dei ruminanti. • E’ un processo che abbiamo imparato a sfruttare in impianti (biodigestori) in cui “alleviamo” i batteri che hanno questa singolare proprietà, dando loro da mangiare biomasse di scarto o appositamente coltivate.
  35. 35. Digestore anaerobico, centrale a biogas con diretto spandimento del digestato nei terreni agricoli 35 17.000 ton/anno di insilato grano, erba e pollina Bieringen (Germania) Impianti come questo, finalizzati a produrre energia elettrica, sono energeticamente inefficienti e concentrano su un’area ristretta gli inquinanti emessi dalla combustione del biogas
  36. 36. Digestoredi scarti d’industrie alimentari (Findus) per la produzione di biometano immessoin retee usato per autotrasporto Bjuv, Svezia. 65.000 ton/anno Una delle 150 “bio-raffinerie” attive in Europa
  37. 37. 37 Ingresso scarti biodegradabili Uscita biogas grezzo Uscita digestato Uscita effluenti liquidi BIODIGESTORE:schema
  38. 38. • Gli “scarti” di questa attività microbica sono: • una miscela di gas (biogas), in prevalenza anidride carbonica e metano • e di digestato: un residuo semi-solido, biologicamente stabile, formato da • molecole organiche poco degradabili (lignina) • resti dei batteri morti • composti inorganici • azoto, fosforo, potassio
  39. 39. DIGESTATO ESSICCATO
  40. 40. BIOGAS • Il biogas è il prodotto dell’attività metabolica di microorganismi che, in assenza di ossigeno, utilizzano biomasse vegetali ed animali, quali fonti di cibo. • La progressiva trasformazione delle complesse molecole organiche delle biomasse (proteine, grassi, zuccheri, cellulosa..) fornisce energia ai microorganismi e permette la loro riproduzione.
  41. 41. Bilancio di massa di un Digestore anaerobico a “Rifiuti (quasi) Zero” 41 Gargazzone (BZ)
  42. 42. 42 Bilancio annuale impianto Biogas • In ingresso • 12.000 ton scarti umidi biodegradabili • 2.500 ton Cippato di legno • In uscita • 5.000 ton Compost • 1.200.000 metri cubi metano •1.140.000 kwh di elettricità in rete •1.100.000 kwh elettricità autoconsumo •3.200.000 kwh termici (riscaldamento)
  43. 43. Digestato compostato con cippato di legno
  44. 44. Da Biogas a BIOMETANO • RAFFINAZIONE • Si riduce la concentrazione di componenti problematici per il trasporto nella rete di distribuzione e per gli usi finali: acqua, composti solforati, azoto, silossani, particolato • ARRICCHIMENTO del CH4 • Rimozione della CO2
  45. 45. COMPOSIZIONE (% IN VOLUME) GAS NATURALE E BIOMETANO Componente Gas naturale Biometano Metano (CH4) > 81 > 96 Gas inerti (CO2+ N2) 1,5 - 4,5 < 3 Zolfo totale < 150 mg/m3 < 10 mg/m3 Cloro 0 < 1 mg/m3
  46. 46. DISTRIBUTORE DI BIOMETANO (Svizzera) 46
  47. 47. Distributori di biometano per automezzi pesanti (Germania, Francia) 47
  48. 48. NUMERO D’IMPIANTI CHE PRODUCONO BIOMETANO 150 in Europa 0 in Italia
  49. 49. Rete distribuzione gas naturale
  50. 50. Rete dei gasdotti nazionali e regionali
  51. 51. IL BIOMETANO E’ DANNOSO PER LA SALUTE? TANTO QUANTO IL GAS NATURALE
  52. 52. Fattori di emissione Quantità di inquinanti emessi, a parità di energia prodotta (elettricità + calore) Unità di misura dell’energia: Giga Joule (GJ) 1 GigaJoule = 277,7 kiloWattore
  53. 53. Fattori di emissioni di impianti cogenerazionedanesi (< 25 MWe) alimentati con metano, biogas, rifiuti urbani, carbone* Unità misura Motori metano Motori biogas Rifiuti Carbone* Polveri gr/GJ 0,76 2,63 < 2,1 30 NOx gr/GJ 168 540 124 310 PM10 mg/Gj 189 451 1.126 20.000 PM2,5 mg/Gj 161 206 1.084 9.000 * Centrali cogenerazione > 50 MWt
  54. 54. Conclusioni La priorità data a RIDUZIONE, RICICLO, RECUPERO dalle normative europee e nazionali e dalla Legge di Iniziativa Popolare è giustificata da • Minore impatto ambientale • Minore impatto sanitario • Maggiore risparmio energetico • Minore uso di materie non rinnovabili • Maggiore riduzione emissione gas serra Zero Waste 2013
  55. 55. Grazie per l’attenzione E per saperne di più: http://federico-valerio.blogspot.com 55

×