Project work- Banca PRomos

1,433 views

Published on

Obiettivo del presente Project Work è la descrizione delle fasi operative con cui l'Ufficio Studi di Banca Promos fornirà ai propri clienti il servizio di collocamento dei prodotti del risparmio gestito secondo una strategia Multibrand. Dopo un’iniziale definizione delle forme di gestione del risparmio e gli annessi vantaggi, saranno descritti i vari step in cui si articolerà l’attività dell’Ufficio. In particolare, sarà descritto il processo di selezione dei migliori Asset Managers presenti sul mercato, l’analisi quantitativa dei fondi da essi offerti, l’implementazione di views di mercato e l’organizzazione del rapporto con la clientela attraverso la rete dei promotori finanziari. Infine sarà presentato un esempio di operatività dell’Ufficio.

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,433
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
799
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Project work- Banca PRomos

  1. 1. IL COLLOCAMENTO DEI PRODOTTI DEL RISPARMIO GESTITO. IL RUOLO, LE COMPETENZE, GLI OBIETTIVI E LE FINALITÀ DELL’UFFICIO STUDI NEL PROGETTO MULTIBRAND STRATEGY DI BANCA PROMOS Andrea Peluso Morena De Stefano Gabriele Masiello MFA - MASTER IN FINANZA AVANZATA: METODI QUANTITATIVI E RISK MANAGEMENT
  2. 2. Logo azienda 2/18 L’Ufficio studi di Banca Promos Analisi degli Asset Manager Analisi Previsionali dei mercati Supporto alla rete dei Promotori Portafogli Multibrand
  3. 3. Logo azienda 3/18 L’industria del risparmio gestito Gestione Collettiva del risparmio • Fondi Comuni d’investimento • Sicav Gestione di Portafogli • Stock/Bond Selection • Fund Selection Portafoglio con prodotti del risparmio gestito Multibrand Raggiungimento dei vantaggi di entrambe le tipologie d’investimento : • Personalizzazione dell’investimento • Consulenza aggiuntiva al cliente • Raggiungimento di elevati livelli di diversificazione • Riduzione del rischio “gestore” • Riduzione delle asimmetrie informative • Possibilità d’investimento in molti mercati, anche distanti
  4. 4. Logo azienda 4/18 La Normativa di riferimento L’industria del risparmio gestito è disciplinata, prevalentemente, dalle seguenti Norme: T.U.F. • Autorizzazione agli Intermediari • Disciplina il funzionamento di un Fondo • Criteri generali a cui i Fondi MiFID • Tutela del risparmiatore • Integrazione dei Mercati • Rafforzamento dei meccanismi concorrenziali Market Abuse • Frodi sui Mercati • Manipolazione di mercato
  5. 5. Logo azienda 5/18 L’industria del risparmio gestito in Italia Raccolta Netta Patrimonio Gestito (da inizio anno 2014) (dati in mln di €) (marzo 2014) (dati in mln di €) Totale 29.103 1.390.696 100% Gestioni Collettive 24.791 634.093 46% Fondi aperti 24.787 591.360 43% Fondi chiusi 4 42.733 3% Gestioni Portafoglio 4.312 756.603 54% Retail 2.063 100.171 7% Istituzionali 2.249 656.432 47% Il patrimonio Gestito ha toccato un nuovo picco storico a Marzo 2014, grazie anche alla raccolta netta record dello stesso mese, di ben 18,8 miliardi di euro. Questo trend positivo continua da 2 anni, trainato anche dalla ripresa dei mercati mondiali azionari.
  6. 6. Logo azienda 6/18 L’industria del risparmio gestito in Italia
  7. 7. Logo azienda 7/18 Il Processo di costruzione di un portafoglio Ufficio Studi Promotore finanziario Cliente L’ufficio sarà al centro di un processo integrato per la costruzione dei portafogli. All’analisi dei migliori prodotti del risparmio gestito si affiancheranno le views che lo stesso Ufficio produrrà e le informazioni relative alle “bias” dei clienti. Profilatura del cliente Analisi dei fondi Views di mercato Consulenza ai clienti Supporto alla rete dei Promotori
  8. 8. Logo azienda 8/18 • Selezione dei migliori Fondi comuni d’investimento per date tipologie: 1. Definizione di una short list in base a variabili quantitative (AUM – Costi – Durata fondo – Rating Morningstar) 2. Indicatori di Redditività ed analisi di Persistenza 3. Indicatori di Rischiosità 4. Analisi RAPM 5. Analisi di Jensen e Treynor-Mazui ed eventuale Return Based Style Analysis 6. Score e selezione • Analisi previsionali sui mercati ed individuazione delle migliori opportunità d’investimento: 1. Analisi fondamentale 2. Reverse Optimization 3. Analisi settoriale. • Trasmissione degli Output alla rete dei promotori e scambio informativo delle “bias" L’operatività dell’Ufficio Studi
  9. 9. Logo azienda 9/18 L’analisi sui Fondi Comuni d’investimento Una volta ottenuta la short list dei fondi, per ogni asset classes, verrà implementato lo studio e il calcolo degli indicatori precedentemente elencati, attraverso software specifici (Nel Project Work si è settato un foglio di lavoro Excel).
  10. 10. Logo azienda 10/18 L’analisi sui Fondi Comuni d’investimento - IndicatoriRendimento • ERM • TEM • Persistenza Rischio • Dev.St. • DSR • Beta • TEV RAPM • Sharpe • Sortino • Treynor • Information C.A.P.M • Indice di Jensen • Indice di Curvatura • In ultimo, verrà fatta una verifica sulle scelte d’investimento degli Asset manager dei fondi, lanciando una “Return Based Style Analysis”
  11. 11. Logo azienda 11/18 L’analisi sui Fondi Comuni d’investimento - Score A partire dagli indicatori calcolati per ciascun fondo, l’Ufficio sarà in grado di fornire un rating interno, rappresentato da uno Score… … e dunque poter selezionare il miglior fondo per ogni asset class. I pesi verranno calibrati a seconda delle esigenze dell’Ufficio.
  12. 12. Logo azienda 12/18 Le Views di Mercato Settore EV/EBIT EVA Dividend Yield Price/book value Globale Europa Globale Europa Globale Europa Globale Europa Automotive 24.07 15.12 22.05% 10.80% 1.02% 4.53% 2.48 1.37 Biotecnologie 49.96 45.19 6.77% 3.59% 0.25% 0.69% 7.88 5.30 Chimica 15.73 11.53 8.80% 15.43% 1.53% 2.17% 2.30 2.59 Immobiliare 47.51 14.48 3.62% 2.86% 0.51% 1.60% 2.74 1.00 Elettronica 19.55 16.05 7.98% 14.14% 0.88% 1.66% 2.09 2.94 Alimentare 12.96 18.99 17.74% 28.53% 2.38% 2.58% 3.51 0.51 Servizi finanziari 15.14 18.99 15.50% 9.22% 1.06% 1.67% 2.56 0.85 Assicurazioni 11.94 7.50 4.08% 8.37% 0.90% 3.35% 0.93 1.19 Petrolio e gas 9.39 8.03 18.31% 13.63% 2.59% 3.81% 2.00 1.23 telecomunicazioni 7.42 12.33 5.78% 8.44% 4.54% 4.87% 1.86 1.96 • Analisi svolte suddividendo le asset classes sia a livello geografico che settoriale ! OPPORTUNITA’
  13. 13. Logo azienda 13/18 La rete dei Promotori finanziari La scelta della Asset Classes dei portafogli non può prescindere dalle caratteristiche del cliente, e da quelle che vengono definite le proprie “bias”. L’Ufficio, dunque, nel porre in essere i propri studi previsionali sui vari mercati o specifici settori, dovrà ricevere tali informazioni sulle preferenze della clientela di Banca Promos. • Preferenza per i mercati domestici • Interessi per tipologie di aziende Cliente • Ricezione e trasmissione delle bias all’Ufficio Promotore • Implementazione di queste caratteristiche nei portafogli Ufficio Ruolo centrale
  14. 14. Logo azienda 14/18 Profilatura del cliente Oltre alla ricezione delle “bias”, il Promotore avrà l’onere di attuare la Profilatura del cliente: Questionario MiFID Questionario interno di Banca Promos • Controparte qualificata • Cliente Professionale • Cliente al dettaglio • Mercati/valute • Esigenze finanziarie/orizzonte temporale • Preferenze di Prodotti Individuazione “portafoglio target” Azionario Obbligazionario Liquidità % % %
  15. 15. Logo azienda 15/18 Profilatura del cliente – Portafogli Target Basso Medio- Basso Medio Medio-Alto Alto Azionario 15% 25% 35% 55% 70% Obbligazionario 80% 70% 60% 40% 25% Liquidità 5% 5% 5% 5% 5% • Su ognuno dei seguenti portafogli, verrà lanciata un asset allocation strategica, che successivamente sarà modificata a seconda delle bias del cliente.
  16. 16. Logo azienda 16/18 Creazione del portafoglio Completata la profilatura ed individuati i pesi target del portafoglio, il Promotore dovrà implementare la fase di “Blending”…. … e trasformare il portafoglio di pesi di singole asset classes in portafoglio di prodotti. ANALISI FONDI Indicatori (analisi su 3 anni) Redditività Rischio RAPM Rating Mornigstar ASSET CLASSES Rend. Medio TEM Dev.Std. DSR b Sharpe Sortino AZIONARI EUROPA BGF European Value E2 Eur 14,88% 4,58% 14,26% 7,99% 0,99 1,02 1,796 5 AZIONARI NORD AMERICA MS US Advantage AH Eur 12,36% 3,75% 13,30% 6,67% 1,72 0,9007 1,78 " AZIONARI EMERGENTI TEMPLETON Asian Smaller Comp. Eur 8,65% 7,86% 14,29% 9,31% 0,95 0,576 0,872 5 AZIONARI PACIFICO SCHRODER ISF Japanes opportunities 10,05% 2,73% 12,28% 7,05% 0,94 0,7404 1,3624 4 PRODOTTI SPALMATI (BILANCIATI) FIDELITY Euro Balanced Eur 9,25% 1,55% 9,25% 5,46% 1,33 0,9549 1,595 5 M&G GLOBAL Dividend Eur 13,13% 1,76% 11,09% 5,71% 1,09 1,097 2,129 4 M&G OPTIMAL Income Eur 8,67% 2,14% 5,26% 2,58% 1,12 1,54 3,14 5
  17. 17. Logo azienda 17/18 Vendita del Portafoglio e consulenza on-going • Successivamente alla vendita del portafoglio, il Promotore finanziario continuerà a fornire consulenza ai propri clienti, supportato dalle analisi che l’Ufficio fornirà, per implementare, la dove coerente con il profilo di rischio-rendimento del cliente, l’asset allocation tattica.
  18. 18. Logo azienda 18/18 Grazie per l’attenzione !!!

×