Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
Supervisory Review and Evaluation Process:
Andrea Soledad Bellucci
Stefano Buono
Luca D’Anna
Luigi Napolitano
MFA - MASTER...
Logo azienda
2/14
Agenda
1. Elementi chiave dello SREP
2. Mediobanca
3. Pilastri dell’analisi
3.1 Business Model Analysis
...
Logo azienda
3/14
Elementi chiave dello SREP
Cosa è? Chi lo conduce? Pilastri dell’analisi
Risks to Capital
Governance &
I...
Logo azienda
4/14
Mediobanca (1/2)
29%
13%
57%
2%
Corporate & Investment Banking (M&A, ECM, DCM)
Principal Investing (Gene...
Logo azienda
5/14
Mediobanca (2/2)
Deutsche
Bank
Intesa
Sanpaolo Natixis Société
Générale Rabobank Medio
banca
Totale Atti...
Logo azienda
6/14
Business Model Analysis (1/2)
Quantitativa
Qualitativa
•Cost/Income (43,6%) Maggiore efficienza gestiona...
Logo azienda
7/14
Business Model Analysis (2/2)1
Logo azienda
8/14
Governance & Internal Controls
Compliance
Risk
Management
Comitati
endoconsiliari
Consiglio di
Amministr...
Logo azienda
9/14
Valutazione dei Rischi sul Capitale (1/2)
Analisi
Rischio di credito
Rischio di mercato
Rischio operativ...
Logo azienda
10/14
Valutazione dei Rischi sul Capitale (2/2)3
Logo azienda
11/14
Valutazione della Liquidity & Funding
Analisi
Requisiti minimi
obbligatori
Struttura Passivo
Struttura ...
Logo azienda
12/14
Valutazione di sintesi dell’intermediario
Business Model
Analysis
Governance &
Internal Controls
Risks ...
Logo azienda
13/14
Azioni di vigilanza
La valutazione condotta ha evidenziato aree di miglioramento che saranno oggetto di...
Logo azienda
14/14
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

IPE - The BCG "Supervisory Review and Evaluation Process: L'applicazione del framework di valutazione prudenziale BCE ad una banca italiana

986 views

Published on

Il Supervisory Review and Evaluation Process (SREP) è il processo di revisione e valutazione prudenziale svolto dall’Autorità di vigilanza per valutare e misurare i rischi a livello di singola banca e attivare, ove necessario, misure correttive. L’analisi condotta sul Gruppo Mediobanca è stata strutturata su quattro pilastri, secondo quanto definito dall’EBA: Business Model Analysis, Governance & Internal Controls, Risks to Capital e Risk to Liquidity & Funding. Al fine di assegnare uno scoring complessivo al Gruppo, è stata svolta un’analisi di tipo quantitativo e qualitativo rapportando i risultati ad un peer group, individuato attraverso drivers comuni alla banca target. Giunti alla formulazione di un giudizio finale, si è proceduto alla prescrizione di eventuali azioni correttive volte al miglioramento della posizione strategica e all’ottimizzazione del capitale sulla base dei rischi intrapresi.

The Supervisory Review and Valuation Process (SREP) is the supervisory review and prudential assessment conducted by the Supervisory Authority to assess and measure the risks of each single bank and in order to activate, where necessary, remedial measures. The analysis on Mediobanca was structured on four pillars, as defined by EBA: Business Model Analysis, Governance & Internal Controls, Risks to Capital e Risk to Liquidity & Funding. In order to assign a total score to the Group, a qualitative and quantitative analysis was carried out by correlating the results to a peer group, identified through common bank drivers. Once the final judgment was formulated, several corrective actions were prescribed to improve the strategic position and optimize the capital on the basis of the risks involved.

Published in: Economy & Finance
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

IPE - The BCG "Supervisory Review and Evaluation Process: L'applicazione del framework di valutazione prudenziale BCE ad una banca italiana

  1. 1. Supervisory Review and Evaluation Process: Andrea Soledad Bellucci Stefano Buono Luca D’Anna Luigi Napolitano MFA - MASTER IN FINANZA AVANZATA: METODI QUANTITATIVI E RISK MANAGEMENT MIB – MASTER IN BILANCIO, REVISIONE CONTABILE E CONTROLLO DI GESTIONE L’applicazione del framework di valutazione prudenziale BCE ad una banca italiana
  2. 2. Logo azienda 2/14 Agenda 1. Elementi chiave dello SREP 2. Mediobanca 3. Pilastri dell’analisi 3.1 Business Model Analysis 3.2 Governance & Internal Controls 3.3 Valutazione dei Rischi sul Capitale 3.4 Valutazione della Liquidity & Funding 4. Valutazione di sintesi dell’intermediario 5. Azioni di vigilanza
  3. 3. Logo azienda 3/14 Elementi chiave dello SREP Cosa è? Chi lo conduce? Pilastri dell’analisi Risks to Capital Governance & Internal Controls Liquidity & Funding Business Model Analysis•Processo di revisione e valutazione prudenziale introdotto nel 2004, svolto dall’ Autorità di vigilanza per valutare e misurare i rischi a livello di singola banca •Prevede due fasi fondamentali: ‒ Un ciclo di valutazione ‒ Eventuale formulazione di misure correttive • Il Single Supervisory Mechanism, presso la BCE, è uno degli organismi su cui si basa l’Unione Bancaria • La BCE ha quindi assunto un ruolo di supervisore finalizzato a monitorare la stabilità finanziaria delle banche con sede negli stati membri. 1 2 3 4 La valutazione della banca avviene assegnando uno scoring da 1 (No Risk) a 4 (High Risk)
  4. 4. Logo azienda 4/14 Mediobanca (1/2) 29% 13% 57% 2% Corporate & Investment Banking (M&A, ECM, DCM) Principal Investing (Generali) Retail & Consumer Banking (Compass, CheBanca!) Corporate Center (Leasing) Fondata nel 1946, è un gruppo bancario con una struttura di business che offre servizi finanziari altamente specializzati Al fine di dare un giudizio equilibrato e veritiero su Mediobanca, sono stati selezionati 5 peer: • Deutsche Bank • Intesa San Paolo • Natixis • Société Générale • Rabobank Peer Group I drivers della scelta: • Totale Attivo • Adeguatezza Patrimoniale misurato in termini di CET1 • Rating Esterno • Business Model Ricavi per area di attività
  5. 5. Logo azienda 5/14 Mediobanca (2/2) Deutsche Bank Intesa Sanpaolo Natixis Société Générale Rabobank Medio banca Totale Attivo €1.591.000 €725.100 €527.800 €1.382.241 €662.593 €69.818 CET1 11,80% 12,70% 10,80% 11,50% 14,00% 12,10% Rating esterno Moody’s Baa2 Baa1 A2 (stable) Aa3 Aa2 N/A S&P BBB+ BBB- A (stable) A/A-1 A+ BBB- Fitch Rating A- BBB+ A (stable) A (stable) AA- BBB+ DBRS A(low) A(low) N/A AA AA N/A Business Model Corporate & Private 61% 33% 80% 68% 27% 44% Retail & Consumer 31% 60% 17% 36% 54% 53% Corporate Center 8% 7% 3% -3% 20% 3%
  6. 6. Logo azienda 6/14 Business Model Analysis (1/2) Quantitativa Qualitativa •Cost/Income (43,6%) Maggiore efficienza gestionale di MB rispetto alla media dei peer •ROE (7,27%) Buona capacità di trasformare il capitale investito in rendimento •Crescita costante del Margine di Interesse nonostante l’andamento avverso del mercato •Decremento delle Commissioni dovuto al minor apporto del Wholesale •Rafforzamento dell’organico che ha inciso sull’aumento dei Costi di Struttura •Miglioramento della qualità dell’attivo grazie alla riduzione delle Rettifiche su Crediti Principali risultatiAnalisi 1 Nell’esercizio 2016 Mediobanca ha avuto un andamento positivo, attestando la sua capacità di raggiungere gli obiettivi del Piano strategico 2016/19
  7. 7. Logo azienda 7/14 Business Model Analysis (2/2)1
  8. 8. Logo azienda 8/14 Governance & Internal Controls Compliance Risk Management Comitati endoconsiliari Consiglio di Amministrazione Internal Audit -Comitato esecutivo -Amministratore delegato -Direttore Generale Organi di controllo Organi di gestione Organi di supervisione strategica e consultivi 2 Il sistema di controllo è ben articolato ed efficiente, capace di assicurare un’adeguata azione di vigilanza dei rischi ai quali il gruppo è esposto e garantire uno sviluppo sostenibile nel medio-lungo termine Mediobanca presenta un modello di Governance tradizionale, caratterizzato dall’accentramento dei poteri del CdA e da una significativa distinzione degli organi in base ai ruoli assunti
  9. 9. Logo azienda 9/14 Valutazione dei Rischi sul Capitale (1/2) Analisi Rischio di credito Rischio di mercato Rischio operativo Principali risultati •NPL & Coverage Ratio (3,05% e 52,29%) perfettamente in linea con i peer ad eccezione di Intesa Sanpaolo •Credit Risk Density (66,66%) sensibilmente maggiore rispetto alla media del peer group •Texas Ratio (12,13%) positivo, inferiore all’unità e alla media europea •Attività creditizia diversificata settorialmente ma non geograficamente •HFT Ratio (13,61%) in linea con il peer italiano, ma significativamente più basso della media del peer group •Market Risk Density (5,75%) superiore rispetto al peer group • Ricorso al Basic Indicator Approach (BIA) •Requisito patrimoniale di €264,7 mln e Operational Risk Density al 6,14% 3
  10. 10. Logo azienda 10/14 Valutazione dei Rischi sul Capitale (2/2)3
  11. 11. Logo azienda 11/14 Valutazione della Liquidity & Funding Analisi Requisiti minimi obbligatori Struttura Passivo Struttura Attivo Principali risultati •Liquidity Coverage Ratio (LCR) pari a 244%, valore di molto superiore alla soglia richiesta dalla vigilanza (100% entro il 2019) •Net Stable Funding Ratio (NSFR) pari a 109%, valore già superiore al limite richiesto entro l’entrata in vigore dell’indicatore (100% entro il 2018) •Struttura del passivo costituita solo per il 55% da esposizioni a breve termine (entro 12 mesi) rispetto al 72% del peer group •Fonti di finanziamento rappresentato al 40% da titoli di debito (più stabili) •Attività per cassa nel breve termine (entro 12 mesi) costituiscono soltanto il 40% contro il 48% del peer group •Qualità della liquidità bassa ma in aumento rispetto al 2015 4
  12. 12. Logo azienda 12/14 Valutazione di sintesi dell’intermediario Business Model Analysis Governance & Internal Controls Risks to Capital Liquidity & Funding Low Risk Low Risk Low Risk Low Risk 2 2 2 2 In seguito alla valutazione sulle singole aree di analisi il voto complessivo assegnato a Mediobanca è 2
  13. 13. Logo azienda 13/14 Azioni di vigilanza La valutazione condotta ha evidenziato aree di miglioramento che saranno oggetto di attività ispettiva mirata nel corso del prossimo ciclo a partire dal mese di gennaio 2018: Una thematic review sull’ adeguatezza patrimoniale Una verifica cartolare sulle avvenute modifiche all’ assetto di governance Una richiesta di informativa ad-hoc sul portafoglio AFS
  14. 14. Logo azienda 14/14

×