1
INDICEIntroduzione    1. Archivio    2. Biblioteca    3. Ricerca e Scuola superiore di studi di Storia contemporanea    4....
essere consultate sui siti relativi degli Istituti locali.                                                             3
Introduzione       Dei sessant’anni della storia dell’INSMLI si possono qui richiamare solo alcuni elementi.Fondato nel 19...
Al fine di rendere quanto più possibile conosciuto e fruibile il patrimonio documentario,lIstituto intensificò, a partire ...
l’INSMLI e gli Istituti della rete hanno assicurato in questo decennio al pubblico la fruizione diun patrimonio unico sia ...
1. Archivio        In questa fase l’impegno prioritario dellArchivio dellIstituto nazionale è la realizzazionedel programm...
Nel corso del 2009 e nel primo semestre del 2010 sono pervenute allIstituto nazionale leschede descrittive dei fondi fotog...
Mario Venanzi (fotografie), Vittorio Palombo (fotografie) e i materiali della Ricerca suantifascisti piemontesi e valdosta...
volumi doppi e donazioni, sia da altri Istituti della rete che dalle Università italiane.        I periodici correnti dell...
Progetti recenti internazionali          A maggio è stato elaborato il progetto Study of Contemporary History in Italy das...
progetto EPOCA (Emeroteca politica e culturale antifascista).   http://emeroteca.braidense.it/progetti/epoca.php   .Sono f...
strutturale della sede INSMLI, serve infatti di base al progetto, avviato finanziariamente a partiredal 2004, e divenuto e...
Approfondimento di tematiche relative ai lavori dei ricercatori18-22 maggio 2009               Napoli, Istituto Campano “V...
Seminario di formazione e discussione dei lavori; interventi di C.                                 Dellavalle, S.Peli, M.F...
dibattito politico sulla stampa (1945-1961).Collaborazioni internazionali       Fin dalle origini l’INSMLI è stato aperto ...
Sono consultabili on line sul sito dell’Insmli ( www.italia-liberazione.it), anche attraverso ilcollegamento alla banca da...
articolati sul territorio promuovono una serie di interventi, che possono essere così sintetizzati:   1. La realizzazione ...
l’apposita sezione Intranet del Portale. Le iniziative programmate 2009-2010 sono state svolte,eccettuata la riattivazione...
Soverina, Delmonaco, Marchis, Baiardi, Ziruolo, Braga. Il libro, per l’editrice Zona di Roma, èconcepito come testo rivolt...
Roberto Spazzali dell’Istitutodi Trieste.        Dino Renato Nardelli ha svolto la relazione richiesta dal Miur sugli aspe...
7. Festa della Liberazione 2009. Le stagioni della memoria. Resistenza e politica nella         scrittura delle donne, 9 a...
6.Telematica e comunicazione       Il Portale dell’INSMLI è attivo dal 2005 ed ha costituito un salto di qualità nellecomu...
Resistenza italiana        3. realizzazione e manutenzione del DB "Bibliografia degli scritti di Umberto Segre";        4....
esperimento su scala ampia è stato condotto con il Progetto RAI- Medita al fine della fruizionescientificamente verificata...
Tabella riassuntiva personale e soci                                                                 Istituto        Istit...
Appendice1.   Elenco pubblicazioni (2000-2010)2. Indice ultimi numeri di “Italia contemporanea”3. Riviste della rete INSML...
1. Elenco pubblicazioni (2000-2010)                    PUBBLICAZIONI INSMLI 2000 - 2010                         CON PUBBLI...
Isnenghi, Mario -                                                   Milano - Sansoni - 2004       Storia dItalia nel15    ...
Storia dItalia nel secolo Ventesimo.                          Strumenti e Fonti - Vol. 2: Istituti,     Pavone, Claudio (a...
2. Indice ultimi numeri di “Italia contemporanea”    Fasc. 254 (marzo 2009)Studi e ricercheL’Italia repubblicana e i cont...
negli anni del boom economico; M. Elisabetta Tonizzi, Istruzione tecnico-scientifica e agenti disviluppo. Il sistema genov...
occupata. Il Corpo di spedizione italiano in Murmania 1918-1919; Marina Rossi, Il Corpo dispedizione italiano in Siberia e...
segnalazioni dell’UocNote a convegniMonica Di Barbora, Nuove frontiere per la storia di genereRassegna bibliograficaLucio ...
3. Riviste della rete INSMLI                        RIVISTE DEGLI ISTITUTI ASSCOCIATI ALLINSMLI                           ...
Materiali di ricerca storica / Centro Studi Piero Gobetti :                     Ist.piemontese per la storia della Resiste...
STUDI E RICERCHE DI                      Rassegna dellIstituto bergamasco per la storia delSTORIA                         ...
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010

5,102 views

Published on

L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010

  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

L’Istituto Nazionale e la rete degli Istituti associati: Attività gennaio 2009 – giugno 2010

  1. 1. 1
  2. 2. INDICEIntroduzione 1. Archivio 2. Biblioteca 3. Ricerca e Scuola superiore di studi di Storia contemporanea 4. Pubblicazioni e rivista 5. Formazione 6. Telematica e comunicazione. 7. Professionalità 8. Scheda di sintesiAppendice 1. Elenco pubblicazioni (2000-2010) 2. Indice ultimi numeri di “Italia contemporanea” 3. Riviste della rete INSMLI 4. Italian History 5. Istituti associati: formazione e ricerca 2009-2010La documentazione è riferita alle attività dell’Istituto nazionale e, per la sola parte Formazione e didattica, alla rete.Le informazioni specifiche relative a Archivio, Biblioteca, Ricerca e Pubblicazioni degli Istituti della rete possono 2
  3. 3. essere consultate sui siti relativi degli Istituti locali. 3
  4. 4. Introduzione Dei sessant’anni della storia dell’INSMLI si possono qui richiamare solo alcuni elementi.Fondato nel 1949 su iniziativa di Ferruccio Parri, con il concorso di qualificati storici e studiosidi tutte le componenti resistenziali, ebbe come compito fondamentale di raccogliere, conservare idocumenti prodotti nel corso della Resistenza, promuovendone lo studio e la conoscenza. Lannoprecedente, il Consiglio superiore per gli Archivi di Stato aveva autorizzato l’INSMLI,accogliendo la proposta del ministro dell’Interno, Mario Scelba, a conservare, al pari degliArchivi di Stato, i documenti prodotti dalle formazioni partigiane e dagli organi politici dellaresistenza. Nei suoi primi anni di vita lIstituto nazionale avviò il censimento del patrimoniodocumentario, si dotò di una biblioteca, avviò la pubblicazione del trimestrale Il movimento diliberazione in Italia e promosse le prime pubblicazioni. Altrettanto fecero i primi Istituti locali.Dopo la svolta politica dei primi anni Sessanta, che accompagnò la grande trasformazioneeconomica e sociale dell’Italia, l’INSMLI ottenne il riconoscimento dello Stato con la legge n. 3del gennaio 1967. La legge definiva anche il sostegno dello Stato ( un finanziamento annuale el’assegnazione di personale comandato) per sviluppare i compiti assegnati all’INSMLI e alla retedegli Istituti che aveva iniziato a espandersi sul territorio nazionale. Crebbe così l’attività diricerca attraverso progetti finanziati e coordinati dal Nazionale e nel corso degli anni Settantaattraverso progetti che coinvolsero numerosi Istituti locali (Programma del 1972, ripresoall’inizio degli anni ottanta e dedicato agli anni della ricostruzione).Queste scelte rispondevanoall’ampliarsi degli interessi storiografici, che dal nucleo iniziale degli anni di guerra siestendevano alla storia del Novecento e si confrontavano con le forti innovazioni storiograficheprodotte dal confronto internazionale: dalla storia etico politica alla storia sociale e alla storiaquantitativa, dalla storia locale alla storia della cultura, dalla dimensione delle soggettività allamicrostoria, alla storia orale. Contestualmente si venne ampliando e ridefinendo, sostenuto dallacrescita degli Istituti locali, un secondo settore di attività, quella della formazione rivolta allescuole come frutto di una riflessione didattica e pedagogica influenzata dalle metodologie dellascuola attiva. 4
  5. 5. Al fine di rendere quanto più possibile conosciuto e fruibile il patrimonio documentario,lIstituto intensificò, a partire dagli anni Settanta, ledizione di fonti archivistiche degli organismipolitici e delle formazioni partigiane protagoniste della guerra di liberazione. Tale programmaportò a monografie sui documenti prodotti da Clnai, Cvl, brigate Garibaldi, brigate Giustizia elibertà, formazioni autonome. La continua attenzione alla realizzazione di strumenti di corredoper consentire la più libera fruizione del patrimonio archivistico e bibliografico portò a realizzare,nel 1974, la prima Guida agli archivi della Resistenza (seguita dalla monumentale edizione del1983) e, nel 1977, il Catalogo della stampa periodica dellInsmli e degli istituti associati. La rivoluzione storiografica degli anni Settanta e Ottanta aveva comportato una parallelarivoluzione del concetto di fonte storica; ne era derivato l’ incremento del patrimonio archivisticocon acquisizioni che riguardavano singoli protagonisti e strutture della società civile, dellapolitica, della cultura, dell’ economia per tutto l’arco del Novecento. Alla documentazionecartacea si sono quindi affiancate fonti non tradizionali quali documenti iconografici eaudiovisivi. A tali acquisizioni hanno fatto seguito alcune tra le prime analisi in Italia sullusodelle fonti orali nell’analisi storica e nella formazione. Il trattamento delle nuove fonti ha comportato l’attivazione delle risorse tecnologichenecessarie per incrementare gli strumenti di consultazione: così la biblioteca INSMLI e a seguirele biblioteche degli Istituti associati hanno aderito sin dagli anni Ottanta al Polo lombardo delSistema bibliotecario nazionale (SBN) e poi allAnagrafe del catalogo nazionale dei periodici(ACNP). Larchivio, negli anni Novanta, ha elaborato una guida informatizzata del patrimonioarchivistico della rete degli Istituti, successivamente inserita on line: il database Guida,organizzato su più livelli di descrizione, prevede lindicizzazione di nomi di persona, enti e luoghie costituisce a tuttoggi uno dei più avanzati strumenti di ricerca archivistica. Le modifiche intervenute nel rapporto Stato-Istituti culturali (legge Bassanini) tra la finedegli anni Novanta e l’inizio del nuovo secolo hanno comportato per l’INSMLI e per la rete degliIstituti un notevole sforzo di adattamento alla nuova situazione. Si è fatto fronte alla riduzione delcontributo dello stato (l’INSMLI è presente nella tabella triennale del MIBAC) con una crescentee reciproca attenzione al settore privato e degli enti locali con un rinnovato rapporto con ladimensione territoriale attraverso lo strumento del progetto. Pur tra difficoltà, in particolare ladifficoltà a programmare le iniziative data l’aleatorietà dei contributi acquisiti anno per anno, 5
  6. 6. l’INSMLI e gli Istituti della rete hanno assicurato in questo decennio al pubblico la fruizione diun patrimonio unico sia per dimensioni, sia per qualità, sia per il tasso elevato di fruibilitàgarantito dall’ innovazione degli strumenti delle ricerca. Quest’ultima è stata stimolatadall’esperienza innovativa della Scuola superiore di studi di Storia contemporanea dedicata allaformazione di giovani ricercatori. Importante e duraturo nel tempo è il rapporto con il mondodella formazione superiore, della ricerca universitaria e le collaborazioni attivate sul pianointernazionale sia dal Nazionale sia da singoli Istituti. Sul piano della formazione gli Istituti hanno collaborato con il MIUR attraverso lostrumento della Convenzione sia per alcune delle fasi della riforma delle scuola dell’obbligo(curricolo verticale), sia nei processi formativi riguardanti aspetti fondamentali della vita di unpaese civile come i temi della legalità, della cittadinanza, dei diritti, della Costituzione. Lariflessione storiografica su nodi cruciali della storia contemporanea come il tema della shoa, dellevicende del fronte orientale (foibe ed esodo), del colonialismo italiano hanno consentito disalvaguardare un principio irrinunciabile, ossia la contiguità tra l’elaborazione storiografica e laproposta didattica e formativa. Con esiti di originalità e di efficacia che sono stati pubblicamentericonosciuti. Così la Presidenza della Repubblica ha espresso il suo apprezzamento per comesono stati affrontate le tematiche complesse della Carta Costituzionale (vedi il riconoscimentoassegnato al Museo diffuso di Torino per la mostra “I giovani e la costituzione” elaborata suprogetto dell’Istituto piemontese) e quelle sempre difficili della shoa (vedi la Mostramultimediale promossa dall’INSMLI, che sarà al Quirinale il prossimo ottobre, dedicata alle vitee ai destini incrociati di 12 giovani ebrei). L’INSMLI e la rete degli Istituti è una struttura complessa che realizza un’idea originaledi elaborazione della cultura in rapporto stretto con il territorio: traduce in atto un’idea noncomune di federalismo culturale, che forse meriterebbe qualche riconoscimento in più, anche daparte della città in cui ha la sede ufficiale, se in un percorso lungo sessant’anni, ha costruito unarete di 66 Istituti associati e di 10 enti culturali collegati. Un insieme di patrimoni, di risultati, diesperienze, di attenzioni alla storia della società italiana di cui un paese civile dovrebbe esserefiero. Nelle pagine che seguono si vuole dare conto delle principali attività che l’INSMLI e larete degli Istituti hanno svolto nell’arco di un anno e mezzo. 6
  7. 7. 1. Archivio In questa fase l’impegno prioritario dellArchivio dellIstituto nazionale è la realizzazionedel programma d’informatizzazione della Guida agli archivi della Resistenza. Liniziativa, che haper obiettivo sia la consultazione in rete sia la pubblicazione a stampa d’inventari delladocumentazione (cartacea e fotografica) e la realizzazione di una banca dati dell’interopatrimonio archivistico dellINSMLI e degli Istituti associati, è stata sostenuta con appositaconvenzione dallUfficio Studi e pubblicazioni del ministero Beni culturali e da uno specificofinanziamento della Fondazione Cariplo. Essa prevede in primo luogo la raccolta delledescrizioni informatizzate dei fondi di nuova acquisizione presso glIstituti della rete, eprogressivamente il riordino e la descrizione dei fondi più antichi. La realizzazione di questoprogramma ha finora comportato il controllo e la normalizzazione di oltre 42.000 schedearchivistiche di fondi cartacei (database "Guida"), di oltre 12.000 schede di fondi fotografici(database "Foto") e di 983 schede relative alle cartoline (database "Carto") che, a partire dalgiugno 2010, saranno consultabili on line agli indirizzi www.italia-liberazione.it, e presso ilportale dellUNESCO: www.unesco.org/webworld/portal_archives/pages/PrimarySources_online/Documents/Europe/Italy. LArchivio dellIstituto nazionale ha inoltre progettato e realizzato, in collaborazione conil Cnr di Pisa, la creazione di un database destinato alle produzioni didattiche degli Istituti dellarete e dei docenti che collaborano con il Laboratorio nazionale per la didattica della storia(Landis). Il database è consultabile allindirizzo: http://beniculturali.ilc.cnr.it:8080/Isis/servlet/Isis?Conf=/usr/local/IsisGas/LandisConf/Landis.sys6.file E’ stato poi avviato il progetto di aggiornamento della Guida agli Archivi della Resistenza(Roma, MBCA, 1983) che prevede la revisione e la descrizione informatizzata, da collocarsinelle banche dati on line, dei fondi degli Istituti associati che ancora non sono stati descritti susupporto digitale. A partire dal mese di ottobre 2009 sono stati inserite le schede descrittive difondi degli Istituti di Aosta, Alessandria, Cuneo, Varallo, Novara, Brescia, Pavia per un totale dioltre 4.000 schede. Il progetto proseguirà per tutto il corso del 2010 e si prevede un incrementocomplessivo di circa 20.000 schede. 7
  8. 8. Nel corso del 2009 e nel primo semestre del 2010 sono pervenute allIstituto nazionale leschede descrittive dei fondi fotografici di diversi Istituti associati che hanno frequentato il corsodi formazione sulle fonti fotografiche organizzato dal personale dArchivio dellIstituto nazionale.Le schede pervenute dagli Isr di Alfonsine, Grosseto, Imola, Napoli, Pesaro, Reggio Emilia,Treviso, Trieste, Udine sono state corrette e normalizzate e preparate per la consultazione on linenella banca dati "Foto". Per la valorizzazione delle fonti fotografiche, l’Archivio ha promosso e coordinato ilprogramma di riordinamento, descrizione informatizzata e di digitalizzazione delle fotografie eha prestato particolare attenzione al recupero del patrimonio iconografico legato alla guerra diliberazione. In questo ambito lArchivio ha compiuto la scansione delle fotografie dei fondi MarioArgenton, Associazione italiana combattenti volontari antifascisti di Spagna, Antonio Basso,Aldo Beolchini, Lanfranco Bolis, Enrico Bonomi, Mario Bozzi, Rosita Bruni, Brigata Stefanoni,Vincenzo Calace, Marcello Cantoni, Cln della Lombardia, Vincenzo Calace, Cln città di Milano,Cln comunali rionali e aziendali di Bergamo, Cln di Pavia, Cln rionali aziendali e di categoriadella provincia di Pavia, Cln rionali di Milano, Comando militare provinciale di Novara,Famiglia Tosi, Vincenzo Pavan, Perasso Carlo, Federico Rampini, Mario Rollier, MarioVenanzi. E’ stata fatta anche la scansione di materiali del concorso Ricordate il vostro 8settembre e del Psdi di Bergamo. L’Archivio storico è stato impegnato anche nella formazione di personale archivisticodegli Istituti associati e svolge opera di consulenza per gli operatori degli Istituti associati ecollegati; fornisce inoltre consulenza, sia in sede che on line, a ricercatori italiani e stranieri,impegnati in tesi di laurea, pubblicazioni, attività didattica.Acquisizioni e riordino Sono stati acquisiti i fondi Berta Steiner "Kitta", Famiglia Ricca Tadini, Giulio Fiocchi(integrazione), Ciro Poggiali, Carlo Ludovico Cazzullo, Augusto Venturi, Giustino Arpesani(integrazione), Giovanni Pirelli, Paolo Arpesani, Marisa Lorenzetti, Piero Malvezzi/Le voci delghetto (integrazione) e l’Archivio dellAssociazione italiana combattenti volontari antifascisti diSpagna. L’attività di riordinamento e descrizione informatizzata dei fondi cartacei ha riguardato ifondi: Mario Bocchi, Giustino Arpesani, Vittorio Palombo, Ferdinando Scarpetta, Marco Fossati, 8
  9. 9. Mario Venanzi (fotografie), Vittorio Palombo (fotografie) e i materiali della Ricerca suantifascisti piemontesi e valdostani nella guerra di Spagna. Le schede descrittive di tali fondi sono consultabili nel sito www.italia-liberazione.it.Collaborazioni È continuata la collaborazione con alcune Università italiane per incontri e momenti dipresentazione del patrimonio archivistico conservato presso lINSMLI e per eventualiesercitazioni.In particolare sono stati svolti incontri con studenti della cattedra di archivisticadellUniversità degli Studi di Milano (prof. Marco Bologna, prof. Stefano Twardzik).Pubblicazioni L’Archivio ha collaborato alla cura redazionale del testo di Mario Dal Pra, Storia dellaResistenza, curato da Dario Borso pubblicato presso la Giunti nellaprile 2009.Servizio al pubblico Il servizio al pubblico, su appuntamento, è attivo dal lunedì al venerdì.2. BibliotecaPatrimonio La biblioteca “Ferruccio Parri” possiede 71.000 volumi di opere monografiche ecollettanee (4500 delle quali esposte a scaffale aperto nelle sale della consultazione aperte alpubblico) e 4.769 periodici catalogati nel Sistema bibliotecario nazionale (SBN, escludendo letestate doppie). Di questi 3.018 risultano anche catalogati e descritti, con le loro consistenze, nelCatalogo nazionale dei periodici (ACNP) del Centro Inter-Bibliotecario dell’Università di Bologna.Completano il patrimonio anche 194 CD, 17 microfilm e alcune centinaia di microfiche. Nel corso del 2009 sono state acquisite oltre 1.000 opere, in particolare di storia locale,provenienti da doni e scambi con istituti storici e istituzioni locali. Alla drastica riduzione delbudget per l’acquisto dei volumi si è cercato sino ad oggi di sopperire attraverso lo scambio di 9
  10. 10. volumi doppi e donazioni, sia da altri Istituti della rete che dalle Università italiane. I periodici correnti dell’emeroteca sono 309: 102 in abbonamento, 138 in cambio di“Italia contemporanea”, 69 in omaggio. Oltre al prestito a domicilio e interbibliotecario la biblioteca assicura al pubblico ilcollegamento on-line con i principali cataloghi nazionali e internazionali, il servizio diconsulenza in sala e di consulenza remota, il servizio di fotocopiatura e di lettura dei microfilm. Nei primi mesi del 2010 sono state effettuate oltre 1.500 catalogazioni ed è stato avviato ilrecupero delle notizie catalografiche del materiale bibliografico raro dei fondi archivistici. E’stata inoltre sviluppata l’attività per il recupero di fondi librari ed emerotecari rari e di pregioextra moenia, in particolare:  il fondo del Centro di Ricerca sui Modi di Produzione (Crmp) fondato nei primi anni Sessanta da Giovanni Pirelli con la collaborazione di Enrica Pischel, Giovanni Arrighi e altri per la raccolta della documentazione e lo studio della decolonizzazione e dei movimenti di liberazione nel Terzo Mondo (si tratta della più vecchia documentazione di riviste, documenti, libri e materiale grigio raccolta in Italia in questo genere di studi);  il fondo della sezione milanese dell’ Association Européenne des Enseignants (Aede) costituito da Giuseppe Tramarollo (circa 500 volumi).Servizio al pubblico Il servizio al pubblico dal gennaio 2009 al maggio 2010 ha registrato:  549 presenze in sala di lettura  891 documenti (volumi, opuscoli e periodici) consultati  428 prestiti a domicilio e interbibliotecari  Sono stati trattati in document delivery 97 documenti È stata prestata consulenza bibliografica per la ricerca, a vantaggio di studenti universitarilaureandi e dottorandi, di borsisti della Scuola superiore di studi di Storia Contemporaneadell’Insmli, di studiosi, ricercatori, giornalisti e di pubblico vario. L’orario di apertura al pubblico è a orario continuato dal lunedì al venerdì. 10
  11. 11. Progetti recenti internazionali A maggio è stato elaborato il progetto Study of Contemporary History in Italy dasviluppare con il patrocinio della Italian Scientists and Scholars in North America Foundation peroffrire a studenti universitari, dottorandi, ricercatori e docenti delle Università degli Stati Uniti eCanada la possibilità di conoscere e utilizzare la ricca documentazione di notizie, fonti e studidella biblioteca. Si è sviluppata inoltre l’attività di reference a Licei e Università milanesi per lo studio ditemi e le attività laboratoriali sull’anniversario dei 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e per larealizzazione di iniziative culturali ad esso relative.Catalogazione e strumenti Nel 2009 è iniziata la catalogazione del fondo speciale Guido Valabrega (Torino 1931-Milano 2000). Complessivamente la biblioteca, nel 2009, ha localizzato sul catalogo nazionale SBN4.058 opere monografiche e 278 periodici ; 627 periodici sul Catalogo italiano Acnp. Sono state elaborate e pubblicate sull’OPAC Sbn della regione Lombardia le schede dipresentazione dei cataloghi dei fondi della biblioteca (Ferruccio Parri, Carlo Emanuele a Prato,Romano Ledda, Mario Rollier e Vittorio Fois) per l’OPAC Sbn regionale lombardo.Spogli di periodici di storia contemporanea La biblioteca dell’INSMLI ha promosso, nell’ambito del progetto ESSPER dell’Università diCastellanza (http://www.biblio.liuc.it/essper/spoglio.htm) per gli spogli bibliografici on-line dipubblicazioni periodiche, la sezione di storia comprendente 123 testate di periodici. Oggi, in collaborazione con altri 23 Istituti Associati, si occupa dello spoglio dei periodicidi storia contemporanea (16 periodici dei 50 selezionati dalla nostra rete di cui 13 italiani, 2inglesi e 1 americano) ed esercita il document delivery gratuito per le biblioteche aderenti adESSPER.Emeroteca digitale La biblioteca partecipa all’Emeroteca digitale della Biblioteca Nazionale Braidense con il 11
  12. 12. progetto EPOCA (Emeroteca politica e culturale antifascista). http://emeroteca.braidense.it/progetti/epoca.php .Sono fino ad ora disponibili on-line 10 testate rare e pregiate, di un periodo compreso tra il 1924e il 1948, in lingua italiana e straniera. Sono state elaborate schede storiche di presentazione dialcune delle testate pubblicate: “L’adunata dei refrattari” (New York); “La controcorrente”(Boston); “The countercorrent” (Boston); “Il martello” (New York), e sono state rese disponibilisul portale dell’Insmli. Sono in corso di preparazione le schede storiche su “Il Corriere degliitaliani” (Parigi); “L’avvenire dei lavoratori” (Zurigo); “Bollettino quotidiano di informazioni”(Domodossola).3. Ricerca e Scuola superiore di studi di storia contemporanea La ricerca Ultime lettere di condannati a morte della Resistenza italiana, già impostatanel 2004, si è conclusa nella sua parte strutturale nel 2006, con il trasferimento in edizioneelettronica dei risultati delle esplorazioni condotte su tutto il territorio nazionale di questo tipo didocumenti, sotto la direzione del professor Mimmo Franzinelli. La banca dati è consultabile online dall’aprile 2007. Nel corso del 2008 sono state immesse le lettere reperite attraverso laricerca o eseguite integrazioni di informazioni per un totale di 340 record aggiunti o aggiornati.Scuola superiore di Studi di Storia contemporanea. L’INSMLI, a partire dallanno 2005-2006, sulla base del programma scientifico adottatofin dal 2003, ha dato vita, grazie al contributo della Compagnia di San Paolo, ad una Scuolasuperiore di studi di Storia contemporanea, con lobiettivo di formare giovani studiosi, laureati ocon dottorato di ricerca, provenienti dalle diverse regioni dell’Italia. La Scuola superiore ha sede presso lIstituto nazionale di storia del Movimento diLiberazione in Italia a Milano e si avvale, oltre che delle attrezzature, delle risorse, degli spazi edei beni propri, anche di quelli messi a disposizione dagli enti associati o convenzionati, cheabbiano aderito alla Scuola e particolarmente dei locali della sede della Fondazione Memoriadella Deportazione, in Milano. L’arricchimento degli strumenti di lavoro, insieme con l’ormai consolidata organizzazione 12
  13. 13. strutturale della sede INSMLI, serve infatti di base al progetto, avviato finanziariamente a partiredal 2004, e divenuto esecutivo nelle quattro annualità 2005/2006, 2007/2008 e 2008/2009, 2009-2010, per una Scuola superiore di formazione storica rivolta a un numero significativo di studiosi(complessivamente finora 35, di cui 21 confermati per la seconda annualità) reclutati con bandonazionale, ai quali è richiesta sia la realizzazione di ricerche originali, dirette da docenti-tutorresponsabili, sia la frequenza a seminari residenziali, nella città sede dell’ INSMLI, o anche in altre,come a Torino nel 2005 e a Napoli nel maggio 2008, 2009 e 2010. L’attività didattica della Scuola, articolata in due o tre seminari residenziali diquattro/cinque giorni ciascuno, con la partecipazione di un corpo docente proveniente daUniversità italiane e internazionali, è già ora divenuta uno dei centri principali di attivitàdell’Istituto. Attraverso le ricerche portate a termine dai ricercatori, la Scuola permette di prevedere unflusso regolare di produzioni di qualità, destinate in particolare alla rivista “Italia contemporanea”o, nei casi migliori, ad una collana specifica di pubblicazioni monografiche, per le quali è statofirmato un accordo con le Edizioni Scientifiche Italiane.Anno 2008-2009 - Attività didattica Nell’anno 2008-’09 si è realizzata la terza annualità della scuola. Dopo il concorsotenutosi in settembre a Firenze, l’attività e quindi l’erogazione dell’assegno di ricerca sonoiniziati nel mese di ottobre, con la presenza di 18 ricercatori (8 nuovi e 10 di secondo anno), 2 deiquali accettati senza assegno (avevano nel frattempo ottenuto altro incarico retribuito), perconsentire loro di portare a termine il lavoro iniziato nell’anno precedente. Nell’anno 2009, nell’ambito dell’attività della scuola sono stati realizzati i seminari diseguito descritti, per l’approfondimento di tematiche specifiche, con la collaborazione dellaFondazione Memoria della Deportazione e dell’Istituto Campano.10 e 16 ottobre 2008 Milano, Fondazione Memoria della Deportazione Seminario per la progettazione di una storia della guerra, della Resistenza e dell’Italia repubblicana.9-12 febbraio 2009 Milano, Fondazione Memoria della Deportazione 13
  14. 14. Approfondimento di tematiche relative ai lavori dei ricercatori18-22 maggio 2009 Napoli, Istituto Campano “Vera Lombardi” Interventi di numerosi relatori su questioni storiche e metodologiche; in particolare, per la costruzione di biografie nel mondo anglosassone, C. Moorehaed e D. Sheridan Si sono poi tenute sessioni specifiche di discussione e verifica dello stato di avanzamentodei lavori dei ricercatori, oltre che durante i seminari sopra citati, anche in luglio e in ottobre2009; in quest’ultima occasione, al termine del periodo previsto per l’erogazione dell’assegno, èstato chiesto a ciascuno di presentare la bozza definitiva della ricerca.Anno 2009-2010 - Attività didattica al 31 maggio 2010 In novembre 2009, ottenuto un nuovo finanziamento dalla Compagnia di San Paolo, sonostate espletate le procedure concorsuali per il quarto anno di attività della scuola. Il concorso si è tenuto come sempre a Firenze e sono stati selezionati 5 candidati ammessia fruire dell’assegno per il primo anno di ricerca; altri 5 sono stati selezionati tra i ricercatori dellaprecedente prima annualità. Purtroppo si è dovuto ridurre il numero dei fruitori dell’assegno ad un massimo di 10 (5 +5) a causa della diminuzione del finanziamento, costringendo anche ad operare una selezione tra iricercatori che già avevano frequentato il primo anno, sulla base di una attenta considerazione deilavori svolti e delle possibilità di sviluppo di ciascuna ricerca. Le attività della Scuola per questa quarta annualità sono iniziate in gennaio 2010.Dopo il primo incontro dei ricercatori con il Direttivo, il 13 gennaio 2010, nel quale sono statimessi a punto i nuovi progetti e le linee di sviluppo della seconda annualità, sono stati assegnati itutor, dando l’avvio alle attività di ricerca. Per la formazione dei giovani studiosi, fruitori dell’assegno, sono stati programmati iseguenti momenti di approfondimento seminariale:24-25 marzo 2010 Milano, Fondazione Memoria della Deportazione 14
  15. 15. Seminario di formazione e discussione dei lavori; interventi di C. Dellavalle, S.Peli, M.Franzinelli, D.Menozzi, R.Moro7-11 giugno 2010 Napoli, Istituto Campano “Vera Lombardi” Seminario di formazione e discussione dei lavori; interventi di M.Gotor, F.Barbagallo, A.Graziosi, R.Mangiameli, J.Miller, P.De Marco, J.Burgwyn, G.Margaritis, J.Leech, sugli archivi internazionali e sull’uso delle fonti per i diversi tipi di ricercaFine settembre 2010 Seminario di formazione e discussione dei lavori presentati in bozza semidefinitiva La conclusione dei lavori è prevista per la fine di Dicembre, mese in cui terminal’erogazione dell’assegno di studioAttività editoriale della Scuola Nel 2010, presso la casa editrice ESI di Napoli, è stata avviata la pubblicazione con fondidell’Istituto Nazionale appositamente destinati, delle ricerche effettuate dai borsisti della ScuolaSuperiore di Studi di Storia Contemporanea, nel primo biennio. I primi volumi che verranno pubblicati, e per i quali è già stato firmato il contratto econsegnato il materiale, sono:  Isabella Insolvibile, Kos, 1943-1946  Roberto Bruno, Ci chiamano barbari - Lotte sociali e movimento sindacale in Sicilia nel secondo dopoguerra (1943-1950).  Alexander Höbel, Il PCI di Luigi Longo(1964-1968).Seguiranno:  Matteo Fiorani, Follia senza manicomio: culture e pratiche psichiatriche nel territorio grossetano (1950-1978).  Fabio Gentile, Fascisti napoletani da Salò alla CISNAL (1943-1950).  Matteo Mazzoni, Sfogliando il passato: uso e rappresentazioni della storia nazionale nel 15
  16. 16. dibattito politico sulla stampa (1945-1961).Collaborazioni internazionali Fin dalle origini l’INSMLI è stato aperto al rapporto con istituzioni culturali eaccademiche internazionali. Nel tempo questi rapporti si sono modificati e trasformati in alcunicasi in veri e propri progetti di ricerca di cui si citano il progetto “Memoria delle Alpi” condottodagli Istituti piemontesi insieme a ricercatori e strutture di ricerca della Francia e della Svizzera.Il progetto concluso nella sua prima edizione è suscettibile di ripresa per alcuni temi legati aldopoguerra, di cui si stanno valutando le condizioni di fattibilità. Un altro progetto di notevolerilievo riguarda il confine orientale come risultato della collaborazione dell’Istituto di Trieste e diUdine con i corrispettivi Istituti di storia contemporanea della Slovenia e della Croazia. L’Istitutodi Perugia ha avuto collaborazioni su progetto con paesi europei e attualmente ha rapporti con ilMontenegro e, come altri istituti, con l’Istria e la Dalmazia così come si è consolidato il rapportodell’Istituto di Modena con l’Istituto di Lione. Progetti di notevole rilievo riguardano lo studiodei flussi migratori tra Italia, Francia e Svizzera. Particolare è stato il rapporto con l’Argentinasulle vicende della repressione in anni recenti. Frequenti sono le relazioni e gli scambi di docenti con Università della Unione Europeaper le attività formative della Scuola superiore di studi di Storia contemporanea. L’iniziativa promossa dall’INSMLI e dall’ISSNF- USA per il citato progetto di Study ofcontemporary History in Italy aprirà delle nuove possibilità di apertura e confrontointernazionale.4. Pubblicazioni e Rivista “Italia contemporanea” Nel corso del 2009 e nei primi mesi del 2010 l’Istituto ha continuato nella pubblicazionedella rivista trimestrale “Italia contemporanea” (1949-…), dando alle stampe i numeri: 251 (giugno 2008) 255 (giugno 2009) 252-253 (settembre-dicembre 2008) 256-257 (settembre-dicembre 2009) 254 (marzo 2009) 258 (gennaio 2010) – in preparazione 16
  17. 17. Sono consultabili on line sul sito dell’Insmli ( www.italia-liberazione.it), anche attraverso ilcollegamento alla banca dati Essper, i sommari di tutti i numeri della rivista, mentre per ifascicoli dal 211 in avanti si possono leggere gli abstract in italiano e in inglese dei saggicontenuti nella sezione “Studi e ricerche” e il testo completo di un contributo per ciascunfascicolo. La possibilità di consultare indici, abstract e testi di articoli in formato elettronicopermette una maggiore visibilità e circolazione della rivista, contribuendo a rafforzarne lafunzione di utile strumento di aggiornamento culturale per studenti, ricercatori e insegnanti. Le pubblicazioni INSMLI (vedi Appendice 1) negli ultimi anni hanno continuato in parte adalimentare alcuni temi connessi alle vicende resistenziali. Tra questi, ha avuto un riscontronotevole di attenzione il volume di Mario Dal Pra sulla guerra partigiana, tratto da un manoscrittorimasto a lungo in archivio. Sullo stesso filone si colloca il libro di memorie di un partigianoparticolare come Walter De Hoog. Altre pubblicazioni hanno sviluppato ulteriormente il temadella Shoa, in parallelo alla produzione della mostra “A noi fu dato in sorte questo tempo”: vedicatalogo e il libro su Luciana Nissim Somigliano di Alessandra Chiappano. Come temi nuovi si segnala il volume edito da Boringhieri che ha raccolto in modo nonepisodico un lavoro di approfondimento sulle vicende del confine orientale fino al drammaticopassaggio legato al tema delle foibe e dell’esodo dalla terre di Istria, Dalmazia e Croazia. Anche il volume curato da Ferrari e Massignani si segnala per la novità del tema cheriguarda gli apparati di intellegence nei conflitti contemporanei. Si segnala infine un dato cheriguarda l’insieme delle ricerche sviluppate dal Nazionale e dagli Istituti della rete: sono ben2.350 i titoli prodotti. Un dato quantitativo su cui ritornare con una riflessione più distesa.5. Formazione e Didattica La formazione è uno dei settori di maggiore rilevanza delle attività INSMLI, riconosciutocome Agenzia formativa dal MIUR, con cui sulla base di un protocollo d’intesa, viene definitoattraverso lo strumento della convenzione i settori e i temi di attività e i docenti distaccati dalMIUR come sostegno alla realizzazione dei progetti formativi e didattici. Questi progetti 17
  18. 18. articolati sul territorio promuovono una serie di interventi, che possono essere così sintetizzati: 1. La realizzazione di seminari e corsi di aggiornamento per docenti organizzati anche in base al protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Istruzione e l’INSMLI, firmato il 17 luglio 2002 e successivamente rinnovato; 2. La preparazione di percorsi e di materiale didattico per le scuole di ogni ordine e grado; 3. Iniziative pubbliche, dirette in particolare a studenti e docenti, spesso in collaborazione con gli Uffici scolastici regionali, sulla base di convenzioni sottoscritte sul piano regionale. 4. Collaborazione con le strutture formative territoriali, pubbliche come l’ANSAS, (ex Indire) o private costituite da associazioni professionali o da enti culturali interessati ai percorsi formativi. 5. Pubblicazioni ed attività editoriali su temi dell’ attività di formazione e sulla didattica della storia; 6. Presentazioni di volumi; 7. Partecipazione a corsi di aggiornamento, master e seminari.Commissione formazione Per coordinare le attività relative alla formazione e alla didattica l’INSMLI ha istituito unaCommissione formazione. Attualmente essa è presieduta da Aurora Delmonaco, ed è compostada: Marta Baiardi (Firenze), Corrado Borsa (ANCR), Antonella Braga (Novara), AlessandraChiappano (Milano INSMLI), M.Rose Colliard (Aosta), Alessandra Fontanesi (Reggio Emilia),Mariachiara Fugazza (Lombardo), Donatella Giulietti (Pesaro e Urbino), Lidia Gualtiero,Maurizio Gusso (LANDIS), Agata Laterza (Verona), Riccardo Marchis (Torino), Carla Marcellini(Ancona), Maria Laura Marescalchi (Landis), Dino Renato Nardelli (Perugia), Alberto Preti,Maria Rocchi (Roma), Leonardo Rossi (Milano INSMLI), Maria Teresa Sega (Venezia), FrancescoSoverina (Napoli), Fabio Todero (Trieste), Patrizia Vajola, Elena Vellati (Grosseto), PaolaZagatti (Bologna prov.), Luciana Ziruolo (Alessandria), Aldo Borghesi (Sassari). La prima riunione di programmazione si è svolta il 9 settembre 2009, quella divalutazione conclusiva il 28 aprile 2010. Nell’intervallo, hanno lavorato con intensità compatibilecon gli impegni negli Istituti i gruppi di lavoro previsti e si sono mantenuti i contatti attraverso 18
  19. 19. l’apposita sezione Intranet del Portale. Le iniziative programmate 2009-2010 sono state svolte,eccettuata la riattivazione della rivista didattica on-line www.novecento.org.( In Appendice leschede delle attività dei singoli Istituti)Attività nazionali della commissione Formazione  Seminario nazionale “Cittadinanza, Costituzione, Insegnamento Della Storia - Percorsi e prospettive” Si è svolto fra il 4 e il 5 dicembre 2009 a Roma, a palazzo S. Macuto e nella Casa dellaMemoria e della Storia, organizzato dal gruppo costituito da Aurora Delmonaco, Maria Rocchi,Luciana Ziruolo, Maria Laura Marescalchi e Patrizia Vajola, con la collaborazione di ClaudioDellavalle e Alberto Preti. La giornata del 4 ha assunto un particolare significato perché ha volutocelebrare in una sede istituzionalmente prestigiosa i sessant’anni dell’Istituto fondato daFerruccio Parri nel 1949, e avviare la riflessione commemorativa sul 150° anniversario dell’Unitàd’Italia. La relazione di apertura è stata tenuta dal presidente Oscar Luigi Scàlfaro; hanno poisvolto relazioni Luciano Favini per il MIUR, Claudio Dellavalle, Alberto Preti, ed esponenti dellaCommissione Formazione: Aurora Delmonaco, Carla Marcellini, Maria Rocchi, FrancescoSoverina, Nadia Baiesi, Luciana Ziruolo. Ha concluso i lavori Gianni Perona. Fra gli interventi ci sono state proiezioni multimediali (video tratti da “Filmare la storia”dell’ANCR, una sintesi del documentario che è stato originato da una collaborazione fra l’Insmli, ilLandis e Rai Medita, la presentazione della mostra realizzata da Museo diffuso di Torino edall’istituto Piemontese “I giovani e la Costituzione” con il concorso del MIUR). Il 5 dicembre nella Casa della Memoria e della Storia di Roma si sono tenuti gli StatiGenerali della didattica dell’Insmli, con la costituzione di gruppi di lavoro interregionali sul temaEsperienze a confronto. Il dibattito finale ha affrontato il tema: Le prospettive del lavoroformativo negli Istituti.  Pubblicazione degli Atti A seguito di tale iniziativa è stata progettata la pubblicazione di un volume che raccolga lerelazioni e le esperienze presentata durante il Seminario. Il gruppo di lavoro è formato da 19
  20. 20. Soverina, Delmonaco, Marchis, Baiardi, Ziruolo, Braga. Il libro, per l’editrice Zona di Roma, èconcepito come testo rivolto agli insegnanti che affrontano l’insegnamento di Cittadinanza eCostituzione. Esso contiene, oltre a una panoramica ragionata e approfondita sulle “parole chiaveper la cittadinanza”, le schede descrittive di tutti gli Istituti, con una sintesi delle loro proposte e iriferimenti necessari per eventuali contatti.  Archivio nazionale delle produzioni didattiche della rete nazionale degli Istituti. Curato dal Landis, è stato realizzato dalla direttrice Maria Laura Marescalchi coadiuvatadal gruppo della Commissione Formazione composto da Elena Vellati, Donatella Giulietti, PaolaZagatti, Carla Marcellini, con il supporto tecnico esterno di Gabriella Solaro e Gianni Rigo. Illavoro di progettazione si è rivelato assai più lungo del previsto per la necessità di superare alcuniproblemi tecnici di non facile risoluzione, ma infine è stato approntato un prototipo che è statoanalizzato dal gruppo di lavoro della Commissione Formazione, nella riunione del 9 marzoscorso. Lo si può consultare alla pagina:http://beniculturali.ilc.cnr.it:8080/Isis/servlet/Isis?Conf=/usr/local/IsisGas/LandisConf/Landis.sys 6.file. Grazie all’apporto del CNR di Pisa che ha curato l’ OPAC, l’archivio è diventato operativo,consentendo di migliorare la circolazione delle esperienze didattiche dell’Insmli e di stimolare lariflessione su di esse da parte della Rete e delle istituzioni scolastiche.  Frontiera orientale - MIUR La Direzione Generale degli Ordinamenti Scolastici e per l’Autonomia scolastica delMIUR, con D.D. del 26 ottobre 2009, ha costituito un Gruppo di lavoro con le Associazioni degliEsuli istriano-dalmati, per individuare ambiti e proposte operative da indirizzare alle Istituzioniscolastiche. La Commissione Formazione dell’INSMLI ha proposto le esperienze realizzate dallaRete sul tema della Frontiera orientale “nel rispetto delle autonomie reciproche ma nellacomunanza degli interessi didattico-scientifici e nel quadro dell’educazione a una cittadinanzademocratica”. Su invito del MIUR ha partecipato al seminario “Le vicende del confine orientalenei programmi scolastici italiani” organizzato dalla Direzione Generale per gli ordinamentiscolastici con il Gruppo di lavoro per il 23 febbraio 2010 nella sede e sotto l’egida del MIURstesso. Per l’INSMLI hanno presentato le relazioni sui temi storiografici i proff. Raoul Pupo e 20
  21. 21. Roberto Spazzali dell’Istitutodi Trieste. Dino Renato Nardelli ha svolto la relazione richiesta dal Miur sugli aspetti didattici eformativi; hanno partecipato al dibattito per l’INSMLI Aurora Delmonaco, Maria Rocchi,Riccardo Marchis, Aldo Borghesi. Per il prossimo “Quaderno degli Annali MIUR” è stata chiesta ad Aurora Delmonaco unarassegna sui lavori della Rete dal titolo L’INSMLI, il confine orientale, la scuola; a Maria Rocchi, aDino Renato Nardelli, a Riccardo Marchis, a Luciana Rocchi sono stati chiesti contributi sulleesperienze dei rispettivi Istituti.Seminari, interventi didattici e formativi in Lombardia Il Nazionale, oltre al coordinamento dell’attività della rete, svolge una serie di attività sulterritorio milanese e lombardo sulla base di un protocollo d’intesa con l’ Ufficio ScolasticoRegionale per la Lombardia attivo dal 2005. Una parte significativa di questi interventi è statadedicata ai temi della shoah. Nel corso del 2009-2010 sono stati effettuati i seguenti interventi: 1. Le leggi razziali del 1938, Istituto Virgilio, Milano, 10 gennaio 2009. 2. La distruzione degli ebrei d’Europa. Discriminazione, persecuzione e deportazione dall’Italia, Piacenza, 14 gennaio 2009. 3. La deportazione femminile dallItalia, Liceo Classico di Faenza, 20 gennaio 2009 Il seminario è stato riproposto il 12 gennaio 2010, Milano, Sala della Provincia. 4. Le fonti per la storia della deportazione e della shoah: la memorialistica, Modena, 3 febbraio 2009. 5. Le deportate italiane a Ravensbrück, Summer University, Ravensbrück, settembre 2009. 6. Seminario di formazione per studenti e insegnanti, Un treno per Auschwitz (2010), realizzato in collaborazione con Provincia di Milano, CGIL e CISL Lombardia, Milano 27 novembre 2009. Il seminario è stato riproposto anche nelle seguenti altre date:  2 dicembre 2009, Il campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau fra storia e memoria (per insegnanti)  13 gennaio 2010, Le deportazioni femminili dallItalia e la memorialistica femminile sul campo di Auschwitz-Birkenau 21
  22. 22. 7. Festa della Liberazione 2009. Le stagioni della memoria. Resistenza e politica nella scrittura delle donne, 9 aprile 2009 8. I lager nazisti, Nerviano (MI), 10 marzo 2010 9. Il grande viaggio. Seminario per docenti e insegnanti, Presentazione della mostra “A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947”, Torino, 27 gennaio 2010 10. Il progetto della Costituzione dalle origini alla prova degli anni Settanta, Seminario sul tema Educare alla cittadinanza, Milano 25 febbraio 2010, in collaborazione con Direzione Scolastica Regionale e Istituto LombardoPubblicazioni Alessandra Chiappano, Memorialistica della deportazione e della Shoah, Unicopli-Istituto di Modena, Milano, 2009; id. (a cura di), Essere donne nei Lager, Giuntina- Istituto dellaResistenza di Ravenna, Firenze, 2009; id. (a cura di), A noi fu dato in sorte questo tempo 1938-1947, INSMLI-Giuntina, Firenze, 2010, (Catalogo della Mostra); id., Luciana Nissim Momigliano:una vita, INSMLI-Giuntina, Firenze, 2010. Sono state fatte 6 presentazioni di volumi e 3 interventi a Seminari sui temi dellaformazione in diverse città.Mostra Progettazione e realizzazione della mostra e del catalogo della stessa “A noi fu dato in sortequesto tempo 1938-1947” a cura di Alessandra Chiappano. La mostra è stata presentata alPresidente Napolitano il 20 gennaio 2010 e inaugurata a Torino il 26 gennaio 2010. Sono stateorganizzate numerose visite guidate per gli studenti delle scuole torinesi. L’allestimento dellamostra è stato portato per il 25 aprile al campo di transito e deportazione per gli arrestati ebrei epolitici di Fossoli (Modena). Il prossimo allestimento sarà in ottobre a Roma nelle sale delQuirinale in occasione del ricordo della deportazione dal ghetto degli ebrei. 22
  23. 23. 6.Telematica e comunicazione Il Portale dell’INSMLI è attivo dal 2005 ed ha costituito un salto di qualità nellecomunicazioni sia all’interno della rete, sia nei rapporti con soggetti esterni. Il Portale contienel’agenda delle iniziative degli Istituti e consente all’utente di recuperare rapidamenteinformazioni e di utilizzare una parte crescente di materiali documentari che ogni settore dellarete produce e rende disponibile. L’INSMLI ha progettato e poi realizzato il data basemultimediale Ultime lettere dei condannati a morte della resistenza, che consentel’interrogazione incrociata con la banca dati del Partiginato dell’Istituto piemontese per la storiadella resistenza e dell’età contemporanea. La disponibilità del portale consentirà di impostare inmodo innovativo i progetti di ricerca che sono in via di strutturazione con gli Istituti della rete. Le principali funzioni attualmente svolte sono: 1. gestione e implementazione dell’archiviazione della produzione telematica dell’Istituto 2. gestione, aggiornamento e manutenzione del portale della rete degli istituti www.italia-liberazione.it 3. realizzazione della rete intranet del portale e di 4 aree riservate con servizi di monitoraggio 4. gestione e implementazione dei servizi di ricerca delle informazioni, di comunicazione con gli utenti e statistici del portale 5. manutenzione e aggiornamento del codice per linteroperabilità tra differenti browser, sistemi operativi, monitors degli utenti 6. produzione di dossier tematici per il portale 7. aggiornamento dei contenuti del portale 8. tutoring e assistenza dei redattori locali del portale.Attività culturali e formative 1. progettazione, realizzazione aggiornamento e manutenzione del DB "Ultime lettere dei condannati a morte della Resistenza italiana" 2. conduzione e programmazione della ricerca di lettere e di condannati a morte della 23
  24. 24. Resistenza italiana 3. realizzazione e manutenzione del DB "Bibliografia degli scritti di Umberto Segre"; 4. partecipazione alla Commissione Formazione nazionale – implementazione del progetto “Il cammino della democrazia”.7. Le professionalità Gli Istituti culturali sono un luogo di acquisizione di professionalità per giovani uscitidalle università. L’INSMLI in questi anni ha rappresentato un luogo di crescita per i propricollaboratori in due direzioni: la prima è quella della formazione alla ricerca sia attraverso laScuola Superiore, sia nelle attività scientifiche sviluppate nei progetti di ricerca dell’IstitutoNazionale e degli Istituti della rete, sia nelle collaborazioni con le Università attraverso gli stagesche vengono di anno in anno programmati con le Facoltà umanistiche, ma anche con Facoltàtecniche come nel caso del Politecnico di Torino nei percorsi legati allo studio dei luoghi dimemoria, sia infine nei rapporti strutturati dagli Istituti con Università ed enti culturali europei edora anche americani. Un secondo percorso di formazione di professionalità avviene per quanto riguarda lefigure che operano all’interno delle strutture degli Istituti (archivi, biblioteche, settori editoriali,comunicazione). Così per quanto riguarda il nazionale gli archivisti si sono formati fin dagli annidell’università ed oggi, non solo garantiscono il servizio al pubblico per la consultazionedell’archivio storico, ma sono una risorsa che viene utilizzata dalla rete. Con il loro contributo inanni recenti sono state realizzate due pubblicazioni nella collana degli Archivi di Stato: Storiad’Italia nel ventesimo secolo. Strumenti e fonti e la Guida agli Archivi della Resistenza.L’espandersi delle nuove fonti pone inoltre un’esigenza di formazione che è costretta a misurarsicon materiali di cui quelli cartacei costituiscono ormai solo una parte, per cui le competenzearchivistiche “tradizionali” vanno coniugate con la conoscenza approfondita delle nuove fonti(manifesti, fotografie, film, cd, dvd per non parlare delle fonti orali) e alle competenze nonsuperficiali nella conoscenza e nell’uso delle relative tecnologie di uso e conservazione. Un 24
  25. 25. esperimento su scala ampia è stato condotto con il Progetto RAI- Medita al fine della fruizionescientificamente verificata di materiali raccolti dalla RAI. Lo stesso discorso riguarda la biblioteca e la formazione dei catalogatori che ogni giornorendono fruibile al pubblico il patrimonio bibliotecario posseduto, attraverso l’inserimento deititoli in SBN. Una attività fondamentale è legata all’emeroteca con lo spoglio delle riviste e lapartecipazione a ACNP ed ESSPER. Va segnalato che per il servizio in sala studio vengonomesse disposizione degli utenti professionalità di notevole livello in grado di accompagnarli nellaricerca sia tra i materiali di archivio e di biblioteca, sia nel complesso mondo delladocumentazione fruibile sul web che richiede competenze analitiche non comuni. Di questenuove competenze fa parte il servizio di document delivery e prestito interbibliotecario richiestosoprattutto dalle Università non solo italiane. E’ evidente che l’utilizzo sempre più esteso delle tecnologie dell’informazione statrasformando professionalità che un tempo erano distinte verso profili più duttili che oltre allecompetenze tecniche necessarie per operare con efficacia, richiedono competenze di merito ingrado di aiutare i ricercatori ad orientarsi e a valutare l’affidabilità di documentazioni non sempresufficientemente controllate dai vari soggetti che le producono. Non si tratta più di competenze dinicchia, ma di una domanda diffusa che coinvolge gran parte degli Istituti della rete, che spesso sirivelano in grado di cercare e trovare soluzioni all’avanguardia rispetto alle esperienze nazionali einternazionali nel trattamento dell’informazione finalizzata alla ricerca scientifica o allavalorizzazione di percorsi che i sistemi scolastici scoprono come sempre più necessari per illavoro quotidiano nelle classi. Vedi le esperienze maturate dall’INSMLI e dal Landis nellacollaborazione tuttora in atto con ex Indire e con i progetti di innovazione elaborati dal MIUR,che richiedono verifiche sistemiche sul come attuare le buone pratiche che le scuole producono. 25
  26. 26. Tabella riassuntiva personale e soci Istituto Istituti della Totale nazionale reteComandati 5 47 52Dipendenti tempo pieno 1 26 27Dipendenti tempo parziale 33 33Collaborazioni continuative 21 21Contratti a progetto 13 55 68Totale collaboratori (esclusi volontari) 19 182 201Soci individuali 5.838Soci collettivi (Enti locali, Università, associazioni, ecc.) 1.035Tabella riassuntiva dati INSMLI e rete Rete Istituti Insmli Enti collegati Totale Biblioteche - volumi 947.130 71.000 83.300 1.101.430 Archivio - metri lineari 22.735 400 15 23.150 Raccolte storiche di quotidiani 1.280 37 1.317 Raccolte storiche di periodici 7.150 150 7.300 Riviste di Storia locale 1.560 50 1.610 Riviste di Storia contemporanea 4.300 180 4.480 Fotografie 387.660 15.000 12.000 414.660 Manifesti 25.500 1.000 5.390 31.890 Fonti orali * 10.350 **140 885 11.375* Le fonti orali indicano il numero delle interviste realizzate** La cifra si riferisce alla “unità di registrazione” (non sono tutte interviste)Biblioteca “F. Parri” sede Istituto Nazionale:Periodici posseduti: tot. 4.682 di cui: cessati: 4.374 correnti: 308 di cui: italiani 215 stranieri 93 26
  27. 27. Appendice1. Elenco pubblicazioni (2000-2010)2. Indice ultimi numeri di “Italia contemporanea”3. Riviste della rete INSMLI4. Study of Contemporary History in Italy5. Istituti associati: formazione e ricerca 2009-2010 27
  28. 28. 1. Elenco pubblicazioni (2000-2010) PUBBLICAZIONI INSMLI 2000 - 2010 CON PUBBLICAZIONE MIBAC SUGLI ARCHIVI INSMLI CITTÀ - EDITORE -N. AUTORE TITOLI COLLANA ANNO 1945/2005. Il percorso della libertà.1 60° anniversario della Liberazione. Milano - INSMLI - 2005 [Cofanetto n. 13 CD-ROM] Chiappano, Alessandra A noi fu dato in sorte questo tempo2 Firenze - Giuntina - 2010 (a cura di) 1938-1947. Italia3 Legnani, Massimo Al mercato della storia Roma - Carocci - 2000 contemporanea, 1 De Bernardi, Alberto - Italia4 Ferrari, Paolo (a cura Antifascismo e identità europea Roma - Carocci - 2004 contemporanea, 4 di) Atlante storico della resistenza Milano - Bruno5 Baldissara, Luca italiana Mondadori - 2000 Autonomia promessa, autonomia mancata. Governo locale e reti di Italia6 Taurasi, Giovanni Roma - Carocci - 2005 potere a Modena e Padova (1945- contemporanea, 6 1956) Franzinelli, Mimmo - Chiesa e guerra. Dalla benedizione Bologna - Il Mulino -7 Percorsi, Bottoni, Riccardo delle armi alla "Pacem in terris". 2005 Franzinelli, Mimmo - Chiesa e guerra. Dalla benedizione Bologna - Il Mulino -8 Percorsi, Bottoni, Riccardo delle armi alla "Pacem in terris". 2005 I rist. Ferrari, Paolo - Conosecere il nemico. Apparati di Studi e ricerche Milano - Franco Angeli -9 Massignani, intelligence e modelli culturali nella storiche, 2010 Alessandro (a cura di) storia contemporanea. 15773.386 DallImpero austro-ungarico alle Torino - Bollati10 AA. VV. foibe. Conflitti nellarea alto- Nuova cultura, 203 Boringhieri - 2009 adriatica. Fare storia. La risorsa del Novecento. Gli Istituti storici della11 AA. VV. Milano - Insmli - 2000 Resistenza e linsegnamento della storia contemporanea 1996-2000. Fascismo e antifascismo. Rimozioni,12 Collotti, Enzo Bari - Laterza - 2000 Storia e società, revisioni, negazioni. Milano - La Nuova Italia - Storia dItalia nel13 Collotti, Enzo Fascismo e politica di potenza 2000 secolo Ventesimo, Isnenghi, Mario - Milano - La Nuova Italia - Storia dItalia nel14 Grande guerra. 1914-1918. (La) Rochat, Giorgio 2000 secolo Ventesimo, 28
  29. 29. Isnenghi, Mario - Milano - Sansoni - 2004 Storia dItalia nel15 Grande guerra. 1914-1918. (La) Rochat, Giorgio II ed. secolo Ventesimo, Isnenghi, Mario - Bologna - Il Mulino - Storia dItalia nel16 Grande guerra. 1914-1918. (La) Rochat, Giorgio 2008 III ed. secolo Ventesimo, Guerra partigiana in Italia. Firenze-Milano - Giunti - Saggi Giunti.17 Dal Pra, Mario Settembre 1943-maggio 1945. (La) 2009 Storia, Firenze-Milano - Giunti- Istituto Nazionale per la Guerra partigiana in Italia. Saggi Giunti.18 Dal Pra, Mario Storia del Movimento di Settembre 1943-maggio 1945. (La) Storia, Liberazione in Italia - 2009 Nuova ed. ampliata Mignemi, Adolfo - Immagine dellItalia. Resistenza e19 Solaro, Gabriella (a ricostruzione. Le mostre del Milano - Skira - 2005 cura di) dopoguerra in Europa. (Un) Mignemi, Adolfo - Immagine dellItalia. Resistenza e s.l. [Viterbo] - s.e. [tip.20 Solaro, Gabriella (a ricostruzione. Le mostre del Gescom] - 2005 cura di) dopoguerra in Europa. (Un) Bottoni, Riccardo (a Impero fascista. Italia ed Etiopia Bologna - Il Mulino -21 cura di) (1935-1941). (L) 2008 Italia dal fascismo alla repubblica. Italia22 Legnani, Massimo Roma - Carocci - 2000 (L) contemporanea, 2 Italia e Svizzera nella Seconda Italia23 Kuder, Martin Roma - Carocci - 2002 guerra mondiale contemporanea, 3 Woolf, Stuart (a cura Italia repubblicana vista da fuori Bologna - Il Mulino - Storia dItalia nel24 di) (1945-2000). (L) 2007 secolo Ventesimo, Luciana Nissim Momigliano: una25 Chiappano, Alessandra Firenze - Giuntina - 2010 , vita. Solaro, Gabriella (a Mondo di Piero. Un ritratto a più Milano - Franco Angeli - Società, storia e26 cura di) voci di Piero Malvezzi. (Il) 2008 cultura, 15109 Occupazione allegra. Gli italiani in Italia27 Gobetti, Eric Roma - Carocci - 2007 Jugoslavia (1941-1943). (L) contemporanea, 9 Italia28 Chianese, Gloria Quando uscimmo dai rifugi. Roma - Carocci - 2004 contemporanea, 5 Rassegna degli Archivi di Stato, Roma - Ministero per i Torre, Andrea (a cura nuova serie, anno 2°, n. 1-2 (gen.-29 Beni e le Attività di) ago. 2006) - [Tit. fasc. monografico: Culturali - 2006 Guida agli Archvi della Resistenza] Rassegna degli Archivi di Stato, nuova serie, anno 2°, n. 3 (set.-dic. Roma - Ministero per i Torre, Andrea (a cura30 2006) - [Tit. fasc. monografico: Beni e le Attività di) Guida agli Archvi della Resistenza. Culturali - 2006 Indici] Spirito gregario. I gruppi universitari Saggi. Storia e31 Duranti, Simone fascisti tra politica e propaganda Roma - Donzelli - 2008 scienze sociali, (1930-1940). (Lo) Milano - La Nuova Italia - Storia dItalia nel32 Palla, Marco Stato Fascista. (Lo) 2001 secolo Ventesimo, Storia dItalia nel secolo Ventesimo. Pavone, Claudio (a Roma - Ministero Beni e Storia dItalia nel33 Strumenti e Fonti - Vol. 1: Elementi cura di) Attività Culturali - 2006 secolo Ventesimo, strutturali. 29
  30. 30. Storia dItalia nel secolo Ventesimo. Strumenti e Fonti - Vol. 2: Istituti, Pavone, Claudio (a Roma - Ministero Beni e Storia dItalia nel34 musei e monumenti, bibliografia e cura di) Attività Culturali - 2006 secolo Ventesimo, periodici, associazioni, finanziamenti per la ricerca. Storia dItalia nel secolo Ventesimo. Pavone, Claudio (a Roma - Ministero Beni e Storia dItalia nel35 Strumenti e Fonti - Vol. 3: Le fonti cura di) Attività Culturali - 2006 secolo Ventesimo, documentarie. Tulipano. Un partigiano olandese Italia36 de Hoog, Walter ricorda la Resistenza e Ferruccio Roma - Carocci - 2009 contemporanea, 10 Parri. Vessillo e la croce. Colonialismo, Italia37 Ceci, Lucia missioni cattoliche e islam in Roma - Carocci - 2006 contemporanea, 8 Somalia (1903-1924). (Il) Italia38 Criscione, Antonino Web e storia contemporanea Roma - Carocci - 2006 contemporanea, 7 30
  31. 31. 2. Indice ultimi numeri di “Italia contemporanea”  Fasc. 254 (marzo 2009)Studi e ricercheL’Italia repubblicana e i conti con il passato. Procedimenti giudiziari e politiche di risarcimento,a cura di Filippo Focardi e Lutz KilkhammerFilippo Focardi e Lutz Kilkhammer, Introduzione; Filippo Focardi e Lutz Kilkhammer,Quale risarcimento alle vittime del nazionalsocialismo? L’accordo globale italo-tedesco del 1961;Michela Ponzani, Il diritto di Resistenza. Lo status del combattente partigiano e i procedimentigiudiziari 1944-1958; Paola Bertilotti, Riconoscimento, reintegrazione e risarcimento. Levittime della persecuzione antisemita in Italia 1944-1965; Luca Baldissara, Sulla categoria di‘transizione’. Toni Rovatti, Politiche giudiziarie per la punizione dei delitti fascisti in Italia. Ladefinizone per legge di un immaginario normalizzatoreNote e discussioniFrancesca Alberico, Le canzoni di Salò e l’identità fascista. Temi e funzioni; Paolo Zanini, Trapreoccupazioni religiose e velleità nazionali. I cattolici italiani e la questione della Palestina nelsecondo dopoguerraNote a convegniMarco Rispoli, Arti e scienze nella grande guerraRassegna bibliograficaMariuccia Salvati, Il ruolo degli archivi nella società contemporanea; Camillo Brezzi, Pio XII,gli ebrei e i nazisti a Roma; Fiammetta Balestracci, Rileggere gli anni ottanta attraversol’attivismo radicale; Eleonora Selvi, La lunga marcia dell’emancipazione; Antonio Fiori,“Offensive di pace” nella grande guerraSchede su “Storia generale e di altri paesi” e “Guerre mondiali”, a cura di Alessandro Celi, CarloDe Maria, Monica Di Barbora, Luigi Ganapini, Frédéric Le Moal, Alessandro Massignani,Giorgio Rochat, Francesca Rolandi, Federico Romero, Angelo Visintin  Fasc. 255 (giugno 2009)Studi e ricercheSofia Serenelli, Il Sessantotto e la famiglia. Storia di una comune nella campagna marchigiana1976-1987; Davide Baviello, Il popolo della libertà. Borghesia imprenditoriale e commercio 31
  32. 32. negli anni del boom economico; M. Elisabetta Tonizzi, Istruzione tecnico-scientifica e agenti disviluppo. Il sistema genovese 1861-1914Note e discussioniGuerra di liberazione e Resistenze. Il forum dell’Istituto nazionale, a cura di Claudio Dellavallee Santo PeliClaudio Dellavalle - Leonardo Rossi, Presentazione, Santo Peli Alcune idee sullo stato deglistudi sulla Resistenza in Italia, Gabriella Gribaudi, La Resistenza vista dal Mezzogiorno; M.Elisabetta Tonizzi, Sul contributo di Santo Peli. Commenti critici e altre considerazioni; RaoulPupo, Qualche riflessione con lo sguardo oltre le Alpi orientali; Giambattista Scirè, Il casoMoro. Frammenti di una verità indicibile; Camillo Brezzi, Ricordando Filippo Mazzonis;Umberto Gentiloni Silveri, “Per la Religione della Patria”. Il movimento cattolico nellariflessione storiografica di Filippo Mazzonis; Matteo Polo, Sul fuoruscitismo italiano. DinoVannucci, medico antifascista in BrasileRassegna bibliograficaFiammetta Balestracci, Violenza, occupazione, Resistenza e collaborazione in Trentino e nellazona d’operazione delle Prealpi. Appunti corsari a partire da alcune recenti pubblicazioni;Antonio Fiori “Attori sociali”, uomini e luoghi della Grande guerra; Maria Grazia Meriggi,Alessandro Schiavi ovvero la biografia come ritratto di gruppo; Michela Figurelli, Per una storiadel libro scolasticoSchede su “Storia generale e di altri paesi” a cura di Ivana Bettoni, Alessandro Celi, Anna Vinci  Fasc. 256-257 (settembre-dicembre 2009)Studi e ricercheOccupazioni e presenze militari italiane nel primo dopoguerra, a cura di Raoul PupoRaoul Pupo, Introduzione; Luciano Monzali, La politica estera italiana nel primo dopoguerra1918-1922. Sfide e problemi; Fabrizio Rasera, Primo dopoguerra e governo militare inTrentino; Stefan Lechner, Nel nuovo Stato. L’Alto Adige e il problema dell’acquisizione dellacittadinanza italiana; Giorgio Mezzalira, Per una “politica ferma e risoluta”. L’occupazioneitaliana in Alto Adige nei rapporti tra Tolomei e Pecori Giraldi; Andrea Di Michele, Al di qua eal di là delle Alpi. Piani italiani di espansionismo in Tirolo 1918-1920; Giulia Caccamo,L’occupazione italiana della Carinzia; Angelo Visintin, I primi passi verso l’annessione. Ilgoverno militare nella Venezia Giulia 1918-1919; Angelo Visintin, Piani di guerra italiani controil Regno Shs, gennaio 1919-novembre 1920; Raoul Pupo, “Destreggiarsi”. Una letturadell’amministrazione militare italiana della Dalmazia 1918-1920; Giovanni Villari, La presenzaitaliana in Albania 1918-1920; Nedjalko S. Dacev, I dieci mesi della presenza militare italiana inBulgaria (ottobre 1918-luglio 1919); Davide Artico, Il contingente militare italiano in Slesia1919-1922; Luca Micheletta, Un’impresa inutile e dispendiosa. La spedizione militare inAnatolia 1919-1922; Marina Rossi, Eserciti dell’Intesa e popolazioni nei territori della Russia 32
  33. 33. occupata. Il Corpo di spedizione italiano in Murmania 1918-1919; Marina Rossi, Il Corpo dispedizione italiano in Siberia e in Estremo Oriente. Un difficile impatto con la realtà russa 1918-1919Note e discussioniClaudio Natoli, Emilio Lussu dal sardismo al socialismo federalista; Roberta Altin, Migranti,clandestini e badanti. In viaggio con i ‘nuovi barbari’; Paolo Pelizzari, Antifascismi e “strategiadella tensione”. La risposta democratica alla bomba di piazza della LoggiaRassegna bibliograficaLucio Ceva, Dai bacteria del duce agli omissis della Repubblica; Fabio Vander, L’ultimapolitica. Il Pci dalla fine degli anni settanta allo scioglimento; Maria Grazia Meriggi, Ilpregiudizio antisemita come pietra d’inciampo delle interpretazioni dell’economia e della società;Marco Dogo, Il fascismo e il mondo slavo meridionaleSchede su “Storia generale e di altri paesi”, a cura di David Bidussa,, Alessandro Celi, GloriaChianese, Paolo Ferrari, Frédéric Le Moal, Francesca RolandiIndice dell’annata 2009  Fasc. 258 (marzo 2010) – in preparazioneStudi e ricercheAndrea Mariuzzo, Il cattolicesimo organizzato in Italia 1945-1953. Successodell’anticomunismo, fallimento dell’egemonia; Alessandro Cattunar , Confine, memorie,identità. Il Governo militare alleato nella Venezia Giulia tra politiche pubbliche e percorsi privatiNote e discussioniFrancesca Fauri, La special relationship Fiat-Chrysler. Dall’accordo del 10 aprile 1947 a quello del 30 aprile 2009Settant’anni di attività nel settore petrolifero ed energetico. Erg 1938-2008Elisabetta Tonizzi, Uno sguardo d’insieme: oltre la ‘sindrome dei Buddenbrook’; Salvatore Adorno, Uno sguardo da Sud; Ferdinando Fasce, L’impresa tra storia e scienze sociali; Paride Rugafiori, Strategie, culture, performancePiero Gobetti tra storia e mitoFrancesco Malgeri, Il mondo di Gobetti di fronte alla sua morte; Sergio Zoppi, Dalle amiche leespressioni più toccanti; Emma Fattorini, La differenza femminile di fronte alla morteTra fonti e ricercaLucia Realini, Milano, fronte interno 1941-1943. Ebrei, antifascisti, clero e militari nelle 33
  34. 34. segnalazioni dell’UocNote a convegniMonica Di Barbora, Nuove frontiere per la storia di genereRassegna bibliograficaLucio Ceva, Anarchia in Spagna dal 1868 al 1939; Fabio Vander, La lunga nemesi. Il Psi e la guerra fredda; Melania Nucifora, Città e ambiente nella costruzione europea; Antonio Fiori, Due intellettuali in esilio e la guerra; Tommaso Nencioni, Su Riccardo Lombardi. Troppa celebrazione poca storiografia; Matteo Mazzoni,Le ‘fondamenta’ toscane della Costituzione repubblicanaSchede sui lavori di Frascani, Benussi e Zoppellari, Albertelli, Conti e Becchi, Piva, Cagnolati ePironi, Giulianelli e Papini, Carucci e Guercio, Morandi.Abstracts a cura di Vittorio De Tassis 34
  35. 35. 3. Riviste della rete INSMLI RIVISTE DEGLI ISTITUTI ASSCOCIATI ALLINSMLI ORDINAMENTO PER TITOLO SOTTOTITOLO LUOGO : PERIOD ISTITUTOTITOLO e/o ENTE RESPONSABILE EDITORE ICITÀ ASSOCIATO Per una storia del tempo presente : rivista semestrale Napoli : Lancora900 Semestr. ISR Modena dellIstituto storico di Modena del MediterraneoABRUZZO Rivista di storia e scienze sociali / Istituto abruzzese per Mosciano S.A. : Quadr. ISR LAquilaCONTEMPORANEO la storia della Resistenza e dellItalia contemporanea Media Istituto romano per la storia dItalia dal fascismo alla Milano : FrancoANNALE IRSIFAR ( l ) Irregolare ISR Roma resitenza Angeli Archivio storico della Resistenza bresciana e delletàANNALI contemporanea ; Università cattolica del sacro cuore, Brescia Annuale ISR Brescia sede di BresciaANNALI Istituto veneto per la storia della Resistenza Padova : CLEUP Irregolare ISR Padova Studi e strumenti di storia contemporanea / Istituto Milano : Franco ISR Sesto SanANNALI milanese per la storia della Resistenza e del movimento Irregolare Angeli Giovanni (MI) operaio Trento : MuseoARCHIVIO TRENTINO Rivista di studi sulletà moderna e contemporanea Semestr. ISR Trento StoricoASTI Istituto per la storia della Resistenza e della società Asti Annuale ISR AstiCONTEMPORANEA contemporanea in provincia di AstiBOLLETTINO Mantova : IstitutoSTORICO mantovano di Rivista dellIstituto mantovano di storia contemporanea Annuale ISR MantovaMANTOVANO. NUOVA storiaSERIE contemporanea Rivista dellIstituto storico della Resistenza e dellEtàDOCUMENTI E STUDI Lucca Annuale ISR Lucca contemporanea in provincia di Lucca Rivista di storia contemporanea: aspetti politici, economici, sociali e culturali del Vercellese, del Biellese e della ValsesiaIMPEGNO ( l ) Varallo Semestr. ISR Varallo / Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea nelle province di Biella e Vercelli "Cino Moscatelli"ITALIA Istituto nazionale per la storia del Movimento di Roma : Carocci Trimestrale ISR Milano-Naz.CONTEMPORANEA Liberazione in Italia Siena : NuovaMAITARDI Periodico dellIstituto storico della Resistenza senese Quadr. ISR Siena immagine Rivista quadrimestrale di storia contemporanea dellassociazione culturale "Memoria e Ricerca" di Forlì Milano : FrancoMEMORIA E RICERCA e della Biblioteca di storia contemporanea "A. Oriani" di Quadr. ISR Forlì-Cesena Angeli Ravenna / Istituto storico della Resistenza e delletà contemporanea di Forlì-Cesena Periodico dellANPI di Pesaro e Urbino in collaborazione IrregolareMEMORIA VIVA Pesaro ISR Pesaro con lISCOP (biennale) 35
  36. 36. Materiali di ricerca storica / Centro Studi Piero Gobetti : Ist.piemontese per la storia della Resistenza e della Milano : FrancoMEZZOSECOLO Irregolare ISR Torino-reg. società contemporanea : Archivio nazionale Angeli cinematografico della ResistenzaNUOVO SPETTATORE Annale dellArchivio Nazionale Cinematografico della Torino : Kaplan Annuale ISR Torino-Ancr( il ) Resistenza, TorinoPRESENTE E LA Rivista dellIstituto storico della Resistenza e della Cuneo Semestr. ISR CuneoSTORIA ( il ) società contemporanea in provincia di Cuneo Semestrale di ricerca e attualità culturale / Istituto storicoPROTAGONISTI Belluno : ISBREC Semestr. ISR Belluno bellunese della Resistenza e delletà contemporaneaQF : QUADERNI DI Periodico dellIstituto Storico della Resistenza e della Pistoia : ISRPt Quadr. ISR PistoiaFARESTORIA Società contemporanea nella provincia di PistoiaQUADERNIDELLISTITUTOLODIGIANO PER LASTORIA DELLA Lodi : ILSRECO Irregolare ISR LodiRESISTENZA EDELLETACONTEMPORANEAQUADERNIDELLISTITUTOSTORICO DELLARESISTENZA E Ravenna Irregolare ISR AlfonsineDELLETACONTEMPORANEA INRAVENNA EPROVINCIA Istituto storico della Resistenza e delletà contemporaneaQUADERNI ISTREVI Vicenza : Istrevi Semestr. ISR Vicenza Ettore Gallo, Vicenza Studi e ricerche sulla Resistenza e letà contemporanea /QUADERNI SAVONESI Istituto storico della Resistenza e delletà contemporanea Savona : ISREC Irregolare ISR Savona della provincia di SavonaQUADERNO DI Istituto per la storia della Resistenza e della società Alessandria :STORIA Semestr. ISR Alessandria contemporanea in provincia di Alessandria FalsopianoCONTEMPORANEA Bollettino dellIstituto regionale per la storia delQUALESTORIA Trieste Semestr. ISR Trieste movimento di liberazione nel Friuli-Venezia Giulia Bollettino dellIstituto Campano per la Storia della Napoli : La cittàRESISTORIA Resistenza / Istituto Campano per la Storia della Annuale ISR Napoli del sole Resistenza "Vera Lombardi"RIVISTA CALABRESE organo semestrale dellIstituto calabrese dellantifascismo ISR Arcavacata Cosenza Semestr.DI STORIA DEL 900 e dellItalia contemporanea (CS) Rivista semestrale di Istoreco / Istituto per la storia dellaRS : RICERCHE Reggio Emilia : ISR Reggio resistenza e della società contemporanea in provincia di Semestr.STORICHE ISTORECO Emilia Reggio EmiliaSTORIA Istituto friulano per la storia del movimento diCONTEMPORANEA IN Udine Annuale ISR Udine LiberazioneFRIULI Rivista semestrale dellIstituto storico della Resistenza inSTORIA E MEMORIA Liguria / Istituto ligure per la storia della Resistenza e Genova Semestr. ISR Genova delletà contemporanea storia, letteratura, filosofia, didattica e cultureSTORIA E MEMORIA contemporanee / Istituto provinciale per la storia del Ascoli Piceno Irregolare ISR Ascoli PicenoCONTEMPORANEA movimento di liberazione nelle MarcheSTORIA E PROBLEMI Istituto regionale per la storia del movimento di Bologna : Clueb Quadr. ISR AnconaCONTEMPORANEI liberazione nelle Marche, AnconaSTORIA IN Quadrimestrale dellIstituto lombardo per la storia del Milano : Franco Quadr. ISR Milano-reg.LOMBARDIA movimento di liberazione in Italia Angeli 36
  37. 37. STUDI E RICERCHE DI Rassegna dellIstituto bergamasco per la storia delSTORIA Bergamo Semestr. ISR Bergamo movimento di liberazioneCONTEMPORANEA Rivista dellIstituto storico della Resistenza e delletàSTUDI PIACENTINI Piacenza : Scritture Semestr. ISR Piacenza contemporanea di Piacenza Storia, cultura, idee, fatti, legalità / Istituto "Ugo Arcuri"SUD ISR Cittanova per la storia dellAntifascismo e dellItalia contemporanea Reggio Calabria Semestr.CONTEMPORANEO (RC) in provincia di Reggio Calabria Giornale a cura dellAssociazione nazionale ex deportati ISR Milano-TRIANGOLO ROSSO Milano Irregolare politici nei campi nazisti Deport. Rivista di storia contemporanea : Rivista degli Istituti per Caselle di ISR Belluno,VENETICA la storia della Resistenza di Belluno, Treviso, Venezia, Sommacampagna: Semestr. Treviso, Venezia, Verona e Vicenza Cierre Verona e Vicenza ISR Treviso, Venezia, Verona,VENETICA Vicenza e Belluno --- vedi: ISR Belluno ISR Venezia, Belluno, Treviso,VENETICA Verona e Vicenza --- vedi: ISR Belluno ISR Verona, Belluno, Treviso,VENETICA Venezia e Vicenza --- vedi: ISR Belluno ISR Vicenza, Belluno,VENETICA Treviso,Venezia e Verona --- vedi: ISR Belluno 37

×