Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

Impatto privacy della video analisi nei sistemi di video sorveglianza intelligente - festival ICT 2015

547 views

Published on

Relatore: Marco Soffientini
Coordinatore Comitato Scientifico di Federprivacy

Published in: Technology
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Impatto privacy della video analisi nei sistemi di video sorveglianza intelligente - festival ICT 2015

  1. 1.     1   IMPATTO  PRIVACY:      VIDEO  ANALISI  NEI  SISTEMI  DI     VIDEOSORVEGLIANZA  INTELLIGENTE  
  2. 2.     2   L’UTILITA’  DELLA  VIDEOANALISI  
  3. 3.     3   Pensate  a  cen?naia  di  telecamera  di   sorveglianza   installate   in   un   aeroporto:   qual   è   la   probabilità   che   un   operatore   nella   control   room   sia   in   grado   di   notare   tempes?vamente   una   persona   che   entra   in   un’area   interdeOa,  o  individuare  un  bagaglio   abbandonato,   o   un   comportamento   sospeOo  di  una  persona?    
  4. 4.         4   S t u d i   s c i e n ? fi c i   dimostrano   che   dopo   2 0   m i n u ?   d i   o s s e r v a z i o n e   con?nua   un   normale   operatore  non  noterà   oltre  il  90%  di  even?   rilevan?.       Fonte:   hOp://www.aitech-­‐ solu?ons.eu/blog/  
  5. 5.         5   L’ANALISI  VIDEO  INTELLIGENTE   La   video   content   analysis   (anche   deOa   analisi   video   intelligente)  cos?tuisce  un  insieme  di  tecniche  dell’Intelligenza   Ar?ficiale   e   della   Computer   Vision   che   consentono   ad   un   calcolatore   di   analizzare   un   flusso   video   allo   scopo   di   comprenderne  il  contenuto  e  di  annotarlo  automa?camente  (i   metada?)   senza   l’intervento   umano.   I   sistemi   di   analisi   video   possono  richiamare  l’aOenzione  dell’operatore  quando  avviene   qualche   evento   specifico   nella   scena   inquadrata   dalla   telecamera   e   permeOono   di   ridurre   i   tempi   della   ricerca   offrendo   all’operatore   la   possibilità   di   trovare   solo   quelle   sequenze   video   che   soddisfano   alcuni   criteri   specifica?   dall’operatore  stesso.  
  6. 6.         6   Come  avviene  la  funzione  di     rilevamento  degli  oggec       LA  VIDEOANALISI   Nella   prima   fase   di   elaborazione   effeOuata   dagli   algoritmi   di   videoanalisi   il   sistema   mira   ad   individuare   in   ogni   fotogramma     acquisito   dalla   telecamera   i   pixel   associa?   agli   oggec   di   interesse   (pixel   di   “foreground”)   che   stanno   interagendo   nella   scena,  separandoli  dai  pixel  che  rappresentano  la  sfondo  della   scena  (“background”).    
  7. 7.         7   ALCUNI  ESEMPI  DI  VIDEOANALISI  
  8. 8.         8    Con  la  funzione   “tampering”  scaOa   un  “warning”  in   caso  di  tentato   oscuramento  della   camera     Obie9vo:  Questo  algoritmo  controlla  che  una  visione  normale  non  venga  disturbata   dall’offuscamento   della   telecamera   (esempio:   coprendo   la   lente   con   vernice   spray   ,   sacche9  o  altro).      
  9. 9.     9       Obie9vo:  Questo  algoritmo  controlla  se  in  una  determinata  zona  vengono   abbandonaE  ogge9  (esempio  borse)  o  rimossi.  UEli  per  evitare  aGentaE  in  luoghi   pubblici  come  aeroporE,  stazioni  ecc.      Con  la  funzione   “Object  detec?on”   scaOa  un  “warning”   nel  caso  un  oggeOo  sia   abbandonato  o   rimosso  da  un’area   soggeOa  a   monitoraggio   Object  Detec?on  
  10. 10.     10       Obie9vo:  Questo  algoritmo  viene  uElizzato  per  monitorare  l’ingresso  di  persone  in   zone  proibite  o  il  superamento  di  linee  di  sicurezza.    Con  la  funzione   “Tripware”  scaOa   un  “warning”  nel   caso  un  oggeOo   superi  una  o  più   linee  virtuali   Tripware  
  11. 11.     11       Obie9vo:  Questo  algoritmo  viene  uElizzato  per   rilevare   comportamenE   anomali   nell’area   sorvegliata  (esempio  aree  di  imbarco).     C o n   l a   f u n z i o n e   “Loitering”   e   “Panic”   scaOa   un   “warning”   nel   caso   vengano   rileva?   cambi   di   direzione   bruschi   ed   improvvisi   e   corse   di   soggec   nell’   area   interessata   oppure   eccessivi  stazionamen?.     Loitering  Allarm   Panic  Allarm  
  12. 12.     12       Obie9vo:   Questo   algoritmo   fornisce   daE   staEsEci   fondamentali   per   prendere   decisioni   in   merito   alla   sicurezza   di   una   determinata   area   e   alla   gesEone   del   flusso   delle  persone.    Con  la  funzione   “Object  Coun?ng”   scaOa  un  conteggio   delle  persone  o  delle   cose  che   aOraversano  una   linea  virtuale   Object  Coun?ng  
  13. 13.  VIDEOSORVEGLIANZA:     LE  FONTI  PRINCIPALI   CODICE  DELLA  PRIVACY       PROVVEDIMENTI  DEL  GARANTE     STATUTO  DEI  LAVORATORI           13  
  14. 14. •  Provv. 29 novembre 2000 (“Il decalogo delle regole per non violare la privacy”), doc. web n. 31019; •  Provv. Generale 29 aprile 2004, doc. web n. 1003482; •  Provv. Generale 08 aprile 2010, doc. web n. 1712680. •  Un nuovo Provvedimento uscirà tra poco   14   I  PROVVEDIMENTI  DEL  GARANTE  
  15. 15.         15   I  traOamen?  di  da?  personali  nell'ambito  di  una  acvità   di   videosorveglianza   devono   essere   effeOua?   rispeOando   le   misure   e   gli   accorgimen?   prescric   da   questa  Autorità  come  esito  di  una  verifica  preliminare   acvata  d'ufficio  o  a  seguito  di  un  interpello  del  ?tolare   (art.  17  del  Codice),  quando  vi  sono  rischi  specifici  per   i  diri9  e  le  libertà  fondamentali,  nonché  per  la  dignità   degli  interessaE,  in  relazione  alla  natura  dei  daE  o  alle   modalità   di   traGamento   o   agli   effe9   che   può   determinare.                                                                                                              Provv.  08.04.2010  §  3.2.1.               LA  VERIFICA  PRELIMINARE   Art.17  d.lgs  n.196/2003  +  §  3.2.1.  Provv.  08.04.2010  
  16. 16. Quando  si  deve  oOenere  l’Autorizzazione  del   Garante  per  installare  determina?  impian?  di   videosorveglianza  ?     -­‐  LA  Verifica  Preliminare  -­‐             •  dei  sistemi  di  videosorveglianza  abbina?  a  da?  biometrici;   •  degli  impian?  dota?  di  sosware,  che  consentono  il  riconoscimento  delle   persone;   •  dei  sistemi  c.d.  intelligenE,  che  cioè  non  si  limitano  a  riprendere  e  registrare   le  immagini,  ma  sono  in  grado  di  rilevare  automa?camente  comportamen?  o   even?  anomali,  segnalarli  ed  eventualmente  registrarli;   •  dei  sistemi  integra?  di  videosorveglianza;   •  delle  casis?che  di  allungamento  dei  tempi  di  conservazione  delle  immagini   oltre  il  previsto  termine  massimo  di  seOe  giorni.       il  Garante  enuncia  tuOa  una  serie  di  ipotesi  che  vanno  soOoposte  a  verifica  preliminare.  Si   traOa:   16  
  17. 17. SISTEMI  INTELLIGENTI       I  sistemi  di  videosorveglianza  c.d.  intelligen?  sono  quei   sistemi   in   grado   di   rilevare   automa?camente   comportamen?   o   even?   anomali,   segnalarli   e   all’occorrenza  registrarli.   17   Provv.  08.04.2010  §  3.2.1.  
  18. 18.         18              COME  SONO  “VISTI”  DAL  PROVVEDIMENTO  08.04.2010   In   linea   di   massima   tali   sistemi   devono   considerarsi   eccedenE   rispeGo   alla   normale   a9vità   di   videosorveglianza,   in   quanto   possono   determinare   effec   par?colarmente   invasivi   sulla   sfera   di   autodeterminazione  dell'interessato  e,  conseguentemente,  sul  suo   comportamento.  Il  rela?vo  u?lizzo  risulta  comunque  gius?ficato  solo   in  casi  parEcolari,  tenendo  conto  delle  finalità  e  del  contesto  in  cui   essi   sono   traOa?,   da   verificare   caso   per   caso   sul   piano   della   conformità   ai   principi   di   necessità,   proporzionalità,   finalità   e   correGezza  (arO.  3  e  11  del  Codice).                                        provv.  08.04.2010,  §  3.2.1.  
  19. 19.     QUALCHE  ESEMPIO   19  
  20. 20.     20   SISTEMA  INTELLIGENTE  PRESSO  UNA  CENTRALE   TERMOELETTRICA   Provv.  12.01.2012  [doc.  web  n.1875004   VIDEO  ANALISI:   Il   sistema   è   caraOerizzato   in   par?colare   da   un   meccanismo   di   rilevamento   del   movimento   fondato   sul   confronto   tra   un'immagine   di   fondo   e   una   serie   di   frame   video   registra?   nel   tempo.    Inoltre,  il  sistema  di  mo0on  detect  risulterebbe  anche  in  grado  di  rilevare  problemi   tecnici  o  di  sabotaggio,  come  la  scomparsa  del  segnale  video  o  l'occlusione  dell'o9ca  di  una   telecamera.     CARATTERISTICHE  DELL’IMPIANTO:   Le  immagini  sarebbero  conservate  per  un  tempo  limite  di  una  secmana,  allo  scadere  del   quale,   sarebbero   automa?camente   cancellate   per   sovrascriOura.   Inoltre,   tra   le   caraOeris?che  tecniche  dell’impianto,  vi  è  la  possibilità  di  captare  l’audio  proveniente  dalle   singole  telecamere  dotate  di  microfono.  L’audio  non  sarebbe  registrato.       CONSERVAZIONE  IMMAGINI  E  CAPTAZIONE  AUDIO:  
  21. 21.     21   IL  GIUDIZIO  DEL  GARANTE   Il  Garante  si  è  espresso  in  senso  favorevole  all’impianto,  ad  esclusione  della  captazione   audio.  In  par?colare:   Ad  avviso  di  questa  Autorità,  all'esito  dell'istru:oria  sono  emersi  elemen0  che  inducono   a   ritenere   che   il   tra:amento   delle   immagini   che   verrebbe   effe:uato   a:raverso   l'impianto  di  videosorveglianza  intelligente  sia  conforme  ai  principi  pos0  dagli  ar:.  3  e   11  del  Codice.   In  par0colare,  l'ubicazione  isolata  del  sito,  la  sua  notevole  estensione  e  la  posizione   dell'area  al  di  fuori  delle  zone  in  cui  le  forze  dell'ordine  svolgono  la  rou0naria  aDvità  di   pa:ugliamento   valgono   a   gius0ficare   l'adozione   di   un   sistema   di   sicurezza   che,   consentendo  una  rilevazione  di  possibili  intrusioni  in  tempi  estremamente  brevi,  risul0   effeDvamente  in  grado  di  prevenire  accessi  non  autorizza0  alla  stru:ura  e,  quindi,  di   scongiurare  –  o,  quantomeno,  di  ridurre  significa0vamente  -­‐  il  rischio  di  aD  vandalici,   danneggiamen0  o  fur0  di  materiali  in  grado  di  provocare  gravi  disservizi.   Provv.  12.01.2012  [doc.  web  n.1875004  
  22. 22.     22   IL  GIUDIZIO  DEL  GARANTE    Invece,  con  specifico  riferimento  al  connesso  sistema  di  "captazione  audio"  con  cui  si   intenderebbe  implementare  il  sistema  di  videosorveglianza  intelligente,  si  deve  ritenere   che  esso,  anche  a  prescindere  dai  possibili  riflessi  penali  che  potrebbero  derivare  dalla   sua  aDvazione  (anche  in  ragione  di  quanto  previsto  dall'art.  4  della  legge  n.  300/1970,   richiamato   dall'art.   114   del   Codice),   non   sia   comunque   conforme   ai   principi   pos6   dall'art.   11   del   Codice   e,   segnatamente,   ai   principi   di   per6nenza,   non   eccedenza   e   proporzionalità.   Al  riguardo,  si  osserva  che  la  potenzialità  dell'impianto  di  rilevare  indis0ntamente  suoni   fino  ad  una  distanza  di  5-­‐6  metri  dall'ubicazione  di  ciascuna  telecamera,  provvista  di   microfono,   può   determinare   un'ulteriore   e   non   gius6ficata   riduzione   della   sfera   di   riservatezza   di   chiunque   si   trovi   a   transitare   in   prossimità   di   un'area   già   abbondantemente  monitorata,  per  finalità  di  sicurezza,  con  un  modernissimo  sistema  di   videosorveglianza.     Provv.  12.01.2012  [doc.  web  n.1875004  
  23. 23.     23   SISTEMA  INTELLIGENTE  PRESSO  I  SITI  DI  ROMA  E   MILANO  DI  ENI  S.P.A.   Provv.  15.03.2012  [doc.  web  n.  1893742]   VIDEO  ANALISI:   Eni   intenderebbe   acvare   un   sistema   automa?co   di   rilevazione   delle   intrusioni   basato   su   acvità   di   video-­‐analisi.   In   altri   termini,   le   telecamere   ad   inseguimento   (speed   dome)   eseguirebbero,  in  situazione  di  normalità,  una  scansione  panoramica  della  zona  di  competenza   e,  grazie  alla  modalità  di  video-­‐analisi,  in  caso  di  intrusione,  si  orienterebbero  verso  la  zona   interessata  per  seguire  e  registrare  l'evento.  Tra  le  funzionalità  che  verrebbero  configurate,  vi   sarebbero,  in  par?colare,  le  seguen?:  object  classifica6on,  che  permeOerebbe  di  dis?nguere,   all'interno   di   un'immagine,   persone,   veicoli,   animali   e   altri   oggec   che   non   appartengono   propriamente   alla   struOura   della   scena;   single-­‐mulE   tripwire   event   detecEon,   che   consen?rebbe  di  rilevare  il  superamento,  da  parte  di  un  oggeOo  in  movimento,  di  una  linea   virtuale   precedentemente   definita   all'interno   del   campo   visivo   della   telecamera;   enter-­‐exit   event  detec6on,  che  sarebbe  in  grado  di    rilevare  il  momento  in  cui  un  par?colare  ?po  di   oggeOo,   proveniente   da   una   qualunque   direzione   all'interno   del   campo   visivo   della   telecamera,  entrasse  o  uscisse  da  una  zona  di  interesse  precedentemente  individuata.   CARATTERISTICHE  DELL’IMPIANTO:  
  24. 24.     24   LETTURA  TARGHE:   La  società  ha  riferito  di  voler  acvare  anche  un  sistema  di  rilevazione  dei  transi?  e  di  leOura   delle  targhe  che  non  si  interfaccerebbe  con  alcuna  banca  da?  SCNTT  (Sistema  Centralizzato   Nazionale  Targhe  e  Transi?),  ma  solo  con  una  lista  di  targhe  "autorizzate"  da  Eni  (c.d.  white   list),   che   verrebbero   censite   su   richiesta   degli   stessi   dipenden?   interessa?.   Il   sistema   acquisirebbe  l'immagine  della  targa  del  veicolo  in  transito,  conver?rebbe  l'immagine  in  una   stringa  testuale  recante  la  sequenza  di  leOere  e  numeri  che  compongono  la  targa  acquisita  e   confronterebbe  la  suddeOa  stringa  di  testo  con  quelle  presen?  nella  lista  di  Eni  delle  targhe   autorizzate   (white   list).   Tale   lista   verrebbe   "caricata"   direOamente   sul   sistema   di   videosorveglianza,  permeOendo  così  di  discriminare  gli  accessi  dei  veicoli  autorizza?  da  quelli   non  autorizza?.  In  caso  di  accesso  di  un'autoveOura  autorizzata,  il  sistema  riconoscerebbe  la   targa  del  veicolo  e  rileverebbe  la  sua  corrispondenza  con  quella  inserita  nella  white  list,  senza   effeOuare   alcuna   videoregistrazione.   Invece,   ove   accedesse   ai   si?   un'autoveOura   non   autorizzata,  allora  il  sistema,  non  riconoscendo  la  targa  rilevata  tra  quelle  presen?  nella  white   list,   acverebbe   la   videoregistrazione   dell'avvenuto   transito.   Gli   operatori   che   avrebbero   accesso  agli  archivi  di  sistema  (7    per  la  sede  di  San  Donato  Milanese  e  5  per  la  sede  di  Roma)   sarebbero   muni?   di   specifica   abilitazione   mediante   "utenza   e   password",   in   linea   con   le   procedure  di  sicurezza  aziendali.  
  25. 25.     25   IL  GIUDIZIO  DEL  GARANTE    IL  GARANTE,   ai  sensi  dell'art.  17  del  Codice,  a  conclusione  della  verifica  preliminare  rela?va  all'u?lizzo  del   sistema  di  videosorveglianza  c.d.  "intelligente"  che  Eni  S.p.A.  intende  adoOare,  per  finalità   connesse  alla  tutela  del  patrimonio  aziendale  e  della  sicurezza  dei  lavoratori  .  .  .  .  .  .,  prende   aOo  delle  modalità  del    traOamento  dei  da?  personali  ad  esso  connesso,  prescrivendo  che:   a)  il  traOamento  delle  immagini  si  mantenga  aderente  alle  finalità  di  tutela  del  patrimonio   aziendale  e  della  sicurezza  dei  dipenden?  e  si  svolga  nel  rispeOo  delle  modalità  indicate  da   Eni  S.p.A.  con  note  del  19  luglio  2011,  30  gennaio  e  14  febbraio  2012;   b)  l'impresa  di  vigilanza  esterna  sia  nominata  responsabile  del  traGamento  e  questa,  a  sua   volta,  nomini  incarica?  del  traOamento  i    propri  dipenden?.   c)   le   utenze   per   l'accesso   alle   immagini   siano   individualmente   assegnate   agli   incarica?   specificamente   nomina?   da   Eni   e   dalla   società   di   vigilanza   (cfr.   –   Disciplinare   tecnico   in   materia  di  misure  di  sicurezza,  punto  3  all.  B)  del  Codice);   d)   l'informaEva   agli   interessaE   venga   resa   aOraverso   suppor?   che,   per   formato   e   posizionamento,   siano   chiaramente   visibili   prima   che   gli   interessa?   entrino   nel   raggio   d'azione  delle  telecamere.       Provv.  12.01.2012  [doc.  web  n.  1893742]  
  26. 26.     26   SISTEMA   INTELLIGENTE   PRESSO   AREE   PORTUALI   DI   OLBIA   ISOLA   BIANCA,   GOLFO   ARANCI   E   COCCIANI.   Provv.  17.09.2015  [doc.  web  n.  4361006]   VIDEO  ANALISI:   L’Autorità  Portuale  ha  soOoposto  a  verifica  preliminare  l'u?lizzo  di  sistemi  di  videosorveglianza   che   prevedono   una   specifica   acvità   di   video   analisi   volta   a   "segnalare   automa?camente   l'eventuale  scavalcamento  della  recinzione  metallica  posizionata  lungo  il  perimetro  delle  aree   ad  accesso  ristreOo".   CARATTERISTICHE  DELL’IMPIANTO:  
  27. 27.     27   IL  GIUDIZIO  DEL  GARANTE   Il  Garante  ha  preso  aOo  che  l'impianto  di  videosorveglianza  che  l'Autorità  portuale  di  Olbia  e   Golfo  Aranci  ha  inteso  soOoporre  alla  verifica  preliminare  dell'Autorità  è  abilitato  a  svolgere   la   specifica   funzione   di   a9vare   un   allarme   sonoro   presso   la   control   room   in   caso   di   aGraversamento   di   una   linea   virtuale   posta   in   corrispondenza   del   limite   superiore   della   recinzione  metallica,  con  lo  scopo  di  segnalare  l'eventuale  scavalcamento  da  parte  di  soggec   non  autorizza?  della  recinzione  metallica  posizionata  lungo  il  perimetro  delle  aree  ad  accesso   ristreOo.       Provv.  17.09.2015  [doc.  web  n.  4361006]   Linea  Virtuale  
  28. 28.     28   IL  GIUDIZIO  DEL  GARANTE   SoOo   il   profilo,   poi,   degli   effec   previs?   conseguen?   all'acvazione   dell'allarme,   dalla   documentazione   trasmessa   emerge   che   le   caraOeris?che   specifiche   del   sistema   di   videosorveglianza  in  esame,  nel  rilevare  il  superamento  di  una  barriera  virtuale,  delimitata  da   una  linea  predefinita,  e  l'accesso  ad  una  zona  interdeOa  segnalata  con  la  "presenza  di  idonei   cartelli  informa?vi  e  (con)  disposi?vi  di  delimitazione  delle  zone  proteOe",  hanno  come  unica   conseguenza  quella  di  richiamare  l'aGenzione  dell'operatore  presente  nella  control  room,  al   fine  di  favorirne  un  eventuale  tempesEvo  intervento,  volto  a  verificare  la  fondatezza  della   segnalazione  d'allarme  sonoro  (eventualmente  anche  azionando  "delle  telecamere  dome,   per  seguire  manualmente  l'intruso  fino  all'arrivo  delle  guardie  giurate")  e  non  comportano   l'acvazione  di  ulteriori  funzionalità,  quali,  ad  esempio,  l'analisi  audio,  la  geolocalizzazione  o  il   riconoscimento   tramite   incrocio   con   ulteriori   specifici   da?   personali,   anche   biometrici,   o   confronto  con  una  campionatura  precos?tuita.   Pertanto,   con   riferimento   alla   valutazione   di   proporzionalità   del   traOamento   dei   da?   personali  effeOuato  tramite  il  sistema  intelligente  oggeOo  della  verifica  preliminare,  si  ri?ene   che,   allo   stato   degli   elemen?   acquisi?   in   ac,   il   sistema   di   videosorveglianza   così   come   descriOo   e   in   relazione   alle   finalità   dichiarate   non   compor?,   in   concreto,   un   pregiudizio   rilevante   per   gli   interessa?,   tale   da   determinare   effec   invasivi   sulla   loro   sfera   di   autodeterminazione  e,  conseguentemente,  sui  loro  comportamen?.     Provv.  17.09.2015  [doc.  web  n.  4361006]  
  29. 29.         29   LA  VERIFICA  PRELIMINARE:  PROCEDURA   l’Autorità  ha  ribadito  che  l’installazione  di  sistemi  di  videosorveglianza  non  deve   essere  soOoposta  all’esame  preven?vo  del  Garante  -­‐faOe  salve  specifiche  ipotesi-­‐   e   che   non   può   desumersi   alcuna   approvazione   implicita   dal   semplice   inoltro   di   documen?   rela?vi   a   progec   di   videosorveglianza,   cui   non   segua   un   esplicito   riscontro  dell’Autorità,  in  quanto  non  si  applica  il  principio  del  silenzio  assenso.   RELAZIONE  2012,  PAG.  94.   TERMINE  VERIFICA  PRELIMINARE:  180  gg  (reg.  n.2/2007)   ISTANZA:  Da  Protocollare  presso  l’Ufficio  del  Garante       DIRITTI  DI  SEGRETERIA:  mille  euro  
  30. 30.                              Avv.  Marco  Soffien?ni                              Docente  Università  degli  Studi  di  Roma  UnitelmaSapienza                              Privacy  Officer  cer?ficato  TÜV  Italia  n°  Reg.  CDP  015       Coordinatore  Nazionale  Comitato  Scien?fico  Federprivacy   Delegato  per  la  provincia  di  Arezzo  di  Federprivacy   Fellow  Is?tuto  Italiano  per  la  Privacy  e  la  valorizzazione  dei  da?                  hOps://it.linkedin.com/in/marcosoffien?ni                              @msoffien?ni1                           GRAZIE     PER  LA  CORTESE  ATTENZIONE   30   www.federprivacy.it    hOp://academy.ethosmedia.it/ formazione-­‐security-­‐safety.asp    

×