Presentazione Centro di Competenza ICT-SUD - Domenico Saccà

463 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
463
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
11
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Presentazione Centro di Competenza ICT-SUD - Domenico Saccà

  1. 1. CC ICT-SUD IL CENTRO DI COMPETENZA ICT-SUD Domenico SACCA Presidente di ICT-SUD 1
  2. 2. IL CENTRO DI COMPETENZA ICT-SUDCC ICT-SUD•  ICT-SUD si è costituito a Dicembre 2006 come SCrl come Centro di Competenza a rete per l erogazione di servizi di trasferimento tecnologico mirati alla qualificazione o riqualificazione della domanda e dell offerta di soluzioni che impiegano tecnologie nel settore ICT•  Qualificazione dell offerta: è rivolta alle imprese ICT operanti nelle Regioni Meridionali per rafforzare la capacità di rispondere adeguatamente alla domanda ICT non solo regionale in modo da permetterne l inserimento in un mercato nazionale ed internazionale.•  Promozione e qualificazione della domanda –  il sistema produttivo in generale (non solo imprese ICT), che impiega ICT al fine di una maggiore efficacia dei propri processi ed aumentarne la competitività –  la Pubblica Amministrazione per migliorare la propria organizzazione e la gestione dei servizi ; 2
  3. 3. ORGANIZZAZIONE DI ICT-SUDCC ICT-SUD•  ICT-SUD è articolato in 5 nodi regionali (Calabria, Campania, Puglia, Sardegna e Sicilia) più una Struttura di Gestione Centrale e Coordinamento (SGCC), allocata presso il nodo Calabria (Nodo Principale)•  I soci di CC ICT-SUD sono 67 di cui 5 università (Università della Calabria, Università Mediterranea di Reggio Calabria, Università Magna Graecia di Catanzaro, Università di Catania, Università della Basilicata), il CNR, CerICT, il CINI, il CNIT, ulteriori 4 soci pubblici, 5 di natura pubblico-privata (tra cui le società consortili DAISY-NET in Puglia, SIRIO in Sicilia, il Centro di Competenza Regionale ICT della Sardegna, che raggruppano università e aziende), e 49 imprese del settore ICT, in gran parte PMI.•  La quota di partecipazione pubblica (considerando anche la parte pubblica dei soci di natura pubblico-privata) è del 54% circa mentre quella privata è del 46% circa. 3
  4. 4. SEDI DI ICT-SUDCC ICT-SUD•  CALABRIA: sede principale di Cosenza presso Polo tecnologico dell Università della Calabria + Sede secondaria di Reggio Calabria + 2 sportelli presso UniCZ e DEIS-UNICAL•  CAMPANIA: sede principale di Napoli presso Università Federico II + 2 sportelli presso UniSannio e UniSA•  PUGLIA: sede principale di Bari presso Tecnopolis-CSATA + 3 sportelli presso UniLE, UNIFG e Confindustria-TA•  SARDEGNA: sede principale di Cagliari presso Università di Cagliari + 1 sportello presso DIEE-UniCA•  SICILIA: sede principale di Catania presso Università di Catania + 1 Sede secondaria presso EngiSud a Palermo Tutte le 5 sedi di nodo sono di uso esclusivo di ICT-SUD e sono ben attrezzate con uffici, laboratori e aule didattiche 4
  5. 5. CATEGORIE DI SERVIZICC ICT-SUD•  ICT PER AZIENDE ICT: le aziende ICT stesse che necessitano di riorganizzare ed innovare processi produttivi e prodotti e servizi•  ICT PER LA PA: le Pubbliche Amministrazioni la cui domanda di ICT, opportunamente promossa, potrebbe costituire un mercato importante per le aziende ICT•  ICT PER LA PRODUZIONE: le aziende di produzione e di servizio che possono utilizzare tecnologie innovative ICT per ridefinìre e migliorare i processi di produzione e distribuzione in un ottica di filiera e quelli di erogazione di servizi•  ICT PER FUTURE INTERNET: le organizzazioni virtuali che operano in rete sia con finalità economiche (ad esempio distretti industriali, filiere, aziende a rete) sia con il ruolo di osservare e monitorare il territorio e gestire in maniera integrata gli interventi 5
  6. 6. FASI DI VITA DI ICT-SUDCC ICT-SUD Completata•  FASE 1: Avvio del Centro di Competenza (leadership università) In Corso•  FASE 2: Costruire reti di imprese e sinergie con università e centri di ricerca per una partecipazione attiva e fruttuosa ai PON e POR 2007-13 (leadership università) Dopo il 2014•  FASE 3: Trasferimento tecnologico ed erogazione di servizi di innovazione alle imprese e costituzione di reti stabili di imprese (leadership industria) 6
  7. 7. FASE 1: PROGETTO RETE DEI CENTRI DI COMPETENZA ICT-SUDCC ICT-SUD•  ICT-SUD ha completato il progetto Rete dei Centri di Competenza ICT-SUD con un costo complessivo (al netto di IVA) di circa € 4.470.000 , di cui il 72,07% per spese di investimento, il 15,91% per spese di avvio, l 8,84% per consulenze e il 3,18% per attività formative•  E stato utilizzato un cofinanziamento da parte del MUR di circa € 2.900.000 (circa il 65%); la restante parte di circa 1.550.000 è stata cofinanziata dai soci di ICT-SUD, così come previsto nei patti parasociali della società.•  Il progetto comprendeva 3 fasi: 1.  REALIZZAZIONE DEGLI INVESTIMENTI DEL CENTRO 2.  AVVIO DEL CENTRO E DELLA PARTECIPAZIONE ALLA RETE DEI CENTRI 3.  FORMAZIONE 7
  8. 8. FASE 2: PROGETTI IN CORSOCC ICT-SUD•  CONTRATTO DI INVESTIMENTO CON REGIONE CALABRIA : realizzazione di un eco-sistema digitale per la definizione e sperimentazione di nuovi strumenti, procedure e metodologie per erogare servizi di trasferimento tecnologico in modo da accrescere l offerta tecnologica dei soci industriali e migliorare il loro livello di competizione nei mercati, regionali, nazionali e regionali.•  TETRIS (TETRA Innovative Open Source Services), Programma PON del MIUR: rendere la rete TETRA e le sue informazioni nel mondo fisico disponibili e pronte per smart services, object e ambient in sistemi embedded e dotati di ubiquità. Realizzare l ecosistema di servizi e applicazioni TETRis per la comunicazione, la prevenzione e la sicurezza delle smart cities e per la gestione delle emergenze/Salvaguardia ambientale, Mobilità/Utilities e servizi ai cittadini.•  PROGETTO LOGIN (LOGistica INtegrata), Programma MADE IN ITALY del MISE: sviluppo di un sistema che intervenga nei processi industriali specifici di diverse filiere (in particolare trasporti e agro- alimentare) armonizzando i processi delle singole unità produttive all acquisizione delle materie prime ed alla movimentazione del prodotto sino alla consegna al cliente. 8
  9. 9. PROGETTI PRESENTATI NEL 2011 (valutati positivamente)CC ICT-SUDBANDO PON 2011, TITOLO III, Nuove Iniziative•  s3cureDIG.IT: Distretto di Cyber Security•  Laboratorio in Rete su Service Innovation, Calabria, Puglia e Sicilia 9
  10. 10. 2008…. CREAZIONE DI VALORE e CRESCITA POLO DI INNOVAZIONE ICT IN CALABRIA CC ICT-SUD •  Rafforzare una piattaforma territoriale specializzata nel trasferimento di tecnologie ICT e loro utilizzo innovativo per accrescere la competitività delle imprese aderenti al Polo (e del sistema economico regionale) sia stimolando la domanda di prodotti e servizi innovativi ICT presso i settori produttivi e la pubblica amministrazione sia attraverso la realizzazione e lerogazione di servizi basati sulla reale domanda locale di innovazione •  Laggregazione è composta da 27 soggetti: •  22 PMI, 2 Grandi Imprese, lICAR-CNR, lUniversità della Calabria e lUniversità Mediterranea di Reggio CalabriA •  E stata costituita un apposita ATS il cui gestore è ICT- SUD. 10
  11. 11. 2008…. CREAZIONE DI VALORE e CRESCITA OBIETTIVI DEL POLO DI INNOVAZIONE CC ICT-SUD • Rafforzare la filiera ICT a Cosenza • Estenderla a livello regionale includendo non solo le aziende espressione dell’offerta tecnologica ma anche quelle espressione della domanda innovativa di ICT • Proiettare la filiera su mercati nazionali e internazionali 11
  12. 12. 2008…. CREAZIONE DI VALORE e CRESCITA LA FILIERA ICT A COSENZA CC ICT-SUD Asset  della  filiera •  Il gruppo di ricerca più grande a livello italiano nel settore delle basi di dati e di conoscenza e tra i più prestigiosi a livello internazionale •  Presenza di competenze professionale altamente specializzate nel settore del knowledge management, data mining e analisi di processi •  Competenze scientifiche e professionali sui sistemi distribuiti e su mobile computing con forti caratteristiche interdisciplinari (grid and cloud computing, reti di calcolatori, reti wireless e reti ad hoc, sistemi intelligenti distruiti) •  Laboratorio OKT su tecnologie open source che punta a diventare un punto di riferimento nazionale e internazionale nel settore •  Centro di Competenza ICT-SUD che punta a rafforzare il suo ruolo di trasferimento tecnologico e di polo di innovazione ICT a livello regionale e interregionale •  Numerose aziende ICT di medie dimensioni fortemente interessati a una riorganizzazione dei propri processi produttivi e al raggiungimento di nuovi mercati •  PMI e spin-off con presenza estesa di tecnici neo-laureati di elevata professionalità e con management fortemente orientato a prodotti e servizi innovativi ICT 12
  13. 13. 2008…. CREAZIONE DI VALORE e CRESCITA SEMINARI SU Tecnologie ICT per le Piccole e Medie CC ICT-SUD Imprese •  Non (solo) tecnologie ICT per aziende ICT •  Ma soluzioni ICT per PA e Aziende •  Obiettivo: creare rete 13
  14. 14. Una favola vecchia dell’innovazione in ICTCC ICT-SUD•  Il mondo di Humpty •  Il mondo di Alice Dumpty Bisogna vedere se voi potete dare alle parole molti significati diversiQuando io uso una parola, questa significa esattamente ciò che io voglio che significhi... né più né meno Il mondo delle applicazioni WEBIl mondo dei social network. tradizionali.Gli utenti interagiscono senza Gli utenti interagiscono secondo alcuno schema predefinito schemi predefiniti dal progettista una volta per tutteInterazione non strutturata e mutevole, quindi confusa Interazione strutturata ma immutevole, quindi noiosa
  15. 15. Una favola vecchia dell’innovazione in ICT Vincerà il Coniglio CC ICT-SUD •  Il mondo del Coniglio Il mondo emergente dell integrazione delleMA BISOGNA CORRERE, applicazioni WEB tradizionali USERS MUST STAYCORRERE TUNED con i social network Gli utenti interagiscono con le applicazioni come in un social network Interazione semi-strutturata e immutevole, quindi non-noiosa e non-confusa
  16. 16. Morale della FavolaCC ICT-SUD•  Nelle applicazioni tradizionali, si fissa lo schema una volta per tutte e poi l istanza cambia continuamente evolvendo, ma sempre con lo stesso schema•  Nelle nuove applicazioni deve evolvere anche lo schema•  Cambiare velocemente lo schema non è facile ma l evoluzione delle applicazioni lo richiede
  17. 17. Evoluzione dei Sistemi InformativiCC ICT-SUD Gestori Sistema Informativo Destinatari Operatori
  18. 18. Personaggi vecchi ma…CC ICT-SUD rinnovati•  Gestore: ambienti di business intelligence per l esplicitazione dei modelli di business e la loro verifica e ridefinizione•  Operatori: intelligenza distribuita in linea, condividere le pratiche di operare e loro evoluzioni•  Destinatari: intrattenerli per farli cooperare e stimolarli a interagire e gestire il loro consenso
  19. 19. Seminari per esercitarsi a Inventare e RinnovarsiCC ICT-SUD•  Idee semplici possono fare molta strada: MS-DOS di Bill Gates e Blog condivisi tra amici di Mark Zuckerberg•  Idee buone hanno successo solo se...: le applicazioni buone di Steve Jobs hanno avuto successo quando sono diventate fascinose•  Rinnovarsi: prima di focalizzarsi sulla telefonia mobile, NOKIA ha prodotto pneumatici, stivali di gomma e televisori

×