Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.
5anni
5anni
5anni
Geografia
La geografia è la scienza che ha per oggetto lo studio, la
descrizione e la rappresentazione della Terra n...
5anni
geografia
culturebandiere
lingue
scritture
Paesi
nazioni
tradizioni
etnie
5anni
protagonisti delle esperienze
Agnese
Gioacchino
Roberta
Marco P.
Aurora
Alberto
Sveva
Marco G.
Elena
Rocco
Fedi
Sofi...
5anni
prefazione a cura di Antonella Cola
bibliotecaria del Comune di Quattro Castella, viaggiatrice
Quando Pier mi ha chi...
5anni
Accogliere queste emozioni essendone consapevoli è importante,
così come recuperare “lo stupore infantile” che ci co...
5anni
Non sono cittadino di nessun posto,
non ho bisogno di documenti
e non ho mai provato un senso di patriottismo per al...
5anni
Le esperienze grafiche, pittoriche,
manipolative… dei bambini non
devono essere confuse e
considerate come quelle de...
5anni
geografie
d’artista
5anni
Alighiero Boetti, Mappa 19, 89, 92
5anni
Giuliano Della Casa, Senza titolo
5anni
Claudio Parmiggiani, Nido - mappamondo
5anni
Sono italo-congolese, appartengo a due paesi e a due
culture che sono entrambe dentro di me. Non posso
definirmi com...
5anni
Keith Haring, Gallery new 12
5anni
Alice Guareschi, Mappamondo
5anni
Michael Tompsett, Text map of the world
5anni
geografie
dei
bambini
5anni
Dove abiti?
Roberta: A Quattro Castella.
Federico: Eh…ehm… a Montecavolo.
Davide: A Montecavolo.
Federico: Ehi, come...
5anni
Dove siete nati?
Marco G.: Oddio, io non me lo
ricordo.
Roberta: Io sono nata all’ospedale
Santa Maria.
Marco G.: Io...
5anni
Essere “viaggiatori” non è più privilegio di pochi; viviamo in una
società multietnica e spesso facciamo viaggi di l...
5anni
Anche nella nostra realtà di scuola dell’infanzia di Montecavolo
frequentano famiglie con bambine e bambini di diver...
5anni
esperienze proposte
- mappamondi fantastici
- bandiere
- scritture
- atlante
- fontana
- mandala
- musiche etniche
-...
5anni
mappamondi
fantastici
5anni
5anni
Cos’è il mappamondo?
Federico: E’ una palla con tutte le case.
Marco G.: E’ una palla con tutti i Paesi.
Alberto: E’...
5anni
Come si chiama questa linea in mezzo al mappamondo? (e la
indico)
Davide B.: E’ l’aurora boreale.
Marco G.: C’è il P...
5anni
Chi vive? (e indico il Polo sud)
Marco G.: L’orso polare.
Federico: E poi i pinguini.
E questo come si chiama? (e lo...
5anni
Cosa vuole dire che nel mappamondo ci sono tanti colori?
Marco G.: Che ci sono le montagne, i mari.
Roberta: L’ocean...
5anni
Alberto: Perché l’azzurro è il mare.
Fedi: Perché questo è una città.
Agnese: Così si capisce meglio gli stati.
Cosa...
5anni
Che città conoscete?
Marco G.: Roma, Reggio… San Bartolomeo.
Roberta: Parigi.
Marco G.: Mia madre è andata sulla Tor...
5anni
Federico: Io ho visitato Roma quando ero piccolo.
Agnese: Io ho visitato la Puglia e Tirano.
Aurora: Io ho visitato ...
5anni
grafiche del mappamondo
5anni
5anni
Sveva: Perché nella terra ci
sono tutti i colori; c’è un po’
di azzurro, un po’ di mare,
un po’ di verde…
Emma: Perc...
5anni
i mappamondi dei bambini
5anni
5anni
5anni
bandiere
5anni
5anni
Che cosa è la bandiera?
Cecilia: La bandiera è una cosa dove
ci sono le squadre: c’è una bandiera
di tutti i colori....
5anni
Sveva: Ha un bastone perché è
attaccata ad un'altra bandiera; una
dall’altra e una dall’altra parte.
Emma: La bandie...
5anni
Perché ci sono le bandiere?
Cecilia: Perché le bandiere sono
quelle che fanno riconoscere quelli
che tengono le squa...
5anni
scritture
5anni
5anni
Perché scriviamo?
Davide B.: Per dare i messaggi.
Cecilia: Perché possono essere delle cose importanti.
Roberta: Per...
5anni
Che scritte conoscete?
Alberto: Mi è venuto in mente che un giorno la mamma mi ha
insegnato il francese.
Riccardo: L...
5anni
Come scrivono in Italia?
Aurora: Bene, in italiano.
Elena: Con i veri nomi come questo: Simona!
Rocco: Scrivono… ben...
5anni
E nel Paese di Fedi?
Rocco: Scrivono bene, però scrivono sempre un po’ diverso dal
Paese di Omar.
Perché?
Rocco: Per...
5anni
Di che popolo è la tua
scrittura?
Davide B.: Cina.
Perché?
Davide B.: Perché sono dei
segni strani.
Come scrivono in...
5anni
Di che popolo è la tua
scrittura?
Marco G.: Della Spagna.
Perché scrivono così in
Spagna?
Marco G.: Per fare dei ges...
5anni
Di che popolo è la tua
scrittura?
Roberta: Della Francia.
Perché scrivono con tanti
colori?
Roberta: Perché così
san...
5anni
Di che Paese è la tua
scrittura?
Gioacchino: Ehm…Questa è
francese.
Perchè è francese?
Gioacchino: Perché in
frances...
5anni
Di che Paese è la tua
scrittura?
Emma: Di Omar.
Perché?
Emma: Perché mi piace
la scrittura di Omar.
E come scrive?
E...
5anni
Perché hai fatto una
scrittura con tanti
disegni?
Sveva: Perché mi piace.
In che Paese usano
questa scrittura con tu...
5anni
Di che popolo è la tua
scrittura?
Alice: In italiano.
Perché è italiano?
Alice: Perché mi piace
scrivere in italiano...
5anni
atlante
5anni
5anni
Che cos’è l’atlante?
Davide: E’ un libro che
spiega il mondo.
Elena: Dove ci sono tante
terre.
Aurora: Dove vivono t...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Questa è dell’Inghilterra.
Chi abita?
Roberta: La nonna Ave.
Cosa fa?
Roberta: Le vi...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Sofia: Spagna.
Chi abita?
Sofia: Giapponesi.
Che lingua parlano?
Sofia: Parlano in g...
5anni
Di che Paese è la tua
bandiera?
Cina.
Chi abita?
Mia mamma, mio papà,
mia sorella e io
e poi i miei nonni.
Che lingu...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Gioacchino: Di un Paese che ci
sono tanti signori.
Come si chiama?
Gioacchino: Itali...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Fedi: E’ d’Italia.
Chi abita?
Fedi: Tutte persone. Anche una
piscina e il mare.
Che ...
5anni
Di che Paese è la tua
bandiera?
Federico: La bandiera di tutti i
colori; la bandiera delle due
stelle della Germania...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Emma: E’ la bandiera inglese.
Chi abita?
Emma: Il mio gatto, proprio il mio
gatto pe...
5anni
Di che Paese è la tua
bandiera?
Alice: Italia.
Chi abita?
Alice: La Giorgia, mia
madre, mio papà ed io.
Che lingua p...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Elena: New York City.
Chi abita?
Elena: Ci abita tante persone: mia
madre, mio padre...
5anni
Di che Paese è la tua
bandiera?
Riccardo: Francia.
Chi abita?
Riccardo: Ci abita tutti i miei
amici: Marco, Cecilia,...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Marco G.: Italia.
Chi abita?
Marco G.: Io, la mamma, papà,
mia sorella e la nonna.
C...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Alberto: America.
Chi abita?
Alberto: Mio cugino.
Che lingua parlano?
Alberto: Spagn...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Matilde. Francia.
Chi abita?
Matilde: Abita… Carine e la sua
mamma. Carine è un’amic...
5anni
Di che Paese è la tua bandiera?
Aurora: Italia.
Chi abita?
Aurora: Mia sorella.
Che lingua parlano?
Aurora: Come noi...
5anni
fontana
acqua nel mondo
5anni
Sono state proposte l’acqua e la fontana contemporaneamente
alla progettualità della sezione riguardante la visita e...
5anni
Cos’è l’acqua?
Federico: E’ una cosa molto preziosa.
Sofia: E’ quando si fa il bagnetto.
Omar: Eh… è una cosa che si...
5anni
Alberto: Con l’acqua si può giocare a spruzzarsi.
Cecilia: L’acqua serve per fare il bagno, per innaffiare i fiori…
...
5anni
Ci sono Paesi nel mondo che conoscete che hanno tanta acqua
e altri Paesi che ne hanno poca?
Federico: Nel deserto.
...
5anni
Cosa c’era nelle piazze delle città o dei Paesi che avete
visitato che faceva uscire l’acqua?
Cecilia: I rubinetti.
...
5anni
5anni
5anni
grafiche di fontane
5anni
realizzazione di una fontana con materiali di recupero
5anni
5anni
5anni
Alcuni elementi caratterizzanti
altre culture
offerti e proposti ai bambini:
- mandala
- musica celtica
- travestime...
5anni
mandala
5anni
Joy McKenzie - Viola Viole del pensiero
5anni
La parola mandala significa cerchio nelle culture antiche come in
quelle contemporanee Colorare dei mandala o realiz...
5anni
5anni
5anni
musiche
etniche
5anni
5anni
girotondi e danze accompagnate da musiche celtiche
5anni
travestimenti
5anni
5anni
Sono uguali le persone?
Riccardo: No.
Perché?
Riccardo: Perché le persone si
travestono non uguali.
… con i travesti...
5anni
…Una società che non accoglie è una società che crede non
aver bisogno di imparare da chi si esprime con altri lingu...
5annisettembre 2012 giugno 2013
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Se il mondo è tutto uguale è una tristezza

340 views

Published on

A.S. 2012-'13 - Scuola dell'Infanzia "L'Albero delle Farfalle"

Published in: Education
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

Se il mondo è tutto uguale è una tristezza

  1. 1. 5anni
  2. 2. 5anni
  3. 3. 5anni Geografia La geografia è la scienza che ha per oggetto lo studio, la descrizione e la rappresentazione della Terra nella configurazione della sua superficie e nella estensione e distribuzione dei fenomeni fisici, biologici, umani che la interessano. Benoit Vieubled, designer
  4. 4. 5anni geografia culturebandiere lingue scritture Paesi nazioni tradizioni etnie
  5. 5. 5anni protagonisti delle esperienze Agnese Gioacchino Roberta Marco P. Aurora Alberto Sveva Marco G. Elena Rocco Fedi Sofia Federico Alice Omar Cecilia Davide B. Matilde Riccardo Emma Miriam
  6. 6. 5anni prefazione a cura di Antonella Cola bibliotecaria del Comune di Quattro Castella, viaggiatrice Quando Pier mi ha chiesto di scrivere la prefazione al suo lavoro svolto con i bambini dei 5 anni sulla “geografia”, io come viaggiatrice e quindi amante delle geografie e delle diverse culture, mi ha fatto riflette sul significato che la parola “viaggio” ha per me. Da sempre nella storia dell’uomo il viaggio rappresenta un momento importante, ogni antica civiltà fondava il proprio potere e la propria forza sulla capacità di avviare e mantenere rapporti con culture diverse ottenendo così la circolazione di idee, conoscenze e cultura. Il viaggio e il rapportarmi con le “diverse geografie” per me sono fonti inesauribili di emozioni, di arricchimento personale, di esperienze che modificano il mio modo di pensare e di vedere le cose. Buona parte delle emozioni che ho provato in viaggio, sono suscitate dal territorio (l’ampiezza dello spazio, i suoi elementi, la luce, i colori, i contrasti, l’armonia) dalle scritture diverse, dai colori delle bandiere, dalle usanze e dai costumi tipici, dall’incontro con gli altri…, ma, forse, l’emozione più grande è quella legata al superamento delle difficoltà, alla soddisfazione del raggiungimento di una meta.
  7. 7. 5anni Accogliere queste emozioni essendone consapevoli è importante, così come recuperare “lo stupore infantile” che ci consente di scoprire il mondo con occhi nuovi. Il viaggio e il rapportarsi con le diverse culture apre quindi la possibilità al cambiamento, non si ritorna mai per essere come prima; apprezzare confrontandosi con usanze e culture diverse prevede che il primo e importantissimo viaggio sia compiuto all’interno di noi stessi. Penso che per apprezzare un viaggio bisogna tornare bambini per l’ingenuità, la voglia di apprendere, di comunicare, di rapportarsi e non giudicare, come spesso noi adulti facciamo.
  8. 8. 5anni Non sono cittadino di nessun posto, non ho bisogno di documenti e non ho mai provato un senso di patriottismo per alcun paese, ma sono un patriota dell'umanità nel suo complesso. Io sono un cittadino del mondo. Charlie Chaplin
  9. 9. 5anni Le esperienze grafiche, pittoriche, manipolative… dei bambini non devono essere confuse e considerate come quelle dell’ artista e il significato delle rispettive intenzionalità è sicuramente diverso. Come “premessa” agli elaborati realizzati durante il progetto, ho voluto inserire una breve documentazione di opere di alcuni artisti; un indice visivo che vuole affiancarsi e rafforzare quella libertà di agiti, ricerche e pensieri progettuali sperimentati dai bambini in atelier.
  10. 10. 5anni geografie d’artista
  11. 11. 5anni Alighiero Boetti, Mappa 19, 89, 92
  12. 12. 5anni Giuliano Della Casa, Senza titolo
  13. 13. 5anni Claudio Parmiggiani, Nido - mappamondo
  14. 14. 5anni Sono italo-congolese, appartengo a due paesi e a due culture che sono entrambe dentro di me. Non posso definirmi completamente italiana né completamente congolese, ma è proprio questa l’importanza e la ricchezza della diversità. Cecile Kyenge, ministro per l’integrazione
  15. 15. 5anni Keith Haring, Gallery new 12
  16. 16. 5anni Alice Guareschi, Mappamondo
  17. 17. 5anni Michael Tompsett, Text map of the world
  18. 18. 5anni geografie dei bambini
  19. 19. 5anni Dove abiti? Roberta: A Quattro Castella. Federico: Eh…ehm… a Montecavolo. Davide: A Montecavolo. Federico: Ehi, come me! Marco G.: No, a Puianello. Davide tu abiti vicino al cinema? Davide: Sì. Omar: A Montecavolo, nella casa dei miei fratelli. Matilde: A Salvarano. Marco G.: A Rubbianino, vicino a Montecavolo, vicinissimo a Montecavolo. Io arrivo presto perché abito vicino a Montecavolo. Alice: Montecavolo. Sveva: A Montecavolo. Cecilia: A Puianello. Sofia: A Salvarano. Aurora: A Salvarano. Emma: Eh… a Roncolo Riccardo: A Rubbianino. Agnese: Ahm… a Quattro Castella. Alberto: A Quattro Castella.
  20. 20. 5anni Dove siete nati? Marco G.: Oddio, io non me lo ricordo. Roberta: Io sono nata all’ospedale Santa Maria. Marco G.: Io sono nato all’ospedale di Reggio. Omar: Io sono nato all’ospedale Santa Maria. Sveva: Dalla pancia. Rocco: Siamo nati nella culla. Cecilia: Nella pancia della mamma. Aurora: Nella pancia della mamma. Emma: Sono nata nella pancia. Riccardo: Eh… nella pancia.
  21. 21. 5anni Essere “viaggiatori” non è più privilegio di pochi; viviamo in una società multietnica e spesso facciamo viaggi di lavoro o di vacanza in altre città e, a volte, in altri Paesi o nazioni. Il convivere e il relazionarci quotidianamente con persone di altre etnie e culture ci portano spesso a fantasticare su posti e luoghi vicini o lontani da dove abitiamo. Nel nostro immaginario li pensiamo belli, meno belli, meravigliosi, straordinari… ricchi di bellezze naturali o reperti storici… e con tanta curiosità e stupore ci andiamo a documentare con atlanti, mappamondi e cartine geografiche.
  22. 22. 5anni Anche nella nostra realtà di scuola dell’infanzia di Montecavolo frequentano famiglie con bambine e bambini di diverse etnie e culture; diversità che si riscontrano nel colore della pelle, nei vestiti, nelle lingue che parlano fra di loro. Queste differenze le abbiamo volute valorizzare proponendo a tutta la sezione 5 anni percorsi progettuali ricchi e stimolanti legati ad alcuni aspetti di Paesi differenti. Questa “impronta” geografica la riteniamo pedagogicamente altamente educativa e formativa; con i focus proposti abbiamo voluto far capire ai bambini i valori e l’importanza delle diversità culturali.
  23. 23. 5anni esperienze proposte - mappamondi fantastici - bandiere - scritture - atlante - fontana - mandala - musiche etniche - travestimenti
  24. 24. 5anni mappamondi fantastici
  25. 25. 5anni
  26. 26. 5anni Cos’è il mappamondo? Federico: E’ una palla con tutte le case. Marco G.: E’ una palla con tutti i Paesi. Alberto: E’ una palla dove ci sono tutte le città. Qui c’è l’Africa. Agnese: E’ una palla dove ci sono disegnati tutti i Paesi.
  27. 27. 5anni Come si chiama questa linea in mezzo al mappamondo? (e la indico) Davide B.: E’ l’aurora boreale. Marco G.: C’è il Polo sud. Alberto: Per dividere le due parti del mappamondo. Fedi: Questo rosso (ed indica delle linee rosse disegnate in mezzo all’oceano) serve per fare passare la barca.
  28. 28. 5anni Chi vive? (e indico il Polo sud) Marco G.: L’orso polare. Federico: E poi i pinguini. E questo come si chiama? (e lo indico) Marco G.: Polo nord. Chi vive? Marco G.: Babbo Natale. In coro: Babbo Natale. Cecilia: Ma noi non siamo andati al Polo nord a trovarlo. Rocco: Siamo andati al Polo sud. Federico: I pesci. Marco G.: I pinguini. Federico: E’ vero che le foche esistono e mangiano i pinguini? Davide B.: Al Polo sud c’è un animale che nessuno ha detto! E non mi ricordo… Cecilia e Aurora: I pinguini. Cecilia: Le foche, gli orsi. Rocco: I pinguini, gli orsi e le foche. Cecilia: I trichechi.
  29. 29. 5anni Cosa vuole dire che nel mappamondo ci sono tanti colori? Marco G.: Che ci sono le montagne, i mari. Roberta: L’oceano. Riccardo: Guarda qua, c’è tutta l’acqua! Guarda qua c’è il Polo nord. Rocco: Ci abita Babbo Natale al Polo Sud; guarda qua abita Babbo Natale! Cecilia: Perché quella lì e la terra e ci sono tanti colori. Aurora: Perché… perché… c’è il mondo. Rocco: Perché è un mappamondo con tutte le città, con tutte le case. Sofia: Perché è una palla che forma tutto il mondo. Marco P.: Perché è un mappamondo. Riccardo: Perché ci sono tante persone. Alberto: Non si vede l’Italia; è molto difficile da trovare. Questo che Paese è? E’ il Polo nord! Fedi: Dove vive Babbo Natale e i folletti; ho visto il film. Alberto: (toccando con due dita i due poli estremi del mappamondo) Se vive qui, non può mica vivere qui al Polo sud.
  30. 30. 5anni Alberto: Perché l’azzurro è il mare. Fedi: Perché questo è una città. Agnese: Così si capisce meglio gli stati. Cosa sono gli stati? Fedi: Una città credo. Agnese: Dei Paesi. Alberto: Umh… Indico il Polo nord e chiedo Come si chiama? Fedi: Polo “mord” e c’è troppo il ghiaccio e vive Babbo Natale e i folletti. Perché è bianco? Alberto: Perché c’è la neve. Agnese: Perché la neve è bianca.
  31. 31. 5anni Che città conoscete? Marco G.: Roma, Reggio… San Bartolomeo. Roberta: Parigi. Marco G.: Mia madre è andata sulla Torre Eiffel a Parigi. Matilde: Francia e Parigi. Elena: Io Parigi. Marco G.: Sai dove abita Jovanotti? A Parigi. Alice: Io Parigi. Che città o Paesi avete visitato? Cecilia: Io l’Italia. Non tutta l’Italia, ma un po’ l’Italia. Sveva: Eh… la Germania. Rocco: Io invece… non mi ricordo più… la Germania. Riccardo: L’Italia. Aurora: Roma. Sofia: Eh… Salvarano. Emma: La Spagna. Alberto: Ah…la Spagna.
  32. 32. 5anni Federico: Io ho visitato Roma quando ero piccolo. Agnese: Io ho visitato la Puglia e Tirano. Aurora: Io ho visitato solo l’Italia. Sofia: Io ho visitato che sono andata proprio lì; in Egitto. Omar: Io sono nato in Italia; ho visitato Francia e Cina. Cecilia: Io ho visitato l’Italia. Alice: Anche il l’Italia. Alberto: Io ho visitato la Spagna che ci sono andato. Marco G.: Io sono stato in un paese che parlavano tedesco e italiano. Rocco: Mio fratello è nato in Francia. E tu dove sei stato? (rivolto a Fedi) Fedi: Io in Tunisia. Io prima sono uscito dalla pancia della mamma e dopo sono andato in Tunisia. Una città del mondo, esperienza di costruttività con materiali di recupero
  33. 33. 5anni grafiche del mappamondo
  34. 34. 5anni
  35. 35. 5anni Sveva: Perché nella terra ci sono tutti i colori; c’è un po’ di azzurro, un po’ di mare, un po’ di verde… Emma: Perché la terra è di molti colori; c’è un po’ di giallo e un po’ di marrone.
  36. 36. 5anni i mappamondi dei bambini
  37. 37. 5anni
  38. 38. 5anni
  39. 39. 5anni bandiere
  40. 40. 5anni
  41. 41. 5anni Che cosa è la bandiera? Cecilia: La bandiera è una cosa dove ci sono le squadre: c’è una bandiera di tutti i colori. Riccardo: E’ dove fanno le città, tipo se le città d’Italia, se la città di Roma. Elena: Non lo so ancora. Alice: Non lo so neanche io. Gioacchino: Boh! Marco P. fa vedere le sue bandiere disegnate. Federico: Dove ci sono le lingue diverse. Miriam: E’ una cosa dove ci sono alcuni maschi che fanno la corsa. Si inizia e dopo tutte le macchine partono e alcuni hanno la bandiera perché io l’ho visto con la mia mamma. Riccardo: E’ una cosa che capisce quale personaggi, quali uomini che non capiscono quale città sono. Davide B.: E’ una cosa che dice le regioni e anche i Paesi e di quale Paese è quella persona. Per promuovere il Sydney International Food Festival le agenzie WHYBIN/TBWA hanno realizzato le bandiere di tutti gli stati partecipanti
  42. 42. 5anni Sveva: Ha un bastone perché è attaccata ad un'altra bandiera; una dall’altra e una dall’altra parte. Emma: La bandiera è una cosa importante. Perché? Roberta: Per riconoscere i posti. Sofia: Eh… Omar: La bandiera è una cosa bianca, rossa e verde. Rocco: Ci sono delle altre bandiere che possono essere quelle che ha Omar sulla maglia; le bandiere che ha Omar sulla maglia. E poi c’è un’altra bandiera che può essere di nero e gialla. Aurora: Eh… è una cosa che io sono stata in un Paese che non mi ricordo il nome. Com’era la bandiera? Aurora: Rossa, gialla e un altro colore. Alberto: E’ una cosa di tutti i colori. Perché? Alberto: Perché sono delle bandiere.
  43. 43. 5anni Perché ci sono le bandiere? Cecilia: Perché le bandiere sono quelle che fanno riconoscere quelli che tengono le squadre. Aurora: Non lo so. Federico: Perché così capiscono di che lingua sono. Miriam: Perché così capiscono che ci sono tante lingue: francese, Marocco… Rocco: Per me dico che le bandiere sono di tutti i colori perché sono attaccate ai camion dei soldati. E’ vero che la bandiera è attaccata al camion dei soldati? La bandiera africana. Riccardo: Boh! Ah sì, forse così le persone riconoscono le città che non sono le loro città. Marco G.: Per riconoscere le lingue. Alberto: Ci sono tutti gli stati dove ci sono le bandiere, perché… devono capire tutte le terre. Omar: Perché tutte le bandiere del mondo si attaccano nei muri e anche nell’asilo.
  44. 44. 5anni scritture
  45. 45. 5anni
  46. 46. 5anni Perché scriviamo? Davide B.: Per dare i messaggi. Cecilia: Perché possono essere delle cose importanti. Roberta: Perché c’è bisogno per passarci delle parole. Marco G.: Per dire delle cose agli amici. Federico: Perché delle volte ci piacciono delle cose che vogliamo scrivere. Alice: Perché ci piace. Davide B.: Posso dire una cosa? Perché dobbiamo imparare l’alfabeto. Emma: Per scrivere tutti i nomi, Rocco: Perché dobbiamo fare le attività da fare i disegni. Aurora: Perché ci vengono in mente delle idee. Elena: Perché facciamo tanti giochi. Rocco: Le mamme e i papà fanno dei lavori con le scritte.
  47. 47. 5anni Che scritte conoscete? Alberto: Mi è venuto in mente che un giorno la mamma mi ha insegnato il francese. Riccardo: La moldava. Matilde: Io conosco la scrittura inglese. Alberto: Poi quel giorno lì la mia mamma mi ha insegnato anche la scrittura spagnola; mi ha insegnato: LOS AMIGOS. Mi ricordo soltanto quello ma non le lettere. In Moldavia scrivono come noi? (rivolto a Riccardo) Riccardo: No, perché parlano diverso da noi: ACQUA – APA. Sveva: Conosco le scritte di… Fedi e della Matilde e anche… Matilde: Cinese. Aurora: Boh! Non lo so! I nomi della mia famiglia. Elena: Io so Simona. Intendo quelle dei Paesi! Rocco: Francia. Italia. Emma: Conosco la Francia. Come si chiama la scritta della Francia? Emma: Non lo so, perché io non l’ho mai visitata. Elena: Io conosco due Paesi: uno è Parigi. Come scrivono? Elena: Boh!
  48. 48. 5anni Come scrivono in Italia? Aurora: Bene, in italiano. Elena: Con i veri nomi come questo: Simona! Rocco: Scrivono… bene. Vuole dire che scrivono bene e fanno le scritte bene. Emma: Stanno molto attenti. Come scrivono in Francia? Rocco: Scrivono bene… molto bene. Elena: Diverso dagli italiani. Perché loro parlano un’altra lingua. Aurora: Bene, molto bene, benissimo. Emma: Molto bene. Come? Emma: Con delle strane lettere. Come scrivono in Africa, dove ha i nonni Omar? Aurora: Un po’ strano. Elena: Un po’ strano. Perché? Aurora: Perché non parlano nella stessa lingua nostra. Rocco: Bene, molto bene, però scrivono un po’ diverso da noi. Elena: Strano, perché scrivono delle strane lettere.
  49. 49. 5anni E nel Paese di Fedi? Rocco: Scrivono bene, però scrivono sempre un po’ diverso dal Paese di Omar. Perché? Rocco: Perché sono delle lettere diverse e sono molte. Elena: Scrivono… in tanti modi diversi. Quali? Elena: Tipo che sono di tutti i colori. Aurora: Parlano un po’ diverso che dal Paese di Omar. E allora come scrivono? Aurora: Scrivono… diversissimo nel Paese di Omar.
  50. 50. 5anni Di che popolo è la tua scrittura? Davide B.: Cina. Perché? Davide B.: Perché sono dei segni strani. Come scrivono in Cina? Davide B.: Mettendo dei segni curvi da tutte le parti e di tutti i colori. Perché scrivono così? Davide B.: Perché vogliono fare sentire la loro lingua diversa dalle altre. Di che popolo è la tua scrittura? Cecilia: Della Francia. Perché? Cecilia. Perché… scrivono così per fare capire che loro sono di un altro Paese. Come scrivono? Cecilia: Scrivono… come scrivono… scrivono con delle forme.
  51. 51. 5anni Di che popolo è la tua scrittura? Marco G.: Della Spagna. Perché scrivono così in Spagna? Marco G.: Per fare dei gesti. Quante lettere ci sono nell’alfabeto spagnolo? Marco G.: Per me ce ne sono venti. Le sai quali sono? Marco G.: No! Di che popolo è la tua scrittura? Omar: Giapponese. Perché hai scritto in giapponese? Omar: Perché ci sono delle persone giapponesi. Come scrivono i giapponesi? Omar: In diretta. Perché scrivono in diretta? Omar: E perché ci sono molte persone.
  52. 52. 5anni Di che popolo è la tua scrittura? Roberta: Della Francia. Perché scrivono con tanti colori? Roberta: Perché così sanno gli altri popoli che è francese. Quante lettere ha l’alfabeto francese? Roberta: Ventuno. In Italia e in Francia i popoli scrivono uguale? Roberta: No. Perchè? Roberta: Perché ogni Paese ha la sua scrittura. Di che popolo è la tua scrittura? Alberto: Questa è la moldava, poi questa americana, questa hawaiana, poi questa… dell’Africa e questa della Francia. Poi questa di… dei tedeschi, poi c’è questa che va in su è quella degli italiani, questa è… degli egiziani, poi l’ultimissima è ancora dell’America e poi c’è ancora una italiana.
  53. 53. 5anni Di che Paese è la tua scrittura? Gioacchino: Ehm…Questa è francese. Perchè è francese? Gioacchino: Perché in francese c’è anche il mare. Quelle (e indica) sono delle lettere in italiano. Come scrivono in italiano? Gioacchino: Con il pennarello sul foglio. Di che Paese è la tua scrittura? Agnese: Della Roma. Perchè è una scrittura della Roma? Agnese: Non lo so. Come scrivono a Roma? Agnese: Prendono dei colori e fanno così. (e fa vedere) Perché scrivono con i colori? Agnese: Perché così è più colorata.
  54. 54. 5anni Di che Paese è la tua scrittura? Emma: Di Omar. Perché? Emma: Perché mi piace la scrittura di Omar. E come scrive? Emma: Un po’ strano da noi. E noi come scriviamo? Emma: Noi scriviamo un po’ diverso dal Paese di Omar. Di che Paese è la tua scrittura? Sofia: I giapponesi. Perché scrivono così? Sofia: Perché li piace. Vedo due scritte diverse; questo è giapponese e quest’altro? Sofia: Quello dell’Italia. Sono diverse o uguali? Sofia: Diverse. Come scrivono in giapponese? Sofia: Si prende un pennarello e si fa così. (e si mette a scrivere)
  55. 55. 5anni Perché hai fatto una scrittura con tanti disegni? Sveva: Perché mi piace. In che Paese usano questa scrittura con tutti i disegni? Sveva: Non lo so! Si chiama… e non me l’ha detto la mamma. Matilde suggerisce Francia. Sveva: E allora si chiama francese. Di che Paese è la tua scrittura? Rocco: Di Francia e di Italia. Perché le hai fatte? Rocco: Perché mi piacciono quei nomi e quelle terre. Come scrivono? Rocco: Scrivono bene, molto bene ma un po’ straniero. Perché? Rocco: Perché scrivono diverso da noi.
  56. 56. 5anni Di che popolo è la tua scrittura? Alice: In italiano. Perché è italiano? Alice: Perché mi piace scrivere in italiano. Come si scrive in italiano? Alice; Non lo so. Cosa c’è scritto? Alice: Ti voglio tanto bene mamma Lisa e anche voglio bene anche al papà e anche alla sorella. Di che popolo è la tua scrittura? Riccardo: E’ quella italiana, moldava e francese. Perché hai fatto tre scritture? Riccardo: Perché mi piacciono. Quella moldava qual è? Riccardo: (indica quella viola) Perché è quella da femmina. Nella scrittura Moldava cosa hai scritto? Riccardo: La mamma e Pier sono amici e tutte le maestre sono gentili. Riccardo: Quelle rosse sono tutte francesi.
  57. 57. 5anni atlante
  58. 58. 5anni
  59. 59. 5anni Che cos’è l’atlante? Davide: E’ un libro che spiega il mondo. Elena: Dove ci sono tante terre. Aurora: Dove vivono tanti animali felici. Marco G.: E’ tutto il mondo. Riccardo: E’ una cosa dove vivono i pesci. Cecilia: E’ un libro che spiega tutto il mondo. E’ questo l’atlante! (e indica) Alice: E’ un libro che fanno vedere tutte le cose dove abitano gli animali e i bambini. Federico: E’ un mondo dove ci sono tutte le città, i Paesi e i cammelli, gli indiani… Roberta: E’ un grande libro dove ci sono tutti i Paesi; ci sono tutti gli animali in questi stati.
  60. 60. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Questa è dell’Inghilterra. Chi abita? Roberta: La nonna Ave. Cosa fa? Roberta: Le visite. Cosa visita? Roberta: I musei e i parchi. Che lingua parlano? Roberta: Cinese. Perché? Roberta: Perché c’è tanta gente. Come si chiama una città importante? Roberta: La Finlandia. Cosa c’è da vedere in questa città? Roberta: Colori. Di cosa? Roberta: Del Paese. E che colori sono? Roberta: Tutti i colori del mondo.
  61. 61. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Sofia: Spagna. Chi abita? Sofia: Giapponesi. Che lingua parlano? Sofia: Parlano in giapponese. Come si chiama una città importante? Sofia: Spagna. Cosa c’è da vedere in questa città? Sofia: Il museo, perché ci sono tanti dinosauri.
  62. 62. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Cina. Chi abita? Mia mamma, mio papà, mia sorella e io e poi i miei nonni. Che lingua parlano? Francese. Come si chiama una città importante? Bologna. Cosa c’è da vedere in questa città? I colori.
  63. 63. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Gioacchino: Di un Paese che ci sono tanti signori. Come si chiama? Gioacchino: Italia. Chi abita? Gioacchino: Lo squalo e la bandiera inglese. Come si chiama una città importante? Gioacchino: Si chiama: La città del Paese. Cosa c’è da vedere in questa città? Gioacchino: C’è del mare; uno squalo e basta.
  64. 64. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Fedi: E’ d’Italia. Chi abita? Fedi: Tutte persone. Anche una piscina e il mare. Che lingua parlano? Fedi: Non lo so. Come si chiama una città importante? Fedi: Italia. Cosa c’è da vedere in questa città? Fedi: Un giardino di fiori.
  65. 65. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Federico: La bandiera di tutti i colori; la bandiera delle due stelle della Germania. Chi abita? Federico: Tanti uomini che parlano tante lingue diverse. Cosa c’è da vedere in questa città? Federico: Una bella città di questo Paese è un palazzo perché ci sono tanti servitori che ti danno da mangiare.
  66. 66. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Emma: E’ la bandiera inglese. Chi abita? Emma: Il mio gatto, proprio il mio gatto perché è birichino e monello. Che lingua parlano? Emma: Inglese. Come si chiama una città importante? Emma: Non mi ricordo. Cosa c’è da vedere in questa città? Emma: Potete vedere la mia casa dentro. C’è un pianoforte con sopra gli strumenti: pifferi e un flauto di papà.
  67. 67. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Alice: Italia. Chi abita? Alice: La Giorgia, mia madre, mio papà ed io. Che lingua parlano? Alice: Inglese. Come si chiama una città importante? Alice: Montecavolo. Cosa c’è da vedere in questa città? Alice: I fiori.
  68. 68. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Elena: New York City. Chi abita? Elena: Ci abita tante persone: mia madre, mio padre e anche mia zia. Che lingua parlano? Elena: Italiano. Come si chiama una città importante? Elena: Reggio Emilia. Cosa c’è da vedere in questa città? Elena: Una stella caduta dal cielo.
  69. 69. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Riccardo: Francia. Chi abita? Riccardo: Ci abita tutti i miei amici: Marco, Cecilia, Alice, Elena, poi la mamma, il papà e mia sorella. Che lingua parlano? Riccardo: Inglese. Come si chiama una città importante? Riccardo. Moldavia. Cosa c’è da vedere in questa città? Riccardo: Ci sono le gare da vincere.
  70. 70. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Marco G.: Italia. Chi abita? Marco G.: Io, la mamma, papà, mia sorella e la nonna. Che lingua parlano? Marco G.: Italiano. Come si chiama una città importante? Marco G.: Reggio. Cosa c’è da vedere in questa città? Marco G.: La statua della libertà.
  71. 71. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Alberto: America. Chi abita? Alberto: Mio cugino. Che lingua parlano? Alberto: Spagnolo. Come si chiama una città importante? Alberto: Bormio. Cosa c’è da vedere in questa città? Alberto: Un palazzo, perché è bello, perché ci sono dei quadri. Come si chiama? Alberto: Empire.
  72. 72. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Matilde. Francia. Chi abita? Matilde: Abita… Carine e la sua mamma. Carine è un’amica di mia mamma. Che lingua parlano? Matilde: Eh… francese. Come si chiama una città importante? Matilde: La città delle persone. Perché ci sono tante persone? Matilde: Perché è molto grande quella città. Cosa c’è da vedere in questa città? Matilde: Eh… la torre di Parigi.
  73. 73. 5anni Di che Paese è la tua bandiera? Aurora: Italia. Chi abita? Aurora: Mia sorella. Che lingua parlano? Aurora: Come noi. E noi che lingua parliamo? Aurora: In italiano. Come si chiama una città importante? Aurora: Roma. Cosa c’è da vedere in questa città? Aurora: Una casa gigante. Chi ci abita? Aurora: Mia madre, mia sorella ed io e mio papà.
  74. 74. 5anni fontana acqua nel mondo
  75. 75. 5anni Sono state proposte l’acqua e la fontana contemporaneamente alla progettualità della sezione riguardante la visita e le successive esperienze del distributore di Montecavolo davanti alla scuola primaria.
  76. 76. 5anni Cos’è l’acqua? Federico: E’ una cosa molto preziosa. Sofia: E’ quando si fa il bagnetto. Omar: Eh… è una cosa che si beve. Marco P.: E’ una cosa che si beve. Agnese: E’ una cosa dove ci vivono i pesci. Aurora: Dove ci vivono anche gli squali. Rocco: E’ una cosa che si usa a bere e per innaffiare i fiori e fare tante cose. L’acqua fa bene anche al mare. Fedi: L’acqua serve per possiamo pulire le mani e dopo fare anche il bagno. Alice: E la doccia. Marco G.: L’acqua si usa per cucinare delle cose e per fare i gavettoni.
  77. 77. 5anni Alberto: Con l’acqua si può giocare a spruzzarsi. Cecilia: L’acqua serve per fare il bagno, per innaffiare i fiori… Alice: Per fare la doccia, per bagnare i fiori, per bere. Rocco: E’ destinata anche per stirare. Davide: E’ un liquido bagnato. Emma: L’acqua quando piove viene giù anche al mare quindi si riempie e diventa acqua. Elena: L’acqua … con l’acqua si può bere, si può lavare le mani e poi si può andare al mare bagnarsi tutti i capelli. Matilde: Vengono i nuvoli e dopo goccia dopo goccia è l’acqua. .
  78. 78. 5anni Ci sono Paesi nel mondo che conoscete che hanno tanta acqua e altri Paesi che ne hanno poca? Federico: Nel deserto. Cosa c’è? Federico: Un pochino di acqua minuscola. Aurora: L’Italia. C’è tanta acqua! Perché c’è tanta acqua? Aurora: Perché… c’è il mare. Agnese: L’Africa ce ne ha poca! Vero Omar? Perché? Agnese: Perché non c’è il mare. Omar: La Cina ha troppo acqua. La Francia ha poca acqua. Perché? Omar: Perché alcune acque esistono meno grandi.
  79. 79. 5anni Cosa c’era nelle piazze delle città o dei Paesi che avete visitato che faceva uscire l’acqua? Cecilia: I rubinetti. Marco G.: Delle fontane. Rocco: Invece l’acqua delle fontane viene dall’acquedotto. Fedi: Invece viene dal fiume. Se le avete viste, perché le hanno messe? Sofia: Perché così i bambini ci possono giocare. Aurora: Non mi viene in mente. Agnese: Perché si può bere; così si può bere. Federico: Perché così i bambini ci possono giocare. Omar: Perché c’è tanta acqua.
  80. 80. 5anni
  81. 81. 5anni
  82. 82. 5anni grafiche di fontane
  83. 83. 5anni realizzazione di una fontana con materiali di recupero
  84. 84. 5anni
  85. 85. 5anni
  86. 86. 5anni Alcuni elementi caratterizzanti altre culture offerti e proposti ai bambini: - mandala - musica celtica - travestimenti
  87. 87. 5anni mandala
  88. 88. 5anni Joy McKenzie - Viola Viole del pensiero
  89. 89. 5anni La parola mandala significa cerchio nelle culture antiche come in quelle contemporanee Colorare dei mandala o realizzarli con materiali vari di recupero ha permesso ai bambini di esprimere creatività sconosciute in quanto utilizzano materiali, cromatismi… in successioni logiche alternate per forme, colori, grandezze, proprietà plastiche…
  90. 90. 5anni
  91. 91. 5anni
  92. 92. 5anni musiche etniche
  93. 93. 5anni
  94. 94. 5anni girotondi e danze accompagnate da musiche celtiche
  95. 95. 5anni travestimenti
  96. 96. 5anni
  97. 97. 5anni Sono uguali le persone? Riccardo: No. Perché? Riccardo: Perché le persone si travestono non uguali. … con i travestimenti della sezione
  98. 98. 5anni …Una società che non accoglie è una società che crede non aver bisogno di imparare da chi si esprime con altri linguaggi e porta con sé una diversa cultura, magari antichissima, diverse tradizioni, riti, credenze. Il rispetto delle diversità, è una esigenza più che mai attuale: in un mondo caratterizzato da fenomeni di globalizzazione, dall’incontro di popoli e culture, la nostra società è destinata a diventare multirazziale. Sta a noi trasformare questo incontro in un’opportunità di scambio, condivisione e crescita, senza che questo significhi per nessuna delle parti rinunciare alla propria identità… Da: Gillo Dorfles, Cristina Dalla Costa, Marcello Ragazzi, Nel segno di molte culture, Il fascino della diversità, pag. 296 in Immagini d’arte, Edizioni Atlas,
  99. 99. 5annisettembre 2012 giugno 2013

×