Successfully reported this slideshow.
Your SlideShare is downloading. ×

Ransomware doppia estorsione

Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Ad
Cos’è Il Ransomware A Doppia
Estorsione, Come Evitarlo E Quali Sono I
Rischi?
Scopri cos’è il ransomware a doppia estorsio...
Cos’è la doppia estorsione?
La doppia estorsione è una forma di estorsione in cui la vittima è
costretta a pagare due volt...
Il ransomware a doppia estorsione può anche essere definito
ransomware “double-dip”.
Doppia estorsione significato
Nell’av...
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Loading in …3
×

Check these out next

1 of 26 Ad

Ransomware doppia estorsione

Download to read offline

La doppia estorsione è una forma di estorsione in cui la vittima è costretta a pagare due volte l'autore del reato.
Pertanto, il ransomware a doppia estorsione funziona chiedendo due volte il pagamento del riscatto alla vittima.

La doppia estorsione è una forma di estorsione in cui la vittima è costretta a pagare due volte l'autore del reato.
Pertanto, il ransomware a doppia estorsione funziona chiedendo due volte il pagamento del riscatto alla vittima.

Advertisement
Advertisement

More Related Content

More from HelpRansomware (20)

Recently uploaded (20)

Advertisement

Ransomware doppia estorsione

  1. 1. Cos’è Il Ransomware A Doppia Estorsione, Come Evitarlo E Quali Sono I Rischi? Scopri cos’è il ransomware a doppia estorsione, come evitarlo e quali sono i rischi. Vedrai come funziona e quali sono le principali famiglie.
  2. 2. Cos’è la doppia estorsione? La doppia estorsione è una forma di estorsione in cui la vittima è costretta a pagare due volte l'autore del reato. Pertanto, il ransomware a doppia estorsione funziona chiedendo due volte il pagamento del riscatto alla vittima. La prima volta il malware entra nel tuo dispositivo e cripta tutti i file e i dati che trova e chiede un pagamento in cambio della chiave di decrittazione. Successivamente, gli hacker minacciano la vittima di pubblicare le informazioni rubate sul web. Per evitare che questo avvenga, ti chiedono un altro pagamento. Secondo il sondaggio condotto da Sophos, il riscatto medio pagato è quasi quintuplicato rispetto all’anno precedente, arrivando a 812.360 dollari.
  3. 3. Il ransomware a doppia estorsione può anche essere definito ransomware “double-dip”. Doppia estorsione significato Nell’avviso promulgato a fine 2021 dalla FinCEN, l’organizzazione statunitense contro i reati finanziari, si legge che stanno aumentando i crimini informatici con doppia estorsione. Qui si spiega come si svolgono questi attacchi: “Implicano la rimozione di dati sensibili dalle reti prese di mira e la crittografia dei file di sistema e la richiesta di riscatto. I criminali informatici minacciano quindi di pubblicare o vendere i dati rubati se la vittima non paga il riscatto. Sono emersi anche altri schemi di estorsione in base ai quali i criminali informatici utilizzano la violazione del sistema per prendere di mira ulteriori parti correlate alla vittima iniziale, come i partner commerciali o i clienti della vittima, nel tentativo di identificare obiettivi successivi.” In entrambi i casi, la doppia estorsione prevede una doppia richiesta di ricatto da parte dei criminali informatici. Origini del ransomware a doppia estorsione Si può dire che le origini del ransomware a doppia estorsione siano da ricondurre alle origini degli attacchi ransomware. Il motivo per cui gli esperti di HelpRansomware ripetono costantemente di non pagare il riscatto è perché una volta inviato il denaro ai criminali non si ha la certezza della restituzione dei dati.
  4. 4. In qualunque momento i criminali informatici possono tornare dalla vittima e fare ulteriori minacce. Tuttavia, negli ultimi anni si è rilevato un forte incremento in questo tipo di estorsione. Questo si deve a una serie di fattori, in primo luogo l’aumento del telelavoro e la digitalizzazione di molte infrastrutture, come quella sanitaria. Secondo le stime di Cipher Trace, i ransomware a doppia estorsione sono aumentati del +500% nel 2021. Quando è iniziata la doppia estorsione? La tecnica del ransomware a doppia estorsione è in circolazione dal 2013, ma è tornata con forza sulle scene nel 2019.
  5. 5. Quell’anno, infatti, un'organizzazione criminale chiamata TA2101 ha utilizzato il ransomware Maze per realizzare un attacco a doppia estorsione. L’agenzia Bleeping Computer viene informata di un attacco tramite una mail firmata “Maze Crew”. La vittima di questo attacco fu Allied Universal, un grande fornitore americano di sistemi e servizi di sicurezza. Il gruppo TA2101, invece di procedere soltanto con la normale crittografia dei dati tramite ransomware, li ha esportati e ha minacciato l’azienda di pubblicarli online. La condizione per non rendere pubblici i dati era il pagamento di un riscatto di 2,3 milioni di dollari in bitcoin. Come funziona il ransomware a doppia estorsione? Un attacco ransomware a doppia estorsione è simile ai cosiddetti Advanced Persistent Threat (APT). Come riportato dal NIST (National Institute of Standards and Security), questi attacchi sono: “Consentono attraverso l'uso di molteplici vettori di attacco diversi (es. cyber, fisico e inganno), di generare opportunità per raggiungere i suoi obiettivi. Questi, di solito, consistono nello stabilire ed estendere la sua presenza all'interno delle infrastrutture informatiche delle organizzazioni allo scopo di esfiltrare continuamente informazioni e/o minare o ostacolare
  6. 6. aspetti critici di una missione, programma o organizzazione, o mettersi nella posizione di farlo in futuro.” La stessa strategia è utilizzata dai ransomware a doppia estorsione, in modo tale che gli hacker possano entrare e sfruttare i dati della vittima in maniera ripetuta. Rimuovere ransomware di questo tipo è più difficile. Infatti, un attacco a doppia estorsione si compone di una serie di azioni che sono in parte manuali (che dipendono dall’utente) e in parte automatizzati. Le fasi dell’estorsione del ransomware Le fasi che compongono l'estorsione di un attacco ransomware sono le seguenti: ● Il ransomware viene introdotto nel sistema tramite una vulnerabilità di sicurezza, una mail di phishing o un download drive-by; ● Una volta che il malware è installato sul sistema, esegue la scansione e mappa tutti i file e le cartelle sul dispositivo; ● Crittografa questi file con un algoritmo di crittografia avanzato e aggiunge l’estensione .encrypted a ciascun file; ● Nello stesso momento, tutti i file vengono esportati e l’hacker ne fa una copia; ● La vittima riceve un avviso dal ransomware che i suoi file sono stati crittografati e non sarà in grado di decrittografarli senza pagare un riscatto;
  7. 7. ● Nel caso di mancato pagamento, gli hacker minacciano di pubblicare i dati online. Tuttavia, il pagamento del riscatto non assicura la restituzione dei dati. Se sei vittima di un attacco ransomware, contatta immediatamente un’azienda specializzata nella rimozione dei ransomware e nel recupero dati come HelpRansomware. Single extortion Un attacco ransomware a singola estorsione prevede che i dati della vittima vengano criptati. Gli attacchi ransomware tradizionali si basano sul presupposto che una volta che la vittima paga il riscatto, riacquisterà l'accesso ai propri dati e ai sistemi che li ospitano. Questi attacchi prendono di mira i dati critici necessari per le attività quotidiane, nonché altri obiettivi digitali che possono distruggere la funzionalità di interi server o reti. Secondo il report pubblicato da Veeam, l’80% degli aggressori cerca sistemi tradizionali con vulnerabilità note.
  8. 8. Tra questi si includono sistemi operativi e hypervisor comuni, nonché piattaforme NAS e server di database. Cos’è il ransomware a doppia estorsione? Il ransomware a doppia estorsione costituisce una parte del più complesso mondo dei Ransomware as a Service (RaaS). Questa tipologia di ransomware prevede tecniche di intrusioni che vanno dall’automatizzato al manuale, richiedendo l’azione della futura vittima, come nel caso del doxing. L’aumento esponenziale rappresenta un forte rischio per le aziende, che si vedono messe a rischio sia sul fronte dei profitti sia su quello del furto di informazioni. Come dimostrano i trend elaborati da SonicWall, il 2021 ha registrato un aumento del +105% di attacchi ransomware.
  9. 9. Si tratta di un totale di 623.3 milioni di attacchi. La situazione di instabilità a livello europeo causata dal conflitto russo fa prevedere crescite esponenziali anche per il 2022. Triple extortion ransomware Il ransomware a tripla estorsione rappresenta un’evoluzione rispetto al ransomware a doppia estorsione. Questo tipo di minaccia riprende le tecniche dell’attacco tradizionale, in cui l’hacker chiede un riscatto all’azienda in cambio di decriptare file ransomware con una chiave di decrittazione. A ciò si somma la minaccia di diffondere i dati e le informazioni sensibili. Nella tipologia della tripla estorsione, si aggiunge la possibilità di sferrare un attacco DDoS (Distributed Denial of Service). Il susseguirsi di queste pressioni fa in modo che la vittima si senta sempre più costretta a pagare il riscatto.
  10. 10. L’esempio più eclatante di ransomware a tripla estorsione è quello contro Vastaamo, la più grande rete di fornitori privati di salute mentale in Finlandia. Come riportato dall’Helsinki Times, l’attacco scosse tutta la nazione: 25.000 pazienti denunciarono di aver ricevuto mail di ricatto. Estorsioni quadruple Gli attacchi ransomware possono arrivare a sferrare fino a quattro estorsioni. In questi casi, l’attacco si compone di quattro ricatti: ● Crittografia di tutti i file sul dispositivo: gli hacker chiedono un riscatto per la chiave di decrittazione che serve per aprire file criptati; ● Minaccia di diffusione dei dati online in caso non venga pagato il riscatto; ● Attacchi DoS o DDoS, per bloccare i siti web della vittima; ● Contatto con clienti, provider di servizi o media: gli hacker contattano la stampa o direttamente i clienti dell’azienda, minacciandoli di pubblicare i loro dati. È sempre più frequente che i criminali informatici facciano leva su tutte e quattro le tecniche per guadagnare di più. Secondo quanto riportato da Acronis, i danni causati dai ransomware nel 2023 possono arrivare a 30 miliardi di dollari.
  11. 11. Qual è la differenza tra ransomware ed estorsione? L’estorsione si può considerare come un’evoluzione del ransomware. Mentre il ransomware nasce come un malware per crittografare i file di un dispositivo per poi chiedere un riscatto, l’estorsione aggiunge la minaccia di diffusione dei dati online. Gli hacker che attaccano con ransomware a doppia, tripla o quadrupla estorsione, aumentano i livelli di minaccia della loro azione. Questo rende più complicato rimuovere ransomware e decriptare file senza l’aiuto di specialisti. Sia il ransomware che l'estorsione, però, accedono al computer o dispositivo della vittima per esfiltrare e bloccare tutti i file. Mentre i ransomware attaccano molti PC personali, gli attacchi di estorsione si dirigono principalmente alle reti aziendali. La ragione è semplice: la quantità di dati, e quindi di profitto, è maggiore.
  12. 12. Inoltre, mentre il ransomware crittografa automaticamente tutti i file del dispositivo, l’attacco di estorsione cifra in maniera selettiva le risorse. Gli attacchi ransomware a doppia estorsione includono anche tecniche più avanzate di anti-recupero dei file. Attacchi ransomware a doppia estorsione Gli attacchi ransomware a doppia estorsione sono una modalità di attacco che tenta di estorcere denaro alla vittima due volte. Di solito iniziano crittografando i dati della vittima e chiedendo un riscatto per la chiave di decrittazione. Se la vittima paga, spesso si ritroverà incapace di decrittare i propri dati perché non c'è la chiave. Nel caso in cui la vittima si rifiuta di pagare, l’hacker invierà un altro messaggio con una nuova richiesta di riscatto e un limite di tempo per il pagamento. Il ransomware a doppia estorsione è un tipo di ransomware relativamente nuovo di ransomware. Questa tipologia di attacco ha molto successo anche perché agisce con relativa calma e la vittima non si rende conto di essere stata attaccata fino alla richiesta di riscatto. L'evoluzione del ransomware a doppia estorsione Negli ultimi dodici mesi si è assistito a un drammatico aumento degli attacchi ransomware a doppia estorsione.
  13. 13. La ragione principale è che le aziende hanno dovuto far fronte ad un indebolimento dei sistemi dovuto allo smart working. Secondo i dati riportati dal Governo britannico, per esempio, il 39% delle aziende del Paese ha dovuto far fronte ad un data breach. Il 21% delle aziende, inoltre, riconosce che si sia trattato di un attacco più sofisticato, come DoS. L'evoluzione degli attacchi ransomware continua a muoversi in direzione di un maggiore guadagno per gli hacker. I criminali hanno trovato un'altra strada per l'estorsione e le organizzazioni devono essere preparate a superare questa nuova minaccia. Con questa tattica, infatti, non è più sufficiente avere un backup dei dati per il loro ripristino.
  14. 14. Tipi di ransomware I ransomware sono in continua evoluzione e proprio per questo rappresentano una minaccia costante. Considera che non tutti hanno degli strumenti decrittazione ransomware che si possono utilizzare per recuperare i file criptati. Di seguito si riportano le famiglie di ransomware più comuni e redditizie per i criminali informatici. Revil Revil è conosciuto anche come ransomware Sodinokibi, un tipo di ransomware che crittografa i file sul computer della vittima e chiede un riscatto per la chiave di decrittazione. La richiesta di riscatto includerà istruzioni su come pagare il riscatto e anche collegamenti a siti Tor in cui le vittime possono acquistare Bitcoin. Secondo il rapporto di IBM, il ransomware Revil è stato responsabile del 37% degli attacchi ransomware del 2021.
  15. 15. Revil ransomware è degno di nota perché crittografa i file sul computer della vittima anziché bloccarli semplicemente con una password. Inoltre, per entrare nel dispositivo della vittima si avvale di sistemi automatizzati che non hanno bisogno dell’interazione dell'utente. Il ransomware prende spesso di mira i sistemi Microsoft Windows, ma crittografa anche i file su macchine Apple OSX e Linux. Utilizza la crittografia AES-256 per impostazione predefinita, ma la vittima può scegliere di utilizzare invece lo scambio di chiavi RSA o Diffie-Hellman. Wannacry WannaCry è un malware che blocca i dati memorizzati su un computer e chiede un riscatto per decriptare file ransomware. Si tratta di uno degli attacchi più imponenti della storia, sferrato a partire dal maggio 2017.
  16. 16. Il ransomware Wannacry non si definisce come un virus perché non si replica, ma è un cyberworm perché si propaga infettando i computer presenti in rete. Cryptolocker Anche Cryptolocker crittografa i file dell'utente e quindi richiede il pagamento per decrittografarli. Il ransomware Cryptolocker è stato scoperto per la prima volta a settembre 2013. I creatori di questo malware hanno sviluppato diverse versioni del software che sono state rilasciate al pubblico. I creatori di questo malware in genere richiedono il pagamento in Bitcoin difficile da rintracciare perché non richiede alcuna identificazione o verifica per le transazioni. Petya Petya è un ransomware rilevato per la prima volta nel 2016 e si ritiene che sia una variante del ransomware WannaCry.
  17. 17. La vulnerabilità è stata scoperta dal ricercatore britannico Marcus Hutchins, a cui è stato attribuito il merito di aver fermato la diffusione dell'exploit WannaCry. Il ransomware si diffonde attraverso un worm che scansiona grandi reti collegate a Internet alla ricerca di macchine vulnerabili. Una volta trovate, sfrutta le vulnerabilità di Windows, inclusa una vulnerabilità in SMB Server per la quale Microsoft ha rilasciato una correzione all'inizio di quest'anno. Ryuk Ryuk ransomware crittografa i dati utilizzando l'algoritmo AES-256 con una chiave generata da un generatore di numeri casuali (RNG). Elimina anche le copie shadow dalla macchina, in modo che anche se qualcuno ha un vecchio backup dei propri file, non sarà in grado di recuperarli senza pagarlo.
  18. 18. Ryuk prende di mira tipi di file specifici come .docx, .pdf, .xlsx, .pptx, ecc., il che rende più difficile il recupero dei dati senza pagare un riscatto. È stato visto per la prima volta nell’agosto 2018, ma è già stato responsabile di attacchi a istituzioni pubbliche, università e agenzie governative. Locky Locky esiste dal 2016 ed è ancora utilizzato per estorcere denaro a persone di tutto il mondo. Non interessa solo un'area in particolare, ma colpisce tutti coloro che dispongono di una connessione Internet, il che significa che non ci sono limiti per questo ransomware. Secondo quanto riportato da Smart Data Collective, all’inizio questo ransomware infettava 90.000 dispositivi al giorno.
  19. 19. Locky in genere si diffonde tramite allegati e-mail o collegamenti su piattaforme di social media come Facebook, Twitter e LinkedIn. Ransomware Conti doppia estorsione Conti è un ransomware scoperto per la prima volta nel novembre 2017. Molto probabilmente è stato sviluppato da un gruppo di hacker di lingua russa. Il malware crittografa i dati sul disco rigido della vittima e richiede un riscatto per decrittografarli. In alcuni casi, Conti ransomware blocca i file e li elimina anche senza chiedere il pagamento. Questo ransomware è stato responsabile dell’attacco al governo del Costa Rica. Principali famiglie di ransomware con doppia estorsione Il punto di svolta degli attacchi ransomware a doppia estorsione si ha nel 2019, ad opera del gruppo Maze. Questo ransomware può essere eseguito su qualsiasi sistema operativo Windows e crittografa tutti i tipi di file, inclusi immagini, video e documenti. Maze utilizza la crittografia AES per bloccare i file dell'utente e richiede il pagamento in Bitcoin; successivamente minaccia con la diffusione dei dati online.
  20. 20. A partire dall’esempio di Maze, le famiglie di ransomware a doppia estorsione sono aumentate. Ecco alcune: ● DarkSide: come riportato nell’analisi di BrandDefense, questo ransomware ha raccolto 90 milioni di dollari tra ottobre 2020 e maggio 2021; ● Egregor: a questo ransomware sono stati attribuiti oltre 150 attacchi; ● DoppelPaymer, della famiglia BitPaymer: responsabile dell’attacco alla compagnia petrolifera statale messicana Pemex che, come riportato da Reuters, è costato all'azienda 5 milioni di dollari; Ovviamente queste sono solo alcune delle famiglie più comune, ma l’evoluzione è costante.
  21. 21. Esempi recenti di alto profilo Uno dei casi più eclatanti di attacco ransomware a doppia estorsione risale al maggio 2021. Come si legge nel comunicato stampa dell’Ufficio per la sicurezza informatica, la sicurezza energetica e la risposta alle emergenze degli Stati Uniti: “Il 7 maggio 2021, la Colonial Pipeline Company ha chiuso in modo proattivo il suo sistema di gasdotti in risposta a un attacco ransomware.” L’attacco ha interessato il maggior fornitore di benzina e carburante per aerei della costa orientale statunitense. Gli hacker erano del gruppo DarkSide e hanno rubato 100GB chiedendo un riscatto di circa 5 milioni di dollari in Bitcoin per ripristinare file criptati. Come riportato dall’articolo di Reuters, infatti, l’amministratore delegato di Colonial Pipeline Joseph Blount ha dichiarato che gli hacker sono entrati nel sistema dell’azienda grazie a un VPN che prevedeva solo l’autenticazione a fattore singolo. Tra le aziende colpite da ransomware c’è anche JBS SA, la più grande azienda di lavorazione di carne del mondo. Secondo la BBC, l’impresa brasiliana ha pagato un riscatto di 11 milioni di dollari per recuperare i dati rubati durante un attacco del ransomware Conti. L’azienda ha affermato di aver pagato il riscatto per proteggere i clienti che erano stati minacciati.
  22. 22. Perché si verifica la doppia estorsione? La doppia estorsione costituisce un’evoluzione rispetto al normale ransomware. Questa tattica permette ai criminali informatici di guadagnare il doppio da ogni attacco informatico rendendo più difficile recuperare file crittografati. I bersagli preferiti dei ransomware a doppia estorsione sono le grandi aziende o tutte le istituzioni che lavorano con informazioni sensibili, come quelle sanitarie e legali. Ci sono molte ragioni per cui ciò accade: ● La vittima paga il primo riscatto e non denuncia l’attacco; ● Dopo aver pagato il primo riscatto, la vittima contatta le forze dell’ordine ma il processo di recupero dei file è lungo e difficile; ● Le minacce continuano e la vittima cede al pagamento del riscatto perché, come nel caso degli ospedali, ha bisogno di accedere alle informazioni. Questo atteggiamento rende la vittima un bersaglio vulnerabile. La cosa migliore in caso sei stato vittima di un attacco ransomware a doppia estorsione, è rivolgerti ad un’azienda specializzata come HelpRansomware. I servizi offerti da HelpRansomware includono l'eliminazione del ransomware, la decrittazione dei file e il ripristino del sistema.
  23. 23. Quali sono i rischi di un ransomware a doppia estorsione? Il primo rischio del ransomware a doppia estorsione è che blocca l'accesso ai tuoi dati e file. Questo è un problema soprattutto nel caso di quelle aziende che lavorano attraverso la rete internet e maneggiando molti dati sensibili di clienti o fornitori. A ciò si collega il fatto che un’azienda potrebbe vedersi interrotto il flusso di lavoro, registrando grandi perdite. Il costo di un attacco informatico negli Stati Uniti, è passato da 8.64 milioni del 2020 a 9.44 milioni del 2022, secondo Statista. Il secondo rischio è che dopo il ransomware attack gli hacker non ti restituiscano i file decriptati ma, al contrario, li diffondano sul web. Non pensare che per evitare questo sia sufficiente pagare il riscatto.
  24. 24. Anzi, se paghi il riscatto ti mostri come una potenziale vittima da attaccare in futuro. La diffusione online dei dati sensibili della tua organizzazione o dei tuoi clienti o fornitori può comportare grandi problemi. A parte la perdita di credibilità e il danno causato all’immagine online, il costo per la tua azienda sarà molto alto anche per la gestione delle relazioni con i clienti. Come evitare il ransomware a doppia estorsione? Per evitare di essere vittima di un attacco ransomware a doppia estorsione puoi seguire questi suggerimenti: ● Assicurarti che sul tuo computer sia installato e aggiornato un software anti-ransomware; ● Non visitare siti Web non protetti; ● Esegui regolarmente scansioni antivirus; ● Esegui il backup dei dati su un disco rigido esterno o su un archivio cloud; ● Mantieni aggiornato il sistema operativo. Inoltre, è fondamentale prestare molta attenzione anche alle mail, perchè il phishing resta uno dei modi più comuni per infettare un dispositivo. Proteggersi dagli attacchi a doppia estorsione Per proteggersi dal ransomware a doppia estorsione non è sufficiente avere un backup dei dati.
  25. 25. Avere un backup, infatti, ti protegge solo dalla prima estorsione, ma non dalla possibilità di diffusione dei tuoi dati nel web. Sicuramente la cosa migliore da fare è avere il tuo software antivirus e il sistema operativo sempre aggiornati. Le aziende dovrebbero sempre utilizzare un approccio Zero Trust che, come illustrato da Microsoft, permette di mitigare i rischi. Inoltre, le aziende devono includere diverse linee di difesa che servano a bloccare la crittografia illegittima, come l’autenticazione a più fattori. Conclusioni In questo testo ti abbiamo mostrato tutto quello che c’è da sapere sul ransomware a doppia estorsione, come evitarlo e proteggere i tuoi dati. Di seguito puoi leggere le conclusioni che si possono trarre da questo articolo: ● Il ransomware a doppia estorsione funziona chiedendo due volte il pagamento del riscatto alla vittima; ● Il pericolo di questo tipo di attacco è che gli hackers diffondano in rete i dati rubati dal tuo dispositivo anche dopo il pagamento del riscatto; ● Nel 2022, il riscatto medio pagato è quasi quintuplicato rispetto all’anno precedente, arrivando a 812.360 dollari; ● I ransomware a doppia estorsione sono aumentati del +500% nel 2021; ● Il ransomware a doppia estorsione costituisce una parte del più complesso mondo dei Ransomware as a Service (RaaS);
  26. 26. ● Nella tipologia della tripla estorsione, si aggiunge la possibilità di sferrare un attacco DDoS; nella quadrupla estorsione si procede a contattare i clienti o i provider di servizi per estendere la minaccia; ● I danni causati dai ransomware nel 2023 possono arrivare a 30 miliardi di dollari; ● Il primo attacco ransomware a doppia estorsione risale al 2013, ad opera del gruppo Maze. Un ransomware a doppia estorsione richiede l’intervento di un team di specialisti come quelli di HelpRansomware. HelpRansomware può aiutarti a bloccare il ransomware e a ripristinare i tuoi dati.

×