Successfully reported this slideshow.
We use your LinkedIn profile and activity data to personalize ads and to show you more relevant ads. You can change your ad preferences anytime.

L'arte romanica

2,820 views

Published on

  • Be the first to comment

L'arte romanica

  1. 1. ROMANICOROMANICO
  2. 2.  Trova le proprie radici nelle nuove condizionisocio-economiche dell’Europa, al progredire delsistema Feudale in quello Comunale e alla riformadegli ordini religiosi Richiamo alla tradizione classica romana Materiali, tecniche e caratteristiche diverse aseconda dell’area geografica Corrispondenza del costruito all’ambiente naturale Rinnovamento delle tecniche costruttive Forme poderose e robuste Circolazione delle maestranzeIl termine“Romanico” fuconiato agli inizidell’800 damedioevalistifrancesi per definirel’arte dell’XI e XIIsec., che per moltiaspetti faceva ancorariferimento all’arteromana e che simetteva in relazionecon la lingua e laletteratura romanzeROMANICO: COSA E QUANDOProduzione artistica sviluppatasi tra l’ XI e il XIIsec., con caratteri riconoscibili e simili inarchitettura, pittura e sculturaROMANICO : DOVEIn un’ampia area geografica cha va dalla Spagna allaFrancia, dall’Italia alla Germania, dall’Inghilterraalla ScandinaviaROMANICO : CARATTERISTICHE
  3. 3. I LINGUAGGIDELL’ARTEARCHITETTURAARTEROMANICA L’architettura è il linguaggio artistico chemaggiormente si sviluppa nel periodo Romanico, lapittura e la scultura servivano per il suocompletamento Lo sviluppo dell’architettura è strettamenteconnesso al rifiorire delle città e al fermento religiosoche interessò il Basso Medioevo. Nelle città e nei borghi sorgevano edifici civili ereligiosi, mentre le campagne si arricchivano diabbazie e pievi. Si riprendono le tecniche costruttive del passato masi sviluppano con originalità per renderle funzionalialla costruzione di edifici grandiosi. Gli edifici in cui si evidenzia maggiormente l’abilitàe l’inventiva di architetti e maestranze romanichesono gli edifici religiosi (chiese, cattedrali, abbazie) I committenti di queste nuove costruzioni eranosolitamente autorità ecclesiastiche coadiuvate nobili eborghesi. Che non poteva intervenire economicamentecollaborava con la manovalanza. Cattedrali, Chiese, Monasteri, Abbazie ……
  4. 4.  Centro della vitacittadina Struttura complessasia in pianta che inalzato (articolazione indiversi livelli: cripta,navate, presbiterio) Pianta a croce latinacon tre navate divise dapilastri a fascio uniti daarchi a tutto sesto esormontati da capitellidecorati con sculture Copertura con volte acrociera rinforzate dacostoloni (lo spaziocoperto da ogni volta èchiamato campata) All’incrocio tra navatee transetto si eleva iltiburio sul quale poggiala cupola.CHIESE ECATTEDRALI
  5. 5. CHIESE E CATTEDRALI IN EUROPA E IN ITALIA Alcune costruzioni come Saint-Etienne in Normandia, la cattedrale diDurham in Inghilterra e quella di spira in Germania rappresentano dei modellidi costruzione tipicamente romanico. In esse infatti si concretizzano lesoluzioni strutturali più avanzate, gli impianti planimetrici più complessi eproporzioni veramente grandiose In Italia l’architettura Romanica si presenta con varie tipologiearchitettoniche (piante, facciate decorazioni) a causa delle diverse culture edell’utilizzo di materiali da costruzione locali diversi da regione a regione. Italia Settentrionale: presenta un carattere unitario influenzato dallesoluzioni provenienti dall’Europa. Esempi: Sant’Ambrogio a Milano, SanMarco a Venezia, Duomo di Modena.
  6. 6.  Italia Centrale: Gli esempi più interessanti li troviamo a Pisa nel campodei Miracoli, e a Firenze con il Battistero e San Miniato al Monte Italia Meridionale: si fondono diversi influssi e tendenze. Componentipisane, lombarde e transalpine si fondono con motivi di derivazionebizantina e araba. Cattedrale di Trani, Duomo di Amalfi, Duomo diMonreale.
  7. 7.  Edificata su unapreesistente basilicapaleocristiana devel’aspetto attuale a unaserie di interventisuccessivi terminati nelXII sec._1_Pianta longitudinalesenza transetto, presentatre navate chiuse daabsidi, e precedute da unquadriportico della stessadimensione della basilica. _2_L’interno èorganizzato in tre zone, inbase alle diverse funzioni:navate e gallerie per ifedeli, cripta per lereliquie, e coro per imonaci._3_La facciata acapanna a due spioventi èfiancheggiata da duecampanili, presenta dueordini di archidivisi da lesene ecolonnine.APPROFONDIMENTO: LA BASILICA DI SANT’AMBROGIOA MILANO11http://www.visual-italy.it/IT/lombardia/immersiva/?id=8#n332233
  8. 8. I LINGUAGGIDELL’ARTESCULTURAARTEROMANICA Originariamente subordinata all’architettura erausata per decorare gli edifici religiosi (Facciate, Portali,Capitelli, Arredi sacri, Rilegature di testi sacri) Svolgeva una funzione didattica infatti vieneutilizzata per comunicare concetti, raccontare storiesacre, per commuovere e incutere timore (al fedele chemolto spesso è analfabeta) Utilizzava una rappresentazione realistica dellafigura umana (anche se teste e arti risultano molto spessosproporzionati) Le tecniche usate erano il basso e l’alto rilievorifiniti a volte con colori vivaci e ori. Raramente sitrovano sculture a tutto tondo, che si possonoammirare soprattutto nelle deposizioni in legno cheebbero grande diffusione tra il XII e XII sec. per ilbasso costo del materiale e la facile lavorazione. I soggetti erano vari e fantasiosi: Religiosi (Antico e Nuovo Testamento) Profani (Vita quotidiana, alternarsi delle stagioni,segni zodiacali) Floreali o geometrici (matrice classica o bizantina) Bestiario (Mostri, Diavoli, Animali esotici) Maggiori scultori sono Wiligelmo (Duomo di Modena)e Antelami (Duomo di Parma)
  9. 9. WILIGELMO (DUOMO DI MODENA)
  10. 10. I LINGUAGGIDELL’ARTEPITTURAARTEROMANICA Non mostra grosse novità nei modi, negli stili e neicaratteri, rispetto all’arte bizantina della qualeriprende la presentazione frontale dei corpi privi divolume, la prevalenza degli andamenti lineari el’assenza di profondità. Unici elementi di distacco siriscontrano nella resa del movimento e delleespressioni. Utilizzata soprattutto per la decorazione dellepiccole chiese di campagna (pareti, volte, absidi). La tecnica utilizzate era quella dell’affresco,soggetto al deterioramento e alla cancellazione, causadella scarsità di esempi giunti fino a noi.I soggetti erano solitamente religiosi, (Cristo inMaestà o Madonna col Bambino). Si comincia anche adusare la pittura sul legno in modo particolare le crocidipinte.Ciclo di affreschi dellachiesa di San MicheleArcangelo Sant’Angelo inFormis (Capua)

×