Banzi_Interporto Bologna

762 views

Published on

VM05 - Vertical Markets:Fleet
Orario 09.30 – 13.00
Sala 2

SPECIAL
AVL/AVM & FLEET MANAGEMENT

Published in: Business, Technology
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
762
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Banzi_Interporto Bologna

  1. 1. 2 Il piano della mobilità approvato dall’Amministrazione Comunale di Bologna, prevede fra le altre, misure atte a ridurre l’impatto che l’attuale sistema della distribuzione delle merci ha sull’ambiente cittadino: “intende regolamentare a fasce orarie l'accesso alla Z.T.L., alla "T" (e, di conseguenza, alle aree a traffico principalmente pedonale), con modalità via via più restrittive nelle aree a maggior pregio, secondo la logica di favorire la distribuzione”. 14.30-.15.00 .15.00 10.00-10.30 10.30 10.30-11.00 11.00 11.00-11.30 11.30 11.30-12.00 12.00 12.00-12.30 12.30 12.30-13.00 13.00 13.00-13.30 13.30 13.30-14.00 14.00 14.00-14.30 14.30 15.00-15.30 15.30 15.30-16.00 16.00 16.00-16.30 16.30 16.30-17.00 17.00 17.00-17.30 17.30 17.30-18.00 18.00 18.00-18.30 18.30 18.30-19.00 19.00 19.00-19.30 19.30 19.30-20.00 20.00 9.30-10.00 10.00 7.00- 7.30 7.30-8.00 8.00 8.00-8.30 8.30 8.30-9.00 9.00 9.00-9.30 9.30 ZTL contrassegni DSV, DSG, DSI, F, A Veicoli metano/GPL/ZEV Veicoli ECO (DSV, DSI) Veicoli ECO (A, DSG, F) Veicoli Non-ECO Ipotesi delle restrizioni di accesso alla ZTL IL CONTESTO
  2. 2. Gli obiettivi dell’Amministrazione Comunale sono: Riduzione dei mezzi “non ecocompatibili” in entrata nella ZTL Consolidamento dei carichi Le politiche adottate per il raggiungimento di questi obiettivi saranno: 1. INCENTIVAZIONE tramite la creazione di 14 stalli di scarico prenotabili via web 2. DISINCENTIVAZIONE tramite la formulazione di restrizioni di accesso al centro storico 3. CONCERTAZIONE tra i vari operatori logistici operanti sul territorio comunale 4. CREAZIONE di Transit Point esterni muniti di 30 veicoli ecocompatibili 5. PROGETTAZIONE di un sistema Hardware e Software per la gestione, ottimizzazione e controllo delle merci collegato alla centrale di monitoraggio del traffico comunale (SUPERVISORE) e al sistema di prenotazione on line di parcamento. OBIETTIVI
  3. 3. 4 Appalto per: - progettazione, realizzazione, fornitura e avvio di un sistema informatico (piattaforma virtuale) finalizzato a ottimizzare la distribuzione delle merci tramite l’utilizzo di veicoli a basso impatto ambientale e a razionalizzare l’accesso dei mezzi per il trasporto merci nel centro storico di Bologna prestazione principale; 638.333 € - espletamento tramite la piattaforma virtuale dell’attività di gestione della flotta, gestione depositi, ottimizzazione dei carichi e dei viaggi a favore degli operatori del trasporto merci aderenti al progetto per tutta la durata del contratto prestazione secondaria. 526.000 € Le finalità del Contratto
  4. 4. 5 • Piattaforma virtuale per la gestione delle informazioni relative alle merci gravitanti sul territorio locale, in particolare nella ZTL, e provenienti dai diversi attori logistici • 60 OBU (On Board Units) che svolgono le funzioni di comunicazione centrale-veicolo ed il tracciamento del percorso del mezzo • La disponibilità di 30 veicoli ecologici • Transit point per la gestione dei flussi di merci da e per la ZTL • Aree di parcamento all’interno della prima cerchia di mura della città OFFERTA
  5. 5. 6 Durata dell’appalto: triennale. La prestazione principale e il test dovrà essere eseguita entro sei mesi dalla data di stipulazione del contratto, firmato il 28 aprile 2009 La prestazione secondaria prevede due fasi: • Start-up e test, contestuali alla consegna della piattaforma virtuale, attraverso l’utilizzo di un veicolo a basso impatto ambientale e l’impiego a pieno regime della Piattaforma virtuale (al fine di dare sostenibilità a questa fase, sarà indispensabile definire con il Comune di Bologna un quadro di cooperazione che preveda la gestione delle spedizioni che fanno riferimento all’Amministrazione). •Fase di esercizio, in cui avranno avvio le attività di distribuzione delle merci e l’attuazione di quanto previsto relativamente alla prestazione secondaria (messa a disposizione di 30 mezzi a basso impatto ambientale, messa a disposizione del Transit Point e delle aree di parcamento). TEMPISTICHE
  6. 6. 7 parcamento supervisore Piattaforma virtuale TP1 TP2 TPn Operatore 1 Operatore 2 Operatore 2 …… Operatore n L’ARCHITETTURA DELLA SOLUZIONE SW 7
  7. 7. 8 Principali moduli della PIATTAFORMA VIRTUALE 1- portale web a. Inserimento ordini sia per privati che aziende b. Tracciabilità della merce c. Monitoraggio delle flotte d. Visualizzazione del traffico (gestione SUPERVISORE) 2- sistema gestione trasporti a. Gestione ordini e Amministrazione b. Gestione stalli (ATC) c. Ottimizzazione delle rotte e del carico d. Monitoraggio, tracciabilità e navigazione assistita su PDA I MODULI E LE FUNZIONALITA’ 8
  8. 8. 9 I MODULI E LE FUNZIONALITA’: PORTALE WEB 9
  9. 9. 1 0 Registrazione ed Inserimento ordini Modalità: 1- singolo 2- da file ASCII I MODULI E LE FUNZIONALITA’: PORTALE WEB 10
  10. 10. 11 Tracciabilità della merce Modalità: possibilità di visualizzare solo il proprio ordine – DepGiacenza, stato ordine, I MODULI E LE FUNZIONALITA’: PORTALE WEB 11
  11. 11. 1 2 Monitoraggio delle flotte Modalità: possibilità di visualizzare solo il proprio ordine – DepGiacenza, stato ordine, I MODULI: PORTALE WEB 12
  12. 12. 1 3 Ottimizzazione delle rotte e del carico Modalità: Pianificazione con algoritmi genetici del miglior percorso e aggregazione clienti. Rispetto di tutti i vincoli logistici legati ai mezzi, agli ordini e ai depositi. Ottimizzazione dei carichi e possibilità di gestione dei reimpieghi dei mezzi nella stessa giornata I MODULI : SISTEMA GESTIONE TRASPORTI 13
  13. 13. 1 4 Gestione ordini e Amministrazione Modalità: Integrazione dei dati da più aziende tramiteportale WEB, via FTP con interfacce standard e personalizzate I MODULI : SISTEMA GESTIONE TRASPORTI 14
  14. 14. 1 5 Monitoraggio, tracciabilità e navigazione assistita Modalità: Ricezione automatica dei viaggi pianificati, messaggi di allert, comunicazioni bidirezionali ordini urgenti, TMC, gestione degli ordini di ritiro e consegna tramite barcode I MODULI : SISTEMA GESTIONE TRASPORTI 15
  15. 15. 16 Dall’indagine che ha dato vita al bando del Comune di Bologna per lo sviluppo del progetto Van Sharing, nel 2004: • 941 servizi effettuati da veicoli CT/Diesel in un giorno feriale in ZTL Efficienza prevista del Van Sharing a pieno regime con l’utilizzo di 30 mezzi ECO, l’ottimizzazione dei carichi e dei viaggi: • Risparmio di 570 ingressi/giorno pari a 142.500 ingressi/anno in meno Con un risparmio in termini di km percorsi in ZTL di 1.860.00 km/anno, per un totale di 7.627 tonn di CO2 in meno (calcolato su www.cabonify.com) Efficienza del sistema di distribuzione urbana
  16. 16. 1 7 L’operatività della struttura Van-Sharing sarà garantita attraverso l’utilizzo di mezzi a bassa emissione e si baserà sull’utilizzo sinergico/integrato di due soluzioni operative: 1. la prima, configurata sulla base dell’utilizzo della Piattaforma Virtuale, consentirà la gestione ottimizzata all’interno della ZTL degli ordini relativi ai ritiri ed alle consegne programmate e/o immediate (JIT – Just In Time); 2. la seconda, configurata sulla base dell’utilizzo dei Transit Point fisici che hanno lo scopo di essere punti di stoccaggio/Hub sia per i colli ritirati nella ZTL ed in consegna all’esterno del bacino di influenza e viceversa, sia per quei flussi che hanno origine al di fuori del territorio comunale/regionale che interessano la ZTL. CONCLUSIONI
  17. 17. GRAZIE DELL’ATTENZIONE www.vansharing.net info@vansharing.net

×