Le Anomalie Bancarie & Finanziarie: Anatocismo ed Usura-Intervento dott. Giuseppe A. ROMEO

3,724 views

Published on

Descrizione dei fenomeni dell'Anatocismo e dell'Usura Bancaria

Published in: Economy & Finance
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
3,724
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
113
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le Anomalie Bancarie & Finanziarie: Anatocismo ed Usura-Intervento dott. Giuseppe A. ROMEO

  1. 1. “Usura Bancaria e Anatocismo” Associazione Giovani Avvocati “Giuseppe Napoli” Bitonto , 18 Aprile 2013 Giuseppe Antonino ROMEO © Senior Family Advisor © Allianz Risk Manager Consulente/Formatore per gli Intermediari Bancari Assicurativi e Finanziari Studio di Consulenza GARCONSULTING &
  2. 2. Introduzione L‘anatocismo e l'usura bancaria sono le due principali forme di anomalie finanziarie che colpiscono i Conti Correnti Bancari, ai quali sono collegati fidi/affidamenti/mutui ,etc… Si tratta di due fenomeni diversi tra loro e molto rilevanti che, talvolta, possono “incrociarsi” ed “interconnettersi” tra loro. Risulta sempre fondamentale, comunque, distinguere con chiarezza, innanzitutto, i due fenomeni dell’ ANATOCISMO e dell’USURA.
  3. 3. L’art. 1283 del Codice Civile IL DIVIETO DI ANATOCISMO “In mancanza di usi contrari (*), gli interessi scaduti possono produrre interessi (*) solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi”. --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- L’anatocismo, dunque, è consentito dall’ordinamento solo in tre ipotesi. Anzitutto, sulla base di un accordo fra le parti (anatocismo convenzionale) che sia successivo alla scadenza degli interessi e con riferimento a interessi dovuti per almeno sei mesi. In secondo luogo, l’anatocismo è consentito in presenza di una domanda giudiziale successiva alla scadenza degli interessi e anch’essa riferita agli interessi dovuti per almeno sei mesi (anatocismo giudiziale). In terzo luogo, l’anatocismo si configura in presenza di un uso (normativo) contrario (anatocismo usuale), in grado di derogare alla suddetta disciplina. (*) La frase in mancanza di usi contrari significa che eventuali prassi possono derogare a questa norma, rendendo di fatto possibile la capitalizzazione degli interessi. ( ad es. i cd.tti “usi normativi”). E proprio sulla base della presunta esistenza di “usi contrari” è stato consentito alle Banche di pretendere il pagamento degli interessi anatocistici, in virtù di clausole contenute nei contratti di conto corrente che si è ritenuto potessero derogare al divieto di cui all’art.1283 C.C.
  4. 4. L’art. 1283 del Codice Civile IL DIVIETO DI ANATOCISMO “In mancanza di usi contrari , gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi” ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- La Cassazione, dopo aver riconosciuto in un primo tempo la ricorrenza di un uso normativo che legittimava la capitalizzazione trimestrale degli interessi sui conti debitori, ha mutato radicalmente indirizzo con due sentenze epocali del 1999 (Cass., Sentenze 16 Marzo 1999, n. 2374 e 30 Marzo 1999 n 3096). Pochi mesi dopo la suddetta svolta giurisprudenziale, nel tentativo di regolare la materia, il legislatore è intervenuto con D.Lgs. n. 342/1999 (art. 25), sancendo la validità e l’efficacia delle clausole relative alla produzione di interessi su interessi contenute nei contratti stipulati anteriormente ed affidando ad una successiva delibera (del. CICR del 09/02/2000, entrata in vigore il 22 Aprile del 2000) il compito di definirne modalità e criteri di calcolo. Ecco perché il D.Lgs n.342, che ha salvato le Banche dal restituire gli interessi anatocistici pagati dai Clienti precedentemente alle sentenze del ’99, è stato chiamato come “Decreto salva-interessi”. La Corte Costituzionale, tuttavia, con la Sentenza del 17 ottobre 2000, n. 425, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 25 del D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 342. La declaratoria di incostituzionalità ha avuto l’effetto di escludere che tale disposizione potesse trovare applicazione con riguardo ai contratti bancari di conto corrente stipulati prima dell’entrata in vigore dello stesso D.Lgs. n. 342/1999.
  5. 5. L’art. 1283 del Codice Civile IL DIVIETO DI ANATOCISMO “In mancanza di usi contrari (*), gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti almeno per sei mesi”. -------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Le clausole di capitalizzazione trimestrale degli interessi configurano violazione del divieto di anatocismo di cui all’articolo 1283 c.c., non rinvenendosi l’esistenza di usi normativi che soli potrebbero derogare al divieto imposto dalla suddetta norma, neppure nei periodi anteriori al mutamento giurisprudenziale in proposito avvenuto nel 1999, non essendo idonea la contraria interpretazione giurisprudenziale seguita fino ad allora a conferire efficacia di “uso normativo” a una mera prassi negoziale che si è poi dimostrata essere contra legem ( Sentenza Cass. Sez. Unite del 4 Novembre 2004, n. 21095 ) Le clausole anatocistiche vengono ricondotte tra le clausole vessatorie ai sensi degli artt.1469 bis e ss. del C.C.. e come tali inefficaci , con il conseguente diritto per i clienti di pretendere il rimborso delle spese pagate indebitamente (ndr, e con la scontata opposizione delle banche alle richieste di restituzione operate dai clienti!). Per quanto riguarda il computo trimestrale degli interessi a debito del cliente ed il conseguente addebito avvenuto prima del 22/Aprile/2000 (vedi del. CICR attuativa dell’art.120, comma 2° TUB) il cliente può quindi chiederne legittimamente la restituzione, nel rispetto del termine prescrizionale ordinario (10 anni) che inizia a decorrere dal momento in cui il cliente comincia a corrispondere interessi superiori a quelli dovuti durante il rapporto di C/C/C/. La prescrizione decorre da ciascun addebito effettuato con la chiusura trimestrale del conto. (cfr. qui ,più avanti)
  6. 6. La consistenza dell’anomalia Per verificare, comunque, la consistenza di una e/o dell’altra (o di entrambe) anomalia finanziaria occorre controllare il contratto di conto corrente, gli estratti conto scalari , e naturalmente il fido accordato dalla Banca. Tuttavia, prima di fornire una sorta di check- list che rappresenti tutti gli elementi da verificare in un contratto di C/C/C – ad es. prima di effettuare una perizia per anatocismo e usura- è molto utile chiarire una serie di concetti matematico-finanziari, che costituiscono il fondamento stesso di queste anomalie.
  7. 7. Aspetti di Matematica Finanziaria
  8. 8. Interesse e Tasso d’interesse Il calcolo finanziario è utilizzato per rendere omogenei tra loro valori che si verificano in epoche diverse. L’interesse è il “prezzo d’uso del capitale”. Il tasso (o saggio) d’interesse è…. il rendimento dell’unità di moneta nell’unità di tempo (ndr: cioè quanto rende, ad es., un euro impiegato/investito in un anno) Il tempo, infatti, è un elemento decisivo per la “capitalizzazione” (ndr, semplice e/o composta degli interessi ed il loro diverso ammontare).
  9. 9. L’interesse Semplice L'interesse viene detto semplice quando gli interessi che maturano su un dato capitale in un certo tempo non si trasformano essi stessi in capitale, quindi non generano a loro volta interessi. Formula: I = Co* i * t Si utilizza solitamente per investimenti / impieghi che hanno durata minore o uguale ad un anno. ------------------------------------------------------------------------------------------------------ Legenda: I = ammontare dell’interesse Co = Valore del capitale iniziale i = saggio o tasso d'interesse, viene espresso generalmente in termini % t = tempo d'impiego del capitale, può essere espresso in gg/360; gg/365, in mesi/12.
  10. 10. Montante Semplice Rappresenta la somma tra il valore del capitale iniziale e dei relativi interessi maturati in un certo periodo di tempo: M = Co + I  M = C o + Co * i * t M = Co * (1 + i * t) ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------- Legenda: M = montante di un capitale I = ammontare dell’interesse Co = Valore del capitale iniziale i = saggio o tasso d'interesse, viene espresso generalmente in termini % t = tempo d'impiego del capitale, può essere espresso in gg/360; gg/365, in mm/12.
  11. 11. M =C+I M: Montante C: Capitale Iniziale I: Interesse
  12. 12. LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE M =C + I L’ Interesse è dato dalla formula: I =C ⋅i ⋅t
  13. 13. LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE M =C+I L’ Interesse è dato dalla formula: I = C ⋅i ⋅t INTERESSE = CAPITALE X TASSO X TEMPO
  14. 14. LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE Quindi : M = C + (C ⋅ i ⋅ t ) C: capitale iniziale i: tasso di interesse unitario( espresso in termini %) t: tempo I = C ⋅i ⋅t
  15. 15. L’Interesse ed il Montante SEMPLICE Decidiamo di investire un capitale di € 1000 al tasso del 5% annuo. Alla fine di ogni anno riscuotiamo un interesse: Oggi: Al termine del 1° anno: Al termine del 2° anno: Al termine del 3° anno: € 1000 (Capitale) + 50 (Interesse) + 50 + 50 (Interesse) = 1050 (Montante) =1100 (Montante) =1150 (Montante) (Interesse)
  16. 16. LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE M = C + (C ⋅ i ⋅ t ) Il capitale impegnato cresce con legge lineare al variare del periodo di impiego.
  17. 17. Distribuzione lineare del Montante Semplice Montante 1.150 1.100 1.050 1.000 0 1 2 3 Anni
  18. 18. LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE COMPOSTA La capitalizzazione è detta composta quando gli interessi maturati alla fine di ogni periodo vengono ricapitalizzati nei periodi successivi (sommati a fine periodo al Capitale divengono“Base di Calcolo” per la produzione dei nuovi interessi). In tal caso si dice che gli interessi sono fruttiferi. fruttiferi
  19. 19. L’ Interesse ed il Montante Composto Decidiamo di investire un Capitale di 1000 € al tasso del 5% annuo. Alla fine di ogni anno il Montante si sarà incrementato così: oggi: 1000 (Capitale) Al termine del 1° anno: Al termine del 2° anno: Al termine del 3° anno: 1000 (Capitale) 1050 (Capitale) 1102,50 (Capitale) + 50 (Interesse) + 52,50 (Interesse) + 55,13 (Interesse) = 1050 (Montante) = 1102,50 (Montante) = 1157,63 (Montante)
  20. 20. MONTANTE COMPOSTO M = C(1 + i ) dove t è il tempo/periodo di impiego t
  21. 21. La CURVA del MONTANTE COMPOSTO Montante 0 1 2 3 Anni
  22. 22. LEGGE DI CAPITALIZZAZIONE COMPOSTA M = C( 1 + i ) t Il Capitale impiegato cresce con legge esponenziale al variare del periodo di impiego.
  23. 23. La distribuzione del Montante Semplice e del Montante Composto Montante Montante Composto Montante Semplice 0 1 2 3 Anni All’ aumentare del tempo il Montante Composto aumenta più rapidamente rispetto al Montante semplice. semplice
  24. 24. Regimi di capitalizzazione C : capitale nozionale (es. 10.000€) i : tasso di interesse annuo (es. 2%) Dopo 1 anno: Dopo t anni: montante = C + Ci = C (1 + i ) montante = C (1 + i ) t CAPITALIZZAZIONE SEMPLICE CAPITALIZZAZIONE COMPOSTA Ricapitalizzando n volte all’anno:  i montante = C  1 +   c nt CAPITALIZZAZIONE FRAZIONATA & COMPOSTA
  25. 25. Interesse composto: caratteri L'interesse si dice composto quando gli interessi maturati su un capitale in un certo tempo si sommano al capitale che li ha prodotti, generando, a loro volta, degli interessi. L'interesse composto si può distinguere in: A) Interesse composto discontinuo annuo: gli interessi si sommano al capitale che li ha prodotti alla fine di ogni anno; B) Interesse composto convertibile: gli interessi si sommano al capitale che li ha prodotti alla fine di ogni periodo considerato (semestralmente, trimestralmente, ecc. ecc.); C) Interesse composto continuo o matematico: ad ogni istante gli interessi si sommano al capitale che li ha prodotti (ndr, ha utilità solo Teorica).
  26. 26. Accumulazione a fine anno di Rate Infrannuali (mensili, bimestrali, ecc.) Rappresenta la sommatoria riferita a fine anno dei Montanti di rate che si manifestano con regolarità (ad esempio rate di Mutuo) e che possono essere anticipate o posticipate rispetto al periodo di riferimento. Per tale operazione si utilizza la seguente formula: n± 1 Σ M = R * (n + i -----------) 2 -----------------------------------------------------------------------------------------Legenda: ∑M = sommatoria a fine anno dei montanti di rate infrannuali R = ammontare della singola rata n = numero delle rate i = tasso d'interesse, viene espresso generalmente in termini % +1 = se la rata è anticipata -1 = se la rata è posticipata
  27. 27. USURA BANCARIA E TASSI QUANTO COSTA IL DENARO? ECCO LE PRINCIPALI TIPOLOGIE DI TASSI DI INTERESSE ( di cui occorre tener conto ai fini del verificarsi del fenomeno USURA )
  28. 28. Valore Attuale(Sconto) e Montante(Capitalizzazione) Per il calcolo del T.A.E.G. è necessario introdurre un nuovo concetto che è rappresentato dal "valore finanziario del tempo" Ad un esempio: un'azienda vanta un credito di € 100.000 Prima Ipotesi : esigibile immediatamente Seconda Ipotesi :esigibile tra un anno Per ottenerne la immediata disponibilità, potrà cederlo contro pagamento di un Tasso di Sconto del 10%, realizzando la somma di € 90.000 (100.000 -10.000) che rappresenta il Volendo concedere al debitore una dilazione di 1 anno, potrà pretendere un Tasso di Interesse pari al 10%, realizzando, così, a scadenza € 110.000 (100.000 + 10.000) che rappresenta il VALORE ATTUALE MONTANTE
  29. 29. Uno dei principali problemi di un soggetto economico è rappresentato dalla necessità di determinare il reale ed effettivo costo del denaro per questo è necessario conoscere la differenza che corre fra T.A.N. T.A.E.G Tasso Annuo Nominale Tasso Annuo Effettivo Globale Tasso di Interesse espresso in percentuale sul credito concesso al cliente a differenza del TAN, il TAEG tiene conto, oltre alla struttura del rimborso finanziario ,delle spese accessorie obbligatorie inerenti il finanziamento, quali ad esempio le assicurazioni obbligatorie, le spese di istruttoria della pratica e le commissioni d'incasso. (per i mutui si chiama ISC) La legge stabilisce che, a garanzia del consumatore, gli annunci pubblicitari e le offerte effettuati con qualsiasi mezzo, devono indicare anche il TAEG ed il relativo periodo di validità delle promozioni stesse. Il TAEG (o ISC) sono fissati per legge : Il calcolo del TAEG, (e/o dell’ISC), non è molto facile, anche se si tratta di trovare quel tasso di interesse che rende uguali la somma del credito concesso al cliente, con la somma complessiva che il cliente dovrà rimborsare alla scadenza.
  30. 30. Il Calcolo del TAEG -1- Il T.A.E.G. (Tasso Annuo Effettivo Globale) si pone l'obiettivo di rappresentare nel modo più completo ed esatto possibile il costo di un finanziamento. L'Indice Sintetico di Costo ( I.S.C.)- che si adotta per i contratti di Mutuo- è conosciuto anche come Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) e rappresenta l'indicatore del tasso di interesse di un'operazione di finanziamento. Il suo calcolo avviene in percentuale ed indica il costo effettivo del finanziamento stesso. Il calcolo del TAEG/ISC sta nel scorgere quel tasso di interesse che rende uguali la somma del credito elargito al cliente, con la somma che il cliente stesso dovrà rimborsare. Lo scopo è consegnare al cliente un unico indicatore di interesse che comprende tutte le spese accessorie ed il grande vantaggio della conoscenza del TAEG è il suo utilizzo ai fini comparativi. I parametri che specificano il TAEG o l’Indice Sintetico di Costo sono stabiliti dalla legge.
  31. 31. Il Calcolo del TAEG -2Rientrano nel calcolo del TAEG tutte le spese accessorie obbligatorie inerenti all'atto del finanziamento, ovvero:  spese di istruttoria della pratica  commissioni d'incasso  assicurazioni obbligatorie Non rientrano nei parametri che incidono sul TAEG: 1)bolli statali 2)tasse 3)assicurazioni non obbligatorie All'interno del TAEG non sempre si sono fatte rientrare le Commissioni di Massimo Scoperto, nel momento in cui le banche ne prevedano l'esistenza. Queste commissioni rappresentano comunque un costo per il cliente e fanno salire il prezzo del finanziamento. Le Commissioni di Massimo Scoperto non sono componenti né prevedibili né conoscibili a priori. Questa modalità di pagamento non dovrebbe avvenire in quanto si dà per scontato che il cliente metta sempre a disposizione la cifra in cc per il pagamento.
  32. 32. Le nuove Commissioni su fidi e scoperti in conto La commissione di massimo scoperto, altro non è che la commissione che le banche chiedono ai propri clienti quando viene superata la somma massima accordata nel caso ci sia uno “scoperto del conto”. Se il conto è “in rosso”, di solito la banca fornisce ai clienti una somma per così dire di emergenza. Questa somma sarà disponibile per coprire eventuali pagamenti, è un vero e proprio fido, che se superato genera la commissione di massimo scoperto. La commissione viene applicata quando vi è quella che viene definita “massima passività”. Dal 1° luglio 2012 sono entrate in vigore le nuove norme sulla Commissione di Massimo Scoperto, o meglio sulle commissioni bancarie su fidi e scoperti in conto corrente. Le nuove disposizioni erano già in vigore dal 1° luglio 2011, con applicazione solo ai nuovi contratti. Dal 1° Ottobre 2012 queste disposizioni si estenderanno a tutti i contratti in essere a quella data. La norma ha stabilito che sulle linee di credito (affidamenti) può essere applicata solo una commissione e in misura proporzionale rispetto alla somma messa a disposizione e alla durata dell'affidamento. Non vengono però fissate delle quote ma solo un tetto massimo pari allo 0,5% per trimestre della somma utilizzabile, limite a cui molte banche si sono adeguate. La spesa viene addebitata quindi per tutto il trimestre indipendentemente dall'utilizzo o meno del fido. Deve essere comunque applicata solo una commissione, per evitare la proliferazioni di costi, oneri e commissioni anche se chiamati in modo diverso da CMS( ad es, commissione messa a disposizione fondi, commissione istruttoria urgente, penale di sconfino, recupero spese gestione fido etc)
  33. 33. Le nuove commissioni su fidi e scoperti in conto In caso di sconfino sul conto corrente (sia in presenza che in assenza di fido) è prevista una commissione di istruttoria veloce fissa. Anche in questo caso non sono fissati importi ma semplicemente una linea di principio: non può eccedere i costi mediamente sostenuti dalla banca. Un’importante novità è che nessuna spesa è dovuta in caso di sconfinamento solo sul saldo per valuta (e neppure si pagano gli interessi passivi). Era infatti frequente ritrovarsi contabilmente in positivo ma in rosso a causa di un accredito posticipato per valuta (es. assegno depositato con valuta a 3 giorni). Altra importante novità è che ora in caso di sconfinamento (con o senza fido) non si paga alcuna commissione se lo scoperto è inferiore o pari a 500 euro e per non più di sette giorni consecutivi. Attenzione però che questa esenzione è concessa soltanto una volta a trimestre. Tuttavia la riformulazione avvenuta nel 2009 e perfezionatasi nel 2012 delle Commissioni di Massimo Scoperto su Fidi e Scoperti in Conto, lascia irrisolti tutta una serie di dubbi
  34. 34. I punti critici della nuova disciplina della CMS 1. La nuova disciplina ha sancito la validità della commissione 2. 3. 4. 5. di massimo scoperto? Per “utilizzi in assenza di fido” si intende anche lo “sconfinamento”, o “extrafido”? La commissione di massimo scoperto applicata in ipotesi di saldo debitorio per un periodo inferiore ai trenta giorni è effettivamente nulla? Il diritto di recedere assegnato al cliente ha per oggetto il “patto” o il “contratto” con cui si mette a disposizione la somma? La nullità per superamento della soglia del 0,5% ha per oggetto il patto o l’eccedenza?
  35. 35. Un esempio concreto Confrontando il TAEG di due mutui si acquisisce immediatamente l'idea di quale costi di più e di quanto. Vediamo allora come differisce dal Tasso Annuo Nominale, con cui abbiamo tutti più confidenza. Nelle considerazioni sui tassi è consuetudine misurare la spesa annua in interessi. Un costo di 50 Euro su un finanziamento di 1.000 Euro rimborsato dopo un anno vuol dire pagare il 5%. Ciò corrisponde al Tasso Annuo Nominale (T.A.N.) del prestito. Nella sua semplicità questa considerazione non tiene conto di due elementi complementari e non trascurabili: 1. Il tipo di rimborso 2. Le spese dell'operazione
  36. 36. 1. Il tipo di rimborso Il metodo di ammortamento usato abitualmente per mutui e prestiti (francese a rata costante) prevede che il pagamento dell'interesse non avvenga una volta sola a fine anno, ma risulti caricato su ogni rata. Con pagamenti frazionati nell'anno, il più delle volte mensili, ciò rappresenta un piccolo vantaggio per il finanziatore, che comincia ad incassare gli interessi in anticipo. Il fenomeno lascia insensibile il Tasso Nominale mentre viene recepito dal Tasso Effettivo. La differenza tra Tasso Nominale ed Effettivo si incrementa con l'aumentare del tasso e con il crescere del numero di rate annue. ESEMPIO: Consideriamo un prestito al Tasso Nominale del 5% annuo. Se il pagamento avviene semestralmente (2 rate all'anno) il Tasso Effettivo sarà pari al 5,06%. Con il pagamento mensile (12 rate annue) ammonterà al 5,12%. Invece un Tasso Nominale del 20%, regolato con pagamento mensile aumenterà fino al 21,9%, con una differenza di quasi due punti rispetto al Tasso Nominale. Nella sua volontà di rappresentare fedelmente il costo del finanziamento, il T.A.E.G. disdegna il Tasso Nominale per prendere in considerazione il più autorevole “Tasso Effettivo”.
  37. 37. 2. Le spese dell’operazione Obiettivo dichiarato del TAEG è quello di ricomprendere gli effetti di tutte le spese obbligatorie ai fini di apertura e pagamento del finanziamento. Per conseguire questo obiettivo si ipotizza che i costi iniziali riducano il capitale prestato e che le spese periodiche aumentino la rata : il calcolo del TAEG viene effettuato dopo avere apportato tali correttivi ai numeri dell'operazione. ESEMPIO: un mutuo decennale di € 100.000 al 5% (1.061 Euro mensili) privo di spese di apertura o di gestione avrebbe un TAEG coincidente con il suo Tasso Effettivo, cioè 5,12%. Qualora invece la banca richiedesse € 800 di spese iniziali ciò corrisponderà in pratica a ricevere un finanziamento ridotto a € 99.200 (100.000 - 800). Se poi tutti i mesi dovrò pagare 3 € per la polizza incendio e 2 € di spese di incasso, incasso sarà come sopportare una rata maggiorata di 5 €: il TAEG farà perciò i suoi conti considerando il Capitale di € 99.200 ed una rata mensile pari a € 1.066 Euro (€ 1.061 + 5 € di spese). Risultato: TAEG = 5,41%, ovvero il tasso effettivo di un mutuo decennale di € 99.200 rimborsato con una rata mensile di € 1.066. In pratica sarà come avere azzerato tutti i costi del finanziamento avendoli tramutati in interessi : pertanto paragonare i TAEG corrisponde idealmente a confrontare diversi finanziamenti a spese zero.
  38. 38. Il TEGM ed il suo rapporto con il Tasso di Usura (cfr. tabella Tassi 2° Trim. 2013) TASSO (ANNUO) EFFETIVO GLOBALE MEDIO indica il tasso medio per una determinata operazione ed è pubblicato ogni trimestre dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. Tale valore serve per verificare che il tasso d’interesse applicato al nostro finanziamento, mutui inclusi, non sia oltre i limiti di usura. Per stabilire se il tasso di interesse è oltre i limiti di legge bisogna rifarsi al decreto legge del 13 maggio 2011, n. 70, c.d. ‘decreto sviluppo’, pubblicato sulla G.U. del 13 maggio 2011, n.110, che ha disposto la modifica del metodo di calcolo del “tasso soglia” o “tasso di usura”, come precedentemente disciplinato dall’articolo 2, comma 4, della legge 108/1996. L’Art. 8, comma d, del 1°decreto sviluppo stabilisce che dal giorno di entrata in vigore di tale decreto legge (14 maggio 2011) la soglia di usura è calcolata aumentando il tasso medio (TEGM) di un quarto ( e non della metà, come il vecchio disposto dell’art. 2 L 108/’96) cui si aggiunge un margine fisso di ulteriori quattro punti percentuali, ottenendosi così il “tasso soglia”. In ogni caso la differenza tra il limite e il tasso medio non può essere superiore a otto punti percentuali. Se il tasso di interesse applicato al finanziamento è superiore al risultato del calcolo descritto, allora il valore è oltre i limiti di usura.
  39. 39. La valutazione peritale
  40. 40. L’accertamento del Tasso di Usura Art. 1 comma 1, L. 108/96“: … per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito.” Quindi il ricalcolo avviene utilizzando tutti i costi applicati dalla banca ad esclusione delle imposte (quali imposta di bollo). Quindi: (interessi + commissioni massimo scoperto + spese) x 365 In questo modo si ottiene il TAN (Tasso Annuale Nominale) a questo punto è importante calcolare il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) che partendo dal TAN e tenendo conto della capitalizzazione trimestrale degli interessi evidenzia il reale tasso (corrispettivo) applicato dalla banca nel rapporto di conto corrente. Ecco quindi la generazione dell’usura: si ha quando il TAEG è superiore al tasso soglia (denominato TEGM Tasso Effettivo Globale Medio). A questo punto il comma 3 dell’art. 644 del Codice Penale interviene ponendo un secondo limite. E cioè se il TAEG è superiore al tasso soglia (TEGM) + 25% + 4 punti, allora l’usura gli interessi sono sempre considerati usura oggettiva, aggravando quindi la posizione della banca che li ha applicati.
  41. 41. Il T.A.E.G. - Tasso ANNUO Effettivo Globale : Legge 7 marzo 1996 n. 108 (disposizioni in materia di usura) La Legge 7 marzo 1996 n. 108 stabilisce: “il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari”, e a tal proposito dispone[1] che: “II Ministro del Tesoro, sentiti la Banca d'Italia e l'Ufficio Italiano dei Cambi, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio, comprensivo di commissioni, di remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari nel corso del trimestre precedente per operazioni della stessa natura. I valori medi derivanti da tale rilevazione, corretti in ragione delle eventuali variazioni del tasso ufficiale di sconto successive al trimestre di riferimento, sono pubblicati senza ritardo nella Gazzetta Ufficiale”. ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------[1] Art. 1. Legge 7 marzo 1996 n. 108: “L'art. 644 del C.P. è sostituito dal seguente: ( Usura ). “Chiunque,(…), si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da lire seimilioni a lire trenta milioni. (….) Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del credito”.
  42. 42. Il Calcolo del TAEG secondo la Banca d’Italia T.A.E.G. = Interessi * 36500 Numeri Debitori Dove: + Oneri* 100 Accordato Interessi: “sono dati dalle competenze di pertinenza del trimestre di riferimento (….) Numeri Debitori: Numeri debitori/creditori: È il conteggio che precede il calcolo degli interessi. I saldi raggruppati per valuta vengono moltiplicati per i giorni e divisi per 10.000. A seconda che il saldo sia passivo o attivo, si avranno numeri debitori o creditori . Accordato: “si intende il limite massimo del credito concesso dall'intermediario (….)Il fido accordato da prendere in considerazione è quello al termine del periodo di riferimento”. Oneri: “commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate all'erogazione del credito. In particolare, sono inclusi: 1) le spese di istruttoria e di revisione del finanziamento; 2) le spese di chiusura della pratica; le spese di chiusura o di liquidazione addebitate con cadenza periodica, in quanto diverse da quelle per tenuta conto, rientrano tra quelle incluse nel calcolo del tasso; Dal computo del TAEG, dunque, sono sempre escluse le Imposte e Tasse.
  43. 43. TAEG , CMS, Criteri del Giudice e CTU T.A.E.G. = Interessi * 36500 Numeri Debitori + Oneri* 100 Accordato Non pare costantemente univoca , invece, la esclusione della CMS (ndr, la commissione di massimo scoperto) E’ importante sottolineare che in assenza di una chiara enunciazione del criterio da adottare per calcolare il T.A.E.G. (ndr: in particolare sulla necessità di considerare o meno la Commissione di Massimo Scoperto) nonché di un univoco orientamento giurisprudenziale, il C.T.U. è costretto ad evidenziare due ipotesi: 1. nella prima ipotesi si compara il risultato del T.A.E.G. con l’aggiunta della C.M.S. “commissioni, delle remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse“; 2. nella seconda ipotesi si compara il solo calcolo richiamato dalle Istruzioni della Banca d’Italia (con esclusione della C.M.S. e delle spese relative alle operazioni , con il riconoscimento delle Rimborso delle Spese per tenuta conto e delle operazioni). Sarebbe auspicabile che il Giudice Istruttore indicasse al C.T.U. quale criterio adottare ed in modo particolare se si devono considerare nella voce “ ONERI” tutte le Spese Rimborsate a qualsiasi titolo e la commissione di massimo scoperto.
  44. 44. L’individuazione degli importi recuperabili Per individuare l’ammontare dell’importo recuperabile, bisogna eseguire un’analisi preventiva relativa a: 1)Calcolo degli interessi anatocistici, 2)Calcolo degli interessi ultralegali 3)Calcolo dell’eventuale superamento dei Tassi Soglia. A seguito del risultato dell’analisi preventiva, il Cliente decide se e come procedere nell’azione verso la Banca. Il Cliente viene supportato in questa delicata decisione, fornendogli tutti gli elementi necessari – aspetti legali, stima di convenienza tra costi e rimborsi, etc - per una corretta valutazione, partendo sempre dal “PRINCIPIO DI CONVENIENZA PER IL CLIENTE”.
  45. 45. Il Principio di Convenienza per il Cliente L’analisi specifica dei conti correnti può aiutare a trattare preventivamente con la Banca in situazioni critiche o facilitare una transazione o accedere a servizi bancari a condizioni migliori, garantendo una forza contrattuale nei confronti della Banca. Con l'analisi per il calcolo dell'anatocismo e di tutto quello che ne consegue si potrà fornire il minimo e il massimo di quanto la Banca dovrà restituire così da avere un valido strumento utile per:  comprendere le ragioni e i numeri per negoziare eventuali piani di rientro;  comprendere le ragioni e i numeri per rinegoziare le condizioni contrattuali;  avere un quadro di quanto potrebbe rientrare nelle risorse finanziarie dell'Azienda;  comprendere le ragioni per richiedere nell'imminenza quanto spetta all'Azienda.  comprendere le ragioni e i numeri per affrontare procedure concorsuali;  comprendere le ragioni e i numeri per le curatele fallimentari;  comprendere le ragioni e i numeri per ottenere revoche di istanze fallimentari, avanzate da Banche;  comprendere le ragioni e i numeri per ottenere la sospensione della provvisoria esecutività dei decreti ingiuntivi, avanzati da Banche;
  46. 46. Termini prescrizionali per la “ripetizione d’indebito” Ricordiamo che possono inoltrare domanda tutti i correntisti - sia persone fisiche che giuridiche - che, avendo avuto scoperture di conto corrente (saldo negativo), hanno pagato interessi trimestrali alle banche. La domanda interrompe i termini prescrizionali. Qualora la banca non dovesse rispondere entro 10 giorni o rispondere negativamente, il correntista può rivolgersi al Giudice di Pace per importi sino a €.5.000.000 o presentare domanda davanti al Tribunale competente. Si distinguono 3 ipotesi: A) se il conto corrente è ancora acceso: il termine a partire dal quale inizia il diritto alla ripetizione dell’indebito, coincide con la data di apertura del conto corrente, a partire dalla prima operazione effettuata sul conto, fino alla data odierna; B) se il conto corrente è stato chiuso, ma non sono ancora trascorsi dieci anni dalla data di chiusura : il termine a partire dal quale inizia il diritto alla ripetizione dell’indebito, coincide con la data di apertura del conto corrente, a partire dalla prima operazione effettuata sul conto, fino alla data di chiusura del conto; C) se il conto corrente è stato chiuso da dieci anni o oltre, il diritto alla ripetizione dell’indebito si é prescritto, dunque nulla potrà essere richiesto alla Banca a titolo di rimborso per gli interessi anatocistici; (segue riproduzione del Modulo di Domanda per la restituzione)
  47. 47. “Usura Bancaria e Anatocismo” Grazie per la vostra attenzione !! Giuseppe Antonino ROMEO © Senior Family Advisor © Allianz Risk Manager Consulente/Formatore per gli Intermediari Bancari Assicurativi e Finanziari Studio di Consulenza GARCONSULTING & ASSOCIATI E-mail: garconsulting@alice.it - Tel. 347. 97 20 363

×